15.08.2013 Views

Fresh Point Magazine - B2B24 - Il Sole 24 Ore

Fresh Point Magazine - B2B24 - Il Sole 24 Ore

Fresh Point Magazine - B2B24 - Il Sole 24 Ore

SHOW MORE
SHOW LESS

Create successful ePaper yourself

Turn your PDF publications into a flip-book with our unique Google optimized e-Paper software.

Mensile – Poste Italiane S.p.A. – sped. A.P. – D.L. 353/2003 conv. L. 46/2004, art.1.c.1: DCB Forlì

Anno II

JUN

GIU

Monthly/Mensile

Il Sole 24 Ore

Business Media

06 10

by Ortofrutta Italiana

www.freshpointmagazine.it

Ho.Re.Ca.

Europech - stonefruit

harvest forecast

Europech - previsioni

raccolta drupacee

Switzerland

Svizzera

Romania

Watermelon

Anguria

Wholesale markets

opening hours

Orari dei mercati

all'ingrosso


heading/rubriche

5

6

68

73

74

SUMMARY

SOMMARIO

06 JUNE/GIUGNO 10

editorial/editoriale

news/news

GlobalGap/GlobalGap

events/appuntamenti

commercial news/aziende informano

10 Ho.re.Ca./Ho.Re.Ca.

10 Eating out less, an advantage for F&V

Meno consumi Fuori Casa, spazio per frutta e verdure

Alessandra Ravaioli

16 market/mercato

16 Decisive year for stonefruit

Stagione decisiva per le drupacee

Cécilia Celeyrette

20 French producers and traders meet with Italian distributors

Produttori e commercianti francesi, meeting con i distributori

italiani

Duccio Caccioni

26 South & North Mediterranean, meet at Medfel

Sud e nord Mediterraneo, incontro al Medfel

Cécilia Celeyrette

30 Switzerland, growers protest free trade deal

Svizzera, produttori contro l’accordo di libero scambio

Simon Martin

34 Fruit: Romagna is optimistic but there are too many

imponderables for comfort

Frutta: Romagna ottimista ma le incognite non mancano

Cristiano Riciputi

38 Ethics and sustainability, Fruitimprese takes up the challenge

Etica e sostenibilità, la scommessa di Fruitimprese

Leonardo Rossini

42 Quality or cost-cutting. Pear, options facing growers

Qualità o contenimento dei costi. Pere, le scelte dei produttori

Alessandra Ravaioli

46 Big and tasty, Apulia cherries a big hit everywhere in Europe

Grossa e saporita, la barese che piace a tutta Europa

Giuseppe Francesco Sportelli


55 EU27: imports of vegetables down but growth in those of

fruit and citrus

Ue-27: meno import di ortaggi, cresce quello di frutta e agrumi

Mario Schiano lo Moriello

49 product/prodotto

49 Peach and nectarine for Europe from Calabria’s Piana di

Sibari

Dalla Piana del Sibari pesche e nettarine precoci per l’Europa

Marianna Martorana

51 Seedless and mini-watermelons strengthen Italian exports

Seedless e miniangurie rafforzano l’export italiano

Emanuele Sanzone

60

60 The fresh-cut trade at Las Vegas bets on a rebound

A Las Vegas la IV gamma punta sulla ripresa

Francesco Caponetti

63 Year-round vegetables from Tanimura & Antle

Produzione per tutto l’anno con Tanimura&Antle

Francesco Caponetti

66 News

Presidente: Eraldo Minella

Amministratore delegato: Antonio Greco

Editor/Direttore responsabile: Elia Zamboni

Assistant editor/Vice direttore: Beatrice Toni

Editorial staff/In redazione:

Roberto Bartolini (correspondent/inviato), Francesco Bartolozzi, Dulcinea

Bignami, Gianni Gnudi (editor-in-chief/capo redattore), Alessandro Maresca,

Giorgio Setti (editor-in-chief/capo redattore), Lorenzo Tosi

Editorial office/Redazione: Phone/tel. (+39) 051.6575847

email: redazione.edagricole@ilsole24ore.com

Design/Realizzazione grafica: Lizart Comunicazione visiva – Bologna

Printed by/Stampato da: FAENZA INDUSTRIE GRAFICHE

Via Vittime civili di guerra, 35 - Faenza (RA)

© 2010 Il Sole 24 ORE Business Media Srl

Il Sole 24 ORE Business Media Srl

Registered office/Sede legale: Milano 20141 Via Patecchio, 2

CF e P.IVA e Registro Imprese 00081580391 – REA n. 1769869

Agroindustrial Dept. – Bologna Operative office/

Area Agroindustria – Sede operativa di Bologna: Via Goito, 13 40126 Bologna

Phone/tel. (+39) 051.65751 – fax (+39) 051.6575800

Publisher: Eugenio Occhialini

Advertising/Pubblicità: Phone/tel. (+39) 051.6575859 / (+39) 051.6575834

fax (+39) 051.6575853

email: pubblicita.agroindustria@ilsole24ore.com

Subscriptions/Abbonamenti: Phone/tel. (+39) 051.6575820 – fax +39.051.6575900

Customer service/Servizio clienti:

email: servizioclienti.edagricole@ilsole24ore.com

Sales Administration/Amministrazione Vendite: fax (+39) 051.6575823

Casella Postale 397 Ufficio Postale Bologna Centro 40100 Bologna

Internet web site: www.freshpointmagazine.it

Reg. Tribunale di Bologna n. 7598 del 10/11/2005 Tariffa R.O.C.: “Poste Italiane s.p.a. Spedizione in

Abbonamento Postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1,

comma 1, DCB Forlì” Iscrizione R.O.C. n. 6357 del 10 dicembre 2001

Subscriptions and prices in Italy/Abbonamenti e prezzi in Italia:

see reservation card inside/vedi cedola di prenotazione nelle pagine interne (c.c. postale 87729679):

Yearly subscription in Italy/Abbonamento annuo: euro 69,00

Back issues/Arretrati: euro 13,80

Back volumes/Annate arretrate: euro 90,00

Yearly subscriptions abroad. Foreign subscription by priority mail/

Estero. Abbonamento annuo prioritaria: euro 116,00

Subscription renewal in Italy/Rinnovo abbonamenti in Italia:

A warning will be sent by the Editor one month before the deadline. Upon request, Institutions and companies

may receive the above along with an offer/Attendere l’avviso che l’Editore farà pervenire un mese prima

della scadenza. Per Enti e Ditte che ne facciano richiesta l’avviso verrà inoltrato tramite preventivo.

VAT discharged by the publisher/Iva assolta alla fonte dall’Editore ai sensi dell’art. 74, 1°comma, lett. c, D.P.R.

26101972 n. 633 e successive modificazioni ed integrazioni.

The payment receipt of the postal account is a valid accounting document/ La ricevuta di pagamento del

conto corrente postale è documento idoneo e sufficiente ad ogni effetto contabile.

Notice pursuant to legislation 196/2003 (directive on data privacy). The Il Sole 24 ORE Business Media

s.r.l., the data processor (hereinafter called the Publisher), shall handle the personal data you have freely

consented to submit upon underwriting your subscription, or that were acquired from lists containing personal

data regarding the performance of business activities and the like, in accordance with the provisions

of Article 24, Paragraph 1, letter d) of legislation 196/2003, and in ways consonant with the purposes related

thereto, in order to send you the magazine subscribed to or as a complimentary copy thereof. The person

charged with said data handling shall be the Site Manager of the Publisher’s office in Bologna and is

to be contacted should you decide to exercise your rights pursuant to Art. 7 of law 196/2003. Your personal

data may be handled by persons charged with booking orders, marketing, customer services and clerical

tasks and may be communicated to affiliated firms of the Gruppo 24 ORE for said collection purposes

and in turn to third-party companies for dispatching the Publisher’s magazine and promotional material./Informativa

ex D. Lgs. 196/2003 (tutela della privacy). Il Sole 24 ORE Business Media s.r.l., titolare del

trattamento, tratta, con modalità connesse ai fini, i Suoi dati personali, liberamente conferiti al momento della

sottoscrizione dell’abbonamento od acquisiti da elenchi contenenti dati personali relativi allo svolgimento di

attività economiche ed equiparate, per i quali si applica l’art. 24, comma 1, lett. d) del D. Lgs. 196/2003, per

inviarLe la rivista in abbonamento od in omaggio. Il Responsabile del trattamento è il Site Manager della sede

operativa di Bologna, cui può rivolgersi per esercitare i diritti dell’art. 7 D. Lgs. 196/2003 (accesso, correzione,

cancellazione, ecc) e per conoscere l’elenco di tutti i Responsabili del Trattamento. I Suoi dati potranno essere

trattati da incaricati preposti agli ordini, al marketing, al servizio clienti e all’amministrazione e potranno essere

comunicati alle società del Gruppo 24 ORE per il perseguimento delle medesime finalità della raccolta, a società

esterne per la spedizione della Rivista e per l’invio di nostro materiale promozionale.

The person charged with handling personal data collected in data banks for editorial uses shall be the Editorin-Chief,

who can be contacted by all those interested in exercising their rights as laid down by Art. 7 of law

196/2003 through the editorial secretaries at: fax ++39-051-6575856. Articles and photographs submitted

for publication will not be returned even if not published. All rights are reserved. No part of this publication

may be reproduced, stored in memory or transmitted in any way or form whatsoever, whether digital, photocopy

or otherwise, without written consent of the Publisher./Il Responsabile del trattamento dei dati personali

raccolti in banche dati di uso redazionale è il Direttore Responsabile a cui, presso il coordinamento delle segreterie

redazionali (fax 051/6575856), gli interessati potranno rivolgersi per esercitare i diritti previsti dall’art. 7,

D. Lgs. 193/2003. Gli articoli e le fotografie, anche se non pubblicati, non si restituiscono. Tutti i diritti sono riservati;

nessuna parte di questa pubblicazione può essere riprodotta, memorizzata o trasmessa in nessun modo

o forma, sia essa elettronica, elettrostatica, fotocopia ciclostile, senza il permesso scritto dall’editore.

Notice pursuant to Art. 2, Paragraph 2 of the “Code of ethics for the handling of personal data in the

exercise of the profession of journalism”. The company Il Sole 24 ORE Business Media s.r.l., publisher

of the magazine Fresh Point, herewith informs the general public that it maintains data banks for editorial

purposes that collect personal information. The place where one may exercise the rights provided under

law. 196/2003 is the office of the person charged with handling personal data that is part of the coordinated

editorial secretary offices at: fax ++39-051-6575856/Annuncio ai sensi dell’art. 2, comma 2 del

"Codice di deontologia relativo al trattamento dei dati personali nell’esercizio della attività giornalistica”.

La società Il Sole 24 ORE Business Media s.r.l., editore della rivista Fresh Point, rende noto al pubblico che

esistono banche dati ad uso redazionale nelle quali sono raccolti dati personali. Il luogo dove è possibile

esercitare i diritti previsti dal D. Lgs. 196/2003 è l’ufficio del Responsabile del trattamento dei dati personali,

presso il coordinamento delle segreterie redazionali (fax 051/6575856).

ISSN 1827 – 577X

Contact persons/Referenti:

Lorenzo Bazzana (Coldiretti), Cesare Bellò (Opo Veneto/Unaproa), Paolo Bruni (FedagriConfcooperative),

Gianni Brusatassi (Uiapoa), Marco Crotti (Cio/Unaproa),

Ambrogio De Ponti (Apol/Unaproa), Valentino Di Pisa (Caab), Claudio Gamberini (Conad), Giuseppe La

Rocca (Mof), Reinhold Marsoner (Interpoma), Fabrizio Marzano (Unaproa), Carmelo Mennone (Alsia), Paolo

Merci (Verona Mercato),

Luigi Peviani (Aneioa), Francesca Ramondo (Gruppo T18), Salvatore Rapisarda (Euroagrumi), Giuliana Roncolini

(Cia), Domenico Scarpellini (Macfrut), Luciano Trentini (Areflh).

English version by/Versione inglese a cura di: Ilaria Nanni, Lawrence Smith, David Verzoni e Maria Zaccarini.

Cover’s image/immagine di copertina: Marina Alberghini - AM&QR, Bologna

Questo giornale è associato alla: ed è membro italiano di:

Unione Stampa

Periodica Italiana

l’associazione dei più importanti

giornali periodici agricoli europei


Europe, too much monetarism

Europa, troppo monetarismo

Duccio Caccioni

This is not the first time Europe has had a common

coin the sestertius of the Romans lasted centuries and

even the pound of Charlemagne long outlived him. So what

hopes might we harbour for the euro? It’s no secret that the

political power backing the euro is nowhere near as strong

as that which stood behind Europe’s other two long-running

currencies. Indeed, we could even say that there is no

Europe behind, or at least that there is no resolute will

determined to build a real political and economic order.

What we do see in its place is member governments’ continuously

vacillating ping-pong like between their own

parochial interests and those of the European Union and

the clear-cut dichotomy between political and financial will.

Massimo D’Azeglio, a nineteenth-century Italian statesman,

declared the day after the modern Italian nation had

come into being that “Now that Italy’s been created, it’s

time to create the Italians”. A lot of people in the last few

years have probably thought “now that the euro’s been

created, it’s time to create the Europeans”.

In effect, ever since it’s appearance in 1994 the euro has

had a controversial history, one that has given rise to a

Risk-like economic-financial board game. France fretted

that the German mark might become the Continent’s currency

strongman, Italy immediately jumped on the singlecurrency

band wagon when it learnt that Spain would do

so, and several ‘smaller’ countries like Greece decided to

cook the books so they could join the euro-zone club too.

As neophytes of high finance but keen observers of the

global arena in which the fortunes of the produce industry

play out, we find it rather difficult to fathom EU monetary

policy in a worldwide scenario.

Let’s look at a few examples, starting with China. EU produce

exports to China went from 7,900 tons in 2003 to

15,000 tons in 2008. During the same span, Chinese produce

exports to the EU rose from 476,000 to 750,000

tons. Yet, given the value of the euro, we see that

receipts of EU fruit and vegetable exports paradoxically

fell 7.4% in 2009, with the per-kilo value going from

€0.84 to €0.69 (Eurostat data).

In other words, Europe is still the most courted and

courtable market in the world but continues to be a weakling

in the export ring, a fact in part imputable to a strong yet

rigid currency. It’s a situation that works to the detriment of

growers with, it seems to us, any benefit whatsoever accruing

to either distributors or consumers. Perhaps a monetary

policy that is pegged less to money supply and more to the

demands of Europe’s markets and its citizens would give

the EU’s supply and distribution chains, including the fruit

and vegetable pipeline, more room to manoeuvre.

(English version by David Verzoni)

Non è la prima volta che l’Europa ha una moneta comune: il

sesterzio romano è durato per secoli e anche la lira di Carlo

Magno ha tenuto banco per molto tempo. Cosa dobbiamo

sperare per l’euro? Di certo, dietro all’euro non c’è il forte

potere politico che caratterizzava il corso delle altre due storiche

valute europee. Anzi ,si potrebbe dire che dietro all’euro

non c’è l’Europa o, perlomeno, che non esiste una volontà

decisa a creare una vera entità politica ed economica.

I fenomeni più evidenti sono il costante tentennamento dei

governi fra gli interessi del proprio paese e quelli dell’Unione e

la netta dicotomia fra la volontà politica e quella finanziaria. Uno

statista dell’Ottocento italiano, Massimo D’Azeglio, all’indomani

della nascita della nazione ebbe a dire: “Fatta l’Italia bisogna

fare gli italiani”. Negli anni scorsi in molti hanno pensato che

“fatto l’euro, si potranno fare gli europei”: un punto di vista

denso di ottimismo, ma che sembra avere scarse possibilità di

riuscita se i governi nazionali non sapranno dare un colpo d’ala

e guardare oltre ai propri interessi di breve periodo.

In effetti dalla sua nascita (1994) l’euro ha avuto una storia

controversa dando inizio a una specie di risiko economicofinanziario.

La Francia temeva che il marco divenisse la

moneta forte continentale, l’Italia saltò di gran fretta sulla

barca della moneta unica quando si venne a sapere dell’adesione

della Spagna, alcuni paesi “minori” (la Grecia, ad

esempio) si può ben dire che fecero “carte false” per adottare

la moneta unica.

La crisi che investe la Grecia e lambisce altri paesi europei

può quindi apparire come il sintomo della mancanza di una

definita strategia continentale. Da profani della finanza, ma

attenti osservatori degli scenari globali per quanto riguarda

il comparto del quale ci occupiamo, per esempio, non riusciamo

bene a comprendere la politica monetaria europea

nel contesto mondiale.

Qualche esempio: prendendo la Cina, l’esportazione

comunitaria di prodotti ortofrutticoli verso questo paese nel

2003 era pari a 7.900 tonnellate ed è passata a 15.000

tonnellate nel 2008. Nello stesso periodo le esportazioni

cinesi verso la Ue sono salite da 476.000 a 750.000 tonnellate.

Paradossalmente (visto il valore dell’euro) nel 2009

l’export di frutta e ortaggi della Ue verso i paesi terzi è

sceso del 7,24% in valore: il valore medio per Kg esportato

è precipitato da 0,84 a 0,69 euro kg (dati Eurostat).

L’Europa rimane quindi il più appetito e appetibile mercato

mondiale, ma è sempre più debole nella esportazione, anche

per effetto di una moneta forte e rigida. Una condizione che

mette in crisi i produttori, senza (ci pare) alcun beneficio sia

per i distributori che per i consumatori. Forse una politica

meno basata sulla moneta e più attenta ai mercati e ai bisogni

dei cittadini europei darebbe più respiro alle filiere produttive

e distributive europee, ortofrutta compresa.

Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

5

editorial

editoriale


news

notizie

Freshfel survey: produce consumption in 27-member EU

insufficient

Monitoraggio di Freshfel: consumo di ortofrutta insufficiente

nell’Europa a 27

Freshfel Europe has just released the latest

Freshfel Consumption Monitor” report, a

survey of production, trade and supply

trends of fresh produce in the 27-member

European Union, including data on produce

consumption in Norway, Switzerland and

the US. The most interesting fact the survey

came up with concerns fresh produce consumption

in the EU. A breakdown of the

gross distribution figures of fruit and vegetables

marketed in 2008 shows that each

Per-capita produce consumption in much

of Europe is less than 400 grams a day.

In Europa il consumo pro-capite di ortofrutta

resta inferiore ai 400 grammi al giorno.

Downturn in Spanish food

volumes and sales

Volumi e prezzi in diminuzione

per i prodotti spagnoli

It’s been a bad year so far for Spain’s F&V industry. Exports in the

first quarter have been off. Bad weather during the period has

precipitated a more than 30% decline in the lettuce crop. And the

latest estimates put the fall in the Huelva area’s strawberry crop

at 30%. Export prices have even registered a 44% decline compared

to those in 2009. (DV)

Cattivo inizio di annata per l’ortofrutticoltura spagnola. Le esportazioni

nei primi mesi dell’anno sono date in calo. Per le cattive

condizioni metereologiche la produzione di insalate nei primi tre

mesi dell’anno ha avuto una riduzione di oltre il 30%. In riduzione

(si stima il 30% in meno) anche le raccolte di fragole nell’area

di Huelva; il prezzo dei prodotti esportati durante la stagione

2010 è stato del 44% più basso rispetto al 2009.

6 Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

person in the EU had an average supply of

96.2 kilos over the last 5 years. The trend for

vegetables alone was 103.4 kilos, against

the average 120.7 kg from 2003 to 2007.

What we see then is that fruit posted a 1%

rise and vegetables a 13% fall. Yet, given the

rise in EU population from 486.6 million in

2003 to 497.6 million in 2008, we find that

fruit consumption actually dropped by

0.67% and that of vegetables by 14.2%.

Freshfel Europe’s General Delegate Philippe

Binard stated that «While the figures are to

be taken as trend indicators, they do underscore

the fact that per-capita consumption

of fresh fruit and vegetables in half the EU

states is lower than 400 grams a day, the

minimum threshold recommended by the

World Health Organisation». (DV)

Freshfel Europe ha pubblicato la nuova

edizione del “Freshfel Consumption

Monitor”, analisi delle tendenze della produzione,

del commercio e della distribuzione

dei prodotti ortofrutticoli freschi all’interno

della Unione europea a 27. L’indagine

è completata da informazioni sul consumo

in Norvegia, Svizzera e Stati Uniti

d’America. Il dato più interessante riguarda

il consumo dei prodotti ortofrutticoli freschi

nelle Ue a 27. Nel 2008 la distribuzione

lorda pro-capite di frutta è stata pari a 95,5

kg contro una distribuzione lorda media di

96,2 kg nei precedenti 5 anni. Per quanto

riguarda gli ortaggi, nel 2008 sono stati

distribuiti 103,4 kg contro una distribuzione

media di 120,7 kg nei dal 2003 al 2007. Ne

consegue che per la frutta vi è stato un

incremento dell’ 1% e per la verdura una

riduzione del 13%. Tuttavia, considerando

l’evoluzione della popolazione della Ue a 27

da 486,6 milioni nel 2003 a 497,6 milioni

nel 2008 si deve considerare un decremento

del consumo dello 0,67% per la frutta e

del 14,2% per gli ortaggi. Philippe Binard,

delegato generale di Freshfel ha dichiarato

che: «Sebbene i dati debbano essere presi

come una indicazione del trend generale, si

conferma il fatto che nella metà degli stati

membri della Ue il consumo pro-capite di

ortofrutta rimane al di sotto dei 400 grammi

al giorno, la soglia minima raccomandata

dalla Organizzazione Mondiale della

Sanità». (DC)

Turnover keeps rising for big

retail in Russia

Fatturati in continua crescita per

la grande distribuzione russa

Despite these recessionary times and curtailed imports, Russia’s

big supermarket chains keep growing. The first quarter results

posted by leading chain X5 show a 20% rise over the same quarter

a year ago. The Magnit chain has reported solid rises month

by month so far, 28% in February, 31.5% in March, a performance

due largely to openings of many new outlets. (DV)

Nonostante la crisi economica e il netto declino delle importazioni,

la grande distribuzione russa continua a crescere. Nel primo

trimestre dell’anno la catena leader X5 ha incrementato le vendite

del 20% rispetto al medesimo periodo del 2009. La catena

Magnit registra mese dopo mese netti incrementi del fatturato

(+28% in febbraio, +31.5% in marzo) conseguenti a un grande

numero di aperture di supermercati.


Technology innovation

in food and agriculture, the

BRIC countries cooperate

Innovazione tecnologica in

campo agricolo e alimentare,

i BRIC cooperano

The agriculture ministers of Brazil, Russia, India and China, the four

Bric countries, met in Moscow last April 16 to sign a pact on food

security. The top farm officials then discussed how to stimulate

trade by reducing tariffs. They also decided to set up a panel of

experts to help coordinate their efforts more closely in developing

new technologies for agriculture and the food industries. (DV)

I ministri dell’agricoltura di Brasile, Russia, India e Cina (i cosiddetti

paesi BRIC) si sono incontrati a Mosca lo scorso 16 aprile per firmare

un accordo riguardante la sicurezza alimentare. L’obbiettivo dell’incontro

era anche quello di stimolare il commercio attraverso una

riduzione dei dazi doganali. Si avrà inoltre una cooperazione nei

campi della tecnologia agricola e alimentare e della innovazione tecnologica;

a tal fine è stata creata una commissione di esperti.

Spain, France and Italy,

joint committee to lobby

EU Commission

Spagna, Francia e Italia,

comitato misto per premere

sulla Commissione europea

The Franco-Spanish Produce Committee now includes Italia.

The country officially took its seat on the panel when the

Minister of Agriculture sent a representative to attend the last

committee meeting in Paris. The three governments will now

be able to work out a common strategy with which to promote

their produce industries in lobbying the European

Commission. (DV)

Il comitato misto franco-spagnolo per i prodotti ortofrutticoli

sarà allargato anche all’Italia. All’ultima riunione di Parigi ha

partecipato anche un rappresentante del Ministero

dell’Agricoltura italiano. Le tre amministrazioni saranno così in

grado di presentare proposte comuni riguardanti il settore alla

Commissione europea.

EU Trade balance tips towards Mediterranean countries

Ue a 27, la bilancia commerciale pende verso i paesi del Mediterraneo

During the press conference for the upcoming Macfrut F&V trade

show at Cesena in October, Paulo Bruni, head of the European

Association of Farm Coops and of the Ferrara-based industry market

agency CSO, emphasised the important role the countries on the

Mediterranean’s southern rim play in trade with the EU states.

Overall EU imports from these rim countries amount to €7.8 billion

and its exports to them now stand at €12.8 billion. The picture is a

very different one, however, when it comes to produce. EU fruit and

vegetable imports now stand at more than €2 billion and its exports

a mere €136 million, numbers underscoring a trade deficit just shy

of €1.9 billion. Half of EU imports come from Turkey, include most of

the EU’s dried fruit and nuts, both unshelled and shelled, for nearly

€400 million alone, as well as fresh fruit and vegetables. In effect,

the last few years have seen steady growth in Turkish produce

exports, especially vegetables, and its leading trading partners are

Germany, Bulgaria and Romania.

Produce imports from all other countries amount to about €1 billion:

40% table grape, strawberry, melon, watermelon and potato.

European exports are mostly apple and pear. Note that countries like

Egypt are also prime target markets for US apple exports. (DV)

Durante la presentazione della fiera Macfrut che si terrà il prossimo

ottobre a Cesena, il presidente del Cogeca (Associazione

Cooperative Agricole Europee) e del CSO (Centro Studi Ortofrutticoli

– Ferrara), Paolo Bruni, ha sottolineato l’importanza degli scambi

commerciali fra la Ue a 27 e i paesi dell’area mediterranea.

Complessivamente, le importazioni dai paesi della sponda Sud del

Mediterraneo ammontano a 7,8 miliardi di euro, mentre le esportazioni

sono pari a 12,8 miliardi di euro. La situazione è completamente

differente dal punto di vista ortofrutticolo: in questo campo la Ue

ha importato frutta e ortaggi dai differenti paesi del Mediterraneo

per oltre 2 miliardi di euro, mentre il flusso in esportazione è stato

pari a 136 milioni di euro, con un passivo della bilancia commerciale

di poco inferiore a 1,9 miliardi di euro. La metà dell’importazione

avviene dalla Turchia, da cui proviene soprattutto frutta secca in

guscio e non (circa 400 milioni di euro) oltre a frutta e ortaggi freschi.

Negli ultimi anni si è assistito a una netta crescita dell’export

turco di frutta e soprattutto di ortaggi (fra i paesi comunitari maggiori

importatori si annoverano la Germania, la Bulgaria e la Romania).

Dagli altri paesi si importa per circa un miliardo di euro: per il 40%

uva, fragole, meloni, cocomeri e patate. Le esportazioni europee

riguardano in prevalenza mele e pere. Da notare che alcuni paesi

quali, per esempio,

l’Egitto, vedono forti

presidi statunitensi

per quanto riguarda

il commercio delle

mele. (FP)

Strawberry crop

in Egypt.

Coltivazione di

fragole in Egitto.

Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

7

news

notizie


news

notizie

Macfrut 2010 also to be venue

for Produce G 20

A Macfrut 2010 si terrà anche il G 20

dell’ortofrutta

The global produce industry’s emerging

trends, prospects and guidelines will find a

forum at Macfrut 2010 that is scheduled to

be held from 6 to 8 October at Cesena.

«Macfrut’s stature as a cardinal point in the

industry’s international compass will get a

big boost from the G20 – declared Cesena

Fiera CEO Domenico Scarpellini. – It’s an

event that we’ve developed from an idea

that Tiberio Rabboni, Agriculture

Commissioner of Emilia-Romagna Region,

first came up with. The meeting will be

held on Tuesday 5 and Wednesday 6

October and attended by representatives

from all of Europe’s major producer

regions. The top item on the agenda is to

draft a document to ensure that the rules

are the same for everyone by providing

more equitable returns for everyone

throughout the supply chain. This is also

why –concluded Scarpellini – representatives

from Europe’s big retail chains will

also be in attendance at Macfrut». Macfrut

in this connection has consolidated its

international promotional efforts for businesses

and will bolster them further by

providing greater opportunities for players

to meet and conduct business. The 2010

meeting will put its main focus on

Mediterranean Basin countries while

extending its scope to include the Sub-

Saharan economies of Africa that are

8 Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

viewed as the new frontier for Italy’s F&V

industry. (DV)

L’andamento, le prospettive e le linee guida

del settore ortofrutticolo a livello internazionale

saranno analizzati a Macfrut 2010, in

programma a Cesena dal 6 all’8 ottobre. «Il

ruolo di Macfrut come punto di riferimento

internazionale verrà accentuato dal G 20

dell’ortofrutta – ha annunciato Domenico

Scarpellini, presidente di Cesena Fiera –. Si

tratta di un progetto sviluppato da un’idea

lanciata nel 2009 da Tiberio Rabboni,

assessore all’agricoltura della Regione

Emilia-Romagna. Si terrà martedì 5 e mercoledì

6 ottobre e vedrà la partecipazione

della maggiori regioni ortofrutticole europee

che metteranno a punto un documento

sulla certezza delle regole uguali per tutti,

puntando ad una maggior ripartizione del

reddito lungo la filiera. Proprio a tal fine –

ha concluso Scarpellini – a Macfrut ci sarà

la partecipazione della Distribuzione organizzata

europea». Macfrut ha anche consolidato

le azioni di internazionalizzazione

rivolte alle imprese e proseguirà su questa

strada fornendo le più ampie opportunità di

incontro e di business. Nel 2010 sarà data

particolare attenzione ai paesi dell’intero

bacino del Mediterraneo estendendosi

verso i Paesi dell’Africa sub-sahariana che

rappresentano una nuova frontiera per

l’ortofrutticoltura italiana.

Migros consolidates hold at the top in

Switzerland, up 20% in 2009

Migros rafforza la leadership in Svizzera,

+20% nel corso del 2009

Migros, the largest supermarket chain in

Switzerland, announced a 20% rise in 2009

profits, noting that despite the economic

downturn and unreceptive mood for consumer

spending, it continued to expand it

market chare and strengthen its position as

industry leader in the Swiss market. (DV)

Migros, la più diffusa catena commerciale

svizzera, ha registrato profitti in crescita del

20% nel corso del 2009 e osserva che, nonostante

la crisi economica e l’umore negativo

dei consumatori, ha sviluppato positivamente

le proprie aree di business rafforzando la

leadership sul mercato elvetico.

