15.08.2013 Views

Fresh Point Magazine - B2B24 - Il Sole 24 Ore

Fresh Point Magazine - B2B24 - Il Sole 24 Ore

Fresh Point Magazine - B2B24 - Il Sole 24 Ore

SHOW MORE
SHOW LESS

You also want an ePaper? Increase the reach of your titles

YUMPU automatically turns print PDFs into web optimized ePapers that Google loves.

Mensile – Poste Italiane S.p.A. – sped. A.P. – D.L. 353/2003 conv. L. 46/2004, art.1.c.1: DCB Forlì

Anno III

NOV 11 NOV11

Monthly/Mensile

IL SOLE 24 ORE SPA

by Ortofrutta Italiana

www.freshpointmagazine.it

E. coli, commistion

problem

E.coli, un problema

di commistione

California local

products

Prodotti locali

californiani

Tomato, Euro-Med

figures

Pomodoro, statistiche

Euro-Med

Table grapes, apples,

mini-kiwi, oranges

Uva da tavola, mele,

mini-kiwi, arance

Isr: consumer trends,

merchandising,

Unes-Ortofin

Gdo: tendenze consumo,

merchandising, Unes-

Ortofin

the buyer’s magazine / la rivista del buyer


heading/rubriche

3

4

75

76

SUMMARY

SOMMARIO

11 NOVEMBER/NOVEMBRE 11

editorial/editoriale

news/news

events/appuntamenti

commercial news/le aziende informano

16 market/mercato

16 E. coli food scare a communication problem

Crisi alimentare da Escherichia un problema di comunicazione

Lorenzo Pasquinelli

20 Fresh&local, California promotes its produce

Freschi e locali, la California promuove i prodotti del territorio

Eleonora Morganti

24 Gf, banana and pineapple under its trademark

Gf, banane e ananas a marchio proprio

Duccio Caccioni

26 Table tomato, a market of expanding boundaries

Pomodoro da mensa, un mercato dai confini sempre più ampi

Mario Schiano lo Moriello

30 Table grape between hammer and tongs

Uva da tavola fra incudine e martello

Giuseppe Francesco Sportelli

36 product/prodotto

36 Melavì, integrated production of small growers

Melavì, la lotta integrata di piccoli produttori

Carlo Bridi

40 Half of Europe’s organic apples come from Alto Adige

Mele biologiche in Europa, la metà è targata Alto Adige

Carlo Bridi

46 A new snack food: mini-kiwis

Il mini-kiwi diventa snack

Giulia Giovanelli

48 Sweet and yellow, Riberella the gourmet’s orange

Dolce e bionda, Riberella l’arancia da gourmet

Duccio Caccioni


51 isr/gdo

51 Top quality & broad range of items, the only way to learn

consumer preference

Top di gamma e ampia scelta di referenze, solo così si impara

a conoscere il cliente

Daniele Tirelli

54 Safety, quality & bargain prices, a customer-winning recipe

Sicurezza, qualità e prezzi convenienti, così conquistiamo i clienti

Federica Pagliarone

58 From shopping space to evocative place. New ways to

experience retail outlets

Da luogo di acquisto a spazio emotivo. Nuovi modi di vivere

il punto vendita

Jessika Pini

62

62 Premium Fruit, wellness & pleasure in a juice

Premium Fruit, benessere e piacere in un succo

Federica Pagliarone

68 No pricks from fresh-cut prickly pears

Quarta gamma, e il fico d’India non punge più

Marianna Martorana

72 Flowers for the eating, a taste of times gone by

Fiori da mangiare, un’eredità d’altri tempi

Fausto Gardini

Anno III - n. 11 - november/novembre

www.agricoltura24.com

Editor/Direttore responsabile: Elia Zamboni

Assistant editor/Vice direttore: Beatrice Toni

Editorial staff/In redazione: Francesco Bartolozzi, Dulcinea Bignami, Gianni Gnudi

(editor-in-chief/capo redattore), Alessandro Maresca, Giorgio Setti (editor-in-chief/capo

redattore), Lorenzo Tosi

Editorial office/Segreteria di redazione: Phone/tel. (+39) 051 6575.847

Fax. (+39) 051 6575.856 - redazione.edagricole@ilsole24ore.com

Contact persons/Referenti: Lorenzo Bazzana (Coldiretti), Cesare Bellò (Opo Veneto/Unaproa), Paolo Bruni

(FedagriConfcooperative), Gianni Brusatassi (Uiapoa), Marco Crotti (Cio/Unaproa), Ambrogio De Ponti

(Apol/Unaproa), Valentino Di Pisa (Caab), Claudio Gamberini (Conad), Giuseppe La Rocca (Mof), Reinhold

Marsoner (Interpoma), Fabrizio Marzano (Unaproa), Carmelo Mennone (Alsia), Paolo Merci (Verona

Mercato), Luigi Peviani (Aneioa), Francesca Ramondo (Gruppo T18), Salvatore Rapisarda (Euroagrumi),

Giuliana Roncolini (Cia), Domenico Scarpellini (Macfrut), Luciano Trentini (Areflh).

English version by/Versione inglese a cura di: Ilaria Nanni, Lawrence Smith, Claudia Spisni,

David Verzoni e Marina Zaccarini.

Cover’s image/immagine di copertina: Marina Alberghini - AM&QR, Bologna

Graphic/Ufficio grafico: NCS Media Srl – Bologna

Design/Progetto grafico: Lizart Comunicazione visiva – Bologna

Editorial Director/Direttore editoriale Business media: Mattia Losi

Owner and Editor/Proprietario ed Editore: Il Sole 24 ORE S.p.A.

Registered office/Sede legale: Via Monte Rosa, 91 - 20149 Milano

Chairman/Presidente: Giancarlo Cerutti

Managing Director/Amministratore delegato: Donatella Treu

Operative office/Sede operativa: Via Patecchio, 2 - Milano 20141 - Phone/tel. (+39) 02 3964.61

Advertising/Ufficio Pubblicità: Phone/tel. (+39) 051 6575.822 - Fax (+39) 051 6575.853

pubblicita.agroindustria@ilsole24ore.com

Traffic Department/Ufficio Traffico: Phone/tel. (+39) 051 6575.842

impianti.editoriaspecializzata@ilsole24ore.com

Printed by/Stampato da: Faenza Industrie Grafiche - Via Vittime civili di guerra, 35 - Faenza (RA)

Subscriptions/Abbonamenti: www.shopping24.it - abbonamenti@businessmedia24.com

Phone/tel. (+39) 02 or 06 3022.5680 – fax (+39) 051 6575.900

Customer service/Servizio clienti periodici: servizioclienti.periodici@ilsole24ore.com

Yearly subscriptions abroad. Foreign subscription by priority mail/

Estero. Abbonamento annuo prioritaria: euro 119,00

Yearly subscription in Italy/Abbonamento annuo: euro 72,00

Back issues/Arretrati (disponibili i sei mesi precedenti): euro 14,40

Intestate postal account no. 13951488 to: Il Sole 24 ORE S.p.A. The subscription will start

from the first reachable number/Conto corrente postale n. 87729679 intestato a: Il Sole 24 ORE S.p.A.

L’abbonamento avrà inizio dal primo numero raggiungibile.

The payment receipt of the postal account is a valid accounting document/La ricevuta di pagamento

del conto corrente postale è documento idoneo e sufficiente ad ogni effetto contabile.

Subscription renewal in Italy/Rinnovo abbonamenti in Italia:

A warning will be sent by the Editor one month before the deadline. Upon request, Institutions and

companies may receive the above along with an offer/Attendere l’avviso che l’Editore farà pervenire un

mese prima della scadenza. Per Enti e Ditte che ne facciano richiesta l’avviso verrà inoltrato tramite preventivo.

VAT discharged by the publisher/Iva assolta alla fonte dall’Editore ai sensi dell’art. 74, 1°comma, lett. c,

D.P.R. 26101972 n. 633 e successive modificazioni ed integrazioni.

Sales Administration/Amministrazione Vendite: fax (+39) 051.6575823 - Casella Postale 397

Ufficio Postale Bologna Centro 40100 Bologna - freshpointmagazine@ilsole24ore.com

Internet web site: www.freshpointmagazine.it

Reg. Tribunale di Bologna n. 7598 del 10/11/2005 Tariffa R.O.C.: “Poste Italiane s.p.a.

Spedizione in Abbonamento Postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1,

comma 1, DCB Forlì” Iscrizione R.O.C. n. 6553 del 10 dicembre 2001

ISSN 1827 – 577X

Associato a:

ed è membro italiano di EUROFARM,

l’associazione dei più importanti giornali

periodici agricoli europei

Privacy Policy Disclosure as per Legislative Decree 196/3. The Il Sole 24 ORE S.p.A. Company, the publisher, gathers

and stores the personal data you voluntarily supply when you subscribe to any of our publications or when you

purchase from lists containing personal information regarding business transactions and the like that come under Art.

24, paragraph 1, section d of Leg. Dec. 196/03 and uses said data to send you the publication on subscription or a

complimentary copy of one of our publications. Il Sole 24 ORE may exercise its rights as per the provisions of Art. 7

Leg. Dec. 196/03 regarding access, deletion, correction and so forth by requesting said exercise from the Head of its

Data Handling Department, Customer Services, at the main offices of Il Sole 24 ORE S.p.A. located in Via Goito 13,

40126 Bologna, Italy. Articles and photographs submitted to The Publisher shall not be returned, even if unpublished.

All rights reserved. No part of this publication shall be reproduced, stored or transmitted in any way of form whatsoever,

whether digitially, electronically, via photocopy or mimeograph machines, without written consent from the publisher.

The complete, up-to-date list of all Heads of the Data Handling Department is available at Ufficio Privacy, Via

Monte Rosa 91, 20149 Milan. Il Sole 24 ORE may share your data with staff in its Order, Marketing, Customer Services

and Administration departments and with affiliate companies of Gruppo 24 ORE for the purpose of exchanging said

data with independent companies that are responsible for mailing the publication and printed advertising matter to

subscribers. Il Sole 24 ORE S.p.A., Titolare del trattamento, tratta, con modalità connesse ai fini, i Suoi dati personali, liberamente

conferiti al momento della sottoscrizione dell’abbonamento od acquisiti da elenchi contenenti dati personali relativi

allo svolgimento di attività economiche ed equiparate per i quali si applica l’art. 24, comma 1, lett. d del D.Lgs n.

196/03, per inviarLe la rivista in abbonamento od in omaggio. Potrà esercitare i diritti dell’art. 7 del D.Lgs n. 196/03

(accesso, cancellazione, correzione, ecc.) rivolgendosi al Responsabile del trattamento, che è il Direttore Generale dell’Area

Professionale, presso Il Sole 24 ORE S.p.A., Servizio Clienti c/o la sede di via Goito 13 – 40126 Bologna). Gli articoli e le

fotografie, anche se non pubblicati, non si restituiscono. Tutti i diritti sono riservati; nessuna parte di questa pubblicazione

può essere riprodotta, memorizzata o trasmessa in nessun modo o forma, sia essa elettronica, elettrostatica, fotocopia

ciclostile, senza il permesso scritto dall’editore. L’elenco completo ed aggiornato di tutti i Responsabili del trattamento è

disponibile presso l’Ufficio Privacy, Via Monte Rosa 91, 20149 Milano. I Suoi dati potranno essere trattati da incaricati preposti

agli ordini, al marketing, al servizio clienti e all’amministrazione e potranno essere comunicati alle società di Gruppo

24 ORE per il perseguimento delle medesime finalità della raccolta, a società esterne per la spedizione della Rivista e per

l’invio di nostro materiale promozionale.

Declaration as per Art 2, paragraph 2, of the “Professional Code of Ethics in Journalism for the handling of

personal data”. “The Il Sole 24 ORE S.p.A. Company, publisher of Fresh Point Magazine, herewith publicly declares

that it houses data banks for editorial uses that store personal data. The place in which it may exercise the rights provided

in Leg. Dec. 196/3 is the office of the Head for Personal Data Handling, secretarial desks of coordinating editors

(fax. 051-6575.856)”. “La società Il Sole 24 ORE S.p.A., editore della rivista Fresh Point Magazine rende noto al pubblico

che esistono banche dati ad uso redazionale nelle quali sono raccolti dati personali. Il luogo dove è possibile esercitare

i diritti previsti dal D.Lg 196/3 è l’ufficio del responsabile del trattamento dei dati personali, presso il coordinamento delle

segreterie redazionali (fax. 051-6575.856)”.


Duccio Caccioni

Small, sustainable supermarkets

in step with the times

Piccoli supermercati, sostenibili

e al passo coi cambiamenti

Not everyone may be aware of it, but a revolution is

taking place in the world of distribution. The age of the

big shopping centres and hyper-markets, which began

in the U.S. and France back in the 60s, is coming to an

end. And an era of more “sustainable” distribution

models has begun. Sustainable, that is, not only in

urban and economic terms but in social terms too.

In those countries in which the large commercial centres

were most widespread, the U.S. and France, of

course, but also the United Kingdom, the big players in

retail distribution are opting for smaller scale supermarkets,

often on “local” or “neighbourhood” lines. Giants

like Walmart, Carrefour, Tesco and Sainsbury’s, to

name but a few, are opening smaller supermarkets in

accordance with new concepts of retail.

From an urbanistic point of view it is staggering, for a

European travelling around the States, to find that

where there was once a gigantic mall with a huge

parking lot, there is now a residential area, fully

equipped with services including commercial ones.

From a social point of view, it has to be noted that

consumers have changed too.

A study in Britain carried out by Defra has shown the

high cost, in environmental (pollution ...) and social (traffic

...) terms, of car journeys to and from the super or

hypermarket. Indeed, in all Western countries in recent

decades, there has been a progressive increase in the

time spent by people in shopping and on the travelling

involved. The absence of a neighbourhood supermarket

is definitely a source of inconvenience not only for older

people with limited mobility but for other time-strapped

categories of people (eg single people). To which must

be added the social problems caused by the depopulation,

first of city centres, and then of the suburbs.

The new retail formats represent a challenge. New

types of layout and display have to be designed, and

also new logistic systems for the provisioning of the

new points of sale. Our cities are changing and we are

preparing for an era with very different paradigms of

development. And as always in human history, commerce

follows social evolution.

(English version by Lawrence Smith)

freshpointmagazine@ilsole24ore.com

Forse non tutti se ne sono accorti ma nel mondo della

distribuzione sta avvenendo una rivoluzione. In pratica,

l’epoca dei grandi centri commerciali e degli iper-mercati,

iniziata negli Usa e in Francia già dagli anni ’60, si sta chiudendo.

Ed è iniziata un’epoca che vede modelli di distribuzione

più “sostenibili”. Sostenibili in termini urbanistici,

economici e anche sociali.

Nei Paesi in cui le grandi superfici commerciali erano più

diffuse, gli Usa e la Francia, appunto, ma anche il Regno

Unito, ossia i grandi protagonisti della distribuzione al

dettaglio, stanno optando per supermercati con estensioni

più ridotte, spesso seguendo il concetto di distribuzione

“vicinale” e di “prossimità”. Giganti come Wal

Mart, Carrefour, Tesco, Sainsbury, tanto per fare solo

alcuni nomi, stanno aprendo supermercati più piccoli

con concetti di vendita differenti.

Dal punto di vista urbanistico è sbalorditivo, per un europeo

andare in giro per gli States e spesso scoprire che

dove c’era un grande mall con un enorme parcheggio,

oggi c’è un quartiere abitativo, attrezzato ovviamente di

tutto punto anche in termini commerciali. Dal punto di vista

sociale è da rilevare anche un cambiamento del consumatore.

Un’indagine inglese (del Defra) evidenzia come anche

il percorso compiuto dal consumatore per andare al superipermercato

con la propria vettura comporti costi ambientali

(inquinamento…) e sociali (traffico…) elevatissimi. In

tutti i Paesi occidentali, per i cittadini sono aumentati progressivamente

il tempo e la percorrenza dedicati alla

spesa. Per la popolazione anziana a ridotta mobilità, come

per altre categorie con scarsa disponibilità di tempo (ad

esempio i singles), la non disponibilità di esercizi commerciali

di vicinato rappresenta un indubbio disagio.

A ciò vanno aggiunte le crescenti problematiche di natura

sociale dovute allo spopolamento, dapprima dei centri

storici/downtown, e poi delle zone periferiche.

I nuovi format di vendita rappresentano oggi una sfida.

È necessario studiare nuovi lay-out e display, ma anche

nuovi sistemi logistici di rifornimento dei punti vendita.

Le città stanno cambiando, ci stiamo preparando a

un’epoca con differenti paradigmi di sviluppo. E come

sempre nella storia dell’uomo, il commercio segue l’evoluzione

sociale.

Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

3

editorial

editoriale


news

notizie

False pesticides possibly account

for as much as 15% of the EU market

Ue, falsi antiparassitari

fino al 15% del mercato

The Wall Street Journal has published the

results of an investigation into the phenomenon

of fake pesticides. This is a

growing phenomenon across the EU and

one that has not yet been dealt with by

appropriate legislative instruments.

According to data from the European Crop

Association, sales of pesticides with false

labels earn between 400 and 1,200 million

euro and so account for between 5 and

15% of the entire intra-community pesticide

market. Fake pesticides can cause

serious harm to consumers as well as producers.

Last year, in Hamburg, a load of 28

cubic metres of fake pesticides seized en

route for Lithuania were found to contain

dimethylformamide as solvent, a highly

teratogenic compound banned in Europe.

In 2006, in Andalusia, the diffusion of fake

pesticides caused damage to local agriculture

estimated at 20 million euros. (LS)

Drop in Italian exports of fruit

and vegetables to Libya

Frena l’export italiano di ortofrutta in Libia

The civil war in Libya has caused a fall in

Italian exports of fruit and vegetables to that

country. In recent years Libya has imported

increasing quantities of Italian fruit and vegetables,

especially apples. In the first four

months of the year, Italian exports of apples

to Libya fell to 7,500 tons, half that exported

in the same period of 2010. The Tunisian

Ministry of Agriculture has announced that

food exports from Tunisia to Libya have

quadrupled in the last six months. (LS)

La guerra civile in Libia ha causato una

4 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

Il Wall Street Journal ha pubblicato un’indagine

sul fenomeno dei falsi prodotti antiparassitari.

Si tratta di un fenomeno crescente

su tutto il territorio comunitario e che non è

ancora contrastato da adeguati strumenti

legislativi comunitari. Secondo i dati della

European Crop Association le vendite di

pesticidi con false etichette è stimabile fra i

400 e i 1.200 milioni di euro, quindi fra il 5

e il 15% dell’intero mercato degli antiparassitari

intra-comunitario. I falsi antiparassitari

possono causare gravi danni ai consumatori

come ai produttori. Lo scorso anno ad

Amburgo è stato sequestrato un carico di

28 metri cubi di antiparassitari falsi destinati

alla Lituania, che contenevano come solvente

Dimetilformamide, un composto fortemente

teratogeno vietato in Europa. Nel

2006 in Andalusia la diffusione di falsi antiparassitari

provocò un danno all’agricoltura

locale stimato in 20 milioni di euro.

flessione dell’export italiano di prodotti

ortofrutticoli. La Libia negli ultimi anni ha

importato dall’Italia crescenti quantitativi

soprattutto di mele. Nei primi quattro mesi

dell’anno le esportazioni italiane di mele

verso la Libia sono scese a 7.500 t, la metà

rispetto a quanto si era esportato nello

stesso periodo del 2010. Nello stesso

tempo il ministero dell’Agricoltura tunisino

ha messo in luce come le esportazioni alimentari

dalla Tunisia alla Libia sono quadruplicate

negli ultimi sei mesi.

Fall in Dutch &

Spanish F&V

exports

Olanda e Spagna

crisi dell’export

Dutch and Spanish F&V exports were badly

hit by the consumer crisis triggered by the

Escherichia coli outbreak in Germany.

According to Tuinbouw, Dutch exports in

June 2011 were 18% down on the same

month in 2010. Dutch exports to Germany

fell by 10%, to the UK by 13%, and to France

and Russia by 21% and 24% respectively.

However exports to some countries

increased: there were rises in the cases of

Poland (34%) Denmark (8%), and Italy

(7%). FEPEX reported a 10% fall in

Spanish F&V exports in June 2011 compared

to the same month last year (vegetables

exports alone fell by 17%). (LS)

La crisi dei consumi provocata dall’allarme

per i casi d’intossicazione causati da

escherichia coli in Germania ha toccato

gravemente l’esportazione di prodotti ortofrutticoli

di Olanda e Spagna. In Olanda,

secondo Tuinbouw, le esportazioni nel giugno

2011 sono state più basse del 18%

rispetto allo stesso mese del 2010. Le

esportazioni olandesi in Germania sono

scese del 10%, in Uk del 13%, in Francia

del 21%, in Russia del 24%.

Da notare come le esportazioni verso alcuni

Paesi siano invece aumentate: è il caso

di Polonia (+34%) Danimarca (+8%) e Italia

(+7%). In Spagna la Fepex ha segnalato un

calo del 10% per le esportazioni ortofrutticole

nel mese di giugno rispetto allo stesso

mese dell’anno precedente (l’esportazione

dei soli ortaggi è calata del 17%). (DC)


news

notizie

F&V boom in Ukraine

Boom dell’ortofrutta in Ucraina

Ukraine is becoming one of the leading

countries in its geographical area for the

production of fruit and vegetables.

According to data from the Russian market

analysts Fruit-Inform, vegetable production

in Ukraine grew by 1.5 million tons and

that of potatoes and fruit by one million and

300 thousand tons respectively. Most of

this increased production has been

absorbed by the domestic market, which is

becoming more and more receptive, but a

good part went abroad. Over the course of

the past year, Ukraine became Russia’s the

third largest supplier with substantial

exports to Russia of apples and tomatoes.

Significant quantities of watermelon and

onions were exported to the EU. (LS)

Russian imports of peaches

and nectarines on the rise

Russia, cresce import

per pesche e nettarine

During the crisis caused by Escherichia coli outbreak in Germany,

Russia closed its borders to vegetables from the EU and

increased its imports from other CIS countries (Ukraine,

Uzbekistan, Moldova and Azerbaijan). As for fruit, Russia is in the

middle of a severe crisis caused by an excessive supply of citrus

and tropical fruit (prices for these products have been tumbling

for a year now).

However, the situation is different in the case of peaches and

nectarines. According to Fruit-Inform, imports of these products

grew by 150%. There were sharp increases, too, in imports of

potatoes which more than doubled compared to 2010. (LS)

Durante la crisi dovuta all’epidemia da escherichia coli in

Germania, la Russia ha chiuso le frontiere agli ortaggi provenienti

dalla Ue e moltiplicato le importazioni dagli altri Paesi della Cis

(Ucraina, Uzbekistan, Moldavia e Azerbaigian). Per quanto riguarda

i prodotti frutticoli, in Russia vi è una forte crisi dovuta a un

eccesso di offerta per agrumi e frutta esotica (i prezzi di questi

prodotti sono da un anno in picchiata).

Diversa la situazione per le pesche e nettarine. Secondo Fruit-

Inform, l’import per questi prodotti è cresciuto del 150%. In netta

crescita anche l’importazione di patate, più che raddoppiata

rispetto al 2010.

6 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

L’Ucraina sta diventando un Paese leader

nella propria area geografica per la produzione

di ortofrutticoli. Secondo i dati

dell’analista di mercato russo, Fruit-

Inform, la produzione di ortaggi in

Ucraina è cresciuta di 1,5 milioni di tonnellate,

quella di patate e di frutta,

rispettivamente di un milione e di

300mila tonnellate. La maggiore produzione

è riversata sul mercato interno,

sempre più ricettivo, ma buona parte è

diretta anche all’estero. Nell’ultimo anno,

l’Ucraina è diventata il terzo maggior fornitore

della Russia con notevoli esportazioni

di mele e pomodori. Discrete quantità

di angurie e di cipolle sono state

inviate verso la Ue.

Both potato production and

consumption up in Germany

Germania, più patate

e più consumi

According to figures published by the German Ministry for

Agriculture, this year’s potato harvest in Germany will be 17.6%

up on last year, and will reach 11.9 million tons. The increase is

due to better yields, as well as to a slight increase in the area

under potato cultivation (259 thousand hectares; + 2% with

respect to 2010). Prices are falling, but consumption is on the

rise. In 2010, according to Deutsche Bauernveband, Germans

consumed 63 kg of potato per capita (compared to 60kg in

2009). (LS)

Secondo i dati diramati dal ministero per

l’Agricoltura tedesco, quest’anno la raccolta

di patate in Germania sarà superiore

del 17,6%, rispetto all’anno

precedente, e arriverà a 11,9 milioni

di tonnellate. L’aumento è dovuto alla

migliore resa produttiva, oltre che a

un leggero aumento delle superfici

investite (259mila ha, +2% sul 2010).

I prezzi sono in ribasso, ma i consumi

in aumento. Nel 2010, secondo

Deutschen Bauernveband, i

tedeschi hanno consumato 63

kg di patate pro-capite (nel

2009, 60 kg).


Moroccan exports still on the rise

Esportazione marocchina

ancora in aumento

Moroccan exports of F&V are still increasing.

According to data from the Moroccan

Ministry of Agriculture, fruit exports totalled

529 thousand tons in the season 2010/11,

an increase of 9% on that preceding it (478

thousand tons). In the case of vegetables,

there was an increase of 8%, from 671

thousand to 726 thousand tons.

Strawberry exports increased by 41%, and

those of courgettes and tomatoes by 22%.

It should be noted that Moroccan exports

are increasingly oriented towards Russia

(+51%) and the U.S. (+62%). (LS)

L’esportazione di prodotti ortofrutticoli dal

More table grapes from the southern

hemisphere

Il Sud del mondo chiede più uva da tavola

Exports of table grapes from countries in

the southern hemisphere are growing.

According to data from IQ Consulting, the

2011/2012 season will see a 4.48% rise

thanks to notable increases in Peruvian

and South African exports. New plantations

are beginning production in Peru, while

South Africa has benefited from a particularly

good season. However, supplies are

declining from Chile (-3.3%), Argentina (-

5-3%) and Brazil (-7.2%). (LS)

Marocco è ancora in aumento. Secondo i

dati diramati dal dipartimento Agricoltura

del Governo marocchino, nella stagione

2010/2011 le esportazioni di frutta sono

ammontate a 529mila tonnellate, con un

aumento del 9% rispetto alla stagione

precedente (478mila t). Per gli ortaggi si è

avuto un aumento dell’8%, passando da

671mila a 726mila tonnellate. Le esportazioni

di fragole sono aumentate del 41%,

mentre le zucchine e i pomodori del 22%.

Da notare che le esportazioni del Marocco

s’indirizzano sempre di più verso la

Russia (+51%) e gli Usa (+62%).

L’esportazione di uva da tavola dai Paesi

dell’emisfero sud è in crescita. Secondo i

dati di IQ consulting, la crescita per la stagione

2011/2012 sarà pari al 4,48% grazie

al forte contributo di Perù e Sudafrica.

In Perù stanno entrando in produzione

molti nuovi impianti, mentre in Sudafrica

si è beneficiato di un decorso stagionale

particolarmente benigno. È invece in calo

l’offerta da Cile (-3,3%), Argentina (-5-

3%) e Brasile (-7,2%).

Controversy over

EU-Morocco relations

Polemiche Ue-Marocco

Controversy continues to rage over the

Association Agreement between the EU

and Morocco which was blocked by the

European Parliament a few months ago.

MEP José Bovè has announced that he

intends to take the case to the

European Court of Justice. According to

Bovè, the accord is illegal since it does

not respect international treaties.

The French MEP points out that

Moroccan exports are «... 70% controlled

by three companies, two of which based

in Europe, which contradicts the idea that

the treaty of association could be of benefit

to small farmers». (LS)

Continuano le polemiche sugli accordi

di associazione fra Ue e Marocco, già

bloccati dal Parlamento europeo negli

scorsi mesi. Il parlamentare José Bovè

ha dichiarato di volere portare il caso

alla Corte di giustizia europea. Secondo

Bovè, il trattato deve essere considerato

illegale visto che non risponde ai

trattati internazionali.

Il parlamentare francese ha sottolineato

che l’export marocchino «…è controllato

per il 70% da tre imprese, due delle

quali con sede in Europa: questo contraddice

l’idea secondo cui il trattato di

associazione porterebbe un beneficio ai

piccoli agricoltori».

Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

7

news

notizie


news

notizie

Record production of potatoes

and onions in Eastern Europe

Patate e cipolle, record nell’est Europa

This year’s harvest of potatoes and onions

in the countries of Eastern Europe (including

Russia) should return to normal or

even achieve record levels. A production

surplus of as much as 1 million tons is

expected in Ukraine. Last year drought

obliged the countries of Eastern Europe to

import large quantities of potatoes and

onions. (LS)

According data supplied by the 2011 edition

of the FiBL/IFOAM yearbook, there

has been a continuous growth in world

organic agriculture. 37.2 million

hectares are either under certified

organic production or undergoing conversion,

which amounts to 0.9% of the

world’s arable land. Organic cultivation is

most extensive in Oceania (12.2 million

ha), followed by Europe (9.3 million ha)

and Latin America (8.6 million ha).

The record, in terms of a percentage of

total production, is held by the Falkland

Islands (35.7%), followed by Liechtenstein

(26.9%) and Austria (18.5%). Comparison

with the previous survey published in

2009 shows that in Europe there has been

an increase of one million hectares in the

land under organic cultivation, while

Argentina, Turkey and Spain recorded the

biggest increases. The Brazilian press has

recently given great prominence to government

initiatives to boost organic production.

