15.08.2013 Views

Us - B2B24 - Il Sole 24 Ore

Us - B2B24 - Il Sole 24 Ore

Us - B2B24 - Il Sole 24 Ore

SHOW MORE
SHOW LESS

You also want an ePaper? Increase the reach of your titles

YUMPU automatically turns print PDFs into web optimized ePapers that Google loves.

sN° 4/09

WORKPLACE - CONTRACT

DESIGN - MANAGEMENT

il Sole 24Ore business Media srl - via G. Patecchio 2, 20141 Milano

POSTE ITALIANE spa - SPED. IN A.P. D.L. 353/2003 (Conv. in L. 27/02/2004 n.46) art. 1, comma 1, DCB Forlì

DAL 1968 RIVISTA PROFESSIONALE LEADER / SINCE 1968 LEADER PROFESSIONAL MAGAZINE

us award 2009 Numero speciale Special issue

Workplace: innovazione e qualità Workplace: innovation and quality

Vincitori e partecipanti Winners and competitors

Interior design, architecture, wood@work, color@work

Comfort seating Best seating award 09

Nayada Archicontest award 09


2

WORKPLACE: QUALITY AND INNOVATION

nd usaward 2009

competition

US Award 2008 winner: Headquarters Ermenegildo Zegna by Antonio Citterio and Partners

UNA COMPETIZIONE, ORGANIZZATA DALLA RIVISTA US-UFFICIOSTILE, PER IDENTIFICARE

LE ECCELLENZE NELLA PROGETTAZIONE DELL’AMBIENTE DI LAVORO IN EUROPA, PER PROMUOVERE

E DIFFONDERE LA CULTURA DELLA QUALITÀ E DELL’INNOVAZIONE NEL WORKPLACE.

CERIMONIA DI PREMIAZIONE

3 febbraio 2010 - ore 18,00

SEDE DE IL SOLE 24 ORE (SALA COLLINA)

Via Monterosa 91, Milano

La consegna delle targhe ai vincitori sarà preceduta da una tavola rotonda sul tema

“Workplace: qualità e innovazione ”

Ingresso libero. Iscrizioni entro 29 gennaio.

A COMPETITION, ORGANIZED BY US-UFFICIOSTILE MAGAZINE, TO SINGLE OUT

THE EXCELLENCES IN THE PLANNING OF WORKING ENVIRONMENTS IN EUROPE, TO

PROMOTE AND SPREAD THE CULTURE OF QUALITY AND INNOVATION IN WORKPLACES.

PRIZE-GIVING CEREMONY

February 3rd, 2010 – 6.00 pm

AT IL SOLE 24 ORE (SALA COLLINA)

Via Monterosa 91, Milan

The handing of the plaques to the winners will be preceded by a panel on the subject:

“Workplace: quality and innovation”

Free entrance. Enrolment not later than January 29 th .

MEDIA PARTNER

Per informazioni e iscrizioni presenze:

For details and enrolments:

.it

Anna Alberti +39 02 39646833 – anna.alberti@businessmedia24.com

MAIN SPONSOR

SPONSOR

PATROCINATO DA


associazione federlegnoarredo


Direttore responsabile

Antonio Greco

Direttore operativo

Renata Sias

renata.sias@businessmedia24.com

Redazione

collaboratorius@businessmedia24.com

Segretaria di redazione

Anna Alberti

anna.alberti@businessmedia24.com

Comitato scientifico

(design) Alberto Bassi

(architettura) Mario Cucinella

(ergonomia) Francesco Marcolin

(automazione e sicurezza) Luciano Scaramelli

(property management) Oliviero Tronconi

(sostenibilità) Paolo Stella

(contract-hotel) Marco Piva

Collaboratori

Fabio Anselmo/studiofans (art director),

Federica Bottinelli (news, books, ricerche,

manifestazioni), Chiara Brollo (news, showroom,

rassegne), Claudia Cavallaro (estero, realizzazioni,

traduzioni), Silvia Criara (architettura e design),

Aurela Debellis (architettura), Gilberto Dondé,

Great Place to Work Italia (management),

Frida Doveil (materiali, tecnologie), Marzia Morena

(R.E., property management)

Chief Sales Executive

Riccardo Arlati

Segreteria commerciale e traffico

tel 02 3964.6836 fax 02 39844800

lorena.villa@businessmedia24.com

Abbonamenti

tel 02 3964.6420

fax 02 3964.6421

abbonamenti@businessmedia24.com

Tariffe di abbonamento:

US singolo Italia: (annuale) € 12,00

US singolo estero: (annuale) € 44,00

Per acquisti cumulativi contattare l’ufficio abbonamenti.

I versamenti possono essere effettuati sul c/c 28308203

intestato a Il Sole 24Ore Business Media srl

Stampa Faenza Industrie Grafiche, Faenza (RA)

Il Sole 24Ore Business Media srl

Direzione, Redazione, Amministrazione

via G. Patecchio 2 - 20141 Milano

tel 02 39646.1 fax 02 39844800

Presidente

Eraldo Minella

Amministratore delegato

Antonio Greco

Direttore editoriale

Mattia Losi

Direttore Divisione Industry

Fabio Franzoni

Ufficiostile, registrazione Trib di Milano n. 57

del 20.2.1968 - ISSN 1828-0358

R.O.C. n° 6357 del 10.12.2001

Costo a copia ai soli fini fiscali: € 2,30

© Copyright by Ufficiostile. Proprietà letteraria

e artistica riservata. Riproduzione anche parziale

vietata.

Associato all’USPI

Unione Stampa Periodica Italiana

Ai sensi degli artt.7 e 10 del Decreto Legislativo 196/2003 Vi informiamo

che i Vostri dati personali sono trattati da IlSole24Ore

Business Media srl, via G. Patecchio 2, 20141 Milano, Titolare del

trattamento, e che le finalità del trattamento dei Vostri dati sono

l’invio del presente periodico e/o di eventuali proposte di abbonamento,

e/o l’elaborazione a fini statistici e/o la trasmissione

di iniziative editoriali e/o commerciali di IlSole24Ore Business

Media srl.

IVostri dati saranno trattati con le finalità sopra esposte dalle

seguenti categorie di incaricati: addetti dell’ufficio abbonamenti e

diffusione, addetti al confezionamento e alla spedizione, addetti

alle attività di marketing, addetti alle attività di redazione.

Vi ricordiamo che in ogni momento avete il diritto di ottenere l’aggiornamento,

la rettifica, l’integrazione e la cancellazione dei

Vostri dati inviando una richie-sta scritta a:

maurizio.ballerini@businessmedia24.com

usN°

4/09

WORKPLACE - CONTRACT

DESIGN - MANAGEMENT

5

6

8

10

12

14

16

18

20

22

24

76

78

il Sole 24Ore business Media srl - via G. Patecchio 2, 20141 Milano

POSTE ITALIANE spa - SPED. IN A.P. D.L. 353/2003 (Conv. in L. 27/02/2004 n.46) art. 1, comma 1, DCB Forlì

DAL 1968 RIVISTA PROFESSIONALE LEADER / SINCE 1968 LEADER PROFESSIONAL MAGAZINE

us award 2009 Numero speciale Special issue

Workplace: innovazione e qualità Workplace: innovation and quality

Vincitori e partecipanti Winners and competitors

Interior design, architecture, wood@work, color@work

Comfort seating Best seating award 09

Nayada Archicontest award 09

In copertina/cover

US Award interior design: progetto vincitore/winner project

Biblioteca in luogo di culto sconsacrato, Bologna

Progetto di Studio aMDL, Michele De Lucchi (realizzazione Mascagni)

Cover story a pag.12

In IV copertina/4th cover

US Award architecture: progetto vincitore/winner project

Sede Uffici 3M Italia, Pioltello (Mi)

Progetto di MCA Architects, Mario Cucinella

Cover story pag 18

Us award 09: grande successo per la seconda edizione

Us award 09: a great success for the second competition

La giuria/The jury

Criteri di selezione e pubblicazione

Selection and publication criteria

I vincitori

The winners

US AWARD (INTERIOR DESIGN AND ARCHITECTURE)

I vincitori e le motivazioni della giuria

The winners and the jury’s reasons

1° prize interior design - 2° prize wood@work

Biblioteca in luogo di culto sconsacrato (Studio aMDL)

2° prize interior design

Uffici Morningstar (Avenue Architects)

3° prize interior design

Sede Zurich (Digit&Associati)

1° prize architecture

Sede Uffici 3M Italia (MCA Architects)

2° prize architecture

Centro Direzionale Milanofiori Nord (Erick van Egeraat)

3° prize architecture (ex aequo)

Sede Campari (Mario Botta)

3° prize architecture (ex aequo)

Uffici Cabel Holding (Massimo Mariani)

INSERTO

Una brillante innovazione

Akzo Nobel: Sistema Interpon 700

Chrome Silver 2

Workplace

Ergonomia/Ergonomics (a cura di Ergocert)

ComfortSeating 2009 Award

I migliori risultati di comfort, usabilità e sostenibilità

The best results of comfort, usability and sustainability

Pensare al comfort degli utilizzatori

Le sedute di Haworth-Comforto: Zody_System 89 e System 59

Thinking of the users’comfort

The new chairs by Haworth-Comforto: Zody_System89 and

System 59

il Sole 24Ore business Media srl - via G. Patecchio 2, 20141 Milano

POSTE ITALIANE spa - SPED. IN A.P. D.L. 353/2003 (Conv. in L. 27/02/2004 n.46) art. 1, comma 1, DCB Forlì

usN°

4/09

WORKPLACE - CONTRACT

DESIGN - MANAGEMENT

DAL 1968 RIVISTA PROFESSIONALE LEADER / SINCE 1968 LEADER PROFESSIONAL MAGAZINE

us award 2009 Numero speciale Special issue

Workplace: innovazione e qualità Workplace: innovation and quality

Vincitori e partecipanti Winners and competitors

Interior design, architecture, wood@work, color@work

Comfort seating Best seating award 09

Nayada Archicontest award 09

26

28

29

30

31

32

34

54

72

80

82

US AWARD (SPECIAL SECTIONS)

us: rivista trimestrale

internazionale dedicata

all’architettura, al settore

immobiliare, al progetto e

alla gestione dell’ambiente

di lavoro e dei luoghi

collettivi. La rivista è

integrata con l’e-magazine

“us news” e con il sito

www.ufficiostile-online.it

us: quarterly magazine

dealing with architecture,

real estate, project and

management of the

workspace and

communities. The magazine

is supplemented with the emagazine

“us news”

and the website

www.ufficiostile-online.it

Rivista fondata nel 1968

anno 41° n. 4/2009

dicembre 09 - gennaio 10

www.ufficiostile-online.it

La sezione Attualità viene pubblicata

nel sito e nell’e-magazine “us news”

Abbonati gratuitamente a “us news”: scrivi a

collaboratorius@businessmedia24.com

The section Current Affairs is published

in website and in the e-magazine “us news”

Free subscription to “us news”: contact

collaboratorius@businessmedia24.com

Sezioni speciali: i vincitori e le motivazioni della giuria

The special sections: the winners and the jury’s reasons

1° prize wood@work

Postazione di controllo (Paschi Gestioni Immobiliari)

3° prize wood@work

Showroom e studio di architettura (Il Prisma)

1° prize color@work

Uffici Cisco (Progetto CMR)

2° prize color@work

Sede produttiva e uffici BK Italia (Benini & Partners Arch)

3° prize color@work

Palazzo Archimede (Isacco Brioschi)

Interior design: i partecipanti

Interior design: the competitors

Architettura: i partecipanti

Architecture: the competitors

Progetti fuori concorso

Non-competing projects

Creare ambienti di lavoro più confortevoli

Humanscale: approccio ergonomico e sostenibile

Creating a more comfortable place to work

Humanscale: ergonomic and sustainable approach

Archicontest Nayada

Premiati a Mosca i vincitori del concorso Nayada

The winners of the competition Nayada awarded a prize

in Moscow

us 4/09 3


knowledge + expertise

organisation + spaces

company + strategy

L’estetica essenziale dei mobili per l’ufficio Dieffebi nasce da una logica

altrettanto lineare: ricercare la migliore sintesi fra bellezza e funzionalità.

Un obiettivo che prende forma a partire dal progetto e si concretizza attraverso

l’impiego di materiali durevoli e tecnologie produttive evolute. Il sistema di

cassettiere Box Line è un esempio di questo modo di pensare e lavorare:

realizzato in acciaio resistente e inalterabile, in diversi modelli, liberamente

componibili e utilizzabili. Una risposta funzionale alle esigenze dell’ufficio

contemporaneo.

Dieffebi spa via Palù, 36 31020 San Vendemiano (TV) Italia

tel. +39 0438 4715 fax +39 0438 471600 www.dieffebi.com sales@dieffebi.com

function + technology

ecology + sustainability

ITALIAN MADE


editoriale

editorial

Cerimonia di

premiazione e tavola

rotonda:

3 febbraio 2010

ore 18

Sede Il Sole 24Ore

Milano

Prize giving

ceremony and panel:

February 3rd 2010

6pm

At Il Sole 24Ore

Milan

MAIN SPONSOR

SPONSOR

PATROCINATO DA

Us award 09:

grande successo per la seconda edizione

Per il secondo anno consecutivo dedichiamo il numero

di dicembre ai progetti partecipanti alla competizione us

award; un numero molto atteso e davvero speciale, a

partire dalla “doppia” copertina, dedicata ai due progetti

vincitori. Non possiamo che esprimere la nostra

soddisfazione per il successo dell’iniziativa che ha ottenuto

quest’anno il qualificato patrocinio delle principali istituzioni

e associazioni del settore. È doveroso esprimere il nostro

ringraziamento alla competente giuria che ha decretato i

vincitori, con imparzialità e ampiezza di vedute, scegliendo

tra circa 100 progetti, nazionali ed esteri, di altissimo

livello. Un grazie anche agli sponsor che hanno suggerito

l’ampliamento di due sezioni speciali, dedicate all’uso

del legno edelcolore: due elementi psicologicamente

importanti nella “qualità ambientale percepita”,

soprattutto da parte dell’utente, che rimandano al nuovo

filone di progetto nell’interior attento alla polisensorialità

e all’arricchimento di valenze “domestiche” in quei luoghi

che tradizionalmente hanno espresso la propria efficienza

solo in termini funzionali.

E soprattutto grazie a tutti i progettisti che con

entusiasmo hanno dato vita a us award 09, una

competizione – ci teniamo a sottolinearlo – che non

prevede premi in denaro: una così alta e disinteressata

partecipazione è dunque la dimostrazione concreta che

esiste davvero il desiderio di “promuovere la cultura

della qualità e dell’innovazione nell’ambiente di lavoro”,

principale obiettivo di us award.

Rispetto allo scorso anno la giuria ha identificato un

innalzamento generale del livello e, in particolare ci

lusinga che questa edizione abbia focalizzato in modo

più puntuale alcuni tra i temi emersi in occasione della

tavola rotonda organizzata lo scorso febbraio.

I progetti partecipanti, spesso interventi di riqualificazione

urbana, sanno reinterpretare e attualizzare i caratteri

del tessuto urbano proponendosi come nuovi landmark,

sanno rispecchiare i cambiamenti nel modo di vivere gli

spazi collettivi, riflettere al meglio le tendenze più attuali,

sia nel layout sia nell’immagine. Le distribuzioni spaziali

sono concepite per nuovi modelli di organizzazione

aziendale e modalità lavorative, che scopriamo essere

non più sono prerogativa delle grandi imprese

multinazionali, ma sempre più diffusi e radicati anche

negli studi professionali e nelle piccole e medie

imprese che sono alla base della nostra economia.

Cambia la filosofia dell’ambiente di lavoro e questi progetti,

lo dimostrano attraverso un approccio sistemico attento

a tutti i fattori che producono benessere e comfort

(ergonomia, qualità illuminotecnica e acustica, ricerca

cromatica e materica).

Cresce anche la sensibilità ecologica: la stragrande

maggioranza dei nuovi progetti è eco-sostenibile

o quanto meno attenta a ridurre i consumi e l’impatto

sull’ambiente esterno. In altre parole queste architetture

sono l’esempio di un equilibrato rapporto tra esigenze di

fruizione e funzionali, ambientali ed economiche (a riprova

che la qualità non ha necessariamente costi elevati).

Concludono questo numero speciale della rivista altri

due premi che vedono us nel ruolo di media partner:

ComfortSeating, premio di ergonomia promosso

dall’Univesità di Udine e Archicontest organizzto da

Nayada che ci offre una fotografia delle più innovative

proposte in Russia. L’appuntamento per dibattere

sui nuovi valori del progetto dell’ambiente di lavoro

è fissato al prossimo 3 febbraio, in occasione della tavola

rotonda che precederà la cerimonia di premiazione.

Us award 09:

a great success for the second competition

For the second year in a row the December issue is dedicated

to the projects competing for the us award; a long-awaited

and really special issue, starting from the “dual” cover for the

two winning designs. We can but express our satisfaction for

the success of this initiative, that had the qualified sponsorship

of the chief institutions and associations of the industry.

We deem it right to express our thanks to the competent jury

who selected the winners with fairness and broadmindedness,

choosing out of about 100 top-level designs, both national

and foreign. Thanks also to the sponsors also for adding two

special sections on the use of wood and colour: two

psychologically important components in the “perceived

environmental quality”, especially from the user, that refer to

the new planning trend aware of polysensoriality and the

enrichment of “domestic” qualities in places traditionally

expressing their efficiency in functional terms only.

And most of all thanks to all designers, who took part in us

award 09 enthusiastically, a competition – we insist on stressing

it – that doesn’t provide for money prizes. So, such a large

and disinterested participation is the concrete evidence, that

there is a real wish of “promoting the culture of quality

and innovation in the working environment”, which is the chief

aim of us award.

Compared to last year, the jury found a generally higher level,

and in particular, we feel flattered that this edition highlighted

some of the themes that had emerged during the panel

organized last February for the 08 us award.

The competing projects, often of urban upgrading, can render

and update the features of the urban fabric through new

landmarks and reflect the change in the way of living the

communal space.

They reflect the latest trends at their best, both in layout

and image. Space layouts are designed for new models

of company organization and working procedures, which

are no longer a prerogative of the big multinationals,

but are increasingly widespread and rooted also in professional

practices and small and medium concerns, the mainstay

of our economy. The philosophy of the working environment

is changing and these designs prove it through a systemic

approach considering all factors producing wellbeing

and comfort (ergonomics and lighting and sound quality,

study on colours and materials).

Also growing, ecological awareness: a huge number

of the new designs is eco-sustainable or at least very aware

of reducing consumption and environmental impact.

In other words, these architectures are the example

of a well-balanced relation between use requirements

and functional, environmental and economic requirements

(proving that the costs for quality aren't necesserily high).

This special issue of the magazine closes with two more prizes,

that see us-ufficiostile in the role of media partner:

ComfortSeating, the ergonomics award promoted by

Università di Udine and Archicontest organized by Nayada,

that gives us a picture of the most innovative concepts

in Russia. The meeting to discuss the new values of the

working environment project will be on February 3rd, during

the panel preceding the us award 09 prize-giving.

Renata Sias

renata.sias@businessmedia24.com

us 4/09 5


us award 09 la giuria the jury

6 4/09 us

Alberto Bassi

Si occupa di Storia e Critica del Disegno Industriale. E’ Direttore del Corso

di laurea in disegno industriale della Facoltà di Design e Arti Iuav di Venezia

e dell’Università degli studi di San Marino. Collabora con prestigiose riviste

del settore e con l’inserto domenicale de Il Sole24ore.

He deals with History and Criticism of Industrial Design. Head of the degree

course of industrial design at the Faculty of Design and Arts Iuav, Venice, and

Università degli studi di San Marino. Contributor to some prestigious trade magazines

and the Sunday supplement of Il Sole 24 ore.

Alberto De Zan

Presidente di Assufficio dal 2008, è fondatore e titolare dell'azienda Dieffebi

Spa, azienda produttrice di mobili metallici per l’ufficio. Ha ricoperto numerosi

incarichi in ambito associativo come membro del Consiglio direttivo,

della Giunta Esecutiva di Unindustria Treviso e rappresentante della

Piccola Industria Metalmeccanica.

Chairman of Assufficio since 2008, he is the founder and owner of the company

Dieffebi Spa, manufacturing metal office furniture. He has fulfilled several tasks

within associations as member of the board, the Executive Committee of Unindustria

Treviso and as representative of Piccola Industria Metalmeccanica.