Algeria encourages

cold-storage

industry

L’Algeria sostiene

lo sviluppo

dell’industria della

refrigerazione

In an effort aimed at boosting warehouse

capacity, the Algerian government is ready

to support cold-storage businesses. A report

released by the Ministry of Agriculture and

Rural Development indicates that the country’s

current cold storage capacity stands at

2.5 million cubic metres, which is far less

than the standard 11 to 12 million cubic

metres of capacity deemed necessary by

the World Health Organisation. The Ministry

emphasised the willingness of the government

to help the industry reach the goal and

announced that a company would be set up

to support private-sector investments in the

industry over the next five years. (DV)

Per incrementare la propria capacità di

stoccaggio, l’Algeria vuole incoraggiare lo

sviluppo dell’industria del freddo. Stando ai

dati del Ministero dell’agricoltura e dello sviluppo

rurale, la capacità di stoccaggio refrigerato

del paese è pare a 2.5 milioni di

metri cubi. Una dimensione insufficiente

secondo gli standard stabiliti dall’Oms

(Organizzazione mondiale della sanità) per i

quali sarebbe necessaria una capacità che

ci colloca tra gli 11 e i 12 milioni di metri

cubi. Il Ministero dell’agricoltura a sottolineato

la volontà dello stato algerino di raggiungere

rapidamente questo obiettivo. A

questo scopo verrà creata una società per

sostenere gli investimenti privati in questo

settore per i prossimi cinque anni.

ERRATA CORRIGE

The caption for cv. Sinbad melon on p. 53 in issue

5 of Fresh Point Magazine mistakenly reads

“…was developed by Emerson Seeds”. In actual

fact, Emerson and Simbad are both cultivars bred

by Isdi Sementi seed company.

Nel numero 5 di Fresh Point Magazine, a pag. 53,

la didascalia del melone Simbad riporta erroneamente

che “è sviluppato da sementi Emerson”. In

realtà Emerson, così come Simbad, è una varietà

sviluppata da Isdi Sementi.


EU Fruit in School Scheme plays to educate

Un percorso ludico-pedagogico accompagna Frutta nelle scuole

Every day starting last March and continuing

through May trailer trucks laden with

fresh fruit grown under integrated and

organic management practices leave the

warehouses in Cesena and Longiano in

runs to supply 1,700 primary schools in 9

of the country’s regions. This is how the

EU Fruit in School Scheme is being promoted

by the Ministry of Agriculture and

Forestry to encourage children to eat fruit.

The fruit is certified under the Almaverde

Bio label, the leading organic trademark

in Europe. In effect Apofruit Italia, the

Cesena-based produce coop, is the

national licensee of the brand name and

the submitted the winning bid in a tender

for the supply contract worth €9 million

300 thousand. Along with their daily supply

of fruit, the children receive colours,

flavours, educational literature, prizes and

gadgets that are designed to put a playful

face while involving the children as well

as their teachers and families. The

scheme was a big hit with the children

from the word go, their enthusiasm and,

just as important, their immediately

active involvement in the theme-centred

games organised by Alimos soc. coop

right from the start being evident everywhere.

(DV)

Da marzo scorso fino alla fine di maggio,

dagli stabilimenti di Cesena e di Longiano,

ogni giorno partono tir carichi di frutta fresca

biologica e a produzione integrata che

vanno a rifornire 1.700 scuole elementari

di 9 regioni: è l’effetto di “Frutta nelle

scuole”, il progetto promosso dall’Unione

Europea e dal Ministero per le Politiche

Agricole Alimentari e Forestali per promuovere

il consumo di frutta fra gli alunni

delle elementari. La frutta è certificata

Almaverde Bio, il marchio leader europeo

nel settore del biologico di cui è licenziataria

Apofruit Italia, cooperativa ortofrutticola

cesenate, che si è aggiudicata due lotti

del bando europeo, per una dotazione 9

milioni e 300 mila euro. Insieme alla

merenda di frutta, arrivano in classe anche

colori, sapori, giochi, materiali didattici,

premi e gadget, secondo un percorso ludico-pedagogico

che tende a coinvolgere

non soltanto i bambini, ma anche gli insegnanti

e le famiglie. L’iniziativa ha creato

fin da subito grande coinvolgimento tra gli

alunni, che si sono dimostrati entusiasti e

molto attenti nel corso delle prime giornate

a tema organizzate da Alimos soc. coop.

(Carlotta Benini)

Chiquita and Danone in joint venture for fresh-fruit drinks

Chiquita e Danone, joint venture per nuove bevande a base di

frutta fresca

Chiquita and Danone have announced a

deal to set up a joint venture to develop

and market in Europe new drinks made

from fresh fruit. By the second quarter of

2010 – the time it will take EU authorities

to give the go-ahead – the two companies

will join forces to in a concerted effort to

boost sales of smoothies and new fruitbased

drinks under the Chiquita trademark

in Europe and to develop together new

health-oriented products with a high profile

of innovation. Under the deal, Chiquita will

have a platform from which to expand its

EU market for smoothies, where it already

is one of the top-selling brands in the

industry with a 2009 turnover of nearly

€20 million and distribution in 12 countries.

The joint venture will be based in

Paris and act as the exclusive distributor of

smoothies and all new fruit-drink products

bearing the Chiquita brand name. (DV)

Chiquita e Danone hanno annunciato

l’accordo di

joint venture

per la com-

Chiquita

brand fruit

smoothies.

I frullati di frutta

a marchio

Chiquita.

Apofruit supplies 1,700 schools under

the Fruit in School Scheme.

Sono 1.700 gli istituti serviti da Apofruit per il

progetto Frutta nelle scuole.

mercializzazione e lo sviluppo di nuove

bevande a base di frutta fresca in Europa.

Entro la prima metà del 2010 – dopo il via

libera da parte delle autorità europee – le

due aziende uniranno le forze per incrementare

le vendite dei frullati e di tutti i

nuovi prodotti di frutta da bere a marca

Chiquita in Europa e per sviluppare insieme

nuovi prodotti salutari ad alto contenuto

di innovazione. Grazie a questo accordo,

Chiquita disporrà di una piattaforma per

allargare il mercato dei suoi frullati nella

UE, dove è già diventata una delle marche

di riferimento del settore con un giro di

affari che nel 2009 ha raggiunto circa i 20

milioni di Euro e una distribuzione in 12

Paesi. La joint venture avrà sede a Parigi e

fungerà da distributore esclusivo dei frullati

e di tutti i nuovi prodotti di frutta da

bere a marca Chiquita.

Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

9

news

notizie


HoReCa

HoReCa

Eating out less

An advantage for F&V

Meno consumi Fuori Casa

Spazio per frutta e verdure

Alessandra Ravaioli

A Bain & Company survey shows a slip in consumer spending in the Horeca trade

but continuing strong growth in vending

Un’analisi a livello europeo di Bain Company evidenzia la contrazione della spesa nel

settore Horeca mentre resta in forte crescita il vending

While it hasn’t been all that long ago, just after

2008 ended, the notable growth posted by

the Horeca trade – a market that continued the

upswing of the food services sector, including

fresh-cut fruit and vegetables – began to slide with

consequences that would have been unthinkable

three years ago. Households today are shopping

with different eyes and looking for alternatives to

eating out of the house. The desire to prepare commodity

foods in ones own kitchen is making a

comeback and the food services and entertainment

trade is feeling the heat.

10 Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

In poco tempo, dalla fine del 2008, la situazione

di crescita dell’Horeca – che vedeva in continua

ascesa il canale di consumo alimentare fuori

casa, compreso lo sviluppo del consumo di verdura

di IV gamma e di frutta – ha subìto un rallentamento

con conseguenze impensabili fino a soli

tre anni fa. Oggi le famiglie differenziano la spesa

alimentare e sono alla ricerca di alternative al

consumo fuori casa. Torna la passione per la preparazione

delle commodity food nella propria abitazione

e diminuisce l’interesse per l’Horeca e

l’Entertainment.


HoReCa

HoReCa

Consumer spending in Italy for meals eaten outside

the home amounted to €1,100 per capita over the

decade from 19997 to 2007, an average in line with

that in France and Germany. By contrast, spending

for meals eaten at home was generally stagnant

throughout most of Europe, a far cry from the average

22% rate of growth posted by spending for meals in

the food services sector.

In effect, Italy saw a 22.6% growth rate in consumer

spending for out-of-home meals during the same

decade, and estimates indicate that there were at the

time put at 1.7 million the number of locales in which they

could to eat and drink out. According to the numbers in

the Bain & Company survey, which Marco Costaguta

officially released at the first Dining Out Forum 2010, the

12 Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

Nel decennio dal 1997 al 2007 la spesa per pasti e

consumazioni Fuori Casa in Italia era pari a 1.100

euro pro capite, un valore in media con Francia e

Germania. I consumi alimentari In Casa erano generalmente

stagnanti in quasi tutta Europa, mentre la

crescita di quelli Fuori Casa era imponente, con un

tasso medio di + 22%.

Nel decennio sopra indicato, in Italia la crescita del

consumo fuori casa raggiunse il +22,6% con una

stima di 1,7 milioni di luoghi in cui poter mangiare e

bere. Attualmente, secondo i dati di Bain Company,

presentati da Marco Costaguta al primo Forum dei

Consumi Fuori Casa 2010, l’Horeca vale 71 miliardi

di euro.

Secondo l’analisi di Bain Company, è la Spagna il

paese europeo con il numero maggiore di bar e

ristoranti. Anche gli italiani, con 225.567 imprese,

sono al di sopra della media europea. Altri paesi,

come Germania e Regno Unito, si collocano molto

al di sotto, ma questo non si traduce automaticamente

in un minore giro d’affari: la Germania, pur

avendo una struttura molto più snella (tra i grandi

paesi ha la densità di Bar-Ristoranti più bassa

d’Europa), riesce ad avere un valore di mercato pari

a 64 miliardi di euro.

Molteplicità di attori

Quando si parla di mercato italiano Fuori Casa, bisogna

tenere presente che ci si sta riferendo a un universo

variegato e complesso in cui operano moltissimi attori. I

distributori di alimentari e bevande muovono un giro

d’affari di oltre 25 miliardi di euro; il settore dei ticket rappresenta

oltre 2 miliardi.

Oltre ai punti vendita tradizionali ci sono altri attori

con un peso molto rilevante. In primo luogo quelli del

catering che hanno un peso stabile nel settore e valgono

almeno 6,6 miliardi di euro all’anno. C’è poi il

crescente settore del vending,

che è il comparto con maggior

dinamicità e con grandi opportunità

di crescita anche in futuro.

I punti vendita tradizionali

restano gli attori principali del

Fuori Casa in Italia, con oltre

50 miliardi di euro di giro

d’affari complessivo e con un

terzo dei locali costituito da

bar, caffè e gelaterie e un 5,1%

da pub e birrerie.

Le cose cambiano molto in

altre nazioni europee: i bar

sono quasi il 50% in Spagna

(dove esiste anche un 10% di

pub-birrerie), ma sono solo il

17% in Gran Bretagna, dove

si rileva un 33% di pub.


Horeca trade in Italy today has a turnover of €71 billion.

The Bain survey ranks Spain as the leader in the number

of bars, cafés, pubs and restaurants. The 225,567

eateries that the survey found in Italy put the country

well above the EU average. Yet, while countries like

Germany and the UK are well below it, this doesn’t

automatically translate into a lower turnover. Take

Germany, for example. While it has a far more streamlined

food services trade in terms of locales, being in

fact the advanced economy with the lowest density of

bars and restaurants in Europe, Germany has a food

services trade that rings up €64 billion a year.

A trade of many players

When we talk about the food services trade in Italy,

we have to realise that we’re talking about a manifold,

complex galaxy with as many, or more, players. The

trade’s food and beverage distributors represent a

turnover of more than €25 billion, with the mealvoucher

sector alone accounting for over €2 billion.

Apart from the industry’s usual eateries, there are

other locales and players that represent a significant

share of the market. The leader in this connection is

the catering trade. It retains a steady share that

amounts at least to €6.6 billion a year. Next comes the

vending machine segment, which is the most dynamic

today and has the best growth prospects in the

coming years. The traditional eateries in Italy, however,

still remain the biggest players in the trade with a

turnover in excess of €50 billion. In effect, no less than

a third of these locales are bars, cafes and ice-cream

parlours, with pubs and beer gardens accounting for

5.1% of the market.

This is a portrait that changes a great deal when you

look at other European countries. For example, we

see in Spain that cafes account for almost 50% of

receipts and pubs hold 10% share, whereas in the UK

the former post a 17% share and the latter 33%. In

Germany too we see much the same kind of pattern,

with cafes accounting for a mere 5% and pubs 22%

of turnover. In Italy, restaurants hold a 31% share and

in the UK and Germany 17-18%, whereas their share

jumps in France to no less than 38%. A look at the

fast-food sector shows that while it has a significant

15% share in Germany, with 10% in the UK and 9%

in France, it has a share that shrinks to 5.5% in Italy

and to a mere 2.3% in Spain.

Italy’s market

Consumer spending per capita in the food services

trade today in Italy amounts to €1,150 a year, putting

the country somewhere between the top-ranking

€2,200 each person in Spain spends and the mere

€700 that each German ‘home-body’ does.

If we breakdown Italy’s consumer spending for food

and beverages, we find that 67.6% is for home con-

Differenze ci sono anche con altri paesi, ad esempio

con la Germania, dove i bar caffè sono solo il

5% e i pub il 22%. I ristoranti costituiscono il 31%

in Italia, tra il 17 e il 18% in Gran Bretagna e in

Spagna, ben il 38% in Francia. I fast food hanno un

peso molto importante in Germania (15%), un po’

meno in Gran Bretagna (10%) e Francia (9%) e una

diffusione davvero bassa in Italia (5,5%) e in

Spagna (2,3%).

Il mercato italiano

Attualmente, in Italia la spesa procapite per i consumi

Fuori Casa è di 1.150 euro a persona annue, in Spagna

raggiunge la cifra record di 2.200 euro, mentre la

Germania si rivela la nazione più “casalinga” con una

spesa di soli 700 euro.

Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

13


HoReCa

HoReCa

sumption and 32.4 % for eating out, a pattern that is

right in line with the 66% and 34% average we find

in Europe today.

The countries showing shares farthest from the median

line are Spain, where the dine-out share exceeds

that of home meals, and Germany, where 74% goes

to eating at home.

Given this overall picture, what role might fruit and

vegetables play? In actual fact, we’re talking about a

market whose potentialities are still to be explored

and that paradoxically may not decline even in recessionary

times like the present.

Fruit snacks, for example, which are marketed as a

light between-meal bite, and ready-to-eat vegetables

packaged as colourful, inexpensive salads for

cafes and fast-food outlets, have good growth

prospects because they embody health, quick eating

and accessible prices. In effect, they could well

be best sellers in the Horeca trade in times of crisis

like today.

(English version by David Verzoni)

La parte dei consumi alimentari più bevande è così suddivisa

In Italia: 67,6% In Casa e 32,4 % Fuori Casa,

abbastanza in linea con la media europea dove la divisione

è tra 66% In Casa e 34% Fuori Casa.

I valori si discostano maggiormente nel caso della

Spagna, unico Paese in cui il valore del Fuori Casa

supera quello In Casa e, all’opposto, la Germania, con

un netto 74% di consumi In Casa.

In questo contesto che posto possono occupare la

frutta e verdura? Si tratta di una frontiera con le

potenzialità ancora da esplorare e che, paradossalmente,

potrebbe non decrescere in questi

momenti di crisi.

La frutta snack, ad esempio, proposta come leggera

pausa spezza fame, e la verdura pronta presentata in

insalate fantasiose e poco costose per bar e fast food,

offrono una potenzialità di sviluppo positiva soprattutto

per la forte connotazione salutistica, associata alla

velocità di preparazione e al prezzo accessibile e

potrebbero essere le categorie vincenti per l’Horeca in

questi anni di crisi.


market/harvest stonefruit forecast

mercato/previsioni raccolta drupacee

An apricot fruit.

Frutteto di albicocche.

Decisive year for stonefruit

Stagione decisiva per le drupacee

Cécilia Celeyrette Infofruit

After a notably tough 2009 season, the current peach-and-nectarine season

opened under fairly auspicious skies due to low volumes of early-ripening varieties

Dopo un 2009 particolarmente critico, l’inizio della campagna delle pesche e delle nettarine

s’è aperta in condizioni abbastanza buone dovute alla bassa offerta delle varietà precoci

The 2009 season will go down in the annals of the

stonefruit industry as a bleak one. Indeed, it was

«one of the worst in the last 20 years», in terms of

both the problems encountered with yield volumes

and the low farmgate levels growers had to contend

with in more than a few areas in Europe. Yet, if part of

the crisis is attributable to purely economic and financial

factors, that still leaves room to wonder about the

structural developments within the industry and the

effects they will have in future years.

Highly competitive

In effect, the 2009 season appeared highly competitive

right from the outset because of high yield

potential throughout Europe’s growing districts, i.e.

2.8 million tons of peach/nectarine and 543,000 t of

apricot, levels near the bumper crops of 2006.

16 Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

Il 2009 verrà ricordato come un’annata nera nella storia

della frutticoltura delle drupacee. Infatti, è stato definito una

delle peggiori stagioni degli ultimi 20 anni, sia per quanto

riguarda la profondità delle difficoltà incontrate con le rese e

sia per i prezzi liquidati ai coltivatori che hanno stabilito il

nuovo record negativo più o meno in tutte le zone di produzione

in Europa. Se in parte questa crisi è imputabile a fattori

prettamente congiunturali, c’è anche spazio per interrogarsi

sull’evoluzione strutturale avvenuta negli ultimi anni che

continuerà a pesare sulle campagne a venire.

All’insegna della competitività

Il 2009 si preannunciava già molto competitivo sin dall’inizo

della campagna, in virtù di una potenzialità produttiva

importante a livello europeo (2,8 millioni di tonnellate di

pesche/nettarine e 543.000 tonnellate di albicocche, un

livello vicino a quello del 2006). Così, anche il grano più pic-


Indeed, you could say that even Pesche nettarine.

the smallest grain of sand falling on Nectarine fruits.

the heap could not but have devastating

effects on the supply chain. The sudden

spate of bad weather, with frosts in May and

drought conditions from late June through July,

then triggered a string of connected collisions and

heaps of surplus stocks in packinghouses by mid-

July that were too high to be readily absorbed by

the marketplace. The situation had also been

aggravated by the effects of the ongoing recession,

which on the one hand had greatly reduced consumer

spending in certain countries, Spain being a

notable instance, while limiting exports to others

like those in Eastern Europe and the UK (hit by currency

devaluation), all factors that led to a supply

back-up to Western Europe’s markets. The market

itself also proved to be highly competitive during a colo di sabbia, cadendo su un cumulo già consistente, non

good part of the summer season because fruit size poteva che avere effetti disastrosi per l’intera filiera. Le bru-

was off (small or not even up to 2 A by mid-July) in sche evoluzioni climatiche (gelate in maggio, molto caldo

all growing areas and this fact adversely affected da fine giugno per tutto luglio) hanno portato nuove proble-

sales. What we’ve seen here are signs that Europe’s matiche e, entro la metà di luglio, si era già formato troppo

yield potential is fast approaching its breaking point prodotto nei magazini per essere facilmente smaltibile.

for peach/nectarine, a fact that must be taken into La situazione è stata ulteriormente aggravata dalla crisi

account because consumption and markets were economica, che aveva fatto sì che i consumi si fossero

not at their optimum in 2009. The 2010 season abassati di molto in certi paesi, sopratutto in Spagna, e

should begin under better conditions in terms of che si fossero abbassate anche le esportazioni verso certi

both yield potential and the economic climate, mercati come quelli dei paesi dell’Est e verso la Gran

although certain periods along the way still bring Bretagna, tutti fattori che hanno comportato una postici-

market/harvest stonefruit forecast

mercato/previsioni raccolta drupacee


market/harvest stonefruit forecast

mercato/previsioni raccolta drupacee

the risk of tough competition. In effect, yield potential

should produce a crop no higher than 2.7 million

tons of peach/nectarine (-4%/2009) and

538,000 t of apricot (-1%/2009), a performance

essentially depending on yield deficits in the areas

of early- and late-season cultivars.

Less supply pressure

This year’s peach and nectarine season debuted

under pretty good auspices due to the low supply

of early-season fruit. In effect, Spain’s crop was

hard hit by particularly bad weather, including a

spate of floods and frosts, and was already affected

by acreage losses that had dropped yield

potential by 45%/2009 in Andalusia, 30%/2010 in

the districts of Valencia and 11%/2009 in those of

Murcia, where growers have been gradually persuaded

by the success of new flat cultivars to shift

to new plantations of them in the past few years.

On the other hand, the new season could later

prove to be more competitive due to developments

in other growing areas, especially

Catalonia, whose peach and nectarine crop is on

the rise (+6%/2009), and even southern Italy,

where the crop could come in at a good level. On

18 Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

pazione dell’offerta sul mercato dell’Europa occidentale.

Inoltre, il mercato stesso si è rivelato molto competitivo

durante buona parte della stagione per la pezzatura

debole (piccola o meno di 2 A fino a metà luglio), che

aveva interessato tutte le zone di produzione e impedito

una buona ripartizione delle vendite.

A prescindere dalle ultime considerazioni, questa situazione

dimostra che la potenzialità produttiva europea

aveva ormai raggiunto il suo punto di rottura, sopratutto

per quanto riguarda le pesche/nettarine, e che bisognava

tener conto del fatto che i consumi e gli sbocchi

di mercato nel 2009 non sarebbero stati ottimali.

La campagna 2010 dovrebbe aprirsi in condizioni

migliori, sia per quanto riguarda la potenzialità che la

congiuntura economica, anche se ancora una volta c’è

il rischio di avere un mercato che in certi periodi della

stagione sarà molto competitivo.

Infatti, la potenzialità produttiva potrebbe non superare i

2,7 millioni di tonnellate di pesche/nettarine (-4%/2009)

e i 538.000 tonnellate di albicocche (-1%/2009), ma tale

risultato dipenderà essenzialmente da rese al ribasso

nelle aree di produzione delle varietà precoci e tardive.

Meno pressione dall’offerta

L’inizio della campagna delle pesche e delle nettarine

s’è aperta in condizioni abbastanza buone dovute alla

bassa offerta delle varietà precoci. Infatti, la produzione

spagnola ha sofferto particolarmente per le pessime

condizioni atmosferiche (inondazioni, gelate), che si

aggiungono a una contrazione della superficie peschicola

del -45%/2009 della potenzialità produttiva

nell’Andalusia, -30%/2010 nelle aree della Valencia e -

11%/2009 nelle zone della Murcia, dove negli ultimi anni

l’offerta sta progressivamente spostandosi a favore di

nuovi impianti di pesche tabaccaie (piatte).

Ciononostante, la campagna potrebbe risultare più competitiva

con l’andare della stagione a causa dello sviluppo

di altre aree di produzione europee, sopratutto nella

Catalogna dove la produzione di pesche e nettarine è

nuovamente in rialzo (+6%/2009), o lo stesso Sud d’Italia

dove la produzione potrebbe riportarsi a buoni livelli.

Dall’altra parte, la raccolta dovrebbe essere inferiore a quella


the other hand, Europe’s overall crop may be

lower than last year’s in the big production areas

like Estremadura (-5%/2009), Emilia-Romagna (-

4%/2009), Languedoc-Roussillon (-2%/2009) and

PACA (-1%/2009). Yield potential could slip a bit

later in the season too because of a drop in the

late cultivars, like the one that affected

Piedmont/Lombardy/Liguria (-10%) and Rhône-

Alpes (-21%) in 2009.

Good crop potential in Europe

The coming apricot season should debut with a significant

slide in crop due to the big drop registered in

2009 in the districts of Murcia (rain, frost), which

when coupled to the structural changes (ageing

Bulida orchards and plantations of more adapted

cultivars) meant a downturn of 26% in 2009, which

will probably not be offset by the crop in the areas of

Aragon, Catalonia, Estrémadura and Andalusia.

Indeed, the decline may even be a little more pronounced

by June because of a small slip in potential

expected in most of France’s growing areas (-

10%/2009). On the other hand, we expect to see a

good crop in Italy (+5%/2009) and a return to normal

yield potential in Greece after the steep fall it registered

last year (+35%/2009).

(English version by David Verzoni)

registrata l’anno scorso nei grandi bacini di produzione come

l’Estremadura (-5%/2009), l’Emilia-Romagna (-4%/2009), la

Languadoca-Rossiglione (-2%/2009) e la PACA (Provenza-

Alpi-Costa Azzura, 1%/2009). La potenzialità produttiva

potrebbe venire un po’ meno nel progredire della stagione

soprattutto per rese minori nelle aree caraterizzate da varietà

tardive (-10%/2009 nella Piemonte/Lombarda/Liguria e -

21%/2009 nel Rodano-Alpi).

Buona potenzialità europea

Alla stessa stregua, la campagna 2010 di albicocche

dovrebbe essere significativamente debole all’inizio, un fatto

dovuto alla previsione al ribasso nella zona della Murcia sia

a causa del maltempo, sia per l’evoluzione strutturale della

zona (vecchie piantagioni di cultivar Bulida e nuovi impianti

di varietà più adatte), che ha fatto registrare un -26%/2009,

un regresso che non è stato compensato dallo sviluppo di

questa coltura nelle altre zone di produzione (Aragona,

Catalogna, o la stessa Estrémadura e l’Andalusia).

Tale deficit potrebbe essere ancora più marcato nel mese

di giugno a causa di una modesta riduzione della potenzialità

produttiva nella maggior parte delle aree di produzione

francesi (-10%/2009) compensata da un buon livello

di rese in Italia (+5%/2009) e di un ritorno alla potenzialità

produttiva pressoché normale in Grecia dopo la caduta

marcata registrata l’anno scorso (+35%/2009).

(Traduzione dal francese di David Verzoni)

market/harvest stonefruit forecast

mercato/previsioni raccolta drupacee


market/Italy&France

mercato/Italia e Francia

French producers and traders

meet with Italian distributors

Produttori e commercianti francesi

meeting con i distributori italiani

Duccio Caccioni

The meeting was promoted by the Mission Economique Ubifrance in

Italy in collaboration with Fresh Point Magazine. High quality products

are the most sought after

L’incontro è stato promosso dalla Mission economique

Ubifrance in Italia con la collaborazione di Fresh Point

Magazine. I più ricercati: i prodotti di alta qualità

The Mission Economique Ubifrance in Italy recently

organized a meeting between producers and

traders from the French F&V sector and Italian distributors.

Their partner on the media side in this venture

was Fresh Point Magazine. French producers and

traders thus had an opportunity to show off their best

products to their Italian colleagues: from summer fruit

(peaches, apricots and melons) to vegetables and

potatoes, from typical specialties like the pink garlic

of Lautrec to the latest innovations in the fresh-cut

and ready-to-use, lightly-processed ranges. Let’s

begin with one of the jewels in the crown of French

exports, apricots, and Vergers Riou, an apricot producer

with a well know

brand (Chateau Perouse).

Based in the Gard (in the

Languedoc-Roussillon

region) it also has

orchards in Morocco and

Tunisia. Its flagship product

is its new Cot series of

apricots (among which

the famous Flavor Cot)

and its range has grown

to include 15 varieties

marketed from the end of

May (week 22) to

September (week 35-37).

55% of the company’s

production is exported.

The sales agency Festival

20 Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

Jean-Pierre Houssel and Luigina Trento, Mission Economique

Ubifrance Italia.

Jean-Pierre Houssel e Luigina Trento della Mission Economique

Ubifrance Italia.

La Mission economique Ubifrance in Italia ha

organizzato nelle scorse settimane un incontro

tra produttori e commercianti del settore ortofrutticolo

francese e distributori italiani. Il media partner

dell’iniziativa è stato Fresh Point Magazine. I francesi

hanno potuto illustrare agli italiani il meglio della

produzione dell’Esagono: dalla frutta estiva

(pesche, albicocche e meloni) agli ortaggi e alle

patate fino a specialità tipiche come l’aglio rosa di

Lautrec e le più recenti innovazioni nel settore della

quarta e quinta gamma.

Cominciando da quello che oggi rappresenta uno fra

gli articoli di punta per l’esportazione francese – ovvero

le albicocche – Vergers

Riou è un’azienda con un

marchio ben noto

(Chateau Perouse).

Ubicata nella regione della

Gare, oltre che in Francia

ha produzioni in Marocco e

Tunisia. Il prodotto di punta

sono le nuove albicocche

della serie Cot (fra cui la

celebrata Flavor Cot).

L’offerta è allargata a 15

varietà che vengono offerte

da fine maggio (settimana

22) a settembre (settimana

35-37). Il 55% della produzione

di Vergers Riou è

esportata.


constitutes a rather unusual form of producer aggregation.

It deals mainly in drupes produced by a limited

number of producers and it has its own brand

(Festival), but it also works with other producer and

distributor brands (private labels). The company is

based in Perpignan and wholly oriented towards

large-scale distribution and exports, mainly to

Germany, the Netherlands, Austria and Poland.

Vegetable giants

The French vegetable sector was represented at the

meeting by the leading French exporter: Prince de

Bretagne, which brings together 2,500 producers (see

the article in PF No. 1 2010). Lunor is a large potato

grower cooperative (70,000 tons / year) with considerable

weight in the allied industrial sector concerned

with the preparation of ready-to-use, lightly

processed products (400 employees with a turnover

of 60 million euros). The main target for these products,

which range from more traditional products

(diced potatoes, beetroot) to more innovative ones

(gratin vegetables, potatoes to sauté, sauces, lentils

and ready-to-eat broad beans and lentils), is the H&R

sector. Another company that focuses on product

innovation is Wostin which produces soya bean

shoots and 19 other kinds of vegetable (from radish to

fennel) in a wide range of packaging. With regard to

Diced Organic beetroot produced in France.

Bietole rosse biologiche a cubetti prodotte in Francia.

Una particolare forma di aggregazione fra produttori è

rappresentata da Festival. Si tratta di un’agenzia di

vendita che commercia principalmente drupacee di un

panel di produttori definito, ha un proprio marchio

(Festival, per l’appunto) ma lavora anche con i marchi

dei produttori o dei distributori (private labels).

L’azienda ha sede a Perpignan ed è completamente

orientata alla Gdo e all’export, principlamente verso

Germania, Paesi Bassi, Austria, Polonia.

Nearby markets but also Russia and Eastern Europe

Mercati vicini, ma anche Russia ed Europa orientale

«During the workshop, French companies got a better idea of the standards which are demanded by the Italian market»: that’s

how the organizers, Jean-Pierre Houssel and Luigina Trento of the Mission Economique Ubifrance in Italy, summed up the meeting,

emphasising that "the freshness and the quality of the products observed in Italian wholesale markets and retail outlets confirms

that high quality is a necessary for success in the Italian market. We believe - they add - that France meets these expectations

with flying colours.«French potatoes, for example, are appreciated and sold on the Italian market throughout the year. In the

fruit sector, late apricot varieties and white peaches are much sought after by Italian traders. What market trends are discernable

for French products? Neighbouring markets (Germany, England, Belgium, Italy, Spain) will certainly remain privileged destinations

for French produce, and markets that it is imperative to satisfy and cultivate.

"In the case of some products like apples, there is a trend towards strengthening our presence in countries such as Russia.