Even the Football World Cup in

2014 will focus on environmental sustainability.

(LS)

Secondo i dati forniti dall’edizione 2011

dell’annuario Fibl/Ifoam, l’agricoltura biologica

nel mondo registra una continua

crescita. Vi sarebbero, infatti, 37,2 milioni

8 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

Quest’anno la raccolta di patate e cipolle

nei Paesi dell’est Europa (Russia compresa)

dovrebbe essere normalizzata o addirittura

segnare dei veri e propri record. È il

caso dell’Ucraina, dove si prevede un

eccesso di produzione pari a un milione di

tonnellate. Lo scorso anno a causa della

siccità i Paesi dell’est Europa hanno importato

notevoli quantità di patate e cipolle.

More than 12 million hectares

of organic cultivation in Oceania

Agricoltura bio, più di dodici milioni

di ettari in Oceania

di ettari certificati e in conversione per

questo tipo di agricoltura, pari allo 0,9%

delle superfici arabili mondiali. Il continente

che vanta le maggiori estensioni è

l’Oceania (12,2 milioni di ha), seguita

dall’Europa (9,3 milioni) e dall’America

Latina (8,6 milioni di ha).

Il record, in quanto a percentuale di coltivazioni

bio rispetto a quelle convenzionali,

spetta alle isole Falkland (35,7%),

segue il Liechtenstein (26,9%) e l’Austria

(18,5%). In confronto alla precedente

indagine pubblicata nel 2009, la superficie

biologica in Europa mostra un incremento

pari a un milione di ha, mentre i

maggiori incrementi per Paese si sono

registrati in Argentina, Turchia e Spagna.

La stampa brasiliana in questi giorni ha

invece dato grande risalto alle iniziative

governative per l’incremento delle coltivazioni

bio: anche la coppa del mondo di

calcio 2014 sarà incentrata sulla sostenibilità

ambientale. (CG)

Asda opens smaller

supermarkets

in the UK

Regno Unito, Asda

apre supermercati

più piccoli

European supermarket chains are

increasingly oriented toward smaller scale

supermarkets for “neighbourhood” retailing.

In the UK, Asda, the second largest

distribution chain (owned by the U.S. giant

Wal-Mart), has announced the opening of

180 neighbourhood supermarkets with an

average size of 500 square meters. They

will sell about 10 thousand products at the

same prices as the hypermarkets. Tesco

and Sainsbury’s, Asda’s direct competitors,

have both recently opened a large

number of small supermarkets but with

higher prices than their large footprint

supermarkets. (LS)

Le catene europee sono sempre più orientate

verso i supermercati di piccole

dimensioni per il commercio di “vicinato”.

Nel Regno Unito Asda, la seconda catena

distributiva (di proprietà del colosso americano

WalMArt), ha annunciato l’apertura

di 180 supermercati di vicinato con una

dimensione media di 500 metri quadrati.

In questi supermercati, saranno messi in

vendita circa 10mila prodotti allo stesso

prezzo proposto dagli ipermercati. I competitori

diretti di Asda, Tesco e Sainsbury,

negli ultimi tempi hanno aperto un gran

numero di piccoli supermercati proponendo,

però, prezzi più elevati rispetto alle

grandi superfici.


news

notizie

UAE F&V imports

on the rise

Cresce l’importazione

di ortofrutta

negli Emirati Arabi

UAE F&V imports are increasing. Over the

last three years, Dubai’s F&V imports have

grown by 18% a year. Dubai is an important

re-export centre: in 2010 it imported

a million tons of product, of which it reexported

about half. (LS)

L’importazione di prodotti ortofrutticoli

degli Emirati Arabi è in aumento. Nel caso

del Dubai, l’importazione di prodotti ortofrutticoli

nell’ultimo triennio è cresciuta

del 18% l’anno. Il Dubai è un forte centro

di riesportazione: nel 2010 ha importato

un milione di tonnellate di prodotto, riesportandone

circa la metà.

Bacterial canker

of kiwifruit

in New Zealand

Cancro del kiwi

in Nuova Zelanda

The incidence of bacterial canker of

kiwifruit due to Pseudomonas siryngae is

on the rise in New Zealand. 295 kiwi plantations

have now been infected and the

producer associations recommend treatments

based on streptomycin, even

though many experts in plant pathology

consider this to be ineffective and even

counterproductive. (LS)

Si stanno moltiplicando, in Nuova Zelanda,

i casi di cancro del kiwi dovuto a

Pseudomonas siryngae. I frutteti infetti

sono 295 e le associazioni dei produttori

consigliano trattamenti

a base di

streptomicina, sebbene

molti esperti

fitopatologi li considerino

inefficaci

e, addirittura, controproducenti.

10 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

Record margins charged by New

Zealand supermarket chains

Margini da record nella gdo neozelandese

The margins applied to the retail sale of

fruit and vegetables have become a political

issue in New Zealand after the Green

Party revealed that, according to its investigations,

supermarket margins are

around 100 to 200 percent, while producers

are often forced to sell their goods

below cost. (LS)

Market gardens on supermarket roofs

in the US

Orti sui tetti dei supermercati in Usa

In the United States “roof horticulture”,

the growing of fruit and vegetables on

house roofs, is becoming more and more

widespread. A U.S. company, Bright

Farms, is installing ten greenhouses for

hydroponic cultivation on the roofs of as

many supermarkets. The first plant will be

operational in the next few months on a

Whole Foods supermarket (which specializes

in organic products) in New Jersey.

The supermarket has committed itself to

buying all of the products. (LS)

Negli Usa si va sempre più diffondendo la

“roof horticulture”, le coltivazioni orticole

che vengono realizzate sui tetti delle abitazioni.

Una società statunitense, la Bright

Farms, sta installando dieci serre per coltivazioni

idroponiche su altrettanti supermercati.

Il primo impianto entrerà in funzione

nei prossimi mesi su un supermercato a

marchio Whole Foods (specializzato in biologico),

in New Jersey. Il supermercato si è

impegnato ad acquisire tutti i prodotti.

Tesco cuts F&V prices

Uk, Tesco tagli i prezzi sull’ortofrutta

The British supermarket chain Tesco (one

of the biggest in the world with a 35%

share of the British market) has launched

a marketing campaign which centres on

price cuts for a large number of foods,

including fruit and vegetables. According

to company statements, the “Big Price

Drop” campaign, which was launched on

26 September, will cost 571 million euros.

First survey findings indicate that the

campaign has meant price cuts of 15-

20% for F&V. (LS)

I margini applicati per la vendita al dettaglio

dei prodotti ortofrutticoli sono diventati

un caso politico in Nuova Zelanda dopo

che il Green Party ha rivelato che, secondo

una sua indagine, i margini applicati dai

supermercati vanno dal 100 al 200%,

mentre spesso i produttori sono forzati a

vendere le proprie merci sotto costo.

La catena britannica Tesco (una delle

principali nel mondo con uno share sul

mercato inglese di circa il 35%) ha lanciato

una campagna di marketing per tagliare

i prezzi di un gran numero di prodotti

alimentari, inclusi quelli ortofrutticoli.

Secondo quanto dichiarato dai responsabili

di Tesco, la campagna “Big Price

Drop”, che è stata lanciata il 26 settembre,

avrà un costo di 571 milioni di euro.

Dai primi rilievi per gli ortofrutticoli, risulta

un taglio dei prezzi del 15-20%.


news

notizie

Vog, postitve signals from Prognofruit

for the Terlano-based consortium

Vog, da Prognosfruit segnali positivi per il consorzio di Terlano

On his return form the annual conference

reporting the crop forecasts for

Europe’s apple industry, consortium CEO

Gerhard Dichgans gave us his view of

the coming year

While the EU apple crop is expected to be

higher than last year’s, it will still be well

below the target threshold of 11 million

tons, a figure that aligns supply and

demand within the EU’s 27 member

states.

The outlook is a [ositive one for the

Terlano-based Vog Consortium, which

sent a delegation to the conference headed

by President Georg Kössler and CEO

Gerhard Dichgans. The consortium’s CEO

offered these comments on the forecasts

presented at the Slovenia gathering from

his office in this South Tyrol town.

‹‹The EU 2010 apple crop – he noted –

was one of the lowest in the last ten

years. This year, by contrast, we expect to

see a much bigger crop, say, about 10.,2

million tons. The EU western producers

expect to seebumper crops, including

Italy, whereas th crop from the eastern

member states has been hit hard once

again by spring frost››.

‹‹This situatione – added Dichgans – will

make things easier with our traditional

trading partners not only because of the

toned-down competition from our eastern

counterparts but, as occurred last year,

also because of greater export opportunities

beginning in the winter months››.

It’s a situation that will provide room in

the market for Suth Tyrol’s apple crop,

which is expected to have a bumper year

above 1.1 million tons.

‹‹this year we should see satisfactory

yields with little loss to hail damage. And

we should at lasst have fruit of mediumto-large

size for all our cultivars››.

In effect, a key market role will be played

by the size of the South Tyrol apples that

Vog consotium growers will pick this year.

‹‹The fruit harvested in 2010 were small

of size and a lot of them were 65/70.

Together with the poor German crop,

12 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

though this factor gave us a particularly

favourable push in exports to northern

Europe and Scandinavia, where consumers

have a preference for small-sized

fruit, it proved a big im[pediment in the

domestic market and Mediterranean

countries like Spain where the 80+ size is

the preference››.

So we can expect to see a return to a normal

situation for size too, a fact that will

help plan sales campaigns in EU markets

with dsuch differing prefernces in size

and variety.

He saved the last comment for a look

back on the first-year performance Vog

turned in after putting in place its strategic

overhaul on 1 August 2010.

‹‹A year on from setting up our centralised

sales organisation, our overall performance

has been good. Today we can more

carefully plan and more precisely monitor

our management of sales while cutting

organisational red tape to a minimum. Our

customers too have reacted favourably to

our structural streamlining as it ensures

more uniform quality standards and continuity

of supplies. We intend to keep

upgrading our operations by keeping a

wakeful eye on emerging market trends

and customer demands››. (DV)

Di ritorno dalla conferenza annuale

dedicata alle previsioni di raccolta del

settore melicolo europeo il direttore del

consorzio, Gerhard Dichgans, commenta

le stime di produzione presentate

Un raccolto europeo di mele più abbondante

rispetto al 2010, comunque nettamente

al di sotto della fatidica soglia delle

11 milioni di tonnelate, che segna il punto

di equilibrio tra domanda e offerta

nell’Europa a 27.

Una situazione positiva per i soci del consorzio

Vog, presente al congresso con una

delegazione capeggiata dal presidente

Georg Kössler e dal direttore Gerhard

Dichgans. Ed è proprio il direttore della

organizzazione di Terlano a fornire una

prima interpretazione delle stime presentate

in Slovenia.

‹‹Nel 2010 il raccolto europeo di mele –

rileva – era stato uno dei più bassi degli

ultimi dieci anni. Questa stagione, invece,

ci aspettiamo una produzione più

abbondante, che dovrebbe toccare i

10,2 milioni di tonnellate. Avremo una

produzione piena nei Paesi dell’Europa

occidentale – Italia compresa – mentre

il raccolto proveniente dai Paesi

dell’Europa dell’est è stato compromesso

ancora una volta da gelate nel periodo

primaverile››.

‹‹Questa situazione – aggiunge Dichgans

– ci consentirà una maggiore tranquillità

sui nostri mercati di sbocco tradizionali,

dove l’azione commerciale non risentirà

della concorrenza proveniente dai Paesi di

questo lato dell’Europa ma anzi ci offrirà,

come già accaduto la scorsa stagione,

interessanti canali per l’export già a partire

dai mesi invernali››.

Una situazione, dunque, che darà spazio

alle mele raccolte in Alto Adige, dove si

prevede una produzione piena, al di sopra

di 1,1 milioni di tonnelate.

‹‹Dopo la delusione del raccolto 2010 –

commenta Dichgans – quest’anno registreremo

un raccolto soddisfacente con

poche perdite causate dalla grandine.

Finalmente potremmo disporre di frutti

con una pezzatura medio grossa su tutte

le varietà››.

Un ruolo determinante sarà inoltre giocato

quest’anno dalla pezzatura dei frutti

raccolti in Alto Adige dai soci del consorzio

Vog.

‹‹Nel 2010 avevamo dovuto fare i conti

con una produzione di frutti di piccolo

calibro e una quota importante di pezzatura

65/70. Questo fattore, unito alla scarsità

del raccolto di mele in Germania, ci

aveva particolarmente favorito nell’export

verso l’Europa del nord e la Scandinavia,

dove i consumatori apprezzano frutti di

dimensioni piccole, ma ci ha fortemente

penalizzato sul mercato interno e nelle

vendite verso i Paesi mediterranei, come

la Spagna, dove sono le mele 80+ ad

andare per la maggiore››.


Ritorno, dunque, a una situazione di normalità

anche per le pezzature, per poter

meglio pianificare le vendite su mercati

europei, tanto diversi per preferenza

varietale e pezzatura.

La battuta finale, infine, è riservata a un

bilancio del primo anno di attività di Vog

2010, il nuovo assetto strategico del con-

sorzio Vog lanciato il 1° agosto dello

scorso anno.

‹‹A un anno dall’introduzione del nuovo

sistema di vendita centralizzata il bilancio è

sicuramente positivo. Oggi siamo in grado

di pianificare e monitorare con maggior

attenzione e precisione le nostre attività di

vendita, riducendo le inefficienze organiz-

Spain: fewer lemons and low tomato prices

Spagna, meno limoni e prezzi bassi per i pomodori

Things are not looking good for Spanish

horticulture. As in other tomato producing

countries such as Italy and Holland, tomato

prices continue to remain very low.

Round cluster tomatoes have been halved

in price (0.90 euro/ kg in September

2010, they now fail to fetch more than 40

cents per kg). In the Almeria horticultural

region only bell peppers fetch more than

50 cents per kg.

According to the association InternAilimpio,

the lemon harvest will produce 870 thousand

tons, 6.7% down on last year (and on

the European market Iberian lemons have to

hold their own against increasingly stiff

competition from Turkish lemons). However,

artichoke production is expected to grow

dramatically. In the Cartagena region, there

Fresh-cut prickly pears

Fichi d’India fresh cut

Consumers may be deterred by the need

to peel prickly pears in order to remove

their spines. Almaverde Bio have thought

about this and come up with a solution.

The company has launched an already

peeled organic product on the Italian market

which comes in a tray pack

This novelty represents the latest addition

to the Cesena company’s fresh-cut fruit

range. The prickly pears are produced and

packaged by Canova, a company specializing

in organic products which forms part

of the Apofruit Group. The product will be

available in packs of various sizes from

120 grams upwards, and can be kept in

the fridge for 8 days. (LS)

Le operazioni di pulitura del fico d’india

should be an increase of 40%, because

many farmers have substituted artichokes

for melon and lettuce which have given poor

returns over the last couple of years. (LS)

Cattivi segnali per l’ortofrutticoltura spagnola.

Il prezzo dei pomodori continua (al

pari di altri Paesi produttori come Italia e

Olanda) a essere molto basso. Quello dei

pomodori tondi a grappolo si è ridotti della

metà (costavano 0,90 euro/kg nel settembre

2010, mentre oggi non superano i 40

centesimi al kg). Nella regione orticola di

Almeria solo il peperone supera la quotazione

di 50 centesimi per kg.

La produzione di limoni, secondo l’associazione

InternAilimpio, sarà pari a

870mila tonnellate, il 6,7% in meno

rispetto allo scorso anno (sul mercato

possono dissuadere il consumatore.

Pensando a questo Almaverde Bio ha lanciato

sul mercato italiano il prodotto biologico

già lavato e sbucciato in vaschetta.

L’ultima novità si affianca all’offerta di

frutta di IV gamma della società di

zative al minimo. I clienti hanno reagito

favorevolmente alla semplificazione della

nostra struttura, che ha garantito standard

qualitativi più uniformi e continuità nelle

forniture. Continueremo a migliorare le

nostre strutture, con un’attenzione continua

sulle evoluzioni dei mercati e le esigenze

dei nostri clienti››.

europeo i limoni iberici se la dovranno

vedere con i sempre più competitivi limoni

turchi). La produzione di carciofi è attesa

in fortissima crescita. Nella regione di

Cartagena, vi dovrebbe essere un aumento

del 40%, poiché molti agricoltori hanno

sostituito con il carciofo le colture di

melone e lattuga, da un paio d’anni scarsamente

redditizie.

Cesena. I fichi d’india Almaverde Bio sono

prodotti e confezionati da Canova, società

specializzata nel biologico, del Gruppo

Apofruit e sono disponibili in confezione

diverse da 120 grammi e si conservano

per 8 giorni in frigorifero.

Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

13

news

notizie


news

notizie

Hazelnut production plummets

and Turkey increases prices

Nocciole in calo, in Turchia

aumentano i prezzi

Turkey’s hazelnut harvest will

probably be 25% down on

last season and prices are

consequently on the rise.

The Trabzon Commodity

Exchange reports

prices 70% higher than

in 2010. Such high

prices will probably

impact negatively on Turkish exports.

Turkey is by far the world’s largest producer and exporter of

hazelnuts and in recent years it has exported increasing quantities

to its nearest rival, Italy. (LS)

La raccolta di nocciole in Turchia dovrebbe essere inferiore del

25% rispetto alla precedente stagione. I prezzi sono quindi in

aumento: il Trabzon Commodity Exchange segnala quotazioni

del 70% più elevate rispetto al 2010. Gli alti prezzi dovrebbero

limitare l’export turco. La Turchia è il maggiore produttore

ed esportatore del mondo di nocciole, in competizione anche

con l’Italia che, negli ultimi anni, ha importato quantità crescenti

di nocciole dal Paese asiatico.

Exports to southern

Mediterranean tumble because

of the political situation

Sud Mediterraneo, con la crisi

politica cala l’export

In 2010, EU27 apple exports to the southern shores of the

Mediterranean were worth 95.82 million euros, equivalent to 17.2%

of EU apple exports to countries outside the EU. By far the most

important markets were Algeria and Libya. EU apple exports to

Algeria in 2010 were worth 42.6 million euros, and those to Libya,

28.6 million. The first was targeted largely by French producers, the

second by Italian. The political crisis that this year has affected several

countries on the southern coast of the Mediterranean has resulted

in a particularly sharp decline in exports to Libya. (LS)

Nel 2010 la Ue a 27 ha esportato mele verso i Paesi del sud

Mediterraneo per un totale di 95,82 milioni di euro. Il che equivale

al 17,2% di tutte le esportazioni di mele verso i Paesi extra

Ue. I due mercati di gran lunga più importanti sono rappresentati

dall’Algeria e dalla Libia. Verso l’Algeria, nel 2010, sono state

esportate mele per un totale di 42,6 milioni di euro, verso la Libia

per 28,6 milioni. Il primo mercato è stato presidiato in prevalenza

dai produttori francesi, mentre il secondo da quelli italiani. La

crisi politica che ha interessato diversi Paesi della sponda sud

del Mediterraneo ha provocato, nel 2011, un drastico calo delle

esportazioni soprattutto verso la Libia.


market/E. coli crisis

mercato/crisi E. coli

E. coli food scare

a communication problem

Crisi alimentare da Escherichia

un problema di comunicazione

Lorenzo Pasquinelli Rp circuiti

The bacterium caused 50 deaths and sent 4,174 to hospital. Misinformation

resulted in a business loss of half a billion euros in Europe

Il batterio ha provocato 50 morti e 4.174 ricoveri. Un’informazione scorretta ha generato

una perdita economica di oltre mezzo miliardo di euro in Europa

In the short span between late spring and early summer

of 2011 Europe found itself in the midst of one

of the most serious food scares in its history, second

only to the outbreak of “mad cow” disease a decade

ago. This time the outbreak hit the entire F&V industry

without warning and was caused by Escherichia coli,

until then a little known but killer bacterium.

Last May, as the initial alarms were sounded and

the first hasty statements released to the press by

Cornelia Prüfer-Storcks, head of Hamburg’s Health

Department, declared that strong suspicions pointed

to several tainted shipments of organic cucumbers

imported from Spain, panic soon spread

throughout Europe with all the attendant health and

economic fallout.

The immediate effect, of course, was the precipitous

The Escherichia coli bacterium. The fear of contagion led to one

of the most serious food crises in history.

Il batterio escherichia coli. La paura di contrarlo ha prodotto una delle

più gravi crisi alimentari della storia.

16 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

Tra fine primavera e inizio estate l’Europa è stata investita

da una delle più gravi crisi alimentari della storia, classificata

al secondo posto dopo la “mucca pazza”. La crisi

ha colpito, senza motivo, tutto il comparto ortofrutta ed ha

avuto come agente scatenante un batterio killer, fino ad

allora poco noto: l’escherichia coli. Lo scorso maggio, ai

primi allarmi dell’epidemia e dopo alcuni precipitosi comunicati

di Prüfer-Cornelia Storck, responsabile sanitaria di

Amburgo (che dichiarò di avere forti sospetti su alcune partite

di cetrioli biologici importati dalla Spagna, sui quali erano

state trovate tracce di batterio), scoppiò il panico in tutta

Europa con risvolti economici e sanitari gravissimi.

Naturalmente l’effetto immediato è stato il forte crollo del

mercato di ortaggi e frutta. A prima vista, pare ovvio,

sembrava che la causa fosse una partita di cetrioli spagnoli

infetti dal batterio. Ma le notizie erano affrettate e

A batch of infected cucumbers from Spain: it seemed at first that they

were the cause of the bacterium-induced deaths and hospital cases.

Una partita di cetrioli infetti provenienti dalla Spagna: all’inizio sembrava

che risiedesse lì la causa delle morti e dei ricoveri provocati dal batterio.


Tra i vegetali “sospetti” anche i germogli di soia.

Soya sprouts were also among the “suspect” vegetable.

collapse of the F&V market. It seemed obvious at

first sight that the cause was a batch of infected

Spanish cucumbers. But initial reports were hasty

and imprecise. In fact, a few days later Spanish vegetables

were cleared and the blame was placed first

on other vegetables, then bean shoots and finally on

soya sprouts.

Once the news aired declaring the cucumbers safe,

we should have seen, in theory at least, consumption

return to pre-crisis levels but that did not happen. It

seems paradoxical but, despite the news absolving

cucumbers, consumers continued to shun them and

even limited their purchases of other vegetables and

fruit. Why?

One answer might be fear but that’s not the whole

story. We also have to look at the unconscious

response to the information imparted by the media.

Pyramid information

An information chain like the one in question can be

pictured, according to the theories of Karl Deutsch, as

a multi-tier pyramid where each tier is linked to a specific

problem.

At the top of the pyramid we find a fact, something

that’s happened, in our case a person who has died

because of a bacterial infection. The attendant problem

at this stage is the unforeseeable, the link being

an event that occurs suddenly and takes everyone

by surprise.

The second tier is formed by information, both governmental

and that reported by the mass media.

The media report stories in newspapers, TV and radio

news programmes, blogs and official communiqués.

Herein lies a big problem. Each tier progressively dis-

imprecise. Infatti, dopo qualche giorno, gli ortaggi spagnoli

vennero assolti e la colpa passò ad altre verdure,

poi ai germogli di fagioli e, infine, ai germogli di soia.

Dopo la notizia che i cetrioli non erano pericolosi, in teoria

si sarebbe dovuta riscontrare una ripresa dei consumi

fino a raggiungere i livelli prima della crisi, ma ciò non

è avvenuto. Sembra un paradosso, ma è così, anche se

non erano i cetrioli a essere pericolosi i consumatori

hanno continuato a non acquistarli limitando anche il

consumo degli altri ortaggi e della frutta. Perché?

Si potrebbe rispondere, per la paura, ma non è solo

questo, occorre valutare anche le reazioni inconsce

all’informazione.

Informazione piramidale

Un processo informativo come quello in questione si

può raffigurare, secondo le teorie di Karl Deutsch, con

una piramide a più stadi dove ogni stadio si associa a

uno specifico problema.

Al vertice della piramide troviamo un fatto, qualcosa che

è accaduto e che, in questo caso, è una persona che

muore a causa di un batterio. Il problema associabile a

questa fase è l’imprevedibilità, con un evento che accade

all’improvviso e coglie impreparati.

Il secondo stadio è occupato dall’informazione, sia quella

istituzionale sia quella tradotta dai media.

I media divulgano tramite giornali, notiziari, blog e tv, e rendono

noti i comunicati ufficiali. A questo punto s’incontra

un grosso problema. Ogni stadio, progressivamente, si

distanzia e perde contatto dalla realtà che è presente,

senza deviazioni, soltanto nel primo livello della piramide.

Qui per esempio, per divulgare la notizia quasi contemporaneamente

al fatto, si devono cercare subito delle soluzioni

a ciò che accaduto e si cerca di spiegare in modo esaustivo

e definitivo i fatti. A nessuno interesserebbe una notizia

“a metà”, che non spiegasse completamente ciò che è

accaduto. Quello che interessa non è se un batterio è letale,

ma se ha provocato vittime, dove, in che modo si contrae

e, soprattutto, come evitarlo. Così, nonostante non sia

passato ancora il tempo materiale per analizzare a fondo la

situazione, i media che hanno ricevuto comunicati poco

chiari, scelgono tra le varie ipotesi quelle più plausibili e le

pubblicano, facendole diventare una verità.

La reazione alla notizia

Proseguendo nello stadio inferiore della piramide c’è lo spettatore,

l’individuo che riceve la notizia. Qui la distanza dalla

realtà è evidente e si accentua. La notizia è assimilata dall’individuo

e affiancata alle sue credenze precedenti. Il problema

di questa soglia è che ogni individuo non percepisce

mai un’informazione completamente, ma modifica quella

nuova, in automatico, per adattarla alle proprie convinzioni

allontanandosi, così, sempre di più dalla realtà.

A questo punto, una molteplicità di persone hanno ricevuto

e modificato la notizia e credono che i cetrioli siano

contaminati da escherichia coli. Ma il processo si acce-

Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

17

market/E. coli crisis

mercato/crisi E. coli


market/E. coli crisis

mercato/crisi E. coli

tances itself from and loses contact with the unalloyed

reality found only at the top tier of the pyramid.

For example, in order to report a story almost as soon

as the attendant event happens, we must immediately

try to find out how it occurred and then explain the

reasons why as thoroughly and concisely as possible.

No one is interested in a “half-told” tale that fails to

fully explain the reasons behind what happened.

What we want to know is not whether a bacterium is

lethal but whether it has killed people, where, how you

catch it and, above all, how you can avoid it. So, while

there hasn’t been enough time yet for in-depth analysis

of the situation, the mass media, which have

received a number of unclear press releases, pick the

most plausible ones and publish them, thereby giving

them the guise of truth.

Response to the news

Further down the pyramid then we have the individual

that receives the news. Here the gap separating this

person from the real fact is evident and becomes

wider still. The news is taken in by the person and

compared to prior knowledge. The problem at this tier

is that no person ever perceives and processes information

completely but automatically alters what’s

new so that it fits his or her convictions, thereby

extending the gap even further from reality.

At this juncture we now have any number of people

that have received and changed a news story and, in

our specific case, believe that the cucumbers are

tainted by E. coli. Here the entire process picks up

speed and becomes all but irreversible when people

who had hitherto been seen as “isolated” individuals

begin talking to each other, find their beliefs confirmed

and thus form public opinion.

Then, in accordance with this common viewpoint, the

cucumbers become lethal, no one buys them and, by

association, no one buys other vegetables either.

Then, all of a sudden, the denial, the breaking news

says that the cucumbers are not dangerous! This new

twist should in theory start a new pyramid, this one

starting at the top with rebounding purchases of

cucumbers.

In actual fact, however, we know that the human mind

has a mechanism to avoid data overload that automatically

eliminates information we don’t need to

make room for new information while adapting it at

the same time to what’s already stored in our mental

knowledge base. In essence, then, when we receive

new information that contradicts our consolidated

convictions, we fin it hard to accept. So, either we

alter through adaptation mechanisms, or we ignore it.

“Conversion” is almost impossible. It will take quite a

while before consumption rates of cucumbers climb

back to pre-crisis levels in Europe.

(English version by David Verzoni)

18 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

References

Bibliografia

- Epidemia di panico in Europa, Natura, 7 giugno 2011.

- La Germania, forse il ruolo di cetrioli spagnolo, Afp, 31

maggio 2011.

- Enteroemorragica Escherichia coli (Ehec), l’Oms, Foglio

n. 125, maggio 2005.

- E. coli: le autorità tedesche hanno messo la morte in

nome della “sfortuna”, EurActiv, 14 giugno 2011.

- Valutazione dei rischi per la sicurezza degli alimenti di

origine vegetale, Direzione per le ispezioni alimentari del

Canada, nel dicembre 2002.

- Semi germinati: Bio si scaglia, Le Nouvel Observateur, 13

giugno 2011.

Nonostante le smentite su cetrioli e altre verdure, i consumatori

hanno schivato i banchi dell’ortofrutta. La cattiva informazione

ha determinato il crollo del mercato.

Despite denials about infected cucumbers and other vegetables,

consumers have avoided F&V stalls. Misinformation led to the

market’s collapsing.

lera e diventa quasi irreversibile quando, comunicando

tra di loro, gli individui che fino a ora erano considerati

come “isolati”, trovano conferma della loro credenza e

così si forma una vera e propria opinione comune.