Gilberto Dondé

Amministratore Delegato di Great Place to Work Institute Italia, ha collaborato

a lungo con IBM, maturando grande esperienza nei settori tecnologia,

marketing, gestione e sviluppo delle Risorse Umane. Ha pubblicato studi e

tenuto interventi sui temi legati alle opportunità di sviluppo di telelavoro e

sull'analisi dei fabbisogni formativi.

Managing Director of Great Place to Work Institute Italia, he has worked for a

long time with IBM, gaining experience in the sectors of technology, marketing,

management and development of Human Resources. Ha has published studies

and made speeches on themes related to the telework opportunities and analysis

of training requirements.

Fulvio Irace

Professore ordinario di Storia dell’Architettura presso il Politecnico di Milano

e visiting professor presso l’Accademia di Architettura di Mendrisio. Fa

parte del Comitato Scientifico della Fondazione Magistretti e del board of

trustees della Fondazione Piano e dal 2005 al 2009 è stato curatore del

settore Architettura e Territorio. E’ opinionista per il supplemento domenicale

de Il Sole24Ore.

Professor of History of Architecture at Politecnico di Milano and visiting professor

at the Academy of Architecture of Mendrisio. He’s in the Scientific Committee

of Fondazione Magistretti and in the board of trustees of Fondazione Piano

and from 2005 to 2009 he has dealt with the sector Architecture and Territory.

Columnist for the Sunday supplement of Il Sole 24 Ore.

Mattia Losi

Nel 1993 assume la responsabilità delle pagine d’Informatica del Sole 24

Ore, che trasforma nel supplemento Informatica e Telecomunicazioni. Nel

2000 riceve il Premio Economia Saint Vincent, e dal giugno 2007 è direttore

editoriale del Sole 24 Ore Business Media, direttore responsabile del

portale B2B24 e della riviste Energia 24 e Bargiornale.

In 1993 he took on the responsibility of the IT pages of Il Sole 24 Ore, that he

changed into the IT and Telecommunications supplement. In 2000 he was

awarded the Premio Economia Saint Vincent, and as from June 2007 he has

been the editor of Il Sole 24 Ore Business Media, in charge of the portal B2B24

and the magazines Energia 24 and Bargiornale..

Francesco Marcolin

Laurea in Psicologia e Master in Ergonomia. E’ Ergonomo Europeo Certificato

Eur Erg dal 2002 e responsabile di Ergocert e di Ergonomica Ergolab,

Laboratorio di Usabilità e Ricerca Ergonomica. Dal 2000 è docente presso

la Facoltà di Udine. E’ consulente per l’Ergonomia e membro del Comitato

Scientifico di US.

Degree in Psychology and Master in Ergonomics. He is an Euroepan Ergonomist

certified Eur Erg since 2002 and in charge of Ergocert and Ergonomica Ergolab,

Laboratory of Usability and Ergonomic Research. Since 2000 professor at

the Faculty of Udine. Ergonomics Consultant and member of US Scientific Committee.

Francesco Paglia

Laureato in Architettura, collabora dapprima con studi professionali, poi

presso l’U.T. del Credito Italiano. Dal 2005 è a capo della progettazione di

UniCredit Real Estate, Società che ne gestisce il patrimonio immobiliare.

Ha collaborato, per conto del Gruppo stesso, con importanti studi di architettura

italiani ed esteri.

Graduated in Architecture, he first worked with professional practices, then at

the Technical Department of Credito Italiano. Since 2005 head of planning for

UniCredit Real Estate, the company that operates its real estate. For account of

this group, he has worked with some major, Italian and foreign architecture

practices.

Paolo Stella

Libero professionista, progetta per Enti Pubblici e aziende. Nel 2000 è Vicepresidente

dell’Istituto Nazionale di Bioarchitettura sez. Padova. Dal

2005 è Coordinatore generale della Commissione di Bioarchitettura dell’Ordine

degli Architetti di Padova, dove si occupa delle tematiche del risparmio

energetico e delle fonti energetiche rinnovabili.

Free lance, he designs for Public Corporations and companies. In 2000 deputy

chairman at the Istituto Nazionale di Bioarchitettura,. Padua and since 2005 general

coordinator of the Bioarchitecture Commission of the Architectural Fraternity

of Padua, where he deals with the themes of energy saving and renewable

energy sources.

Oliviero Tronconi

Professore ordinario di Tecnologia dell’Architettura al Politecnico di Milano,

si occupa di problemi legati all’innovazione gestionale e tecnologica

del settore delle costruzioni/ immobiliare. Su questi temi ha promosso Master

e iniziative formative al Politecnico, all’SDA Bocconi e al MIP. E’membro

del Comitato Scientifico di US.

Professor of Technology of Architecture at Politecnico di Milano, he deals with

issues related to the technological and managerial innovation of the building/property

industry. On these subjects he has promoted Master’s degrees

and training projects at Politecnico, SDA Bocconi and MIP. Member of US

Scientific Committee.

Giuseppe Turchini

Professore ordinario di Architettura Tecnica del Dip. BEST edocentedi

Recupero e Conservazione degli edifici presso il Politecnico di Milano.

Preside della Facoltà di Ingegneria edile- Architettura del Politecnico di

Milano. Direttore della rivista Arketipo del Gruppo Il Sole 24 Ore.

Professor of Technical Architecture of the BEST department and teacher of Building

Reclaim and Preservation at Politecnico di Milano. Dean of the building Engineering-Architecture

Faculty at Politecnico di Milano. Editor of the magazine

Arketipo of Gruppo Il Sole 24 Ore.


MINELA | LUCE PER LA POSTAZIONE DI LAVORO

LED E FASCIO LUMINOSO AMPIO:

LUCE SOFISTICATA & A BASSO CONSUMO.

www.waldmann.com


us award 09 criteri criteria

8 4/09 us

Pur restando fedele, nell’impostazione e nelle finalità, all’idea originale di “identificare le eccellenze nella

progettazione dell’ambiente di lavoro e al tempo stesso promuovere e diffondere la cultura della qualità e dell’innovazione

nel workplace”, la seconda edizione di us award ha proposto alcune sostanziali modifiche: innanzitutto

l’apertura ai progetti realizzati nel 2008/09 o in progress, non solo in Italia, ma anche in Europa e,

in secondo luogo, una nuova suddivisione delle categorie di progetto ammesse: alle due principali, “Interior

Design” e “Architettura” per l’ambiente di lavoro, si sono aggiunte due sezioni speciali dedicate ad aspetti

meno sostanziali dal punto di vista strutturale e funzionale, ma estremamente importanti dal punto di vista

percettivo ed emotivo di chi vive l’ambiente di lavoro.

Sono infatti finalizzate a valorizzare il valore sensoriale delle superfici e del cromatismo le due sezioni

wood@work (sponsorizzata da Ahec) e color@work (sponsorizzata da Akzo Nobel): fattori giudicati della

massima importanza nella definizione soggettiva di “qualità dell’ambiente”.

Oltre cento i progetti iscritti, tra i quali è stato necessario escluderne circa il 20% per mancanza di conformità,

principalmente perché precedenti al periodo di realizzazione o esterni all’area geografica previsti dal bando,

oppure per evidenti errori formali o mancanza di informazioni.

Come previsto dal bando, le copertine – due copertine per questo numero speciale! – sono state dedicate

ai progetti che hanno meritato il primo posto nelle categorie Interior Design e Architettura; nelle prime pagine

sono pubblicati i progetti vincitori – con due ex-aequo 3° posto per la categoria Architettura – corredati dalle

motivazioni della giuria, seguiti degli altri progetti partecipanti (i progetti entrati in nomination sono pubblicati su

una pagina) suddivisi nelle due categorie.

Abbiamo ritenuto opportuno, pur escludendoli dalla rosa dei possibili vincitori, segnalare come “Fuori Concorso”

alcuni interventi degni di nota, attenti alla qualità e all’impatto sull’ambiente, ma non conformi alle categorie

o alle aree geografiche previste, oppure esclusi su specifica richiesta del committente.

Precisiamo che le informazioni sono state fornite direttamente dai progettisti o dalle aziende che hanno

iscritto i progetti, pertanto la redazione non si assume alcuna responsabilità sulla correttezza dei

dati pubblicati.

Although holding to the original idea, as to approach and aims, of “identifying excellence in the planning of

working environments and at the same time promoting and spreading the culture of quality and innovation in

workplaces”, the second us award proposed a few substantial alterations: first of all the entry to projects

carried out in 2008/09 or still in progress, not only in Italy but also in Europe and, secondly, a new subdivision

of the admitted categories; the special sections were added to the two chief ones, “Interior Design” and

“Architecture” for the working environment, two special sections were added concerning less substantial

aspects from the structural and functional point of view, yet most important from the perceptive and emotional

point of view.

As a matter of fact, the two sections wood@work (sponsored by Ahec) and color@work (sponsored by Akzo

Nobel) aim at bringing out the sensory quality of textures and colours: factors considered of the greatest importance

in the subjective definition of “environmental quality”

Over one hundred entrants, and about 20% of them had to be excluded because unconformable, mainly for

they had been carried out before the term or outside the geographic area provided for by the announcement,

or for clear formal mistakes or lack of information.

As provided for by the announcement, the covers – two covers for this special issue! – were dedicated to

the designs, that carried off first prize in the categories Interior Design and Architecture; the winning designs

are published in the first pages – with two equal third for the category Architecture – coming with the jury’s

reasons, followed by other designs subdivided by category.

We deemed it proper, however excluding them from the shortlist of the possible winners, to point out as

“Non-competing” some noteworthy projects, conscious of quality and environmental impact, yet not in keeping

with the categories or geographic areas provided for, or excluded upon the customer’s specific request.

Tutti i progetti sono anche on line/All the projects are online too: www.ufficiostile-online.it

Testi e schede progetti a cura di Renata Sias e Aurelia Debellis


La conversazione

acquisisce

nuovi valori

Sedie e tavoli innovativi, che si

contraddistinguono per ergonomia

ed eleganza. Il programma di Sedus

meet chair & table arricchisce la

realtà della comunicazione personale

con nuovi standard di qualità.

Sedus Stoll S.r.l.

Via Giotto, 20/22

I-22075 Lurate Caccivio (CO)

Telefono 031.494.111

www.sedus.it più intensamente.

Sedia per collettività meet chair

Design: designship ulm


us award 09 i vincitori the winners

10 4/09 us

interior design

1° Biblioteca in luogo di culto sconsacrato, Bologna

Progetto: Studio aMDL, Michele De Lucchi (2008)

Per aver conciliato arredi contemporanei e funzionali con la dimensione di uno spazio storico; il gioco

prospettico, derivato dalla disposizione degli arredi, amplifica il continuo richiamo all’essenza del luogo.

Reconciling contemporary and functional furniture with the scale of a historical space, the perspective play

resulting from the arrangement of the furnishings amplifies the continuous reference to the local essence.

2° Uffici Morningstar, Milano

Progetto: Avenue Architects, Dante Bonuccelli (2009)

Per aver creato, in un edificio esistente, uno spazio “immateriale” ricco di riflessi e trasparenze e curato

nei dettagli costruttivi che non trascura gli aspetti distributivi e funzionali.

For the creation, in an existing building, of an “immaterial” space rich in reflections and transparencies

and carefully designed construction details, yet not neglecting the layout and functional aspects.

3° Sede Zurich, Milano

Progetto: Digit&Associati (2008)

Per aver realizzato un vivace ufficio a misura d’uomo, confortevole sotto ogni aspetto, attento non solo

alla funzionalità e al risparmio energetico, ma alle esigenze dei dipendenti anche fuori dall’orario di lavoro.

For the carrying out of a lively office on a human scale, comfortable from various angles, taking into account

functionality as well as energy saving but also the employees’ requirements also after hours.

architettura

1° Sede Uffici 3M Italia, Pioltello (Mi)

Progetto: MCA Architects, Mario Cucinella (in progress)

Per la particolare attenzione all’inserimento della struttura edilizia nel contesto ambientale circostante,

alla sostenibilità, al proporzionamento degli elementi architettonici e all’attento uso di materiali colori.

For the special care given to the fitting of the building structure into the surroundings, sustainability,

the proportioning of architectural components and the accurate use of materials and colours.

2° Centro Direzionale Milanofiori Nord, Milano

Progetto: Erick van Egeraat (in progress)

Per la qualità del masterplan e del mix architettonico-funzionale-ecologico che caratterizza il progetto

in termini di elevata capacità innovativa come nuova “porta sud” per l’ingresso al territorio milanese.

For the quality of the master plan and the architectural-functional-ecological mix, that marks the project

in terms of high innovation skill as a new “south gate” to enter the Milanese territory.

3° Sede Campari, Sesto San Giovanni (Mi)

Progetto: Mario Botta (2009)

Per avere integrato e valorizzato la preesistenza storica all’interno di un nuovo edificio con alto standard

di qualità, forte caratterizzazione architettonica e spiccata personalità.

For the integration and enhancement of the historical pre-existence inside a new building with a high

quality standard, marked architectural characterization and personality.

3° Uffici Cabel Holding, Empoli

Progetto: Massimo Mariani (2008)

Per la capacità di integrare nella campagna toscana un edificio a basso impatto ambientale caratterizzato

da forme non convenzionali, che nelle ore lavorative risponde a ogni esigenza di comfort e di notte “galleggia”

lieve.

For the skill in fitting a low impact building marked by unconventional shapes into the Tuscan countryside,

meeting all comfort requirements during the working hours and “floating” light by night.


Vieni a provare Kiron nei nostri showroom:

Haworth Creative Center

Haworth Creative Center

Filiale Haworth

Haworth S.p.A BO

e presso i nostri rivenditori autorizzati : www.haworth.it

Semplicemente, per spazi in evoluzione

Il cambiamento non è mai stato più semplice:


, Kiron semplicità di

assemblaggio facile e rapida configurazione degli spazi.

Kiron contribuisce alla salvaguardia dell’ambiente:


us award 2009 interior design winners

Primo classificato

Biblioteca in luogo di culto sconsacrato, Bologna

Progetto: Studio aMDL, Michele De Lucchi (2008)

Superficie complessiva

650 mq

Credits

Team leader:

Angelo Micheli,

Philippe Nigro

Coordinamento:

Mirco Grenzi (Divisione

Contract Mascagni)

Fornitori:

Mascagni

Produzione Privata

IGuzzini

Foto:

Mario Carrieri

12 4/09 us

Rispettando l’impianto generale e le caratteristiche del luogo sacro e monumentale della chiesa si realizza

una biblioteca adatta alla consultazione/lettura di testi facenti parte del patrimonio della Fondazione della

Cassa di Risparmio di Bologna mediante un lavoro di restauro che riconsegni alla cittadinanza bolognese

l’antico edificio della chiesa di S.Giorgio in Poggiale a Bologna.

By respecting the general plan and the features of the sacred and monumental place of the church, you

carry out a library fit for the reference/reading of texts belonging to the wealth of Fondazione della Cassa

di Risparmio di Bologna through a restoration giving back to the city of Bologna the old building of the

church of San Giorgio in Poggiale, Bologna.

Un accurato lavoro di restauro per ridare vita al

complesso di San Giorgio in Poggiale. Il nuovo

allestimento ha trasformato in biblioteca d’arte gli

interni della chiesa edificata tra il 1589 e il 1633,

oggi sconsacrata. L’intervento dialoga all’unisono

con le antiche architetture e il patrimonio librario e

artistico, costituito da volumi d’arte e sul territorio

bolognese, manoscritti, incunaboli, cinquecentine,

stampe e incisioni collocati tra le navate.

wood@work

Artefice e protagonista dell’armonia è il legno

di rovere scelto per la pavimentazione, gli arredi e

la scenografica bussola d’ingresso a torre. Listoni

di massello in rovere grezzo con finitura

a cera, posato a correre sfalsato nel pavimento,

enfatizzano la dimensione longitudinale delle

navate. In quella centrale è collocata una pedana

rialzata su più livelli, realizzata su disegno, che

pone in primo piano la sala principale di lettura e

consultazione. I tavoli, in legno massello di

rovere, sono disposti nel senso della lunghezza,

secondo la visione prospettica che converge

nell’abside centrale.

In questa porzione i mobili-libreria, a sviluppo

rettilineo lungo la pedana e nel perimetro

all’interno di nicchie laterali, diventano moduli

con profilo curvilineo. Gli scaffali, deposito delle

preziose collezioni, hanno struttura rinforzata in

acciaio, top in massello di rovere e sono forniti

di illuminazione a LED.

All’entrata è collocato l’elemento più originale

del progetto, una torre che funge da bussola

d’ingresso, formata da 42 anelli sovrapposti,

ognuno costituito da 10 “mattoni” in

monoblocco di massello di abete dello stesso

colore del pavimento. Il disegno ha incluso

all’interno del totem anche un sistema di

isolamento caldo/freddo, porte e sistema

d’illuminazione.


1°prize

interior design

2°prize

wood@work

Library in a deconsecrated place

of worship

An accurate restoration to rivive the complex

of San Giorgio in Poggiale. The refurbishment

has changed the interiors of a church built from

1589 to 1633 and now deconsecrated, into an

art library. The project is a unison dialogue with

the ancient architectures and the artistic and

book heritage, including also books on the

Bologna area, art, manuscripts, incunabula,

books published in the sixteenth century, prints

and engravings placed between aisles.

wood@work

Oak wood is the originator and lead of the

harmony chosen for the flooring, furniture units

and the scenographic, tower-shaped revolving

door. Wood-bricks in solid, waxed raw oak, laid

at split-levels emphasize the longitudinal dimension

of the aisles. In the nave there is an especially

designed platform raised on more levels, that

brings to the fore the main reading and reference

room. At the entrance, there is the most original

component of the design, a tower used as revolving

door, formed by 42, superimposed rings, each

consisting of 10 “bricks” in blocks of solid firwood

in the same hue as the floor. The project provides

also for a heat/cold insulation system, revolving

door and lighting system inside the totem. ■

us 4/09 13


us award 2009 interior design winners

Secondo classificato

Uffici Morningstar, Milano

Progetto: Avenue Architects, Dante Bonuccelli (2009)

Superficie:

mq. 760

Credits

Progetto e direzione lavori:

Avenue Architects

Arch. Dante Bonuccelli

Arch. Morgan Orlandi

Arch. Anna Fiolka

Coordinamento della

sicurezza:

Soluzioni engeneering

Arch. Manuela Pupilella

Fornitori:

Unifor

Fontana Arte

Ambro Elettrica

Tecnomobil

Alpiq

Foto:

Mario Carrieri

14 4/09 us

L’edificio, degli anni ’50, presentava la classica tipologia da ufficio con lunghi corridoi, inadatta ad una società

che basa la sua attività nel lavoro di gruppo e nella comunicazione.

Il piano è stato diviso in due parti con ingresso e reception in zona baricentrica; a destra si trovano tutti gli

uffici in open space e a sinistra le aree pubbliche, separate da grandi vetrate. Nel nocciolo centrale, senza

finestre, sono stati concentrati i locali di servizio.

The building, dating back to the fifties, featured the ordinary office layout, with long corridors, unfit for a

company based on teamwork and communication.

The floor was divided into two parts with entrance and reception desk in a barycentric position; right-hand

there are open-space offices and left-hand the public areas divided by large, glazed walls. The central core,

without windows, accommodates the ancillary services.

L’assenza quasi totale di pareti cieche, la

presenza di cristalli trasparenti o filtri vetrati

traslucidi insieme alla lunga parete e al

controsoffitto laccato lucido creano uno spazio

“immateriale” ricco di riflessi. Le poche porte

sono “mimetizzate” raso o vetrate trasparenti. I

due punti focali sono rappresentati dalla

reception e dal “Cafè”, concepiti come sculture

realizzate con pannelli in legno laccato lucido

colore bianco dalla complessa geometria,

assemblati in cantiere in modo da diventare

pezzi monolitici senza giunti a vista.

Il pavimento sopraelevato è in materiale minerale

monostrato a base di solfato di calce, finito con

incollaggio di pietra naturale lavica dell’Etna

piombata in opera. L’illuminazione del corridoio è

incassata nel pavimento a filo della pietra e si

riflette sul controsoffitto lucido. Il resto degli uffici

ha lampade in alluminio lucido con ottica dark

light. Sui plafoni degli spazi open space sono

stati applicati pannelli fonoassorbenti di vetro che

hanno l’aspetto monolitico di una soletta.