Another goal - say Jean-Pierre Houssel and Luigina Trento - is to strengthen trade relations with Central Europe. In any case, a

commitment to international development must take account of the role of F&V in the large distribution chains». (LS)

«In occasione del workshop, le aziende francesi hanno potuto capire meglio su quali standard sia orientato il mercato italiano»: questa

è la sintesi fatta dagli organizzatori Jean-Pierre Houssel e Luigina Trento della Mission economique Ubifrance in Italia, che sottolineano

come «la freschezza e il livello qualitativo dei prodotti osservati sui mercati all’ingrosso e nei punti vendita conferma l’esigenza italiana

di prodotti di alta qualità. Crediamo – hanno aggiunto – che la Francia risponda a pieni voti a queste aspettative».

La produzione pataticola, per esempio, è apprezzata e venduta sul mercato italiano durante tutto l’anno. Nel comparto frutticolo sono

molto ricercate dai commercianti italiani e varietà tardive di albicocche e le pesche bianche. Quali sono le tendenze di mercato per i

prodotti francesi sul mercato europeo? I mercati vicini (Germania, Inghilterra, Belgio, Italia, Spagna) restano sicuramente delle destinazioni

importanti per l’offerta francese, da continuare a soddisfare e a curare.

«Per alcuni prodotti, come la mela, la tendenza è di rafforzare la nostra presenza in paesi come la Russia. Un altro obiettivo – annunciano

Jean-Pierre Houssel e Luigina Trento – è quello di consolidare i rapporti commerciali con l’Europa centrale. In ogni caso, l’impegno verso

uno sviluppo internazionale, deve tener conto della posizione assunta nel comparto ortofrutticolo dalla Grande distribuzione organizzata».

Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

21


Magic Cot apricots.

Albicocche Magic Cot.

potatoes, the real French giant is Pom'Alliance, with

five large plants for packaging and logistics, and four

sales departments specializing in different areas of

marketing and export. Pom'Alliance presented a very

wide range of products of great variety (including

gourmet specialties such as Vitelotte and la Ratte)

together with different types of packaging (from bulk

to 1 kg containers and the classic 2.5 kg vertibag)

under two trademarks (The Cabrette and Doréoc).

Trading partners

For France, Italy represents an excellent business

partner for F&V products. The figures say it all: Italy

is France’s second largest market for vegetables

(107.12 million euros and 112,344 tons in 2009 -

French Customs data published by

Ubifrance), the second largest market

for potatoes (57.7 million euros

and 340,855 tons in 2009 - French

Customs data published by

Ubifrance) and the fourth largest for

fruit (137.369 million euros and

133,650 tons in 2009 - French

Customs data published by

Ubifrance).

With the exception of potatoes, French

exports to Italy are up-market products,

and over the last twenty years the French

have selected and made the best of the

Sliced boiled carrots from the French company Lunor.

Rondelle di carote lessate della francese Lunor.

22 Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

Giganti negli ortaggi

Per gli ortaggi ha partecipato all’incontro l’azienda leader

francese nell’esportazione: Prince de Bretagne,

che aggrega ben 2.500 produttori (vedi l’articolo su FP

numero 1 2010). Lunor è una grande cooperativa di

produttori di patate (70.000 tonnellate /anno) e una

forte realtà industriale del settore della quinta gamma

(400 dipendenti per 60 milioni di euro di fatturato). I

prodotti sono indirizzati principalmente al settore

HoReCa: si va dai prodotti più classici (patate cubettate,

bietola rossa) a quelli più innovativi (gratin di verdure,

patate da rosolare, sughi pronti, lenticchie e fave

pronte). Sulla innovazione di prodotto e orientata si

segnala anche Wostin che produce germogli di soia e

di altre 19 specie (dal ravanello al finocchio) con una

ampia gamma di confezionamenti.

Per quanto concerne le patate, il vero gigante in Francia

è Pom’Alliance, con cinque grandi stabilimenti per il

confezionamento e la logistica e quattro uffici commerciali

specializzati in differenti aree di mercato e di esportazione.

Pom’Alliance ha presentato una offerta molto

ampia e profonda in varietà (comprese le specialità

gourmand, come la Vitelotte e la Ratte) e confezionamenti

(dal bulk alla vaschetta da 1 kg passando per il

classico vertibag da 2,5 kg) caratterizzata da due marchi

commerciali (La Cabrette e Doréoc).

Partner commerciali

L’Italia rappresenta per la Francia un ottimo partner

commerciale per quanto riguarda i prodotti ortofrutticoli.

I dati parlano chiaro è il secondo mercato per

quanto riguarda gli ortaggi (nel 2009, 107,12 milioni di

euro e 112.344 tonnellate – dati Dogane Francesi diffusi

da Ubifrance), il secondo mercato per le patate

(2009: 57,7 milioni di euro e 340.855 tonnellate - dati

dogane francesi-Ubifrance) e il quarto mercato per

quanto concerne la frutta (2009 –137,369 mil euro e

133.650 tonnellate – dati Dogane Francesi

diffusi da Ubifrance).

Fatta eccezione per le patate, i francesi

esportano in Italia prodotti di gamma

elevata e negli ultimi venti anni hanno

selezionato e utilizzato al meglio le

opportunità commerciali che si sono

venute a creare in definiti periodi dell’anno.

Un caso lampante è rappresentato

dal mercato delle drupacee.

Come noto l’Italia è il maggior

esportatore mondiale di drupacce,

ma esistono delle interessanti

finestre di mercato durante le

quali l’Italia non riesce a soddisfare

la propria domanda

interna.

Si importano quindi albicocche

nei mesi di luglio e agosto (12-


market/Italy&France

mercato/Italia e Francia

business opportunities

which manifest themselves

in particular periods

of the year. A case in

point is represented by the

market for drupes. Italy

leads the world in the export

of drupes but in the course of

the year there are some interesting

market windows during

which Italy cannot meet its own

domestic demand.

Thus apricots are imported in

July and August (12 to 14,000

tons) and varieties like Bergeron

and Orange have become wellknown

and much sought after by discerning

consumers. Peaches and

nectarines represent a still more paradoxical

case: the French export 4-

6000 tons of these products to Italy at a

time when Italian supply is at its most abundant.

Here too the explanation lies in awareness of their

particularities and their being sought by “gourmet”

consumers. Melons represent another example, with

the French targeting the Italian market with premium

priced products from areas of optimum production

like Cavaillon (5-7000 tons).

Endive and potatoes

The same strategy of market penetration is used for

some vegetables. Tomatoes (15 to 17,000 tons) are

exported to Italy mainly during the summer when the

Italian supply of high quality tomatoes is limited, and

they are highly sought after by specialized retailers.

In the case of cauliflower and broccoli (6,000 tons),

importation from France (and, in particular from

Britain) is triggered by the summer coming to an

end: at this time Italian supply is typically restricted to

the coldest areas of vegetable production (alpine

areas). The witloof (French endive) is a French product

that is imported in substantial quantities (7-9000

tons) and is particularly popular in Central and

Southern Italy (in Sardinia, for example, per capita

consumption is very high). In this case, however,

French products face strong competition from products

from Belgium and Holland.

Potatoes are a case apart when it comes to the

strategies employed for other F&V products. Italy

imports large quantities of potatoes in bulk which are

then repackaged, and in recent years the Agata variety

has enjoyed considerable success. Last season,

the success of French exports to Italy compensated

for the decline in exports to the Spanish market, traditionally

very welcoming of French products.

(English version by Lawrence Smith)

24 Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

Potatoes au gratin produced by the French

company Lunor.

Patate gratinate della francese Lunor.

14.000 tonnellate) e varietà come la

Bergeron o la Orange sono oramai

conosciute e ricercate dai consumatori

più esigenti. Un caso

ancora più paradossale è rappresentato

dalle pesche e nettarine:

i francesi esportano 4-

6.000 tonnellate di prodotti

di altissima gamma nella

penisola nel periodo della

massima offerta commerciale

italiana e si tratta,

anche in questo caso, di

articoli che hanno una elevata

riconoscibilità e sono

ricercati dai consumatori “gourmand”.

Anche per i meloni i francesi puntano alla esportazione

(5-7.000 tonnellate) di prodotti premium price

con la proposta sui mercati dello stivale del meglio

della produzione di aree vocate come quella del

Cavaillon.

Indivia e patate

La stessa strategia di penetrazione commerciale è utilizzata

per alcuni ortaggi. I pomodori (15-17.000 tonnellate)

vengono esportati principalmente durante la

stagione estiva quando l’offerta italiana è piuttosto limitata

per quanto riguarda prodotti ad elevata standardizzazione

e, in genere, sono prodotti molto ricercati dal

dettaglio specializzato.

Nel caso dei cavolfiore e dei broccoli (6.000 tonnellate

circa) l’importazione dalla Francia (e, in particolare, dalla

Bretagna) scatta sul finire dell’estate, quando l’offerta

italiana è tipicamente ristretta alle provenienze dalle

zone orticole più fredde (areali alpini).

La indivia witloof è un prodotto che viene importato in

quantità anche rilevanti (7-9.000 tonnellate ) e che viene

apprezzato particolarmente nelle aree italiane del

Centro-Sud (in Sardegna, ad esempio, si registra un

altissimo consumo pro-capite). In questo caso i prodotti

francesi sono tuttavia in forte competizione con le produzioni

dal Belgio e dall’Olanda.

Le patate sono un prodotto che si distacca completamente

dalla strategia impiegata per gli altri ortofrutticoli:

l’Italia importa forti quantitativi di patata in bulk per poi

riconfezionarle e negli ultimi anni ha avuto un notevole

successo la varietà Agata. Nell’ultima stagione il successo

della esportazione verso l’ Italia ha compensato

per i francesi la flessione delle esportazioni verso il mercato

spagnolo, tradizionalmente molto recettivo per i

prodotti dell’Esagono.


fairs/Medfel

fiere/Medfel

South & North Mediterranean

Meet at Medfel

Sud e nord Mediterraneo

Incontro al Medfel

Cécilia Celeyrette Infofruit

Success marks the second industry show at its Perpignan venue: more than 250

exhibitor businesses and 5,000 industry visitors

Successo per la seconda edizione dell’appuntamento ospitato a Perpignan: oltre

250 le aziende espositrici e 5.000 i visitatori professionali

A Euro-Mediterranean crossroads throughout history

and leading international F&V market, Perpignan has

played host for the last 20 years to the international

Europêch Forum, being the best place strategically to

hold a meeting of this kind. Held this year on 4, 5 and 6

May, Medfel is in effect striving to become the must trade

show for the produce industry on the shores of the

Mediterranean. The event seeks to offer businesses and

industry players the floor space and convention venue

focused directly on the business of fruit and vegetables in

the Med Basin. Indeed, the stakes are high since today

Basin producers alone account for 20% of world fruit and

15% of its vegetable output, as well as supplying 74% of

the European Community’s fruit and 66% of its vegetables.

This is why producers and buyers of both the north

and south Basin rims realise full well what is at stake and

once again showed their interest by attending this 2nd

Medfel show, an important rendezvous that incidentally

opened its doors a month ahead of the second Union for

the Mediterranean summit scheduled for June 7 in

Barcelona. Medfel this year saw the participation of no

26 Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

Storico crocevia dell’Euromediterraneo e uno dei

mercati leader nello scenario internazionale della

frutta e degli ortaggi, Perpignan, la città che da 20 anni

organizza il Forum Internazionale Europêch, è il luogo

giusto per ospitare Medfel, Salone internazionale delle

aziende della filiera ortofrutticola dell’Euro-mediterraneo,

la cui seconda edizione si è svolta nei giorni 4, 5 e 6

maggio, e che intende diventare il luogo d’incontro per

eccellenza per tutta la filera ortofrutticola mediterranea.

La fiera vuole offrire alle aziende e agli attori di tutta la

filiera ortofrutticola l’opportunità di disporre, nell’ambito

del bacino del Mediterraneo, di uno spazio e di un punto

d’incontro dedicati alla commercializzazione della frutta

e degli ortaggi. Il giro d’affari è considerevole, in quanto

il bacino del Mediterraneo da solo rappresenta il 20%

della produzione mondiale della frutta ed il 15% di quella

degli ortaggi, nonché fornisce il 74% della produzione

comunitaria della frutta e il 66% di quella degli orticoli.

È per questo motivo che i produttori e i buyer di entrambe

le rive hanno voluto confermare il loro interesse partecipando

a questa grande manifestazione che si è

tenuta un mese prima del secondo vertice dell’Unione

per il Mediterraneo previsto per il 7 giugno a Barcellona.

Il salone ha ospitato più di 250 aziende espositrici provenienti

dalla Francia, dal Marocco, dall’Algeria, dalla

Tunisia, dall’Egitto, dalla Grecia, dalla Spagna e

dall’Italia; i vistatori internazionali sono stati oltre

5.000, specializzati nel settore ortofrutticolo

(Gdo/Distribuzione, importatori, mercati generali, grossisti,

RHF/RHD, dettaglianti, buyer).

Una fiera d’affari

In questa seconda edizione, Medfel ha giocato un ruolo

ancora più attivo nel riavvicinare i Paesi della sponda


fewer than 250 exhibitors from the producing regions of

France, Morocco, Algeria, Tunisia, Egypt, Greece,

Spain and Italy, businesses that once again chose a

show that was attended by nearly 5,000 international

business professionals, including big retail/distribution,

importers, municipal market managers, wholesalers,

RHF/RHD, retailers and buyers).

A business show

This second Medfel was even more actively engaged

than last year’s in bridging the gap between producers

on the Mediterranean’s northern rim and those on its

southern. Historically speaking, the show was originally

held as a venue for agribusinesses in the South of

France but as of last year the organisers decided to

broaden its appeal by inviting both French and foreign

exhibitors to participate. The show this year unfolded

over three days and, once again, was attended by nearly

150 VIP buyers from forty or so countries looking business

deals and new ideas in the transport/logistics sector.

The goal the show has set for itself is to facilitate

deal-making between producers and buyers by setting

up meetings as part of the show’s programme of events.

In effect, a buyer registers beforehand on the web site,

listing what he or she is looking for and the businesses

likely to fit the bill. This is a very useful, pragmatic and

targeted tool that enables both parties to optimise their

convention appointments and time. For both buyer and

exhibitor alike, the advantages include time savings and

the assurance of reaching prospective business targets

with reliable counterparts that are most likely to match

the expectations you bring to the table.

Interactive presentations

Medfel this year also featured, along with the exhibition

and the round of business meetings, a full programme

of conferences/debates focused on the industry’s most

topical issues. Indeed, apart from the not-to-bemissed

crop forecasts for peach, nectarine, apricot,

melon and plum, the topics ran a particularly broad

gamut, ranging from trade and logistics to sustainable

development, food safety and organic commodities,

not to mention the process towards and the stakes

represented by the Union for the Mediterranean (UPM)

and the role the F&V industry should lay in the upcom-

Exhibitors and professionals at Medfel 2010 (Photo courtesy Medfel).

Espositori e vistatori professionali al Medfel 2010 (Foto Medfel).

nord e quelli della sponda sud del Mediterraneo.

Inizialmente, la fiera era riservata alle aziende ortofrutticole

dislocate nel sud della Francia ma, a partire dell’anno

scorso, gli organizzatori hanno deciso di allargare la

manifestazione a tutte le aziende francesi e straniere

che volevano partecipare come espositori.

La manifestazione ha visto quest’anno quasi 150

buyer Vip provenienti da una quarantina di Paesi di

tutto il mondo alla ricerca di opportunità commerciali

nel settore ortofrutticolo o di soluzioni nel settore dei

trasporti/logistica. In quest’ottica, la fiera si prefigge di

facilitare gli scambi commerciali fra produttori e buyer

organizzando più di 1.000 incontri durante lo svolgimento

del programma della fiera. Concretamente, un

buyer che si sia registrato preventivamente sul sito

definisce prima ciò che vuole e le aziende che si propone

di incontrare. Questo modo di organizzare incontri

d’affari rappresenta uno strumento di lavoro molto

pragmatico e mirato che permette a ciascun interlocutore

d’ottimizzare il proprio salone. I vantaggi che ne

risultano, sia per il buyer sia per l’espositore, vanno da

un risparmio di tempo alla certezza di incontri mirati

con interlocutori interessati, in grado di rispondere al

meglio alle proprie aspettative.

Presentazioni interattive

Medfel propone anche, in parallelo all’esposizione e agli

incontri d’affari, un programma di conferenze/dibattiti su

grandi temi di attualità. Quest’anno, oltre alle previsoni

di raccolta (pesche e nettarine, albicocche, meloni e

susine), Medfel ha proposto anche temi particolarmente

diversificati con interventi che andavano dal commercio

e la logistica allo sviluppo sostenibile, passando per la

sicurezza alimentare, la produzione biologica e, da non

dimenticare, la posta in gioco con il processo

dell’Unione per il Mediterraneo (UPM) e la questione del

posto che le produzioni ortofrutticole dovrebbero occupare

nella futura riforma della Pac.

Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

27

fairs/Medfel

fiere/Medfel


fairs/Medfel

fiere/Medfel

PEACH AND NECTARINE CROP TRENDS BY REGION IN THE MAJOR EU

PRODUCER COUNTRIES

2.010 On yr 3-yr avg

Andalusia 55.230 -45% -39%

Valencia 24.560 -30% -50%

Murcia 68.000 -11% 11%

Catalonia 261.500 6% 3%

Rioja-Navarre-Aragon 160.280 -1% 37%

Estremadura 96.990 -5% -3%

Other 60 0% -22%

Spain 666.620 -8% -1%

Piedmont/Lombardy/Liguria 155.650 -10% -8%

Veneto/Friuli-Venezia-Giulia 88.340 -3% -8%

Emilia-Romagna 425.370 -4% -3%

Central Italy 136.540 -5% -4%

South Italy 627.520 0% -1%

Italy 1.433.420 -3% -3%

Languedoc-Roussillon 135.500 -2% -7%

Rhône-Alps 69.440 -21% 2%

PACA 98.073 -1% -14%

South-West 15.438 -6% -10%

France 318.451 -7% -8%

Greece 281.400 4% -12%

TOTALE 2.699.891 -4% -4%

Source: Europech, reworked by INFOFRUIT

APRICOT CROP TRENDS BY REGION IN THE MAJOR EU PRODUCER

COUNTRIES

2.010 On yr 3-yr avg

Valencia 2.770 41% 27%

Murcia 48.000 -26% -16%

Other 18.900 -5% 3%

Spain 69.670 -20% -10%

Emilia-Romagna 69.000 9% 18%

South Italy/Sicily/Sardinia 128.310 3% 3%

Altri regioni 30.650 5% 0%

Italie 227.960 5% 7%

Languedoc-Roussillon 51.000 -4% 33%

Rhône-Alps 94.750 -14% 33%

PACA 24.253 -4% 12%

France 170.003 -10% 29%

Peloponesus / Sterea / Crete 40.500 -29%

Other 29.900 196%

Greece 70.400 35% 5%

TOTAL 538.033 -1% 10%

Source: Europech, reworked by INFOFRUIT

ing CAP reform. The floor also featured a battery of telly

screens called «Agora Podium TV». Inaugurated at the

first Medfel in 2009, it is a very dynamic feature that has

clearly won over all the show’s attendees. The multiscreen

platform installed at the centre of the convention

floor enables viewers from just about any angle to

follow the conferences live. It thus helps to promote

contacts between business professionals on one hand

and, on the other, makes it possible to put the talks and

presentations on the web within ten days of the show’s

end at www.medfel.com.

(English version by David Verzoni)

28 Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

EVOLUZIONE DELLA PRODUZIONE DELLE PESCHE E DELLE NETTARINE

PER REGIONE NEI MAGGIORI PAESI PRODUTTORI EUROPEI

2.010 An/An-1 An/med 3An

Andalusia 55.230 -45% -39%

Valencia 24.560 -30% -50%

Murcia 68.000 -11% 11%

Catalonia 261.500 6% 3%

Rioja-Navarra-Aragona 160.280 -1% 37%

Estremadura 96.990 -5% -3%

Altri regioni 60 0% -22%

Spagna 666.620 -8% -1%

Piemonte/Lombardia/Liguria 155.650 -10% -8%

Veneto/Friuli-Venezia-Giulia 88.340 -3% -8%

Emilia-Romagna 425.370 -4% -3%

Italia del centro 136.540 -5% -4%

Italia del Sud 627.520 0% -1%

Italia 1.433.420 -3% -3%

Languadoca-Rossiglione 135.500 -2% -7%

Rodano-Alpi 69.440 -21% 2%

Prov-Alpi-Costa Azzurra 98.073 -1% -14%

Sud-Ovest 15.438 -6% -10%

Francia 318.451 -7% -8%

Grecia 281.400 4% -12%

TOTALE 2.699.891 -4% -4%

Fonte: Europech, Elaborazione INFOFRUIT

EVOLUZIONE DELLA PRODUZIONE DELLE ALBICOCCHE PER REGIONE

NEI MAGGIORI PAESI PRODUTTORI EUROPEI

2.010 An/An-1* A/med 3An**

Valencia 2.770 41% 27%

Murcia 48.000 -26% -16%

Altri regioni 18.900 -5% 3%

Spagna 69.670 -20% -10%

Emilia-Romagna 69.000 9% 18%

Italia del Sud / Sicilia / Sardegna 128.310 3% 3%

Altri regioni 30.650 5% 0%

Italie 227.960 5% 7%

Languadoca-Rossiglione 51.000 -4% 33%

Rodano-Alpi 94.750 -14% 33%

Prov-Alpi-Costa Azzurra 24.253 -4% 12%

Francia 170.003 -10% 29%

Peloponeso / Sterea / Creta 40.500 -29%

Altri regioni 29.900 196%

Grecia 70.400 35% 5%

TOTALE 538.033 -1% 10%

Fonte: Europech, Elaborazione INFOFRUIT / * Anno attuale (previsoni 2010) rispetto

all'anno scorso ** media di 3 anni partendo dalle previsioni dell'anno attuale

Inoltre, il programma offriva Agora Podium TV, inaugurato

per la prima volta nel 2009 e riproposto quest’anno:

è un formato molto dinamico e particolarmente

apprezzato dai visitatori. Infatti, è una formula

che permette a tutti di assistere in diretta, tramite

una batteria di televisori installati al centro dello spazio

espositore, alle conferenze in programma durante

la fiera, il che favorisce anche gli scambi con i professionisti

e, nel giro di una decina di giorni il salone,

di mettere le presentazioni on-line sul sito

www.medfel.com.

(Traduzione dal farncese di David Verzoni)


market/Switzerland

mercato/Svizzera

Cauliflower in the field.

Una coltivazione di cavolfiori.

Switzerland, growers protest

free trade deal

Svizzera, produttori contro

l’accordo di libero scambio

Simon Martin

Talks aimed at dismantling tariff barriers to trade with EU countries get a hostile

review by growers fearing competition from countries with lower priced labour

Il negoziato per abolire le imposte doganali nelle transazioni con i paesi della Ue trova ostili

gli agricoltori che temono la concorrenza delle nazioni dove la manodopera è meno cara

The Swiss fruit and vegetable sector relies, like

most other branches of Swiss agriculture, on custom

duties, in particular during the relevant season.

However, the Swiss government is currently negotiating

a free trade agreement with the EU, which shall

abolish all duties for agriculture goods.

The project faces tough opposition from farmers – as

well as from some manufacturers and traders.

Because the fruit and vegetable sector is work intensive,

the fruit producers association and its counterpart

for vegetables argue that they would face serious

30 Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

Il settore ortofrutticolo svizzero, come la maggior parte

degli altri settori agricoli di questo Paese, dipende dalle

imposte doganali, soprattutto durante la stagione di riferimento.

Tuttavia, il governo svizzero sta negoziando un

accordo di libero scambio con la Ue che abolirebbe

tutte le imposte per i prodotti agricoli.

Un progetto che incontra la dura opposizione degli agricoltori,

nonché di alcuni produttori e di alcuni imprenditori

commerciali. Il settore ortofrutticolo si basa principalmente

sulla manodopera, che qui costa circa 2.000

euro al mese, mentre in alcuni Paesi europei il costo è di


problems if duties would eventually be abolished.

Costs for a worker in the fruit and vegetable sector in

Switzerland are around 2.000 euros a month compared

to less than half in an average EU-country.

However, a survey conducted by the Swiss Federal

Institute of Technology Zurich observed that Swiss

consumers prefer products grown in Switzerland,

even though they are more expensive.

Switzerland is a net-importing country for fruits and

vegetables. According to the Federal Office for

Agriculture (Foag), the market share of Swiss products

amounts approximately to 60 percent for vegetables

and to 75 percent for fruits (exclusive tropical

fruits). Around 20.000 ha of the Swiss agriculture

surface (1 Mio ha) is being used for the production

of fruits and vegetables – grapes not included.

In 2007, apples were produced on 4200 ha, pears

on 870 ha, stone fruits on 1450 ha and berries on

700 ha. The total production of fruits is around

145.000 tons.

Seal of guarantee

Vegetables are being produced on 14.700 hectares.

The yield is approximately 310.000 tons. Totally, the

market supply is 522.000 tons for vegetables and

180.000 tons for fruits. According to the FOAG, Swiss

residents consume in the long standing average 69 kg

fresh vegetables and 24 kg fruits (without tropical

fruits) per capita and year. The turnover on vegetables

is growing. In 2007, it accounted for 866 Mio Swiss

Francs (570 Mio. Euro).

Over the last 20 years, vegetable production in

Switzerland witnessed a concentration process.

From 1990 to 2006, the number of producers

changed from more than 4000 to less than 2000.

However, the used land-area remained stable and

increased in recent years.

In 2003, the Swiss Agro-Marketing Platform (consisting

of the producer organizations of milk, meat, grain,

vegetable etc.) created the guarantee label “Suisse

Garantie” which stands for farm products grown and

manufactured in Switzerland. These products have to

fulfill the mandatory ecological standards and must

not contain genetically modified organisms. These

provisions are controlled on a regular basis. Another

important label is “Bio”, which stands for organic produced

fruits and vegetables.

Coop and Migros

At the retailer level, the fruit and vegetable market

in Switzerland is dominated by the two large

supermarket chains Coop and Migros, which cover

approximately 80 percent of the market (exclusive

restaurants and large-scale consumers). Both

focus on a high quality range consisting of a rich

choice of various fruits and vegetables. Each of

gran lunga inferiore. Di conseguenza le associazioni di

produttori di frutta e verdura sostengono che, qualora le

imposte doganali dovessero venire eliminate, si troverebbero

ad affrontare problemi molto seri.

La Svizzera è un importatore netto di frutta e verdura.

Secondo stime del Foag (Ufficio Federale

dell’Agricoltura), la quota di mercato dei prodotti svizzeri

ammonta a circa il 60% per la verdura e al 75% per la

frutta (esclusa la frutta tropicale). Circa 20.000 ettari della

superficie agricola svizzera (in totale 1 milione di ettari)

vengono utilizzati per la produzione di frutta e verdura, ad

esclusione dell’uva. Nel 2007 la produzione di mele ha

interessato 4.200 ettari, quella di pere 870 ettari, quella

di frutta con nocciolo 1.450 ettari e quella di frutti di

bosco 700 ettari. La produzione totale di frutta ammonta

a circa 145.000 tonnellate.

Etichetta di garanzia

Le verdure vengono prodotte su una superficie di

14.700 ettari, per una resa complessiva di circa

310.000 tonnellate. In totale, le quantità immesse sul

mercato sono 522.000 tonnellate di verdura e 180.000

tonnellate di frutta. Secondo il Foag, in Svizzera il consumo

medio annuo pro capite di verdura fresca

ammonta a 69 kg, mentre quello di frutta (esclusa la

frutta tropicale) a 24 kg. Il giro d’affari del settore è in

aumento; nel 2007, esso ammontava a 866 milioni di

franchi svizzeri (pari a 570 milioni di euro).

Durante gli ultimi 20 anni, la produzione di frutta e verdura

in Svizzera è stata caratterizzata da una forte tendenza

alla concentrazione. Dal 1990 al 2006 il numero

di produttori è sceso da oltre 4.000 a meno di 2.000;, la

superficie destinata a terreno agricolo è rimasta tuttavia

stabile o è addirittura aumentata negli ultimi anni.

Nel 2003 la Piattaforma Svizzera per l’Agricoltura e il

Commercio (formata da gruppi di produttori di latte,

carne, cereali, ortaggi, ecc.) ha creato l’etichetta di

garanzia “Suisse Garantie” che si riferisce a prodotti

agricoli coltivati e confezionati in Svizzera. Tali prodotti

Growing radishes in Switzerland.

Coltivazioni di ravanelli in Svizzera.

Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

31

market/Switzerland

mercato/Svizzera


market/Switzerland

mercato/Svizzera

A view of the Swiss countryside.

Una immagine della campagna Svizzera.

them buys fruits and vegetables from five to six

intermediaries, so called platforms – which themselves

buy the products from Swiss farmers and

take care for washing, packing, storage, quality

control and logistics.

For imports, Coop and Migros work together with two

to four platforms. Even the discounters Aldi, Lidl and

Denner nevertheless offer high quality fruit and vegetables

with the labels “Bio” and “Swiss Garantie”.

devono soddisfare gli standard ecologici obbligatori e

non devono contenere organismi geneticamente modificati.

I controlli vengono effettuati con regolarità.

Un’altra importante etichetta è “Bio”, che comprende

prodotti ortofrutticoli biologici.

Coop e Migros

Nella vendita al dettaglio, il mercato ortofrutticolo svizzero

è dominato dalle due grandi catene di supermercati

Coop e Migros, che coprono circa l’80 % del mercato

(esclusi i ristoranti e la grande distribuzione). Entrambe

puntano sulla qualità e offrono una ricca gamma di prodotti

ortofrutticoli. Entrambe acquistano i prodotti da

cinque/sei intermediari, le cosiddette piattaforme, le

quali, a loro volta, acquistano da agricoltori svizzeri e si

occupano del lavaggio, dell’imballaggio, del magazzinaggio,

del controllo qualità e della logistica.

Per le importazioni, Coop e Migros collaborano con

due/quattro piattaforme. Uno studio condotto

dall’Istituto Federale Svizzero per la Tecnologia di Zurigo

ha rilevato che i consumatori di questo Paese preferiscono

comunque dei prodotti coltivati in Svizzera,

anche se sono più costosi.

Anche le catene di discount Aldi, Lidl e Denner offrono

frutta e verdura di ottima qualità, garantite dalle etichette

“Bio” e “Suisse Garantie.

(Versione italiana di Marina Zaccarini)


market/Emilia-Romagna region

mercato/Emilia-Romagna

Fruit: Romagna is optimistic

but there are too many

imponderables for comfort

Frutta: Romagna ottimista

ma le incognite non mancano

Cristiano Riciputi

Operators expect a normal year but criticise large scale distributors: «Promotional

price cutting has become continuous and margins are shrinking»

Gli operatori prevedono un’annata all’insegna della normalità, ma accusano la Gdo:

«Oramai è promozione continua e i margini si restringono»

Producers, cooperatives and dealers in the

provinces of Ravenna and Forlì-Cesena have

greeted the fruit season that has just got under way

with a mixture of optimism and anxiety. They hope

that there will not be a repeat of what happened in

2009 when producer prices fell below production

costs. From the quantitative point of view this should

be of normal year: “Since flowering has been good

and fruit setting has been more than satisfactory -

explains Mauro Pazzaglia, head of communications at

the Faenza (Ravenna) cooperative Agrintesa - peach

and nectarine production is expected to be within the

norm. There should be a surplus, but in reality, the

impact of quantity on markets is dependent on global

supply, not on a single area like Romagna”.