Allora, secondo l’opinione comune i cetrioli diventano letali e

nessuno li compra e, per associazione, nessuno acquista

più nemmeno gli altri ortaggi. Poi, improvvisamente, esce

una notizia nuova, la smentita: i cetrioli non sono più pericolosi!

In teoria dovrebbe esserci una nuova piramide, come

quella precedente, con una ripresa dei consumi di cetrioli.

In realtà è noto che il cervello umano, per non saturarsi

d’informazioni, possiede un meccanismo che elimina automaticamente

ciò che non gli serve, mettendo in atto un

processo di adattamento delle nuove informazioni a quelle

già consolidate e assimilate. In sostanza, quando arriva la

notizia contraria a convinzioni già consolidate, è difficile

accettarla. O si modifica adattandola, o si abbandona. Una

“conversione” è quasi impossibile. Ci vorrà molto tempo

per consumare cetrioli in Europa come prima della crisi.


market/California local products

mercato/prodotti locali della California

Fresh&local, California

promotes its produce

Freschi e locali, la California

promuove i prodotti del territorio

Eleonora Morganti

The state government is at the vanguard of actions promoting typical, locally produced

foods in city markets. It has kicked off a big advertising-cum-marketing

campaign to encourage business operators and stakeholders to work together in

the San Franciso Bay Area

Il governo è all’avanguardia nelle attività nella diffusione dei prodotti alimentari tipici

nel mercato urbano. Avviata una grande campagna di marketing e la collaborazione

tra diversi soggetti del settore che operano nella Baia di San Francisco

Today in California the demand for local products

is more than a trend, by this time buying local

food at the farmers market or at the supermarket is

a popular behavior and a growing number of

restaurants and cafés offer local and seasonal

menus. This growing demand of “sustainable” food

is supported by the government through the mar-

20 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

Oggi in California la richiesta dei prodotti alimentari del

territorio è più di una tendenza: nei mercati agro-alimentari

o nei supermercati si acquistano frequentemente

prodotti locali e stagionali e un numero sempre maggiore

di ristoranti e di bar li inserisce nei propri menu. Il governo

incoraggia la domanda sempre crescente di prodotti

alimentari “sostenibili” con la campagna di marketing


keting campaign Buy Fresh, Buy Local aiming at

promoting locally produced food and farm products.

In order to rebuild local food systems and promote

sustainable agriculture, the campaign

includes outreach events, local food guides, and

educational materials, which make it easy for consumers

to find and connect with local food from

farmers they can get to know and trust. Thanks to

this programme strong partnerships have been

facilitated among growers, artisans, retailers,

restaurants, caterers, institutions and organizations

operating in the Bay Area and consumers are more

aware about eating foods that are local and in season.

As a result, the traceability of the origin of the

foods has improved and the market share of local

products is rapidly rising.

Lo sparticibo

A fundamental focus is on the local foods concept,

because lack of an official and recognized definition

of “local food” generates confusion and nonhomogeneous

interpretations. In order to avoid any

disputes, in 2009, Gavin Newsom, the Mayor of the

City and County of San Francisco, issued an

Executive Directive on Healthy and Sustainable

Food for San Francisco, which elaborated a Food

Plan for the city – revealing the guiding principles of

the urban food plan approach. This provided the

definition of the “foodshed”, using the analogy of a

watershed to describe “the area that is defined by

“Buy Fresh, Buy Local” (compra prodotti freschi, compra

i prodotti del territorio), il cui scopo è di promuovere i prodotti

alimentari agricoli e del territorio.

La campagna comprende vari eventi di sensibilizzazione,

la pubblicazione di guide sul cibo del territorio e di materiale

divulgativo che aiuta i consumatori a trovare produttori

locali di fiducia allo scopo di ricostruire i sistemi dei

prodotti del territorio e di promuovere l’agricoltura sostenibile.

I rapporti di collaborazione fra i coltivatori, gli artigiani,

i dettaglianti, i ristoranti, i caterer, le istituzioni e le

organizzazioni che operano nell’area della Baia di San

Francisco sono stati facilitati dal programma e i consumatori

sono adesso più consapevoli sul consumo di prodotti

del territorio di qualità e di stagione. La tracciabilità

dell’origine del cibo di conseguenza è migliorata e la

quota di mercato dei prodotti locali è in rapida ascesa.

Lo sparticibo

Si deve fare un’osservazione fondamentale su ciò che

s’intende per prodotti del territorio e cucina locale, e

chiedersi che cosa significa esattamente questa

espressione, perché se non esiste una definizione ufficiale

accettata da tutti, si può creare della confusione e

si possono dare delle interpretazioni discordanti.

Nel 2009 Gavin Newsom, sindaco della città e della contea

San Francisco, ha emesso un decreto a decorrenza

immediata sul cibo sostenibile e salubre di San Francisco

proprio per evitare questi problemi. Esso elabora un progetto

sulla produzione alimentare per la città che rivela i

principi-guida del piano dei prodotti del territorio e della

cucina locale. Per analogia con “spartiacque”, è stata

creata la definizione di “sparticibo”, che designa “l’area

che è definita da una struttura di forniture”.

Lo sparticibo identifica la zona intorno all’area urbana

Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

21

market/California local products

mercato/prodotti locali della California


market/California local products

mercato/prodotti locali della California

a structure of supply”. It identifies the peri-urban

land where local food products are grown, including

the routes they travel, the markets they go

through, and the communities where the foods are

consumed. The selected area encompasses all

counties within a 100-mile radius of the Golden

Gate (see map).

Agriculture in the Bay Area foodshed produces 20

million tons of food annually, and it is able to meet

in quality and quantity a significant share of the

city’s annual food demand. The existing food supply

system presents a variety of challenges in distributing

healthy and local produce. For example,

urban development is threatening cropland and

family farmers are selling their land to reap easy,

and high, profits. Additional problems are related

to urban food logistics mechanisms, which include

complex delivery and transport systems to secure

throughout the city, whether in the inner centre, in

the residential areas or in low-income neighboroughoods.

dove si coltivano i prodotti del territorio, e comprende gli

itinerari che essi percorrono nella distribuzione, i mercati

che attraversano e le comunità in cui vengono consumati.

L’area interessata comprende tutte le contee nel

raggio di cento miglia dal Golden Gate (vedi mappa).

La produzione agricola dello sparticibo nell’area della baia di

San Francisco raggiunge i venti milioni di tonnellate annui ed

è in grado di soddisfare una quota consistente del consumo

della città, sia per la quantità sia per la qualità. Tuttavia, il

sistema di fornitura attuale presenta una serie di difficoltà per

quanto riguarda la distribuzione di prodotti salubri e del territorio:

ad esempio, lo sviluppo dell’area urbana sta insidiando

i terreni agricoli, e gli agricoltori, da più generazioni, vendono

le terre per realizzare guadagni più facili e cospicui.

Altri problemi sono connessi al meccanismo della logistica

dei prodotti alimentari coltivati negli spazi urbani,

che implica la realizzazione di un sistema di trasporto e

di consegna molto complicato per garantire gli approvvigionamenti

in tutte le zone della città: nel centro, nelle

zone residenziali e nei quartieri più poveri.

(Traduzione in italiano di Marina Zaccarini)


market/Gf group

mercato/gruppo Gf

Gf, banana and pineapple

under its trademark

Gf, banane e ananas

a marchio proprio

Duccio Caccioni

As of January the business partnership between GF’s subsidary Simba and

multinational Del Monte will come to an end

Da gennaio si interrompe il lungo rapporto tra la controllata Simba e la multinazionale

Del Monte

GF Group, whose €1 billion turnover and 4,000

employees throughout the world make it an

Italian giant in the global F&V trade, usually does

things its way. During the press conference it

held at MacFrut in Cesena, GF President Antonio

Orsero made it official: he announced that the

Group’s thirty year business relationship between its

wholly owned subsidiary Simba SpA and multinational

Del Monte would end and that as of 1 January

Simba will market all bananas and pineapples

under its own brand name.

The new trade mark will have its debut in January

too and, given the size of the Group’s worldwide

profile, this will also be an important part of the new

operation. In his remarks, Orsero revealed that GF

has already begun direct contract talks with growers

in Colombia and Costa Rica. Production protocols

will likely be notably restrictive in terms of

quality properties since the fruit is earmarked

for the high-end “Premium

Class” of the market. The idea

is to market top-quality fruit

to all Mediterranean

Basin countries,

beginning with Italy

and Spain, through

Group subsidiaries

like Fruttital Spa. But

that’s not all: Orsero

emphasised that it will

not just be a mere marketing

effort. Indeed, GF

Group will bring its full lever-

24 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

Gf Group, il gigante italiano (1 miliardo di euro il fatturato,

4.000 dipendenti nel mondo) del settore ortofrutticolo

fa da solo. Nella conferenza stampa tenutasi

al MacFrut di Cesena il presidente Antonio

Orsero ha ufficializzato l’interruzione

del trentennale rapporto fra la

società controllata Simba spa

con la multinazionale Del Monte

e ha reso noto che dal primo gennaio

la stessa Simba inizierà la

distribuzione di banane e ananas

con un proprio marchio. Il marchio

sarà reso noto con il prossimo

gennaio e l’operazione sarà, viste

le dimensioni del gruppo, di tutto

rilievo.

Secondo quanto rivelato da

Orsero sono già stati avviati

contratti diretti con produttori in

Colombia e Costa Rica. I capitolati

produttivi saranno assai

restrittivi per quanto concerne le

caratteristiche qualitative visto che

la frutta sarà indirizzata al segmento

di mercato “Premium

Class”. Prodotti di alta qualità

che saranno distribuiti in

tutti i paesi del bacino del

Mediterraneo (a partire

da Italia e Spagna) dalle

società controllate dal

gruppo (come per esempio

Fruttital spa) ma non solo:


age to bear – going up the gamut from field production

to wholesaling through its maritime and road

reefers and port facilities, the latter including direct

operations in the port terminals of Savona-Vado in

Italy, Séte in France, and Algeciras and Marin in

Spain.

The first goal is to see that receipts are the same as

they were with Del Monte, the figure being some €250

million a year, or 16-17 million boxes sold. «We want

to be different from the multinationals – asserted

Orsero. – It’s a difference you’ll see in our greater

business flexibility. Indeed, you’d be hard pressed to

find a multinational whose products carry the private

label of a big supermarket chain. But that’s what we

intend to do».

(English version by David Verzoni)

Orsero ha infatti tenuto a ribadire che non si tratterà di

una distribuzione in esclusiva.

Gf Group metterà quindi a pieno regime il proprio potenziale

– dalla produzione alla distribuzione passando per

i servizi logistici marittimi, terrestri e portuali (il gruppo

opera direttamente nei porti di Savona Vado in Italia,

Sète in Francia, Algeciras e Marin in Spagna). Il primo

obbiettivo è quello di eguagliare quanto si faceva con

Dal Monte: qualche cosa come 250 milioni di euro

/anno di fatturato – 16-17 milioni di box distribuiti.

«Vogliamo essere diversi dalle multinazionali – ha dichiarato

Orsero – una differenza che si vuole concretizzare

con una maggiore flessibilità commerciale: difficilmente

le società multinazionali acconsentono a contrassegnare

i loro prodotti con il marchio privato delle catene dei

supermercati, noi lo faremo».

market/Gf group

mercato/gruppo Gf


mercato/tomato, Euro-Med figures

mercato/pomodoro, statistiche Euro-Med

Table tomato, a market

of expanding boundaries

Pomodoro da mensa, un mercato

dai confini sempre più ampi

Mario Schiano lo Moriello Ismea

Increasing production in Continental Europe and Mediterranean countries is also

affecting the Italian market

La produzione s’intensifica nei Paesi europei e del Mediterraneo che, così, influiscono

sull’andamento della piazza italiana

Tomato is the most important vegetable crop in the

Euro-Mediterranean area in regard to both crop

yields and International trade. This close-knit trade

network therefore also affects not only Italy’s market,

including domestic crop and demand, price levels

and export and import volumes, but also that of our

EU and Med-Basin rivals.

Taken together, EU countries produced some 17 million

tons of tomato on 280 thousand hectares: 10 million

tons were earmarked for processing as sauce,

pulp, peeled, tinned and concentrates and the

remaining 7 for fresh-market consumption. The table

tomato share of this crop in the EU divides into a winter

season from October to June and a summer one

from July through September. A look at the EU trade

patterns shows that while the 27 the 27 EU member

states imported less than 5% of its internal demand

during the summer, that rate jumped to more than

30% during the winter season.

The leading EU table tomato producers

are Spain at 2.1 million

tons, Italy at 1 million, Holland at

815 thousand, Greece at 675 thousand

and France at 646 thousand

tons, which together account for

more than three-quarters of internal

fresh market demand, as in

Fig. 1. A look at the Med-

Basin shows that big producers

include Morocco,

Turkey and Israel, which

export a notable share of

their crop to EU markets.

26 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

Il pomodoro è la coltura orticola più importante dell’area

Euro-Mediterranea sia per i volumi prodotti, sia per gli

scambi internazionali. La fitta rete di scambi fa sì che il

mercato nel nostro Paese e quindi il livello dei prezzi, le

esportazioni e le importazioni siano influenzati, oltre che

dalla produzione nazionale e dalla domanda interna,

anche dalla produzione dei concorrenti comunitari e

mediterranei.

Nel 2010, nell’Unione Europea sono stati coltivati a

pomodoro 280mila ettari e sono stati raccolti circa 17

milioni di tonnellate: 10 milioni destinati alla trasformazione

in conserve (passate, polpe, pelati, concentrati) e

i restanti 7 milioni al consumo fresco. La produzione di

pomodoro da mensa dell’Ue è suddivisa in una stagione

invernale, da ottobre a giugno, e una estiva, da luglio

a settembre. Nella stagione produttiva estiva, le importazioni

dell’Ue 27 dai Paesi terzi costituiscono meno del

5% del consumo interno Ue, mentre nella stagione

invernale tale quota supera il

30%.

I principali produttori di pomodoro

da mensa sono: Spagna (2,1 milioni

di tonnellate), Italia (1 milione t),

Paesi Bassi (815mila t), Grecia

(675mila t) e Francia (646mila

t) che, insieme, coprono

oltre i tre quarti della

quantità prodotta in Ue,

fig. 1. Nel bacino del

Mediterraneo ci sono

altri grandi produttori di

pomodoro da mensa

(Marocco, Turchia e Israele) che


Imports, slide from non-EU supplies

The table tomato trade between EU and non-EU markets

has led to a notable imbalance for the former in

the last few years that has climbed to no less than

€230. The figures for the 2009/2010 season show a

slip in imports from non-EU countries, which have

stalled at 493 thousand tons compared to the 540

thousand of the year before. However, since the price

of these imports has risen 10 % on average, the bill

had remained basically unchanged at €417 million.

The main exporters to the 27 EU markets are

Morocco, which alone accounts for 60% of all EUbound

exports, followed by Turkey, Israel, Macedonia,

Tunisia, Senegal and Syria (figure 2). Note too that

Imports from these leading suppliers have shown an

overall rising trend over the last decade that has

slipped only in the last two years because of a slowdown

in trade with Morocco, whereas imports from

Turkey and Israel have kept to their upward curve.

Although most of these imports enter the EU during the

winter months, a closer look at the monthly flows shows

several differences between suppliers. For example,

imports from Morocco and Israel mainly come from

November through May, peaking in the mid-winter

Figure 1 – 27-member EU table tomato crop (2010).

Figura 1 – Produzione di pomodoro da mensa dell’Ue 27 (anno 2010).

Belgium 3%

Poland 5%

Romania

5%

France

9%

Greece 10%

Portugal

2%

Bulgaria

1%

Other EU

6%

Holland 12%

Source: reworking of Eurostat data by the author

Fonte: elaborazioni su dati Eurostat

Spain 32%

Italy 15%

esportano sui mercati europei una cospicua parte della

loro produzione.

Importazioni, flessione dai Paesi terzi

Gli scambi di pomodoro da mensa tra Ue e Paesi terzi

determinano un saldo negativo della bilancia commerciale

e, negli ultimi anni, questo passivo si è aggravato,

arrivando a 230 milioni di euro. I dati della campagna

2009/2010 evidenziano una flessione delle importazioni

dai Paesi terzi che si sono fermate a quota

493mila tonnellate, contro le 540mila della campagna

precedente. Il prezzo del prodotto importato è aumentato

in media del 10%, lasciando in tal modo invariata

la spesa a 417 milioni di euro.

I principali mercati di approvvigionamento dell’Ue 27

sono: Marocco, che da solo copre una quota del 60%

delle importazioni Ue, Turchia, Israele, Macedonia,

Tunisia, Senegal e Siria (figura 2). Nell’ultimo decennio,

le importazioni di pomodoro dai Paesi terzi hanno avuto

un trend crescente che si è però invertito nelle ultime

due campagne, a causa del rallentamento delle importazioni

dal Marocco. Di contro, la tendenza delle importazioni

da Turchia e Israele si è confermata molto positiva

anche nelle ultime campagne.

Nonostante le importazioni dai Paesi terzi siano concentrate

nel periodo invernale, l’analisi dei flussi mensili evidenzia

alcune differenze esistenti tra i diversi Paesi. Le

importazioni da Marocco e Israele sono concentrate nel

periodo novembre-maggio con picchi particolarmente

elevati nella stagione invernale. Si pensi che lo scorso

dicembre sono arrivate dal Marocco 71mila tonnellate di

pomodori. Le importazioni dalla Turchia, invece, sono

più tardive e si concentrano tra marzo e giugno, mentre

quelle dal Senegal vanno da dicembre ad aprile.

Negli ultimi dieci anni gli scambi tra i Paesi Ue hanno

avuto un trend positivo, raggiungendo il picco massimo

nel 2008 con 2,5 milioni di tonnellate. Nel 2009 e nel

2010, la crisi economica ha determinato una lieve riduzione

dei volumi scambiati.

Figure 2 – 27-member EU table tomato imports from non-EU suppliers.

Figura 2 – Importazioni di pomodoro da mensa dell’Ue 27 dai Paesi terzi.

Tunisia 2%

Macedonia 4%

Senegal

2%

Israel 5%

Turkey 24%

Siria

0,3%

Other 3%

Source: reworking of Eurostat data by the author

Fonte: ITA

Morocco 60%

Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

27

mercato/tomato, Euro-Med figures

mercato/pomodoro, statistiche Euro-Med


mercato/tomato, Euro-Med figures

mercato/pomodoro, statistiche Euro-Med

months. So table tomato imports from Morocco last

December totalled 71 thousand tons whereas Turkey’s

imports are late-season ripeners that enter from March

to June and Senegal’s run from December to April.

The trade trends between EU markets themselves

over the last ten years evince an upward curve, peaking

at 2.5 million tons in 2008 con 2.5 million tons,

although a slight decline in volumes was registered in

2009 and 2010 due to the recession.

Export, Holland tops the charts

The Netherlands surpassed Spain in 2009 to claim the

top spot in the table tomato charts with more than 900

thousand exports to other EU members and 60 thousand

to non-EU customers. Holland has thus an uninterrupted

rising streak over the last few years, whereas

Spain has watched its volumes drop from the record of

more than 1 million tons it dispatched in 2001 and

2004. Following these two export leaders at some dis-

28 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

Esportazioni, primi i Paesi Bassi

Sempre nel 2009, i Paesi Bassi hanno sottratto alla

Spagna il primato delle esportazioni con oltre 900 mila

tonnellate spedite verso i Paesi Ue e 60mila verso i

Paesi terzi. Negli ultimi anni, quindi, i Paesi Bassi non

hanno interrotto il trend positivo dell’export, mentre la

Spagna - dopo i quantitativi record del 2001 e del

2004, con oltre un milione di tonnellate - ha assistito a

una riduzione delle proprie spedizioni. Nella graduatoria

dei Paesi esportatori Belgio, Francia, Italia e

Portogallo seguono, anche se a notevole distanza,

Paesi Bassi e Spagna.

Le esportazioni Ue verso i Paesi terzi hanno avuto un

andamento altalenante con un massimo di 220mila tonnellate

nella campagna 2007/08 e il minimo di 125mila

tonnellate, nella campagna 2004/05. I principali esportatori

sono Paesi Bassi, Polonia, Lituania e Francia e le

spedizioni sono dirette soprattutto verso Russia,

Svizzera e Norvegia. Le esportazioni verso la Russia

ITALY'S TABLE TOMATO TRADE / SCAMBI DI POMODORO DA MENSA DELL'ITALIA

.000 Euro Ton Euro/kg

Export 2008 2009 2010

Var. %

2010/09

2008 2009 2010

Var. %

2010/09

2008 2009 2010

Var. %

2010/09

World 164.703 147.074 216.802 47% 114.433 93.427 128.831 38% 1,44 1,57 1,68 7% 100%

Germany 62.899 52.415 75.681 44% 38.412 29.535 40.855 38% 1,64 1,77 1,85 4% 32%

Austria 22.758 24.343 35.002 44% 15.436 15.329 19.007 24% 1,47 1,59 1,84 16% 15%

UK 16.630 14.993 22.301 49% 8.410 8.962 11.539 29% 1,98 1,67 1,93 16% 9%

Holland 6.018 9.837 15.479 57% 3.085 6.274 9.588 53% 1,95 1,57 1,61 3% 7%

France 7.311 6.266 13.432 114% 5.364 4.554 8.852 94% 1,36 1,38 1,52 10% 7%

Switzerland 8.924 9.760 10.200 5% 4.522 4.464 4.829 8% 1,97 2,19 2,11 -3% 4%

Denmark 4.172 4.169 7.193 73% 2.365 2.435 3.816 57% 1,76 1,71 1,89 10% 3%

Slovenia 7.777 5.776 6.771 17% 8.084 5.657 6.430 14% 0,96 1,02 1,05 3% 5%

Poland 2.964 3.822 6.479 69% 2.174 3.257 4.790 47% 1,36 1,17 1,35 15% 4%

Romania 9.026 2.830 5.839 106% 11.835 3.449 6.733 95% 0,76 0,82 0,87 6% 5%

EU27_INTRA 151.970 135.273 203.655 51% 105.281 87.043 122.133 40% 1,44 1,55 1,67 7% 95%

EU27_EXTRA 12.733 11.801 13.147 11% 9.152 6.384 6.698 5% 1,39 1,85 1,96 6% 5%

Import 2008 2009 2010

Var. %

2010/09

2008 2009 2010

Var. %

2010/09

2008 2009 2010

Var. %

2010/09

World 79.260 115.322 100.898 -13% 87.900 132.155 96.590 -27% 0,90 0,87 1,04 20% 100%

Holland 24.187 36.965 38.243 3% 25.300 48.597 39.573 -19% 0,96 0,76 0,97 27% 41%

Spain 25.637 26.589 19.911 -25% 31.747 31.399 20.824 -34% 0,81 0,85 0,96 13% 22%

France 14.430 20.810 13.410 -36% 15.946 22.232 13.108 -41% 0,90 0,94 1,02 9% 14%

Germany 9.310 11.221 12.718 13% 7.604 9.841 8.574 -13% 1,22 1,14 1,48 30% 9%

Israel 10.917 9.359 -14% 8.403 7.314 -13% 1,30 1,28 -2% 8%

Belgium 2.037 4.499 3.993 -11% 2.199 4.711 3.501 -26% 0,93 0,96 1,14 19% 4%

Morocco 1.782 2.550 1.375 -46% 3.006 4.942 1.915 -61% 0,59 0,52 0,72 39% 2%

Poland 978 949 683 -28% 1.331 1.303 675 -48% 0,73 0,73 1,01 39% 1%

Austria 185 162 483 198% 117 84 404 382% 1,58 1,94 1,20 -38% 0%

Tunisia 394 330 392 19% 311 284 295 4% 1,27 1,16 1,33 14% 0%

EU27_INTRA 77.018 101.381 89.571 -12% 84.511 118.400 86.849 -27% 0,91 0,86 1,03 20% 90%

EU27_EXTRA 2.241 13.942 11.327 -19% 3.389 13.756 9.741 -29% 0,66 1,01 1,16 15% 10%

Source: reworking of Istat data by the author / Fonte: elaborazioni dell’autore su dati Istat


tance are Belgium, France, Italy and Portugal. A look at

EU exports to non-EU markets shows a see-saw pattern

with an apogee 220 thousand tons in 2007/08 and

a nadir of 125 thousand in 2004/05. The main exporters

are Holland, Poland, Lithuania and France, and they

ship mainly to Russia, Switzerland and Norway.

Exports to Russia had registered a rising trend with a

peak of 131 thousand tons up to 2007/2008, but have

since fluctuated. Switzerland’s nearly 21 thousand tons

of yearly imports evince a downward pattern, whereas

Norway’s current 20 thousand show a rising curve.

Surplus for Italy

Italy has a surplus balance of trade in table tomato

that amounts to almost €116 million, with nearly all of

its trade earmarked for its EU counterparts (see table).

Noteworthy in this connection is the considerable

decline in imports, which dropped by 27% to 97 thousand

tons in 2010 compared to 2009.

Italy’s main export markets are the Netherlands at 41%

by volume, Spain at 22%, France at 14% and Germany

at 9%, and it imports 8% of demand from Israel and

just 2% from Morocco. It has a markedly good export

year in 2010, dispatching 129 thousand tons for

receipts of €217 million mainly to Germany (32%),

Austria (15%), the UK (9%) and to the non-EU markets

of Switzerland (4%), Norway and Croatia (


market/Apulia table grape

mercato/uva da tavola pugliese

Table grape between

hammer and tongs

Uva da tavola fra incudine

e martello

Giuseppe Francesco Sportelli

Growers and packers are seeing higher costs and lower prices. Better prospects

attached to higher farmgate for seedless varieties that are now grown in Apulia too

Per produttori e confezionatori aumentano i costi e diminuiscono i prezzi. Prospettive

migliori con le apirene che si diffondono anche in Puglia grazie alla maggiore redditività

economica

Caught between the anvil of rapidly

rising overhead and the

hammer of declining prices is the

picture of producers emerging from

the pressures exerted by big retail.

Apulia’s table-grape business operators,

whether simple growers or

those who are also packers and

marketers, are facing hard times.

«This year’s a good case in point: were

looking at good yield and top-quality

crop thanks to the clear skies and

hot weather in August and

September that led to perfect ripen-

Giacomo Suglia.

ing and excellent export conditions –

Giacomo Suglia.

said Giacomo Suglia, CEO of Ermes

Farms at Noicattaro, Bari Province, and President of

the Apeo association of produce exporters, which

gathers together more than 80% of Apulia’s table

grape growers and exporters. – The problem is that the

returns for growers and packers are too low compared

to our overhead outlays (see table). Big retail says the

low prices paid to us are needed to help keep their

overhead down in an effort to counteract the downturn

in consumer purchasing power and, hence, encourage

spending. Well, as growers and packers, we’re ready to

do our part but you can’t ask just us to pay the bill of

the fallout from the recession hitting consumer spending

while letting others profit from the work we do».

Suglia’s viewpoint stems from the low prices resulting

from a season that appeared to hold out a lot more

promise given the expected yields and quality.

«Tunnel-forced Victoria grape for the early-season

30 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

Stretti fra l’incudine del rapido incremento

dei costi e il martello della

pressione in basso sui prezzi, applicata

dalla grande distribuzione organizzata.

I produttori pugliesi di uva da

tavola, sia i semplici viticoltori sia quelli

che, oltre a produrla, la confezionano

e commercializzano, stanno vivendo

annate difficili.

«Esattamente come quella in corso:

molto buona per la quantità, addirittura

eccellente per la qualità, poiché il

bel tempo e le alte temperature di

agosto e settembre hanno favorito

una perfetta maturazione e permesso

di raccogliere uva destinata all’esportazione

in ottime condizioni - dichiara Giacomo Suglia,

amministratore della Ermes snc di Noicattaro (Ba) e presidente

dell’Associazione produttori esportatori ortofrutticoli

(Apeo), che associa più dell’80% dei produttori ed

esportatori pugliesi di uva da tavola - ma i prezzi al produttore

o al confezionatore sono troppo bassi a fronte

dei costi che siamo costretti a sopportare (vedi tabella).

La Gdo giustifica tale pressione verso il basso nei nostri

confronti con la necessità di contenere i prezzi al banco

per contrastare la diminuzione del potere d’acquisto dei

consumatori e, quindi, favorire i consumi. Bene, noi produttori

e confezionatori siamo disposti a fare la nostra

parte, ma gli effetti della crisi economica, che si riverberano

sui consumi, non dobbiamo pagarli solo noi e

lasciare che altri speculino sul nostro lavoro».

Il ragionamento di Suglia parte dall’analisi dei bassi

prezzi spuntati in una campagna che, per le premesse


market brought growers €0.35-0.60 a kilo depending

on quality, and packers got €0.65-1.00 a kilo depending

on type of packaging and end market. Cv. Italia

grape is expected to yield growers €0.40-0.60 a kilo

and not a lot more for packers and marketers. It’s simply

not enough to keep ahead of continuously rising

overhead, including fertilisers, crop sprays, netting

and coverings, machinery and equipment, irrigation

lines and water itself. Not to mention the cartons and

other materials that have to be added to the list for

packing houses».

Unjustified increases

For example, Suglia said, Apeo has received in the last

few weeks a number of complaints from members about

uncalled for price hikes for punnets, packing cartons

and other material used to package table grape.