Il gioco di toni monocromatici dialoga con i

riflessi dei metalli, dei vetri, delle lampade dalla

luce calda, della grande parete e soffitto che

riprende il colore verde della facciata dell’edificio.

Morningstar offices, Milan

The almost total lack of blind walls, the

presence of transparent glass or translucent,

glazed filtres, the long wall and the glossy

contact ceiling, create an “immaterial” space

rich in reflections. The few doors are

“camouflaged”, flush with the door and

practically invisible and the glazed walls have

sliding doors also in transparent glass.

The reception and the “café” are the two focal

points, designed as sculptures in glossy,

white wood panels featuring a complex

geometry and assembled on the construction

site so as to become monoliths with no

visible joints.

The lighting in the passageway is embedded

in the floor flush with the stone and is reflected

in the glossy contact ceiling. The rest of the

offices are lit up by polished aluminium lamps

with dark light optics. Some sound absorbent

panels in glass cover the ceiling of the open

space.

The monochrome hues play with the reflections

of metals, glass and lamps giving out a warm

light, the large wall and ceiling in the same

green as the front of the building. ■


2°prize

interior design

us 4/09 15


us award 2009 interior design winners

Terzo classificato

Sede Zurich, Milano

Progetto: Digit&Associati (2008)

Superficie:

oltre 36.000 mq

Fornitori:

Estel Office

Caimi Brevetti

Sedus

Gunnebo Italia

Liuni

Zumtobel

Regent

Edilgrè

Permasteelisa

Silvestri Ingeneria e

Impianti IECI

Viabizzuno

Arredamenti 3B

ColorAtelier

MG-Modelsystem

16 4/09 us

Lo space plannig dell’intero headquarter include aree operative, di rappresentanza e di servizio integrate

con diverse facilities come ristorante, auditorium, palestra e mini-spa. La richiesta della committenza per

gli uffici operativi è orientata verso la massima flessibilità, pertanto l’ambiente di lavoro risponde a questi

requisiti rispettando privacy e vivibilità, garantendo così standard elevati di confort ambientale.

The space planning of the whole head office includes task areas, meeting rooms, services and facilities

such as restaurant, gym and mini-spa. The customer’s request for the task offices was oriented to maximum

flexibility, so the working environment meets these requirements yet providing for privacy and liveability,

thus assuring high standards of environmental comfort.

L’edificio si compone di nove piani fuori terra

distribuiti su quattro corpi di fabbrica che si

intersecano ortogonalmente creando al primo

livello una corte interna, intorno alla quale

vengono organizzate la reception e tutte le altre

facilities. Al nono piano sono collocati gli uffici

direzionali, la boardroom e lo spazio di

rappresentanza coperto da una struttura

geodetica trasparente. Il layout del piano tipo,

che ha una superficie di circa 2500 mq e può

ospitare fino a 265 persone, è organizzato

attraverso i team office, ovvero gruppi di quattro

postazioni delimitate da contenitori di altezza

moderata, pensati per essere sufficientemente

isolati da creare un ambiente contenuto e

raccolto; sono presenti servizi, come la zona

caffetteria e le aree break, meeting point

informali, smoking area.

Per garantire flessibilità e caratterizzazione si è

operato su più livelli: dall’organizzazione dei

piani alle scelte tecnologiche, dall’immagine

coordinata al controllo ambientale ed

energetico. Il layout di piano offre la massima

flessibilità e sono state impiegate tutte le

possibili attrezzature tecnologiche per rendere

gli uffici confortevoli: setti acustici, controsoffitti

e pavimenti fonoassorbenti, illuminazione con

rilevatore di presenza per garantire un efficiente

risparmio energetico.

color@work

Una riflessione è stata fatta per la grafica di

orientamento che, attraverso pannelli colorati

posti agli sbarchi ascensori, agevola lo

spostamento ai piani. Anche i colori,

volutamente in contrasto con il tono

monochrome degli spazi di lavoro, aumentano

la riconoscibilità dei punti di distribuzione

verticale e consentono un facile orientamento.

Credits:

Collaboratori:

Piergiuseppe Diodato

Anna Randone

Giulia Jannello

Jacopo Acciaro (Voltaire)

Monica Sobacchi (Zurich)

Fabio Paggiaro (Zurich)

Ezio Paolini (Zurich)


3°prize

interior design

Zurich head office, Milan

The building consists of nine storeys distributed

on four bodies, that criss-cross to create an

inner court on the first level, round which the

reception and all the other facilities are

organized. On the ninth floor you find the

executive suites, the board room and a hall

covered by a transparent, geodetic structure.

The layout of the standard floor, taking up

about 2500 m 2 and accommodating up to

265 people, is organized in team offices with

four workstations defined by medium-high

storage units, designed to be secluded enough

to create a small, cosy environment; there

are also break areas and a cafeteria.

The requested flexibility was obtained through

the layout of floors, the technological choices,

the consistent look and the environmental

and energy control.

color@work

The directional marks were carefully considered

and the choice fell on coloured panels placed

opposite the lifts to make it easier moving on the

floor. The colours, too, intentionally clashing with

the monochrome shades of the working areas,

increase the visibility of the vertical connections

and allow an easy orientation. ■

us 4/09 17


us award 2009 architecture winners

Primo classificato

Sede Uffici 3M Italia, Pioltello (Mi)

Progetto: MCA Architects, Mario Cucinella (in progress)

Superficie:

10.300 mq

Credits

Progetto strutture:

SCE Project

Ingegneria Meccanica:

TIFS Engineering

Ingegneria Elettrica:

TIFS Engineering

Impresa generale:

CMB

Immagini virtuali:

Engram

Fornitori:

Teleya

18 4/09 us

È il primo edificio in realizzazione, parte del masterplan dell’area completato nel 2005: una struttura lineare,

terrazzata, lunga 105 metri e larga 21, di altezza variabile tra i due e i cinque piani. L’analisi ambientale

del contesto ha portato alla scelta di soluzioni attive per il tetto e le facciate.

It’s the first building under way and belongs to the master plan of the area completed in 2005: a linear, terraced

structure, 105 m long and 21 m wide, and a height ranging from two to five floors. The environmental

analysis of the context led to the choice of active solutions for the roof and fronts.

La forma e l’orientamento ottimali consentono

un efficace controllo ambientale: le facciate nord,

est e ovest sono progettate con vetri e particolari

sistemi di ombreggiatura. Il fronte sud è stato

disegnato con una serie di terrazze che offrono

spazi ombreggiati. Le terrazze agiscono inoltre

come tampone ambientale proteggendo dagli

sbalzi climatici estremi in estate e inverno.

I pannelli fotovoltaici integrati, oltre a produrre

energia, conferiscono un aspetto tecnologico

alla costruzione.

3M Italia offices, Pioltello (Mi)

The optimum shape and orientation allow an

effective environmental control: the north, east

and west fronts are in glass with special

shading systems. The south front features a

number of terraces providing for shady spaces.

In addition, terraces act as environmental buffer,

protecting from sudden climate changes in

summer and winter. The built-in photovoltaic

panels, besides producing energy, lend a hightech

look to the building. ■


1°prize

architettura

us 4/09 19


us award 2009 architecture winners

Secondo classificato

Centro Direzionale Milanofiori Nord, Milano

Progetto: Erick van Egeraat (in progress)

20 4/09 us

Milanofiori Nord nasce con l’obiettivo di essere un quartiere a misura d’uomo, di elevata qualità ambientale,

dove architettura e paesaggio vivranno strettamente legati. Oltre a rispettare criteri di sostenibilità in

termini di composizione, tecnologia e materiali (bioedilizia, pannelli solari) prevede anche la valorizzazione

delle aree boschive esistenti.

Milanofiori Nord aims at being a district on a human-scale, with a high environmental quality, where architecture

and landscape will complement each other perfectly. Besides complying with sustainability standards

as to composition, technology and materials (bio-building, solar panels), it also provides for the

enhancement of the surrounding wooded areas.

La prima fase dell’intervento, in via di

ultimazione, ospita uffici, residenze, superfici di

vendita ed edifici che si affacciano sulla piazza

(bar, ristoranti, cinema multisala, hotel, centro

fitness, funzioni e servizi di interesse collettivo).

Gli edifici sono in stretto rapporto con

l’ambiente, con la sua fruizione e con il consumo

delle fonti energetiche: gli involucri esterni sono

realizzati secondo le migliori tecniche, al fine di

contenere le dispersioni termiche; gli impianti

tecnologici sono ad alto rendimento energetico.

La produzione di acqua calda domesticosanitaria

verrà in parte garantita mediante

energie rinnovabili ed è stata costruita una

centrale di teleriscaldamento. Sono installati

impianti fotovoltaici per la produzione di energia

elettrica. Il servizio di sorveglianza con

telecamere è attivo 24 h/24. I percorsi pedonali

sono differenziati rispetto ai flussi veicolari.

Business Centre Milanofiori Nord, Milan

The first planning stage accommodates offices,

residences, shops and buildings overlooking the

square (bars, restaurants, multiplex, hotel,

fitness centres, communal functions and

services). Inside the development, buildings are

closely related to the environment, its utilization

and consumption of energy sources: the

outside cladding is carried out according to the

best techniques, in order to control heat

dispersion; the technological systems feature a

good energy performance and photovoltaic

plants are used to produce electricity ■

Superficie totale:

218.000 mq

Superficie uffici:

circa 121.000 mq

Credits

Masterplan e progettazione

architettonica:

Erick van Egeraat

Team leader:

Uri Yeger

Coordinamento

comunicazione:

Andrea Ruboni

Project Management,

Progettazione integrata

e Direzione Lavori:

Intertecno

Sicurezza cantierizzazione:

Guffanti Group&Partners

Committente:

Brioschi Sviluppo

Immobiliare

Fornitori:

General contractor:

Ati Unionbau, PFB

Doka Italia

Gruppo CSE Bamtec

Gualini

COSMI

Prometal

Comoparquet

RW Panel

Foto:

Maurizio Bianchi


2°prize

architettura

us 4/09 21


us award 2009 architecture winners

Terzo classificato

Sede Campari, Sesto San Giovanni (Mi)

Progetto: Mario Botta (2009)

Superficie totale:

21.990 mq

Superficie uffici:

6170 mq

Credits

Progetto architettonico:

Mario Botta

Progetto Urbanistico:

Giancarlo Marzorati

Progetto interior design:

Progetto CMR

Progetto Esecutivo:

Moretti Contract

Fornitori:

Unifor

Uniflair

Siemens

Foto:

Mario Carrieri

22 4/09 us

Il progetto prevede uno sviluppo terziario caratterizzato dall'intersezione di due stecche: la prima si sviluppa

su nove piani fuori terra, mentre la seconda, “a ponte” su 2 piani, sovrasta l’edificio storico che dal

1904 ospitava la fabbrica: una preesistenza che rimane come memoria storica ed ospiterà un museo.

The design provides for a services development marked by the intersection of two bodies: one develops

on nine storeys above grounds, while the two-storeyed “bridge” towers over the old building, that has accommodated

the factory since 1904: a pre-existence that remains as a historical memory and will be the

venue of a museum.

Il committente ha delineato le principali

caratteristiche che il fabbricato avrebbe dovuto

possedere per ospitare il proprio headquarters :

valorizzare l’edificio storico con un alto standard

di qualità, forte caratterizzazione architettonica e

personalità. Il brief chiedeva una sede che

durasse nel tempo ed esprimesse i valori

fondanti dell’azienda e dei suoi marchi – unicità,

razionalità, eleganza, trasparenza; un edifico

moderno e razionale che potesse rispondere alle

esigenze e ai bisogni attuali e futuri, quindi molto

versatile; un luogo dove si lavora con piacere,

dove l’ambiente di lavoro trasmette coerenza,

pulizia, trasparenza, rigore; un edificio che pur

nella complessità architettonica, nella scelta dei

materiali e nell’attenzione al dettaglio rispettasse

il budget di costo definito.

Campari offices, Sesto San Giovanni (Mi)

The client outlined the chief characteristics

the building should have to be a suitable venue

for the company: to enhance the old building

with a high quality standard, marked

architectural characterization and personality.

The brief provided for offices lasting over time

and expressing the basic values of the

company and its brands: uniqueness,

functionality, elegance, transparency; a modern

and functional building to meet the current and

future needs, so very adaptable; a place where

one works with pleasure and not overshooting

the cost budget. ■


3°prize

architettura

us 4/09 23


us award 2009 architecture winners

Terzo classificato

Uffici Cabel Holding, Empoli

Progetto: Massimo Mariani (2008)

24 4/09 us

Calato nella campagna toscana, l’edificio, attento al contenimento dei costi e al controllo dell’impatto ambientale,

si sviluppa orizzontale con due piani fuori terra e uno interrato. Si accede all’interno mediante

ponti sospesi su un ampio scavo. Di notte l’area si trasforma in una piscina di luce che stacca l’architettura

dal terreno e la fa galleggiare nell’oscurità.

Located in the Tuscan countryside, the building, conscious of the price restraint and environmental impact,

develops horizontally with two floors above ground and a basement. You enter through bridges over

a large excavated area. By night the area changes into a pool of light, that makes the architecture stand

out against the ground and float in the darkness.

Il progetto si innesta su un filone di precedenti

esperienze di collaborazione con l’azienda,

durante le quali era già stata delineata la volontà

di caratterizzare l’immagine aziendale attraverso

il disegno e la qualità degli ambienti di lavoro.

Gli interni sono concepiti come una sequenza di

spazi diversi, visivamente connessi tra loro, in

modo da costituire un ambiente di lavoro

dinamico, centrato sulle relazioni e le

comunicazioni tra gli operatori.

Di giorno la luce entra all’interno attraverso

le finestre o i vetri colorati dei tagli di facciata;

di notte il colore viene proiettato all’esterno.

Sulla copertura sono alloggiati pannelli solari

fotovoltaici.

Cabel Holding offices, Empoli

The design follows a number of previous

collaborations with the company, during which

the will to characterize the corporate image

through the planning and quality of the working

places had already been outlined. The interiors

are designed as a sequence of different spaces,

visually interconnected, so as to create a

dynamic working environment focused on the

workers’ relations and communication. ■


3°prize

architettura

Superficie:

4500 mq

Credits

Collaboratori:

Elda Bellone,

Alessandro Mariani,

Roseda Gentile,

Giovanni Lunardi,

Simona Baronti

Direzione lavori:

Studio Bandinelli

Strutture:

Ing. Patrizio Lisi, ufficio

tecnico RDB prefabbricati

Fornitori:

RDB

Edilsavy

RAL infissi

Riverclack

Elettroprogetti

Sanyo

Mitsubishi

Zumtobel

Bega

Floor gres

Trend

Belotti

Paver

Idee&Parquet

Knauf

Profili

Silent Gliss

Foto:

Alessandro Ciampi

us 4/09 25


us award 09 i vincitori the winners

26 4/09 us

wood@work

1° Postazione di controllo sede storica Monte Paschi Siena

Progetto: Paschi Gestioni Immobiliari, Franco Biondi (2008)

Per il perfetto inserimento nell’edificio classico di una struttura d’arredo di forte impatto che integra

e nasconde gli elementi tecnologici.

For the perfect integration of a striking furniture structure hiding the built-in technological components

in a classic building.

2° Biblioteca in luogo di culto sconsacrato, Bologna

Progetto: Studio aMDL, Michele De Lucchi (2008)

Per l’affascinante scenografia lignea, con espliciti rimandi storici all’epoca di costruzione della chiesa,

che arricchisce di teatralità la biblioteca.

For the charming wooden setting, with explicit historical references to the period the church was built in,

that enhances the theatricality of the library

3° Showroom e studio di architettura, Milano

Progetto: Il Prisma, Barbara Patrizio (2009)

Per aver messo in evidenza non solo le caratteristiche tecniche del materiale, ma anche per aver indagato

sui riflessi psicologici legati a particolari lavorazioni e finiture.

For the highlighting of the technical features of the material, as well as the psychological impact related

to special works and finishes.

color@work

sponsor

sponsor

1° Uffici Cisco, Vimercate (Mi)

Progetto: Progetto CMR, MassimoRoj (2008)

Per il potenziale espressivo e compositivo evidenziato nell’uso del colore che, oltre ad essere elemento

di identità aziendale, riesce a stabilire relazioni anche con il contesto urbano circostante.

For the expressive and composition potential stressed in the use of colour that, besides being a corporate

identity factor, can establish relations also with the surrounding urban context.

2° Sede produttiva e uffici BK Italia, Treviglio (BG)

Progetto: Dante O. Benini & Partners Architects (2009)

Per aver saputo trasformare la corporate identity con la sua forte connotazione cromatica in un concreto

“fil rouge” che diventa elemento caratterizzante dell’interior design.

For it could change the corporate identity with its marked chromatic scheme into an actual “fil rouge”

that becomes the distinctive feature of the interior design.

3° Palazzo Archimede, Milano

Progetto: Isacco Brioschi (2009)

Per gli originali giochi cromatici ottenuti con l’uso fluido di trasparenze, riflessi e luce – naturale e artificiale –

che, ispirandosi alla natura, rendono più vivi e vivibili gli ambienti confinati.

For the original chromatic plays obtained through the fluid use of transparencies, reflections and light

that draw inspiration from nature, thus making the confined rooms livelier and more liveable.


le foreste di latifoglie americane continuano a crescere:

informatevi sull’ampia varietà di specie sostenibili

visitando americanhardwood.org

un materiale antico

per un nuovo modo

di pensare.

legno di latifoglia

americano.

alder

ash

aspen

basswood

beech

birch

cherry

cottonwood

elm

gum

hackberry

hickory & pecan

hard maple

soft maple

red oak

white oak

sassafras

tulipwood

walnut

willow

centro visitatori delle saline

di añana, spagna, in frassino

americano (american ash).

progetto: architetti landaochandiano.


us award 2009 wood@work winners

Postazione di controllo sede storica Monte Paschi Siena

Progetto: Paschi Gestioni Immobiliari, Franco Biondi (2008)

1°prize

wood@work

28 4/09 us

La postazione di controllo si contraddistingue per l’ergonomicità e la sicurezza a favore del personale che

opera al suo interno. La forma a spirale si ispira alla limitrofa scala realizzata negli anni ’70 su progetto dell'arch.

Spadolini, da cui trae anche l’utilizzo del materiale che ne costituisce sia la parte strutturale che di rivestimento:

rovere sfibrato e curvato.

The check-station stands out for the ergonomics and safety standards meant for the staff working inside.

The helical shape is inspired by the neighbouring stairs carried out in the seventies and designed by architect

Spadolini, and makes use of the same material for both the structural part and the cladding: curved

and scraped wood.

La forma dinamica della postazione introduce il

visitatore verso la scala che conduce ai vari uffici

di direzione generale della banca. La superficie

verticale segue la curvatura con la funzione di

protezione dei commessi. Nella struttura lignea

sono integrate le apparecchiature tecnologiche

(monitor, impianto clima, ecc.); sono presenti

un sistema di illuminazione ben calibrato

e un impianto di climatizzazione efficiente che

generano un alto grado di benessere.

wood@work

Il materialie utilizzato, rovere sfibrato e curvato,

è ecocompatibile; la struttura può essere

disassemblata senza alterare la struttura

architettonica.

Fornitori:

Gunnebo italia

Selesta Ingegneria

Calderai

Mc Elettrica

BTicino

Kreon

Siemens

Lufima

Voltolini Mario

Foto:

Lenzini Foto

Check-station at the old offices

of Monte Paschi Siena

The dynamic shape of the station introduces

the visitor to the stairs leading to the offices

of the general management of the bank.

The vertical surface follows the curving, to

protect the clerks. The equipment is integrated

in the wooden structure.

wood@work

The material used, curved and scraped wood,

is eco-compatible: the structure may be

disassembled without altering the architectural

structure. ■


Superficie:

400 mq

Credits:

Progect mng

Stefano Carone

Construction mng

Giuseppe Carone

Fornitori:

Sedus

Steelcase

Artemide

Regent Illuminazione

Alt Lucialternative

Omnitex

Marty Parquet

Gea Verde

Grim Costruzioni

Eurocemi

Omnitex

Ferrari Arredamenti

Level office Landscape

Relfo

Ferrari arredamenti

Foto:

Patrick Joseph Acheson

Showroom e studio di architettura, Milano

Progetto: Il Prisma, Barbara Patrizio (2009)

3°prize

wood@work

Lavorare, divertirsi, stupire, isolarsi, condividere, documentarsi, rilassarsi: sono alcune delle esigenze alle

quali il progetto ha cercato di rispondere, attraverso l’adozione di una logica funzionale, ma aperta all’eccentricità

e alla provocazione. Una grande attenzione è stata rivolta al comfort ambientale e ai valori emozionali

dell’architettura.