However, according Pazzaglia, surveys conducted by

technicians at Agrintesa member companies, indicate

that this could be a year to forget in the case of apricots:

“Flower bud drop has been reported in various

zones of production. The possibility that supply will

be inferior to expectations cannot be excluded”.

What all operators are hoping for is a year with decent

prices, as Fortunato Peron, owner of Celox of

Gambettola (Forlì-Cesena) confirms. “We are not worried

by the quality of the product or the quantities

involved. Today the problem is the drop in consumer

demand, which according to the most pessimistic

estimates has been close to 20% for fruit and vegetables.

At a recent conference which I attended there

was much talk of ethics and business, but I wonder

whether it is ethical to pay producers less than the

34 Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

Fra produttori, cooperative e commercianti delle province

di Ravenna e Forlì-Cesena la stagione frutticola

appena iniziata è carica di dubbi e speranze.

L’auspicio è che non si ripetano più le condizioni del

2009 con prezzi alla produzione al di sotto dei costi di

produzione. Dal punto di vista quantitativo dovrebbe

trattarsi di un’annata normale: «Pesche e nettarine sono

previste nelle quantità abituali – spiega Mauro Pazzaglia,

responsabile della comunicazione della cooperativa di

Faenza (Ravenna) Agrintesa – in quanto la fioritura è

stata buona e l’allegagione più che soddisfacente. Non

dovrebbe esserci un surplus produttivo, ma, in realtà,

l’incidenza delle quantità sui mercati dipende dall’offerta

globale, non di una singola area, come può essere la

Romagna».

Secondo Pazzaglia, in base alle rilevazioni compiute

dai tecnici Agrintesa presso le aziende associate,

potrebbe essere un’annata di scarica per le albicocche:

«Ci sono stati fenomeni di cascola fiorale in diverse

zone produttive. Non è escluso che l’offerta sia inferiore

alle attese».

L’auspicio di tutti gli operatori è quello di un’annata dai

prezzi dignitosi, come afferma Fortunato Peron, titolare

della Celox di Gambettola (Forlì-Cesena). «Le preoccupazioni

non vengono tanto dai dubbi sulla qualità del

prodotto, o sulle quantità in gioco. Oggi il problema è

dato dal calo dei consumi che, secondo le stime più

pessimistiche, hanno sfiorato il 20% per frutta e verdura.

A un recente convegno al quale ho partecipato si è

parlato di etica e commercio; ma io mi chiedo se pagare

il produttore al di sotto del costo di produzione sia


cost of production. Just as I wonder whether it is ethical

to import large quantities of potatoes from France

when we produce potatoes ourselves”.

Peaches, not nuts and bolts

Peron does not only make waves, he also proposes

possible solutions: “When producers are paid 25

cents per kilogram for peaches, as they were last

year, I do not think that it would be impossible to

reach 35 cents, the minimum threshold for covering

costs. The 10 cents difference could be easily

absorbed by large-scale distribution, or consumers,

or both. I do not believe that consumers change their

minds about buying peaches if the price is €1.50

instead of €1.45”.

In addition to cooperatives, there are hundreds of private

operators in Romagna, for the most part in the

province of Forlì-Cesena.

“We are trying to be optimistic about the 2010 campaign

– says Maurizio Filippi, chairman of the

Association of Provincial Exporters - but we are not

letting down our defences. Above all, we are all concerned

about a psychosis, that of promotions. The

warning signals were already there in April with some

large-scale distribution chains wanting to schedule

days, sizes, and varieties of peaches for promotions

next summer. I wonder how we can be expected to

know in April whether we will have a certain quantity

of peaches of a given size and a given variety in mid-

July for three days. Maybe these people don’t know

that we produce fruit and not nuts and bolts, and that

planning something like that three months in advance

it is unthinkable”.

A supermarket F&V department.

Il reparto ortofrutta di un supermercato.

etico. Così come mi chiedo se sia etico importare patate

dalla Francia, in grandi quantità, nel momento in cui

c’è la produzione nazionale».

Pesche, non bulloni

Peron non lancia solo sassi, esamina anche le possibili

soluzioni: «Quando le pesche sono pagate, come lo

scorso anno, 25 centesimi al chilogrammo ai produttori,

non penso che sarebbe impossibile arrivare a 35 centesimi,

soglia minima per coprire i costi. I 10 centesimi

di differenza potrebbero essere facilmente assorbiti dalla

Gdo, o dai consumatori, o da entrambi. Non credo che

un consumatore si tiri indietro ad acquistare un chilo di

pesche se il prezzo è 1,50 euro invece di 1,45».

Oltre al mondo cooperativo, in Romagna operano centinaia

di operatori privati che si trovano per lo più in provincia

di Forlì-Cesena.

«Cerchiamo di essere ottimisti in vista della campagna

2010 – afferma Maurizio Filippi, presidente

dell’Associazione esportatori provinciale – ma siamo

vigili. Soprattutto siamo preoccupati e tutti pervasi da

una psicosi, quella delle promozioni. Già in aprile sono

partite le prime avvisaglie, da parte di alcune catene

della Gdo, le quali volevano programmare giorni, calibri,

e varietà di pesche da porre in promozione nella prossima

estate. Mi chiedo come possiamo prevedere in

aprile di avere, a metà luglio, per 3 giorni, certe quantità

di pesche di un dato calibro e di una data varietà.

Forse questi signori non sanno che non facciamo bulloni,

ma frutta, e programmare una cosa del genere tre

mesi prima è impensabile».

Fruit offered for sale in bins.

Pesche proposte al consumo in bins.

Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

35

market/Emilia-Romagna region

mercato/Emilia-Romagna


market/Emilia-Romagna region

mercato/Emilia-Romagna

A choice between the undifferentiated and the

packaged product

Una alternativa tra il prodotto indifferenziato e quello in

confezione

The consumer is not induced to buy when the product is undifferentiated, when its origin, size and variety (which is never shown

or almost never) are unclear and when the fruit remaining on the shelf at the end of the day are bruised and marked by the many

hands which have tested their firmness and weight, and there is a slightly damp (and dirty) floor. All this does nobody any good,

it’s humiliating for producers who have put a year’s work into the product and it discourages buyers, thus increasing fixed costs

for supermarkets who then complain about increasingly meagre margins in the F&V department. On the other hand, the solution

cannot be to make fruit more recognisable by increasing their cost: between large quantities of undifferentiated loose fruit in bins

and individual packaging, there must be a middle ground that satisfies producers, distributors and consumers. (LS)

Il consumatore non è invogliato a comprare quando il prodotto è indifferenziato, quando non se ne capisce bene la provenienza, il

calibro, la varietà (che non è mai indicata o quasi), quando a fine giornata i frutti rimasti sugli scaffali appaiono ammaccati, segnati

da mille mani che li hanno tastati e soppesati, con un leggero strato di bagnato (e sporco) sul pavimento. Tutto ciò non fa bene a

nessuno, umilia la fatica e il lavoro di un anno dei produttori, scoraggia il consumatore all’acquisto, fa aumentare i costi fissi alla

Gdo che poi lamenta margini sempre più risicati dal reparto ortofrutta. D’altra parte, non si può pensare di rendere più riconoscibile

la frutta aumentando i costi: fra gli indistinti bins con decine di chilogrammi di frutta standard e il confezionamento frutto per frutto,

deve esserci una via di mezzo che soddisfi produttore, distributore e consumatore. (CR)

Tourists are an untapped resource

According to Filippi, all the supermarket chains, without

exception, are pursuing a promotion battle over

fruit in an indiscriminate fashion which is bringing the

sector to its knees. “Now it’s all about promotion and

normality doesn’t exist anymore. Or rather, promotion

has become the norm. But at the expense of whom?

The risk is that the normal price becomes the cut price

and that margins for farmers disappear altogether”.

Perhaps Romagna should seek new strategies starting

with a resource that is on its own doorstep, namely the

Riviera, that great market constituted by tourists who

visit the beaches during the summer months. At a

recent conference organized by the Consorzio Agrario

di Ravenna (the Ravenna Agrarian Consortium), the

provincial agriculture commissioner Libero Asioli

claimed that “during the summer the entire Adriatic

coast could be one great consumer pool, thanks to the

presence of millions of tourists. And yet the distribution

system is too disorganized to extend a few kilometres.

It is vital that we form an alliance between producer

organizations, hotels, restaurants and large-scale distributors

in the area so that tourists can enjoy freshly

harvested local fruit throughout the summer”.

In short, we don’t know what 2010 will bring, but there

would be more certainty about it if every link in the

production chain were to take a step forward with

respect to the past.

(English version by Lawrence Smith)

36 Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

Risorsa turismo

Secondo Filippi le catene della grande distribuzione,

tutte, senza alcuna esclusione, stanno perseguendo la

battaglia delle promozioni della frutta senza criterio,

mettendo in ginocchio il settore. «Ormai è tutta una

promozione e non esiste più la normalità. O meglio, la

normalità diventa la promozione stessa. Ma a scapito

di chi? Il rischio è che il primo prezzo diventi quello in

promozione e i margini di guadagno per gli agricoltori

non esistano più».

Forse la Romagna deve cercare nuovi strategie e partire

da casa propria, vale a dire la Riviera con quel grande

mercato di turisti che frequentano le spiagge durante

i mesi estivi.

A un recente convegno organizzato dal Consorzio

agrario di Ravenna, l’assessore all’agricoltura provinciale

Libero Asioli ha sostenuto che «durante l’estate

tutta la costa romagnola potrebbe essere un grande

bacino di consumo, grazie alla presenza di milioni di

turisti. Eppure il sistema di distribuzione è disorganizzato

anche per agire nel raggio di pochi chilometri. È

indispensabile stringere un’alleanza fra Op, albergatori,

ristoratori e Gdo del territorio in modo che i turisti

possano consumare, in estate, frutta locale appena

raccolta».

Insomma, il 2010 è ancora un’incognita, ma ci potrebbero

essere più certezze se ciascun anello della filiera

facesse un passo in più rispetto al passato.


meetings/ethics and sustainability

incontri/etica e sostenibilità

Ethics and sustainability

Fruitimprese takes up the challenge

Etica e sostenibilità

la scommessa di Fruitimprese

Leonardo Rossini

The core concepts of corporate accountability found a brilliant advocate in the

remarks Bocconi University’s Maurizio Dallocchio delivered to the audience during

the company’s annual meeting

Il tema, con un ricco intervento di Maurizio Dallocchio della Bocconi, è stato al centro

dell’ultima assemblea annuale dell’associazione di categoria

T he spotlights at centre stage shone brightly on corporate

accountability at the conference held during

Fruitimprese’s 61st annual meeting at Rome this past

April. Although journalist and moderator Lorenzo

Frassoldati had to announce that one of the keynote

speakers, Hein Deprez of Univeg, had to cancel at the last

minute because of aircraft groundings due to the eruption

of the Eyjafjallajökull volcano in Iceland, that did not blunt

the interest of the full house in attendance.

The event opened with the keynote address “Corporate

Response to the Demands of Accountability and the

Market” by Maurizio Dallocchio, who holds the Nomura

Chair at Bocconi University in Milan. Professor

Dallocchio began with an overview of several studies

that let him focus attention on three core factors that

businesses today must deal with in a responsible manner.

The heart of his remarks concentrated on corporate

finance, the creation of value and sustainability, the latter

concept treated as the social ties binding a compa-

38 Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

etica delle imprese è stata al centro del convegno

L’ organizzato da Fruitimprese in occasione della 61a

assemblea annuale tenutasi a Roma lo scorso aprile. Il

forfait dell’ultima ora di Hein Deprez di Univeg, a causa

dei problemi al traffico aereo derivati dall’eruzione del

vulcano Eyjafjallajökull in Islanda, non ha sottratto interesse

all’affollato incontro la cui regia era stata affidata al

giornalista Lorenzo Frassoldati.

Ha aperto i lavori Maurizio Dallocchio, titolare della cattedra

“Nomura” all’Università Bocconi di Milano, che

nella sua relazione, dal titiolo “Le prospettive delle

imprese tra etica e mercato”, ha sintetizzato diversi

studi sottolineando in particolare alcuni aspetti dai

quali le imprese non possono prescindere, in particolare

relativi alla Finanza, alla creazione del valore ed alla

sostenibilità intesa come coesistenza armonica dell'impresa

nella società, grazie allo sviluppo di progetti

a lungo termine.

Dallocchio ha inoltre evidenziato come l’incidenza delle

microimprese in Italia sia tra le più elevate in Europa e

il tasso di imprenditorialità, calcolato come rapporto

tra il numero di lavoratori indipendenti e totale dei lavoratori

delle imprese, in Italia è pari al 32,2%, il triplo

rispetto alla media europea. Il docente ha ribadito

l’importanza della sostenibilità in ogni filiera produttiva

e ha analizzato il rapporto profitto-etica affermando

che l’etica ha un costo – quelo della trasparenza, della

correttezza, del rispetto delle regole – che avrà un

ritorno nel lungo periodo.

From left: Maurizio Dallocchio, Luigi Peviani and Lorenzo

Frassoldati.

Da sinistra: Maurizio Dallocchio, Luigi Peviani, Lorenzo Frassoldati.


ny to the community in which it operates through the

joint development of long-term projects.

Professor Dallocchio also noted that Italy has one of

the largest sectors of small businesses in Europe

today. Indeed, he underscored the fact by pointing out

that the country’s entrepreneurial rating, an index calculated

as the ratio of the number of self-employed

business owners to the total of all those employed in

the private sector, is 32.2%, three times the European

average. After reiterating the important role sustainability

plays in every supply chain, Dallocchio then provided

a close-up look at the profit-to-accountability ratio,

underscoring the fact that while accountability comes

at a cost –transparency, responsibility, fairness – it also

has an equitable return in the long run.

Professor Dallocchio concluded his remarks by offering

a set of criteria for corporate accountability. In

effect, he noted more than once at crucial junctures

here that this core concept of corporate ethics cannot

be imposed on companies and individuals by legislation

but must be transmitted slowly through a learning

process that includes example, conviction and the

authority that comes with hard-won experience. While

the process carries extra costs in the short term, it is

a warranty of stability in the long one. In other words,

accountability must be put in place with vigour but

without mistrust, hesitation or disappointment.

Health and the environment

In his address, Fruitimprese CEO Luigi Peviani

explained the reasons why, contrary to tradition, the

company decided to hold a conference during the

annual meeting. As usual, though, he did bow to tradition

by reporting the 2009 import-export data, underscoring

the clear-cut picture of the industry they drew.

Chairman Paolo De Castro of the European Parliament’s

Agricultural Committee.

Il presidente della Commissione agricoltura del Parlamento europeo,

Paolo De Castro.

In conclusione, ha presentato un decalogo per

l’etica nell’impresa e, in alcuni passaggi cruciali, ha

affermato che l’etica non si impone per legge alle

imprese e agli individui ma si trasmette, lentamente,

con l’esempio, la convinzione, l’autorevolezza; nel

breve genera costi addizionali, ma nel lungo periodo

è garanzia di solidità.

L’etica deve essere posta con vigore e senza sfiducie,

tentennamenti o delusioni.

Salubrità e ambiente

Il presidente di Fruitimprese, Luigi Peviani, nel suo

intervento ha spiegato i motivi che hanno indotto a

organizzare, contrariamente alla tradizione, un convegno

in occasione dell’assemblea. Come di consueto,

ha presentato i dati sull’import-export del 2009 evi-

Sales and consumer spending were hammered in 2009

Il 2009, un anno difficile per le vendite e i consumi

«Last year was a difficult one to say the least, and the continuing ripples of the recession made it worse by the negative impact they

produced on export receipts and consumption – said Fruitimprese chief Luigi Peviani during a break in the convention. – The biggest

problems were encountered by fresh fruit and citrus exports, the former being down by no less than 20%. The only upbeat note was

rung by marketed volumes, which enabled the industry to sell off warehouse stocks and keep employment numbers up, no mean

feat when almost all other sectors are shedding jobs». When asked about future prospects, Peviani was more tight-lipped than usual,

noting that despite a few weak signals of a rebound we’ve still got a long roe to hoe before the crisis is behind us. (DV)

«Il 2009 è stato un anno molto difficile, reso ancora più complicato dalla crisi economica che ha condizionato pesantemente l’attività

delle imprese ed ha influito negativamente sulle vendite e sui consumi, soprattutto all’estero – ha rilevato, ai margini del convegno, il

presidente di Fruitimprese, Luigi Peviani –. Le maggiori difficoltà si sono riscontrate nei comparti della frutta fresca, con il sensibile calo

del valore delle esportazioni (-20%), e degli agrumi.Il solo aspetto positivo è quello dei volumi commercializzati, che hanno consentito

di smaltire le giacenze e di difendere i livelli occupazionali; quest’ultimo dato in controtendenza rispetto ad altre attività produttive». Sul

futuro Peviani ha mantenuto un atteggiamento prudente, anche se vi è qualche timido segnale positivo che, tuttavia, non può essere

considerato come l’uscita dalla crisi. (LR)

Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

39

meetings/ethics and sustainability

incontri/etica e sostenibilità


meetings/ethics and sustainability

incontri/etica e sostenibilità

Italy once again remains in the top spot as Europe’s

produce leader despite the continued loss of acreage,

proof that together with the wine sector the F&V

industry is of Paramount importance to the country’s

economy. The best news contained in the foreign

trade figures is that the balance of trade deficit has

been halved, going from €1 billion 200 million in 2008

to €555 million in 2009, although exports also

slumped 4.6% by volume and 13.5% in receipts.”

«Given the overall economic downturn as a backdrop

– Peviani noted – it’s our duty to underscore those

factors that make our industry and its players worthy

of our full attention and that of the government. The

most important right now are stable employment levels,

the stewardship and safeguarding of our rural

landscape and the environment, and the increasing

level of foodstuff traceability and of their healthiness».

Peviani also attached much importance to the obstacles

the European Union is encountering in implementing

its political and economic agenda and the

inequalities among member countries. He concluded

his remarks by calling for a greater effort on the part

of EU and National authorities to help boost exports.

The session was also marked by the authoritative

voice of Paolo De Castro, Chairman of the EU

Parliament’s Agriculture Committee, who remained

long after his address for a question and answer session

that was much appreciated by all present.

(English version by David Verzoni)

denziando che essi descrivono in modo emblematico

la situazione del settore.

L’Italia si conferma il maggiore produttore europeo di

ortofrutticoli, anche se le superfici si riducono costantemente;

ciononostante il settore, al pari del vino,

resta di vitale importanza per la nostra economia.

Nell’interscambio con l’estero il dato più eclatante è

che si è dimezzato il saldo della bilancia commerciale,

passando da 1 miliardo e 200 milioni di € del 2008

a 555 milioni di € del 2009 e ridotte sia in volume (-

4,6%) che in valore (-13,5%) le esportazioni.”

«In una congiuntura così negativa – ha detto Peviani –

vanno sottolineati alcuni aspetti che rendono l’attività

delle imprese degna della massima attenzione da parte

delle istituzioni: il mantenimento dei livelli occupazionali,

il presidio e la salvaguardia del territorio e dell’ambiente,

l’importante livello raggiunto sul fronte della rintracciabilità

delle produzioni e della loro salubrità».

Peviani, inoltre, ha posto l’accento sulle difficoltà

dell’Unione europea a far emergere il suo progetto

politico ed economico, per le disomogeneità esistenti

tra i vari paesi, e ha auspicato una maggiore attenzione

all’esportazione da parte delle istituzioni sia comunitarie,

sia nazionali.

Un autorevole contributo ai lavori è stato offerto da

Paolo De Castro, presidente della Commissione agricoltura

del Parlamento europeo, che a conclusione del suo

intervento si è trattenuto lungamente con i partecipanti,

per un interessante ed apprezzato botta e risposta.


market/pear

mercato/pera

Quality or cost-cutting

Pear, options facing growers

Qualità o contenimento dei costi

Pere, le scelte dei produttori

Alessandra Ravaioli

Interpera, which was held at Ferrara this year, provided a panoramic view of the

worldwide pear market. It’s an industry that has weathered the recession better

than other fruit sectors

Da Interpera, che quest’anno si è svolto a Ferrara, un’ampia panoramica sulla situazione

mondiale del frutto. Che ha retto meglio di altre referenze ai colpi della crisi

T he world’s pear industry convened in Ferrara on 27

and 28 May for the 3rd Interpera, the industry’s global

trade show that was organised by CSO and AREFLH

under the patronage of Ferrara Province and its

Chamber of Commerce. As in the past, the show is the

place to be to take the pulse of a temperate-climate crop

that, at the nearly 21 million tons registered in 2008, is

second in importance only to apple and ahead of thirdplace

peach. The planet’s main growing areas are in

Asia, with China topping the world charts, in Europe,

where Italy stands in second place, and the Americas,

where the US is the world’s third-largest producer.

The list of the leading exporters in 2007 shows that

Argentina took top billing at 18%, followed by China at

16%, Holland at 13%, Belgium at 11%, Chile at 9%,

South Africa and Italy at

7%, and the US at 6%.

A closer look at the figures

shows that Asia produces more

than 70% of the global pear crop, or

just over 15 million tons. Here

China alone accounts for

more than 60% of the world

crop with over 13 million

tons. While most of

China’s crop is earmarked

for the domestic market,

the latest trends show that

exports have already risen

to nearly 400,000 tons and

are still on the upswing.

The North American crop averages

more than 800,000 metric tons,

42 Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

Si è tenuto tra il 27 e il 28 maggio a Ferrara Interpera,

il 3° convegno mondiale sulla pera, organizzato da

Cso e Areflh col patrocinio di Provincia e Camera di

Commercio di Ferrara. Una importante occasione per

fare il punto sulla produzione di un frutto che, con circa

21 milioni di tonnellate prodotte nel 2008, è la seconda

specie dei climi temperati dopo il melo e prima del

pesco. Le aree a maggior produzione sono l’Asia – con

la Cina al primo posto tra i paesi produttori – l’Europa,

con l’Italia al secondo posto, e le Americhe, con gli USA

al terzo posto nella graduatoria internazionale.

Nel 2007 il 18% delle spedizioni sono state effettuate

dall’Argentina, il 16% dalla Cina, il 13% dall’Olanda,

l’11% dal Belgio, il 9% dal Cile, il 7% dal Sudafrica e

dall’Italia e il 6% dagli USA.

In tutto il continente asiatico viene prodotto oltre il 70%

delle pere mondiali, un quantitativo che recentemente

ha superato i 15 milioni di tonnellate. La Cina da

sola concorre a oltre il 60% della produzione

mondiale, con un’offerta superiore

a 13 milioni di tonnellate. La gran

parte della produzione cinese

è destinata al mercato interno,

ma negli ultimi tempi le

esportazioni si avvicinano

alle 400.000 tonnellate,

mostrando un trend in

netta crescita.

In Nord America la produzione

si attesta mediamente su

oltre 800.000 tonnellate, anche

se negli anni più recenti è scesa frequentemente

al di sotto di questa quota.


although lately the amount has been somewhat shy

of this target.

A look at South America finds Argentina is the leader

at 550,000 tons a year and that Chile has gone from

more than 200,000 tons early in the new century to

the current 160,000 tons a year.

Competition less heated in Europe

The Old World pear crop has been more or less stationary

at about 2.5 million tons over the last decade.

Italy, the world’s second-leading producer and the first

in Europe at over 860,000 tons, accounts for nearly

35% of Europe’s total pear output. Spain ranks second

at more than 20% of the total, although its share has

been falling and the country’ pear crop has lately been

below 500,000 tons. The shares of the Netherlands

and Belgium are about 9-10%, or more than 300,000

tons and growing, and, by contrast, France’s crop has

now dropped to about an 8% share.

The market survey conducted jointly by CSO and

Bologna University underscore several distinguishing

factors of the pear industry that make it different from

the other fruit sectors.

To begin with, while competition among Europe’s leading

players has a certain edge to it, it is somewhat more

muted in pear than in the other fruit commodities. The

survey data indicate that this is due in part to soil and climate

constraints that limit production of this species to

certain areas, factors that secondarily determine which

cultivars are best adapted to a given area or district.

The survey also shows a growing trend in marketing

strategy as more players pursue specialisation in certain

cultivars and select markets, moves that appear

to be limiting to some extent the effects of competitive

pressures.

This, of course, is not to say that the level of competition

always remains constant. Indeed, as everyone

knows, large volumes of pear are regularly shipped to

the export markets in Europe and elsewhere from the

Southern Hemisphere. In effect, what often acts to shift

the pressure in the marketplace is the rising competition

deriving from continuing investments in plantations that

are mainly taking place in the Netherlands and Belgium.

Italy and France go for top quality

Generally speaking, the poll also detected two basic

business strategies being followed by industry players.

One is the pursuit of cost-cutting measures and is most

evident in Belgium, Holland and Spain. The other is the

pursuit of a crop marked by range of cultivars aimed at

the top segments of the quality scale for markets that

recognise and reward the differences. Italy and France

are the leading exponents of this strategy.

The survey data collected in 2009 also indicate that

the pear industry’s overall economic picture is satisfactory.

A look at the average prices for the 2007/08,

Tra i paesi del Sud America è l’Argentina il leader con

550.000 tonnellate annue, mentre per il Cile si riscontra

una produzione in calo, da oltre 200.000 tonnellate dei

primi anni Duemila alle attuali 160.000 tonnellate.

Competizione meno accesa in Europa

La produzione nel Vecchio Continente si colloca, da

circa un decennio, intorno ai 2.5 milioni di tonnellate.

L’Italia è il secondo produttore mondiale e il primo produttore

europeo di pere, con una media produttiva di

oltre 860.000 tonnellate. Dal nostro paese proviene

circa il 35% della produzione totale europea. La Spagna

produce oltre il 20% del prodotto, ma con quote in calo

e una produzione recentemente al di sotto di 500.000

tonnellate. Percentuali che si aggirano intorno al 9-10%

sono attribuibili all’Olanda e al Belgio, in rafforzamento e

in grado di raggiungere e superare le 300.000 tonnellate.

La produzione francese è scesa sull’8% circa.

Sulla base dell’indagine svolta da CSO in collaborazione

con l’Università di Bologna, appaiono evidenti talune considerazioni

che contraddistinguono il sistema produttivo

del pero e lo differenziano da altri comparti frutticoli.

In primo luogo si rileva, a livello europeo, un confronto

competitivo importante, ma meno acceso rispetto ad

altre referenze frutticole: ciò è in parte dovuto ai vincoli

Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

43


market/pear

mercato/pera

2008/09 and 2009/10 seasons shows that the only

cultivars evincing problems have been Williams in

Italy, Guyot in southern France and Doyenne du

Comice in Holland. Although these varieties do not

provide fully adequate earnings, they do provide a farmgate

that makes them sustainable crops to growers.

With all the other cultivars, including those with high

overhead costs, the market has provided earnings

sufficiently high to ensure viable profit margins, even

despite the fact that overhead outlays have risen 10%

compared to the figure found in the 2002 survey.

During last season, which was memorable mostly for

the price collapse of almost all the most popular fruit

species, and aside from a few exceptions, pear was

able to maintain an acceptable price profile in both

the domestic and export markets. This strong showing

was possible, however, only where high yields

were coupled to top quality.

As we’ve seen in other producer countries, a competitive

edge can be honed in many ways, including costcutting,

improving yields and even high market payback

for top quality. The strategies employed in all these

cases must be primarily focused on consumer demand

by segmenting supplies in relation to target markets.

(English version by David Verzoni)

44 Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

determinati dalle caratteristiche pedo-climatiche che, in

primo luogo, limitano le possibilità di coltivazione della

specie e, secondariamente, inducono ciascuna area produttiva

a scegliere le cultivar maggiormente adattabili.

Si evidenzia inoltre una crescente tendenza, da parte

degli operatori, a compiere nette scelte commerciali,

specializzandosi su produzioni e mercati di riferimento

ben precisi e limitando pertanto gli effetti della pressione

competitiva.

Ciò, naturalmente, non deve indurre a pensare che il

livello di pressione competitiva si mantenga sempre

costante, poiché, come è noto, consistenti volumi di

prodotto originari di aree dell’Emisfero Sud arrivano

ormai regolarmente sui principali mercati europei. Ma è

soprattutto la crescente pressione competitiva derivata

dall’aumento degli investimenti che si è registrata

soprattutto nei Paesi Bassi e in Belgio, a spostare spesso

gli equilibri di mercato.

Italia e Francia puntano sul top

Le rilevazioni svolte hanno permesso, in linea di massima,

di individuare due strategie: una prima, volta a contenere

quanto possibile i costi di produzione, seguita

soprattutto da Belgio, Paesi Bassi e Spagna; una

seconda rivolta, invece, all’ottenimento di produzioni di

qualità, differenziate e destinate a mercati in grado di

apprezzarle adeguatamente. È il caso di Italia e Francia.

L’elaborazione dei dati raccolti nel corso del 2009 ha

messo in evidenza situazioni economiche che, nel complesso,

si possono ritenere soddisfacenti. Alla luce dei

prezzi medi delle tre campagne 2007/08, 2008/09 e

2009/10 le uniche cultivar a manifestare qualche difficoltà

sono William, limitatamente alle regioni italiane, Guyot nella

Francia meridionale e Decana nei Paesi Bassi. Tali varietà

non riescono a remunerare interamente i fattori della produzione

immessi, ma offrono comunque un positivo reddito

d’impresa, assicurando pertanto la sostenibilità della

coltivazione. In tutti gli altri casi, anche in quelli caratterizzati

da alti costi di produzione, il mercato ha espresso una

remunerazione sufficiente a garantire positivi margini di

profitto, nonostante i costi sostenuti siano aumentati del

10% rispetto alla precedente indagine del 2002.

Nel corso dell’ultima campagna, notoriamente caratterizzata

dal crollo dei prezzi di quasi tutte le principali

specie frutticole, la pera ha mantenuto, anche in questo

caso con talune eccezioni, accettabili quotazioni, sia in

Italia, sia all’estero, ma ciò si è reso possibile solo nel

caso del mantenimento di elevate rese, in associazione

ad un’ottima qualità.

La competitività passa, come dimostrato dalle scelte operate

nei vari paesi, attraverso molteplici strade che possono

concretizzarsi nel contenimento dei costi, nell’ottenimento

di elevate rese produttive o di un alto riconoscimento del

prodotto; in tutti i casi, le strategie devono essere primariamente

incentrate sulle esigenze dei consumatori, segmentando

le produzioni in funzione dei mercati obiettivo.