«In the wake of these events, which seriously undermine

the competitive edge of F&W businesses in the international

marketplace, Apeo gathered information from its

members regarding the reasons why packaging firms

The market goes seedless

Il mercato va verso le apirene

«As we’ve seen again this year, international market demand

for table grape is shifting towards seedless - noted Suglia –

and supplies are gradually falling in line since seedless varieties

command higher prices. Indeed, Superior and the other

first white cultivars paid growers € 0.85-0.90 a kilo and packers

€1.40-1.60 a kilo. The downside is that overhead outlays

are higher too for both field management practices and postharvest

storage while yields supporting these costs are lower

fro seedless varieties compared to seeded ones».

Although seedless cultivars are not the cure-all for the ills of

the industry, they are becoming more popular among Apulia’s

growers because of the relatively higher prices they command

and farmgate they thus deliver.

«Growers are gradually coming round to them – he added.

– The fact that 70-80% of new plantings in Apulia are of

seedless cultivars is proof of it. Even in my own 30 ha of

table grape, where I already grow the seeded cultivars

Black Magic, Victoria, Italia, Red Globe and Michele Palieri,

I’ve introduced seedless cvs. Sugraone for the mid-to-highend

markets of the UK and Scandinavia and Regal for good

but less demanding markets like Germany and Italy. A more

general view shows that it’s easier to introduce or convert

to seedless in countries like Spain, Egypt, Chile and other

places that have no, or a negligible, tradition of table-grape

growing, whereas a similar transition or phase-in is harder

to achieve in countries like Italy where seeded varieties

have been grown for centuries. So, we’re trying hard to

make up for lost time without ignoring cultivars with seeds,

offerte dalla quantità e qualità dell’uva, sembrava promettere

molto di più.

«L’uva Victoria coperta per l’anticipo è stata pagata 0,35-

0,60 €/kg al produttore, secondo la qualità, e 0,65-1,00

€/kg al confezionatore in funzione del tipo di confezionamento

e del mercato di destinazione. E per l’uva Italia si preannuncia

un prezzo al produttore di 0,40-0,60 €/kg e poco

più per chi confeziona e commercializza. Troppo poco per

far fronte ai costi in costante crescita di fertilizzanti, agrofarmaci,

reti e teli plastici, macchine e attrezzature agricole,

materiali per l’irrigazione e l’acqua stessa. E, per chi confeziona,

anche degli imballaggi».

Aumenti ingiustificati

Ad esempio, informa Suglia, nelle ultime settimane

l’Apeo ha ricevuto numerose segnalazioni dai propri

associati su ingiustificati incrementi dei prezzi di cestini,

imballaggi in cartoni, e altro materiale utilizzato per il

confezionamento dell’uva da tavola.

«In seguito a tali inquietanti segnali, che minano seriamente

la competitività degli operatori sui mercati internazionali del-

which have and will always have a good market». (DV)

«La domanda internazionale di uva da tavola, ne abbiamo avuto

conferma anche quest’anno, si sta indirizzando verso le uve apirene

– afferma Giacomo Suglia - e l’offerta pian piano si adegua,

perché questo mercato paga meglio. Infatti, la varietà Superior e

le altre prime apirene bianche sono state pagate 0,85-0,90 €/kg

al produttore e 1,40-1,60 €/kg al confezionatore. Bisogna tuttavia

considerare che anche i costi sono più elevati, sia in campo

sia in magazzino, e si vanno a spalmare su una resa più bassa di

quella delle uve con semi».

Benché le uve apirene non siano il toccasana per i problemi del

comparto, si stanno espandendo anche in Puglia proprio grazie

alla loro maggiore, seppur relativa, redditività economica.

«I produttori si stanno adeguando – prosegue – lo testimonia il

fatto che in Puglia il 70-80% dei nuovi impianti è costituito da

uve apirene. Anch’io, nella mia azienda di 30 ha, già coltivati a

uve con semi delle varietà Black Magic, Victoria, Italia, Red

Globe e Michele Palieri, ho introdotto da qualche tempo le apirene

Sugraone per mercati medio-alti come Inghilterra e Paesi

scandinavi e Regal per mercati buoni, ma meno esigenti, come

Germania e Italia. Più in generale si può dire che mentre in

Spagna, Egitto, Cile e altri Paesi, nei quali manca, in tutto o in

parte, una tradizione della coltivazione dell’uva da tavola, è

stato più facile iniziare con le apirene o passare a esse, in Italia,

terra dedita da tempo alla coltivazione di varietà con semi, è più

difficile compiere questa transizione. Ma, senza tralasciare le

uve con semi, che hanno e avranno sempre un buon mercato,

stiamo cercando di recuperare il tempo perduto». (GFS)

Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

31

market/Apulia table grape

mercato/uva da tavola pugliese


market/Apulia table grape

mercato/uva da tavola pugliese

were demanding, without negotiating, across-the-board

price increases. A preliminary round of talks found that

the reasons these companies adduced were rather

vague and hardly, if at all, backed by hard figures and

irrefutable facts. The only certainty we have is the

amount of the price hike, which in some cases is well

above 10% compared to last year. As I said before, these

increases are truly damaging to our businesses in an

international arena where competition runs high among

players from Italy, Spain, Greece, Egypt and Turkey on

the one hand and where downward pressures exerted on

prices by big retail are just as damaging on the other».

These «increases are unjustified and certainly not in line

with the most elementary rules of fair business practices

and transparency», and, according to Apeo, are damaging

to the competitive market profile of Italian produce.

That’s why, Suglia said, «if things continue in this way

and packaging suppliers can’t come up with objective

reasons to justify these increases, table grape exporters

will gradually stop using packaging that becomes progressively

more costly and begin working out together

Cv. Italia grape from Ermes Farms at

Noicattaro, Bari Prov.

Uva Italia della Ermes snc di Noicattaro (Ba).

32 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

Cv. Michele Palieri from Ermes Farms.

Uva Michele Palieri della Ermes snc.

l’ortofrutta, l’Apeo ha assunto in via informale dai propri

associati altre informazioni riguardo alle motivazioni portate

dai fornitori d’imballaggi a sostegno delle richieste, non

negoziabili, di aumento dei prezzi. Da un primo giro di consultazioni,

tali motivazioni sono apparse generiche e poco, o

per nulla, sostenute da prove oggettive e inconfutabili.

L’unico fatto certo è l’entità degli incrementi di prezzo rispetto

al 2010, in alcuni casi ben superiori al 10%. Tali aumenti

costituiscono un grave danno per la competitività degli operatori

associati, tanto più in un contesto internazionale di fortissima

concorrenza tra produttori di Italia, Spagna, Grecia,

Egitto, Turchia e di altrettanto forte pressione della grande

distribuzione organizzata sui prezzi di acquisto».

Questi «ingiustificati aumenti, non rispondenti alle più

elementari regole di buona fede e trasparenza commerciale»,

secondo l’Apeo provocano un forte danno alla

competitività del prodotto italiano.

Perciò, sostiene Suglia, «se essi perdurano e se i fornitori

d’imballaggi non adducono motivazioni reali che li giustifichino,

gli esportatori di uva da tavola saranno progressivamente

disincentivati all’utilizzo di tali imballaggi sempre più

Grapes with seeds have and will

retain a solid market. The photo

shows cv. Red Globe grown in districts in

south-eastern Bari Province.

Le uve con semi hanno e manterranno

comunque un buon mercato. Nella foto uva

Red Globe prodotta nel sud-est barese.

CV. ITALIA: MANAGEMENT OUTLAYS AT CROP RIPENING WITH HAIL NETTING, TUNNEL COVERING FOR EARLY FORCING AND FOR LATE RIPE-

NING (€/HA 2010) / UVA ITALIA: COSTI DI PRODUZIONE NELLA FASE DI MATURITÀ DEL VIGNETO CON RETE ANTIGRANDINE, CON FILM PLASTI-

CO PER ANTICIPO E CON FILM PLASTICO PER POSTICIPO (€/HA 2010)

Cost / Costi

Hail net /

Rete antigrandine

Early cover /

Film per anticipo

Late cover /

Film per posticipo

Labour / Manodopera 5.128 6.022 7.367

Machinery & equipment / Macchine e attrezzi 1.012 1.046 1.507

Sprays / Mezzi tecnici 3.150 2.900 4.450

General overhead / Spese generali 1.400 1.925 3.000

Vineyard depreciation rate / Quota ammortamento impianto 2.500 4.100 3.200

Interest on loans / Interesse su capitale anticipazione 198 240 293

Land-use price over capital invested / Prezzo d'uso del capitale fondiario 1.050 1.050 1.050

Total / Totale

Source/Fonte: Apeo

14.438 17.283 20.867


Big retail pushing Italia grape in Europe

La Gdo promuove l’uva italia in Europa

No fewer than two thousand eight hundred tons of the Italia table grape

variety were the focal point of a September promotional campaign at the

3,000 outlets of the Conad chain in Italy (1000 t) and at the more than 17

thousand retail outlets combined of Rewe in Germany (1000 t), Coop Suisse

in Switzerland (500 t) and Colruyt in Belgium (300 t).

The premium quality bunches of the finest Italia grapes grown by Italy’s viticulturalists,

were sold in the four countries at the bargain price of €1.20 a

kilo. The campaign itself was backed by Conad with a blanket advertising

blitz on national TV channels and at retail outlets, the latter including prominent

poster displays and leaflet distribution, for a total advertising budget of

€500 thousand.

«We see Apulia as “Italy’s California”, a region with a wealth of quality

food commodities like table grape. In effect, it was in the name of that

very quality – noted Conad’s CEO Francesco Pugliese at the press conference

held in Bari announcing the campaign – that we undertook this

considerable promotional initiative both in our outlets and, in a joint

effort, at those of our European partners in Coopernic, the coop established

by Coop Suisse, Colruyt, Rewe and the France-based E. Leclerc to

exchange know-how and take advantage of synergies in trade, logistics,

marketing, and development. It’s a collaboration that lets us all make a

concerted effort in regard to a series of joint ventures that go beyond

simple promotions of local foods and focus on bringing regional specialities

to the outlets of big retail chains in Europe as well as in Italy».

«Conad’s joint venture with its European partners in regard to Italia

table grape will boost the profile and popularity of our best food commodities

in the domestic and international marketplace» emphasised

Roberto Romagno, mayor of Rutigliano, one of the key growing districts

just south-east of Bari whose vines provided many of the table

grapes featured in the promotional campaign.

Another note of satisfaction over the venture was struck Legacoop

Puglia President Carmelo Rollo.

«The promo effort undertaken by Conad and its European partners will

result in growth for Apulia growers and help to promote and heighten

consumer awareness of a key product for our farm sector like table

grape. Competing in Europe for market share of food commodities

means creating supply hubs and undertaking promotional and advertising

campaigns».

This joint venture of big European retail chains to promote and market

table grape will not end here according to Coop Suisse’s fruit-sector

chief Vladimir Cob.

«We’ve decided to set up in Apulia, as we’re already doing in Spain

with strawberry, a venture to produce eco-compatible table grapes.

Italian, Swiss Belgian and German consumers are increasingly concerned

about the sustainability of the foods they purchase. This new

venture is designed to meet the demand from consumers who want

not only foods that are good and tasty but that also protect our soil,

water and air resources. In other words, consumers are looking for

foods that protect nature and come from farms that respect national

labour contracts and do not exploit underpaid, illegal field hands. The

idea is to offer consumers healthier, more eco-sustainable table

34 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

grapes that protect the environment and are grown under proper

labour contracts». (DV)

Ventottomila quintali di uva Italia sono stati protagonisti a settembre di

una campagna promozionale nei 3.000 punti vendita di Conad in Italia

(10mila q) e negli oltre 17mila punti vendita di Rewe in Germania (10mila

q), Coop Suisse in Svizzera (5mila q) e Colruyt in Belgio (3mila q).

I grappoloni di prima qualità, cioè la migliore uva Italia prodotta dai viticoltori,

sono stati venduti nei quattro Paesi a un prezzo molto conveniente,

1,20 €/kg. L’iniziativa è stata sostenuta da Conad con un’importante

campagna informativa sulle televisioni nazionali e nei punti vendita, dove

sono state esposte locandine e distribuiti volantini promozionali, per un

investimento complessivo in comunicazione pari a 500mila euro.

«Consideriamo la Puglia la “California d’Italia”, terra eccezionalmente ricca di

prodotti agroalimentari di qualità, come l’uva da tavola. Proprio in nome di tale

qualità - ha dichiarato il direttore generale di Conad, Francesco Pugliese, nella

conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa a Bari - abbiamo messo in

atto un notevole sforzo promozionale sulla nostra rete di vendita e di collaborazione

attiva con i partner europei di Coopernic, la società cooperativa costituita

con Coop Suisse, Colruyt, Rewe e la francese E. Leclerc per scambiarsi know

how e realizzare sinergie in ambito commerciale, logistico, del marketing e

dello sviluppo. Una collaborazione che ci consente di concertare e articolare

una serie di azioni che vanno oltre la semplice promozione dei prodotti tipici per

portare le migliori produzioni tipiche regionali ad essere protagoniste anche dei

canali della grande distribuzione europea, oltre che di quelli italiani».

«L’operazione di Conad e dei suoi partner europei sull’uva Italia favorirà la

notorietà e la diffusione delle nostre migliori produzioni sul mercato nazionale

e internazionale» ha sottolineato Roberto Romagno, sindaco di

Rutigliano, uno dei centri più importanti nella produzione di uva da tavola

nel sud-est barese, dai cui tendoni è provenuta l’uva da tavola oggetto

della campagna promozionale).

Altrettanta soddisfazione per l’iniziativa è venuta dal presidente di

Legacoop Puglia, Carmelo Rollo.

«Le iniziative svolte con Conad e con i partner europei porteranno sviluppo

per le aziende della Puglia e potranno contribuire alla promozione e

alla conoscenza di un prodotto, l’uva da tavola, importante per la nostra

agricoltura. Per competere in Europa e dare sbocco alle produzioni è

necessario avviare progetti di accorpamento dell’offerta e di valorizzazione

del prodotto».

La collaborazione fra catene commerciali europee nella promozione e

valorizzazione dell’uva da tavola non si ferma a questa iniziativa e l’ha

spiegato il responsabile frutta di Coop Suisse, Vladimir Cob.

«Abbiamo deciso di lanciare in Puglia, come stiamo già facendo in Spagna

per le fragole, un progetto di produzione di uva da tavola ecocompatibile. I

consumatori italiani, svizzeri, belgi, tedeschi sono sempre più sensibili alla

sostenibilità dei prodotti acquistati. Questo progetto risponderà ai consumatori

che ci chiedono prodotti non solo buoni e gustosi, ma che rispettino

anche il suolo, l’acqua, l’aria, cioè la natura, provenienti da aziende agricole

che onorano i contratti di lavoro e non fanno ricorso a lavoro nero sottopagato.

Così potremo offrire uva da tavola più sana e sostenibile, rispettosa

dell’ambiente e di regole del lavoro condivise». (GFS)


Bunches of Italia grape, the cultivar featured in the Europe-wide

promotional campaign.

Grappoloni di uva Italia, oggetto della campagna promozionale in

Europa.

with big retail and traditional retailers alternative

approaches to packing. Apeo also intends to find out if

packaging suppliers have engaged in unfair or monopolistic

trade practices. Should this prove to be the case,

we reserve the right to lodge a formal complaint with the

Anti-trust Authority. As producers, packers and

exporters, we have the duty to protect a key sector of

Apulia’s farm industry, a sector that accounts for 70% of

Italy’s tale grape exports, for a volume of 473,939 tons

in 2010 and revenues of €554 million».

(English version by David Verzoni)

Apulia too is now shifting production towards seedless varieties.

The photo shows bunches of cvs. Superior and Sugraone.

Anche la Puglia sta orientando la propria offerta verso le uve apirene.

Nella foto grappoli di uva uva Superior o Sugraone.

cari e studieranno e concorderanno con la Gdo e i dettaglianti

tradizionali forme alternative di confezionamento.

L’Apeo, inoltre, intende verificare che tra i fornitori d’imballaggi

non ci siano state intese anticoncorrenziali o abusi di

posizione dominante. Nell’eventualità, si riserva il diritto di

adire l’autorità garante per la concorrenza e il mercato (antitrust).

Noi produttori e confezionatori/esportatori vogliamo

tutelare un comparto decisivo per l’agricoltura pugliese,

che detiene più del 70% della produzione ed esportazione

italiana di uva da tavola pari, quest’ultima, a 473.939 t nel

2010, per un valore di 554 milioni di €».

market/Apulia table grape

mercato/uva da tavola pugliese


product/apples

prodotto/mele

Paolo Moltoni

CEO of Melavì

Cooperative.

Direttore di Melavì.

36 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

Paolo Moltoni

Melavì, integrated

production of small

growers

Melavì, la lotta integrata

di piccoli produttori

Carlo Bridi

Most Valtellina apples bear the coop’s label. A good crop seen this year, although

a hail-damaged 30% will go to processors

La stragrande maggioranza delle mele della Valtellina ha il marchio della cooperativa.

Buona la produzione di quest’anno, anche se il 30%, rovinata dalla grandine, dovrà

essere destinata all’industria

Valtellina’s a perfect area for apple growing. We asked

Paolo Moltoni, CEO of Melavì Coop, whose members

produce 80% of the valley’s crop, for his take on the

industry’s current situation and outlook.

How best to describe the valley’s apple industry?

Valtellina covers an area of nearly 1000 hectares with

the orchards bounded by the peaks of Ponte in

Valtellina, Bianzone and Villa di Tirano and that of

Tovo San Agata.

Una zona vocata alla produzione di mele è la Valtellina.

Sulla situazione e le prospettive del settore abbiamo

sentito Paolo Moltoni, direttore della cooperativa Melavì

che raggruppa l’80% della produzione.

Come si caratterizza la frutticoltura della valle?

La frutticoltura valtellinese si estende su circa 1000 ettari

e in particolare sul conoide di Ponte in Valtellina, sul

conoide di Bianzone e Villa di Tirano e su quello di Tovo

San Agata.


product/apples

prodotto/mele

What volumes do

you produce and

who takes care

of post-harvest

handling?

The valley’s crop is

now approaching

40 tons, or 2% of

the national total.

Nearly 80% of the

apples grown here

are taken for postharvest

handling

and marketing to

Melavì, a Producer

Organisation

recognised by the EU Commission.

How many growers are members?

We about have about 600 small-plot producers with

an average orchard size of about one hectare. These

orchards are also highly fragmented in small plots of

2000 square metres.

What varieties do you grow?

The most popular cultivars are Stark Delicious,

Golden Delicious and Gala, all of which are historically

traditional here and earned us the EU’s Pgi quality

seal in March 2010. One of the latest cultivars to be

introduced is Fuji, which like all red varieties has

found favourable soil and climate here. When it

comes to introducing new varieties and crop management

techniques, our extension agents collaborate

with their counterparts and research centres in

Lombardy and Trent-South Tyrol.

Have you got your own orchard guidelines?

Valtellina orchards adopted more than twenty years

ago a code of integrated fruit crop production standards

that was drawn up jointly with Sondrio provincial

and Lombardy regional authorities. So, all our orchards

are managed under IP criteria, which call for continuous

monitoring of plant development stage and logging

of weather data, as well as the use of traps to detect

the presence of the most harmful pests.

What kind of crop are you seeing this year?

We’ve got considerable volume but also, and unfortunately,

hail damaged nearly 30% of the crop and that

part will go to processors. Melavì has already begun

making apple juice but certainly won’t be able to handle

a volume as big as that.

What are your key markets?

The biggest market for Melavì is Lombardy, where we

sell nearly 50% of our crop, followed by the 37% we

38 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

Quali sono i volumi

di produzione e

dove avviene il

conferimento?

La produzione si

avvicina ai 400mila

quintali (il 2% di

quella nazionale) e

circa l’80% delle

mele prodotte in

Valtellina viene conferito

e commercializzato

da Melavì che

è un’organizzazione

di produttori riconosciuta

dalla CE.

Quanti sono i produttori?

Sono circa 600 con ridotte dimensioni aziendali e una

superficie media attorno all’ettaro: le aziende si caratterizzano

anche per l’elevata frammentazione degli

appezzamenti di piccole dimensioni (2000 mq).

Quali le varietà coltivate?

Le cultivar maggiormente coltivate sono la Stark

Delicious, la Golden Delicious e la Gala (varietà storiche

per cui la Valtellina ha ottenuto nel marzo 2010 il riconoscimento

europeo mela di Valtellina Igp). Ultimamente è

stata introdotta anche la Fuji che, come tutte le varietà

rosse, ha trovato nel nostro territorio terreno e clima

favorevole. Per quanto riguarda il rinnovo varietale e le

tecniche di coltivazione, i nostri tecnici collaborano con

i tecnici e gli istituti di ricerca della Lombardia e del

Trentino Alto Adige.

Avete un regolamento di autodisciplina?

Da più di vent’anni le aziende valtellinesi adottano il

regolamento di autodisciplina per la produzione integrata

in frutticoltura, redatto in collaborazione con la

Provincia di Sondrio e la Regione Lombardia. La gestione

dei frutteti avviene secondo i principi della lotta integrata

che si basa su continui rilievi fenologici, meteorologici

e l’utilizzo di trappole per il monitoraggio della presenza

degli insetti più dannosi.

Com’è la produzione quest’anno?

È quantitativamente notevole ma, purtroppo, in parte

(circa il 30%) è stata rovinata dalla grandine e dovrà

essere destinata all’industria. Melavì ha iniziato la produzione

di succo di mela, ma in misura che non potrà sicuramente

assorbire un così grande quantitativo.

Quali i mercati più importanti?

Il mercato più importante per Melavì è quello lombardo

che assorbe circa il 50% della produzione, mentre il

37% raggiunge i più importanti centri del centro e nord


sell in the big towns and cities of north and central Italy,

and a good 13% that is sold in export to Libya, Egypt,

the Czech Republic, Albania, Romania and Serbia.

Do you grow an organic crop?

At the moment we have only one certified organic

orchard of nearly a hectare in size, the rest being under

the IP regime. Converting most of our plots to organic

is no mean feat for a number of reasons. To begin with

you have the fragmented nature of the valley’s holdings.

As we’ve noted, their average 2,000 sq m size doesn’t

lend itself to setting up distances or fences to separate

the organic from the IPs and their sprays, although even

the organic crop is treated but with non-synthetic active

ingredients like copper and polysulphides. Indeed, to

keep treatments to a minimum, you’d have to plant

scab-resistant cultivars like those in our test orchard,

although they are still unfamiliar to and so not in

demand by consumers and we haven’t got the marketing

muscle to promote them. Today our apples are

analysed at harvest and the results so far are more than

satisfactory as almost all have hit the target of being

under the legal 30% threshold residue level. We believe

that apple is one of the safest foods and all they need

is a rinse under tap water and they’re ready to eat.

(English version by David Verzoni)

Italia e una quota significativa del 13% è collocata

all’estero (Libia, Egitto, Repubblica Ceka, Albania,

Romania, Serbia).

Producete anche mele biologiche?

Per quanto riguarda la coltivazione di mele biologiche, è

stato certificato un frutteto di circa un ettaro. La restante

produzione è integrata. La conversione a biologico di

gran parte degli appezzamenti è difficile per diversi

motivi: in primis la frammentazione del territorio. Gli

appezzamenti sono di circa duemila metri quadri e,

quindi, non permettono di realizzare distanze o barriere

che li separino dagli altri per limitare i trattamenti sul biologico

(….perché anche qui si fanno trattamenti come

nei frutteti a coltivazione integrata, usando molecole

non di sintesi quali rame o polisolfuri). Per limitarli al

massimo, occorrerebbe piantare varietà resistenti alla

ticchiolatura, come nel nostro frutteto sperimentale, che

non sono però ancora conosciute e apprezzate dal

mercato e noi non abbiamo la forza di promuoverle. Le

mele sono analizzate alla raccolta e i risultati sono più

che soddisfacenti con l’obiettivo raggiunto, quasi per

tutti, di avere residui sotto la soglia del 30% di quello

ammesso per legge. Crediamo che la mela sia uno dei

prodotti più sicuri e uno sciacquo sotto l’acqua lo renda

pronto a essere mangiato.


product/apples

prodotto/mele

Production in Alto Adige is expected to fall just shy of 50,000 tons thanks to the conversion of ever increasing numbers of orchards to

organic cultivation.

Sfiora le cinquantamila tonnellate la produzione prevista in Alto Adige, anche grazie alla conversione dei frutteti a biologico, in costante crescita.

Half of Europe’s organic apples

come from Alto Adige

Mele biologiche in Europa,

la metà è targata Alto Adige

Carlo Bridi

Production in the province of Bolzano represents 45% of the European total with

an increase of 12% expected with respect to 2010. In the rest of Italy production

should exceed 20 thousand tons compared to 12 thousand last year

La produzione, in provincia di Bolzano, rappresenta il 45% di quella europea, con un

aumento previsto del 12%, rispetto a quella registrata nel 2010. In Italia, si andrà oltre

le 20mila tonnellate, contro le 12mila dell’anno scorso

This year, for the first time, the production of organic

apples in Central Europe will exceed 100 thousand

tons. That’s what is being forecast by the company

AMI (Agramarket Informations-GmbH). To be

precise, production should increase by 18%, reaching

110,500 tons. According to the Alto Adige centre for

technical consultation, this result is due to an increase

in the surface area under organic cultivation. After

40 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

Per la prima volta, quest’anno, la produzione di mele

biologiche in Europa centrale supera le 100mila tonnellate.

Sono queste le previsioni fornite dalla società Ami

(Agramarket Informations-GmbH). Per la precisione, la

produzione dovrebbe aumentare del 18%, raggiungendo

così 110.500 ton. Il risultato, affermano al centro di consulenza

tecnica dell’Alto Adige, è dovuto all’incremento

della superficie coltivata secondo i canoni dell’agricoltura


product/apples

prodotto/mele

Alto Adige with 45%, comes Germany with 35%,

Austria with 10%, the Netherlands with 4%, and

France and Belgium with 3% each.

According to Michaela Erschbamer of the consultancy

centre, commenting in “Frutta e Vite”, Bolzano

Province should produce about 49,319 tons this year,

a figure which represents 45% of the total European

organic apple crop. Of these, a good 43,081 tons is

destined for fresh consumption. The increase on

2010 is estimated at 12%, as a further 166 hectares

of orchard have been converted to organic cultivation

making a total area of 1,196 hectares. As far as the

rest of Italy is concerned, the consultant says that it is

only possible to hazard an estimate. If nearly 12,000

tons were produced last year, this year, thanks to an

increase in the surface area under organic regimes,

production could exceed 20,000 tons.

According to Armando Paoli, director of SFT

(Società Frutticoltori Trento), the Trentino cooperative

whose members grow three-quarters of the

organic apples produced in the province, production

in the province has been modest: in the order of 40

thousand quintals, of which 30 thousand tons are

marketed by his cooperative, and 10 thousand by

the PO Melinda. The latter has just launched (in

2011) a project for expanding the production of

organic apples in the Valle di Non.

«But things are on the move outside the Val di Non

too - Paoli says - because several companies are in

the process of converting. In the meantime, however,

the market is becoming more exacting in terms of

quality standards: it is now demanding defect free

apples like those produced in regimes of integrated

production of organic producers too».

Falling prices

When it comes to prices, Paoli foresees a tendency for

prices to fall with a reduction of about 30% in the difference

between the traditional and organic product.

«This year, the organic market has been having a difficult

time - continues Paoli – because while supply

A plant for organic apples

Uno stabilimento per il biologico

42 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

More than 100,000 tons of organic apples were produced this

year in the countries of Central Europe

Sono più di centomila, quest’anno, le tonnellate di mele biologiche

prodotte nei Paesi dell’Europa centrale.

biologica. Dopo l’Alto Adige con il 45%, abbiamo la

Germania con il 35%, l’Austria con il 10%, i Paesi Bassi

con il 4%, la Francia e il Belgio con il 3% ciascuno.

Per quanto riguarda la provincia di Bolzano, Michaela

Erschbamer del centro di consulenza, commentando le

previsioni per “Frutta e Vite”, parla di una produzione di

mele biologiche in provincia di Bolzano di 49.319 ton,

che rappresenta il 45% del totale della produzione europea.

Di queste, ben 43.081 saranno destinate al consumo

fresco. L’aumento sul 2010 è stimato nel 12%, poiché

sono stati convertiti altri 166 ettari di frutteti a biologico

con una superficie complessiva di 1.196 ettari. Per

il resto dell’Italia, azzarda la consulente, è possibile fare

una stima. Se lo scorso anno c’è stata una produzione

di quasi 12.000 ton quest’anno, grazie all’aumento della

superficie coltivata secondo le regole dell’agricoltura

biologica, si potrà arrivare a oltre 20.000 ton.

Armando Paoli, direttore della cooperativa S.F.T. alla

quale fanno capo i tre quarti delle mele biologiche prodotte

in provincia, dice che in Trentino la produzione è assai

contenuta: siamo nell’ordine dei 40mila quintali dei quali

30mila vengono commercializzati dalla sua cooperativa, e

10mila da parte di Melinda. Op, quest’ultima, che proprio

nel 2011 ha lanciato un progetto per un ampliamento

della produzione di mele biologiche in Valle di Non.