Working, having fun, amazing, cutting oneself off, sharing, reading up, relaxing: these are just a few requirements

this design tried to meet, by adopting a strict, functional logic yet open to eccentricity and challenge.

Emphasis was put on environmental comfort and the emotional qualities of architecture.

Il progetto ha individuato due macro aree

funzionali, una per ogni piano dell’edificio:

l’area operativa e l’area dedicata al contatto

coi clienti. La prima include 22 postazioni in

openspace, un’area espositiva, una struttura

“C shape” per riunioni informali e una stanzarelax

“secret room” le cui pareti sono state

rivestite con cortecce d’albero.

Nell’area dedicata ai clienti, dove l’atmosfera

è più elegante seppure con spunti vistosi quali

il giardino verticale, è presente una grande

sala riunioni divisibile e un’area break attrezzata

con cucina.

wood@work

Rovere anticato spazzolato oliato e sbiancato

per i pavimenti interni. Teak per camminamenti e

pedane all’esterno. Cortecce d’abete per i

rivestimenti della secret room.

Showroom and architecture practice,

Milan

The design singled out two functional macro

areas, one on each floor of the building: the task

area and the area for the contact with

customers. The former includes 22 workplaces

in an open space, a room for informal meetings

and a “secret room”, where the walls are faced

with tree barks. In the area for customers, where

the atmosphere is more refined yet with some

showy components like the vertical garden,

there is a large, separable meeting area and a

break area with kitchenette.

wood@work

Brushed, oiled and bleached, distressed oak

for the inside flooring. Teak for the circulation

areas and outside platforms. Tree barks for the

vertical facing of the secret room. ■

us 4/09 29


us award 2009 color@work winners

Uffici Cisco, Vimercate (Mi)

Progetto: Progetto CMR, Massimo Roj (2008)

1°prize

color@work

30 4/09 us

Uno spazio di lavoro che valorizzi il coinvolgimento, la comunicazione, la collaborazione fra i dipendenti, un

luogo gradevole, stimolante, creativo e informale con aree irresistibili anche per la clientela. Spazi pensati

per investire energie sulla conoscenza, migliorando la qualità della vita.

A working space bringing out the involvement, communication and cooperation between employees, a

pleasant, spurring, creative and informal place with irresistible areas for customers, too. Spaces meant for

investing energies in knowledge, improving the quality of life.

Il concept innovativo crea un’identità visiva

chiara e definita per aumentare la percezione

dell’azienda e facilitare la comprensione

dall’esterno delle caratteristiche e dei servizi che

offre. L’idea sulla quale si è basato lo schema

planimetrico è stata quella di sovrapporre alla

pianta regolare dell’edificio la scheda madre di

un computer, composta da elementi fissi, mobili,

di interscambio e comunicazione, replicati nei

luoghi di lavoro. Il risultato ha permesso agli

utenti, attraverso la pianificazione degli ambienti

di lavoro -basata sulla collaborazione,

sull’apertura, sulla centralità delle persone- di

godere di un ambiente confortevole, vivibile e

funzionale alle attività di ciascuno.

L’interior design si basa sui concetti di

trasparenza, colore e luce. La reception rivela le

attività che si svolgono al primo piano e il grande

server che consente il lavoro e le comunicazioni

dentro e fuori l’azienda.

color@work

I colori istituzionali, rosso e blu, le nuance beige,

carta da zucchero e grigio, caratterizzano i

volumi cubici realizzati con pareti vetrate, che

identificano i piani operativi. Accanto ai classici

arredi da ufficio, differenziati in base ai vari spazi

di lavoro, si trovano elementi inusuali, opere

d’arte e oggetti del vivere quotidiano.

Superficie:

5.145 mq

Credits

Design leader:

Maurizio Melchiori,

M&E, Claudio Panichi

Coordinamento

sicurezza:

Roberta Destefani

Design team

Rosanna Cicolella,

Darren John Degood,

Yipin Han, Caterina

Lastrico, Laura

Noriega, Elena Pepe

Fornitori:

Alart

Artemide

Artigo

B&B

Cicrespi

Faram

Giambelli

Liuni

Living

Moroso

Office Solutions

Omnitex

Steelcase

Xal

Foto:

Beppe Raso

Cisco offices, Vimercate (Mi)

The novel concept creates a clear and

well-defined visual identity to increase the

perception of the company and make it easier

to understand from the outside the

characteristics and services offered. The idea

underlying the site plan was to superimpose

the regular plan of the building and the

motherboard of a computer, formed by fixed,

movable, interchange and communication

components, repeated on the workplaces.

The interior design is based on concepts of

transparency, colour and light. The reception

area shows the tasks performed on the first

floor and the big server, that allows to work

and communicate inside and outside the

company.

color@work

The corporate colours, red and blue, beige,

smoky blue and grey, mark out the cubic

volumes featuring glazed walls to identify the

task floors. Besides the ordinary office furniture,

different according to the various working areas,

there are some unusual elements, art works

and objects of everyday use. The lighting

provides for a dimmering system to make the

most of daylight and help towards energy

saving. ■


Sede produttiva e uffici BK Italia, Treviglio (BG)

Progetto: Dante O. Benini & Partners Architects (2009)

2°prize

color@work

Attraverso la nuova corporate identity, arricchita dal riuso di un edificio industriale di grande carattere, la

nuova sede BK Italia ospita produttività e rappresentanza in spazi capaci di trasmettere a chi vi opera un

senso di comfort e di appartenenza.

Through the new corporate identity, enhanced by the reuse of a most distinctive industrial building, the

new offices of BK Italia suit productivity and representativeness and convey a feeling of comfort and belonging

to the people working there.

Il progetto crea una sorta di introspezione e di

estroversione: gli uffici chiusi sono separati da

pareti divisorie vetrate che isolano ma nello stesso

tempo dialogano con il resto dello spazio, mentre

la flessibilità dello spazio è data da pareti mobili

che rendono sempre percepibile il volume interno

in tutta la sua continuità. Gli spazi dedicati alle

sale meeting e agli uffici operativo-manageriali,

prevedono dotazioni tecnologiche sofisticate.

color@work

La corporate identity dell’Azienda è il “fil rouge”

dell’intero progetto di architettura e di interiors,

coerentemente armonizzati dal logo e dalla sua

forte connotazione cromatica. Dal gigante logo

in facciata -con un diametro di 9 m- a quello

utilizzato come tavolo meeting, dalle sedute ai

tubi tessili per il passaggio dell’aria, fino

all’attrezzatura di ciascuna postazione, il rosso

diviene segno grafico e concept degli spazi, non

semplicemente colore.

BK Italia, production unit and offices,

Treviglio (BG)

The design creates a sort of introspection and

extroversion: the enclosed offices are separated

by glazed partitions to provide for privacy yet still

connecting with the rest of the space, while

flexibility is given by movable walls, that make

Superficie:

1.000 mq

Credits

Progetto opere

architettoniche e

direzione artistica:

Dante O. Benini &

Partners Architects

Progetto corporate

identity/graphic design:

Vignelli Associates

Direzione lavori:

Pievani Associati

Progetto impianti

meccanici – elettrici

Pierre Engineering

Fornitori:

Sagsa

Tecnogivex

Armstrong

Assopav

B&G

Gruppo Ivas

Wever

Ducrè

Zumtobel

Fratelli Martini

iGuzzini

Dga

Kreon

Ceramica Globo

Ceramica Flaminia

Imola Ceramica

Nava

Foto:

Beppe Raso

the inside volume perceptible in all its continuity.

Meeting rooms and task-managerial offices are

supplied with state-of-the-art technologies.

color@work

The corporate identity is the “fil rouge” of the

whole architectural and interior design,

consistently harmonized by the logo and its

emphasis on colour. From the huge logo on the

front – with a 9 m dia – to the one used as

meeting table, from the chairs to the textile

tubes letting the air in, through to the equipment

of each workplace, red is the graphic sign and

concept of spaces, not just a colour. ■

us 4/09 31


us award 2009 color@work winners

Palazzo Archimede, Milano

Progetto: Isacco Brioschi (2009)

3°prize

color@work

32 4/09 us

Lo studio di questa Corporate, innovativo luogo di formazione e ricerca in Italia, è partito dalle ricerche

condotte da Healthy Plants sul beneficio di introdurre la vegetazione negli ambienti lavorativi. La sfida architettonica

è quella di impedire lo smarrimento dell’uomo richiamando la sua natura, facendola riequilibrare

nel proprio ambiente lavorativo.

The design of such an innovative training and research facility in Italy started from the studies carried out

by Healthy Plants on the beneficial effect of plants in working environments. The architectural challenge is

to prevent man’s bewilderment through a well-balanced contribution of nature in one’s working environment.

Originali giochi di trasparenze, di riflessi e di

luce, naturale e artificiale, connotano gli spazi.

Per eliminare il senso claustrofobico nei corridoi,

l’ingresso alle aule didattiche è evidenziato con

delle rientranze e con l’ausilio di portali in vetro

che fungono da display per informazioni

multimediali relative alle lezioni. Nei corridoi sono

state installate luci a pavimento per rendere

scenografico il percorso.

Superficie:

4.000 mq

Credits

Direzione lavori Impianti

elettrici:

Steno Pasque

Luciano Berna Berionni

(Banca Mediolanum)

Collaboratori:

Sergio Virdis,

Matteo Bettoni,

Carmen Ferrin Pozuelo,

Laura Gazzola,

Luigi Brescianini

Fornitori:

Herman Miller

Poltrona Frau

Silent Gliss

Buzzi & Buzzi

Targetti Sankey

Viabizzuno

Flos, Foscarini

Casalgrande Padana

Concreta, Amtico

Foto:

Matteo Cirenei

color@work

Si fa uso di grafica e immagini per rendere viva

ed emozionale la struttura. L’identità dell’azienda

è particolarmente evidente a partire dalla zona

reception e il colore, specialmente nella luce,

rende evocativi gli ambienti, caricandoli di enfasi.

L’illuminazione prevede un sistema di

dimerizzazione che consente di sfruttare al

massimo la luce naturale, per contribuire al

risparmio energetico.

Palazzo Archimede, Milan

Original plays of transparencies, reflections and

daylight and artificial light characterize these

rooms. To avoid the claustrophobic feeling in the

passageways, the entrance to the classrooms is

stressed by some recesses and the use of glass

portals acting as displays for multimedia

information on the lessons. Floor-embedded

lights in passageways make the route a scenery.

color@work

Graphics and pictures are used to make

the structure lively and emotional. The company

identity is already stressed starting from

the reception area and colour, especially in the

lighting, make rooms evocative and full of

emphasis. ■


Company promo, edited by us ufficiostile www.ufficiostile-online.it

Oggi esiste una nuova interessante proposta

per l’effetto cromatura

Per richiesta campioni e informazioni:

marketing.italia@akzonobel.com

tel. +39 (0)31 345 111

Nelle foto: alcune opere di

Anish Kapoor esposte alla

Gladstone Gallery, 530

West 21st Street New York.

Le affascinanti superfici

delle opere di Kapoor

ampliano innumerevoli

possibilità nella mente di

chi guarda. Come ha detto

lui stesso, si ingegna

perché i suoi materiali siano

in grado di “...rendere

possibile qualcosa d’altro...

le cose non fisiche, le cose

intellettuali, le possibilità

disponibili grazie al

materiale”.

Non-Object (Pole), 2008

Anish Kapoor

Stainless steel

239 x 202 x 202 cm

Photo: David Regen

Courtesy: the artist and

Barbara Gladstone Gallery


Da sinistra a destra:

Non-Object (Door), 2008

Stainless steel

281.3 x 118.1 x 118.1 cm

Non-Object (Pole), 2008

Stainless steel

239 x 202 x 202 cm

Vertigo, 2008

Stainless steel

217.8 x 480.1 x 101.6 cm

Photo: David Regen

Courtesy: the artist and

Gladstone Gallery

Una brillante innovazione

I mercati più orientati all’innovazione e al design, come quello dell’arredamento, sono alla continua

ricerca di finiture all’avanguardia. Tra le differenti richieste spicca la necessità di riprodurre un effetto

metallizzato il più simile possibile alla cromatura tradizionale. La domanda nasce dall’esigenza di

trovare alternative valide ad un processo, la cromatura appunto, molto costoso e poco gestibile dagli

operatori, sempre più compressi dalle esigenze di impatto ambientale sia interne (cicli, impianti

e rispetto della salute dei lavoratori) che esterne (smaltimento di residui di lavorazione).

Sistema Interpon 700 Chrome Silver 2

Nuovo trattamento dei pigmenti metallici e topcoat

trasparente per garantire massime performance

di resa estetica e durabilità

Nel 2008 AkzoNobel lancia il primo

di una nuova generazione di

prodotti basati sull’utilizzo di

nuove tecniche formulative e

produttive in grado di esaltare la

brillantezza del metallo con tutti i

vantaggi delle vernici a polvere:

Chrome Silver.

Il successo di Chrome Silver è

strettamente vincolato ad un ciclo

che prevede una mano finale

di prodotto acrilico con lo scopo

di proteggere la finitura metallizzata,

passaggio che richiede

l’applicazione su impianti dedicati

e non sempre facilmente reperibili.

A un anno dalla scoperta di Chrome

Silver il Centro di Ricerca e

Sviluppo mette a punto il prodotto

di seconda generazione:

una nuova finitura in polvere ad

effetto cromato per-formante e

rivoluzionaria: Chrome Silver 2.

L’innovazione principale rispetto

alla prima finitura risiede nella gestione

del trattamento dei pigmenti

metallici, resa possibile da

nuove tecnologie non disponibili

solo un anno prima.

Chrome Silver 2 è stato sviluppato

in modo da garantire un’ottima

resa estetica ai fini decorativi e

una valida protezione per il substrato

di alluminio. È un ciclo formato

da una base epossipoliestere

ad effetto metallizzato lu-


Chrome Silver 2 (EW041D + Trasparente Poliestere)

offre tutti i vantaggi di un prodotto verniciante

a polvere: minor impatto ambientale, ridotti costi

e facilità di applicazione

cido (EW041D) che viene protetta

da una mano di trasparente a

base poliestere (YZ500D) serie

Interpon 810 ad alta durabilità.

Il secondo aspetto innovativo che

indica Chrome Silver 2 come la

proposta vincente, consiste proprio

nella messa a punto di una

nuova versione di topcoat trasparente.

Quest’ultima prevede

l’utilizzo di una vernice a polvere

con caratteristiche applicative

standard che garantisce un’ottima

resa in termini di protezione. Inoltre

l’esclusiva brillantezza della finitura

permette a Chrome Silver 2

di porsi come possibile alternativa

alla cromatura tradizionale. I

test sul prodotto dimostrano una

ottima resistenza al graffio e agli

agenti atmosferici e una buona

resistenza alle impronte digitali. È

possibile pulire iprodotti dalle impronte

utilizzando semplicemente

un panno umido o un detergente

neutro. Come per ogni finitura particolare,

che si rivolge ai mercati

più diversificati, è sempre importante

che il prodotto venga testato

anche in base al tipo di progetto

che ne prevede l’utilizzo. Questo

per garantire una resa ottimale

della finitura sia per caratteristiche

estetiche che tecniche.

I limiti tecnologici delle Vernici in

Polvere, e dei relativi pigmenti

metallizzati usati nelle polveri termoindurenti,

ad oggi non sono

ancora in grado di offrire un livello

di finitura definibile “a specchio”,

sebbene Chrome Silver 2

sia l’eccellenza delle finiture ad

effetto cromato fino ad oggi disponibili

sul mercato.

Il ciclo Chrome Silver 2 si propo-

ne come valida alternativa sia alla

cromatura tradizionale che alla

cromatura a liquido o quella sottovuoto,

infatti il minor impatto

ambientale, i ridotti costi di applicazione

e la facilità dell’applicazione

stessa fanno di questo prodotto

un’arma vincente. L’applicazione

della polvere può avvenire

in normali impianti di verniciatura

con pistole corona con una

temperatura di cottura ideale per

idue strati di 180°C per 15 minuti.

Gli indubbi vantaggi di un

prodotto verniciante a polvere rispetto

ai convenzionali processi

di cromatura risiedono quindi non

solo nel basso impatto ambientale

(minor smaltimento rifiuti, basso

costo energetico, ciclo a due

livelli ecc.), ma anche nella facilità

di lavorazione del supporto metallico

qualsiasi sia la sua forma o

dimensione.


Stare bene in ufficio aiuta a lavorare meglio.

Assufficio è l’associazione di FederlegnoArredo che raggruppa e tutela

le aziende italiane produttrici di mobili per ufficio, pareti attrezzate e sedute.

Oltre a fornire servizi di consulenza, di aggiornamento e di formazione

nell’ambito normativo, tecnico e ambientale, è impegnata nel progetto Ufficio

Fabbrica Creativa che ha l’obiettivo di studiare e di promuovere la corretta

progettazione dell’ufficio e quindi di identificare i modelli organizzativi

e le soluzioni di arredo in grado di migliore la qualità e la produttività intellettuale.

Associarsi aiuta a sviluppare la propria qualità d’impresa.

Associati per crescere.

La forza è un gioco

di squadra.

federlegnoarredo.it

Assarredo•Assobagno•Assoimballaggi•Assolegno•Assoluce•Assopannelli•Assufficio•ASAL Assoallestimenti•EdilegnoArredo•Fedecomlegno•AIPPL EdilegnoArredo•APIL•FLAY

Design: graphicamente


us award 2009 interior design

Sede Shearman & Sterling LLP, Parigi

Progetto: Image de Marc, Marc Prigent (2008)

34 4/09 us

É stato scelto il cuore di Parigi per la sede europea di uno dei più importanti studi legali americani; la ristrutturazione

ha dovuto prestare attenzione al rispetto e al ripristino delle caratteristiche materiche e architettoniche

precedenti poichè l’edificio, di cui Shearman & Sterling LLP occupa tre dei cinque piani, è sottoposto

a rigidissime normative delle Belle Arti.

The very heart of Paris was chosen for the European venue of one of the major American legal firms; the

renovation design had to respect and restore the previous material and architectural characteristics, since

the building, where Shearman & Sterling LLP takes up three out of the five floors, is subject to the strictest

rules of the Superintendency of Fine Arts.

Sono stati valorizzati lo spettacolare ingresso

con specchi e vetrate sui Champs Elysees,

gli stucchi e le grandi balconate rendono

unico l’edificio.

Il secondo piano, cuore del progetto, raggruppa

le sale riunione con arredi in palissandro e inserti

in pelle nera, dotati di impianti multimediali per

la video-conferenza.

Ai piani superiori si trovano le sale riunione più

piccole, l'archivio e la biblioteca. Tutti gli arredi

e la boiserie della biblioteca sono stati realizzati

su misura stanza per stanza.

Superficie:

2.500 mq

Fornitori:

Frezza

Foto:

Fausto Trevisan

Shearman & Sterling LLP, Paris

The striking entrance hall with mirrors and glass

walls facing the Champs Elysees, stuccoes and

wide balconies, that make this building unique,

were especially glamorized. The second floor,

the core of the project, groups the meeting

rooms with furniture in rosewood and parts in

black leather, supplied with multimedia aids for

video-conferences. On the upper floors there are

the smaller meeting rooms, records and library.

All furnishings and the woodwork in the library

were made-to-measure for each room. ■


Superficie:

3.200 mq

Credits

Strutture:

Werner Sobek

Ingenieure

Progetto impiantistico:

Ziebell Willner und

Partner

Progetto illuminotecnico:

AG Licht

Fornitori:

Sedus

Implenia fsb

Basf

Ferrari

Interglas

Kvadrat

Centro ricerca e sviluppo Sedus, Waldshut (Germania)

Progetto: ludloff + ludloff architekten BDA (2009)

Il “vestito tessile” in fibre di vetro che riveste la

facciata cambia l’effetto visivo secondo

l’intensità solare, da trasparente a cieco;

all’interno si trova la project room. Luce naturale

e diffusa che entra da una parete dà un

carattere museale allo spazio. L'impianto di

riscaldamento/raffrescamento a soffitto utilizza

l'acqua proveniente dalla falda acquifera, il

calore disperso dalle macchine dell'impianto

idrico viene utilizzato per alimentare il

riscaldamento. Le fonti luminose sono gestite da

un impianto regolato in base alla luce solare.