Focus/cherries

Focus/ciliegie

Big and tasty, Apulia cherries

a big hit everywhere in Europe

Grossa e saporita, la barese

che piace a tutta Europa

Giuseppe Francesco Sportelli

Cherries from Bari Province are even gaining purchase in Arab countries despite

competition from Spain and Turkey

Le ciliegie prodotte nella provincia pugliese soffrono la concorrenza di Spagna e

Turchia, ma intanto penetrano anche nei Paesi arabi

Appealing, firm, red, really big, tasty and sweet while

having a hint of tart, «That’s exactly how Europe’s

market’s want their cherries – noted Saverio Di Palma,

CEO of Di Palma Donato & Figli snc Farms at

Conversano in Bari Province, one of the district’s leading

cherry producers and Europe-wide exporters. – And

that’s how consumers everywhere who frequent the big

supermarket chains in Europe know us and gladly put

our cherries in their trolleys».

A look at the world’s leading

sweet-cherry producers

shows

46 Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

Bella, soda, rossa, soprattutto grossa e saporita, dolce e

nello stesso tempo leggermente acidula: «Così i mercati

europei chiedono la ciliegia – chiarisce Saverio Di Palma,

amministratore della Di Palma Donato & Figli snc di

Conversano (Bari) che produce e, soprattutto, esporta ciliegie

baresi in tutta Europa –. E così noi, in Terra di Bari, la produciamo

e offriamo alla Gdo europea».

Nella produzione mondiale di ciliegie l’Italia occupa uno

dei primi posti, con un’offerta annua che supera le

100.000 tonnellate, dopo Turchia, Iran e Usa. «In

Europa, l’Italia vede conteso il primato produttivo dalla

Germania, che è anche il principale Paese importatore

di ciliegie italiane; inoltre, la Spagna sta crescendo moltissimo

e offre varietà belle, dure e resistenti; anche la

Turchia sta diventando un competitor rilevante. La

Puglia è la prima regione produttrice – ricorda Di Palma

– seguita da Campania, Veneto ed Emilia-Romagna».

La produzione pugliese è concentrata per il 95% in provincia

di Bari, di cui due terzi a sud-est (Conversano,

Turi, Sammichele, Castellana, Putignano, Noci,

Alberobello, Casamassima, Acquaviva delle

Fonti e Gioia del Colle) e un terzo a nordovest

(Bisceglie, Andria, Corato, Canosa di

Puglia); su una superficie di 16.000 ha si producono

circa 45.000 tonnellate, in gran parte

certificate Globalgap e destinate quasi esclusivamente

alla Gdo del Nord Italia e dell’Europa.

Network con Vignola e Pergine

«Grazie alla copertura con teli plastici per anticipare la

raccolta e all’introduzione di nuove varietà, la cerasicol-

Cv. Ferrovia cherries in 0.5-kilo baskets with the Bisceglie Cherry trademark.

Ciliegie della varietà Ferrovia in cestini da 0,5 kg netti a marchio Ciliegia tipica di Bisceglie.


that Italy ranks near the top, with a crop in excess of

100,000 tons, behind Turkey, Iran and the US. «Italy’s

real rivals for the top producer spot in Europe are

Germany, which is also Italy’s leading cherry import

partner, Spain, which is becoming increasingly important

and has varieties that are eye-appealing and

stress-resistant, and Turkey of course is already a key

player in the world and in Europe. Apulia is Italy’s premiere

cherry-growing region – said Di Palma – followed

by Campania, Veneto and Emilia-Romagna».

The largest share of Apulia’s crop, or about 95%, is

grown in Bari Province, two-thirds of which in the

southeastern districts of Conversano, Turi,

Sammichele, Castellana, Putignano, Noci, Alberobello,

Casamassima, Acquaviva delle Fonti and Gioia del

Colle and the remaining third in the northwestern ones

of Bisceglie, Andria, Corato and Canosa di Puglia. The

total acreage in all these Bari districts amounts to

16,000 for a crop of nearly 45,000 tons, most of it certified

to Globalgap standards and almost entirely marketed

in the big supermarket chains operating in northern

Italy and elsewhere in Europe.

Networking with Vignola and Pergine

«Thanks to plastic covering designed to force early

cropping and the introduction of new cultivars, the

Bari-area cherry industry has extended its marketing

calendar from early May to nearly mid-July» said

Sergio Curci, a Bisceglie-based grower and board

member of the Consortium that manages the trade

labels of Bisceglie cherries.

Indeed, the Cherry of Italy Consortium (Ciliegia d’Italia),

which is a collaborative marketing effort of the

Consortium that manages the cherry and plum trademarks

of Vignola in Modena Province and Sant’Orsola

Farms Coop in Pergine, Trent Province, has further

extended the marketing calendar well into September.

«We’ve decided that for our area – Curci said – the best

Marostica cherries.

Ciliegie di Marostica.

tura barese ha ampliato il calendario di offerta dai primi

di maggio fino a quasi la metà di luglio», ricorda Sergio

Curci, cerasicoltore di Bisceglie che fa parte del consiglio

di amministrazione del Consorzio di tutela e valorizzazione

della ciliegia e della frutta tipica di Bisceglie.

Anzi, il Consorzio della Ciliegia d’Italia, che quello biscegliese

ha costituito con il Consorzio della ciliegia, della

susina e della frutta tipica di Vignola (Modena) e con la

cooperativa agricola Sant’Orsola di Pergine (Trento), ha

allungato ulteriormente il calendario a settembre inoltrato.

«In questo areale – spiega Curci – stiamo puntando

molto sulla diversificazione varietale. Io, ad esempio,

coltivo le varietà Sweet Early, Giorgia, Early Lory, Big

Lory, Lapins, Ferrovia, Sweet Heart e altre; e il mercato

sembra gradirle».

Nel Sud-Est barese l’offerta è concentrata su due varietà,

Bigarreau Burlat e Ferrovia, «che da noi esprimono il

meglio delle loro potenzialità – sottolinea Di Palma –. La

Bigarreau, precoce, è destinata alla Gdo dell’Italia set-

Marostica cherry, a high-quality niche

Ciliegia di Marostica, una nicchia di alta qualità

«Ours is a niche cherry but of top quality, and it has the PGI Marostica Cherry seal to prove it». That’s how Opo Veneto producer

organisation head Cesare Bellò introduced the first Italian cherry to be warded the coveted certified quality label. «Our PO

produces and markets the cherries grown in the 120 orchards of our grower members located throughout the foothill districts

surrounding Vicenza from Bassano del Grappa to Braganze. We send almost all of them today to the Treviso municipal market

and the big supermarket chains in Trent-South Tyrol Region. Let me add that we’re currently looking at several nearby export

markets to see what the prospects and potential are for some of our crop ». (DV)

«La nostra è una ciliegia di nicchia ma di alta qualità, tanto è vero che si fregia della denominazione Ciliegia di Marostica Igp». Così

il direttore dell’Opo Veneto, Cesare Bellò, presenta la prima Igp italiana per la ciliegia. «L’Op produce e commercializza le ciliegie di

120 aziende cerasicole della fascia pedemontana vicentina che va da Bassano del Grappa a Braganze. Le collochiamo sia al mercato

all’ingrosso di Treviso, sia presso la distribuzione moderna del Nord e, in particolare, del Trentino-Alto Adige. Ma l’Op sta anche

valutando di orientare parte dell’offerta presso alcuni mercati europei vicini». (GFS)

Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

47

Focus/cherries

Focus/ciliegie


Focus/cherries

Focus/ciliegie

Cv. Ferrovia cherries in 3-kilo bulk crates with the Bisceglie

Cherry trademark.

Ciliegie della varietà Ferrovia alla rinfusa in cassetta di legno da 3 kg

netti a marchio Ciliegia tipica di Bisceglie.

bet is to diversify your cultivars. For example, my

orchards grow Sweet Early, Giorgia, Early Lory, Big Lory,

Lapins, Ferrovia, Sweet Heart and several others, and

the market seems to respond well to the assortment».

The primary varieties in Bari’s southeaster districts

are Bigarreau Burlat and Ferrovia. «They reach their

full potential and crop best in our conditions – noted

Di Palma. – Bigarreau is our early-season cultivar and

earmarked for sale to the big supermarket chains in

northern Italy because though it’s attractive, big and

tasty, it’s a bit soft and doesn’t keep well. Ferrovia, on

the other hand, stays firm, keeps well in cold store

and stays ripe on the shelf for a few days before eating,

so we export it everywhere in Europe».

While Germany is the uncontested top importer of Bari

cherries, not too far behind are Holland, Belgium,

France, Switzerland, Austria, the UK, Sweden, Norway

and so on. As a matter of fact, some of the cherries

from the Bisceglie district are even exported to Middle

Eastern markets. Wherever they go, they are always

packed and packaged to suit market demand: 2, 3, 5

and 7-kilo crates, half-kilo baskets and so on, so that

every customer is satisfied not only with the cherries

but also with the service supporting them.

(English version by David Verzoni)

tentrionale, perché, pur essendo bella, grossa e saporita,

è un po’ molle e non ha una grande tenuta. In tutta

l’Europa inviamo la Ferrovia, dura e, perciò, ideale per

essere trasportata e stare in cella frigo e sullo scaffale

per alcuni giorni prima di essere consumata».

Se la Germania è leader nell’importazione di ciliegie

baresi, altri Paesi consumatori sono Olanda, Belgio,

Francia, Svizzera, Austria, Gran Bretagna, Svezia,

Norvegia e altri ancora.

Le ciliegie di Bisceglie arrivano persino in alcuni Paesi

arabi. E dovunque confezionate secondo le specifiche

richieste: in cassette da 2, 3, 5, 7 kg, in cestini da 0,5 kg

e così via, in modo che il singolo cliente sia soddisfatto

non solo del prodotto, ma anche del servizio annesso.


Peach and nectarine for Europe

from Calabria’s Piana di Sibari

Dalla Piana del Sibari pesche

e nettarine precoci per l’Europa

Marianna Martorana

Thanks to its particularly favourable climate, this lowland zone near Cosenza is

one of the best suited growing areas for these fruits

Grazie al clima particolarmente favorevole, l’area del cosentino è tra le più vocate per

la produzione di questi frutti

The Sibari lowlands are one of the best-suited

areas for the cultivation of peach and nectarine

because their persistent sunshine, temperatures, rainfall,

fresh, fertile and predominantly alluvial soils result

in early-season crops of high quality, flavourful fruit.

Based in Castrovillari, Cosenza Province, Osas is one

of the area’s most representative producer organisations.

It has more than 400 member growers totalling

a combined acreage of 3,600 ha, with over 40% being

under peach, nectarine and cling. It is today a leading

supplier to markets throughout Europe.

Another standout producer organisation, though not

as big, is the Small-holder Cooperative at Altomonte,

Cosenza Province. «Of the 150 ha our members cultivate

– noted Francesco Martucci – almost 90% are

under peach and nectarine, with a marketing season

that runs from May through September».

The area is best known for its early-season cultivars

and has a continuously evolving varietal assortment

dominated by nectarines. The marketing season

kicks off every year with the yellow-flesh Rich

may, a nectarine that crops well, has fairly

good shape, colour, flavour and flesh firmness

and a larger size than all the others

that ripen at the same time. The next to go

to market is Big bang, it too a large yellowflesh

nectarine with firm flesh, good resistance

to handling, good taste and a medium-high

sugar content at 12.2 °brix.

Big top, a yellow-flesh nectarine from

California, has a large fruit with a deep red

blush, firm flesh, high sugar content at 14.5 °brix

and is resistant to handling. Next in line comes

Laura, a large-sized yellow nectarine with a slightly

La Piana di Sibari è uno dei comprensori più vocati

per la coltivazione di pesche e nettarine grazie al

persistente soleggiamento, alla temperatura, alla pluviometria,

ai terreni freschi e fertili prevalentemente

alluvionali che consentono di ottenere produzioni anticipate

e dagli standard organolettici particolarmente

elevati. L’Osas di Castrovillari (Cosenza) è una delle

realtà più rappresentative e, riunendo oltre 400 produttori,

con 3.600 ha di cui oltre il 40% coltivati a

pesche, nettarine, percoche da industria, è ormai un

punto di riferimento sui mercati europei.

Realtà più piccola, ma comunque interessante, è quella

della Cooperativa Agricola Piccoli Produttori di Altomonte

(Cosenza). «Dei 150 ha coltivati – spiega Francesco

Martucci – quasi il 90% sono destinati a pesche e nettarine,

con un calendario di offerta che va da

maggio fino a settembre».

Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

49

product/peach

prodotto/pesche


product/peach

prodotto/pesche

elongated shape, bright red overcolour (60-80%)

against a yellow skin, flesh of average firmness, good

taste at 11°brix, and very resistant to handling. Rita

Star, another US-bred yellow nectarine cultivar, features

round, average size fruit of pale green colour with

a bright red blush, high sugar content at 14.5 °brix,

firm flesh and medium-high resistance to bruising.

Flat peaches

Rich Lady is a yellow flesh peach of US origin featuring

a slightly flat, roundish, medium-to-large fruit with

a bright red blush, firm, sweet tasting flesh at 11.1

°brix and is resistant to handling. Next is Maria Laura,

a medium-large nectarine with extensive dark-red

blush, average firmness and sweetness (12.5 °brix)

and highly resistant to handling.

The last of the early-season nectarines is Ambra. It is

a yellow-flesh cultivar featuring elongated shape,

average size, bright red, frosty, spotted blush over 70-

80% of the surface, and tends to be a bit tart of taste

with an average sweetness of 10.8 °brix.

«Next year – said Martucci – we’ll replace Laura e Rita

Star because they have non-uniform, dull colouring

that the market finds less than attractive. We’ll probably

introduce flat peach cultivars in their stead».

There have also been changes in crop management

practices in the last four years. For example, the Yshape

training system has been replaced by a Catalan

open vase in an effort to cut planting and pruning costs.

The new vase also makes it possible to force bearing

by year three and yields fruit with a bright red blush.

«We’re still assessing – concluded Martucci – the costs

linked to harvest, at least for our orchards».

(English version by David Verzoni)

50 Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

Le produzioni precoci sono quelle che caratterizzano

l’area, con un panorama varietale in continua evoluzione,

contraddistinto da una maggiore incidenza delle

nettarine. La campagna di commercializzazione inizia

con la pesca Rich may, a polpa gialla, contraddistinta

da una buona produttività; ha forma, colorazione,

sapore e consistenza della polpa discrete, con una

pezzatura superiore a tutte le cultivar di pari epoca.

Segue per maturazione Big bang, nettarina gialla con

frutto grande, consistente e resistente alle manipolazioni.

Ha un buon sapore con un livello zuccherino medio

elevato (12,2 °brix).

Big top, è una nettarina californiana dalla polpa gialla.

Presenta un frutto grande totalmente ricoperto di rosso

intenso e brillante, la polpa soda e resistente alle manipolazioni,

molto zuccherina (14,5 °brix). Si continua con

Laura, nettarina gialla con un frutto di pezzatura elevata,

leggermente allungato, epidermide gialla sovraccolorata

di rosso vivo brillante, anche se con una percentuale

del 60-80%. Polpa mediamente soda, dal buon

sapore (11 °brix), ma molto resistente alle manipolazioni.

Rita Star è una nettarina gialla di origine americana,

dal frutto di dimensioni medie, rotondo con buccia di

colore verde chiaro e sopraccolore rosso intenso. Ha

una polpa molto zuccherina (14,5 °C), soda e con una

resistenza alle manipolazioni medio elevata.

Pesche tabacchiere

Rich Lady, è una pesca di origine americana con frutto

medio-grande, sferico o leggermente appiattito, estesamente

ricoperto di rosso intenso brillante. Polpa di colore

giallo, soda e resistente alle manipolazioni, dal buon

sapore (11,1 °brix). Si ritorna alle nettarine con Maria

Laura, dal frutto medio-grosso, estesamente colorato di

rosso scuro non brillante, media consistenza, ma resistenza

alle manipolazione elevata e grado zuccherino

medio (12,5 °brix).

L’ultima nettarina tra le precoci può essere considerata

Ambra, dal frutto allungato di media pezzatura, a

polpa gialla, sovracolorato di rosso intenso, sfumato e

punteggiato per il 70-80% della superficie totale. Il

sapore è tendenzialmente acido e mediamente aromatico

(10,8 °brix).

«Per il prossimo anno – spiega Martucci – sostituiremo

Laura e Rita Star, soprattutto per la colorazione disomogenea

e poco intensa, non gradita dal mercato e pensiamo

di introdurre anche le pesche tabacchiere».

Anche la tecnica colturale ha subito variazioni e negli

ultimi 4 anni l’allevamento a ipsilon viene sostituito dal

vaso catalano, questo soprattutto per la necessità di

abbattere i costi di impianto e di potatura. Il vaso catalano

inoltre permette di anticipare le produzioni già al

terzo anno e consente di avere frutti di un rosso intenso.

«I costi di raccolta – conclude Martucci – sono

ancora in fase di valutazione, almeno per le nostre

aziende».


Seedless and mini-watermelons

strengthen Italian exports

Seedless e miniangurie

rafforzano l’export italiano

Emanuele Sanzone

Success greets the new cultivars. Italy’s crop at 435,000 tons. Spain, Greece and

Turkey the closet competitors

Successo per le nuove cultivar. L’Italia produce 435.000 tonnellate. Da Spagna,

Grecia e Turchia la concorrenza più temibile

Watermelon plays a key role in Italy’s produce industry

and is in direct competition with the crop from

other Mediterranean countries like Spain, Greece and

Turkey, whose overhead outlays are lower.

The enviable thirst-quenching power it expresses

through the distinctive freshness, sweetness and

crispiness only its flesh seems to possess is a joy to

the palates of consumers of all ages. And, it fits the

bill for just about every occasion catering, fast food,

parties, happy hours, exotic frushi dishes that resemble

sushi but with fruit instead of fish, rice and seaweed.

Watermelon also lends itself really well to freshcut

items that are packaged and sold in vending

machines and supermarket counters.

anguria occupa un settore importante nel mercato

L’ italiano ed è in concorrenza con quelle di altri paesi

mediterranei come Spagna, Grecia e Turchia, che producono

con input di spesa più contenuti.

Le sue spiccate doti dissetanti, legate alla freschezza,

dolcezza e croccantezza della polpa, soddisfano il palato

dei consumatori di tutte le età. Si adatta alle più svariate

esigenze sociali: catering, fast food, party, happy

hour e per la preparazione degli esotici frushi, piccoli

bocconcini a base di riso come il sushi, dove al posto

del pesce crudo troviamo la frutta. Inoltre, si presta

molto bene al fresh cut per il confezionamento e la vendita

presso distributori automatici e supermercati.

In Italia, la coltivazione dell’anguria nel 2008 ha interes-

Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

51

product/watermelon

prodotto/anguria


product/watermelon

prodotto/anguria

Italy had nearly 11,000 ha under watermelon in 2008,

with about 435,000 tons going to market. The earliest-season

crop is grown in Sicily, followed by

Apulia’s, Lazio’s and Campania’s. It’s worth noting

that these four regions together account for nearly

60% of the country’s acreage and crop.

The districts in Sardinia that have the best-quality

melon and watermelon crops are Arborea, Cabras

and Terralba. Moving off the islands and northwards

up the Boot, we find that the leading region at 1,500

ha and marketed 550,000 tons is Emilia-Romagna,

Ferrara Province being the leader, followed to a somewhat

lesser extent in terms of both acreage and yields

by Lombardy and Veneto (figs. 1,2).

Traditional and novel cultivars

The F1 hybrids that are the most popular in the Italian

market belong to watermelon types like Crimson,

seedless, Sugar Baby, Asahi Miyako and the large

suite of mini-watermelons.

The classic Crimson watermelon features mediumlarge

fruit with green skin with darker green stripes.

Thanks to its prized taste and flavour traits, not to mention

good resistance to bruising and ease of transport,

Crimson types still represent the benchmark for breeders.

The basic genetic stock of such classic types as

Electra (Asgrow), Splendid (Vilmorin) and Sentinel

(Seminis) can be traced back to the heirloom cv.

Crimson Tide, whereas that of the elongated ones like

the high-cropping Triumph (Sais) belong to Dumara.

Others of interest are Crimson Tapas (Electra x Spendid)

from Zeta Seed, a seedless cutlivar of fine fruit and good

shelf-life, Caravan (Nunhems), the very sweet

“American” Melania (Seminis), whose fruit weigh over 14

kilos, the summer-ripe Varda with fruit ranging between

11-14 kilos, the mid-early Ladonas (Isi) with elliptical fruit

of good shelf-life and the early-season Viking (Sais).

sato una estensione di circa 11.100 ha con una produzione

lorda vendibile intorno a 435.000 tonnellate. Per

precocità di produzione, la Sicilia apre il mercato stagionale

seguita da Puglia, Lazio e Campania. È interessante

sottolineare che queste regioni coprono insieme circa

il 60% della superficie investita e della produzione italina.

In Sardegna, le aree più vocate dedicate alla produzione

di angurie e meloni con pregiate caratteristiche qualitative

sono Arborea, Cabras e Terralba. Nel Nord Italia

troviamo capofila, con 1.500 ha di superficie e oltre

550.000 quintali di prodotto commerciabile, l’Emilia-

Romagna (soprattutto nella provincia di Ferrara) e, con

investimenti colturali più contenuti ma importanti sotto

il profilo economico e produttivo, Lombardia e Veneto

(figg. 1-2).

Cultivar tradizionali e nuove accensioni

In Italia, gli ibridi F1 in commercio sono ascrivibili alle

tipologie Crimson, Seedless (apirene), Sugar Baby,

Asahi Miyako e al gruppo esteso delle miniangurie.

La tipologia Crimson (anguria classica) è caratterizzata

da frutti medio grandi con buccia verde e striature più

scure. Per le sue pregevoli caratteristiche organolettiche,

unite ad una buona resistenza alle manipolazioni e

facilità nei trasporti, rappresenta ancora oggi il principale

standard di riferimento nei programmi di breeding. Le

basi genetiche delle angurie classiche del tipo Electra

(Asgrow), Splendid (Vilmorin) e Sentinel (Seminis), sono

riconducibili alla vecchia Crimson Tide, mentre per le

allungate si fa riferimento a Dumara, riportando come

esempio Triumph (Sais) di notevole produttività.

Interessante anche la Crimson Tapas (Electra x Spendid)

(Zeta Seed) per un frutto pregiato senza semi e più conservabile.

Ancora, si inseriscono in questo segmento

Caravan (Nunhems) e la dolcissima “americana” Melania

(Seminis) (frutti di oltre 14 kg) e l’estiva Varda, che presenta

frutti di pezzatura più ridotta (11-14 Kg); seguono

SUPERFICIE (ETTARI) E PRODUZIONE (QUINTALI) COCOMERO. DETTAGLIO PER REGIONE - ANNO 2008

Regioni

pien’aria serra

Superficie (ha)

Superf. tot. (ha)

pien'aria serra

Produz. Raccolta (q)

Produz. tot. (q)

Piemonte 73 1 74 30400 270 30670

Lombardia 754 101 855 331260 44025 375285

Veneto 714 5 719 288324 4155 292479

Emilia-Romagna 1455 37 1492 550890 500 551390

Toscana 283 3 286 89180 11615 100795

Marche 167 1 168 44628 1200 45828

Lazio 1305 416 1721 524140 190 524330

Campania 809 491 1300 478001 203860 681861

Puglia 1800 0 1800 543335 248380 791715

Basilicata 190 - 190 85589 2200 87789

Calabria 182 5 187 71922 2410 74332

Sicilia 1520 170 1690 475300 87800 563100

Sardegna 549 57 606 114192 110858 225050

ITALIA

Fonte: Istat

9805 1286 11091 3628561 717463 4346024

52 Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010


Next come the mid-to-late season watermelons like

the elongated Daytona (Esasem), and then those that

are best grown in the open field like Pauline (Clause-

Tezier), which features a notably large, round fruit.

Longer storability

Seedless watermelons differ depending on size, shape

and skin colour, each being divided into one of the market-segment

categories small, medium and large. The

longer storage life of seedless varieties brings flexibility

to the demands of the supply chain, enabling harvest

operations to coincide with market demand.

Bringing a good crop from field to market depends on

how long the warm weather lasts, planting density

and the pollinator used, the best for the latter task

being the mini-watermelons because they reflower

and, hence, produce more pollen. The seedless varieties

for sliced-portion items include the fairly good

cropping, medium-sweet cv. Constitution (Nunhems)

and Sandita (Zeta Seed). The best quality of the of the

midi-cultivar types, i.e. weighing about 4 kilos, include

Figure 1 – Watermelon acreage (ha) in Italy by region

Figura 1 - Superficie investita ad anguria (ha) nelle diverse regioni d’Italia

Superficie investita

2000

1800

1600

1400

1200

1000

800

600

400

200

0

Piemonte Lombardia Veneto Emilia

Romagna

Ladonas (Isi), mediamente precoce a frutto ellittico di

buona conservabilità e la precoce Viking (Sais).

Tra le medio tardive si colloca l’allungata Daytona

(Esasem), mentre Pauline (Clause - Tezier), dal frutto

sferico e di notevoli dimensioni, è indicata per la coltivazione

in pien’aria.

Maggiore conservabilità

La tipologia seedless si suddivide per forma, dimensioni

e colore della buccia in tre categorie di prodotto: piccolo,

medio o grande e ciascuna di essa occupa segmenti

diversi di mercato. La maggiore conservabilità del

prodotto senza semi governa i fabbisogni delle filiere,

grazie ad una migliore gestione delle raccolte a seconda

le esigenze del mercato.

Il successo delle coltivazioni dipende dalla durata del

periodo caldo, dalla densità di impianto e dalla scelta

dell’impollinatore; da preferire la minianguria perché

rifiorente e produce più polline. In questo gruppo, nell’ambito

del mercato della fetta, rientrano Constitution

(Nunhems), di media produttività con un discreto tenore

in zuccheri e Sandita (Zeta Seed). Tra le midiangurie (~

4Kg) di eccellente qualità figurano l’ovale Pixie

(Nunhems), C-Zero (Syngenta) e con frutto sferico ricco

di licopene Extazy, Fantazy (Cois 94). Vanno segnalate

inoltre, con pezzature di oltre 4 Kg, Top Gun (Syngenta)

a ciclo medio, Babbà, Fenway (Seminis), 62-754 RZ

(Rijk Zwaan) e Ramala (United Genetics).

Passando in rassegna la tipologia Sugar Baby, caratterizzata

da frutti di forma rotonda, di media pezzatura e

colore della buccia verde scuro, annoveriamo alcune

novità, Libertad e Huelva RZ (Rijk Zwaan) di pezzatura

più grande (~ 8 kg).

Segmento innovativo

Con riguardo al segmento Miyako – angurie piccole e

Toscana Marche Lazio Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna

Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

53

product/watermelon

prodotto/anguria


product/watermelon

prodotto/anguria

Figure 2 – Italy’s Marketable crop (cwt) by region: watermelon acreage (hectare) and yield (cwt) by region - 2008

Figura 2 – Produzione lordo vendibile (q) nelle diverse regioni d’Italia: superficie (ettari) e produzione (quintali) cocomero. Dettaglio per regione - Anno 2008

Produzione lordo vendibile (q)

900000

800000

700000

600000

500000

400000

300000

200000

100000

0

Piemonte Lombardia Veneto Emilia

Romagna

the oval-shaped Pixie (Nunhems), C-Zero (Syngenta)

and the lycopene-rich roundish Extazy and Fantazy

(Cois 94). Next come the best of those weighing over

4 kilos like mid-season Top Gun (Syngenta), Babbà,

Fenway (Seminis), 62-754 RZ (Rijk Zwaan) and

Ramala (United Genetics).

A look at the watermelons that are similar to Sugar

Baby, with round fruit of medium size and dark green

skin, we find the cultivars Libertad and Huelva RZ (Rijk

Zwaan), which are somewhat larger at about 8 kilos.

Innovative segments

Let’s start with types that are similar to Miyako –

small, round light green fruit that are ideal for an earlyseason

crop. Notable among these types are Rubita

(United Genetics) and the seedless Duquesa with

oval-round fruit both sweet and firm of flesh.

Then there are the mini- or midget watermelon types,

whether seedless or not, that are real innovations as

they help to diversify consumer choice in terms of fruit

and quality. Some of the more notable, and similar

one to the other, are Minirossa (Lamboseeds),

Modellino (Esasem), Jenny (Nunhems) and Monaco

(Zeta Seed), all of interest for their colour, taste, rind

thickness and almost-seedless flesh that combine to

keep the flesh perfect and prevent hollow heart.

Growing districts in southern Italy are well suited to

Solinda (Syngenta) and Chicago (Zeta Seed), both

seedless and of good storability. Sicily is a good

area for AN 1719 (Peotec), a sweet, early-season

mini weighing 2-2.5 kilos, and Talete (Isi), a seedless

variety weighing 2-3 kilos. There are also new types

like the yellow-flesh Meringa (Peotec) and the blackrind

Fashion (Nunhems), Dolina (Syngenta) and

Zambia (Zeta Seed), most of which are grown in the

Ispica district in fields next to those with Pachino

cherry tomato.

(English version by David Verzoni)

54 Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

Toscana Marche Lazio Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna

sferiche, verdi chiare, ideali per produzioni precoci, merita

attenzione Rubita (United Genetics) e la precoce seedless

Duquesa, caratterizzata da frutti di forma tondo

ovale con polpa dolce e consistente.

Il gruppo delle miniangurie (icebox) con o prive di semi,

rappresenta un segmento innovativo che diversifica il

prodotto per qualità e orientamento al consumo. Ed

ecco quindi che alla Minirossa (Lamboseeds) si accostano

per similitudine Modellino (Esasem), Jenny

(Nunhems) e Monaco (Zeta Seed), interessanti per colore,

sapore, dimensione della buccia e scarsa presenza

di semi, che esaltano la tenuta ed evitano la spaccatura

interna, tipico cuore cavo (hollow heart).

Nell’Italia meridionale, si collocano Solinda (Syngenta) e

Chicago (Zeta Seed), entrambe senza semi e di buona

conservabilità. In Sicilia, trovano spazio AN 1719

(Peotec) una mini precoce da 2-2,5 Kg a rapido ed elevato

°brix e Talete (Isi) una seedless con pezzatura da 2-

3 kg, ma esistono anche nuovi tipi a polpa gialla come

Meringa (Peotec) e a buccia nera come Fashion

(Nunhems), Dolina (Syngenta) e Zambia (Zeta Seed),

coltivate soprattutto in agro di Ispica, accanto al rinomato

ciliegino di Pachino.


EU27: imports of vegetables

down but growth in those of

fruit and citrus

Ue-27: meno import di ortaggi

cresce quello di frutta e agrumi

Mario Schiano lo Moriello Ismea

January 2010: imports of clementines and grapes on the rise, worsening the

trade gap. Vegetables and potatoes: slow down in exports but also in purchases

from non EU Mediterranean countries

Gennaio 2010: aumentano le importazioni di clementine e uve, cresce il passivo di

bilancio. Orticoli e patate: rallenta l’export ma frenano gli acquisti dai Paesi Terzi

Balance of trade, -763 million euros

The EU’s trade balance for fruit worsened in

January 2010 with the trade gap reaching 763 million

euros. This was an outcome to which increased

imports in quantitative terms (6%) and higher prices

both contributed. At the same time, revenues

earned on exports declined because an average

price fall of -5% offset the weak recovery in export

volumes (Table 1).