‹‹Ma la situazione è in movimento anche fuori dalla val di

Non – afferma Paoli – in quanto siamo in presenza di

A new plant was opened in 2009 to handle all the organic apples produced in Alto Adige. It has a packing capacity

of about 150 quintals/hour. The product is packaged in different ways: in trays of 4, 6 or 8 apples, in flow packs

containing 3 apples, in bags and in bulk. An important plus is that the plant guarantees 100% traceability, which means

that consumers can identify the producer of a particular product. (LS)

Nel 2009 è stato inaugurato un nuovo stabilimento per la conservazione, la lavorazione e la vendita in forma unitaria di tutte le mele

biologiche dell’Alto Adige. La sua capacità di confezionamento è di circa 150quintali/ora. Il prodotto viene confezionato in diversi modi:

in vassoi da 4/6/8 mele, in flowpack a tre frutti, in sacchetti, stivato e alla rinfusa. Un aspetto importante per i consumatori è quello

che per il 100% del prodotto è assicurata la rintracciabilità, attraverso la quale il consumatore può risalire fino al produttore.


product/apples

prodotto/mele

Figure 1 – Distribution of land under organic in Central Europe.

Figura 1 – Ripartizione delle superfici coltivate a biologico in Europa centrale.

Alto Adige

45%

Paesi Bassi

4%

Source: Beratunsring dell’Alto Adige

Fonte: Beratunsring dell’Alto Adige

Beglio

3%

Austria

10%

Francia

3%

Germania

35%

has been growing but there has been little increase in

demand».

Gerhard Eberhöfer, sales manager of the organic sector

of VI.P, the Val Venosta PO, expresses a similar

view.

«Increased production – Eberhöfer says - is a cause

of concern, because supply is increasing much more

than demand. The market for organic apples is getting

more competitive and quality requirements are

becoming more and more demanding».

And production per hectare?

44 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

Some of the most common varieties in Alto Adige and Trentino.

Alcune tra le varietà più diffuse in Alto Adige e in Trentino.

parecchie aziende in conversione. Nel frattempo, però,

sta aumentando anche lo standard qualitativo richiesto

dal mercato, che ormai richiede, anche per il biologico,

una mela priva di difetti come quelle prodotte con il

metodo della coltivazione integrata››.

Calano i prezzi

Per quanto riguarda i prezzi, Paoli li indica come tendenzialmente

in calo, con una riduzione della differenza di

circa il 30%, fra il tradizionale e il biologico.

‹‹Quest’anno, il mercato del biologico ha avuto parecchie

difficoltà a decollare – prosegue Paoli – in conseguenza

del fatto che mentre l’offerta è in espansione, la

domanda aumenta di pochissimo››.

Analogo anche il parere di Gerhard Eberhofer, responsabile

commerciale del settore biologico della VI.P, la Op

della Val Venosta.

‹‹L’aumento della produzione – sostiene Eberhofer – è

visto con preoccupazione, perché l’offerta sta aumen-

ORGANIC APPLES: 2010 HARVEST AND 2011 FORECAST / MELE BIOLOGICHE, RACCOLTA 2010 E PREVISIONE 2011

variety harvest 2010 (t)* forecast 2011 (t)* change (%)

Golden Delicious 12.597 13.377 6

Gala 9.128 9.796 7

Braeburn 5.499 6.219 13

Red Delicious 2.155 2.741 27

Pinova/Evelina® 1.965 2.164 10

Fuji 1.821 2.351 29

Pink Lady® 1.247 1.961 57

gruppo Jonagold 936 1.131 21

Topaz 843 883 5

Granny Smith 644 850 32

Idared 619 584 -6

Kanzi® 174 229 32

altre varietà 785 797 2

total apples for fresh consumption / totale mele per il consumo fresco 38.413 43.081 12

* Apples for fresh consumption only. Source: Ami / * solo mele destinate al consumo fresco – fonte: Ami


«Organic production now differs little from integrated

production – says Paoli – the methods of cultivation

are similar, but organic producers are burdened with a

product that is usually smaller in size».

«In Alto Adige - Eberhöfer says – even when utilizing

organic methods, we have been able to attain production

levels of 400-500 tons per hectare, that is to say

only 25-30% less than with integrated production. If

we take differences in methods of cultivation and protection

into consideration too, this means that organic

production faces costs which are 10% higher than

those of integrated production».

The most widely cultivated varieties in both Alto Adige

and Trentino are Golden Delicious, Gala, Braeburn,

Red Delicious, Fuji, Pinova and Pink Lady. Followed,

in smaller amounts, by Jonagold, Topaz, Granny

Smith, Idared and Kanzi.

(English version by Lawrence Smith)

tando molto più della domanda. Il mercato delle mele

biologiche è sempre più conteso e i requisiti qualitativi

richiesti sono sempre più spinti››.

E la produzione a ettaro?

‹‹Ormai – afferma Paoli – la produzione del biologico è

molto simile a quella dell’integrato, le pratiche di coltivazione

sono analoghe, c’è solo un maggior onere nel raccolto

in quanto il biologico normalmente ha una pezzatura minore››.

‹‹In Alto Adige – dice Eberhofer – anche con la produzione

biologica siamo in grado di raggiungere i 400-500

quintali di mele a ettaro quindi, un 25-30% in meno rispetto

alla produzione integrata. Questo, assieme alle tecniche

colturali e alla difesa, ci porta ad avere un costo di produzione

maggiore del 10% rispetto a quello dell’integrata››.

Le varietà più diffuse sia in Alto Adige sia in Trentino, sono:

Golden Delicious, Gala, Braeburn, Red Delicious, Fuji,

Pinova, Pink Lady. Seguono, in quantità minori, il gruppo

Jonagold, Topaz, Granny Smith, Idared e Kanzi.

product/apples

prodotto/mele


product/mini-kiwis

prodotto/mini-kiwi

A new snack food: mini-kiwis

Il mini-kiwi diventa snack

Giulia Giovanelli

A curious but practical fruit has arrived from French fruit growers: Actinidia

Arguta, a tiny kiwi with edible skin that is attracting the attention of consumers

Dai coltivatori francesi arriva un frutto curioso e pratico: più piccolo e senza buccia,

l’Actinidia Arguta conquista l’attenzione dei consumatori

It is the size of a raspberry, has the smooth skin of a

blueberry, and is dark green in colour. Its most winning

feature is that it is very tasty, with the advantage

of an edible skin like that of a grape. It's called

Actinidia Arguta, and is the result of the genetic

improvement of existing varieties of kiwi.

The experience of the Sofruitleg cooperative

The French cooperative Sofruitleg has set itself the

goal of producing 10 thousand tons over the next five

years and is expanding the area of production from

the current 7 hectares to 500 hectares. The fruit, of

New Zealand origin, is stimulating great interest in the

fruit and vegetable sector and attracting great attention

from both operators and consumers, who appreciate

its snack-size dimensions and ease of consumption.

Fabien Bec, manager of Sofruitleg, the

company which is marketing and promoting the new

mini-kiwi, says: "This variety of miniature kiwi with

edible skin, is called 'Hardy' and its roots are far

more remote than you might think. It already

existed, but not in the form of the

present improved variety. Thanks

to research, the fruit, which

has its origin in exotic

varieties, has been

made robust

enough to be

grown on an

industrial scale.

Moreover, it has a

good shelf life”.

The product is packaged

in the same way as

berries, in 125 g trays, and is

sold at prices ranging from € 1.50

An Actinidia Arguta plantation.

Una coltivazione di Actinidia Arguta.

46 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

Ha le dimensioni di un lampone, la pelle liscia di un

mirtillo e il suo colore è verde scuro. La sua principale

caratteristica è proprio quella di essere molto

gustoso con il vantaggio di essere senza buccia, come

l’uva. Si chiama Actinidia Arguta, ed è il risultato di un

miglioramento genetico delle varietà già esistenti di kiwi.

L’esperienza della cooperativa Sofruitleg

La cooperativa francese Sofruitleg si è posta l’obiettivo

di produrne 10mila tonnellate da qui a cinque anni,

ampliando l’area produttiva dagli attuali 7 ettari a 500.

Il frutto, di origine neozelandese, sta suscitando forte

interesse nel settore ortofrutticolo, con grande attenzione

da parte degli addetti ai lavori e dei consumatori,

che apprezzano la dimensione snack e la facilità di

consumo dell’Actinidia Arguta. Fabien Bec, manager

dell’azienda Sofruitleg, società di marketing promotrice

del nuovo mini-kiwi, dice: «Questa varietà di kiwi in

miniatura, dalla pelle

edibile, si chiama

‘Hardy’ e ha radici

ben più lontane di

quanto si pensi.

Esisteva già, ma

non in forma di

varietà migliorate.

Il frutto, appartenente

alle varietà

esotiche, grazie alla

ricerca è stato reso

abbastanza forte da essere

coltivato su scala

industriale. Inoltre, si

conserva sufficientemente

a lungo per restare

sul mercato».

Il prodotto è confezionato con gli stessi

packaging dei frutti di bosco, vaschette del

peso di 125 gr, vendute a un prezzo che


Citrus, crop on the rise and new prospects for Italian kiwi

Agrumi, produzione in aumento e per il kiwi italiano

nuove prospettive

The focus of the third European Fruit

Summit, the conference held this past 4

October as a preview of the Macfrut

2011 trade show, focused attention on

the situation of apple, pear, kiwi and the

vegetables that are currently the leaders

of the F&V trade.

A look at citrus showed that competition

is concentrated round the producers of

the Mediterranean Basin and their

African and Asian rivals, who are driving

an ever harder bargain. In effect, according

to Freshfel’s Philippe Binard, we can

anticipate a 22% rise from Turkey and a

6% one from Morocco, not to mention

Egypt, although no reliable estimates are

yet available for it. Italy too expects to see

a rise in its overall fruit crop on the year,

with volumes reaching 3.67 million tons

over the 3.018 million in 2010.

Last, but no less, important comes kiwi.

According to CSO, marketable crop (65

grams and over) will be up by 12% in

Italy, by far the biggest producer with

volume of 410,522 tons against last

year’s 461,500 tons, despite bacteria

outbreaks in the past few years. Several

Actinidia Arguta of the Hardy variety.

‘Hardy’, varietà di Actinidia Arguta.

to € 2.50/tray. The main areas of production are in France,

Portugal and the Netherlands. The fruit is harvested in

September and sold between October and November on

the French and Dutch markets, while the multiplication and

production of the plant takes place entirely in France.

(English version by Lawrence Smith)

points made in the debate following the

report appear to be of particular note for

kiwi’s future. For example, according to

the Chinese market expert Huliyeti

Hasimu, China’s kiwi crop cannot meet

domestic demand and so the country

will have to keep importing the crop.

This situation might lead, in the view of

Elena Koroleva of the Russian 7ya

supermarket chain, to a “domino effect”

even in Russia, where kiwi is still a rarity

with consumers and their spending

habits. (DV)

Durante la terza edizione dell’European

Fruit Summit, il convegno svoltosi il 4

ottobre scorso a Cesena come anteprima

al Macfrut 2011, è stata presa in esame

la situazione che stanno attraversando

alcune delle varietà ortofrutticole che

vanno per la maggiore: mele, pere, agrumi,

ortaggi e kiwi.

Per gli agrumi la competitività è concentrata

nei Paesi che si affacciano sul

Mediterraneo, con Africa e Asia che spingono

sempre di più la loro produzione:

secondo Philippe Binard di Freshfel, c’è da

attendersi un + 22% dalla Turchia e un +

6% dal Marocco, senza dimenticare l’Egitto

da cui mancano però indicazioni attendibili.

Anche l’Italia prevede una produzione in

aumento rispetto allo scorso anno, con un

totale complessivo di 3.670mila tonnellate

rispetto alle 3.018 del 2010.

Ultimo ma non meno importante, i kiwi.

Secondo il Cso, la produzione del commercializzabile

(65 grammi e oltre) crescerà

in Italia (che è di gran lunga il maggiore

Paese produttore) del 12%, portandosi

da 410.522 tonnellate a 461.500

tonnellate, nonostante i problemi di batteriosi

che si sono registrati negli ultimi

tempi. Particolarmente interessanti per il

futuro dell’actinidia sono state alcune

considerazioni esposte al dibattito che ne

è seguito: secondo l’esperta di mercato

cinese, Huliyeti Hasimu, la produzione

cinese di kiwi non soddisfa la domanda

interna e quindi il Paese dei draghi sarà

sempre più costretto a importare prodotto.

Tale situazione potrebbe creare, secondo

Elena Koroleva della catena di distribuzione

russa 7ya, un effetto domino anche

in Russia, dove il kiwi è ancora poco consumato

e poco conosciuto. (RG)

125 g trays of Actinidia Arguta.

Vaschette da 125 gr di Actinidia Arguta.

oscilla tra 1,50 € e 2,50 € l’una. Le principali produzioni

sono in Francia, Portogallo e Olanda: il frutto

viene raccolto nel mese di settembre e venduto tra

ottobre e novembre nei mercati francesi e olandesi,

mentre la moltiplicazione e la produzione della pianta

è interamente realizzate in Francia.

Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

47

product/mini-kiwis

prodotto/mini-kiwi


product/sicilian oranges

prodotto/arance siciliane

Sweet and yellow, Riberella

the gourmet’s orange

Dolce e bionda, Riberella

l’arancia da gourmet

Duccio Caccioni

The name’s the brand of the managing consortium that also handles the Pdo seal

for Brasiliano, Washington Navel and Navelina. Marketed from December to April,

it is becoming an international star

Il marchio è del consorzio di tutela che gestisce anche la Dop per Brasiliano,

Washington Navel e Navelina. Disponibile da dicembre ad aprile, si sta affermando

anche sul mercato internazionale

Sicily produces more than just blood oranges. In the

island’s eastern area of Agrigento Province, there

are districts where yellow, or peel-colour, oranges have

been grown since the early decades of the 20th century.

Indeed, these districts comprise a large area of

groves that radiate out from the central town of Ribera.

This is a hilly zone that overlooks the Sea of Sicily and

has notably particular weather patterns. Here we find

the groves where the cvs. Washington Navel, the

Washington-like Brasiliano, and Navelina and “seedless

Vaniglia of Ribera” are grown. The latter is a variety

that stems from a spontaneous local mutation and

has notably special flavour and taste characteristics.

The fruits do not have a “navel”, are seedless and very

fragrant, and have a very high sugar and a very low

acid (0.06-0.15%) content.

Ribera oranges go to market from November to May,

with the prized Vaniglia di Ribera

from December to late April.

The crop of yellow oranges

from the groves around

Ribera covers a notable

acreage of six thousand

hectares, is grown by 3,500

farmers and amounts to 150

thousand tons.

Not just Pdo

Most of the crop (nearly

65%) has been managed

since 1994 by a consortium to

48 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

La Sicilia non produce solo arance rosse. Nella parte

occidentale dell’isola, in provincia di Agrigento, vi è

un’ampia area in cui, dai primi decenni del secolo scorso,

si è sviluppata la coltura delle arance bionde. Si

tratta di un vasto comprensorio che ha il centro nella

cittadina di Ribera. È un’area collinare che dà sul Mare

di Sicilia, dalle caratteristiche climatiche assolutamente

particolari. Qui si coltivano le varietà Washington Navel

e Brasiliano (affine alla Washington), Navelina e

“Vaniglia apireno di Ribera”. Quest’ultima è una varietà

che ha preso origine da una mutazione spontanea

avvenuta localmente, una varietà con caratteristiche

organolettiche del tutto peculiari. I frutti non hanno

“ombelico”, sono senza semi e molto aromatici, hanno

un titolo zuccherino molto elevato unito a una bassissima

acidità (0,06-0,15%).

L’offerta delle arance di Ribera va da novembre fino a

maggio, le pregiate Vaniglia di Ribera sono offerte da

dicembre fino al termine di aprile. La produzione di arance

bionde del comprensorio di Ribera è imponente: gli

ettari coltivati sono seimila, la produzione

ammonta a 150mila t, i

produttori sono 3.500.

Non solo Dop

Buona parte della produzione

(circa il 65%) fa capo a un

consorzio di tutela, attivo dal

1994, che gestisce una Dop e

possiede un marchio commerciale.

Dal 2008 le varietà Brasiliano,


Strict rules for higher quality

Regole ferree per la migliore qualità

Giuseppe Pasciuta is the president, now in his third term, of the Riberella

Consortium. A crop extension agent expert and citrus grower in his own right,

Pasciuta is single-mindedly pursuing an approach that makes quality the linchpin

of the consortium’s marketing efforts.

‹‹The real turning-point for us – he noted – was in 2008 when we secured the

Pdo seal and finally reached the critical mass of volume to make a difference in

the marketplace. Our quality standards demand that our orange varieties are handled

only in our official, monitored pakinghouses. As a consortium, we’ve set up

a team of inspectors who monitor the operations at our fourteen packinghouses.

The consortium’s member growers must observe the management protocols to

the letter as well as sell to the consortium at a minimum contracted price. Those

who fail to comply with the rules are liable to fines or expulsion from the consortium

itself. This strategy has so far borne its fruit since we are gaining share in a

market that today is clearly not an easy row to hoe due to the considerable competitive tenacity of our rivals. So, in order to

ensure fruit quality keeps to our high standards, we employ integrated and bio-pest management methods and run tests to

determine spray content but do not use anti-fruit drop sprays, coat fruit with wax or post-harvest treatments. This year we

released beneficial insects in 440 citrus groves in a biocontrol campaign against orange pests. Today we’re focusing exclusively

on the best growing areas and leaving the marginal areas. And, given the success of our oranges, we’re trying to extend the

marketing season. In effect, we’re currently testing several verities, including cv. Folkmoot to get an earlier crop October and

cvs. Powell and Lamellate to reinforce our supply volumes in April-May››. (DV)

Giuseppe Pasciuta è il presidente (al terzo mandato) del consorzio di tutela Riberella. Tecnico agronomo ed egli stesso coltivatore di

agrumi, Pasciuta sta perseguendo con tenacia una strategia che fa della qualità l’elemento cardine delle attività consortili.

‹‹La svolta per le nostre attività – spiega – l’abbiamo avuta nel 2008 con il riconoscimento della Dop e con la possibilità di gestire

una massa di prodotto adeguata per muoverci sul mercato. Nel nostro disciplinare è fatto obbligo di confezionare il prodotto solo nei

centri di confezionamento riconosciuti e controllati. Come consorzio, abbiamo creato un nucleo ispettivo che controlla le quattordici

packinghouses operative. Gli agricoltori consorziati si devono attenere a quanto prescritto dai disciplinari, oltre che vendere il prodotto

a un prezzo minimo stabilito. Chi non osserva queste condizioni può essere soggetto ad ammenda o al ritiro della concessione.

Questa strategia per ora è stata premiante, poiché ci siamo affermati sempre più sul mercato, un mercato oggi non certo facile dato

che la concorrenza è notevole. Per garantire la migliore qualità dei frutti osserviamo rigidamente le tecniche di lotta integrata e biologica,

eseguiamo analisi chimiche sul contenuto di antiparassitari dei frutti, non facciamo trattamenti anti-cascola, non ceriamo il

prodotto né facciamo trattamenti post-raccolta. Quest’anno, in 440 ha di agrumeti, sono stati lanciati insetti utili per il controllo biologico

delle cocciniglie dannose alle arance. Oggi stiamo concentrando la produzione unicamente nelle zone più vocate e abbiamo

abbandonato le aree marginali. Visto il successo dei nostri prodotti, stiamo poi cercando di allungare l’offerta commerciale. Abbiamo

in prova diverse varietà, sia per anticipare la nostra stagione al mese di ottobre con la varietà Fukumoto, sia per intensificare l’offerta

in aprile-maggio con le varietà Powell e Lanelate››.

handle a Pdo quality seal and a trademark. In effect,

the cultivars Brasiliano, Washington Navel and

Navelina were awarded the protected Designation of

Origin seal in 2008 whereas it was decided to promote

the “Riberella” trademark for the seedless Vaniglia di

Ribera variety. All of these cultivars are becoming

increasingly popular in the domestic marketplace and

gaining share as new varieties in international markets.

In order to project a distinct international profile, the

Riberella consortium focuses on fruit quality and

flavour characteristics. For example, sweet Riberellas

(seedless Vaniglia di Ribera) have become a real gourmet

treat by virtue of their fragrance peerless fragrance

and are sought after by consumers who do not like the

Washington Navel e Navelina possono, infatti, vantare la

Denominazione di Origine Protetta (Dop). Per la varietà

Vaniglia apirena di Ribera si è invece puntato sulla valorizzazione

del marchio “Riberella”. Si tratta di marchi che

si stanno sempre più imponendo sul mercato italiano e

che stanno guadagnando anche una prima notorietà sui

mercati internazionali.

Per differenziarsi dall’offerta internazionale, il consorzio

Riberella punta sulla qualità e sulle originali caratteristiche

organolettiche dei frutti: per esempio le Riberella

dolci (Vaniglia apireno di Ribera) sono oggi molto

apprezzate dai gourmet per il loro aroma particolare e

assai ricercate dai consumatori che non tollerano l’elevata

acidità che è tipica di buona parte degli agrumi.

Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

49

product/sicilian oranges

prodotto/arance siciliane


product/sicilian oranges

prodotto/arance siciliane

usually high acidity typical

of most citrus fruit.

Then too even the consortium’s

growers have had

their share of market success

lately. It’s a real

reward for the organisational

and advertising

know-how marshalled to

promote these varieties in

the marketplace. In effect,

the supply of Ribera

oranges bears distinct

marks for quality and variety

as well as for their

packaging. The packaging

clearly bears the consortium

logo and the oranges

come in girsac mesh and

verta units as well as in

printed cartons with the

fruits tidily arranged and

individually stamped.

All this is part of a strategy

that has made Riberas popular with traditional retailers as

well as with the big supermarket chains. And it looks as

though this popularity is about to take off and gain continuing

thrust from effective marketing approaches.

(English version by David Verzoni)

Per gli agricoltori aderenti

al consorzio negli ultimi

anni sono arrivate anche le

soddisfazioni commerciali.

Un riconoscimento che va

a premiare una capacità di

organizzare e valorizzare in

maniera crescente l’offerta

commerciale. L’offerta

delle arance bionde di

Ribera si sta articolando

non solo per la qualità e le

varietà offerte, ma anche

per quanto riguarda il packaging.

Le confezioni sono

ottimamente caratterizzate

con il logo del consorzio, i

prodotti sono offerti in girsac

e verta, come in plateaux

di cartone stampato

con frutti ben ordinati e

bollati singolarmente. In

questo modo, il prodotto si

è imposto non solo sul

dettaglio tradizionale qualificato ma anche sulle principali

insegne della Gdo. Un’affermazione che pare destinata

a crescere e ad alimentare una sempre maggiore

attività di marketing.


Top quality & broad range

of items, the only way to learn

consumer preference

Top di gamma e ampia scelta

di referenze, solo così si impara

a conoscere il cliente

Daniele Tirelli Iulm

Buyers at the big retail chains often run up against irrational decision-making of

shoppers who often lack the elements they need for informed choices.

Strategically managing the produce volumes is thus a complicated challenge but

it can be done

I buyer della moderna distribuzione si scontrano con le decisioni irrazionali degli

shopper, ai quali spesso mancano elementi di giudizio per un consumo consapevole.

Gestire in modo strategico il livello qualitativo dell’ortofrutta è quindi una sfida complessa,

che però può essere vinta

Quality is a word retailers liberally sprinkle about,

and upon, their customers.

If we look at packaged goods, we find that durable brand

names let you monitor repeatedly both objective and perceived

quality. Produce, however, is highly perishable and

varieties are discontinuous, if not ephemeral. As surveys of

the Coltura & Cultura project show, it follows that consumers

are familiar with very few strawberry, artichoke,

table grape and pear varieties, to name but a few. In effect,

they often confuse one with another and, hence, the perceived

quality-to-price ratio is a very complicated, as well

Qualità è una parola che i retailer spendono molto

bene con la loro clientela.

Parlando di prodotti confezionati, l’immutabilità del

brand consente ripetute verifiche, sia della sua qualità

oggettiva sia di quella percepita. I prodotti ortofrutticoli,

invece, sono altamente deperibili. Le varietà offerte sono

discontinue se non effimere. Ne consegue, come dimostrano

le ricerche del progetto Coltura & Cultura, che i

consumatori riconoscono pochissime varietà di fragole,

carciofi, uva, pere. Spessissimo, le confondono tra loro.

Dunque, il rapporto tra qualità e prezzo percepiti è

Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

51

isr/consumer trends

gdo/tendenze del consumatore


isr/consumer trends

gdo/tendenze del consumatore

as doubtful, matter. Yet, even though buyers at the big

retail chains keep insisting they know the preferences of

their customers, a number of visits to supermarkets in

Milan show this is not the case. So, strategic management

of the quality level of produce remains an open question.

The first things to realise are that fruit is

a) eaten as is;

b) their taste cannot be corrected by cooking or additional

ingredients, the latter being a non-negligible difference

when we think of the sauces we use on pasta

and hamburgers!;

c) tracking services indicating trends of individual products

don’t exist here as they do for packaged goods.

The supermarket chain thus uses sales figures to make

its decisions. But doing so seems to ignore the fact that

the 1920s saw the introduction of marketing precisely

to avoid the enormous mistakes made by trusting decision-making

to the opinion of retail sales staff.

In a Milan supermarket

Let’s begin with an “ideal” experience of a Milanese

shopper who wants to buy cherries in a 500-gram tub

between late June and early July. First he or she will

note that the signs I n the supermarket’s produce floor

indicate only country or national region of product origin

and that the tub label lists variety, size and price.

What we have here is not so much specialised information

designed to inform optimum consumer choice as

a debatable deduction that our accompanying images

will demonstrate. Remember that we’re talking about

cherry, an expensive, highly seasonable fruit sold in

markedly different ways as we can see in Table 1.

It’s patently obvious, and few would imagine, that most

shoppers decide what to buy on the basis of comparisons

like the ones this writer carried out. Just as clearly

our shoppers will not be aware of the excellent quality

levels of the varieties Kordia and Lapins, size 34 mm

and respectively purchased in the centre of London in

late August at M&S and Waitrose (at a price in euros

45% higher than the average), even though the results

of a patient shopping comparison would be interesting.

52 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

quanto mai complesso e dubbio. Tuttavia i buyer della

moderna distribuzione ritengono di conoscere molto

bene le preferenze dei loro clienti, ma una serie di visite

a vari supermercati milanesi dimostra che le cose non

stanno così. La gestione strategica del livello qualitativo

dell’ortofrutta rimane una questione aperta.

La prima constatazione che si può fare è che la frutta è

a) consumata tale e quale;

b) il suo sapore non può essere corretto dalla cottura o

da ingredienti (differenza non trascurabile rispetto a un

piatto di pasta condito o un hamburger!);

c) non esistono servizi di tracking che, al pari dei packaged

goods, misurino le tendenze per singole referenze.

La catena decide, quindi, in base ai propri dati di vendita.

Con ciò sembra ignorare che il marketing nacque

negli anni ‘20, proprio per evitare i giganteschi errori

commessi affidandosi alle opinioni dei propri venditori.

In un supermercato milanese

Partiamo dall’esperienza “ideale” di un cliente milanese che

avesse voluto acquistare delle ciliegie in vaschetta da 500

gr nelle settimane a cavallo tra giugno e luglio. Avrebbe

notato, in primis, che le insegne si limitano a indicare la

nazione o regione italiana di provenienza e, in etichetta, la

varietà, il calibro e il prezzo. Informazioni specialistiche che

dovrebbero indurre a scelte ottimali: una deduzione opinabile

come dimostreranno le immagini a corredo. Stiamo

parlando di ciliegie: un frutto costoso e fortemente stagionale,

offerto con modalità piuttosto diversificate.

Ovviamente non è pensabile che la stragrande maggioranza

degli shopper decida i propri acquisti sulla base di

una comparazione come quella effettuata in questo

caso dall’autore. Certamente non sarà consapevole dei

livelli di eccellenza delle ciliegie Kordia e Lapins, calibro

34, acquistate da chi scrive nel centro di Londra (alla

fine di luglio) rispettivamente da M&S e da Waitrose (a

un prezzo, in euro, maggiore del 45% rispetto alla

nostra media), tuttavia ammesso che effettuasse

pazientemente un simile raffronto le conseguenze

sarebbero interessanti.

Nei casi considerati, le varietà reperibili contemporaneamente

in un punto di vendita erano una o due. Nessun

display recava indicazioni relative alla dolcezza e al sapore

e neppure all’epoca della maturazione delle varietà.

Non era previsto l’assaggio della merce. In base a quali

criteri, dunque, il cliente con la sua reale “cultura merceologica”

poteva valutare la coerenza tra la qualità offerta e

il prezzo richiesto? La probabilità di una decisione irrazionale

sia da parte del cliente, sia del venditore è alta.

Se il cliente è insoddisfatto

Le ricerche di Dan Ariely e altri psicologi mostrano, infatti,

che la profondità dell’assortimento e la possibilità di

fare paragoni, alterano la razionalità delle scelte dei consumatori.

In breve, se tutte le varietà illustrate fossero

state simultaneamente presenti in tutti i punti vendita, il


So, in our case, we had one or two varieties on sale at the

same time in an outlet. No display sign had indications

regarding sweetness, taste/flavour or even variety ripening

date, not to mention a chance to sample the cherries. So,

how could our erstwhile shopper properly gauge the accuracy

of the quality offered and the price asked on the basis

of his real “merchandise culture”? The odds that our shopper

and his retailers will make an irrational decision are high.

If the customer is dissatisfied

Studies by Dan Ariely and other psychologists have in

fact shown that the depth of stock assortment and

the chance to make comparisons change the rationale

of consumer decisions. In short, of all the cultivars

shown had been found in the retail outlets visited, our

shopper’s opinion about the price/quality ratio would

be far different from that implied by the sales data.