Sedus R&D Centre, Waldshut (Germany)

The “textile dress” in glass fibres cladding the

front changes the visual effect to the sun

intensity, from transparent to blind; inside there

is the project room. Daylight and diffused light

coming from a wall create a museum-like

atmosphere. The heating/cooling system

installed in the ceiling makes use of the water

coming from a water table, the wasted heat

from the machines of the waterworks is used for

the heating. The light sources are operated by a

system that follows the sunlight. ■

Un edificio che riunisce tutte le attività dell'azienda relative allo sviluppo di prodotti (design, ingegneria, costruzione,

serie di test, acquisto strategico, project management ecc.) innovativo nell'uso di materiali e ben

integrato nel contesto.

A building, that gathers all the company jobs related to the development of products (design, engineering,

construction, tests, strategic purchase, project management, etc.), innovative in the use of materials and

perfectly integrated into the surroundings.

us 4/09 35


us award 2009 interior design

Uffici bancari, Milano

Progetto: Studio Aksu-Suardi (2008)

36 4/09 us

Un ambiente che ben rappresenta l’asset management della banca, il ramo più moderno e dinamico: luminoso,

aperto, fluido e adatto a favorire i contatti fra gli operatori. Trattandosi di gestione del risparmio, lo

spazio ha un’immagine sobria, rigorosa e rassicurante.

A setting well expressing the asset management of the bank, the most modern and dynamic one: bright,

open, flowing and suitable for fostering contacts. Since it’s a matter of saving management, the room features

a simple, strict and reassuring image.

I soffitti e le pareti in legno scuro sono stati

rimossi e al loro posto pareti e soffitti sono stati

trattati con una verniciatura grigio chiaro per

rendere gli ambienti più luminosi. I controsoffitti,

chiari e continui, sono leggermente staccati dalle

pareti per accentuare il senso di leggerezza e

per consentire il flusso dell’aria condizionata.

Le ripartizioni non strettamente necessarie sono

state eliminate a beneficio di un grande open

space con alcune aree vetrate semi trasparenti.

Oltre alle aree operative, l’intervento ha

interessato anche il piano del top management

e la reception.

Superficie:

2.000 mq

Credits

Azienda realizzatrice:

ESIET

Fornitori:

Knoll

Unifor

Caimi Brevetti

Wilkhahn

Produzione Privata

Poltrona Frau

Artemide

Memphis

Sadi controsoffitti

Pozzi Ginori

Rubinetterie Teorema

Foto:

Beppe Raso

Bank offices, Milan

The ceilings and walls in dark wood were

removed and replaced with pale grey painted

walls and ceilings to get brighter rooms.

The contact ceilings, clear and uninterrupted,

are slightly off the walls to stress the feeling

of lightness and allow the flowing of the

conditioned air. The not strictly necessary

partitions were removed to obtain a large open

space with some semi-transparent glazed areas.

Besides the task areas, the design concerned

also the top management floor and the

reception. ■


Superficie:

250 mq

Credits

Luca Solazzo

Tito Violante

Uffici direzionali e operativi IQM, Roma

Progetto: Andrea Lupacchini (2009)

Spazi flessibili, di grande impatto emozionale per i visitatori e per gli impiegati, ottenuti ottimizzando il piano

seminterrato di un edificio degli anni 20 coperto con volte a tutto sesto. Abbattendo i tramezzi esistenti si è

ottenuto un open space articolato in diverse aree operative mediante vetrate trasparenti scorrevoli. Gli arredi

su disegno sono sospesi da terra per lasciare libero il pavimento.

Flexible spaces, with a high emotional impact on visitors and employees, obtained by optimizing the basement

of a building dating back to the twenties with a vaulted roofing. By knocking down the existing

screens, an open space was obtained and divided into different task areas through sliding glass walls. The

bespoke furniture units are raised from the floor to leave it empty.

L’attenzione per l’ergonomia ambientale

si attua nel comfort termico, assicurato da

un impianto a tutt’aria realizzato a scomparsa

nel pavimento; nell’illuminazione del tipo

diretto/indiretto e nell’ottimizzazione acustica,

ottenuta mediante pannelli sandwich decorativi

rivestiti in iuta ignifugata che assolvono

all'assorbimento di riverberi fastidiosi.

Executive and task offices IQM, Rome

The focus on environmental ergonomics

was realized in the thermal comfort, ensured

by a warm-air system concealed in the floor;

in the direct/indirect lighting and the optimum

acoustics obtained through ornamental

sandwich panels covered with fireproofed jute

to absorb any irritating reverberations. ■

us 4/09 37


Sede Unione Agricoltori, Bergamo

CRS O.kitalia, Paolo Carzaniga (2008)

38 4/09 us

Un’opportunità progettuale guidata dal superamento dei limiti del preesistente: disegnare uffici

operativi e direzionali confortevoli in uno spazio quadrangolare illuminato solo su un lato.

A planning opportunity to overcome the restrictions of the pre-existent: to design comfortable

task and executive offices in a quadrangular space lit up on one side only.

us award 2009 interior design

Lo sfruttamento massimo della luce proveniente

dal lato finestrato è resa possibile dalla scelta

di partizioni vetrate. Gli spazi più bui del layout

sono stati destinati alla grande sala riunione

e a zone di servizio. Il cromatismo verte

principalmente su tonalità chiare di legnami

e finiture per una percezione massima della

luminosità; unica nota decisa è data dalle

sedute rosse.

Unione Agricoltori, Bergamo

To make the most of the light coming from

the windowed side, the choice fell on glazed

partitions. The darkest areas of the layout are

meant for the meeting room and ancillary areas.

The colour scheme is mostly based on the pale

shades of woods and finishes for the maximum

perception of brightness; the red chairs are

the only splash of bright colour. ■

Uffici direzionali Siram, Parma

CRS O.kitalia, Pier Luigi Bontempi (2008)

Superficie:

500 mq

Fornitori:

O.Kitalia

Foto:

Photocelio

Un ambiente lavorativo fortemente connotato dall’attenzione alla comunicazione,

al linguaggio dei colori e dei materiali come qualità intrinseche dell’azienda

che rappresenta attenzione al comfort dei dipendenti.

A working environment heavily marked by communication, the language of colours

and materials as intrinsic qualities of the company, always conscious of

the employees’ comfort.

Superficie:

1.000 mq

Fornitori:

O.Kitalia

Artemide

iGuzzini

Trilux

Simex

Foto:

Photocelio

Due livelli di superficie, visivamente uniti dalla

scala aperta su un vano a tutta altezza, ospitano

30 postazioni in un coinvolgente continuum di

ambienti e corridoi che si dipartono dalle due

reception. Queste, vero cuore organizzativo delle

attività, offrono effetti luminosi cangianti. I marchi

aziendali sono state ingranditi per creare effetti

scenografici.

Executive Office Siram, Parma

Two surface levels, visually linked by the open

stairs on a wall-to-ceiling space, accommodate

30 workplaces in an involving continuum of

rooms and passages branching off from the two

receptions. The latter are the real organizational

core and feature iridescent light effects.

The corporate trade-marks were enlarged to

create showy effects. ■


Filiale Banca Friuladria, Udine

CRS O.kitalia, Adriano Maule (2008))

Un edificio storico dalle geometrie architettoniche molto nette offriva spazialità buie

e limitate ma anche possibilità progettuali che, sfruttate fino alla scala del dettaglio

di interior, hanno portato ad una rivisitazione dell’ambiente critica e coerente.

A historical building with clean-cut architectural geometries offered dark and limited

areas, but also planning possibilities that led to a critical and consistent reassessment

of the environment, thanks to the detail-scale exploitation of the interiors.

Superficie:

1.500 mq

Fornitori:

O.Kitalia

Regent

Moroso

Foto:

Photocelio

Sede Comitato World Design Capital 2008, Torino

MARC, Michele Bonino & Subhash Mukerjee (2008)

Un temporary space attivo per la durata dell’anno di Torino Capitale del Design deve esprimere la missione

etica del design: rendere migliore e più piacevole lo stile di vita e di lavoro di ognuno, senza intenti

spettacolari o autoreferenziali.

An active temporary space open during the whole year of Turin Capital of Design has to express the

ethic mission of design: to improve and make more pleasant everyone’s style of life and work, with no

spectacular or self-referential aims.

Lo spazio favorisce nella sua interpretazione uno stile

di lavoro innovativo, aperto e orizzontale; tutte le

postazioni di lavoro trovano posto attorno a un unico

grande tavolo i cui bordi opportunamente sagomati

ospitano le principali funzioni dell'ufficio, compresa la

zona attesa/relax: là il piano diventa morbido e

funziona come un vero divano.

Offices Comitee World Design Capital 2008,

Turin

The current setting facilitates an innovative

work style, open and horizontal; all workstations

are arranged round one, large table with properly

shaped edges to provide for the chief tasks

of the office, including wait and break: there,

the top is soft and may be used as a real settee. ■

La luminosità diffusa, libera di fluire per tutto

il volume riportato alle sue dimensioni

complessive, unisce le diverse aree, filtrando

attraverso pareti divisorie in vetro trasparente

con motivi cromatici orizzontali che sembrano

replicarne all’infinito la scansione ritmica.

Branch Banca Friulana, Udine

The diffused brightness, freely streaming through

the whole volume now back to its overall

dimensions, links the various areas by filtering

through partition walls in transparent glass

with horizontal, chromatic patterns, that seem to

repeat the rhythmic stressing to infinity. ■

us 4/09 39


Ufficio campione Centro Direzionale Tre Torri, Brescia

Studio Effe (2009)

40 4/09 us

L’atmosfera newyorkese che si respira in questo spazio, enfatizzata dalle grandi pareti vetrate degli

open space, vuole essere la prima garanzia che l’azienda committente offre al cliente di valide proposte

di arredo d’interni per gli immobili che vende.

The NY atmosphere of this space, emphasized by the large glazed walls of the open space, is

meant to be the best guarantee of the fine interior design concepts offered by the company to

the would-be customers of the properties on sale.

us award 2009 interior design

Sede Baxter Italia, Roma

Studio Transit (2008)

Attualizzare un edificio storico del quartiere EUR è un’operazione che passa attraverso la reinterpretazione

degli stilemi classici dell’edificio e il superamento dello schema planimetrico originale

a favore di una nuova flessibilità architettonica ed impiantistica.

Updating a historic building in the EUR district involves the reinterpretation of the classic stylistic

features of the building and the overcoming of the original site plan for a new architectural

and plant engineering flexibility.

Il layout distributivo e l’ergonomia offrono livelli

elevati di comfort per un ambiente dove il design

è un vero e proprio strumento di relazione.

Negli interni i materiali e i colori scelti evocano

la struttura esterna: il travertino contrapposto

alla trasparenza delle partizioni vetrate apporta

una calda matericità molto romana.

Headquarters Baxter Italia, Roma

The layout and ergonomics offer high comfort

standards for a setting, where design is an

actual relation tool. The materials and colours

chosen for the interiors evoke the outside

structure: the travertine stone opposed to the

transparent, glazed partitions produces a warm

and very Roman art of matter. ■

Superficie:

150 mq

Superficie:

5.000 mq

Fornitori:

Faram

Cartesio

Dinamico

Inbox

Klöber

Newfloor

Graniti fiandre

Liuni

Fornitori:

Icf

Usm

Porro Homework

International Office

Concept

Luceplan

Cerruti-Baleri

Foto:

Tiziana Arici

Un mix misurato di veri e propri must dell’arredo

ufficio integrati a sistemi innovativi per la

suddivisione dello spazio lavorativo: funzione ed

emozione si compenetrano. La soluzione

progettuale è aperta a possibilità di modifiche,

evoluzioni o trasformazioni successive.

Pilot Office Tre Torri Trade Center,

Brescia

A well-balanced mix of real office furniture

must-have combined with innovative systems

for the subdivision of the working areas: function

and emotion penetrate each other. The planning

solution is open to possible future change,

evolution or transformation. ■

3emmegi

Arti roma

Technology & global

service

Kone

Stignani illuminazione

Regent

Artemide

Foto:

Andrea Pancino


Uffici direzionali, tecnici ed esecutivi, Longaré (Vi)

Carlo Beltramelli (in progress)

Il brief, molto ambizioso, richiedeva la rappresentazione

di un ufficio inteso come vera e propria

fabbrica di idee.

The very ambitious brief required the representation

of an office meant as a real factory of ideas.

Si è voluto rappresentare questo concetto

tramite l'interazione tra colori, trasparenze e un

sistema illuminotecnico che troverà continuità

nell'involucro esterno tuttora in fase di

realizzazione.

Executive and task offices, Longaré (Vi)

This concept was carried out through the

interplay between colours, transparencies and a

lighting-technique system, that will find continuity

in the outside shell still under way. ■

Sede Deutsche Bank, Francoforte (Germania)

Mario Bellini Architects (in progress)

Vincitore di un concorso internazionale ad inviti, il progetto prevede la ristrutturazione di un edificio

anni ’80, carente dal punto di vista funzionale e impiantistico, per far riemergere i valori d’identità e

immagine dell’azienda.

Winner of an international, invitation competition, the project provides for the renovation of a building

dating back to the eighties, inadequate from the functional and engineering point of view,

and brings out the values of company identity and image.

Nella hall, sospesa tra le due torri, una sfera di 16

metri dalla trama trasparente in acciaio costituisce

l’elemento di unione tra le due ali dell’edificio. Le

funzioni poste nei due piani della piastra sono

articolate attorno a questo centro architettonico e

simbolico, assumendo un carattere dinamico grazie a

pareti curve. L’intervento è stato progettato e verrà

costruito su normativa LEED.

Headquarters Deutsche Bank, Frankfurt

(Germany)

In the entrance hall, raised between the two towers,

a 16 m sphere with a transparent steel texture is the

link between the two wings of the building. The

functions located on the two floors of the plate are

organized round this architectural and symbolic

centre, taking on a dynamic look through the curved

walls. Designed and carried out according to LEED

standards. ■

Superficie:

25.000 mq

Fornitori:

General contractor

Lindner AG

us 4/09 41


Studio Legale, Milano

MARC, Michele Bonino & Subhash Mukerjee (2009))

42 4/09 us

Le spazialità ottocentesche hanno richiesto lo studio di un complesso sistema di distribuzione degli

ambienti. Il layout nasce dall’intersezione di ideali fasce spaziali omogenee (uffici, distribuzione,

servizio) con i grandi ambienti aulici, adibiti alla rappresentanza.

The nineteenth-century spatiality required the study of a complex space layout, which is the

result of the intersection of homogeneous, ideal space belts (offices, distribution, service) with

the large and lofty executive suites.

us award 2009 interior design

Per non tagliare le decorazioni dei soffitti

decorati sono stati creati dei tunnel di

collegamento in vetro che inglobano il patio

storico, le zone di servizio e quelle di ingresso,

e che funzionano anche da supporto per

librerie e attrezzature.

Interior design agenzie Credito Cooperativo (MI)

F&P Architetti, Freyre e Pestalozza (in progress)

L’immagine coordinata della banca verte sulla creazione di ambienti

caratterizzati da una ricerca formale atta a privilegiare la definizione

della spazio attraverso la composizione di volumi.

The consistent look of the bank is given by surroundings that provide

for a space definition carried out through the composition of volumes.

Superficie:

600 mq

Fornitori:

Ienter

Silvio Grosso

Nicora Luce

Gli ambienti, destinati sia agli operatori che

al pubblico, sono caratterizzati da geometrie

semplici e impreziositi dall’utilizzo di materiali

di qualità, quali la pietra basaltina e il parquet.

Il colore viene utilizzato in modo controllato

per evidenziare superfici o volumi significativi

all'interno di ciascuna filiale.

Interior design Credito Coperativo

The rooms, both back office and banking hall,

are marked by simple geometries and

enhanced by the use of first-rate materials,

such as basaltic stone and parquet.

The moderate use of colour stresses significant

volumes or areas inside each bank branch. ■

Law office, Milan

Glazed connection tunnels were created to

prevent cutting the decorations in the ceilings,

that cover the historical patio, facilities and

entrance areas, and are used also to support

bookcases and equipment. ■


Uffici e Control Room, Roma

S&PA, Gabriele Napolitano (2008)

Un ambiente caratterizzato da una grande cupola in vetro che lo irradia zenitalmente si

presta molto bene ad una Control Room, che detta le proprie regole compositive a tutti gli

ambienti di supporto circostanti.

An environment marked by a large glass dome giving off a zenithal glow and most suitable

to be used as a Control Room, that dictates its own composition rules to all the surrounding

auxiliary areas.

La Control Room si trova al centro di un’area

quadrata: la forma ellittica della sala offre scorci

sempre nuovi, imprimendo dinamismo alla rigida

simmetria di partenza. L’abbinamento di

materiali tecnologici ad altri più caldi e domestici

coniuga l’efficienza della room ad una sua

percezione sensoriale piacevole.

Offices and control room, Rome

The Control Room is right in the middle of a

squared area: the elliptic form of the room

provides for always new views, lending

dynamism to the original, rigid symmetry.

The matching of technological materials and

some warmer and domestic ones combines

the efficiency of the room with a pleasant

sensory feeling. ■

Sede Tandberg, Milano

DEGW (2008)

Superficie:

650 mq

Fornitori:

Armstrong

Faram

Zumtobel

Sikkens

Globo

ICF

Per esprimere fisicamente la “comunicazione naturale” sviluppata dall’azienda,

la sua sede ha un’atmosfera futuristica dove l’alto grado di tecnologia

presente e la disposizione planimetrica rendono spontanea ogni forma

di socialità.

To convey physically the “natural communication” developed by the

company, its head office features a futurist atmosphere, where the high

degree of technology used and the site plan make every form of social interaction

spontaneous.

Si realizza il fantascientifico sogno del teletrasporto:

dall’ingresso high-tech, guidati dalla linea arancione

a pavimento, il grande show multimediale si dissolve

in soluzioni cromatiche e materiche calde e naturali

che mostrano lo spazio vivo e umano conducendo

in maniera fluida da un’area funzionale all’altra grazie

ad accezioni graduate di arancio.

Headquarters Tandberg, Milan

The science fiction teleportation dream has come

true: from the high-tech entrance, guided by the

orange line on the floor, the great multimedia show

is dissolved in warm and natural colours and

materials, that reveal a lively and human space,

smoothly leading from one functional area to the

other thanks to the graded orange signs. ■

Fornitori:

Office Solutions

Interface

Permasteelisa

Steelcase

us 4/09 43


Dipartimento Ingegneria Gestionale del Politecnico, Milano

Progetto: Politecnico Milano servizio A.T.E., Gennaro Leanza (2009)

44 4/09 us

L’arredo di spazi operativi e direzionali del Politecnico ha comportato una

trasversalità di esigenze e configurazioni, tutte nel segno dell’integrazione

con l’edificio e del massimo comfort per i diversi operatori coinvolti.

The fitting out of task and executive offices at Politecnico involved cross

requirements and arrangements, all of them in tune with the building

and supplying maximum comfort to the users involved.

us award 2009 interior design

Ogni dettaglio è stato progettato per

consentire il comfort di chi vi lavora.

La privacy acustica e visiva è ottenuta con

screen che possono trasformarsi in pannelli

attrezzati.

Le scrivanie direzionali privilegiano ricchezza

di materiali ed eleganza delle forme e si

affiancano a tavoli per piccole riunioni.

Uffici Orion Capital Managers, Milano

Starching, Maria Paola Pontarollo (2009)

Un edificio Liberty, dal linguaggio raffinato e retrò, diventa lo scenario di dinamiche lavorative

moderne senza rinunciare alla vocazione decorativa degli elementi che lo contraddistinguono:

soffitti stuccati, inferriate in ferro battuto, cornici lavorate.

An art nouveau building, refined and retro, becomes the setting for modern working dynamics

without giving up the ornamental function of the components, which are its hallmark: stuccoed

ceilings, wrought iron railings, decorated frames.

L’ingresso scorrevole in cristallo con il logo

aziendale introduce alla reception che si apre a

ventaglio su quattro spazi, variando nei materiali

e nella geometria con l’angolo visuale ed

operativo. L’ampia dotazione tecnologica viene

esibita nella sua essenzialità diventando essa

stessa elemento di decoro nello spazio neutro.