Among the principal products, the largest increases in

imports in volume terms compared to January 2009

were recorded up by pineapples (9%), grapes (19%),

oranges (5%), grapefruit (18%), clementines (65%)

mangoes (90%), lemons (67%), avocados (56%),

mandarins (49%) and hazelnuts (18%). In the case of

grapes, hazelnuts and pineapples, quantitative

increases in imports coincided with marked increases

in price (figure 1).

Compared to January 2009, imports of bananas

were down (-3%) despite a price decrease of 6%, as

were those of melons (-12%), almonds (-8%) and

apples (-17%).

As far as exports are concerned, pears and kiwis were

the products which were hardest hit by falling prices

compared to 2009 (Figure 2). However, these price

falls corresponded to a rise in export volumes of

respectively 40 and 43%. Significant increases in

export volumes were recorded by bilberries (48%),

nuts (14%), chestnuts (41%) and strawberries (14%),

all in coincidence with falls in price.

Bilancia commerciale, -763 milioni di euro

A gennaio 2010 si aggrava il passivo della bilancia commerciale

dell’Ue per frutta e agrumi che raggiunge 763

milioni di euro. A determinare questo risultato hanno

contribuito l’incremento dei quantitativi importati (6%) e

l’aumento dei listini (0,6%). Allo stesso tempo, gli introiti

per le esportazioni sono diminuiti a causa della flessione

dei prezzi, in media -5%, che ha inficiato la debole

ripresa dei volumi esportati (tabella 1).

Tra i principali prodotti, i maggiori incrementi delle

importazioni in volume rispetto a gennaio 2009 sono

stati registrati da ananas (+9%), uve (+19%), arance

(+5%), pompelmi (+18%), clementine (+65%), mango

(+90%), limoni (+67%), avocado (+56%), mandarini

(+49%) e nocciole (+18%). Per uve, nocciole e ananas

l’aumento delle quantità importate è coinciso con marcati

aumenti dei listini (figura 1).

Rispetto al gennaio 2009, si riducono le importazioni di

banane (-3%) sulla base di prezzi in flessione del 6%, e

quelle di meloni (-12%), mandorle (-8%) e mele (-17%).

Per quanto riguarda le esportazioni, rispetto a gennaio

2009 le riduzioni dei listini più consistenti hanno interessato

le pere e i kiwi (figura 2). A queste variazioni è corrisposto

un incremento dei volumi spediti, rispettivamente

del 40 e 43%. Consistenti incrementi dei volumi

esportati sono stati registrati da mirtilli (+48%), nocciole

(+14%), castagne (+41%) e fragole (+14%), tutti sulla

base di prezzi cedenti.

Le esportazioni di clementine e arance sono rimaste

stabili, su base tendenziale, anche se con listini in lieve

Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

55

market/figures EU 27

mercato/statistiche Ue 27


market/figures EU 27

mercato/statistiche Ue 27

Exports of oranges and clementines remained stable,

in terms of overall trends, even though prices

rose slightly. Compared to January 2009, there

was a decline in both volumes exported (-4%) and

average prices (-1%) for apples, the EU’s chief

export product. In a context of increased prices,

there were reductions too in the exports of grapes

(-25%), mandarins (-29%) and lemons (-70%),

while there were reductions in almond (-8%) and

pineapple (-22%) exports despite a decline in their

average prices.

Falling prices

The EU’s trade balance for fruit imports with respect to

non EU Mediterranean countries improved in 2009;

indeed, the deficit was cutback from 10650 to 9640 million

euros (- 9%), a result which was the consequence

of reduced imports accompanied by lower costs.

Exports did well, growing by over 350 thousand tons,

even though this was offset by lower prices (-17%).

The average prices of imported products, on the other

hand, were fairly stable (-1%).

The decline in imports affected all major products,

among which bananas, oranges, apples and lemons.

However, there were increases in the imports of

pears, avocados, clementines, almonds and cherries.

There was a particularly strong surge in pear imports

between February and April 2009 which coincided

with a slight increase in price (3%) compared to 2008.

Imports of clementines, on the other hand, were particularly

high between November and December

2009, with an increase of 19% with respect to the

same period in 2008. This trend, as we have seen,

continued up to January 2010.

Among the main imported products in 2009, the

biggest drops in price were recorded for lemons (-

28%), which returned to normal levels after the

increases that occurred in 2008, kiwis (-15%),

almonds (- 15%) and hazelnuts (-12%).

Apple exports, +36% in 2009

On the export front, the biggest increases in volumes

56 Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

aumento. Le mele, che costituiscono la principale referenza

esportata dalla Ue, presentano una flessione

rispetto al gennaio 2009 sia dei volumi spediti (-4%), sia

dei listini medi (-1%). Si riducono anche le esportazioni

di uve (-25%), mandarini (-29%) e limoni (-70%), sulla

base di prezzi in aumento, mentre le spedizioni di mandorle

(-8%) e ananas (-22%) sono diminuite nonostante

la flessione dei prezzi medi.

Listini in flessione

Nel 2009, la bilancia commerciale di frutta e agrumi

dell’UE verso i Paesi Terzi è migliorata; infatti, c’è stata

una riduzione del passivo che è sceso da 10.650 a

9.640 milioni di euro (- 9%). Questo risultato è la conseguenza

della contrazione delle importazioni che è stata

accompagnata dalla riduzione del relativo esborso.

Bene le esportazioni, cresciute di oltre 350mila tonnellate

anche se sulla base di listini in marcata flessione (-

17%). Sostanzialmente stabili, invece, i prezzi medi dei

prodotti importati (-1%).

La flessione delle importazioni ha interessato tutti i principali

prodotti, tra cui banane, arance, mele e limoni. Al

contrario, sono aumentate le importazioni di pere, avocado,

clementine, mandorle e ciliegie.

Le importazioni di pere sono state particolarmente

sostenute tra febbraio e aprile 2009, sulla base di

prezzi in lieve aumento (+3%) rispetto al 2008. Le

importazioni di clementine, invece, sono state particolarmente

elevate tra novembre e dicembre 2009, con

un incremento del 19% rispetto allo stesso periodo del

2008. Tale trend, come si è visto, è continuato a gennaio

2010.

Nel 2009, tra i principali prodotti importati, le contrazioni

più consistenti del prezzo sono state registrate per

limoni (-28%), tornati su livelli normali dopo gli aumenti

che si sono verificati nel 2008, kiwi (-15%), mandorle (-

15%) e nocciole (-12%).

Export mele, nel 2009 +36%

Sul fronte dell’export, mele, kiwi, limoni, nettarine, fragole,

prugne e meloni hanno registrato i maggiori incrementi

dei volumi spediti fuori dai confini dell’Unione a

TAB. 1 – UE-27 FRUIT & CITRUS IMPORT, EXPORT AND BALANCE (IN TONS E 1000 EURO) / IMPORTAZIONI, ESPORTAZIONI E SALDO DELL’UE-27

DI FRUTTA ED AGRUMI (IN TONNELLATE E 1.000 EURO)

Jan. 2008 Jan. 2009 Jan. 2010 var. % 2010/09

Import (Tons) 1.011.970 870.497 920.419 5,7%

Import (.000 Euro) 1.060.975 912.767 970.428 6,3%

AUP Imp / VMU Imp (Euro/kg) 1,048 1,049 1,054 0,6%

Export (Tons) 267.409 316.679 320.144 1,1%

Export (.000 Euro) 219.769 216.201 207.557 -4,0%

AUP Exp / VMU Exp Euro/kg 0,82 0,683 0,648 -5,0%

Balance / Saldo (Tons) -744.561 -553.818 -600.275 8,4%

Balance / Saldo (.000 Euro) -841.206 -696.566 -762.871 9,5%

Saldo normalizzato (%) -63,3 -56,7 -59,1 -2,5%


Figure 1 – Ue-27 fruit & citrus import by item: Jan 2010.

Figura 1 – Importazioni dell’Ue-27 di frutta ed agrumi per prodotto: gen 2010.

Price

Increase &

Volume

Decrease

-40% -20% 0% 20% 40% 60% 80% 100%

-10%

Price

Reduction &

Volume

Decrease

70%

50%

30%

10%

-30%

-50%

Price

Increase &

Volume

Increase

Price

Reduction &

Volume

Increase

shipped outside EU 27 borders were chalked up by

apples, kiwis, lemons, nectarines, strawberries, plums

and melons. But there was a different story for

exports of pears, table grapes, pineapples and cranberries,

which all suffered setbacks.

In 2009, EU apple exports increased by 36% compared

to 2009. This achievement was made possible

by the abundant harvest of 2008 and was facilitated

by an average price reduction of 28%. In consequence,

cash receipts fell by 2%. Much the same

happened in the case of kiwis, whose 26% increase

in exports was offset by a reduction in price, leaving

export earnings unchanged, while in the case of

strawberries and lemons export growth was not sufficient

to offset falling prices and earnings were

down on 2008.

The main export markets in 2009 were Russia,

Switzerland and Norway which between them

absorbed about 60% of EU exports. They were followed

by Ukraine, USA, Algeria, Belarus and Brazil.

Exports to these main markets grew in terms of quantities

shipped, but revenues fell because of a sharp

drop in prices. Algeria and Brazil were an exception to

this trend, increasing their imports of EU produce in

both quantitative and value terms.

Vegetables and potatoes, growth in non EU

Mediterranean markets

The January 2010 EU27 balance of payments deficit

on imports and exports of vegetables and potatoes

remained substantially unaltered with respect the

same month in 2009. The prices of imported products

increased slightly (1.3%), while import volumes

decreased by 4%. On the export side, the decline in

prices failed to boost volumes shipped outside the

EU, which in fact fell by 1% (Table 2).

January 2010 figures for vegetable imports

showed that import dynamics varied from product

Figure 2 – Ue-27 fruit & citrus export by item: Jan 2010.

Figura 2 – Esportazioni dell’Ue-27 di frutta e agrumi per prodotto: gen 2010.

Price

Increase &

Volume

Decrease

0%

-40% -30% -20% -10% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60%

Price Reduction

&

Volume

Decrease

20%

10%

-10%

-20%

-30%

-40%

-50%

27. Di contro, le esportazioni di pere, uve da tavola, ananas

e mirtilli hanno segnato una battuta d’arresto.

Nel 2009, le esportazioni Ue di mele sono cresciute del

36%, rispetto al 2009. Tale exploit è stato realizzato a

seguito dell’abbondante raccolto del 2008 ed è stato

agevolato dalla riduzione del prezzo medio che è diminuito

del 28%. Di conseguenza, gli introiti monetari sono

diminuiti del 2%. Discorso analogo può esser fatto per i

kiwi, che hanno registrato un incremento del 26% dei

volumi che ha compensato la riduzione del prezzo,

lasciando invariati gli introiti, mentre per fragole e limoni

l’incremento delle esportazioni non è stato sufficiente a

compensare la riduzione dei listini e gli incassi accusano

una flessione rispetto al 2008.

Nel 2009, i principali mercati di sbocco sono stati

Federazione Russa, Svizzera e Norvegia che hanno

assorbito circa il 60% delle esportazioni comunitarie. A

seguire si sono collocate Ucraina, USA, Algeria,

Bielorussia e Brasile. Le esportazioni verso i principali

mercati di sbocco sono cresciute in termini di quantità

spedite, ma gli introiti si sono ridotti a causa della

pesante riduzione dei listini. Algeria e Brasile rappresentano

un eccezione a questo trend, avendo accresciuto

le importazioni di frutta ed agrumi dall’UE sia in termini

reali, sia di esborso finanziario.

Ortaggi e tuberi, crescono i Paesi Terzi del Mediterraneo

A gennaio 2010 il passivo della bilancia commerciale

dell’Ue-27 per ortaggi e tuberi resta invariato rispetto

allo stesso mese del 2009. I prezzi dei prodotti importati

sono leggermente aumentati (+1,3%), mentre i volumi

in ingresso sono diminuiti del 4% circa. Sul fronte delle

esportazioni, la flessione dei listini non ha determinato

l’aumento dei volumi spediti fuori dall’Ue che anzi si

sono ridotti dell’1% (tabella 2).

A gennaio 2010 le importazioni di ortaggi e tuberi presentavano

dinamiche differenti da prodotto a prodotto

(figura 3). Rispetto a gennaio 2009, le importazioni di

Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

Price

Increase &

Volume

Increase

Price Reductio

&

Volume

Increase

57

market/figures EU 27

mercato/statistiche Ue 27


market/figures EU 27

mercato/statistiche Ue 27

to product (Figure 3). Compared to January 2009,

imports of peppers and beans decreased, but their

import prices rose. A reduction in volume terms of

asparagus imports coincided with a fall in average

price. Imports of courgettes were limited by a

slump in supply, and so prices increased and volumes

fell. The downturn in the price of garlic

resulted in an increase in the quantities imported.

On the export front, with regard to the most important

products, two major groups can be distinguished

(Figure 4). The first includes tomatoes and

dried beans and is characterized by declining

export volumes and increased average prices with

respect to January 2009.

The second group is characterized by price reductions

ranging from 10 to 30%. This group is composed

of products which have recorded a rise in

export volumes (tuber seed and lettuce) and others

which have recorded a fall (courgettes, kohlrabi,

onions, cucumbers and peppers).

Price rises only for tomatoes

The EU balance of payments deficit on imports

and exports of vegetables, legumes and potatoes

was cut by 12%, from 1520 to 1335 million euros,

thanks to reduced expenditure on imports (-10%).

Imports by volume decreased significantly (-24%),

while exports grew by 0.6%. Among the main

products imported, imports of tomatoes, peppers,

asparagus and carrots grew, while those of

onions, green beans, potatoes, peas, garlic and

mushrooms tumbled. The increases in import volumes

were almost always associated with a

downswing in prices, with the exception of tomatoes,

whose average per-unit value (AUV)

increased slightly.

On the export side, export volumes declined in many

cases. Reductions were particularly acute in the case

of tomatoes, kohlrabi, cucumbers, potatoes and lettuces,

while exports of peppers, seed, onions, dried

beans, cauliflower, asparagus, aubergines, garlic and

onions increased.

58 Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

peperoni e fagiolini sono diminuite, ma i loro prezzi di

importazione si sono rivalutati. Per gli asparagi, si è verificata

una riduzione in termini di volume, a fronte di una

contrazione del prezzo medio. Le importazioni di zucchine,

invece, sono state condizionate dalla riduzione dell’offerta,

di conseguenza i listini sono aumentati ed i volumi

si sono contratti. La diminuzione del prezzo dell’aglio

ha determinato un incremento delle quantità importate.

Per quanto riguarda le esportazioni, relativamente ai

prodotti più importanti è possibile distinguere due gruppi

(figura 4). Il primo comprende pomodori e fave secche

ed è caratterizzato da prezzi medi in aumento,

rispetto a gennaio 2009, e volumi spediti in flessione.

Il secondo gruppo è caratterizzato da una riduzione dei

listini che oscilla tra il 10 e il 30%. All’interno di questo

gruppo si distinguono prodotti che hanno registrato un

aumento dei quantitativi esportati (tuberi seme e lattughe)

e referenze che hanno segnato una riduzione delle spedizioni

(zucchine, cavolo rapa, cipolle, cetrioli e peperoni).

Prezzi in aumento solo per i pomodori

Nel 2009, il passivo della bilancia commerciale dell’Ue

di ortaggi, legumi e patate si è ridotto del 12% passando

da 1.520 a 1.335 milioni di euro, grazie alla diminuzione

dell’esborso sostenuto per le importazioni (-

10%). Le importazioni in volume si sono ridotte in

maniera considerevole (-24%), mentre le esportazioni

sono cresciute dello 0,6%.

Tra i principali prodotti sono aumentate le importazioni di

pomodori, peperoni, asparagi e carote, mentre si sono

ridotte quelle di cipolle, fagiolini, patate, piselli, aglio e

funghi. L’incremento dei volumi importati è avvenuto

quasi sempre in concomitanza di listini in diminuzione;

fanno eccezione i pomodori, il cui valore medio unitario

(VMU) è leggermente aumentato.

Sul fronte delle esportazioni, si sono ridotti i volumi di

molti tra i principali prodotti. Particolarmente pesanti

sono risultate le riduzioni registrate da pomodori, cavolirapa,

cetrioli, patate e lattughe a cappuccio, mentre

sono aumentate le esportazioni di peperoni, tuberi

seme, cipolle, fave secche, cavolfiori, asparagi, melanzane,

aglio e cipolle.

TAB. 2 – UE-27 VEGETABLES AND TUBERS IMPORT, EXPORT AND BALANCE (IN 1000 TONS, 1000 EURO & AUP EURO/KG) / IMPORTAZIONI

DELL’UE-27 DI ORTAGGI E TUBERI (IN .000 TONNELLATE, 1.000 EURO E VMU EURO/KG)

Jan. 2008 Jan. 2009 Jan. 2010 var. % 2010/09

Import (Tons) 578.376 352.805 337.482 -4,3%

Import (.000 Euro) 390.987 341.973 331.412 -3,1%

AUP Imp / VMU Imp (Euro/kg) 0,676 0,969 0,982 1,3%

Export (Tons) 333.856 303.875 300.641 -1,1%

Export (.000 Euro) 205.993 178.980 168.311 -6,0%

AUP Exp / VMU Exp Euro/kg 0,62 0,589 0,560 -4,9%

Balance / Saldo (Tons) -244.520 -48.930 -36.841 -24,7%

Balance / Saldo (.000 Euro) -184.993 -162.992 -163.101 0,1%

Saldo normalizzato (%) -25,522 -25,237 -25,805 -56,8%


Figure 3 – Vegetables & potatoes Ue-27 import by item: Jan 2010.

Figura 3 – Importazioni dell’Ue-27 di ortaggi e patate per prodotto: gen 2010.

Price

Increase &

Volume

Decrease

90%

80%

70%

60%

50%

40%

30%

20%

10%

0%

-10%

-20%

-30%

-40%

-50%

-50% -30% -10% 10% 30% 50% 70%

Price

Reduction &

Volume

Decrease

Price

Increase &

Volume

Increase

Price

Reduction

Volume

Increase

The non EU Mediterranean countries represent an

important source of vegetable produce for the EU and

provide about half (47%) of the total volume imported.

Israel made a notable leap forward in 2009 with a

14% increase in exports to the EU with respect to

2008. Most notably, Israel provides potatoes, peppers,

carrots and tomatoes. Among the non EU

Mediterranean countries, the other major suppliers

are Morocco, Turkey and Egypt.

(English version by Lawrence Smith)

Figure 4 – Vegetables & potatoes Ue-27 export by item: Jan 2010.

Figura 4 – Esportazioni dell’Ue-27 di ortaggi e patate per prodotto: gen 2010.

Price Increase &

Volume

Decrease

0%

-30% -20% -10% 0% 10% 20% 30%

Price

Reduction &

Volume

Decrease

20%

10%

-10%

-20%

-30%

-40%

Price Increase &

Volume Increase

Price

Reduction &

Volume

Increase

I Paesi Terzi del Mediterraneo (PTM) rappresentano

per l’Ue un importante bacino di approvvigionamento

di ortaggi, legumi e patate, assicurando circa la

metà (47%) dei volumi complessivi importati. Nel

2009, Israele ha compiuto un notevole balzo in avanti,

con un aumento del 14%, rispetto al 2008, dei

volumi esportati verso l’Ue. In particolare, Israele ha

inviato: patate, peperoni, carote e pomodori. Tra i

PTM, gli altri fornitori di rilievo sono Marocco, Turchia

ed Egitto.

market/figures EU 27

mercato/statistiche Ue 27


The fresh-cut trade at

Las Vegas bets on a rebound

A Las Vegas la IV gamma

punta sulla ripresa

Francesco Caponetti

United Fresh is one of the main North American trade shows covering the entire

fresh-cut, value-added produce pipeline from seeds to packaging

United Fresh è tra i principali eventi del mercato nordamericano dedicati ai prodotti

di IV gamma e copre l’intera filiera, dal seme al packaging

U nited Fresh, the annual gathering of the fresh produce

industry organised by the US-based United

Fresh Produce Association, which last year took

under its umbrella IFPA, the former association of US

fresh-cut growers and shippers. Together with the

Produce Marketing Association show, it is the main

industry even in North America.

This year’s show was marked by good attendance

and held amid signs of an industry rebound. In effect,

it boasted nearly 250 exhibiting businesses at stands

throughout the nearly 13,000 square metres of floor

space at the Sands Expo & Convention Center in the

Palazzo Hotel Resort in the vibrant heat of Las Vegas,

just a few paces from famed Las Vegas Boulevard.

The initial response of the organisers at show’s end

was upbeat, with most comments underscoring the

60 Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

Lo scorso 20-23 aprile si è tenuto l’evento annuale

organizzato da “United Fresh”, l’associazione produttori

del fresco americana, che da circa un anno ha

incorporato anche la IFPA, ex associazione dei produttori

IV gamma USA ed è, assieme al PMA (Produce

Marketing Association), la principale manifestazione del

settore IV gamma in Nord America.

Questa edizione dalla buona affluenza e con segnali di

ripresa del settore ha visto circa 250 aziende espositrici,

su un’area coperta di circa 13.000 metri quadri all’interno

del Sands Expo&Convention Center posto nel

complesso del Palazzo Hotel Resort nel cuore vibrante

di Las Vegas, a due passi dalla famosa Las Vegas

Boulevard. Le prime notizie sono positive: si parla di

ripresa del settore, vulcano islandese a parte, che ha

lasciato a terra in Europa quasi tutti i partecipanti provenienti

dal Vecchio Mondo.

La parte espositiva, sapientemente suddivisa in macro

aree, ha contrapposto due parti principali (che occupano

il 70% dello spazio) affiancando il prodotto fresco

nella area “United Fresh Marketplace” e la parte relativa

alla tecnologia nell’area “United Fresh Tech”. Pertanto il

visitatore ha potuto alternare tecnologia legata al processo

e al packaging con il prodotto fresco dei grandi o

piccoli player che vendono normalmente sul mercato

statunitense prendendo spunto e idee da entrambi i lati.

L’evento ha una formula interessante in quanto vede

affiancati tutti i componenti della filiera che caratterizza

il mondo della prima gamma avanzata e della IV

Fresh-cut produce from Summer Sweet ready to heat in the

microwave and eat.

Prodotti della Summer Sweet pronti per la cottura in forno a

microonde.


strengthening rebound, apart from clouds of ash from

the Icelandic volcano that grounded most of the

would-be attendees from the Old World.

The exhibitor floor space, which was cleverly divided

into macro-business segments, had the two biggest

divisions (accounting for 70% of total flooring) face to

face, with fresh produce in the United Fresh

Marketplace area and the technology sector in the

United Fresh Tech area. This arrangement let visitors

go back and forth between the two, alternating technologies

linked to processing and packaging with

fresh produce from big and small players based in the

US while picking up ideas from both sectors.

The show has an interesting format. It showcases side

by side all the segments of the fresh produce supply

chain, including the fresh-cut, and then puts on all the

finishing touches by offering a series of conferences

and workshops, including such top attractions as the

Global Conference on Produce Safety Standards and

the Global Conference on Produce Sustainability. The

range is impressive as it starts from seed, runs through

all the major steps in crop production, with special

emphasis on water and energy inputs, and ends up

with packaging and logistics.

Traceability and food safety

A popular feature in the exhibition area was the

Food Safety Demo Center, where visitor could see

demos of new technologies and devices that are

Produce from Amf Farms Inc. on exhibit at United Fresh.

Prodotti della Amf Frams Inc. esposti alla United Fresh.

gamma e si completa con diverse conferenze e workshop

tra cui spiccano la “Global Conference on

Produce Safety Standards” e la “Global Conference

on Produce Sustainability”. Si parte dal seme, passando

attraverso i passaggi fondamentali del mondo agricolo,

con particolare attenzione per quando riguarda

irrigazione e nutrimento, e si conclude con il packaging

e la logistica.


Area featuring tech ideas for traceability.

Zona dedicata alle soluzioni per la tracciabilità.

earmarked for use from field to retail. The

Traceability & Logistics Demo Center – a new area

that debuted last year in partnership with United

Fresh, PMA and Canadian PMA – proved to be very

popular too. Visitors here could meet business reps

and industry experts who deal with traceability and

follow debates and demos.

It’s worth noting here that Food Safety Demo Center

also featured an area where posters by researchers

were exhibited, most of which from US and Canadian

universities.

These two areas featured a programme that included

roundtables and industry experts ready to answer the

public’s questions.

Another popular feature of the show was the area at

the heart of the floor space called the Business Suite.

The area was in effect set up as a number of small

office stalls for meetings. Many of these mini-offices

had been booked by big names in the US Retail and

Food Services industries.

The event itself is just the right size, not too big and

not too small, so that visitors can see everything they

want and, given the two-day duration, make up their

minds about what is important for them on the first

day and then focus on their choice with specific visits

during the second.

The registration fee for a package deal that included

access to all events, workshops and welcoming

cocktail party was about $1,500. It was also possible

to choose simply to visit the exhibition area alone and

the fee for this was about $350.

United Fresh is held every year and the next is scheduled

for 20-22 April 2011.

(English version by David Verzoni)

62 Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

The Sunkist stand at United Fresh.

Lo stand della Sunkist alla United Fresh.

Tracciabilità e sicurezza alimentare

La parte espositiva ha visto un settore destinato a “Food

Safety Demo Center” dove venivano illustrate le nuove

tecnologie e soluzioni che spaziano lungo tutta la filiera

dalla parte agricola fino al retail.

La zona “Traceability&Logisitc Demo Center” – lanciata

l’anno passato in mainera congiunta con United Fresh,

PMA e Canadian PMA – ha riscosso grande interesse:

qui era possibile incontrare aziende ed esperti del settore

legato alla tracciabilità e seguire dibattiti e dimostrazioni.

Inoltre nella zona “Food Safety Demo Center” è stata

allestita un’area per l’esposizione di poster universitari di

ricerca per la maggior parte provenienti da USA e

Canada.

Le due zone proponevano un programma con tavole

rotonde e esperti del settore per rispondere alle domande

dei visitatori.

Inoltre, nel cuore dell’area espositiva era presente

un’area con delle “Business Suite”, ovvero, piccoli uffici

per meeting riservati, molti dei quali erano impegnati da

parte di grossi nomi del settore “Retail” o “Food Service”

del mercato americano.

L’evento, di dimensioni comunque contenute, facilita la

visita e con due giorni a disposizione il visitatore dispone

di tempo sufficiente per fare una prima analisi e un

secondo approfondimento con visita più specifica.

Le tariffe di accesso per un pacchetto tutto incluso, che

prevede tutti gli accessi compresi i “work shop” e il

cocktail di benvenuto, è attorno ai 1.500 dollari USA.

Scegliendo l’opzione per la sola visita alla zona espositiva,

si aggira sui 350 dollari.

L’evento, che ha cadenza annuale, prevede la prossima

edizione dal 20 al 22 aprile 2011.


Year-round vegetables

from Tanimura & Antle

Produzione per tutto l’anno

conTanimura&Antle

Francesco Caponetti

The legendary California fresh produce company has 12,200 hectares of plantings

between Salinas and Yuma. Its letter perfect organisation runs from sowing to

packaging in the field

La storica azienda californiana coltiva 12.200 ettari tra Salinas e Yuma. Un’organizzazione

perfetta dalla semina al packaging fatto sul campo

Quality and innovation are manage with sense of

tradition and integrity from 3 generation in

Tanimura and Antle head quarter centered on the

south west of Salinas, CA. Salinas Valley is one of the

most sparkling and world wide known center of activity

related to fresh vegetables business.

Tanimura and Antle (T&A) story spans decades and is

an integrated part of Salinas development and heritage.

From the first operation back in 1920 and 1930,

is difficult to describe the dedication that’s both

Families have given to the Company success.

The Company is dedicated to providing a variety of

fresh, consistently high quality produce. From “Seed

to Shelf” a wide variety of fresh vegetable are delivered

every day to retailer from T&A logistic center on

the way to North America, Europe and Asia.

Brian Antle in the field during harvesting operations.

Brian Antle in campo durante le operazioni di raccolta.

Qualità e innovazione sono gestite con senso della

tradizione e integrità da tre generazioni nell’ufficio

centrale della Tanimura e Antle nel Sud Ovest di Salinas,

California. La “Salinas Valley” è una delle zone più attive

e riconosciute nel mondo per le attività relative alla produzione

ortofrutticola.

La storia della Tanimura and Antle (T&A) attraversa

decenni ed è una parte integrante dello sviluppo e della

tradizione di Salinas. A partire dalle prime “packaging

operation” negli anni 1920-30 è difficile descrivere la

dedizione che le due famiglie hanno dedicato al successo

dell’azienda.

La società si è sempre dedicata alla produzione di prodotto

fresco con attenzione costante alla qualità.

Partendo dal seme arrivando allo scaffale del supermercato,

una larga varietà di prodotti orticoli sono spediti

quotidianamente dai centri logistici della T&A verso

Nord America, Europa e Asia.

Attualmente T&A coltiva durante l’anno circa 30.000

acri (12.200 ettari) situati tra California e Arizona, in

modo da poter costantemente spedire un eccellente

prodotto ottenuto con I benefici della coltivazione a

pieno campo.

Pianificazione accurata

La verticalizzazione dei processi, evitando sub contractors,

permette il controllo su tutte le operazioni, inclusa

l’innovazione e la qualità, le tecniche relative a una ottimizzazione

delle pratiche di coltivazione, delle operazioni

di packaging, di sviluppo del prodotto e un’ottima

politica di Food Safety.

Le stagioni dettano le operazioni che vengono divise tra

California durante l’estate e l’Arizona durante il periodo

Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

63


Today, T&A field operation cover about 30,000 acres

(12,200 hectares) between California and Arizona in

order to provide constantly premium product with the

benefit of open field cultivation.

Perfect planning

The “vertical process” avoiding out source keep internal

control on all the operations and include innovations

and quality committed “technique” related to

optimize growing practices, packaging operations,

product developments and food safety.

Seasons dictate the operations that’s are shared

between California in the summer and Arizona during

winter period. Field operations have to be well

planned and manage in order to provide every day

crops. All the supply chain, logistics and field team

crew operations are carefully planned in order to have

a perfect running system able to working in co-operation

with Mother Nature.

The Salinas Valley costal region growing season have

approx calendar between April 15 till October 15.

Yuma Arizona is a desert region with sunny warm winter

and the season approx calendar between October

25 till March 15.

T&A have in addition a large farm operation consisting

in about 7,000 acres (2,800 hectares) in Tres Picos

California that’s provide consistency during the transition

time between Salinas and Yuma.