What risk does the big chain selling Anellone of such

markedly different sizes actually run? A look at sales data

might reveal that shoppers who bought them were by definition

satisfied and amounts were not larger because the

price was too high for certain customers. This supposition

might in turn lead the retailer to an attempt to secure lower

prices from suppliers, a move that could lead to imperceptibly

lower levels of quality. What the retailer could not know,

however, is whether other potential customers had not,

even at the now lower price, declined to purchase them

because disappointed with the preceding experience.

This triggers a vicious cycle since silent selling by

supermarkets provides a one-way answer. They are not

in a position to see the reasons why customers are dissatisfied

and would, instead, prefer to buy a decidedly

better product even at a reasonably higher price.

Conversely, he supermarket that handles high-end products

has a potential advantage in that it can always verify

price elasticity of demand by adding lower-priced items

and seeing how sales volumes move among the different

price segments. The objections to this approach by some

buyers fail to meet the test of the facts. Cherry is, in actual

fact, only one item on a household’s grocery bill. All you

need do is analyse your cash register receipt to conclude

that, in terms of brand and product, their composition is

randomly distributed. There is no way to tell a customer

of high-quality cherry from one of low-quality on the basis

of the other items in the trolley. Real consumers respond

subjectively and, hence, always differentially in regard to

supply offerings. They may be demanding about fruit but

compromise on detergents or, conversely, accept what’s

on offer but demand premium, aged Parma ham.

There are thus two principles one should follow in

buying produce, no matter what the pseudo-sociological

babble one hears about recession and such

like. First of all broaden the range of choice for shoppers

and then always clearly point out the high-end

quality of the items on sale.

(English version by David Verzoni)

giudizio sul rapporto prezzo/qualità sarebbe stato ben

diverso da quello implicito nei dati di vendita.

Quale rischio corre la catena che offre le Anellone di calibro

così disomogeneo? Osservando i dati di vendita,

potrebbe stabilire che chi ha acquistato sia per definizione

soddisfatto e che gli acquisti non sono stati maggiori,

poiché il prezzo era comunque troppo alto per qualcuno.

Dunque, potrebbe cercare di spuntare dai fornitori prezzi

di cessione ancora più bassi, subendo ulteriori impercettibili

ritocchi verso il basso della qualità. Non saprebbe,

invece, se altri potenziali clienti, dato il prezzo comunque

non trascurabile, avessero rinunciato al riacquisto, proprio

perché delusi dalla precedente esperienza.

S’innesta, quindi, un circolo vizioso poiché il silent selling

del supermercato fornisce risposte a senso unico. Non è

in grado di recepire le ragioni dell’insoddisfazione del

cliente che, invece, vorrebbe un prodotto decisamente

migliore pur ad un prezzo coerentemente più elevato.

Viceversa, l’insegna che tratta il top di gamma ha un vantaggio

potenziale: ha sempre la possibilità di verificare

l’elasticità al prezzo della domanda, aggiungendo referenze

di minor valore e osservando se i volumi si spostano

tra le diverse fasce di prezzo. Le obiezioni a questo ragionamento

da parte di qualche buyer non reggono alla

prova dei fatti. Le ciliegie sono, infatti, solo una delle voci

della spesa di una famiglia. Basta analizzare gli scontrini

che contengono ciliegie per concludere che la loro composizione

(in termini di brand e prodotti) è distribuita

casualmente. Non esiste un cliente di ciliegie di alta qualità

distinguibile da chi compra quelle di bassa qualità,

sulla base degli acquisti di altri prodotti nel carrello. I consumatori

(quelli veri) reagiscono in maniera soggettiva (e

dunque sempre diversa) alle sollecitazioni dell’offerta.

Possono essere esigenti sulla frutta e transigere sui detersivi

o, viceversa, accontentarsi di quel che c’è e pretendere

prosciutti stagionati e di prima scelta.

Due sono quindi i principi da seguire nel campo dell’ortofrutta,

in barba a tutte le chiacchiere pseudo-sociologiche

sulla crisi e quant’altro. Primo, ampliare la libertà

di scelta dello shopper, e poi evidenziare sempre la presenza

del top di gamma.

Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

53

isr/consumer trends

gdo/tendenze del consumatore


isr Italy/Unes&Ortofin

gdo Italia/Unes e Ortofin

Gabriele Nicotra e Alberto Carpita

Safety, quality & bargain prices

a customer-winning recipe

Sicurezza, qualità e prezzi convenienti

così conquistiamo i clienti

Federica Pagliarone

Unes and Ortofin have merged to create a

synergy aimed at keeping the new company

on the crest of success in the fruit sector of

big retail. We interviewed Gabriele Nicotra,

head buyer for Unes and Alberto Carpita,

Ortofin’s CEO, about the merger

Unes has been a successful operation in Italy’s big

retail panorama since 1967. It has earned a reputation

for ensuring that its customers get competitive

prices and fast service when shopping as well as continuously

selected, updated assortments so as to

offer the most innovative items at the best quality-toprice

ratio. Established in Milan thanks to the foresight

of seven local retailers who joined forces to set

up a chain of small-sized retail outlets, Unes has

made great strides indeed since then.

With its buy out in 2002 of a big player in the supermarket

business, the Finiper Group owned by Marco

Brunelli has managed to escape the doldrums of a

sector marked by mature consumption patterns and

increasingly sharp competition in distribution. Its forty

years of operations have seen a heady development

through the opening of new retail outlets, both its own

and those in its franchising deals.

A closer look at Unes shows that it operates its more

than 170 outlets in Lombardy, Piedmont and Emilia-

Romagna under two separate shop chains that stand for

54 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

Gabriele Nicotra, head buyer at

Unes.

Gabriele Nicotra, direttore acquisti Unes.

Alberto Carpita, CEO at Ortofin.

Alberto Carpita, direttore generale

Ortofin.

Unes e Ortofin, una sinergia vincente per stare con successo nel settore freschi della

grande distribuzione. Intervista a Gabriele Nicotra, direttore acquisti Unes e ad

Alberto Carpita, direttore generale Ortofin

Unes opera con successo in Italia nel settore della grande

distribuzione dal 1967, garantendo ai suoi clienti la

convenienza e la velocità nella spesa, con un assortimento

costantemente selezionato e aggiornato per offrire i prodotti

più innovativi e il miglior rapporto qualità/prezzo. Nata

a Milano dall’intuizione imprenditoriale di sette negozianti,

unitisi per sviluppare una rete di punti vendita di piccole

dimensioni, Unes da allora di strada ne ha fatta parecchia.

Con la sua acquisizione, nel 2002, da parte di un grande

protagonista della moderna distribuzione, il gruppo

Finiper di proprietà di Marco Brunelli, riesce ad affrontare

con slancio la maturità dei consumi e l’inasprimento

della concorrenza nel settore distributivo. Nei suoi quarant’anni

di vita, inoltre, si sviluppa attraverso l’apertura

di nuovi punti vendita, sia in proprio sia con terzi operatori

in franchising.

Nello specifico, Unes opera sul mercato italiano (in oltre

170 punti vendita in Lombardia, Piemonte ed Emilia-

Romagna), attraverso due principali insegne alle quali

corrispondono formule commerciali differenti. Unes

Supermercati – Come tu mi vuoi (supermercati all’inse


two distinct business models. One is Unes Supermercati

– Come tu mi vuoi, which are supermarkets known for

prompt service, fresh produce, a new promotional campaign

every fortnight and, above all, served by expert

staff capable of helping customers pick the best items at

the right price for a trolley-full of good flavour and taste.

The other is U2 Supermercati - Prezzi bassi 365 giorni

l’anno, the chain offering low prices every day of the year

where you can shop quickly without wasting time or having

to chase after fortnight promotionals.

Unes currently today has 1,940 employees and reported

2010 pre-tax revenues of €650 million, up a total

2.66% over last year’s turnover. All of Unes’s buying

and related planning are handled by Ortofin, a Gruppo

Finiper subsidiary and currently one of Europe’s biggest

clearing houses in the F&V industry. Although still young

with seventeen years in the F&V industry, Ortofin has

developed a business model that goes well beyond the

logistics link in the supply chain. Its parent company,

and also its biggest customer, is Finiper Group, a holding

company whose numerous subsidiaries and vast

reach in the food industry include not only the acquisition

of Gruppo Unes but also shopping malls with integrated

supermarket chains in a concerted effort to offer

consumers a full and diversified shopping experience.

Finiper today has nearly 7,000 employees and more

than 250,000 square metres of indoor commercial floor

space. We talked to Unes’s chief buyer Gabriele Nicotra

and Ortofin’s CEO Alberto Carpita.

Can you tell us something about your management

approach to fresh foods?

Well, to begin with, the operational needs in the different

sales areas differ depending on product type. In

other words, the way we handle the items in the delicatessen

department differ from how we manage, say,

meats and produce. Company business policy and

strategies for fresh foods focus on four fundamental

features: safety, professional competence, quality and

competitive pricing. Unes, in fact, does everything it

can so as to ensure our consumers can count on maximum

food safety in regard to both the choice of supply

sources and the handling of foods throughout the

supply chain. In addition, Unes’s supply-chain experts

and its buyers are highly trained professionals who

closely monitor assortments, in-store department management

and selection of suppliers. Quality is the name

of the game for Unes. As a matter of fact, the company

has built its forty-year reputation on quality in its

chain of small-sized neighbourhood markets, managing

in the meantime to ensure that its customers get

the best price-to-quality deal at retail. Then too Unes

today does all its buying through Finiper Group’s

Ortofin, one of the biggest jobbers in Europe specialised

in produce. It’s a business model that calls for

buying directly from the source in a field-to-fork policy

gna del servizio e dei prodotti freschi, con offerte promozionali

quindicinali ma, soprattutto, punti vendita con

specialisti esperti e disponibili, in grado di guidare il

cliente nella scelta dei prodotti migliori per una spesa

conveniente e gustosa). Poi, U2 Supermercati - Prezzi

bassi 365 giorni l’anno (supermercati all’insegna della

politica del risparmio tutti i giorni dell’anno, dove la

spesa si fa velocemente, senza perdere tempo e senza

dover inseguire le promozioni quindicinali).

In particolare Unes, che conta su un organico di 1.940

dipendenti, ha chiuso l’esercizio 2010 con un fatturato di

650 milioni di euro lordi e con una crescita del fatturato

diretto pari al 2,66% totale rispetto all’anno precedente.

Per l’acquisto delle merci e per le relative politiche, Unes

si serve di Ortofin, una società del gruppo Finiper specializzata

nel mondo dell’ortofrutta e, di fatto, una delle centrali

d’acquisto più grandi d’Europa. Dal canto suo, seppur

più giovane, Ortofin nei suoi diciassette anni di attività,

ha sviluppato il suo modello di business nel mercato italiano

ortofrutticolo, creando un’azienda commerciale completa

che va ben oltre l’attività di logistica. La casa madre,

e anche il suo cliente più importante, è lo stesso Gruppo

Finiper, la holding con filiali nel settore alimentare su vasta

scala che, negli anni, oltre ad acquisire il gruppo Unes ha

integrato supermarket e centri commerciali, offrendo ai

clienti un’esperienza d’acquisto completa e diversificata. Il

gruppo impiega circa 7.000 dipendenti e conta oltre

250.000 metri quadri di spazio commerciale indoor. Dei

due gruppi abbiamo sentito Gabriele Nicotra, direttore

acquisti Unes e Alberto Carpita, direttore generale Ortofin.

Ci spiegate in che modo gestite i processi del settore

fresco?

I processi del settore fresco nell’operatività dei reparti

variano al variare delle merci, inoltre le procedure operative

della gastronomia, anziché quelle delle carni o dell’ortofrutta,

sono specifiche. In particolare, le politiche

aziendali e le strategie commerciali in Unes sul settore

fresco sono incentrate su quattro punti fondamentali

quali la sicurezza, la competenza, la qualità e la convenienza.

Unes, infatti, fa il possibile per garantire ai propri

clienti il massimo grado di sicurezza alimentare sia per la

scelta delle fonti che per la gestione nel continuo. Per di

più, i tecnici di prodotto Unes, così come i buyer, sono

professionisti che seguono scrupolosamente gli assortimenti,

la gestione dei banchi e la selezione dei fornitori.

Per quanto concerne la qualità, invece, Unes che da

quarant’anni opera nei supermercati di prossimità, è

una catena riconosciuta per la qualità dei prodotti freschi,

riuscendo a garantire ai clienti il miglior rapporto

qualità/prezzo. Inoltre, per il processo di acquisto delle

merci, Unes si serve della società del gruppo Finiper,

Ortofin, una delle centrali d’acquisto più grandi

d’Europa specializzata nel mondo dell’ortofrutta. Nello

specifico, il modello prevede acquisti direttamente alla

fonte (dal produttore al consumatore) su base di capito-

Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

55

isr Italy/Unes&Ortofin

gdo Italia/Unes e Ortofin


isr Italy/Unes&Ortofin

gdo Italia/Unes e Ortofin

under the watchful eye and daily monitoring by a

cohort of agronomists throughout the country. This full,

hands-on monitoring at the source of the supply chain

gives Unes the confidence it needs to offer the quality

and safety it does to its customers.

What kind of rules do you follow in overseeing

floor departments?

Well, there are a number of rules we stick to if we

take, for example, fresh produce. The main ones

focus on freshness, colour, tidiness, re-stocking and,

when it comes to direct customer contact, courtesy

and information. We try to keep our departments

clean, neat and tidy so as to communicate freshness

to shoppers. We also like to match colours of different

items, a key component of the visual merchandising

policy handled by executive staff in the head

office. We also emphasise the importance of keeping

our department well-stocked day in and day out so

as to offer shoppers the freshest of the fresh. And

our customers find promotions and special bargains

just about every day. Our sales staff is always there

to help our customers with requests or questions

about our assortment. Not to mention the fact that

the information area clearly displays product information

like size and origin, the emphasis here being

squarely on domestically grown produce, whenever

possible and on the basis of seasonality.

What kind of sales volumes have you got?

Unes handles nearly 5,900,000 crates and cartons, or

45,000 tons, of produce every year.

Big retail has been exerting its marketing muscle

for years now to make its private labels the bond

of customer loyalty. How do you see your reflection

in this mirror?

Produce is a sector where every item sold is identified

by shoppers with the name of the chain. You often

hear a shopper say ‘how good the apples are at this

Unes handles 45,000 tons of produce every year.

Unes movimenta, in un anno, 450.000 quintali di ortofrutta.

56 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

lati e controlli effettuati, ogni giorno, da numerosi agronomi

sparsi per il territorio nazionale. Il totale controllo

della fonte di approvvigionamento consente quindi a

Unes di perseguire la propria mission di reparto con certezza

per sé e per i propri clienti.

Quali sono le direttive che regolano la vostra organizzazione

nel reparto?

Parlando di ortofrutta, le direttive che regolano la nostra

organizzazione sono molteplici. Sicuramente le principali

consistono nel porre l’attenzione su freschezza,

colore, riordini, cortesia e informazione nei confronti

della clientela. Il reparto, infatti, viene tenuto in ordine e

pulito per comunicare freschezza al cliente. Così come

poniamo attenzione agli accostamenti cromatici dei prodotti,

fondamentali per le pratiche di visual merchandising

gestite dai tecnici di prodotto in maniera centralizzata.

Per quanto riguarda i riordini, è importante che

siano costanti giorno per giorno in modo da garantire ai

clienti prodotti sempre freschi. Quotidianamente, inoltre,

i clienti Unes trovano nel reparto promozioni e occasioni

d’acquisto. Il personale di vendita è sempre a disposizione

della clientela per richieste e/o domande in merito

all’assortimento, mentre nell’area informazione vengono

esposte in maniera chiara le indicazioni sui prodotti

(calibro e provenienza), privilegiando il prodotto nazionale,

ove possibile, e in base alla stagionalità.

Quali sono i vostri volumi movimentati?

Unes movimenta, in un anno, circa 5.900.000 colli, pari

a 450.000 quintali di ortofrutta.

La Gdo ormai lavora da anni in termini di marketing

per fare in modo che il proprio brand riesca ad essere

un catalizzatore di fiducia: all’interno di un’ottica

come quella citata, voi come vi muovete?

L’ortofrutta è uno dei comparti in cui tutto il prodotto venduto

viene identificato dal cliente come prodotto dell’insegna.

È frequente sentire dire dai clienti: “Come sono

buone le mele della tal catena” oppure “La frutta di quella

catena è sempre fresca”. In questo contesto, il marketing

risulta essere peculiare in quanto la “marca” ha una

portata limitata, sebbene in alcuni settori sia importante

(es. Chiquita, Melinda…) e spesso identificata da consorzi

di tutela o produzione. Le filiere del produttore, inoltre,

hanno un effetto “catalizzante”, promettendo al cliente

sicurezze date dai protocolli di produzione o dai controlli

che hanno la finalità di offrire un prodotto stabile e senza

sorprese. Ma la “diversità” della portata del settore merceologico

è data dal fatto che, in ogni caso, gli sforzi e

l’attenzione del distributore devono essere sempre e

comunque globali e riguardare costantemente l’intero

reparto. Non è sufficiente quindi aderire a una filiera limitatamente

ad alcuni articoli, ma occorre che tutto il reparto

sia il portatore della strategia di marketing.


or that supermarket’ or ‘how fresh the fruit always is

there’. Marketing in this kind of situation is peculiar in

that the “brand” has a limited appeal, even if in cases

like Chiquita or Melinda it’s undoubtedly important,

and is often identified with consortia that handle label

protection or production. Then too producer supply

chains have a “catalysing” effect by promising consumers

food safety ensured a stable, uniform product

over time. The “diversity” of the merchandise assortment

range stems in effect from the fact that the

efforts and oversight the distributor employs must

always, and constantly, range from end to and top to

bottom of the department. It simply won’t do to go

with a supply pipeline limited to a few products.

Today your entire produce department is the medium

of the message of your marketing strategy.

What do you do to meet consumer demands?

First of all we try to make sure our customers find

variety in and a full range to our assortments, helping

them in their choices and offering simple and clearcut

information. Food safety, speed, quality and competitive

pricing are the distinguishing marks in every

organisational and marketing step we take in our

departments. We also promote seasonality of our produce

and advise customers through our “Patto qualità

Unes” (Quality Pact) what the best domestic fruit

item is at any given moment in terms of both sugar

content and intrinsic quality. Indeed, our fruit items

are the end result of the constant efforts of the many

agronomists who Ortofin and Unes have throughout

the country and who ensure sources and quality control

of all the produce we purchase.

Where do you place the most emphasis, on quality

or price?

Price is of course very important indeed in produce but

it’s not enough. A price without the quality to back it up

isn’t worth much and leads in the long run to a loss of

customers. Quality in our view means reducing waste.

We try to offer our customers the freshest possible produce

by taking daily deliveries of fruit and vegetables

so our shoppers can buy them loose without constraints

on the amounts they can purchase. We’ve

found that you can save a lot by avoiding waste.

How does your company measure up to rivals?

At Unes we’d like to see that our customers consider us

the preferred outlet for their fruit and vegetable shopping.

In other words, we’d want every customer who enters a

Unes outlet to buy his or her produce only from us. For

our part, we try to make sure that every effort of our staff

in the produce department is focused on the ambitious

target of serving customers with the sure hand of food

safety, economical prices, quality and assortment.

(English version by David Verzoni)

Serving customers under the sign of food safety, economical

prices, quality and assortment is Unes’s edge over its competition.

Servire il cliente con sicurezza, prezzi convenienti, qualità e

assortimento: così Unes fa fronte alla concorrenza.

Cosa fate per andare incontro alle esigenze del consumatore?

Cerchiamo di soddisfare le esigenze dei nostri clienti

assicurando loro varietà e ampiezza nei nostri assortimenti,

aiutandoli nelle scelte e fornendo loro indicazioni

semplici e chiare. Sicurezza, velocità, qualità e convenienza

sono i punti di riferimento in ogni azione commerciale

e organizzativa del reparto. Inoltre, seguiamo la

stagionalità dei prodotti e consigliamo, attraverso i prodotti

“Patto qualità Unes”, il miglior prodotto nazionale

del momento sia per grado zuccherino, sia per qualità

intrinseca. Questi prodotti sono il frutto dell’attività

costante dei numerosi agronomi che Ortofin e Unes

hanno sul territorio nazionale e che garantiscono fonti e

controlli su tutto il prodotto acquistato.

Puntate più sulla qualità o sul prezzo?

Il prezzo è importantissimo ma, soprattutto in ortofrutta,

non sufficiente. Un prezzo, infatti, senza una qualità alle

spalle vale poco e si traduce a lungo termine in una perdita

di clienti. Qualità secondo noi significa anche ridurre

gli sprechi: cerchiamo di offrire ai nostri clienti prodotti con

la maggiore freschezza possibile, consegnando frutta e

verdura tutti i giorni e permettendo loro di acquistarli in

vendita sfusa, ossia senza vincoli di quantità. Abbiamo

notato che, evitando gli sprechi, si risparmia tantissimo.

Come si profila la vostra azienda rispetto alla concorrenza?

Unes ha l’ambizione di essere considerata dai propri

clienti il punto di vendita preferito per gli acquisti di

frutta e verdura. In altre parole, puntiamo al fatto che

ogni cliente che entra nei nostri supermercati acquisti

frutta e verdura unicamente da noi. Per ottenere ciò,

facciamo sì che tutti gli sforzi di chi lavora in ortofrutta

siano focalizzati verso l’ambizioso obiettivo di servire il

cliente con sicurezza, prezzi convenienti, qualità e

assortimento.

Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

57

isr Italy/Unes&Ortofin

gdo Italia/Unes e Ortofin


isr/merchandising

gdo/merchandising

From shopping space

to evocative place. New ways

to experience retail outlets

Da luogo di acquisto a spazio

emotivo. Nuovi modi di vivere

il punto vendita

Jessika Pini

No longer a mere merchandising space but a nice, enticing place. A peek at how

the produce floor can change in response to the demands of the new pro-active

consumer

Non più mero luogo di acquisto, ma spazio piacevole ed evocativo. Come può cambiare

il reparto ortofrutta per rispondere ai desiderata del nuovo consumaAttore

Stalking along the aisles, amid the shelves and

counters of supermarket outlets is an ever more

informed, wily “proactive” consumer ready to decide

what does and does not go into the shopping trolley.

A consumer who picks and chooses an item instead

of another because of what it stands for and, above

all, because of a number of additional reasons like

reliability, practicality, appearance and so on.

It’s a view that changes the role of a retail outlet. No

Outside view of a Whole Foods Market: a place that lends itself

not only to shopping but where shoppers are beckoned into a

multisensory experience.

Un esterno del Whole Foods Market: un luogo che richiama non solo

all’acquisto, ma dove il soggetto viene coinvolto a vivere

un’esperienza multisensoriale.

58 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

Tra gli scaffali e i banchi dei punti vendita si aggira

un consumatore “interattivo” e informato. Attore,

sempre più consapevole, nel decidere cosa far scivolare

nel carrello della spesa. Un consumatore che sceglie

un prodotto piuttosto che un altro per ciò che rappresenta

e, soprattutto, per tutta una serie di valenze

aggiuntive che quel prodotto offre: affidabilità, praticità,

estetica ecc.

In quest’ottica cambia il ruolo del punto vendita: non più

mero contenitore di merci, bensì espositore narrativo di

referenze. «In particolare la nostra epoca – spiega Maria

Angela Polesana, docente di Brand Lab e di

Comunicazione d’impresa all’Università Iulm di Milano –

ha visto la trasformazione del punto vendita da point of

purchase in point of pleasure, cioè in luogo emotivocognitivo,

in cui il soggetto viene coinvolto a vivere

un’esperienza multisensoriale, e in point of meeting,

ovvero, spazio emotivamente coinvolgente e relazionale.

I colori, gli odori, la musica, il tatto sono la grammatica

di una sintassi narrativa che il punto vendita sviluppa

mettendo in piedi una sorta di narrazione alla quale

lo stesso consumatore contribuisce reinterpretando il

punto vendita attraverso il suo sentire. Il nuovo consumatore

non si chiede più “Cosa potrei acquistare che

ancora non posseggo”, ma “Cosa potrei provare che

ancora non ho sperimentato” ».

L’esperienzializzazione del punto vendita è trasversale

a tutte le categorie merceologiche e rappresenta una


isr/merchandising

gdo/merchandising

longer is it a mere container for merchandise but,

rather, a narrative display of items. «In effect, ours is an

age – noted Maria Angela Polesana of Brand Lab and

Business Communications at Milan’s Iulm University –

that has seen the retail outlet transformed from point of

purchase into point of pleasure. In other words, it has

become a place that sharpens our awareness and elicits

emotional responses through a multi-sensory experience

encountered in meeting point, that is, a place

stimulating emotional and relational responses.

Colours, smells, music and touch are the grammar of a

narrative stream the retail outlet develops through a

kind of story line that consumers themselves contribute

to by reimagining the outlet through their felt

perceptions. Indeed, the new consumer no longer asks

“What can I buy that I haven’t got yet”, but “What can

I experience that I haven’t tried yet”».

This experiencing of the retail outlet cuts across all merchandise

categories and represents one of the new fields

of marketing research. Even the F&V floor is changing

look in reaching out to the new consumer, or in

Polesana’s better definition consumActor: «In comparing

products whose performance and flavour characteristics

are increasingly similar, what makes the difference are

the intangibles, the symbolic realm of things. Indeed, our

very first act of buying is like completing an apprenticeship

in today’s consumer society and, while we can then

boast a certain expertise in discerning between the various

items on sale, it is the technological revolution above

all that has provided an ever increasing amount of such

that we keep becoming ever more demanding».

The need to be reassured

The produce industry has of late been marked by two

Wholefood’s model

Il modello Wholefood’s

60 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

Whole Foods Market is a pleasurable place even when the

shopping is done.

Il Whole Foods Market è uno spazio piacevole anche dopo aver fatto

la spesa.

delle nuove branche di ricerca del marketing. Anche il

reparto ortofrutticolo sta quindi cambiando volto per

raggiungere un nuovo consumatore, meglio definito da

Polesana consumAttore: «A fronte di prodotti sempre

più simili quanto a performances e caratteristiche

organolettiche sono le dimensioni intangibili, simboliche

a fare la differenza. Chi acquista, infatti, ha compiuto

ormai il suo apprendistato nel mondo dei consumi

e può quindi vantare una certa competenza nel

muoversi tra le varie offerte, ma è soprattutto la rivoluzione

tecnologica che lo ha fornito di un numero sempre

crescente d’informazioni tali da renderlo più esigente,

selettivo, demanding».

Bisogno di rassicurazione

Negli ultimi anni il settore ortofrutticolo è stato caratteriz-

Following the hypermarket boom in the 1990s, when big retail focused only on increasing the number of items displayed over

vast floor spaces in whose aisles consumers wandered as if in a kind of food city guided merely by indications as to product

type posted in the various departments, today the big chains are looking more closely at creating a shopping ambience with a

more pronounced welcome mat.

US-based Wholefood’s offers a good case in point regarding the nature of the new kind of shopping experience, according to

Maria Angela Polesana of Milan’s Iulm University. «It’s a concept that’s clearly the part of the mission regarding company social

responsibility and its pronounced effort in education and relations in which the focus is squarely on the consumer as pro-active

partner and not a passive receptor». (DV)

Dopo il boom degli ipermercati, negli anni Novanta, dove si puntava solo al numero delle referenze esposte su immense superfici,

nelle quali il consumatore si muoveva tra le corsie come in una sorta di città del food guidato dalle indicazioni delle tipologie di prodotti

che si trovavano nei vari reparti, oggi la moderna distribuzione guarda con maggiore attenzione alla creazione di un ambiente di

acquisto più accogliente.

L’americana Wholefood’s offre un buon esempio di concretizzazione dell’esperienzialità nel punto vendita afferma Maria Angela

Polesana dell’Università Iulm di Milano: «Un concetto chiaramente espresso nella mission, all’insegna proprio della responsabilità

sociale e della funzione educativa e di relazione spinta rispetto al consumatore posto al centro dell’attenzione: interlocutore attivo e

non passivo recettore». (JP)


trends influencing overall market performance: growing

consumer awareness of the environment and the

popularity off the fresh-cut trade. As in almost all food

areas, shoppers for fruit and vegetables start off by

seeking certain assurances. This is the wellspring of

the emotional need for information about origins,

growing and handling procedures and about the quality

of processed commodities. «Consumer health

plays an ever bigger role in consumer demand –

noted Polesana. – In effect, the concept has undergone

an epistemological transformation, going from

the idea of health as an item to health as a value. In

other words, it has gone from an independent variable

on a transcendent plane to a dependent value that

results from an individual’s behaviour». Here is our

individual in the guise of ConsumActor, who is proactive

in purchasing items for his or her health.

Sensory stimuli in the produce department

Aside from order and clarity in the arrangement of

merchandise, factors that are fairly well consolidated

in big-retail’s business model today, Maria Angela

Polesana suggests several others for the F&V floor

that can be used to establish an empathetic rapport

with consumers.