Il parquet è proposto ovunque come legante

percettivo.

Orion Capital Managers, Milan

The sliding entrance door in glass with the

corporate logo introduces to the fanning out

reception on four areas, changing in materials

and geometry according to the visual and

working angle. The ample technological

equipment is displayed in its essentiality,

thus becoming an ornamental component in

the neutral space. Parquet flooring everywhere

as perceptive binder. ■

Fornitori:

Manerba

Ingegneria Gestionale Department

of Politecnico, Milan

Each detail was designed for the user’s comfort.

Sound and visual privacy was obtained with

screens, that change into equipped panels.

The executive desks feature valuable materials

and refined shapes and are combined with

small meeting tables. ■

Superficie:

200 mq

Fornitori:

Cini & Nils

Restructura resine

Catalano

Fantini

Scirocco

Besam

Olivari

Foto:

Nicolas Bellwald

Fiorenza Cicogna


Filiale Banca Santa Giulia, Chiari (BS)

Progetto: Studio Effe (2008)

Uno spazio vettore del messaggio di pulizia formale ed etica della banca verso il cliente, dove la

sobrietà delle scelte formali parli di eleganza e non di ostentazione e la distribuzione planimetrica

sia attenta alle esigenze operative del personale.

A space conveying the form and ethic neatness of the bank to the customers, where the simplicity

of the form choices speaks of elegance and not of ostentation and the layout suits the staff’s

working requirements.

Smantellamento della austera

sensazione di banca istituzionale

attraverso la selezione di cromie neutre

con l’intento di mettere a proprio agio

il cliente. Nell’area casse è posizionato

un salottino dal glamour domestico

e le casse stesse sono aperte per

consulenze assimilabili a conversazioni

informali.

Branch Banca Santa Giulia, Chiari

Knocking down of the austere feeling

of the institutional bank through the

selection of neutral hues to set

customers at their ease. In the counter

area, there is a small lounge with a

domestic feel and the cash desks are

also open for consulting, carried out

as an informal talk. ■

Uffici Gerard’s Cosmetic Culture, Provaglio d’Iseo (BS)

Progetto: Studio Effe (2008)

Una sede rappresentativa dei valori e della filosofia aziendale (l’azienda produce cosmetica e servizi

per spa e beauty farm), in grado di trasferire ai clienti emozione ed eleganza attraverso un visual

dal sapore internazionale ed allo stesso tempo di assolvere all'operatività di tutti gli uffici sia

direzionali che operativi.

Offices revealing the corporate philosophy and values (the company manufactures cosmetics and

services for spa and beauty farm), that convey emotion and elegance to customers through an

image with an international flavour, at the same time discharging the tasks of all offices.

Superficie:

2.400 mq

Fornitori:

International Office

Concept

Luxy

Icf

Usm

Seccose

Agape

Foto:

Tiziana Arici

La morfologia dell'edificio è ottimale per l'installazione

di sistemi innovativi per il risparmio energetico e la

sostenibilità ambientale. Si utilizzano materiali

tecnologici elegantemente semplici (acciaio e

allumino), mixati con materiali naturali come il legno

e la pietra. Le funzioni sono separate sui tre livelli:

area accoglienza e commerciale, piano operativo,

piano direzionale. Un’area è destinata a spazio

pubblico alberato.

Gerard’s Cosmetic, Provaglio d’Iseo

The morphology of the building is optimum for the

installation of innovative systems to obtain energy

saving and sustainability. High-tech yet elegantly

simple materials are used (steel and aluminium)

mixed with natural materials like wood and stone.

Function are spread on three levels: reception and

sales area, task offices, executive floor. An area is

meant as a public, tree-lined space. ■

us 4/09 45


Headquarters Oracle Italia, Cinisello Balsamo (MI)

Progetto: DEGW (2008)

46 4/09 us

Un edificio di sette piani, destinato ad ospitare una realtà aziendale in continua espansione che richiede

flessibilità nell’organizzazione e disponibilità all’interazione e al lavoro in team. Il curtain wall in vetro,

trasparente o rivestito con pellicole a pixel, ridisegna il prospetto con un motivo visuale continuo.

A seven-storeyed building meant to accommodate an ever-expanding company, that requires

flexible organization and teamwork. The curtain wall in glass, transparent or covered with pixel

films, redesigns the front with a continuous visual pattern.

us award 2009 interior design

Sede Ligursystem, Genova

Progetto: Simone Paoletti (2008)

Gli spazi interni seguono la complessa

articolazione delle unità operative: il corridoio

divide le postazioni individuali adiacenti alla

facciata vetrata da un nucleo più interno per

postazioni condivise, aree di supporto e touch

down per riunioni informali.

Nello spazio di pregio progettuale i prodotti

sono vissuti, prima ancora che presentati,

poiché la scelta di superfici tecniche favorisce

la valorizzazione dei singoli elementi; grande

importanza è dedicata ad acustica e

climatizzazione in una sorta di palestra dove

il cliente percepisce concretamente anche

le performance dei sistemi fonoassorbenti e

radianti.

Ligursystem, Genua

In the space of great planning value,

products are experienced rather than presented,

since the choice of technical surfaces brings

out the single components; great importance

is attached to acoustics and climate control

in a sort of gym, where the customer actually

feels also the performance of the sound

absorbent and radiant systems. ■

Superficie:

11.500 mq

Fornitori:

Hermann Miller

Interface

Freudenberg

Oddidicini

Iris ceramiche

Ideal standard

Un ambiente lavorativo che sia anche showroom è il banco di prova della funzionalità

dei prodotti stessi; accanto agli spazi lavorativi ci sono aree tecniche per

la ricerca di soluzioni mirate ad ogni esigenza ergonomica, illuminotecnica e di

comfort.

A working environment used also as showroom is the test of functionality of

products; next to the working space there are technical areas for the study of

solutions targeted to all ergonomic, lighting and comfort requirements.

Office Solutions

Steelcase

Permasteelisa

Zumtobel

TA arredamenti

Omnitex

Audiover

Isowear

Headquarters Oracle Italia,

Cinisello Balsamo (MI)

The interiors follow the complex organization

of the working units: the corridor divides the

single workstations close to the glazed front

from an inner heart meant for shared

workplaces, support and touch down areas

for informal meetings. ■

Fornitori:

Fantoni


Ristorante aziendale, Roma

Progetto: Hab Architettura, Andrea Iose (2008)

Il momento del break e della pausa pranzo rivestono grande importanza per la qualità lavorativa

e di interrelazione fra dipendenti in un contesto aziendale, ma soprattutto sono

l’occasione per il dipendente di muoversi liberamente nello spazio ristoro.

The time for breaks and lunch is most important for the working and interrelation quality

among employees in a company context, but most of all it enables the employee to move

freely in the refreshment area.

Il tema centrale verte sulla libera fruibilità

dello spazio per la distribuzione dei cibi

attraverso la dislocazione di vari angoli intorno

all’isola delle insalate. I banconi sono rivestiti

in ciliegio rosa e gli scorri vassoio in marmo

bianco, per un’atmosfera calda dove sia

piacevole consumare un pasto.

Company restaurant, Rome

The central theme concerns the free use

of space for handing out food through the

distribution of several corners round the salad

island. Counters faced in rose cherry and

tray-runners in white marble create a warm

atmosphere to have a pleasant lunch time. ■

Camera di Commercio, Imperia

Progetto: Studio Muratorio (2009)

Un austero edificio razionalista fa da sfondo alla personalizzazione degli uffici di presidenza

e direzione camerali con arredi di alta gamma e su misura.

An austere, rationalist building is the background for the personalized offices of the

chamber presidency and management with high-end, bespoke furniture.

Una collezione evocativa delle valenze architettoniche

del palazzo e, nel contempo, di design moderno,

ridisegna con forte personalità gli ambienti di

rappresentanza della sede. Di particolare pregio è il

tavolo riunioni su misura per la Sala Giunta: 28 posti,

con piano in cuoio nero e nove top access per le

connessioni elettriche e dati.

Chamber of Commerce, Imperia

An evocative collection of the architectural qualities

of the building and, at the same time, of modern

design, lends a strong personality to the executive

suites. Most valuable, the bespoke meeting table for

the Council Hall features 28 seats, black leather top

and nine top accesses for the power and data

connections. ■

Fornitori:

Pedevilla

Diel Cagi

Grandi Impianti

Superficie:

400 mq

Fornitori:

Manerba

us 4/09 47


HDI Immobiliare, Milano

Progetto: Acropoli (2009)

48 4/09 us

La sfida progettuale è stata riunire tre importanti società, un tempo concorrenti, di una holding assicurativa

in un unico building, lasciando a ciascuna la libera espressione della propria identità all’interno

di un’immagine generale omogenea.

The planning challenge was to put together three major companies, once competitors, of an insurance

holding in one building, allowing each of them to express their own identity within a general,

homogeneous image.

us award 2009 interior design

Studio medico, Milano

Progetto: Studio Aksu-Suardi (2008)

Il bianco fa da sottofondo e da linguaggio

unificante alle parti comuni che si arricchiscono,

piano per piano, con i caratteri corporate

di ogni società: gli sbarchi ascensore e le

partizioni interne giocano su accostamenti

cromatici e serigrafie. Il verde a ogni livello

e la raccolta differenziata integrata in ogni

spazio lavoro e break evidenziano l’attenzione

per l’ambiente.

HDI Immobiliare, Milan

White is the background and the unifying

approach to the common parts, that are

enriched on each floor with the corporate

features of each company: the lift landings

and inside partitions play on matching colours

and silkscreen printing. Green on all floors

and integrated separate waste collection in all

working rooms and break areas reveal the

emphasis on the environment. ■

Uno studio dove visitare i pazienti ed eseguire interventi di piccola chirurgia

estetica deve rispettare requisiti medico-sanitari molto restrittivi senza per questo

disattendere i gusti sofisticati di una clientela attenta al valore della bellezza

in ogni sua accezione.

A practice for medicals and minor cosmetic surgery has to comply with very restrictive

medical-sanitary requirements, yet without disregarding the refined tastes

of a client base conscious of beauty in all its meanings.

Il cortile d’ingresso, al piano terra di un edificio

industriale di inizio ’900, accoglie il visitatore

in un clima rasserenante: un ulivo immette nella

reception/sala d’attesa, rifinita in resina bianca

e in nuances perlate alle pareti. Le partizioni

interne sono setti scorrevoli in vetro satinato

per preservare la privacy permettendo alla luce

di filtrare.

Medical practice, Milan

The entrance court, on the ground floor of

an early twentieth-century industrial building,

welcomes the visitor in a comforting

atmosphere: an olive tree introduces into the

reception area /waiting room, finished in white

resin and pearly shades on the walls. The inside

partitions are sliding and in mat glass. ■

Superficie:

3.800 mq

Fornitori:

Kinnarps Italia

Caimi Brevetti

Sedus Stoll

Hw Style

Estel Office

Frezza

Methis

International Office

Concept

Magis

Babini Office

Hi Lite

Medaluci

Officine Lodigiane

Erco Illuminazione

Omnitex

Meroni Lpc Besam

Ieg

Sca Matedil

Plasticwood

Biesse

Mapei

Neocienne

Superficie:

100 mq

Fornitori:

Unifor

Vitra

Nurus

Caimi Brevettiì

Benedetta Mori

Ubaldini

Knoll

Produzione Privata

Artemid

Luce Plan

Flos

Pozzi Ginori

Rubinetterie Teorema

Foto:

Yoshie Nishikawa


Uffici, Limena (PD)

Progetto: AR3 architetti Leonardi-Pollis (2009)

Una società di intermediazione immobiliare ha richiesto un contenitore capace di accogliere soggetti

operanti in autonomia che talvolta vi si trovano a collaborare: la gestione di questi flussi avviene

attraverso spazi di servizio comuni formalmente omogenei.

A company of real estate brokerage required a container to receive people working autonomously,

who sometimes happen to work there: the management of these flows occurs through common,

homogeneous ancillary rooms.

Uffici Barclays Bank, Milano

Progetto: D2U studio (2009)

La nuova sede operativa coniuga l’ottimizzazione degli spazi di lavoro

e le più sofisticate tecnologie informatiche con l’attenzione per il design

ed il benessere delle persone. Le postazioni operative sono dotate

di arredi ad alta valenza ergonomica e divisori per l’assorbimento acustico.

The new branch combines working space optimization and the most

advanced information technologies with the focus on design and people’s

wellbeing.

L'accesso è una grande stanza bianca; smalto

e resina fanno galleggiare il monolito nero della

segreteria. Da lì il vano scala rivestito in ferro

nero conduce al piano superiore, dove lungo

un corridoio si alternano il bianco ed il nero

di sala riunioni e spazi operativi, anche con uffici

dedicati.

Offices, Limena (PD)

The access is a large, white room; enamel and

resin make the black monolith of the secretariat

float. There, the stairwell faced in black iron

leads to the upper floor, where the white

and black of meeting rooms and task areas,

also with dedicated offices, alternate in a long

passageway. ■

Il layout distributivo è stato concepito per favorire

la funzionalità degli spazi e per agevolare il visitatore

nell’identificazione degli stessi: aree break, print e

passaggi sono riferimenti visivi ripetuti ai due livelli e,

insieme all’uso grafico del colore corporate in vari

contesti, conferiscono un’immagine non

convenzionale.

Barclays Bank, Milan

The layout was designed to obtain functional

spaces and help the visitor to find them: break

areas, print rooms and passages are visual

references repeated on the two floors and, together

with the graphic use of the corporate colour in

several contexts, create an unconventional image. ■

Superfice:

257 mq

Fornitori:

F.lli Bacchin

R.C.P.

Superficie:

5.200 mq

Fornitori:

Knoll Italia

Arredo 3

Faram

Desso

Deletron

Niscayah

Foto:

Gianni Frigerio

us 4/09 49


Centro di eccellenza, Wurzburg (Germania)

Progetto: Roth + Haas Architekten (2009)

50 4/09 us

Un perfetto esempio del campo dinamico di attività per le quali è stato costruito: lo sviluppo e la

commercializzazione di tecnologie su scala industriale, che contribuiscono a rendere efficace l'uso

di energia solare. Il cliente ha chiesto un interior design sobrio in sintonia con i grandi spazi (caratterizzati

da muri di cemento alti sette metri) che rifletta il pensiero ecologico della società.

A perfect example of the dynamic business field it was built for: development and marketing of

technologies on an industrial scale, that help to make the use of solar energy effective. The customer

required a sober interior design in tune with the large rooms (characterized by sevenmetre

high concrete walls) mirroring the company’s ecological philosophy.

us award 2009 interior design

Due aree partono dal fulcro bar: la prima,

all’interno della hall, ha forme sinuose e

organiche e dei salottini raccolti; la seconda

richiama l’immagine della piazza ed è dotata

di panche per una fruizione più informale.

Gli elementi dell’arredo sono modulari e

possono essere facilmente riconfigurati.

wood@work

Varie essenze lignee veicolano linguaggi diversi:

il faggio per la terrazza, il noce per bancone

e finiture del bar, l’acero per realizzare setti

fonoassorbenti chiari e poco incombenti.

L’interior design della sede, per espressa

richiesta della committenza, esprime con

sobrietà un coerente vincolo di continuità con

l’architettura del building: colori neutri e materiali

di alta qualità ampliano la percezione spaziale

complessiva, con continui rimandi alla vocazione

ecologica dell’azienda.

Area snack sede farmaceutica, Monza (MB)

Progetto: Acropoli, Alberto Vallenzasca (2008)

Lo spazio ristoro aziendale diventa il punto di partenza per migliorare la comunicazione e l’interazione

tra i dipendenti, creare un luogo flessibile di incontro e socializzazione.

The company refreshment area is now meant as the starting point to improve communication

and interaction among employees and create a flexible place of meeting and socialization.

Snak area at a pharmaceutical company

Two areas start from the bar heart: the first one,

inside the hall, has sinuous and organic shapes

and cosy lounges; the second one calls to mind

the image of the square and is supplied with

benches for a more informal use. The furnishings

are modular and may be rearranged easily.

wood@work

Several wood grains convey different languages:

beech for the terrace, walnut for the counter

and the bar finishes, maple to carry out clear and

little impending, sound absorbent diaphragms. ■

Superficie:

500 mq

Superficie:

1.400 mq

Fornitori:

Dauphin

Foto:

Bosse Design

Excellence Centre, Wurzburg (Germany)

The interior design of these headquarters

expresses a plain link with the whole architecture

of the building for clear request of the client:

neutral colors and high quality materials widen

the feeling of the whole space, sending back

to the ecologic soul of the brand. ■

Fornitori:

Iterby

Moroso

Artemide

Av Arreda

Contraffatto Alfredo

Sca Matedil

Biesse

Ab Forniture


studiolantero

È facile intuire quali e quanti vantaggi,

in termini di produttività, possa portare

un ambiente confortevole e stimolante,

capace di porre chi lo vive

quotidianamente nelle condizioni

ideali per dare il meglio di sé

Il futuro è verde.

HW Style è già pronta a mostrarvelo

Progettazione, realizzazione

e manutenzione verde

linfa vitale per il tuo ufficio

www.hw-style.it


us award 2009 interior design

Uffici Pentagram, Lugano (SW)

Progetto: Around Studio (2008)

52 4/09 us

La sede aziendale come specchio dei valori fondanti l’attività della società:

le soluzioni tecnologiche all’avanguardia parlano di efficienza e

funzionalità, il rigore delle forme comunica al visitatore l’eccellenza e

la solidità dell’azienda.

The corporate office as mirror of the founding values of the company

business: the cutting-edge technological solutions provide for efficiency

and functionality, the terse shapes convey the company excellence

and solidity to the visitor.

L’esigenza di riservatezza detta le linee-guida

del layout: l’indispensabile separazione dei

percorsi pubblico e privato non limita le

possibilità espressive delle aree pubbliche

e delle meeting room, dotate di attrezzature

audio-video ad alto contenuto tecnologico.

Attenzione estrema è rivolta all’isolamento

acustico degli ambienti, mediante pannellature

fonoassorbenti in legno, setti acustici e pareti

vetrate ad alta tenuta.

wood@work

Il legno (rovere e wengè) è stato utilizzato

in accostamento a vetro trasparente, satinato

o retroverniciato e acciaio spazzolato per

aggiungere calore ad ambienti di lavoro

ultramoderni.

Pentagram offices, Lugano (Switzerland)

The need of privacy directs the layout guidelines:

the necessary demarcation between public and

private routes does not restrict the expressive

possibilities of the public areas and meeting

rooms, supplied with high-tech audio-visual aids.

Soundproofing in the rooms was carefully studied

and carried out through a sound absorbent,

wooden panelling, acoustic diaphragms and tight

glazed walls.

wood@work

Wood (oak and wengè) was used combined

with transparent, mat or retropainted glass, and

brushed steel to add warmth to hypermodern

working environments. ■

Superficie:

570 mq

Fornitori:

SADI

Sinetica

Interface

Cotto d’Este

Zumtobel

Permasteelisa

Steelcase

Topakustik

Busnelli Uno

Vetti

Electrasim

Silent Gliss

Foto:

Valentina Bollea

Uffici Y&R Italia, Milano

Progetto: Digit&Associati (2009)

In seguito alla fusione tra aziende operanti nello stesso settore, si vogliono

creare i presupposti per una realtà lavorativa che vede cooperare

diversi attori dell’ambito pubblicitario in un unico spazio catalizzatore

di sinergie creative.

Following the merger between companies operating in the same

sector, the aim was to create the presuppositions for a working situation,

where different players of the advertising field work together

in one space, which is the catalyst of creative synergies.

Macrocontenitori open spaces ospitano il

confronto e la socialità lasciando ai soppalchi

i ruoli dirigenziali. Lo spazio complessivo a

doppia altezza ha permesso lo sfruttamento

massimo della luce proveniente dalle vetrate.

Innovativi i coloratissimi divisori bassi, e

l’installazione di un sistema di climatizzazione

radiante a soffitto con controllo igroclimatico

puntuale.

wood@work

Esibito sui grandi telai delle vetrate a doppia

altezza e sulle doghe della pavimentazione

delle terrazze, il legno rappresenta l’anello di

congiunzione fra lo studio e la natura

circostante.

Offices Y&R Italia, Milan

Open space macro-containers for comparison

and social relations leaving the executive

roles to the intermediate floors.