During seasonal change over growing areas all the

operations are moved from one location to the next

one in the shortest time. A massive quantity of logistic

operations have to be carefully planned and executed

in order to provide no impact to final consumers

and fresh product from open field over the

year. Field operation as seeds and planting operation

are conducted in order to minimize the impact

between seasons.

Investments in technology

At correct estimate time permits a minimal overlap

between locations. All the field crew, tractors, large scale

64 Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

A vacuum cooler brings temperature of produce down to 1.5-2 °C

in 30/35 minutes.

Un vacuum cooler porta in 30/35 minuti i prodotti a una temepratura tra

1.5 °C e i 2 °C.

invernale. Tutte le operazioni vengono pianificate e gestite

con attenzione in modo da poter avere un raccolto giornaliero

costante. Tutta la catena di approvvigionamento, i

centri logistici e i team delle operazioni svolte in campagna

sono pianificati con cura in modo da creare un sistema

perfetto capace di lavorare in sintonia con la natura.

La regione costiera della Salinas Valley ha un calendario

di produzione in campo aperto che generalmente va dal

15 aprile al 15 ottobre. Yuma, nel deserto dell’Arizona,

ha inverni caldi e permette un calendario che generalmente

va dal 25 ottobre al 15 marzo.

T&A ha in più una location nel centro della California, a

Tres Picos, che si estende su una superfice di 7.000 acri

(2.800 ettari), in modo da avere produzione durante i

periodi di passagio stagionale tra Salinas e Yuma.

Durante i periodi di transizione stagionale tra i siti di coltivazione

tutte le operazioni vengono spostate da una

location all’altra nel minor tempo possibile. Una enorme

quantità di operazioni logistiche vengono pianificate ed

eseguite in modo che tutto questo non abbia impatto

sul cliente finale e rendere disponibile prodotto fresco

coltivato in campo aperto tutto l’anno.

Investimenti nelle tecnologie

Una corretta stima dei tempi permette una sovrapposizione

minima tra le location. Tutti i team di raccolta,

composti da 20-30 persone ognuno, trattori, piattaforme

di raccolta semi automatiche, vengono spostati con

l’ausilio di enormi camion. La ri-localizzazione include

anche i giganti “Vacuum Cooler” che compongo il cuore

del centro logistico.

Packaging takes place right in the field.

Le operazioni di packaging avvengono direttamente sul campo.


operation harvesting machinery are moved with the help

of truck convoy. This relocation include the giants vacuum

cooling system standing in the logistic shipping area.

T&A process start from seeding and planting operation,

good farming management practice provide

right on scheduled time high quality fresh product

ready to harvest.

Harvesting operation are conducted with latest technology

that’s facilitate human labor and improve production

and permit packaging operation right in the field.

Automated harvesting platform are manufactured and

customized at T&A head office in Salinas, this

machinery provide grate support to human operation

and facilitate packaging process. From the platform

on this working units the pallets are transferred to the

Cooling and Logistic Operation the fresh products.

Vacuum coolers with impressive power as 400 HP

and running capacity between 24-30 Pallets each

load are able to cooling the product to 34F -36F (1.5

°C – 2 °C) in the fraction of 25 – 35 minutes.

All the process are conduct at under strict control, all

the single package is provided with ID Tag and so the

final box for retail store.

(English version by Francesco Caponetti)

I processi produttivi della T&A cominciano dalla semina,

seguita da corrette operazioni di coltivazione e monitoraggio

durante le fasi di crescita in modo da avere

costantemente del prodotto pronto alla raccolta. Le

operazioni di raccolta avvengono con l’ausilio delle tecnologie

più moderne per limitare e facilitare la parte di

manodopera e permettere le operazioni di packaging

direttamente in campo.

Le raccoglitrici con piattaforma sono spesso realizzate

direttamente nella sede centrale della T&A in Salinas:

questi complessi macchinari facilitano le operazioni

manuali e permettono le operazioni di packaging del

prodotto secondo alti standard qualitativi.

Dalle piattaforme delle raccoglitrici, i pallet vengono

trasportati al centro logistico di raffreddamento e spedizione.

Imponenti “Vacuum Coolers”, sistemi di raffreddamento

basati sul vuoto alimentati con motori diesel

con potenze da 400 HP, permettono di raffreddare

24-30 pallet ad una temperatura di 34-36F (1.5 °C – 2

°C) in 25-35 minuti.

Tutti i processi sono condotti attraverso i più stretti standard

di controllo e ogni singolo prodotto è provvisto di

una tag identificativa che permette di risalire al campo di

produzione.


Fresh-Cut news is edited by Michele Contini, Momenta Soc. Coop.

Fresh Cut news è a cura di Michele Contini, Momenta Soc. Coop.

Chiquita enriches its Just Fruit in a

Bottle range

Si arricchisce l’offerta dei Frullati 10 e lode

For summer 2010, Chiquita has added

Blueberry & Cranberry to its smoothie range.

The new drink will join a line that already

includes a wide range of flavours - Coconut-

Mango, Pineapple-Banana, Raspberry-

Pomegranate, Strawberry-Banana and

Mango-Passion – all made without additives,

artificial colouring, preservatives, water,

sugar or pasteurized ingredients. (LS)

66 Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

Per l’estate 2010, Chiquita amplia la propria

offerta con il frullato Mirtillo &

Cranberry. Il nuovo gusto si va ad aggiungere

alla gamma di frullati che comprende

i gusti Cocco-Mango, Ananas-Banana,

Lampone-Melograno, Fragola-Banana e

Mango-Passion, realizzati senza l’aggiunta

di additivi, coloranti, conservanti, acqua o

zuccheri e pastorizzati.

More innovations from La Linea Verde

Continuano le innovazioni di La Linea Verde

La Linea Verde, which confirmed its

leadership of the fresh-cut range with a

turnover of € 170 million in 2009, of

which € 15 million earned on exports to

Austria, Slovenia, Croatia, Malta and

Switzerland, in addition to being well

established in the Spanish market, has

presented its latest novelties which

include a vegetable soup with noodles

and the first fresh fruit and vegetable

smoothie with lime, fennel, orange,

apple and young spinach. The Manerbio

company, which devotes 20% of its

investment to innovation, also plans to

look to new distribution channels.

‘Vitaminica’, its new subsidiary company,

will look after the marketing of its

fruit drinks in bars and, it is hoped, will

eventually take care of airline catering.

Machinery in action at the La Linea

Verde plant.

Macchinari in azione nello stabilimento La

Linea Verde.

As well as advertising through traditional

channels, its forthcoming marketing

initiatives include sponsorship of the

Mille Miglia and the promotion of

Dimmidisì products in the temporary

Tescoma store and in the Despar

Express convenience store at Porta

Genova railway station in Milan. (LS)

La Linea Verde, che conferma la propria

leadership nel settore della quarta

gamma con i 170.000.000 di euro di fatturato

2009, dei quali 15.000.000 di

euro sui mercati di Austria, Slovenia,

Croazia, Malta e Svizzera, oltre a una

forte presenza sul mercato spagnolo, ha

presentato le ultime novità tra le quali

figurano la Minestra di verdure con

pastina e il primo frullato di frutta e verdura

fresca al lime, finocchio, arancia,

mela, spinacino. L’azienda di Manerbio,

che dedica il 20% dei propri investimenti

in innovazione, intende in futuro

dedicarsi anche a nuovi canali per la

distribuzione. ‘Vitaminica’, la nuova

società del gruppo, curerà la commercializzazione

di frullati ai bar e, eventualmente,

al catering per le linee

aeree. Le azioni di marketing, oltre a

alla pubblicità sui canali tradizionali,

prevede la sponsorizzazione della Mille

Miglia e la presenza dei prodotti

Dimmidisì, nel temporary store di

Tescoma e nel Despar Express di Porta

Genova FFSS a Milano.

New products from

Florette UK and

World Cup tie in

Nuove referenze e

campagna World

Cup da Florette UK

Florette has launched its new ‘Evasion’

line on French and UK markets with 3

new salad mixes. The ‘Italian salad’

comes in packs of 130 g with olive oil,

basil and parmesan, the ‘Greek salad’

in packs of 215 g with feta cheese and

tatziki, and the ‘Scandinavian salad’ in

packs of 235 g with smoked salmon

and cream. Moreover, from May, just

for the world cup, it is bringing out a

‘Three Lions English Salad’ for the UK

market. A mix of lollo rosso, frisee,

radicchio and young spinach leaves, it

will be marketed under the official

England crest. Designed for English

fans, this new product targets barbecues

and other social gatherings occasioned

by the sporting event in order to

attract new customers. Consumers will

also have the chance to win a gas barbecue.

(LS)

Per la primavera, Florette lancia in

Francia e Gran Bretagna la linea

‘Evasion’ con 3 nuovi mix di insalate. Si

tratta della ‘Italian salad’ in confezioni

da 130 g con olio d’oliva, basilico e parmigiano,

la ‘Greek salad’ in confezioni

da 215 g con formaggio feta e tatziki, e

la ‘Scandinavian salad’ in confezioni da

235 g con salmone affumicato e panna.

Inoltre, in vista dei mondiali di calcio e

dal mese di maggio sarà disponibile la

‘England Three Lions Salad’ per il mercato

inglese. Si tratta di un misto di

Lollo rossa, riccia, radicchio e spinacino

commercializzato con il simbolo della

nazionale inglese. Destinata ai fan della

squadra di oltremanica, questa nuova

referenza punta sui barbecue e sulle

altre occasioni di aggregazione create

dall’evento sportivo per conquistare

nuovi clienti. L’offerta è abbinata ad un

concorso a premi con in palio dei barbecue

a gas.


The Campania Region endorses the PIF (the supply chain

integration plan) for the fresh-cut range

La Regione Campania approva il PIF per la quarta gamma

The Campania Region has approved the

plan for the creation of an integrated

supply chain for the fresh-cut range in

the Sele plain, in the province of Salerno.

The project involves an investment of €

38,400,000, of which € 25,240,000 will

come from public funds and €

13,160,000 from private investment. The

project aims to strengthen the identification

of products with the territory and to

improve the road network and the accessibility

of plants and producers located

between Battipaglia and Eboli. The PIF

also covers structural intervention at

company level including modernization

(new fresh-cut lines, greenhouses and

equipment), staff training, the development

of new products, the promotion of a

common Ortofutta plus supply chain

brand, marketing and internationalization.

The project partners are the

Producers’ Organization Alma Seges,

Euro com srl, the Unione Provinciale

Agricoltura Salerno, the Province of

Salerno, Cra Ort Pontecagnano Faiano

(the research centre for F&V) and

“Ortofrutta plus”. (LS)

La Regione Campania ha approvato il

Piano Integrato di Filiera (PIF) per la

quarta gamma da realizzare nella piana

del Sele, in provincia di Salerno. Il progetto

prevede un investimento di

38.400.000 euro, di cui 25.240.000

euro di contributo pubblico e

13.160.000 euro di investimenti privati.

Gli obiettivi del progetto sono il raffor-

Coca-Cola ups stake in innocent

Coca-Cola aumenta la propria quota in innocent

Coca-Cola has acquired a greater share of innocent but the

three founders retain operational control of the business. The

British company, in a statement signed by the three co-

From left to right: Richard Reed, Jon Wright, Adam Balon, cofounders

of innocent. (Foto innocent)

Da sinistra a destra: Richard Reed, Jon Wright, Adam Balon, cofondatori

di innocent. (Foto innocent)

zamento dell’identità dei prodotti e del

territorio, il miglioramento della viabilità

e l’accessibilità agli stabilimenti produttivi

localizzati tra Battipaglia ed

Eboli. Gli interventi strutturali PIF per le

imprese riguardano l’ammodernamento

delle aziende (nuova linea di quarta

gamma, serre e macchinari), la formazione

del personale, lo sviluppo di nuovi

prodotti, la promozione del marchio

comune della filiera Ortofrutta plus, il

marketing e l’internazionalizzazione. I

partner del progetto sono la OP Alma

Seges, l’azienda Euro com srl, l’Unione

Provinciale Agricoltura Salerno, la

Provincia di Salerno, il Centro di ricerche

Cra Ort di Pontecagnano Faiano e

“Ortofrutta plus”.

founders, Jon Wright, Richard Reed, and Adam Balon, declares

that no changes are envisaged in the running of the company,

which will continue in its mission to produce food and drink that

is natural, healthy and responsible from the social and environmental

points of view. It will continue to donate 10% of its profits

to charity. Innocent, present in over 13 countries, with a

workforce of about 220, is the European leader in the production

of smoothies. (LS)

Coca -Cola ha acquisito le quote di due dei fondatori di innocent

ma tre dei cofondatori mantengono il controllo della

compagnia. L’azienda inglese, in un comunicato firmato da tre

dei co-fondatori, Jon Wright, Richard Reed, Adam Balon,

dichiara che non sono previsti cambiamenti nella gestione

societaria, che continuerà nella propria missione per la produzione

di cibi e bevande naturali e salutari, responsabili dal

punto di vista sociale e ambientale e che continueranno le

donazioni del 10% dei profitti. Nella produzione di smoothies,

innocent è leader europeo, presente in più di 13 paesi con

circa 220 dipendenti.

Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

67

Fresh-Cut news is edited by Michele Contini, Momenta Soc. Coop.

Fresh Cut news è a cura di Michele Contini, Momenta Soc. Coop.


GlobalG.A.P.

GlobalG.A.P.

GlobalG.A.P passes

the 100,000 producer mark

GlobalG.A.P. supera quota 100.000

Gabriele Jahn GlobalG.A.P Projects

Continuous growth. “Fruit and Vegetables” still represent the most important scope here

Produttori certificati in continua crescita. La categoria Frutta e Verdura rappresenta

ancora il settore più importante

The worldwide expansion of GlobalG.A.P has reached

its highest level: more than 100,000 producers are

certified against the GlobalG.A.P or a GlobalG.A.P

benchmarked standard. “Fruit and Vegetables” still represent

the most important scope here; but also for the

scopes “Aquaculture” and “Flower and Ornamentals” the

number of issued certificates is increasing. Southern

Europe is the key distribution area: almost half of the certified

producers originate from Italy (19,301), Spain

(19,184) and Greece (11,817).

Meanwhile, the GlobalG.A.P product list contains 300

products. The products that are most certified are

apples (on 20,896 certified farms), followed by potatoes

(9,249) and cherries (7,558).

Continent / Continente

68 Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

Number of Certified Producers /

Numero di Produttori Certificati

News

espansione mondiale di GlobalG.A.P ha raggiunto il

L’ suo massimo livello: oltre 100.000 produttori certificati

in base a uno standard o a un parametro di riferimento.

La categoria “Frutta e Verdura” rappresenta

ancora l’ambito più importante, ma anche nei settori

“Acquacoltura” e “Fiori e Piante Ornamentali” stanno

aumentando le certificazioni. L’Europa meridionale è

l’area con la massima concentrazione: circa la metà dei

produttori certificati proviene dall’Italia (19.301), dalla

Spagna (19.184) e dalla Grecia (11.817).

Attualmente, la lista dei prodotti GlobalG.A.P racchiude

300 prodotti; quelli maggiormente certificati sono le

mele (provenienti da 20.896 aziende certificate), seguite

dalle patate (9.249) e dalle ciliegie (7.558).

Number of Certified Producers

(in %) / Numero di Produttori

Certificati (%)

Number of countries with certified

producers / Numero di Paesi

con produttori certificati

Africa 5142 5.0 22

Asia 4919 4.8 19

Europe 81900 80.1 35

North America 1450 1.4 13

Oceania 1772 1.7 2

South America 7084 6.9 17

Total

As of April 2010 / Dati di Aprile 2010

102267 108


Number of countries with certified producers.

Numero dei paesi con produttori certificati.

The worldwide expansion remains stable: The number

of certified producers increased slightly in most of the

countries where GlobalG.A.P is established. The

regional spreading did not change a lot: Europe still

covers the largest part with 80%. A little more significant

increase compared to the other continents can

be observed in Africa and also in North America.

If the certification of individual producers (Option 1 and

3) is compared with the certification of producer groups

(Option 2 and 4), it can be observed that the group certification

gained importance in the last months: 31,710

producers are certified under Option 1 (31%; 2009:

33%) and 70,568 (69%; 2009: 67%) under Option 2.

L’espansione mondiale rimane costante: il numero di

produttori certificati è lievemente aumentato in quasi

tutti i Paesi nei quali GlobalG.A.P è presente. La distribuzione

a livello regionale è rimasta pressoché costante,

con l’Europa che ricopre tuttora la parte più significativa

(80%). Un aumento leggermente maggiore rispetto

agli altri continenti riguarda l’Africa e il Nord America.

Se si raffrontano le certificazioni per singoli produttori

(Opzioni 1 e 3) con quelle di gruppi di produttori (Opzioni 2

e 4), si osserva che queste ultime hanno guadagnato terreno

negli ultimi mesi: 31.710 produttori certificati secondo

l’Opzione 1 (31%, 33% nel 2009) e 70.568 produttori certificati

in base all’Opzione 2 (69%, 67% nel 2009).

(Versione italiana di Claudia Spisni)

Country

Number

of Certified

Producers

Argentina 1059

Armenia 1

Australia 94

Austria 2362

Belarus 1

Belgium 3357

Belize 17

Bosnia/

Herzegovina

100

Brazil 578

Bulgaria 9

Burkina Faso 148

Cameroon 13

Canada 50

Chile 2302

China 318

Colombia 559

Costa Rica 296

Côte d’Ivoire 194

Croatia 85

Cyprus 1021

Czech Republic 85

Denmark 79

Dominica 6

Dominican

Republic

759

Ecuador 635

Egypt 359

Ethiopia 11

Faroe Isl. 6

France 3006

Gambia 1

Germany 8717

Ghana 871

Greece 11817

Guadeloupe 33

Guatemala 164

Guinea 41

Honduras 14

Hungary 1462

India 1989

Indonesia 5

Iran 1

Ireland 24

Israel 1438

Italy 19327

Jamaica 3

Japan 94

Jordan 16

Kenya 318

Korea (South) 46

Latvia 1

Lebanon 2

Macao 2

Macedonia 15

Madagascar 188

Malaysia 19

Country

Number

of Certified

Producers

Mali 232

Malta 16

Martinique 50

Mexico 98

Moldova 6

Morocco 399

Mozambique 2

Namibia 14

Netherlands 5584

Netherlands

Antilles

1

New Zealand 1678

Nicaragua 2

Norway 44

Oman 1

Pakistan 176

Palestinian

Territories

149

Panama 31

Paraguay 50

Peru 1185

Philippines 5

Poland 994

Portugal 375

Puerto Rico 3

Romania 48

Saint Lucia 5

Saint Vincent/

Grenadines

53

Saudi Arabia 2

Senegal 101

Serbia/

Montenegro

36

Slovakia 18

Slovenia 13

South Africa 1882

Spain 19184

Sri Lanka 23

Suriname 1

Swaziland 4

Sweden 17

Switzerland 52

Syria 5

Taiwan 33

Tanzania 74

Thailand 597

Tunisia 234

Turkey 3988

Uganda 39

Ukraine 1

United Kingdom 49

United States 387

Uruguay 43

Venezuela 1

Vietnam 147

Zambia 3

Zimbabwe 14

TOTAL 102267

Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

69

GlobalG.A.P.

GlobalG.A.P.


WHERE THE WORLD OF FOOD MEETS RUSSIA

LUOGO D’INCONTRO TRA IL SETTORE

ALIMENTARE E LA RUSSIA

This September sees the 19th edition of Russia’s best-known trade exhibition for the food industry. With over a thousand

exhibitors regularly participating in the event, World Food Moscow has gained a reputation as a major source of food and drink

products amongst buyers throughout Russia and its neighbouring countries.

Il prossimo mese di settembre avrà luogo la diciannovesima edizione della più famosa Fiera del settore alimentare in Russia. Con

oltre mille espositori regolarmente iscritti all’evento, World Food Moscow ha ottenuto la fama di un importantissimo appuntamento

per i compratori di prodotti alimentari e di bevande provenienti dalla Russia e dai Paesi vicini.

World Food Moscow is a hive of activity. Over just four days,

exhibitors see thousands of visitors and develop partnerships

which will see their products stocked in shops and supermarkets

all over Russia. It’s a prime opportunity for suppliers to pitch themselves

against their competitors and demonstrate their strength in

the market.

World Food Moscow draws visitors from all over Russia and its neighbouring

countries, generating an attendance of 45,250 in 2009.

70 Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

World Food Moscow è un fermento di attività. In soli quattro giorni,

gli espositori ricevono migliaia di visitatori e sviluppano contatti e

accordi che vedranno i loro prodotti commercializzati nei negozi e

nei supermercati di tutta la Russia. È un’opportunità unica offerta ai

fornitori per far fronte alla concorrenza e per affermare la propria

forza sul mercato. WFM attira visitatori da tutta la Russia e dai Paesi

vicini: nel 2009, le presenze hanno raggiunto quota 45.250.

Moltissime Società, nazionali e internazionali, si contendono

l’attenzione dei visitatori con stand accattivanti e con l’esposizione

delle ultime novità, dai prodotti tradizionali, alle specialità più esotiche.

I prodotti sono raggruppati in modo razionale, ogni settore

nella propria area espositiva, con una serie di eventi di nicchia, e

sono soddisfatte anche le esigenze di quei visitatori che vogliono

visitare tutta la gamma dei prodotti alimentari e delle bevande.

Gli espositori presenti quest’anno

Gli ultimi nominativi, in attesa di conferma, sono: ABIEC, ABIPECS,

Canada Pork, CFI, Corpei, Cyprus Trade Centre, DEP Thailand, Egyptian

Exporters Association, EU Cheese, European Commission, ICE, Interfel,

IPCVA, Premiers Tea, Proargex, Region of Murcia, SIEPA, Staay Food

Group, US Meat, USA Poultry and Egg, USDA e Vlam.

Secondo Tony Higginson, responsabile dell’organizzazione, gli spazi

venduti per la manifestazione di quest’anno saranno superiori rispetto

alle previsioni. “Con oltre quattro mesi all’inizio, lo spazio prenotato

finora supera già del 30% quello alla stessa data dello scorso anno.

Ciò dimostra chiaramente come le Società stiano superando gli effetti

della crisi dell’ultimo anno e stiano investendo sulla loro futura presenza

nel mercato russo. Siamo anche felici di accogliere quest’anno


A wide variety of domestic and international companies compete for

visitors’ attention with eye-catching displays of their latest products,

from everyday essentials to exotic specialities. Products are conveniently

grouped, each sector in its own hall, providing a collection of

niche events, whilst also catering for the requirements of visitors

whose interest spans the full range of food and drink products.

This year’s exhibitors

The latest names to be confirmed at this year’s show are: ABIEC,

ABIPECS, Canada Pork, CFI, Corpei, Cyprus Trade Centre, DEP Thailand,

Egyptian Exporters Association, EU Cheese, European Commission,

ICE, Interfel, IPCVA, Premiers Tea, Proargex, Region of Murcia, SIEPA,

Staay Food Group, US Meat, USA Poultry and Egg, USDA and Vlam.

According to Event Director, Tony Higginson, exhibition sales for this

year’s show are higher than predicted, “with four months to go

before the event opens, the amount of space booked is up more

than 30% compared to this time last year. This clearly demonstrates

that companies are putting the effects of last year’s economic crisis

behind them and are investing in their future in Russia. We are

also pleased to be welcoming a number of new companies this

year, including Wadi Food Industries, Verona Mercati and Agrup

Almeria. I hope that the exhibition will prove as successful for them

as it has for our regular exhibitors.”

World Food Moscow is organised by ITE Group Plc. The event takes

place on 14-17 September 2010. Features of the show this year include

the Contracts & Negotiations Zone, the Forum and the World Food

Cuisine, as well as presentations, seminars and competitions. For more

information, please visit the website: www.worldfood-moscow.com.

THE EXHIBITION IS DIVIDED INTO NINE SECTORS

LA FIERA È DIVISA IN NOVE SETTORI

World Fruits – Fruit & Vegetables / Frutta e verdura

World Meat – Meat & Poultry / Carne e pollame

World Seafood – Fish & Shellfish / Pesce, molluschi e crostacei

World Drinks – Alcoholic & Non-alcoholic Drinks / Bevande alcoliche

e non alcoliche

World Dairy – Milk & Other Dairy Products / Latte e altri prodotti

caseari

World Sweets – Confectionery, Cakes & Biscuits / Dolciumi, torte

e biscotti

World Tea & Coffee – Hot Beverages / Bevande calde

World Oils & Fats – Oils, Sauces & Margarine / Olio, salse e

margarine

World Foods – General Food Products & National Groups / Prodotti

alimentari in genere e Gruppi Nazionali

molte nuove aziende, tra le quali Wadi Food Industries, Verona Mercati

e Agrup Almeria; spero che l’evento sia un successo per loro come lo

è stato per i nostri abituali espositori”.

WFM è organizzato da ITE Group Plc e avrà luogo dal 14 al 17

Settembre 2010. Tra gli eventi organizzati nell’ambito della manifestazione,

segnaliamo la Zona Contratti & Negoziazioni, il Forum World

Food Cuisine, nonché vari seminari, presentazioni e concorsi. Per ulteriori

informazioni, visitare il sito www.worldfood-moscow.com.

(Versione italiana di Claudia Spisni)

Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

71


7-8 October 2010/London

Good practices at GlobalGap

7-8 ottobre 2010/Londra

Buone pratiche al GlobalGap

London’s Hilton Metropole Hotel will host the GlobalGap

Summit 2010, a major forum where international industry

experts gather to discuss key issues related to good business

practices and how to implement them. There will also be a

preview of GlobalGap 2011. GlobalGap is fast becoming a

must date for players in the industry’s distribution arm to pinpoint

emerging market trends and how to meet the demands

they represent in future.

Information: www.summit2010.org (DV)

20-22 October/Madrid

Second Fruit Attraction show

20-22 ottobre/Madrid

Seconda edizione per Fruit Attraction

Madrid Convention Centre will be the

venue for the 2nd Fruit Attraction from

20-22 October. It is a novel-concept trade

show designed for the needs of the food

industry and, to judge from the success of

its debut last year, the profile it cuts is a

winner with business operators and

industry experts.

Info: www.fruitattraction.ifema.es (DV)

Si terrà dal 20 al 22 ottobre alla Fiera di

Madrid la seconda edizione di Fruit

22-24 November 2010/Abu Dhabi

Business hub for the Middle East

22-24 novembre 2010/Abu Dhabi

Piattaforma business per il Medio Oriente

Sial, a unique showcase of the world’s food industry, is broadening

even its horizons in setting up Sial Middle East, a new clearing

house for the business in the Middle East. The trade show, the

first of its kind in the area, will be held from 22 to 24 November

2010 in conjunction with Ipa Middle East at the National

Exhibition Centre of Abu Dhabi, a move that creates a prestige

event for all players whose business is foodstuffs, their processing

and their packaging.

Info: Saloni Internazionali Francesi Tel.: 02/43.43.531 E-mail:

info@salonifrancesi.it (DV)

Si terrà all’Hilton London Metropole Hotel il GlobalGap Summit

2010 nel corso del quale i maggiori esperti internazionali del settore

discuteranno sui maggiori temi che riguardano le buone

pratiche in agricoltura fornendo soluzioni pratiche. Verrà anche

illustrata la nuova versione 2011 di GlobalGap. Una occasione in

cui i membri di GlobalGap provenienti dal mondo della distribuzione

e della distribuzione potranno discutere sulle tendenze

e sulle necessità del futuro.

Informazioni: www.summit2010.org

A picture of the first Fruit Attraction in

2009.

Un’immagine dell’edizione 2009 di Fruit

Attraction

Attraction, una fiera di nuova concezione

ritagliata sui bisogni del settore agroalimentare,

una formula che, a giudicare dal

successo della prima edizione, incontra il

gradimento degli operatori.

Info: www.fruitattraction.ifema.es

Sial, vetrina unica del mercato mondiale alimentare, amplia i suoi

orizzonti, creando Sial Middle East, nuova piattaforma business

del Medio Oriente per il settore dell’agro-alimentare. La manifestazione

si svolgerà dal 22 al 24 novembre 2010, in concomitanza

a Ipa Middle East nell’ambito del National Exhibition Centre di

Abu Dhabi, creando per la prima volta un prestigioso evento per

tutti gli operatori dell’industria alimentare, del food processing e

del packaging.

Info: Saloni Internazionali Francesi Tel. 02/43.43.531 E-mail:

info@salonifrancesi.it

Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

73

Events

Appuntamenti


commercial news

le aziende informano

IFCO: the eco-friendly global Liability

La Responsabilità globale per IFCO è verde

IFCO is an international supplier of logistics

systems with more than 210 branches

all over the world. The Company manages

a total of more than 102 million

reusable plastic boxes that are mainly

used for the carriage of fresh produce,

from growers to retailers. The Company

also has a nation-wide pallet management

services business in the United

States. IFCO is the market leader and collects,

repairs and recycles more than 200

million pallets per year. Besides providing

economic benefits, IFCO’s products are

eco-friendly and help in protecting the

environment.

In 2009, IFCO launched the “WORLDWIDE

RESPONSIBILITY” initiative: among the

aims of this social commitment, there is

IFCO’S support to the Food Bank worldwide,

by helping it in its effort to provide

foodstuff for needy people, by supplying

reusable containers and the co-financing

of means of transport.

Green packaging versus Refuse

In order to have an in-depth knowledge of

the project, we interviewed Karl Pohler,

CEO at IFCO Systems, and Eleonora

Gemini, Country Manager Italy at IFCO

Systems Italia.

Inside IFCO’s boxes fruit and vegetables

are carefully protected.

All’interno delle cassette IFCO frutta e

verdura sono ben protette.

74 Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

IFCO, a supplier of reusable packing

for fruits and vegetables,

has penetrated the

Italian market.

What

has been the

benefit for

the Italian

growers and

retailers?

«IFCO offers

to its customers

the

most up-todate

logistics solutions for the transport

of first-rate produce – says Pohler –.

Fresh fruit and vegetables are carried in

a smart, efficient and, above all, rapid

way. Furthermore, IFCO helps the Italian

growers and retailers in solving the

refuse problem. We know the problem of

piles of containers used during transport

and storage outside the supermarkets

waiting to be disposed. If all retailers

made use of IFCO’S plastic reusable containers,

our “eco-friendly packaging”,

the problem of refuse should be significantly

solved».

How is it possible to get such a result?

«The “eco-friendly packaging” can be

reused – Pohler goes on –: we collect the

packaging from our customers and we

put it back in the

eco-friendly

reusable packaging

cycle.

So, we do not

only allow our

customers to

optimize the

p r o d u c t

hygiene by supplying

them our

reusable plastic

containers, which are

automatically cleaned in our

systems in accordance with the Haccp

and Iso standards, but also, using our

“eco-friendly packaging”, retailers can

save the costs of warehousing and

IFCO’s containers can be folded up to

make the charge and discharge easier.

I contenitori IFCO sono pieghevoli per

facilitare il carico e lo scarico.

unloading of packaging, for instance that

packaging that is neither reusable nor

returnable».