– Communicate food safety and health: let’s not forget

we’re dealing with a space, the produce department,

that is charged by covers a wealth of emotively stimulating

overarching themes comprised in healthy living

and wellness of the body and that is pronouncedly

focused on what is healthy and good for you;

– Inform consumers about the provenance and origin,

nutritional content and field and processing treatment of

a given item. This is the idea behind food traceability in

response to growing consumer demand for food safety;

– Educate consumers, who are sometimes unaware,

about the provenance, distinctive traits and peculiar

nature of produce items. Ignorance here also leads to

thinking that field sprays and techniques have only

adverse effects and, hence, fails instead to point out

the positive effects progress in the field has generated,

including the hundreds of plants bred to become

new varieties that are more pest-resistant, and so

need fewer sprays, and sold at ever lower prices with

greater health benefits for mass-market consumption;

– Professional, dependable staff at consumer disposal;

– Multisensory, pleasurable arrangement of produce with

music suited to the department’s items that reminds consumers

of nurturing Mother Nature and similar ideas;

Pronounced social responsibility as, for example, in

waste disposal and recycling approaches like the Last

Minute Market in Bologna that collects food at good-by

date and distributes it to local charities. There is also

declared support for the Fair Trade movement encouraging

fair income levels for farmers (social compatibility).

(English version by David Verzoni)

zato da due tendenze che stanno influenzando il mercato:

la crescente sensibilità ambientale del consumatore

e il successo della IV gamma. Nel reparto di frutta e verdura,

come un po’ in tutto il settore alimentare, chi

acquista cerca prima di tutto rassicurazione. Da qui il

bisogno emotivo di avere informazioni sulla provenienza,

sulle procedure di lavorazione e sulla qualità delle materie

prime dei lavorati. «La salute ha un ruolo sempre più

importante nelle scelte di consumo – afferma Polesana

–. Il concetto ha infatti subito una trasformazione epistemologica.

Si è passati, cioè, dalla concezione della salute

in termini di bene a una in chiave di valore. Da variabile

indipendente (ricondotta a un ordine trascendente)

si è trasformata in variabile dipendente, ossia frutto del

comportamento dell’individuo». Che quindi ritroviamo

nella veste di attore attivo nelle scelte di consumo per la

tutela di se stesso.

Stimoli esperienziali nel reparto ortofrutta

Oltre all’ordine e alla chiarezza nella disposizione delle

merci, caratteristiche abbastanza consolidate nella

moderna distribuzione, per stabilire un rapporto empatico

con il consumatore, Maria Angela Polesana suggerisce

alcuni elementi sui quali si dovrebbe puntare nello

spazio ortofrutta:

– comunicare sicurezza e salute: non dimentichiamo

che si tratta di un’area, l’ortofrutta, emozionalmente

ricca di temi come il viver sano, il benessere del corpo e

connotata da forti preoccupazioni sul tema della salubrità

e della bontà;

– informare su provenienza e origine del prodotto, contenuti

nutrizionali, e trattamenti subiti. Offrire quindi una

tracciabilità agroalimentare per rispondere alle crescenti

richieste di sicurezza alimentare da parte del

consumatore;

– educare, nel senso che a volte il consumatore è ignorante

circa la provenienza dei prodotti, le caratteristiche

distintive, le peculiarità. L’ignoranza porta anche a credere

che la chimica, le tecnologie abbiano avuto solo

effetti negativi; non si conoscono invece i risultati positivi

che il progresso ha prodotto: centinaia di varietà,

piante selezionate e più resistenti (e quindi meno bisognose

di fitofarmaci) a prezzi sempre minori, per un consumo

massificato e con maggior beneficio per la salute;

– Personale professionale, affidabile e disponibile;

– Polisensorialità, quindi composizione gradevole dell’ortofrutta,

musiche adatte a questa categoria merceologica

in modo da richiamare alla dolcezza della

natura, ecc.;

Responsabilità sociale declinata, ad esempio, nello

smaltimento dei rifiuti e nel recupero degli sprechi (si

pensi al last minute market di Bologna che raccoglie

questi ultimi a favore di enti caritatevoli). O, ancora, in

attenzione e sostegno dichiarati e rintracciabili nel riconoscere

un giusto reddito a chi lavora la terra (compatibilità

sociale).

Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

61

isr/merchandising

gdo/merchandising


Lorenzo Costantini

Owner and CEO of

Premium Fruit.

Titolare e direttore

generale di Premium Fruit.

Pomegranate juice is the icing on its cake but Premium

Fruit, a Lombardy-based company and sector leader,

has a lot of other very successful products on offer. Pure

and simple, they’re all made with premium fruit and without

water added. Obviously, they’re also made for consumers

demanding healthy, natural foods. We talked

about the company with owner Lorenzo Costantini.

What’s your company’s mission?

Well, we see it first of all from the viewpoint of consumers

who want a healthy diet and are willing to pay

a fair price for natural foods bearing proper, transparent,

labelling. We try to identify products that might be

of interest to this target group of consumers but are

not yet on the market and then we make them

following this approach.

Your company handles food

production, processing and

marketing, with special

emphasis on niche products

like fresh-fruit drinks like

smoothies, which are akin to

juices. What are the best times of

the day to enjoy this kind of product?

While smoothies have lately become very

popular in Italy, they haven’t reached the

62 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

Lorenzo Costantini

Premium Fruit, wellness

& pleasure in a juice

Premium Fruit, benessere

e piacere in un succo

Federica Pagliarone

Effective cost-cutting is the company’s approach to making quality foods

available to everyone

Per rendere accessibili a tutti i propri prodotti di qualità, la strategia dell’azienda è di

contenere il più possibile i costi

La spremuta di melagrana è il fiore all’occhiello ma

Premium Fruit, azienda lombarda leader nel settore,

offre tanti altri prodotti che stanno ottenendo successo.

Puri, senza aggiunta di acqua e realizzati con frutta pregiata.

Ovviamente, per chi è attento a un’alimentazione

sana e naturale. Ne parliamo col titolare, Lorenzo

Costantini.

Qual è la vostra mission aziendale?

La nostra mission consiste, innanzitutto, nel metterci

dalla parte del consumatore attento a un’alimentazione

sana, che cerca prodotti naturali a un giusto prezzo

e con un’etichetta trasparente. In particolare, individuiamo

i prodotti che potrebbero interessare questo

target di consumatori, ma che non sono ancora presenti

sul mercato, e li realizziamo

seguendo questi principi.

La vostra azienda si occupa

di commercializzazione,

produzione e trasformazione

di prodotti agroalimentari,

in particolare di

specialità considerate

di “nicchia”, tra cui gli

smoothies, la versione già pronta dei

frullati di frutta freschi, parenti stretti dei


heights you see in the UK and US, where they often

substitute for fresh fruit. In Italy, in fact, although we

eat a lot of fresh fruit, smoothies are more popular at

lunch or as a snack because they’re very practical,

easy to drink and readily satisfy your hunger since

they have high fibre content.

So smoothies now have their rightful shelf visibility at

the big chain outlets in the US and UK. What kind of

shelf space have they got at similar outlets in Italy?

Here in Italy, where they still lag behind traditional

juices and other fruit-based drinks, smoothies have

shelf space next to fruit juices. I think this is coherent

with the facts since smoothies are alternatives to

juices and are at the same level. Even our smoothies,

which are exclusive products since they’re made from

a single fruit (100% mango, papaya or plum), are

found near other fruit juices in their range.

What kind f volumes do you handle?

We produce approximately 1.5 million bottles a year.

Do you think cost-cutting improves efficiency?

I’d say that it’s more like improving efficiency cuts costs.

This is something we pay a lot of attention to because

we know that our products run the risk of high cost due

nettari e dei succhi di frutta. Quali ritiene siano le

occasioni di consumo per questa tipologia di prodotto?

Ultimamente gli smoothies hanno avuto un gran successo

anche in Italia, tuttavia non ai livelli dei Paesi

anglosassoni (Regno Unito, Usa), dove spesso sostituiscono

il consumo di frutta fresca. In Italia, infatti, sebbene

si consumi molta frutta fresca, gli smoothies sono

apprezzati sia per colazione, sia per uno spuntino, poiché

sono molto pratici da consumare e hanno un notevole

potere saziante che deriva dall’alto contenuto di

fibre presenti nel prodotto.

Negli Stati Uniti, ma anche nel Regno Unito, hanno

conquistato la giusta visibilità sugli scaffali della grande

distribuzione. In Italia come vengono collocati questi

prodotti nei punti vendita?

Da noi gli smoothies, che restano ancora in secondo

piano rispetto ai succhi e alle altre bevande tradizionali

a base di frutta, sono collocati vicino ai succhi di frutta.

Ritengo coerente questa disposizione, sono prodotti

alternativi ai succhi di frutta, quindi di pari livello.

Anche i nostri smoothies, che sono esclusivi, in quanto

realizzati con un unico frutto (100% mango, papaya

o prugna), sono collocati vicino agli altri succhi di frutta

della gamma.


to the value of their contents as they’re made with pure,

premium-quality fruit. And, because we want to keep

them within a price range that makes them available to

just about everyone’s budget, we work hard to keep

overhead as low as possible by processing high product

volumes per run, tightly scheduling transport, improving

warehouse efficiency, devising targeted advertising

campaigns and making sure the company has a flexible

and dynamic organisational profile.

Which products are you proudest of?

Our biggest successes without any doubt are pomegranate

and blueberry, followed by aloe, mango and

papaya smoothies.

What are the best qualities of your products?

Their unique nature surely resides in the fact that they’re

made of pure fruit with no added water or other juices.

In short, they’re unadulterated, not mixtures of anything.

Another strong suit is their good quality-to-price ratio:

they cost like mixed juices that contain less-than-premium

ingredients and a small amount of fruit given a showcase

spot on the label. Taste is another factor. We want

consumers to buy our smoothies not only for their beneficial

properties but also for the sheer pleasure of drinking

them. That’s why we carefully select fruit of top quality

so that they don’t need the additives and mixes used

to prevent an unpleasant aftertaste.

Your Pomepure pomegranate juice is a real brand

product of yours. Why should consumers prefer it

over others like it on the market?

Similar products on the market can be divided into

two categories.

Almost all are pomegranate”based”

and contain only a small

amount of the fruit diluted in water

and sugar or mixed with other

juices. Since they are not pure

drinks, and if we look at the price

per litre of pure pomegranate

juice alone, it’s clear that our

freshly squeezed juice is by far

the most economical.

Then there are the pure

“herbalist” products that come

with a decidedly higher price

tag than ours and often have a

more sour-tannic-bitter taste

because the pomegranate is

squeezed whole. One of the

The company’s best-selling

product: pomegranate smoothie.

Il prodotto di maggior successo

dell’azienda: la spremuta di melagrana.

64 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

Quanti volumi movimentate?

Approssimativamente produciamo circa 1,5 milioni di

bottiglie l’anno.

A suo avviso, abbattere i costi migliora l’efficienza?

Direi soprattutto che migliorare l’efficienza abbatte i

costi. Questo è un aspetto al quale siamo molto attenti,

poiché sappiamo che i nostri prodotti rischiano di avere

un costo “importante” a causa del valore elevato del

contenuto, essendo realizzati in purezza con tipologie di

frutta pregiate. Siccome vogliamo collocarci a un livello

di prezzo che li renda accessibili a tutti, facciamo attenzione

a contenere il più possibile i costi movimentando

grandi quantità di prodotto per volta, razionalizzando i

trasporti, aumentando l’efficienza del magazzino, trovando

forme di comunicazione mirate e impostando

l’azienda con una struttura flessibile e dinamica.

Quali tipologie di prodotti vi danno maggiori soddisfazioni?

Senza dubbio, i prodotti di maggior successo sono la

melagrana e il mirtillo, seguiti dall’aloe, dal mango e

dalla papaya.

Quali sono i punti di forza dei vostri prodotti?

Sicuramente la loro unicità consiste nel fatto che sono

puri, senza aggiunta di acqua o altri succhi di frutta,

insomma non sono miscele. Un altro punto di forza è il

buon rapporto qualità-prezzo: i nostri prodotti costano

come quelli miscelati che contengono ingredienti meno

pregiati e una piccola percentuale del frutto messo in

evidenza sull’etichetta. Da non dimenticare il gusto.

Vogliamo che i nostri succhi siano consumati non solo

per le proprietà benefiche ma anche

per il piacere di farlo, per cui selezioniamo

con cura solo materie prime

di ottima qualità, in modo che senza

l’aggiunta di additivi né miscele, non

si abbiano sgradevoli retrogusti.

La spremuta di melagrana

Pomepure vi rappresenta molto.

Perché il consumatore dovrebbe

preferirla ad altri prodotti simili

esistenti sul mercato?

I prodotti simili sul mercato si possono

dividere in due categorie.

One of Premium Fruit’s latest

offerings: 100% fresh-plum smoothie

that, unlike similar drinks on the market,

is free of the “cooked” aftertaste they

have due to the use of dried fruit.

Uno degli ultimi prodotti di Premium Fruit:

il frullato 100% di prugna, apprezzato a

differenza di altri prodotti già presenti sul

mercato, per l’assenza del retrogusto “di

cotto” dovuto al prodotto essiccato.


easons for the success of our Pomepure

is the innovative squeezing method: our

juice comes from the squeezing of the

edible aril pulp only after separation from

the white, astringent pulp, seeds and

skin. We also use only a particular cultivar which costs

more but has a sweeter flavour than others.

What’s the latest product at Premium Fruit?

We’ve got two, in fact. One is our 100% aloe smoothie

without preservatives. It’s delivering quick and

extraordinary results thanks in part to its very competitive

price. The other is our smoothie from100% fresh,

not dried, plums that, unlike similar ones on the market,

has a very pleasing flavour without the “cooked”

aftertaste you get with dried fruit.

(English version by David Verzoni)

Quasi tutti sono prodotti “a base di” melagrana,

che ne contengono solo una piccola

percentuale diluita con acqua e zucchero (nettari)

o altri succhi (mix), e poiché non si tratta di

prodotti puri, se consideriamo il costo/litro

riferito solo al succo di melagrana, è

evidente che la nostra spremuta è di

gran lunga la più economica.

Poi ci sono i prodotti puri “da erboristeria”,

che hanno un prezzo decisamente

maggiore del nostro, spesso

hanno anche un sapore più amarotannico-aspro,

in quanto viene spremuta

la melagrana intera. Uno dei

motivi del successo del nostro

Pomepure è l’innovativa tecnica di spremitura:

il nostro succo è ottenuto spremendo solo gli

arilli, cioè i chicchi, previa separazione di bucce e membrane.

Inoltre, utilizziamo una particolare varietà di melagrana

che, sebbene più costosa, ha un sapore più dolce.

L’ultimo prodotto nato in casa Premium Fruit?

Sono due, nati contemporaneamente. L’aloe 100%,

senza conservanti, che ci sta dando rapidi e straordinari

risultati, anche grazie al prezzo molto competitivo. E il

frullato 100% di prugna, ottenuto da prugne fresche,

non essiccate che, a differenza di altri prodotti già presenti

sul mercato, ha un sapore molto gradevole e non

un retrogusto “di cotto” dovuto al prodotto essiccato.


No pricks from fresh-cut

prickly pears

Quarta gamma, e il fico d’India

non punge più

Marianna Martorana

Peeled, with their colourful flesh on display, prickly pears have more consumer-appeal.

After extensive trials, a Sicilian company has identified the best format and is

marketing about 65 thousand packs a year

Sbucciati e colorati i frutti sono più appetibili per i consumatori. Dopo una lunga

sperimentazione, un’azienda siciliana ha individuato il miglior prodotto che va sul

mercato con circa 65mila confezioni l’anno

Marketing a fruit as a fresh-cut product can be a

way of boosting its appeal and encouraging consumers

to buy it. Even though fruit snacks are now

nothing new, the format still offers opportunities to

some particular types of fruit, as in the case of prickly

pears, a fruit appreciated by many, but avoided by

others because it is difficult to peel. Now innovation

has come to the prickly pear with processing for the

fresh-cut range.

The trials, conducted over several years, now seem to

have been concluded and the operational phase has

been embarked upon. Mario Marino, the owner of

SOAL (Società olearia agrumicola licodiese) of Santa

Over 90% of production is still destined for the fresh market

(photo SOAL).

Oltre il 90% della produzione è destinata ancora al mercato fresco

(foto Soal).

68 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

Proporre un frutto come prodotto di quarta gamma

può aumentare il suo appeal e incoraggiare i consumatori

a comprarlo. Anche se, ormai, gli snack di frutta

sono diffusi, è un’occasione in più per alcune tipologie

particolari, come nel caso del fico d’India. Apprezzato

da molti, ma da altrettanti evitato perché difficile da

sbucciare, anche per questo frutto è arrivato il tempo di

rinnovarsi con le produzioni per la quarta gamma.

La sperimentazione, condotta da diversi anni, sembra

ormai conclusa e la fase operativa avviata. Mario

Marino, titolare della Soal (Società olearia agrumicola

licodiese) di Santa Maria di Licodia (Ct), nata nel 1976

per la molitura dell’olio e con un fatturato di circa due

After the removal of the spines, the fruit are calibrated and

selected for the fresh market or the fresh-cut range (photo SOAL).

Dopo l’eliminazione delle spine, i frutti sono calibrati e destinati al

fresco o alla quarta gamma (foto Soal).


Maria di Licodia (Ct), a company founded in 1976 for

the milling of oil, which has a turnover of around two

million euros per year, has also been working with citrus

and prickly pears since 1998.

The Etna area, characterized by large diurnal variations

in temperature and volcanic soils rich in potassium,

has given the product organoleptic characteristics

of a particular nature which have enabled it to

obtain PDO recognition. Most importantly, the

crunchiness that is essential for the fresh-cut range,

for which only the bastardone type is used. The company

purchases the product when in flower and

sends its technicians to guarantee the satisfaction of

its requirements. Of the 800 tons of prickly pears harvested

annually, 750 are destined for markets and 50

for fresh-cut processing, which yields a total of about

65 thousand packs.

Thanks to trials carried out by the food technologist

Giusy Longo and the support of the University of

Catania, SOAL’s fresh-cut prickly pears have been

available on the regional market since 2008. Trials

showed that fruit produced by the first flowering were

ill suited to fresh-cut processing. Indeed, despite the

partial elimination of the buds, leaving five fruits per

cladode, those produced from August up to 20

September are less firm and sweet. The bastardone,

available between September and December, and

obtained by the total removal of the first flush, leaving

five fruits of the second, possesses the firmness and

Prickly pear processing (photo SOAL).

Lavorazione dei fichi d’India (foto Soal).

milioni di euro annui, si occupa dal 1998 anche di agrumi

e fico d’India.

Il territorio etneo, caratterizzato da elevate escursioni

termiche diurne e da terreni vulcanici con alto contenuto

in potassio, conferisce particolari caratteristiche organolettiche

al prodotto, tanto da conferirgli anche il riconoscimento

comunitario Dop. In particolare, l’elevata


The packs each contain about 80 grams of fruit of the yellow,

white and red varieties.

Le confezioni contengono frutti di circa 80 gr delle diverse varietà

gialle, bianche, rosse.

sweetness that are necessary in order satisfy the

requirements of the market in terms of quality and

ready-to-eat convenience.

«We intend to carry out random checks on quality

parameters such as maturity, size, texture, sugar content

and origin», explains Maria Marino, SOAL sales

manager. The product is marketed in 15 x 15 cm punnets,

4 cm deep, each containing a mix of four fruit of

the yellow, white and red varieties in order to further

increase its appeal. The packs weigh in at 80 g and

have a shelf life of eight days. The product is available

in packs of eight fruit too, also mixed in colour.

The processing involves manual harvesting, the

mechanized removal of the spines by means of a

brushing machine equipped with a vacuum extractor,

and the calibration of all the fruit. Those destined for

the fresh-cut range are placed in cold storage at 4 °C

for at least three days. They are then peeled manually

to ensure that the zone immediately beneath the

epicarp is undamaged and to avoid any loss of the

juice contained in the pulp. Packaging, which takes

place in a controlled atmosphere, is semi-automatic

but will soon be fully automatic.

«What we want to do now - says Maria Marino - is to

introduce PDO prickly pears to the fresh-cut range in

order to enhance the quality of the product and

secure a price increase of about 30%. And we also

aim to triple output, further extend the product’s shelf

life, and open a processing plant in the north of Italy

in order to gain better access to target markets».

Their projects do not end here and it seems likely that

they will be launching parallel activities such as the

processing of the flowers for the herbal market and

the promotion of cladodes for culinary use.

(English version by Lawrence Smith)

70 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

croccantezza è ingrediente indispensabile per la destinazione

alla quarta gamma, cui è destinata esclusivamente

la tipologia bastardone. L’azienda acquista il prodotto

“in fiore” e invia i propri tecnici per ottenere i requisiti

stabiliti. Delle 800 ton/anno di fico d’India, 750 sono

destinate ai mercati e 50 alla quarta gamma, per un

totale di circa 65mila confezioni.

I fichi d’India di quarta gamma Soal sono sul mercato

regionale dal 2008, grazie alle prove sperimentali della tecnologa

alimentare Giusy Longo e il supporto dell’Università

di Catania. Dalla sperimentazione, è stata appurata la

scarsa idoneità dei frutti ottenuti dal primo fiore. Infatti,

nonostante la loro eliminazione parziale fino a lasciare solo

cinque frutti per cladodo, le produzioni di agosto fino al 20

settembre sono meno consistenti e dolci. Il bastardone,

ottenuto dalla scozzolatura totale della prima fioritura,

lasciando cinque frutti della seconda, presenta invece i

requisiti di consistenza e dolcezza per soddisfare le esigenze

di qualità e praticità del mercato del confezionato

pronto da gustare, per una disponibilità da settembre a

dicembre, in accordo con la stagionalità del frutto.

‹‹Sono previsti controlli a campione su parametri qualitativi

come maturazione, dimensione, consistenza,

grado zuccherino, origine›› spiega Maria Marino,

responsabile commerciale Soal. La commercializzazione

avviene in vaschette 15 x 15 con un’altezza di 4 cm

contenenti quattro frutti di circa 80 gr ognuno delle

diverse varietà gialle, bianche, rosse per aumentare ulteriormente

l’appeal della confezione, per una shelf-life di

otto giorni. Disponibili anche le confezioni con otto frutti,

sempre a colorazione mista.

La tecnica di lavorazione prevede la raccolta manuale,

l’eliminazione delle spine con macchina spazzolatrice

dotata di aspiratore e la calibrazione per tutti i frutti.

Quelli destinati alla quarta gamma sono posti in cella frigorifera

a 4 °C per almeno tre giorni. Poi viene effettuata

la sbucciatura manuale, necessaria per mantenere

integra la parte immediatamente sottostante l’epicarpo

ed evitare qualsiasi percolamento dei succhi contenuti

nella polpa. Il confezionamento, in atmosfera controllata,

avviene con una macchina semiautomatica che presto

sarà sostituita da una automatica.

‹‹I prossimi obiettivi – afferma Mario Marino – sono l’introduzione

dei fichi d’India di quarta gamma Dop, in

modo da valorizzare la qualità del prodotto con un

aumento del prezzo di circa il 30%, triplicare la produzione,

estendere ulteriormente la shelf-life e aprire un

magazzino di lavorazione direttamente al nord Italia per

servire più facilmente i mercati di destinazione››.

I progetti non terminano qui e sembra verosimile l’avvio

di trasformazioni parallele, come il recupero dei fiori da

destinare all’erboristeria e una coltivazione ad hoc per

lanciare il consumo culinario dei cladodi.


Flowers for the eating

a taste of times gone by

Fiori da mangiare

un’eredità d’altri tempi

Fausto Gardini

Some of yesteryear’s culinary cultures featuring edible flowers are back in vogue.

And not just as garnishing but as ingredients in dishes proper or in making others

Alcune culture alimentari del passato che prevedevano il consumo di fiori sono oggi

tornate in voga. Non solo come decorazione, ma come ingredienti di piatti particolari

o per realizzare diversi prodotti

Edible flowers are an ancient culinary custom even

if all but a very few have really attained what we

can call an important economic and nutritional role in

culinary culture and practice. Indeed, a list of those

we use today would include several inflorescences

like cauliflower and broccoli among the Brassicaceae,

flower buds like caper and artichoke, pumpkin flowers,

and even special flower parts like crocus (Crocus

sativus) pistils used for saffron production.

In the past many flowers had been far more widely

used in cooking than they are today. Just think of the

petals of various rose cultivars the ancient Romans

used as ingredients in many dishes. Then in the

Middle Ages, for example, the flowers of pot marigold

(Calendula officinalis) were employed mainly for salads

in France, where

from the 1600s on products

based on sweet violet

(Viola odorata) were

quite popular. Other

flowers that proved popular

in various parts of

Europe included common

dandelion

(Taraxacum officinale)

and black elderberry

(Sambucus nigra).

Today the assortment of

“edible” flowers

embraces a number of

inflorescences that are

becoming, or have

become, key ingredients

Photo A. Gardini.

Foto A. Gardini.

72 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

Il consumo a uso alimentare di fiori è pratica molto antica,

anche se quelli che hanno assunto un importante

ruolo economico e nutrizionale nell’alimentazione e nella

cultura gastronomica non sono moltissimi. Possiamo,

infatti, ricondurli ad alcune infiorescenze (certe

Brassicacee quali cavolfiore, broccoli), taluni boccioli

(capperi, carciofi), i fiori di zucca o alcune parti specifiche,

come i pistilli di croco (Crocus sativus) utilizzati per

la produzione di zafferano.

Molti fiori hanno avuto in passato un utilizzo molto più

ampio di quanto non sia quello odierno. Basti pensare ai

petali di diversi tipi di rosa già usati in epoca romana

come ingredienti in molte preparazioni. Nel medioevo i

fiori di calendula (Calendula officinalis) erano ingredienti

di insalate, soprattutto in Francia dove, dal ‘600 in poi,

si imposero vari prodotti a

base di viola (Viola odorata).

In varie zone d’Europa

ebbero successo i fiori di

tarassaco (Taraxacum

officinale) e di sambuco

(Sambucus nigra).

Oggi l’assortimento di fiori

“edibili” raggruppa diverse

infiorescenze che

diventano ingredienti fondamentali

per prodotti da

forno, salse, gelatine,

aceti e oli aromatizzati,

liquori, tisane e decotti.

Possono, inoltre, costituire

la base per prodotti

glassati (viole e rose) o


in baked goods, sauces, gelatines, vinegars, fragrant

oils, liqueurs, and herbal teas and decoctions. They

can also serve as the basis for glazed products (violets

and roses) and as dishes in their own right like

acacia flowers in batter. Rose petals and borage

(Borago officinalis) and acacia (Robinia pseudoacacia)

flowers are used in baked goods as aroma

enhancers.

A safety issue

Although still rather circumscribed, the market for

these products raises issues linked to quality and

safety. First off some of these species can be poisonous

like some Ranunculacceae of the buttercup family

and lily of the valley (Convallaria majalis). It has

also been shown that chrysanthemums can cause

allergic reactions in certain people. Then too retailers

who trade only in flowers are to be avoided because

the treatments the flowers undergo make them

unsuited for human consumption. In effect, since edible

flowers require long storage life and resistance to

machine handling, they must be protected from

sources of post-harvest microbial contamination. In

effect, storability usually ranges from two to fourteen

days at 4 °C depending on type of flower. Some can

even be dried, or frozen for used as ice-cube garnish

in drinks, and others still can be freeze-dried whole.

Nutritional qualities

There are three distinct nutritional components of

flowers. First is pollen, an important source of high

biological value active ingredients like carbohydrates,

nitrogen substances, lipids, carotenoids and

flavonoids. Next is nectar, a liquid, sweetish component

containing simple sugars amino acids (especially

prolin) and proteins, salts, organic acids, phenols,

alkaloids terpenoids. The rest of the flower like petals

contains vitamins, mineral salts and other antioxidant

substances. The colour of flowers, apart from being

an index of the presence of certain substances, high

amounts of vitamin a in yellow flowers being an example,

also play a role in determining, or inducing, the

degree of consumer preference.

The flower is a plant’s essential reproductive organ

and must remain in bloom as long as possible. This is

why is it contains high amounts of antioxidants, which

slow down the senescence caused by free radicals.

Indeed, these amounts are notably high in flowers

than can be used in foods, like those of nasturtium

(Tropaeolum major), of many liliaceae (Hemerocallis

spp.), of certain roses (Rosa rugosa e Rosa davurica)

and of chrysanthemums (Chrysanthemum spp.).

Fragrance for health

Even the fragrance of flowers comes from chemical

compounds that can be good for our health and have

Photo A. Gardini.

Foto A. Gardini.

per piatti veri e propri (come i fiori di acacia pastellati). In

pasticceria i petali di rosa, i fiori di borragine (Borago

officinalis) e di acacia (Robinia pseudoacacia) sono usati

come esaltatori di aroma.

Un problema di sicurezza

Anche se ancora limitato, il mercato di questi prodotti

pone problemi di qualità e di sicurezza. Anzitutto alcune

specie possono essere tossiche, quali le ranuncolacee

e il mughetto (Convallaria majalis). Per i crisantemi, è

stata dimostrata la capacità di causare reazioni allergiche

soggettive. Inoltre, bisogna evitare di ricorrere a circuiti

di vendita strettamente floreali, a causa dei trattamenti

che i fiori subiscono, rendendoli non compatibili

con l’alimentazione umana. A questi prodotti si richiede

lunga conservabilità e resistenza ai danneggiamenti

meccanici e, quindi, devono essere protetti da contaminazioni

microbiche dopo la raccolta. Secondo il tipo di

fiore, si ha una conservabilità a 4 °C che dura da due a

quattordici giorni. Alcuni possono essere essiccati, o

anche congelati, per guarnire cubetti di ghiaccio da utilizzare

nelle bevande, altre volte si ricorre addirittura alla

liofilizzazione del fiore intero.