The overall, double height space allowed to

make the most of daylight coming from the

glazed walls.

Most innovative, the low, coloured screens

and the installation of radiant air conditioning

units in the ceiling with an accurate

hygroclimatic control.

wood@work

Displayed on the large frames of the floor-toceiling

glazed walls and the flooring staves

of terraces, wood is the junction between

the study and the surrounding nature. ■

Superficie:

5.000 mq

Fornitori:

Elmar

Universal Selecta

Knoll

Arredamenti 3b

Foto:

Massimo Caprioli


Uffici Private Equity Fund, Milano

Progetto: Studio 967 (2009)

Protagonista è il dualismo classico-contemporaneo: l’edificio classico

nel centro storico è riletto in chiave contemporanea tramite arredi, boiserie,

finiture, corpi illuminanti, sistemi high tech di trasmissione dati e

videoconferenza.

The classic-contemporary dualism is the lead: the classic building

downtown is given a contemporary look through furnishings,

woodworks, finishes, lighting fittings, high-tech data transmission and

videoconference systems.

I vincoli dell’immobile storico con cui doversi

confrontare ha rappresentato una grande sfida

nella progettazione; sono state identificate due

aree, una pubblica per il ricevimento dei clienti,

e un back office per i dipendenti. Ogni area

ha una reception dedicata, che gestisce il flusso

delle persone.

wood@work

Il rovere è l’unica essenza superficiale utilizzata:

per i desktop, le porte e la reception. Negli spazi

di rappresentanza anche anche nel parquet e

nella boiserie.

Offices Private Equity Fund, Milan

The constraints of the historical building to cope

with was a great planning challenge; two areas

were determined, a public one to receive the

customers and a back office for the employees.

Each area has a dedicated reception desk

organizing the stream of people.

wood@work

Oak is the only surface grain used for desktops,

doors and the reception, and also for the

parquet and woodwork in the executive suites. ■

Superficie:

600 mq

Fornitori:

Level Office Landscape

Mutina

Upper

B&B

Sitland

Vitra

La Palma

MDF

Steelcase

Davide Groppi

Flos

Antoniolupi

Flaminia

Fantini

Kasthall

Omnitex

OmniDecor

Livio Fratelli S.n.c.

art direction: cheplero_Pd

DESIGN FOR YOU

Spiriti creativi, animi curiosi, pensatori dinamici,

noi progettiamo e produciamo per voi.

Oggetti in produzione limitata, oggetti senza

tempo, dove ogni singolo pezzo mantiene la

propria unicità grazie ad interventi artigianali

sapientemente inseriti nei processi industriali.

Creative spirits, curious minds, dynamic thinkers.

We design for you. Limited production objects,

timeless furniture, where each single piece keeps

its uniqueness through handmade details skilfully

combined with the industrial process.

www.emmesystem.com

info@emmesystem.com

EMMESYSTEM - Via Galilei 2H

35030 Caselle di Selvazzano - PD - Italy

Tel. ++39.049.8975763 - Fax ++39.049.8977454


us award 2009 architettura

Edificio torre ex-silos, Santo Stefano di Magra (Sp)

Progetto: Studio Apua, Doriano Lucchesini (2009)

54 4/09 us

Obiettivo è il recupero di un edificio dismesso per il suo reimpiego linguistico e funzionale. Il fabbricato

svolge un ruolo di transizione tra campagna e città con funzione simbolica delle nuove parti urbane. Le soluzioni

architettoniche, l'articolazione dello spazio e l'immagine della costruzione nel paesaggio sono orientati

verso l'espressione di questo concetto.

The goal is to recover an abandoned building for a functional reuse. The building plays a role of transition

between countryside and city with the symbolic function of the new urban areas.

Il progetto riguarda la costruzione di un nuovo

volume all'interno della ex torre silos, una

fabbrica di refrattari dimessa, oggi convertita in

quartiere urbano.

La preesistenza è costituita da una “grande

gabbia” in ferro realizzata su un basamento in

strutture miste.

La struttura era in origine rivestita con lastre e

lamiere.

Superficie uffici:

1080 mq

Superficie attività

commerciali:

926 mq

Former silo Tower Building,

Santo Stefano di Magra (Sp)

The design concerns the construction of a new

volume inside the former silo, an abandoned

factory of refractory materials, and located in

an area now converted into an urban district.

The pre-existence consists of a “big cage” in

iron carried out on a mixed-structure podium.

Originally the structure had a plate cladding. ■


Superficie complessiva:

12.000 mq

Credits

Strutture:

Starching

C P Engineering

Ingegneria Meccanica

ed Elettrica:

Starching

Ariatta

Ingegneria dei sistemi

Immagini virtuali:

Engram

Edificio terziario-produttivo Santander, Milano

Progetto: MCA, Mario Cucinella (in progress)

Edificio in Classe A dotato di 2500 mq di pannelli fotovoltaici che lo rendono in buona parte autosufficiente

energeticamente. Il progetto tende a ridefinire un’identità di Luogo, nonostante la marginalità urbana, grazie

a una piazza interna, a percorsi verdi e a una sopraelevazione di 13 metri rispetto al livello della strada.

An A Class building supplied with 2500 sqm of photovoltaic panels allowing a good self-sufficiency as regards

energy. The design aims at redefining a Place identity through an inner square, green routes and an

added storey 13 m above street level.

La struttura privilegia uno sviluppo in orizzontale

dando vita a un impianto a corte dove si

sviluppa un microcosmo di attività e che

consente di massimizzare lo sfruttamento

dell’energia naturale. Il grande volume con

involucro esterno vetrato prevede un sistema

di facciata con “pelle singola” esterna e sulle

corti interne; lungo i lati sud – sudovest è

realizzata con vetri superperformanti schermati

con tessuto metallico a passo variabile che

abbatte il fattore solare nella stagione estiva.

La piastra sopraelevata ospita i tre livelli di spazi

produttivo-terziario, all’interno dell’edificio

costituito da 2 stecche convergenti trovano

spazio le funzioni richieste. I due blocchi si

sviluppano per la totalità dei 3 livelli.

Tra un blocco e un altro è stata ricavata una

corte verde; questo spazio, alterna i blocchi

dell’edificio alla massa verde delle alberature

della corte ed accresce la qualità degli ambienti

di lavoro.

Production-services building Santander,

Milan

The structure has a horizontal development

to create a court plan, that accommodates a

micro cosmos of activities and allows to make

the most of natural energy. The large volume

with the outside glazed shell provides for

a “single skin” front system carried out in

hyper-performing glass and screened, in order

to reduce the sun factor in the summertime.

The two blocks develop on all three levels.

Between blocks there is a green court; this

space alternates the building blocks and the

green mass of the court trees and increases

the quality of the working environment. ■

us 4/09 55


us award 2009 architettura

Archivio Del Comune, Venezia

Progetto: Studio Versuro, Giampaolo Versuro (2009)

56 4/09 us

L’idea era di creare un edificio ad archivio di modello reiterabile su scala internazionale, altamente innovativo

e tecnologicamente avanzato, dotato di alte prestazioni di efficienza energetica con controllo del microclima

interno.

The idea was to carry out a building with model archives to be repeated on an international scale, extremely

innovative and technologically advanced, supplied with high energy efficiency and control of the inside

micro climate

La struttura di questo archivio – del tipo

non presidiato con una parte ad uso ufficio –

è in pannelli di calcestruzzo prefabbricato,

caratterizzati dall’inserimento di elementi

decorativi stilizzati a forma di vegetazione ad alto

fusto e coibentati internamente. L’immobile è

strutturato in modo da permettere l’inserimento

del sistema robotizzato per evitare il contatto

diretto con il materiale archiviato. L’edificio, a

“prefabbricazione spinta” possiede alti contenuti

innovativi dal punto di vista delle applicazioni

tecnologiche: i serramenti sono muniti di vetri a

bassa emissività magnetronico e selettivo per le

pareti a sud mentre l’involucro opaco raggiunge

valori di trasmittanza inferiori a 0,37 m2k/W.

Superficie edificata

complessiva:

7.500 mq

Credits

Collaboratori:

Claudia Marchiori

Nicola Scarpa

Ahmad Kadouri

Silvia Fongaro

Fornitori:

De Munari Costruzioni

The City Council Archives, Venice

The structure of these Archives – unguarded

and provided with an office area – is in prefab

concrete panels, marked by the fitting in of

stylized ornamental elements shaped as forest

trees and insulated inside. It also provides for

the use of a robotized system to prevent direct

contact with the filed material. The building,

considered as an example of “extreme

prefabrication”, features innovative qualities

from the point of view of technological

applications. ■


Centro polifunzionale La Cometa, Milano

Progetto: Mario Bellini Architects (in progress)

Il progetto si inserisce nel processo di trasformazione dell’area nord-ovest di Milano. Integrazione urbanistica, verde, grande

architettura sono gli obiettivi di un progetto che si muove nel segno della responsabilità sociale. Il landmark della nuova area

si esprime in 800 metri di pergolato urbano in coincidenza con il “raggio verde” che collegherà il centro città con l’area Expo.

The design falls within the transformation process of the north-west area of Milan. City planning, parks and gardens

and great architecture are the goals of a project based on social liability. The landmark of the new area features an

800 m urban pergola.

Corpi metallici e vetrati con spettacolari viste

a 180 gradi ridefiniscono la vecchia testata.

Un volume squadrato “escresce e violenta” la

copertura, mentre un asteroide-auditorium gli

galleggia a fianco su una corona di colonne

preesistenti. Un terremoto volumetrico ha

generato la sintesi risolutiva: una cometa aerea

e argentea concepita come uno sciame di raggi

luminescenti che si staccano, ondeggiando dal

nucleo più denso della testata. La Cometa è

composta da 8mila metri di raggi luminescenti

prodotta da sorgenti LED. Lungo ogni nastro

profilato, inoltre, è inserito un pannello fotovoltaico

che può produrre fino a 25 Watt, quindi per

rendere luminosa la Cometa a costo zero saranno

Superficie complessiva:

15.000 mq

Credits

Progetto architettonico

preliminare e definitivo.

Opere interne:

Studio Pierluigi Nicolin

Strutture:

Redesco

Impianti:

Sviluppo Sistema Fiera

Progetto esecutivo.

Architettonico:

Polistudio

Strutture:

Studio Tecnico

Majowiecki

Impianti:

Teco +Partners

Fornitori:

ATI

Gia.Fi Costruzioni

Costruzioni Giuseppe

Montagna

sufficienti 400 mq di pannelli fotovoltaici. Tutti i

materiali utilizzati sono riciclabili.

Multipurpose centre La Cometa, Milan

A square volume “outgrows and violates” the

covering, while an auditorium-asteroid floats

nearby on a crown of pre-existent columns.

A volumetric earthquake produces the resolving

synthesis: an airy and silvery comet conceived as

a swarm of luminescent rays that undulate from

the thickest nucleus of the head. The Comet is

formed by 8 thousand metres of luminescent

rays produced by Led sources. In addition, along

every profiled ribbon there is a photovoltaic

panel. All used materials are recyclable. ■

us 4/09 57


us award 2009 architettura

Perseo Expo District, Milano

Progetto: Goring & Straja Studio (2009)

58 4/09 us

Il filo conduttore è stato l’attenzione verso una elevata qualità della vita e di fruizione di questi spazi: particolare

attenzione è posta verso l’ambiente e la soddisfazione dell’utilizzatore. Tra le diverse possibilità connesse

con la progettazione di un edificio ad alta efficienza energetica, sono state scelte le soluzioni con il

miglior rapporto tra costo iniziale e beneficio economico e ambientale di gestione dell’immobile.

The thread was the focus on a high life quality and the use of these spaces: emphasis was put on environment

and user satisfaction. Among the many possibilities connected with the planning of a high energy

efficiency building, the choice fell on solutions with the best ratio between initial cost and economic profit

and environmental benefit of the building management.

Il fabbricato e la sua corte interna si orientano

verso Sud-Ovest così da usufruire del massimo

apporto solare durante l’inverno. Il tetto a brisesoleil,

invece, è pensato a protezione

dell’irraggiamento solare sui lati sud e ovest

durante l’estate.

Tale copertura permette la formazione di un

ampio giardino coperto e di un terrazzo,

anch’essi protetti e perciò utilizzabili in estate.

La ventilazione naturale è garantita, oltre che

dalle finestre apribili, dai due atri d’ingresso con

apertura automatica della copertura e dal ponte

di collegamento dei due corpi di fabbrica che,

grazie al sistema di chiusura formato da lamelle

di vetro apribili, regola l’entrata della brezza

preveniente da sud-ovest. La folta

piantumazione della corte interna e del giardino

esterno completano la regolazione del

microclima e contribuiscono alla definizione della

privacy degli spazi interni.

Ha ottenuto la classe A dal Green Building

Council Italia per requisiti termici, utilizzo di fonti

rinnovabili, sostenibilità ambientale.

Superficie edificata

complessiva:

11.300 mq

Credits

Impresa:

Zimmerhofer

DL generale:

Starching

Direzione imp meccanici:

Studio Massacesi

Direzione imp elettrici:

Europrogetti

Direzione lavori strutture:

Starching

Fornitori:

Armstrong Ceilings

Foto:

Stefano Gusmaroli

Perseo Expo District, Milan

The building and its inner court facing southwest

allow to make the most of the sun radiation

in the wintertime. Instead, the brise-soleil roof

is meant to protect from the sun radiation

on the south and west sides in the summertime.

This roofing allows to form a large, covered

garden and a terrace, also protected and

therefore usable in summer. The thick tree

planting completes the setting of the micro

climate and helps to define private interiors.

Classified A by the Green Building Council Italia

for thermal requisites, use of renewable sources,

environmental sustainability. ■


Superficie complessiva:

7.000 mq

Credits

Progetto Strutture:

Rocco Maffei

Progetto Impianti:

Massimo Moretti

Gino Fabrizi

Team Progettazione:

Stefano Martucci

Francesco Tacconi

Ada Iadevaia

Lisa Schiavi

Marcella Novelli

David Antonuccio

Mauro Benedetti

Rosanna Capone

Fornitori:

Faraone

Gastaldello Estfeller

Armstrong Siteco

iGuzzini Globo Leaving

Uffici Siemens, Roma

Progetto: S&PA, Gabriele Napolitano (2009)

La ristrutturazione architettonica e impiantistica di un edificio per uffici sito in zona EUR a Roma è caratterizzata

dallo spostamento di volumetrie dal piano di minor pregio (pilotis) ai terrazzamenti dei piani superiori

da cui deriva un importante vantaggio per la qualità dell’ambiente e un’innovativa riprogettazione delle facciate.

The architectural and plant renovation of an office building located in the EUR district in Rome is marked

by the transfer of the less valuable mass volumes (pilotis) to the terracing of the upper floors and that is a

major advantage for the environmental quality and an innovative re-planning of fronts.

Le vetrate dei volumi preesistenti e quelle a

chiusura dei volumi ricollocati, sono state

armonizzate da una seconda ‘pelle’ vetrata che

contribuisce alla schermatura solare ed al

risparmio energetico dell’edificio che, progettato

secondo i criteri del Green Building, è dotato di

schermature solari e pannelli radianti. Gli interni

sono progettati per un utilizzo flessibile

consentendo sia l’open space che configurazioni

ad ambienti chiusi, particolare cura è stata posta

nella scelta dei materiali e degli abbinamenti

cromatici.

Siemens offices, Rome

The glazed walls of the pre-existent volumes

and those closing the re-located volumes were

harmonized through a second, glazed “skin”,

that increases the sun screening and energy

saving of the building that, designed according

to Green Building standards, is supplied with

sunshades and radiant heaters. The interiors are

designed for a flexible use. ■

us 4/09 59


us award 2009 architettura

Uffici Comunali, Piacenza

Progetto: Studio & Partners, Nick Bewick (in progress)

60 4/09 us

Oggetto di un concorso ad inviti promosso dal Comune di Piacenza, il progetto vincitore rilegge il rapporto

tra il cittadino e il suo Comune: non un monumento, ma un luogo che favorisce una nuova forma di incontro,

inserito all’interno del contesto urbano. Un edificio ecosostenibile, organizzato per una migliore qualità

del lavoro ed per un’interrelazione nuova fra colleghi e verso il cittadino.

The subject of an invitation competition promoted by Comune di Piacenza, the winning design reconsiders

the relation between the citizen and the town council: not a monument, but a place fostering a new way of

meeting, blending in the city context. An eco-sustainable building, organized for a better working quality

and a new interrelation among workfellows and towards the citizen.

Un “fronte verde” filtra l’area d’intervento

dall’esterno, favorendo il miglioramento

percettivo del sito da parte dei fruitori.

Il progetto pone grande attenzione all’aspetto

del risparmio energetico, forte del risvolto etico

che un edificio pubblico deve ricoprire. Grazie

a una previsione di utilizzo di pompe di calore

collegate alla falda, al raffreddamento/

riscaldamento tramite sistema di radiazione e

all’installazione di pannelli solari ibridi

(termico/elettricità) si prevede di contenere

del 43% in inverno e del 26% in estate i

consumi rispetto a un edificio con impianti

convenzionali.

Anche la scelta, dal forte carattere estetico,

del tetto vegetale permette economie a grande

scala, poiché contribuisce a un miglior

Superficie complessiva:

10.500 mq

Credits

Strutture:

Bertonazzi Associati

N+M Architekten

Ingenieure GmbH

Impianti:

HL Technik

Paesaggio:

Land Milano

isolamento termico. Gli uffici dei servizi pubblici

nel lato nord, godono della vista sul centro

della città. La maglia strutturale di 1,35 m

permette il massimo grado di flessibilità in termini

di uso e layout.

Municipal offices, Piacenza

A “green front” filters the area concerned

from the outside and improves the perception

of the site from users.

The design focuses on energy saving, taking

into account the ethic implication of a public

building. Through the use of heat pumps linked

to the layer, the heating/cooling system and

the installation of solar panels, consumption is

expected to be reduced by 43° in the wintertime

and 26° in the summertime compared to a

building provided with conventional systems.

Also the choice of the vegetal roof with a strong

aesthetic impact allows large scale economies,

since it helps to improve heat insulation.

The 1,35 m structural grid provides for the

greatest flexibility as to use and layout. ■


Superficie complessiva:

14.000 mq

Credits

Studio impianto idraulico

e impianto elettrico:

Eta Progetti

Studio Impianto

illuminotecnico:

Studio Mazzer +Philips

Fornitori:

Fm Contract

Martex

Topakustik

Alpi

Itlas

G.D. Dorigo

Manital

Philips

Homes Contract

Idealstile

Foto:

Gardin&Mazzoli

Centro Direzionale Pieve di Soligo (TV)

Progetto: Mario Mazzer (2009)

Il progetto è caratterizzato da due parallelepipedi

intersecati in modo non ortogonale. La

distribuzione planimetrica tiene conto dei principi

del Feng Shui e usa la capacità dell’elemento

acqua per equilibrare le forze. I lati maggiori

dell‘edificio sono posizionati ad est e ad ovest in

modo da sfruttare il ciclo del sole. Una struttura

a maglia irregolare, composta da estrusi

d’alluminio, è sovrapposta alle due facciate per

rappresentare in un'unica identità le cinque

aziende. Il progetto prevede un accurato

sistema di controllo igroclimatico mediante un

sistema radiante posto a soffitto.

Gli spazi interni sono caratterizzati da colori

chiari. La sala ristorazione, con luce indiretta e a

spot focali, ha un ottimo confort ambientale e

visivo grazie all’isolamento acustico e al

cromatismo.

wood@work

Il legno scelto per rivestire, pareti, pavimento

delle aree comuni e soffitto del foyer, è un

precomposto realizzato, su disegno. Le pareti e i

soffitti sono rivestiti con lo stesso legno del

pavimento opportunamente fresato e forato per

l’eliminazione del riverbero acustico.

Il complesso architettonico raggruppa la parte direzionale, commerciale, tecnica e amministrativa di cinque

aziende nel settore del mobile. La committenza ha chiesto un edificio funzionale e capace di esprimere la

forte identità del gruppo. Funge da segno identificativo l’ampio taglio che determina una discesa dal piano

terra fino allo showroom posto a quota – 6 m.

The architectural complex includes the executive, sales, technical and administration offices of five companies

in the furniture industry. The client requested a functional building, that could convey the strong identity

of the group. The distinctive mark is the wide cut, that defines a descent from the ground floor to the

showroom.