«Our Company’s business – Gemini

adds – is based on a close cooperation

with our customers, which definitely

contributes to IFCO Italia’s success. At

IFCO, we are real partners by our customers’

sides. But we do not only keep a

close contact with customers: we both

share the passion for good carriage. So,

IFCO has really interiorized the concept

of “think globally, operate locally”.

Furthermore, this manner of thinking is

also one of the cornerstones of IFCO’s

social commitment in the WORLDWIDE

RESPONSIBILITY initiative».

Does such an initiative also help the

Food Bank movement by means of

funds collected through the web site

www.worldwide-responsibility.com?

«Exactly: for each quiz filled up by a registered

user on the web site, IFCO gives 13

US dollars to the Food Bank – says Gemini

–. The “WORLDWIDE RESPONSIBILITY”

initiative was launched just few months

ago, but the results we have had go far

beyond the expectations. And IFCO helps

the Food Bank not only by funds: because

the Company tries to meet the Food


Bank’s needs, as regards logistics, by

supplying reusable plastic containers and

co-financing the means of transport. The

first stage of this social commitment plan

took place in Germany, but, obviously, we

are trying to extend it to other Countries,

such as Italy for instance, by supporting

the “Fondazione Banco Alimentare”».

«As far as the WORLDWIDE RESPONSIBIL-

ITY initiative is concerned, our commitment

for the Food Bank movement goes

far beyond social aspects : it actually provides

an important environmental benefit.

By our “eco-friendly packaging”, we allow

the Food Bank to actively contribute in

reducing the amounts of refusals that

come from not returnable containers. We

can conclude by saying that IFCO means

green and the Food Bank goes towards

the green!».

IFCO è un fornitore internazionale di servizi

logistici con oltre 210 filiali in tutto il

mondo. La società gestisce in totale più di

102 milioni di cassette riutilizzabili in plastica,

che vengono impiegati principalmente

per il trasporto di prodotti freschi

dal produttore fino ai retailer. Negli Stati

Uniti IFCO fornisce anche una rete nazionale

di servizi di gestione dei pallet. IFCO è

il leader di mercato in questo settore con

circa 200 milioni di pallet scelti, riparati e

riciclati ogni anno.

Accanto ai benefici economici, gli innovativi

prodotti IFCO sono ecologicamente sostenibili

e contribuiscono decisamente alla salvaguardia

ambientale. Nel 2009 IFCO ha lanciato

l’iniziativa WORLDWIDE RESPONSIBI-

LITY: tra le finalità del progetto d’impegno

sociale, c’è il supporto di IFCO alle Food

Bank (Banchi Alimentari) in tutto il mondo,

aiutandole nello sforzo di donare alimenti a

chi ne ha bisogno mediante la fornitura di

contenitori riutilizzabili ed il cofinanziamento

degli automezzi di trasporto.

“Imballi verdi” contro i rifiuti

Per saperne di più, abbiamo intervistato Karl

Pohler, ceo di IFCO Systems ed Eleonora

Gemini, Country Manager Italy di IFCO

Systems Italia.

IFCO ha penetrato il mercato italiano in

quanto fornitore di imballaggi riutilizzabili

per l’ortofrutta. Quali sono i benefici

per i produttori e i retailer italiani?

«IFCO offre ai propri clienti soluzioni logi-

stiche all’avanguardia per il trasporto di

prodotti di alta qualità – spiega Pohler–.

Frutta e verdura fresca vengono trasportate

in maniera intelligente, efficiente e,

soprattutto, rapida. Inoltre IFCO aiuta i

produttori ed i retailer italiani in particolare

a risolvere il problema dei rifiuti.

Conosciamo il problema delle pile di contenitori

imbarcati durante il trasporto ed i

mucchi di imballi appoggiati all’esterno

dei supermercati nell’attesa di essere

smaltiti. Se tutti i retailer usassero i contenitori

riutilizzabili in plastica IFCO, i nostri

“imballi verdi”, il problema dei rifiuti verrebbe

risolto significativamente».

Com’è possibile ottenere questo risultato?

«Gli “imballi verdi” sono riutilizzabili – continua

Pohler –: noi li raccogliamo dai nostri

clienti e li reimmettiamo nel ciclo del packaging

riutilizzabile, amico dell’ambiente.

Non solo permettiamo ai nostri clienti di

ottimizzare l’igiene del prodotto fornendo

loro i nostri contenitori riutilizzabili in plastica,

che vengono puliti meccanicamente nei

nostri centri di servizio secondo gli standard

Haccp e Iso, ma con l’impiego dei

nostri “imballi verdi” i retailer risparmiano

anche nei costi di stoccaggio e di scarico

rispetto al packaging a perdere».

«Il business della nostra compagnia –

aggiunge Gemini – si basa su una stretta

collaborazione con i nostri clienti, il che

contribuisce significativamente al successo

di IFCO in Italia: noi di IFCO siamo veramente

partner al fianco dei nostri clienti.

Ma non solo manteniamo uno stretto contatto

con la clientela: condividiamo con loro

la passione per un buon trasporto. Così,

IFCO ha realmente interiorizzato il concetto

di “pensare globalmente, agire localmente”.

Questo modo di pensare costituisce

inoltre uno dei punti cardine dell’iniziativa

IFCO di impegno sociale WORLDWIDE

RESPONSIBILITY».

Questa iniziativa aiuta le Food Bank anche

mediante fondi raccolti attraverso il sito

internet www.worldwide-responsibility.com?

«Esatto: per ogni quiz compilato sul sito da

parte di un utente registrato, IFCO dona

13 dollari statunitensi alle Food Bank –

precisa Gemini –. L’iniziativa

Responsabilità globale è stata lanciata

solo pochi mesi fa, ma i risultati vanno

oltre le aspettative. E IFCO aiuta le Food

Bank non solo con fondi: poiché la socie-

IFCO’s packaging can be piled, to take a

smaller room.

Il packaging IFCO è impilabile, per occupare

meno spazio.

tà cerca di soddisfare le richieste di Food

Bank in termini di necessità logistiche,

forniamo i contenitori riutilizzabili in plastica

e cofinanziamo gli automezzi per i trasporti.

La prima tappa di questo progetto

di impegno sociale ha avuto luogo in

Germania, ma ovviamente stiamo cercando

di estendere il progetto ad altri Paesi,

come ad esempio in Italia, supportando la

«Fondazione Banco Alimentare».

«Il nostro impegno con la Food Bank per le

finalità dell’iniziativa WORLDWIDE

RESPONSIBILITY va al di là del progetto

sociale: comporta infatti un significativo

beneficio per l’ambiente. Con i nostri

“imballi verdi” consentiamo alla Food

Bank di contribuire attivamente alla riduzione

del quantitativi di rifiuti derivanti da

packaging a perdere. Potremmo concludere

che IFCO significa verde e le Food

Bank vanno verso il verde!».

Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

75

commercial news

le aziende informano


commercial news

le aziende informano

Euro Pool System, how to knock down costs

Euro Pool System, come abbattere i costi

Euro Pool System is the European market

leader for reusable packaging for fresh

produce. However the Company is barely

known by the Italian suppliers. «It’s really

a pity» – says Peter Willems, CEO at

Euro Pool System since the beginning of

2009. «As for logistics, we have a lot to

offer to suppliers».

In Italy, Euro Pool System has good dealings

with a lot of fresh produce breeders.

Agrieuropea, an agricultural cooperative,

Enzo Merolla and Cesare Fiorucci are just

few examples of those that make use of

the reusable packaging, by great satisfaction.

Willems says: «Considering that

we hold a market share equal to 41% in

the six European Countries, leading producers

of fruit and vegetables, suppliers

are motivated to deal with us.

Furthermore, our management let us

have a complete screening; that means

it’s possible to single out the position of

boxes in each moment. So, we are able

to inform our customers precisely about

the position the packaging has all along

the supply chain».

The use of reusable packaging for fresh

produce means great advantages for suppliers.

That’s how Willems shows the benefits

linked to this kind of boxes:

«Reusable packaging is an eco-friendly

choice. An independent research has

showed a greater ecological mark, as

regards other solutions. Produce is preserved

in a better way. Furthermore,

boxes make it possible to arrange orders

automatically. So, the supplier can knock

down costs of a dozens share».

Logistics cooperation

As far as logistics is concerned, Euro Pool

System has started an intense cooperation

with suppliers in Spain, Belgium and

Germany, which also includes the homeward

logistics. To that purpose, the

Spanish Eroski and the Belgian Colruyt are

an excellent example of that. «We have

integrated our activities with the supplying

centre of these European retailers –

Willems adds –; that is the place where

the homeward flows converge. That’s the

76 Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

Peter Willems

way an integrated service centre arises.

There, Euro Pool System deals with packaging

cleaning, storage and supplying, as

well as with the homeward flows management.

So, it’s possible to cut down the

distance in kilometres and the costs

linked to the double handling».

According to the strategy elaborated for

the next few years, in the future Euro Pool

System will concentrate more and more

on logistics supplying. By setting up such

a logistics cooperation, Euro Pool System

aims at having a good business relation

with breeders and suppliers in Italy. As a

matter of fact, the Company has its seat in

Segrate. The chief executive, Emanuele

Timpanaro, represents Euro Pool System

in Italy: «There are a lot of advantages our

system produces, and I want to share

them with the Italian suppliers. Together,

we can assure a greater synergy in the

supply chain».

2009 was a historic year for Euro Pool

System. The European market leader registered

a record number of handlings,

more than 600 million, equal to more than

a rise by 7%, as regards the previous year.

The rise in rotations number can be

ascribable to several factors. First of all,

the use of Euro Pool System boxes in the

fruit and vegetable sector and for other

fresh products it’s terribly increased.

Secondly, the European suppliers are

more and more conscious of the advantages

that come from an eventual cooperation

with Euro Pool System. The organization

has at its disposal about 121 million

of blue and green boxes. Euro Pool

System is present in the Netherlands

(headquarters), in Belgium, Germany,

France, Italy, Spain, Austria, Slovakia and

Czech Republic.

For further information:

info.it@europoolsystem.com,

www.europoolsystem.it.

(English version by Ilaria Nanni)

Euro Pool System è il leader del mercato

europeo degli imballaggi riutilizzabili per i

prodotti freschi. L’azienda è però poco

conosciuta dai distributori italiani. «È un

vero peccato», commenta Peter Willems,

ceo di Euro Pool System dall’inizio del 2009.

«A livello logistico, abbiamo molto da offrire

ai distributori».

In Italia, Euro Pool System ha buoni rapporti

con i molti produttori di prodotti freschi.

Agrieuropa società cooperativa agricola,

Enzo Merolla e Cesare Fiorucci sono solo

alcuni esempi di quanti usano, con piena

soddisfazione, gli imballaggi riutilizzabili.

Spiega Willems: «Considerando che deteniamo

una quota di mercato in media pari

al 41% nei sei maggiori Paesi europei produttori

di frutta e verdura, i distributori

sono motivati a operare con noi. Il nostro

sistema amministrativo, inoltre, ci permette

una visione a 360°; ciò significa che è

possibile individuare la posizione delle cassette

in qualsiasi momento. Siamo quindi

in grado di informare il cliente con precisione

circa la posizione degli imballaggi

nella filiera».

L’impiego di imballaggi riutilizzabili per i prodotti

freschi si traduce in vantaggi notevoli

per il distributore. Willems illustra così i benefici

legati al loro utilizzo: «Gli imballaggi riutilizzabili

rappresentano una scelta sostenibile.

Una ricerca indipendente ha dimostrato una

maggiore impronta ecologica rispetto ad altre

soluzioni. La conservazione dei prodotti risulta

migliore. Inoltre le cassette rendono possibile

la preparazione automatica degli ordini. Il

distributore può in tal modo abbattere i costi

di decine di punti percentuali».


Collaborazione logistica

Sul piano della logistica, Euro Pool System

ha avviato in Spagna, Belgio e Germania

una collaborazione intensa con i distributori,

che comprende anche l’ambito della logistica

di ritorno. A questo proposito, lo spagnolo

Eroski e il belga Colruyt costituiscono un

ottimo esempio. «Abbiamo integrato le

nostre attività con il centro distributivo di

questi retailer europei – aggiunge Willems

–; questo è il luogo in cui confluiscono i

flussi di ritorno. Ecco come nasce un centro

servizi integrato. Qui, Euro Pool System si

occupa della pulizia, dello stoccaggio e della

distribuzione degli imballaggi, nonché della

gestione dei flussi di ritorno. Si possono così

ridurre il chilometraggio e le spese di gestione

legati alla doppia movimentazione».

Secondo la strategia elaborata per i prossimi

anni, in futuro Euro Pool System si concentrerà

sempre di più sulla fornitura di servizi

logistici. Nell’impostare questa collaborazione

logistica, Euro Pool System punta a

un buon rapporto con i produttori e i distributori

italiani. Non per niente l’azienda ha

sede a Segrate. Il direttore, Emanuele

Timpanaro, rappresenta la Euro Pool System

in Italia: «I vantaggi rappresentati dal nostro

sistema sono notevoli, ed è mia intenzione

condividerli con i distributori italiani.

Insieme, possiamo assicurare maggiore

sinergia nella supply chain».

Il 2009 è stato un anno storico per Euro Pool

System. Il leader del mercato europeo ha

registrato un numero record di rotazioni,

oltre i 600 milioni, pari a un aumento supe-

Sant’Orsola: 2009, a very solid year

Sant’Orsola, un 2009 in piena tenuta

During a year in which agricultural products

had had a two figures drop, the soft fruit of

Sant’Orsola PO well stood the market, by

restricting the margin between 5 and 10%.

The bigger drop, about 10%, was for strawberries,

while soft fruit barely loose few per

cent points. On the whole, the 1221

Sant’Orsola’s members had had a slight

(1%) rise in sales proceeds against a rise in

volumes of produce conferred (15%). That

brought to a rise in members’ liquidated by

5%. The selling prices had an average drop

by 4.4%. The total of marketed products

had been equal to 6,560 t, by 6% more as

regards 2008. The total value of production

had been attested on 51,187 million euros,

by 1% more as regards 2008.

Satisfactory performance

A “satisfactory” campaign, that was the

definition given by the president of the

board of directors Silvio Bertoldi, during

the report at the yearly members’ meeting,

which unanimously approved the balance

sheet. A less brilliant campaign as

regards 2008; however, the liquidated

prices were higher than 2007 and pointed

out a rise in growth as regards all the

parameters considering the average of the

last 7 years, underlined the president.

That is, he explained together with the

director Michele Scrinzi, the result of the

investment made for years on the brand,

which is popular and stronger than ever,

healthy and good-quality, in line with consumers’

tastes and styles of living. The

market surveys point out that not long ago

small fruits were bought every 15 days.

Now, consumers put them in the shopping

trolley every 10 days and that has determined

the rise in consumption. «Despite

an almost depressive economic scenario

– Scrinzi underlined – we managed to

positively close in 2009, thanks to the rise

in produce conferred by our members, to

the good-quality of fruit itself and to the

work of our members and of our workers».

The number of items handled in

2009 was more than 3 million, 30% of

which towards the wholesale markets,

58% to the large-scale retail trade and the

12% left went abroad, mainly in Germany.

But, what are the secrets of this PO and

how does it want to act for the future?

«Product innovation and constant process

– Scrinzi says – in order to evaluate the

consumers’ service component; promotional

campaigns to underline the

organoleptic, nutritional and sensory fea-

riore al 7% rispetto all’anno precedente.

L’aumento del numero di rotazioni è riconducibile

a diversi fattori. In primo luogo,

l’utilizzo delle cassette di Euro Pool System

nel settore dell’ortofrutta e di altri prodotti

freschi è cresciuto enormemente. In secondo

luogo, i distributori europei sono sempre

più consapevoli dei vantaggi derivanti da

un’eventuale collaborazione con Euro Pool

System. L’organizzazione dispone di circa

121 milioni di cassette blu e verdi. Euro Pool

System è presente nei Paesi Bassi (sede

principale), in Belgio, Germania, Francia,

Italia, Spagna, Austria, Slovacchia e

Repubblica Ceca.

Per informazioni:

info.it@europoolsystem.com,

www.europoolsystem.it.

Michele Scrinzi (on the left) and Silvio

Bertoldi (on the right).

Michele Scrinzi (a sinistra) e Silvio Bertoldi (a

destra).

tures of fruits. And, least but not last, an

economic profit for the lots of families that

live in the peripheral valleys of Trentino,

which, thanks to soft fruit, have found

again the will of tilling a lot of small areas

that were in abandon. So, a great reclaiming

of the environment too».

«Undoubtedly, it’s essential to keep a good

quality and services, but not only that. We

aim at reinforcing the self-life of our products

by means of testing and research –

says Bertoldi –. A variety of reflowering

raspberry, Erika, patented in our fields, it’s

already been launched on the market, and

it has started to give us royalties, while

other 3 varieties of raspberry and a strawberry

are still on trial».

The Sicilian strawberries

«For a firm like we are – Bertoldi and

Scrinzi say – it’s essential to cover the mar-

Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

77

commercial news

le aziende informano


commercial news

le aziende informano

ket all year round. Up to now, a part of our

produce comes from Central and South

America, in the period in which we do not

have products from our members. But,

from this year onwards, we want to widen

our production in the South of Italy, besides

Calabria’s where we have our members, in

Sicily too. For this reason, together with

another wine cooperative from Trentino, the

Mezzacorona Group, which holds 2 farms

in Sicily, in 2010, we will put up a testing

field of 5,000 sq.m. of strawberries, in

order to buy less produce abroad and to

evaluate more the Italian products, from

January to March and April».

(English version by Ilaria Nanni)

In un’annata nella quale i prezzi dei prodotti

agricoli hanno avuto cali a due cifre, i piccoli

frutti della Op Sant’Orsola hanno retto

bene limitando il danno fra il 5 e il 10%. Il

calo maggiore, intorno al 10%, si è verificato

per le fragole, mentre per i piccoli frutti si

è limitato a pochi punti percentuali. Nel

complesso, i 1221 soci della Sant’Orsola,

hanno avuto un seppur lieve (1%) di aumento

del fatturato a fronte di un aumento del

volume dei prodotti conferiti di circa il 15%.

Questo ha portato a un aumento del liquidato

ai soci del 5%. I prezzi di vendita sono

diminuiti mediamente del 4,4%. Il totale dei

prodotti commercializzati è stato pari a

6.560 t con un +6% sul 2008. Il valore totale

della produzione si è attestato sui 51.187

milioni di euro con un +1% sul 2008.

Risultati sufficienti

Una campagna “dai risultati sufficienti”, l’ha

definita così il presidente del Cda Silvio

Monsanto, healthy and good vegetables

Monsanto, ortaggi sani e buoni

Monsanto is not only the synonym of great

cultivations. Since years, the U.S. Company

has been carefully oriented towards the

world of vegetable growing. Nowadays, four

brands converge in Monsanto, which hold

the leadership of seeds for vegetable growing

worldwide: Seminis, De Ruiter Seeds,

Western Seed and Peotech Seeds. Four

realities that, in the last few years, have

developed a strong specialization in differ-

78 Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

Bertoldi nella relazione presentata all’assemblea

annuale dei soci che hanno approvato il

bilancio all’unanimità. Una campagna meno

brillante rispetto a quella del 2008, tuttavia i

prezzi liquidati si collocano a un livello superiore

rispetto al 2007 ed evidenziano un

andamento in crescita rispetto a tutti i parametri

se si considera la media degli ultimi 7

anni, ha sottolineato il presidente.

Questo, ha spiegato assieme al direttore

Michele Scrinzi, è il risultato dell’investimento

fatto per anni sul marchio che è sempre

più forte e popolare, sul prodotto buono, sano

e di qualità, in linea con i gusti e gli stili di vita

dei consumatori. Le indagini di mercato dicono

che se fino a poco fa i piccoli frutti erano

acquistati ogni 15 giorni, ora il consumatore

li mette nel carrello ogni 10 giorni e questo

ha aumentato i consumi. «Nonostante uno

scenario economico poco entusiasmante –

ha sottolineato Scrinzi – siamo riusciti a chiudere

il 2009 con il segno più, ciò grazie

all’aumento del prodotto conferito dai soci,

alla qualità dello stesso frutto del lavoro dei

nostri associati e a quella delle nostre maestranze».

Il numero di colli movimentati nel

2009 è stato di oltre 3 milioni, di cui il 30%

verso mercati all’ingrosso, il 58% è andato

alla gdo e il restante 12% all’estero, prevalentemente

in Germania.

Ma quali sono i segreti di questa Op e

come intende muoversi per il futuro?

«Innovazione di prodotto e di processo

costante – spiega Scrinzi – per valorizzare la

componente di servizio al consumatore, campagne

di comunicazione per sottolineare le

caratteristiche organolettiche, nutrizionali e

ent fields of action: from protected crops to

those in full field, from vegetables tilled in

large areas to real gourmets’ specialities.

As Carl Rentes – director consumer

Europe, Middle East and Africa – points out:

«We are working hard for creating products

which aim at consumers and, therefore,

able to offer something more on the market.

We want vegetables able to be either

tasty or healthy, so, we are trying to work

sensoriali dei frutti, progetti di category manager,

sostenibilità ambientale nelle nostre produzioni

e infine, ma non certo meno importante,

ricaduta economica in tante famiglie

che vivono nelle valli periferiche del Trentino

che, grazie ai piccoli frutti, hanno ritrovato la

voglia di coltivare tanti piccoli appezzamenti

prima abbandonati, operando così un forte

recupero anche sul piano ambientale».

«Certo, è indispensabile mantenere alta la qualità

e i servizi, ma non solo, puntiamo a rafforzare

la self-life dei nostri prodotti anche attraverso

un’attività di sperimentazione e di ricerca

– afferma Bertoldi –. Una varietà di lampone

rifiorente, Erika, da noi brevettata, è già sul

mercato e ha cominciato a darci delle royalty,

mentre altre 3 varietà di lampone e una di fragole

sono in fase ancora sperimentale».

Le fragole siciliane

«Per un’azienda come la nostra – affermano

Bertoldi e Scrinzi – è fondamentale poter

coprire il mercato tutto l’anno. A oggi una

parte dei prodotti vengono dal Centro e Sud

America nel periodo in cui non abbiamo

quelli dei soci. Da quest’anno però vogliamo

ampliare la produzione nel Sud Italia andando

oltre la Calabria dove abbiamo nostri

soci, fino alla Sicilia. Per questo, in collaborazione

con un’altra azienda cooperativa

trentina del settore vitivinicolo, il Gruppo

Mezzacorona, che dispone di 2 aziende in

Sicilia, da quest’anno faremo un campo

sperimentale di 5.000 mq di fragola, che nei

nostri obiettivi dovrebbe permetterci di

acquistare meno all’estero e valorizzare di

più i prodotti italiani nel periodo che va da

gennaio a marzo-aprile».

on fragrance and taste, as well as on the

nutritional value. For instance, the products

we are now launching: Bellaverde®,

absolutely innovative broccoli, a real success

either on the English or on the North

European markets; the lettuce

Cosmopolitan, a crossbreed of cos and

Iceberg cvs that matches crispy and tasty

leaves with an extraordinary nutritional

value; Ever Mild, a sweet onion that let


David M. Stark

(on the left) and

Carl Rentes (on the

right).

David M. Stark (a

sinistra) e Carl

Rentes (a destra).

shed less tears, it has a very long shelf-life and, since the very

beginning of its launch in the USA, it has been much appreciated».

But, what’s the role played by the creation of GMO in Monsanto’s vegetables

with so many innovations? David M. Stark, vice-president

consumer traits, peremptory answers: «None! We can make a practical

reasoning, concerning economic: to set up a GMO is really expensive,

too much expensive for vegetables, no matter how widespread

they are. The horticulture sector must be seen as a whole of segments

and of market niches. We want to use our labs, very up-to-date as

regards molecular genetics, for other goals: to map the genome of different

species. This means to extremely speed up the operations of

traditional breeding. And to resolutely aim at those factors that interest

us most: parasite resistance, fragrance and taste, the nutritional

value. We expect to have our first results by next year».

(English version by Ilaria Nanni)

Monsanto non è solo sinonimo di grandi colture. Da tempo la società

statunitense si è orientata con attenzione verso il mondo dell’orticoltura.

Oggi fanno capo a Monsanto quattro brand che detengono la leadership

mondiale nella produzione di sementi per l’orticoltura: Seminis,

De Ruiter Seeds, Western Seed e Peotech Seeds. Quattro realtà che

negli anni hanno sviluppato una forte specializzazione in diversi campi

di azione: dalle colture protette a quelle di pieno campo, dagli ortaggi

coltivati in grandi estensioni alle vere e proprie specialità da gourmet.

Come sottolinea Carl Rentes, director consumer traits Europe, Middle East,

Africa: «Noi stiamo lavorando intensamente per la creazione di prodotti che

hanno come obbiettivo il consumatore e quindi che offrano qualcosa in più

sul mercato. Vogliamo ortaggi che possano essere nel contempo saporiti

e sani, cerchiamo quindi di lavorare sull’aroma e il sapore oltre che sul

valore nutrizionale. Un esempio sono i prodotti che stiamo lanciando ora:

un broccolo assolutamente innovativo, Bellaverde®, in commercio con

successo sia sul mercato inglese che su quello nordeuropeo; la lattuga

Cosmopolitan, un incrocio fra Romana e Iceberg che combina foglie

croccanti e gustose con un valore nutrizionale eccezionale; EverMild,

una cipolla dolce, che fa lacrimare meno, è estremamente conservabile e

che fin dal lancio a febbraio negli Usa è parsa molto gradita».

Ma con tanta innovazione che ruolo ha la creazione di ogm nei prodotti

orticoli Monsanto? David M. Stark, vice president consumer traits, è

perentorio: «Nessuno! Si può fare un ragionamento pratico, di natura

economica: costituire un ogm è molto costoso, troppo costoso per una

coltura orticola per quanto diffusa essa sia. Il mondo dell’orticoltura

deve essere visto come un insieme di segmenti e di nicchie di mercato.

Noi vogliamo utilizzare i nostri laboratori all’avanguardia nella genetica

molecolare con un altro obiettivo: mappare il genoma delle diverse

specie. Questo vuole dire velocizzare in maniera estrema le operazioni

di breeding tradizionale. E puntare con decisione sui fattori che più ci

interessano: la resistenza ai parassiti, l’aroma e il sapore, il valore nutritivo.

Dal prossimo anno contiamo già di avere i primi risultati».


commercial news

le aziende informano

T 18, the asparagus chosen by the Sun

T 18, l’asparago scelto dal sole

With a natural sweet taste and a typical

crispiness, the asparagus is the spring

produce par excellence, as well as one

of the most appreciated by the regional

cookery, in Italy. That is well-known by T

18, the leading Group in Italy for firstrate

produce production and supplying,

which also launches the asparagus on

the large-scale retail trade market.

Therefore, the asparagus becomes part

of T 18’s “Chosen by the Sun”, synonym

and guarantee of quality and territoriality

of products, coming from especially

devoted areas, from Apulia to Piedmont.

The asparagus produced, selected and

sold by four sizes, from 8 to 20 mm, can

be found up to late in summer, at the

best points of sale, supermarkets and

stalls in Piedmont, Valle d’Aosta,

Lombardy and Liguria. The product will

be easily recognizable because each

bunch of 500 g. – pre-weighed – will

have on its wrapper the T 18’s logo and

its bar code.

Thanks to a flexible system of growth

and to an integrated management of

services for fresh produce marketing,

the Piedmontese T 18 Group, set up at

the end of the nineteenth century in

Turin, it’s one of the most important

realities in the Italian fruit and vegetables

sector, in which converge 10 specialized

in vegetables growth, conditioning

and spreading, which make use of

more than 600 Italian and foreign breeders.

The distribution system deals with

the large-scale retail trade

by 50%, and with the

80

Fresh Point Magazine n.6 – june/giugno 2010

normal trade, pedlars and Horeca, by the

other 50%.

By following the Company philosophy of

quality and tradition, the T 18 Group has

taken the all supply chain as company

mission, to guarantee the best quality of

products and of service, as regards the

environment and consumers’ healthiness;

as well as to contribute to the

spreading of the culture of the really traditional

tastes, to be conscious that the

gastronomic tradition and the typical

food are the historical, cultural and economic

heritage, which is unfortunately

often underestimated and dying out.

For further information: T 18 Group c/o Caat,

Strada del Portone 30, 10095 Grugliasco

(TO). Phone +39 011 3493735, fax +39 011

3493919, www.t18.it, info@t18.it.

(English version by Ilaria Nanni)

Dal gusto naturalmente dolce e dalla tipica

croccantezza, l’asparago è il prodotto

ortofrutticolo per eccellenza della primavera,

e uno dei più apprezzati nella cucina

regionale italiana. Lo sa bene T 18, il

gruppo leader nella produzione e nella

distribuzione di ortofrutta di qualità, che

lancia anche nella gdo questa produzione

orticola.

L’asparago, quindi, entra nella selezione T

18 Scelti dal sole, sinonimo e garanzia di

qualità e territorialità del prodotto stesso,

proveniente dalle zone naturalmente

vocate, dalla Puglia fino al Piemonte.

Gli asparagi prodotti, selezionati e già

posti in vendita nelle quattro calibrature

dagli 8 ai 20 mm, si potranno trovare fino

a estate inoltrata nei migliori negozi,

supermercati e bancarelle di Piemonte,

Valle d’Aosta, Lombardia e Liguria. Il prodotto

sarà facilmente riconoscibile perché

ogni mazzetto da 500 g – già prepesato –

riporterà sulla fascetta il logo T 18 e il suo

codice a barre.

Grazie a un sistema flessibile di produzione

agricola e di gestione integrata dei servizi

per la commercializzazione dei prodotti

freschi, il Gruppo piemontese T 18, nato

alla fine dell’Ottocento a Torino, è una

delle realtà più importanti del comparto

ortofrutticolo italiano, a cui fanno capo 10

aziende specializzate nella produzione,

condizionamento e diffusione dei prodotti

vegetali, che si avvalgono di oltre 600

produttori italiani e esteri. La rete distributiva

opera al 50% con la gdo, e per il

restante 50% presso normal trade, ambulanti

e Horeca.

Seguendo una filosofia aziendale di qualità

e tradizione, il Gruppo T 18 ha fatto dell’intera

filiera produttiva la propria missione

aziendale, per garantire la massima

qualità dei prodotti e del servizio nel

rispetto dell’ambiente e della salute del

consumatore, e per contribuire alla diffusione

della cultura dei sapori tradizionali

autentici, nella consapevolezza che le tradizioni

gastronomiche e le tipicità alimentari

rappresentano un patrimonio storico,

culturale ed economico, oggi purtroppo

spesso sottovalutato e in molti casi a

rischio di scomparsa.

Per informazioni: Gruppo T 18 c/o Caat,

Strada del Portone 30, 10095 Grugliasco

(To) tel. +39 011 3493735, fax +39 011

3493919, www.t18.it, info@t18.it

T 18 asparagus “Chosen by the Sun”.

Gli asparagi T 18 Scelti dal sole.

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!