Le qualità nutrizionali

Dal punto di vista dell’apporto nutrizionale, nei fiori di

Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

73


Photo A. Gardini.

Foto A. Gardini.

helpful anti-microbial properties. Indeed, it’s no accident

that many flowers are used in ethnic and alternative

medicinal remedies.

Roses, for example, contain high amounts of

phenethyl alcohol together with such terpenoids as

linalool, citronellol, neroli and geraniol. Flowers of the

tagetes genus like the French marigold (Tagetes patula)

are used as anti-inflammatory remedies because

of their high content in linalool, 2-esil-1-decanol,

piperitone and caryophyllene. These same flowers

also contain good amounts of isothiocyanates.

Caryophyllene also gives carnation its fragrance and

in which it is found with aldehydes and alcohols like

hexanale, hexanol, nonanal, benzaldehyde and benzyl

alcohol. The fragrance of violets contains large

amounts of terpenoid -ionone, a compound being

studied in medicine for its anti-tumour properties.

The bioactive study of all these compounds in the

food industry can be seen as a special area of a larger

field that analyses essential oils and the aromatic

components of plants, a specialist field that has

aroused considerable scientific and industry interest

over the last decade. Whatever the case, it’s a fact

that the first scientific studies of note about them

were published in the field’s most prestigious journals.

There have even been those who have wandered

a bit further afield, perhaps in thrall to excessive

emphasis, suggesting that edible flowers be used as

nutraceutics.

(English version by David Verzoni)

74 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

distinguono tre principali componenti. Il polline, che è

un’importante fonte di molecole di elevato valore biologico

riconducibili ai carboidrati, sostanze azotate, lipidi,

carotenoidi e flavonoidi. Il nettare è invece una componente

liquida e dolciastra che contiene zuccheri semplici,

aminoacidi (soprattutto prolina) e proteine, sali, acidi

organici, sostanze fenoliche, alcaloidi e terpenoidi. Le

restanti parti del frutto (come i petali) contengono anche

vitamine, sali minerali e altre sostanze antiossidanti. Il

colore dei fiori, oltre a essere indice della presenza di

determinate sostanze (come elevate quantità di vitamina

A nei fiori gialli), determina anche il loro grado di

apprezzamento del consumatore.

Il fiore è un organo essenziale per la riproduzione della

pianta che deve garantirne una persistenza maggiore

possibile. È il motivo per cui contiene quantità elevate di

sostanze antiossidanti che ne rallentano la senescenza

causata dai radicali liberi. Una quantità che è particolarmente

elevata in fiori che possono avere un utilizzo alimentare,

come quelli di nasturzio (Tropaeolum major), di

molte liliacee (Hemerocallis spp.), di alcune rose (Rosa

rugosa e Rosa davurica), oltre che dei crisantemi

(Chrysanthemum spp.).

L’aroma per la salute

Anche l’aroma dei fiori è determinato da diverse sostanze

che possono avere effetti positivi per la salute e interessanti

proprietà antimicrobiche. Non a caso, molti fiori

sono utilizzati nelle medicine etniche e alternative.

Le rose contengono grandi quantitativi di alcool fenetilico,

assieme a terpenoidi come linalolo, citronellolo,

nerolo e geraniolo. I fiori di tagete, i garofani d’acqua

(Tagetes patula), sono utilizzati per le loro caratteristiche

antinfiammatorie per gli elevati contenuti di linalolo, 2esil-1-decanolo,

piperitone e cariofillene. Gli stessi fiori

contengono anche interessanti quantità isotiocianati. Il

cariofillene caratterizza anche l’aroma di garofano, dove

è abbinato ad aldeidi e alcoli come esanale, esanolo,

nonanale, benzaldeide e benzilalcool. Nell’aroma delle

violette è presente in grandi quantitativi il terpenoide -

ionone, studiato in campo medico per le sue proprietà

antitumorali.

Nel settore alimentare, lo studio della bioattività di questi

componenti può essere visto come un ramo particolare

del più ampio settore che analizza gli oli essenziali e

i componenti aromatici dei vegetali, che nell’ultimo

decennio ha raccolto un notevole interesse sia accademico

sia industriale. Comunque sia, è un fatto certo che

i primi interessanti articoli scientifici sull’argomento sono

stati pubblicati da prestigiose riviste del settore. Vi è

stato addirittura chi si è spinto, forse guidato da un

eccesso di enfasi, a sottolineare la possibilità di utilizzare

i fiori edibili in una chiave “nutraceutica”.


18-19 January 2012/Bologna

So Fresh, showcase of all that’s fresh

18-19 gennaio 2012/Bologna

So Fresh, la mostra del fresco alimentare

Marca, the trade show entirely given over to private labels scheduled

for 18-19 January 2012 in Bologna, will host as part of its

agenda So Fresh, an event-cum-conference focusing on fresh

produce, meat and fish.

A focal point of the event will be a meeting of interprofessional

industry experts and researchers who, in collaboration with

Parma University, will draft the framework setting up a permanent

fresh food oversight committee with the remit of analysing

market patterns and emerging trends. Business operators can

take part in the Meeting business opportunity, a service aimed at

bringing together in a planned way supply and demand. (DV)

For Information: BolognaFiere spa - Tel.: 051 282111,

sofresh@bolognafiere.it, www.marca.bolognafiere.it

Nell’ambito di Marca, la fiera dedicata unicamente alle marche commerciali,

in programma a Bologna il 18 e il 19 gennaio 2012, si svolgerà

la mostra-convegno So Fresh sui comparti del fresco nell’ortofrutta,

carne e ittico.

Durante la manifestazioni un comitato tecnico scientifico interprofessionale

darà vita a un tavolo di lavoro tecnico in collaborazione con

l’Università di Parma per la realizzazione di un osservatorio permanente

sul prodotto freschissimo, con la finalità di analizzare tendenze

e andamento del mercato. Gli operatori potranno inoltre partecipare

al Meeting business opportunity, un servizio di programmazione

di incontri tra domanda e offerta

Per Informazioni: BolognaFiere spa - Tel.: 051 282111,

sofresh@bolognafiere.it, www.marca.bolognafiere.it

Events

Appuntamenti


commercial news

le aziende informano

Chiquita, the initiatives for MyPlate programme

Chiquita, le iniziative per il programma MyPlate

Chiquita, as strategic partner of the USDA

Nutrition Communicators Network, has

started a rich calendar of initiatives for

MyPlate programme, the informative

campaign carried out by the USDA and

the American Department of Agriculture,

by means of the First Lady Michelle

Obama, in order to promote healthy and

balanced diets.

The first stage: the celebration of Make

Half Your Plate Fruits and Vegetables Day,

which took place the 20th of September

last, at the Company’s headquarters in

Cincinnati. From that day to almost all

October, Chiquita promoted several initiatives,

within this matter, turned to consumers

and employees.

«We are glad to support

MyPlate programme and to

help consumers and our

employees to understand

how to include fresh and

healthy foodstuff in their

own diets, in a very quick

and easy way» pointed out

Fernando Aguirre, the president

and CEO at Chiquita Brands.

CM, the widest range of elevator

CM, la più ampia gamma di elevatori

Nowadays, CM supplies the widest range

of elevators able to reach lifting heights

from 1600 to 6000 mm and with a

loading power from 500 to 4500

kg. The company also has a widest

range of interchangeable equip-

76 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

Chiquita is among the

firsts food companies

to join this programme,

thanks to

which the guide lines

carried out by the

Department of

Agriculture, in order to

have a widespread

food education based

on healthier principles,

have been promulgated everywhere.

For further information:

www.myplate.gov.

(English version by Ilaria Nanni)

Chiquita, in quanto partner strategico

dell’Usda Nutrition Communicators

Network, ha inaugurato un ricco

calendario di iniziative a favore

del programma MyPlate, la

campagna informativa voluta e

sviluppata dall’Usda, il

Dipartimento americano

dell’Agricoltura, con la first

lady Michelle Obama per promuovere

stili alimentari più sani

ed equilibrati.

ment, upsetting outfit and buckets: they are

all planned and built in order to meet the

specific technical needs required by every

single customer, by keeping an excellent

relationship between quality and price.

The quality, together with reliability and

versatility of use, are successful

elements of CM. The use of

the best materials, the

technically updated

production systems,

the care by

Prima tappa: la celebrazione

del Make Half

Your Plate Fruits and

Vegetables Day, che si

è tenuta lo scorso 20

settembre presso la

sede dell’azienda a

Cincinnati. Da quel

giorno e per buona

parte del mese di ottobre,

Chiquita si è fatta

promotrice di varie iniziative in quest’ambito

rivolte a consumatori e dipendenti.

«Siamo lieti di sostenere il programma

MyPlate e aiutare consumatori e dipendenti

a capire come includere cibi freschi

e salutari nella propria dieta in modo

semplice e veloce» ha sottolineato

Fernando Aguirre, presidente e ceo di

Chiquita Brands.

Chiquita è tra le prime aziende alimentari ad

aderire a questo programma grazie al quale

si è impegnata a diffondere le Linee guida

sviluppate dal Dipartimento dell’Agricoltura

per diffondere una cultura del cibo basata

su principi più salutari.

Per informazioni: www.myplate.gov.

which the different components are

assembled and the attention paid to every

processing step, from assemblage to the

final test, it’s a guarantee of first-rate, efficient

and standing wear and tear products.

All that in the sign of research and

innovation, which are always present in

CM’s DNA, and which will characterize its

production also in the future.

These products arise from a constant

cooperation with customers and they have

been optimized in years, according to

CM proposes a wide range of upsetting outfits for containers to

apply to truck elevators.

CM propone un’ampia gamma di rovesciatori per contenitori da

applicare ai carrelli elevatori.


work-time need and improvement.

Applications and innovations suggested,

required and tested “on the field”, by people

who need high standard and efficient

elevators together with an incomparable

simplicity of use. Easiness and a variety of

use that surprise the customer during

his/her daily work.

From this relationship with customers and

by the launching on the market of plastic

containers for agricultural products (bins), a

wide range of upsetting outfit for containers

to apply to truck elevators was born.

Extraordinary products as for efficiency,

power and adaptability. Rich in CM’s exclusive

patent, these are the buttonhole of the

company. This is the key to CM success:

attention to customers and willingness to

find a solution to every single need.

(English version by Ilaria Nanni)

Oggi CM offre un’ampia gamma di elevatori

capaci di altezze di sollevamento da 1600

a 6000 mm e capacità di carico da 500 a

4500 kg, di attrezzature intercambiabili,

rovesciatori e benne: progettati e costruiti

Quality, together with reliability and

versatility of use are the successful

elements of CM.

La qualità, unita alla affidabilità e versatilità di

utilizzo, sono gli elementi di successo di CM.

anche in base alle esigenze e alle specifiche

tecniche fornite dal singolo cliente mantenendo

un ottimo rapporto qualità-prezzo.

La qualità, unita alla affidabilità e versatilità di

utilizzo, sono gli elementi di successo di CM.

L’impiego dei migliori materiali, i sistemi di produzione

tecnologicamente avanzati, la cura con

cui sono assemblati i vari componenti e l’attenzione

con cui viene seguito ogni passaggio

della lavorazione, dall’assemblaggio al collaudo

finale, garantiscono prodotti di elevata qualità,

efficienti e resistenti all’usura. Tutto nel segno

Vog, the season had a good start

Vog, la stagione è partita bene

Some days before he begging of apple

crop, the director of Vog Consortium,

Gerhard Dichgans, revealed some forecasts

on the trend of the sales campaign

2011/12 carried out by the organization

from Terlano, and he traced a balance of

last trading season and of the first year of

life of the new Vog 2010 strategy.

What do you expect from the beginning

of this new sales campaign?

If numbers presented at Prognosfruit are

correct, the European apple crop should

reach 10.2 million tons. Even if we do not

have to trust it too much, because, at the

beginning, the situation was different from

that in 2010 autumn. In East Europe areas

of production, as well as in Alto Adige, we

talk about a good or even a very good crop.

On the contrary, in Central and South-East

Europe some frosts compromised apple

production, which will be poorer than the

previous years and to provide to the

domestic demand, these Countries will be

forced to import apples from abroad.

Which are the reasons for a richer crop

in 2011?

Undoubtedly, the first cause was the early

flowering of trees, which budded two

weeks before the usual time, this year,

thanks to a mild spring. Furthermore, the

areas of production in West Europe did not

suffered of frosts that afflicted Central and

East Europe areas, instead.

By the way, the most important reason for

the rise in produced amounts is bound to

the size of fruits. In 2010, apples presented

small calibres and – as far as we were

concerned – we had some troubles in

meeting our customers’ demands, especially

in Italy and in Spain, who particularly

appreciate bigger fruits, with 80+ calibres.

This season, we expect to have

apples with normal size: they will not have

the size they had in 2009, or the small cal-

della ricerca e dell’innovazione, che da sempre

sono presenti nel DNA di CM, e che anche nel

futuro caratterizzeranno la sua produzione.

Prodotti che hanno origine da una costante

collaborazione con i clienti e ottimizzati, nel

corso degli anni, in funzione delle necessità

e del miglioramento dei tempi di lavoro.

Applicazioni e innovazioni suggerite, richieste

e collaudate “sul campo”, da chi ha bisogno

di elevatori a elevato standard di efficienza

e produttività legati a un’impareggiabile

semplicità di utilizzo. Una facilità e una

molteplicità d’impiego che sorprende il cliente

nella sua quotidiana attività lavorativa.

Da questo rapporto con i clienti e con l’arrivo

sul mercato dei grandi contenitori in plastica

per prodotti agricoli (bins) è nata

un’ampia gamma di rovesciatori per contenitori

da applicare ai carrelli elevatori.

Prodotti straordinari per efficienza, potenza

e duttilità. Ricchi di brevetti esclusivi CM,

sono il fiore all’occhiello dell’azienda.

Questa è la chiave del successo di CM:

attenzione al cliente e disponibilità alle soluzioni

di qualsiasi esigenza.

ibres they had in 2010. We have to

remember that the size of fruits is a decisive

variable in our work: a change of just

one millimetre on an average size of apple

can determine fluctuations by 4% on the

crop. This may be the reason why we have

a richer crop in Central Europe.

2010/11 balance: positive or negative?

Last season was rather positive and it

seemed almost too easy, from a trading

point of view. The main reason was bound

to the lack in product on the most important

European markets, ascribable to a

poor crop in 2010. As a matter of fact, last

season, the continental production was

among the poorest in the last ten years,

attesting on 9.4 million tons.

In particular, Germany – our chief market of

reference abroad – registered a scanty

crop. Such a situation favoured our sales

either on that market or in the rest of North

ad East Europe, where we had a series of

Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

77

commercial news

le aziende informano


commercial news

le aziende informano

The director of Vog Consortium, Gerhard Dichgans.

Il direttore del Consorzio Vog, Gerhard Dichgans.

advantageous opportunities. The calibres

our production had were welcomed by the

market, guaranteeing to our partners in Alto

Adige the covering of expenses, after the

disappointing sales in 2009/10.

What are the main challenges of this

new season?

During the summer, the left amounts will be

allocated to our best customers by any particular

difficulty. That is also true for the

other areas of production. This is due to the

scanty amounts of apples imported by the

Southern hemisphere, which have been

lower than what we expected. So, this will

let us have a normal transition from 2010

crop to 2011 one, as we will not have the

overlapping of these two consecutive years.

I think this sales season we will have

more normal market conditions, especially

thanks to a more regular production, by

calibres on the average. During last season,

the export market was characterized

by small size apple supply. On the contrary,

this year, we will come back to calibres

of 70/80, sold above all in foodtainer

and alveolus and less in bag. As far as my

information is concerned, such a situation

should be in common with all the other

areas of production in West Europe.

On the other side, this year, in Alto Adige we

will have the opportunity to properly meet

the Mediterranean Countries’ demand, as

we will have the amounts, the calibres and

the right varieties these markets want.

Such a situation, we will give us the opportunity

to be present by competitive prices.

Nearly a year ago, you launched the new business

and organization strategy: Vog 2010.

78 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

What’s the balance after one year?

In these days, we are concluding the estimates

concerning liquidations, but it is

already possible to draw some conclusions

concerning the applications of the

new strategy Vog 2010.

We briefly have to remember the main

points of our new strategic set up:

1) subdivision in 4 pools of the 16 Vog

coop, in order to improve the efficiency

of our service;

2) quality standardization;

3) planning improvement and availability

of product by means of a unified and

centralized programming of de-piling

and sale;

4) creation of 5 central specific workshops

of coordination for the each

market and customer;

5) a sole invoicing by means of Vog

Consortium.

The central sales office in Terlano has

remarkably increased the volumes of

sales, also by considering that export was

particularly receptive for our produce.

By involving all the directors in the selling

structure, we have been able to guarantee

to our customers trained and competent

business interlocutors. Such a situation let

us go over the transition from the old and

the new system with no difficulty.

Our customers’ feedbacks were clearly

positive. Therefore, we may say that we

got over the baptism of fire and, now, we

have to concentrate on the nearby marketing

season, by considering that basically

it seems to be more difficult than the

previous one.

(English version by Ilaria Nanni)

The crop is expected to be richer than in 2010.

La raccolta si prevede più abbondate del 2010.

Qualche giorno prima dell’inizio della raccolta

delle mele, il direttore del Consorzio Vog,

Gerhard Dichgans, ha svelato alcune previsioni

sull’andamento della campagna di

vendita 2011/12 dell’organizzazione di

Terlano, e ha tracciato un bilancio della

scorsa stagione commerciale e del primo

anno di vita della nuova strategia Vog 2010.

Cosa vi aspettate dall’inizio della nuova

campagna commerciale?

Se i numeri presentati a Prognosfruit sono

corretti, il raccolto europeo di mele dovrebbe

raggiungere i 10,2 milioni di tonnellate.

Anche se non bisogna fidarsi troppo, perché

la situazione di partenza è diversa rispetto

all’autunno 2010. Nelle zone di produzione

dell’Europa dell’Est, così come in Alto Adige,

si parla di un raccolto buono o addirittura

molto buono. In Europa centrale e sudorientale,

invece, alcune gelate hanno compromesso

la produzione di mele, che sarà più scarsa

rispetto agli anni precedenti e per provvedere

alla domanda domestica questi Paesi saranno

costretti a importare mele dall’estero.

Quali sono le ragioni del raccolto più

abbondante nel 2011?

La prima causa è sicuramente la fioritura

precoce delle piante, che quest’anno sono

germogliate con circa due settimane di anticipo

grazie a una primavera mite. Inoltre, le

zone di produzione dell’Europa occidentale

non sono state colpite dalle gelate che

hanno invece afflitto le aree melicole

dell’Europa centrale e orientale.

Ma la ragione più importante dell’aumento dei

quantitativi prodotti è quella legata alla pezzatura

dei frutti. Nel 2010 le mele presentavano


dei calibri piccoli e – per quanto ci riguarda –

abbiamo avuto alcune difficoltà per soddisfare

le richieste dei nostri clienti dell’area del

Mediterraneo (soprattutto Italia e Spagna) che

apprezzano in particolare i frutti di dimensioni

maggiori, con calibri 80+. Questa stagione ci

aspettiamo mele di pezzatura normale: non

saranno le misure del 2009 ma nemmeno i

piccoli calibri del 2010. È bene ricordare che

la grandezza dei frutti è una variabile determinante

nel nostro lavoro: variazioni di un solo

millimetro sulla dimensione media delle mele

possono determinare oscillazioni del 4% sul

raccolto. Si può ricondurre a questa ragione il

motivo di un raccolto più abbondante negli

Stati dell’Europa centrale.

Il bilancio della stagione 2010/11: positivo

o negativo?

La stagione passata è stata tendenzialmente

positiva ed è sembrata quasi troppo semplice

dal punto di vista commerciale. Il motivo principale

è legato alla scarsità di prodotto sui principali

mercati europei, riconducibile a un raccolto

molto contenuto nel 2010. Nella stagione

scorsa, infatti, la produzione continentale è

stata una delle più basse degli ultimi dieci anni,

attestandosi sulle 9,4 milioni di tonnellate.

In particolare la Germania – il nostro principale

mercato di riferimento all’estero – ha

registrato un raccolto molto contenuto.

Questa situazione ha favorito la nostra azione

di vendita sia su questo mercato che nel

resto del Nord ed Est Europa, dove si sono

profilate una serie di opportunità commerciali

vantaggiose. I calibri corrispondenti alla

nostra produzione sono stati ben accolti dal

mercato garantendo ai nostri soci produttori

altoatesini la copertura delle spese di pro-

duzione, dopo la deludente annata commerciale

del 2009/10.

Quali sono le principali sfide di questa

nuova stagione commerciale?

Durante l’estate i quantitativi residui verranno

allocati ai nostri migliori clienti senza particolari

difficoltà. Questo vale anche per le

altre zone di produzione. Ciò è dovuto alle

minori quantità di mele importate dall’emisfero

Sud che sono state più basse di quanto

ci si aspettava. Questo permetterà una

transizione normale dal raccolto 2010 a

quello 2011, dato che non si porrà il problema

della sovrapposizione fra le produzioni di

queste due annate consecutive.

Ritengo che questa stagione commerciale

avremo a che fare con condizioni di mercato

più normali, soprattutto grazie a una produzione

più regolare, con calibri tendenzialmente

più standard. Il mercato dell’export

nella stagione passata è stato caratterizzato

da un’offerta di mele di piccola pezzatura.

Quest’anno invece si tornerà ai calibri

70/80, venduti soprattutto in foodtainer e in

alveoli e meno nei sacchetti. Stando alle mie

informazioni questa situazione dovrebbe

essere comune a tutte le zone di produzione

dell’Europa occidentale.

D’altro canto in Alto Adige quest’anno avremo

la possibilità di rispondere in modo adeguato

alle richieste provenienti dai Paesi del

Mediterraneo, dato che avremo a disposizione

i quantitativi, i calibri e le varietà giuste per

questi mercati. Questa situazione ci darà modo

di essere presenti con prezzi competitivi.

Circa un anno fa avete lanciato la nuova

strategia commerciale e organizzativa

Vog 2010. Qual è il bilancio di questi

primi 12 mesi di attività?

In questi giorni stiamo concludendo i calcoli

relativi alle liquidazioni ma già ora è possibile

trarre alcune conclusioni riguardanti la applicazione

della nuova strategia Vog 2010.

Ricordiamo brevemente i punti centrali del

nostro nuovo assetto strategico:

1) suddivisione delle 16 coop Vog in 4 pool, al

fine di migliorarne l´efficienza e il servizio;

2) standardizzazione della qualità;

3) miglioramento della pianificazione e

della disponibilità di prodotto per mezzo

di una programmazione unificata e centralizzata

di decumulo e vendita;

4) creazione di 5 tavoli centrali di coordinamento

specifici per mercato e tipologia

di cliente;

5) fatturazione unica tramite il Consorzio

Vog.

L´ufficio vendite centrale con sede a Terlano

ha aumentato considerevolmente i volumi di

vendita, anche tenendo conto che l´export è

stato particolarmente recettivo per il prodotto

sudtirolese.

Attraverso il coinvolgimento di tutti i direttori

nella struttura di vendita siamo stati in

grado di garantire ai nostri clienti degli interlocutori

commerciali preparati e competenti.

Questa situazione ci ha permesso di superare

senza intoppi la transizione dal vecchio

al nuovo sistema.

I feedback dei nostri clienti sono stati chiaramente

positivi. Il battesimo del fuoco si

può dire quindi superato e ora dobbiamo

concentrarci sulla commercializzazione

della stagione alle porte, tenendo conto che

tendenzialmente questa pare essere più difficile

rispetto a quella precedente.

Fresh ready-to-eat plates DimmidiSì, +30% shelf life

Piatti pronti freschi DimmidiSì, shelf-life +30%

The “Linea Verde” confirms to be the leading

one in development and innovation, by

presenting a very important and meaningful

goal: the 30% rise in shelf life of the

fresh ready-to-eat plates DimmidiSì. As a

matter of fact, the Italian Group from

Manerbio (BS), at the top of the fresh

ready-to-use fruit and vegetable market

and of the fresh ready-to-eat plates, has

increased the shelf life of the fresh Soups

(8 references), of fresh Mashed Potatoes

(2 references) and of fresh Peperonata (1

reference).

The prolongation of the expiry date, a very

competitive value in the field, must be

ascribed to the remarkable investment in

new technologies the enlarged production

pole of Manerbio has started last March.

Thanks to the expansion of its location, to

its increased production power, to the

improvement of the working flows and to

the global efficiency, the “Linea Verde”

has reached a further important result: a

rise in the already high quality of products

that now makes it possible to have a shelf

life increase.

As a matter of fact, it carried out several

Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

79

commercial news

le aziende informano


commercial news

le aziende informano

interventions: a new side devoted to

fresh ready-to-eat plates, of about

10 thousand square metres, to

boost the production power

and to rise in product quality

and tastiness. In the

division devoted to production,

there is an up-to-date

cooking process, which is more

efficient and more favourable to the

organoleptic features of the endproduct

that gains in quality and tastiness,

being trustworthy to the company’s

mission of “as good as homemade”.

In the area devoted to production and

packaging, the new technological system

of over-pressure filtered air purifies the air,

improving the environmental sanification.

Furthermore, the “Linea Verde” has automated

the handling of goods, by remarkably

improving the working flows and by

guaranteeing a greater timeliness in delivery,

thanks to the possibility of making

quicker and safer loadings.

To take into account, the extremely positive

impact the postponed expiry date has

on commercial distribution and on consumers:

for the staff at the point of sale, it

means an easier shelf management; for

the end-customer, it means to have more

days at disposal to eat the product he/she

bought, by having the same requisites of

freshness and tastiness. In a view of a

growth in the Italian large-scale retail

trade and of a rise in European exports –

a goal the company fixed by the investment

made in the new pole in Manerbio –,

To consumers, it’s a rise in the first-rate

quality of products.

Per il consumatore, è un aumento della già

elevata qualità dei prodotti.

80 Fresh Point Magazine n.11 – november/novembre 2011

The shelf life of the fresh ready-to-eat

plates DimmidiSì increased by 30%.

È aumentata del 30% la shelf life dei piatti

pronti freschi DimmidiSì.

the “Linea Verde” reaches another target:

to increase its own delivery range. Such a

success confirms the efficiency and the

soundness of the Group’s philosophy: to

be competitive thanks to an all round

innovation and development.

For further information:

www.lalineaerde.it, www.dimmidisi.it.

(English version by Ilaria Nanni)

La Linea Verde si conferma leader per lo sviluppo

e l’innovazione presentando un importantissimo

e significativo traguardo: l’aumento

del 30% della shelf life dei piatti pronti freschi

DimmidiSì. Nello specifico, il Gruppo italiano

con sede a Manerbio (Bs), ai vertici del

mercato dell’ortofrutta fresca pronta al consumo

e dei piatti pronti freschi, ha incrementato

la shelf life delle Zuppe fresche (8 referenze),

dei Purè di patate freschi (2 referenze)

e della Peperonata fresca (1 referenza).

L’allungamento della data di scadenza, valore

fortemente competitivo per il settore, si

deve al cospicuo investimento nelle

nuove tecnologie del polo produttivo di

Manerbio, ampliato, rivisitato e inaugurato

lo scorso marzo. Grazie al

potenziamento del sito, alla sua capacità

produttiva, al miglioramento dei flussi

operativi e dell’efficienza globale, la

Linea Verde ha raggiunto un ulteriore e

importante risultato: un aumento della

già elevata qualità dei prodotti che permette,

oggi, l’incremento della shelf life.

Molteplici, infatti, sono gli interventi effettuati:

una nuova ala dedicata alla produzione

dei piatti pronti freschi, di circa 10mila

mq, per potenziare la capacità produttiva e

aumentare la qualità e la bontà del prodot-

The fresh Soups include eight

references.

Le Zuppe fresche comprendono otto

referenze.

to. Nel reparto dedicato alla produzione, si è

scelto un processo di cottura all’avanguardia

più efficiente e a vantaggio delle qualità

organolettiche del prodotto finito che ne

guadagna, quindi, in qualità e bontà, mantenendo

fede alla mission aziendale del

“buono come fatto in casa”. Nell’area dedicata

alla produzione e al confezionamento, il

nuovo sistema tecnologico di aria filtrata in

sovrapressione purifica l’aria migliorando la

sanificazione dell’ambiente. La Linea Verde

ha, inoltre, automatizzato le operazioni legate

al movimento merci migliorando in modo

significativo i flussi di lavoro e garantendo

una maggiore tempestività nelle consegne

grazie alla possibilità di effettuare carichi più

veloci e in maggiore sicurezza.

Da considerare l’impatto decisamente positivo

che il posticipo della data di scadenza

ha sulla distribuzione e sul consumatore:

per il personale del punto vendita si traduce

in una più semplice gestione dello scaffale;

per il cliente finale significa avere, con gli

stessi requisiti di freschezza e bontà, più

giorni a disposizione per il consumo del prodotto

acquistato. Nella prospettiva di una

crescita nei canali della grande distribuzione

italiana e di un incremento delle esportazioni

in Europa, obiettivo prefissato con gli

investimenti per il nuovo polo di Manerbio, la

Linea Verde vede, inoltre, raggiunto un traguardo

aggiuntivo: aumentare il proprio raggio

di consegna. Successo che conferma

l’efficacia e la solidità della filosofia del

Gruppo: essere competitivi grazie all’innovazione

e allo sviluppo a 360°.

Per informazioni: www.lalineaverde.it,

www.dimmidisi.it.

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!