Business Centre Pieve di Soligo (TV)

The design is marked by two parallelepipeds

not orthogonally intersected. The site plan takes

into account Feng Shui principles and makes

use of the water element to balance the forces.

The east and west sides of the building are

the largest. An irregular, meshed structure

overlaps the two fronts to represent the five

companies in one identity.

wood@work

The wood chosen for walls, the flooring of the

common areas and the ceiling in the foyer, is a

composite carried out on design. Walls and

ceilings are faced with the same wood as the

floor suitably milled and perforated to prevent

re-echoing. ■

us 4/09 61


Sede Axo Light, Scorzé (VE)

Progetto: Gianni Rigo (2008)

62 4/09 us

L’edificio è spirato dai caratteri dell’entroterra veneziano (edilizia rada e presenza preponderante

della natura e delle montagne di sfondo), riassume i valori positivi del territorio circostante e si distingue

per forma e colore prendendo ispirazione dal paesaggio e dalla natura del territorio.

The building, that blends with the Venetian hinterland (sparse houses and predominant nature

with the mountains in the background), sums up the positive values of the surroundings and

stands out for its shape and colour drawing inspiration from the local nature.

Due corpi monolitici rossi disposti lungo la

strada, caratterizzati da ampie vetrate che

evidenziano gli spazi all’interno, si elevano oltre

la linea orizzontale del tetto, quasi a riprodurre la

forma delle montagne; le vetrate evidenziano in

maniera teatrale l’attività degli uffici. La copertura

è sorretta da un pilastro a forma di albero

stilizzato che, oltre a fungere da cerniera tra i

due corpi, crea uno spazio sottostante

caratterizzato da un piccolo bacino d’acqua.

Axo Light offices, Scorzé (VE)

Two monolithic, red bodies along the road,

marked by large glazed walls highlighting the

interiors, raise beyond the horizontal line of the

roof, almost to reproduce the shape of the

mountains; the glazed walls emphasize the

activity in the offices theatrically. The roofing is

supported by a stylized tree-shaped pile to

create a space below marked by a small water

basin. ■

us award 2009 architettura

Affori Center, Milano

Progetto: Goring & Straja Studio (in progress)

L’obiettivo è stato trasformare il complesso esistente, situato in un'area che si configura come

un’estensione del business district, in una moderna struttura con elevati contenuti tecnologici

ed architettonici, aumentandone flessibilità e funzionalità.

The aim was to change the existing complex, located in an area, which is an extension of the

business district, into a modern structure with a high technological and architectural quality,

by increasing its flexibility and functionality.

Attraverso un piano integrato di interventi di

spostamento e traslazione sono stati valorizzati

1800 metri quadrati concessi dal Comune che

hanno permesso di aggiungere un piano

supplementare ad ogni stabile. La creazione

di un atrio chiuso consente di collegare i tre

edifici in modo da aumentare la funzionalità

per l’utilizzo di un unico o più fruitori; inoltre è

raddoppiato il numero dei posti auto.

Particolare attenzione è stata posta alle

normative in tema di ecosostenibilità.

La nuova facciata, in grado di soddisfare i più

elevati standard di risparmio energetico, ha

ottenuto la prequalificazione Silver LEED Green

building rating system for Core & Shell

development.

Affori Center, Milan

Through an integrated plan of works transfers,

1800 square meters granted by the local

government were upgraded and an extra storey

was added to each building.

Superficie complessiva:

3.700 mq

Credits

Allestimento showroom:

Lorenzo Truant, Axo

Light art director:

Axo

Interior design uffici:

Fortunato Scocco,

U.T. Axo Light

Superficie edificata

complessiva:

12.000 mq

Fornitori:

Frezza

Emmegi seating

F.G.Costruzioni

F.A.CA.D.

Clima

Italver

Le Art

Gambaro Vetri

Foto:

Fausto Trevisan

Progetto e DL impianti:

BRE

Developer

CBRichard Ellis

investors

Impresa di costruzioni:

Constructors

Direzione Lavori:

PLG

The forming of an enclosed lobby allows to link

the three buildings so as to increase functionality

for one or more users.

The new front, that meets the highest standards

of energy saving, was pre-qualified Silver LEED

according to the Green Building rating system

for the Core & Shell development. ■


Centro Congressi, Huesca (Spagna)

Rafael Beneytez, Pedro Lafuente (2008)

Un edificio multifunzionale, ideale per ospitare numerosi tipi di eventi, che ruota attorno alla divisione

funzionale tra due le aree principali (la sala centrale e la sala multifunzionale, divise da un’asse

centrale) finalizzata a creare l’equilibrio tra i due spazi.

A multifunctional building, a perfect venue for several kinds of events, rotating on the functional

division between two main areas (the central room and the multi-purpose room, divided by

a central axis) meant to create a balance between the two areas.

La sala multifunzionale è pensata per un uso

informale mentre quella centrale ha un tono più

tradizionale e ufficiale; ciascuna con le proprie

peculiarità sottolineate dall’uso di materiali ed

elementi estetici distintivi.

wood@work

Nella sala centrale i pavimenti, le pareti e il

soffitto, rivestiti in quercia bianca americana,

creano un effetto visivo sorprendente e

ottimizzano le proprietà acustiche dello spazio.

La quercia bianca americana svolge un ruolo

importante anche nella spettacolare hall

d’ingresso, dove la continuità delle pareti in

cemento dietro l’area reception viene interrotta

da un’apertura sull’enorme murale di Teresa

Ramón.

Congress Centre, Huesca (Spain)

The multi-purpose room is for an informal use,

while the central one is more conventional and

official; each one with its own peculiarities

stressed by the use of distinctive, aesthetic

components and materials.

wood@work

In the central room walls, floor and ceiling

in white American oak create an amazing visual

effect and optimize the sound properties of

the room. The white American oak plays a chief

role also in the striking entrance hall, where

the uninterrupted concrete walls behind the

reception area are broken by an opening in

the huge Teresa Ramón’s mural. ■

Uffici Simem, Minerbe (VR)

Progetto: Archingegno, Carlo Ferrari (2009)

Un esempio di architettura integrata le cui diverse scale di lettura rimandano alla definizione di

spazi di prestigio per un’azienda impegnata nello sviluppo di tecnologie e impianti per il betonaggio

e il trattamento delle acque.

An exemple of integrated architecture, where every different scale of the spaces is meant to

represent the brand, whose main task deals with concrete and water treatments.

Superficie complessiva:

13.800 mq

Credits

Direzione lavori:

Rafael Beneytez Durán

Pedro Lafuente Llés

Fornitori:

Gemino

Impresa costruttrice:

Hinaco

Opere di ingegneria

strutturale:

NB35

Impianti tecnici:

Urculo

Ingegneria del suono:

García BBM S.L.

Un sistema integrato per pareti, illuminazione,

controsoffitti, pavimento ha reso possibile

l’azzeramento degli elementi di raccordo visibili

pur preservando funzionalità e flessibilità degli

spazi. Ne risulta un’architettura coerentemente

minimale negli esterni e negli interiors, dove la

nuda levità del vetro esalta la solidità del

calcestruzzo, core business dell’azienda.

Offices Simem, Minerbe (VR)

An integrated system of walls, ceilings, lighting

and floor made possible to hide all the junctions,

saving, on the other hand, the flexibility of the

spaces. The result is an architecture coherent

and minimal both in its exteriors and interiors,

where the light glass underlines the solidity

of concrete, core business of the brand. ■

us 4/09 63


Uffici Bbraun, Milano

Progetto: Il Prisma, Sebastiano Pasculli (2009)

64 4/09 us

Il rinnovamento d’immagine dell’azienda è tradotto nel progetto: slancio innovativo

promosso da una solida realtà multinazionale; ricerca e avanguardia tecnologica a

vantaggio di salute, benessere e comfort ambientale. Gli ambienti di lavoro in open

space sono integrati con aree congressi, laboratorio, formazione, break e ristoro.

The renewal of the corporate image is part of the project: innovative momentum

promoted by a solid multinational company; research and cutting edge technology

to the advantage of health, wellbeing and environmental comfort. The openspace

working environment is supplied with congress, lab, training, break and

refreshment areas.

us award 2009 architettura

Solidità formale per le facciate fronte strada e

luminosa trasparenza ricercata all’interno del

cortile. L’impianto meccanico a travi fredde

garantisce un risparmio dei costi di gestione

ed un abbattimento dell’impatto acustico.

Uffici e spazi per un impiego “non canonico”

ad alto impatto emotivo (terrazzo e cortile) per

sposare l’idea di lavoro con elementi naturali.

Bbraun, Milan

Formal solidity for the fronts facing the street

and bright transparency found inside the court.

The cold-beam mechanical plant assures lower

operating costs and noise reduction.

Offices and spaces for a “not canonical” use

with a high emotional impact (terrace and

courtyard) to combine work and natural

elements. ■

Centro Polifunzionale Le Terrazze, Carità di Villorba (TV)

Progetto: Studio Piva, Marco Piva (in progress)

Un cantiere incompiuto incombeva col suo scheletro di cemento. Il nuovo Centro ha fornito

l’occasione per recuperare una struttura esistente destinandola a funzioni abitative e di servizio,

in una nuova concezione di edificio polifunzionale.

A threatening, unfinished building with its concrete skeleton. The new Centre meant the opportunity

to recover an existing structure for housing and service purposes, according to a new

concept of multipurpose building.

Dal recupero del passato nasce un progetto

dal pensiero innovativo, piacevole da vivere

o, semplicemente, da fruire. Uno spazio aperto

alla città, con ampie terrazze digradanti e il

verde pensato come elemento architettonico,

offre ai propri utenti privacy e spazi

personalizzati. La grande “piazza” polarizza la

vita del complesso che prevede: uffici, spazi

commerciali, centro fitness, parcheggi, palestra,

ristorante.

Multipurpose centre Le Terrazze,

Carità di Villorba (TV)

The recovery of the past produced a novel

design, pleasant to live in or just to use it.

A space open to the city with large sloping

terraces and green considered as an

architectural component, giving its users

privacy and personalized spaces.

The large “square” concentrates the life of

the complex, that provides for offices, shops,

fitness centre, parking lot, restaurant, gym. ■

Superficie complessiva:

2.700 mq

Fornitori:

Hydroware

Sice Previt

Liuni

Omnitex

Sieti

S.i.e.

Sipam

V.V.A.

A&G Piscine

Kone

Superficie complessiva:

15.972 mq

Fornitori:

CEV costruzioni edili


Centrale Idroelettrica, Badia (Bz)

Progetto: Vudafieri Saverino Partners, Claudio Saverino, Tiziano Vudafieri (2008)

L’architettura trova in questa piccola realizzazione il giusto equilibrio con le esigenze funzionali:

sottolinea il valore ecologico della produzione locale di energia pulita attraverso strutture come le

micro centrali idroelettriche e la sua convivenza armonica con l’ambiente naturale circostante.

Architecture finds the right balance with functional requirements in this small project: it stresses

the ecological quality of the local, clean energy production through facilities like micro hydroelectric

stations and its harmonious coexistence with the surrounding nature.

ERRATA CORRIGE: segnaliamo che nel numero 3/09 di US la Centrale è stata pubblicata senza riportare

l’esatta ragione sociale dello studio di progettazione

In un ex edificio prefabbricato industriale

lo spazio dedicato agli uffici si sviluppa

su tre livelli con orientamento sud-ovest.

La facciata è rifinita in lamelle di legno che

proteggono dall’irraggiamento solare e

impediscono il surriscaldamento estivo

riducendo il fabbisogno energetico.

Lo spazio interno si armonizza con il verde

esterno e con lo specchio d’acqua.

wood@work

È stato utilizzato abete lamellare per i frangisole

esterni e i volumi di ingresso; il legno di

cipressino naturale non trattato che riveste la hall

a tutta altezza emana un profumo inebriante.

UBB headquarters, Cormano (Mi)

The new venue is a prefab industrial building.

The office space develops on three levels facing

south-west.

The front is finished in wood strips to protect

from sun irradiation and prevent the overheating

Il progetto affronta la struttura non solo come

luogo produttivo, ma ne esalta il significato

estetico, la convivenza con il paesaggio

circostante ed un corretto inserimento nel su

contesto. È un ambiente aperto, naturalmente

luminoso di giorno, che di notte si accende con

un rigoroso inserimento di illuminazione

artificiale. Oltre la normale attività lavorativa, la

centrale ospita ciclicamente mostre di arte,

fotografia, design.

Sede aziendale UBB, Cormano (Mi)

wood@work

La scelta di rivestire le superfici esterne di listelli

di larice non trattato è un omaggio alla cultura e

alla tradizione costruttiva locale: un’applicazione

lineare e pulita che dà eleganza al volume

dell’edificio e offre suggestioni moderne abbinato

al rame brunito e al vetro.

Progetto: Desiderio10architettura, E. Germani, M. Piccione (2009)

Una sede aziendale (produzione, magazzino, laboratorio ricerca e sviluppo, showroom e uffici del

personale) attenta al benessere delle persone, con luoghi per la convivialità, ed elementi naturali e

sensoriali in un luogo che per sua natura ne sarebbe privo.

Headquarters (production, warehouse, R&D lab, showroom and personnel department) conscious

of the wellbeing of its users, with convivial space and natural and sensory elements in a place

usually lacking.

Hydroelectric station, Badia (Bz)

The design considers the structure not only as

a production unit, but it extols also the aesthetic

meaning, the coexistence with the surrounding

landscape and a correct fitting into its context.

It’s an open environment, naturally bright by day

and lit up by a precise artificial lighting

equipment by night. Besides the usual working

activity, the station is also the venue for cyclic

exhibitions of art, photography and design.

wood@work

The choice of facing the outside surfaces with

untreated larch strips is a homage to the local

construction tradition and culture: a linear and

neat application lending elegance to the building

volume and creating a modern appeal combined

with burnished copper and glass. ■

Superficie complessiva:

2.750 mq

Credits

Collaboratori:

Alessandro Zufferli

Fornitori:

Faram

Targetti

of the building in the summertime, so energy

requirements are lower. The interiors blend with

the outside greenery and the stretch of water.

wood@work

Laminated wood was used for the outside

sunshades and entrance volumes: the untreated,

natural tamarack panelling the hall wall-to-ceiling

gives out a heady scent. ■

us 4/09 65


Sede Dipharma, Malta

Progetto: Offix Service, Antonio Covello (in progress)

66 4/09 us

Riqualificazione e riconfigurazione di un edificio industriale in funzione dell’esigenza del committente di legare l’attività

direzionale alla parte produttiva. Gli spazi ospitano uffici operativi in open-space, uffici direzionali e per visite

manager, sale riunion, aula formazione, area break e fumatori, palestra e locali tecnologici.

Upgrading and reshaping of an industrial building according to the customer’s requirement to connect the

executive activity to the production area. Open-space task offices, executive offices and for visiting managers,

meeting rooms, training room, break and smoking area, gym and technological rooms.

us award 2009 architettura

Mantenendo il corpo principale dell’edifico,

caratterizzato dall’impiego di blocchi di tufo a

vista, tradizionale sistema costruttivo locale,

si interviene sulla parte retrostante con l’innesto

di un nuovo volume che, enfatizzando il modulo

ritmico tra pieno e vuoto dell’originario, si

contrappone per l’impiego di materiali e tecniche

contemporanee, attenti a ridurre il fabbisogno

di area condizionata per la climatizzazione.

Headquarters Dipharma, Malta

Although keeping the main body of the building,

marked by the use of exposed tufa blocks, the

local, traditional construction system, the project

provides for the insertion of a new, rearward

contrasting volume for the use of contemporary

materials and techniques, thus emphasizing the

rhythmic module between the full and empty

spaces of the original one, mindful of the need

to reduce the requirements of air conditioning

for the climate control. ■

Ristrutturazione uffici Archivio di Stato, Roma

Progetto: S&PA, Gabriele Napolitano (2009)

Ristrutturazione architettonica ed impiantistica di parte del Palazzo dell’Archivio

di Stato all’EUR progettato da De Renzi e Pollini nel 1938. La percezione spaziale

degli ambienti, restituiti al loro splendore originario, costituisce il filo conduttore

dell’intero progetto.

Architectural and engineering renovation of a part of Palazzo dell’Archivio di

Stato in the EUR district, designed by De Renzi and Pollini in 1938. The space

perception of rooms, restored to the original splendour, is the thread of the

whole project.

La vocazione razionalista dell’impianto, da una

parte è stata assecondata dalla scansione delle

nuove stanze per uffici secondo il ritmo e la

modularità degli elementi strutturali dell’edificio,

dall’altra è stata bilanciata dal movimento delle

diverse configurazioni delle postazioni di lavoro

e dalle diversificate combinazioni degli arredi

sempre visibili grazie alle ampie pareti vetrate.

Refurbishing of the State Archives

in Rome

On the one hand, the rational bent of the plan

was seconded by stressing the new office

rooms according to the rhythm and modularity

of the structural components of the building

and, on the other hand, it was offset by

the movement of the different shapes of the

workstations and diversified furniture

arrangements always visible thanks to the large

glazed walls. ■

Superficie complessiva:

1.000 mq

Superficie complessiva:

6.500 mq

Fornitori:

Metra

Tarkett

Universal Selecta

Gema Armstrong

iGuzzini


Riconversione ex capannone industriale, Rozzano (MI)

Progetto: MAP (2008)

Rendere elegante, rappresentativo e identificabile dall’esterno un capannone industriale.

Sfruttare al massimo gli spazi interni creando aree di rappresentanza e alloggiando un alto

numero di postazioni in ambienti che infondono benessere fisico ed emotivo.

Making an industrial warehouse elegant, representative and recognizable from the outside.

Making the most of interiors by creating executive suites and a large number of workplaces

in rooms instilling physical and emotional wellbeing.

I materiali dialogano tra loro per contrasto:

la leggerezza del vetro con la pesantezza del

porfido spazzolato vibrano grazie ad una scelta

accurata delle luci. I binari sulle pareti esterne

hanno più funzioni: contenere i corpi illuminanti,

disegnare compositivamente la facciata,

supportare le reti che movimentano la facciata

e proiettano ombre suggestive.

Reconversion of a former industrial

warehouse, Rozzano (MI)

Materials are combined in contrast: the lightness

of glass with the heaviness of the brushed

porphyry vibrate thanks to carefully chosen

lights. The rails on the outside walls are used to

accommodate lighting fittings, draw the front

composition, support the nets enlivening the

front and to project fascinating shades. ■

Sede Tierregroup, Cormano (MI)

Progetto: Desiderio10Architettura, Marco Piccione (2008)

Gli uffici sono in un edificio industriale prefabbricato di tre piani, dove si trovano

anche il magazzino e la distribuzione. Il corpo degli uffici sottolinea e

mantiene il carattere industriale del manufatto, lasciando a vista le strutture

interne prefabbricate.

The offices are in a pre-fab, three-storeyed industrial building, accommodating

also the warehouse and distribution. The office block stresses and keeps

the industrial features of the construction, revealing the prefab, structures.

Superficie complessiva:

400 mq

Fornitori:

Unifor

Savogi

Pasin

Corsico elevatori

Superficie complessiva:

2.100 mq

Fornitori:

Unifor

NTS italia

Abbablind

iGuzzini

Per ottenere grande luminosità e rapporto visivo

con il verde esterno, la facciata si posiziona con

orientamento sud-ovest. Il comfort climatico è

assicurato da una facciata in vetro a basso k

emissivo e da una struttura metallica esterna di forte

impatto architettonico con pannelli in fibra di vetro

scorrevoli a rullo che schermano dai raggi solari.

Tierregroup, Cormano (MI)

In order to obtain maximum brightness and visual

relation with the outside greenery, the front faces

south-west. Climate comfort is ensured by a low-k

emission glass and an outside striking architectural

structure in metal with roll sliding panels in glass fibre

screening from sunrays. ■

us 4/09 67


Centro Polifunzionale, Verona

Progetto: Mario Bellini Architects, Mario Bellini (in progress)

68 4/09 us

La riqualificazione dell'area dell’ex Foro Boario, che contribuirà a costituire la Verona del futuro anche grazie

alla grande attenzione riservata agli aspetti ecologici, comprende una torre direzionale e un business hotel.

L’intervento crea un insieme di regole che lo renda riconoscibile in un contesto attualmente incoerente.

The upgrading of the former Foro Boario area, which is going to help building the Verona of the future

also thanks to the emphasis given on the ecological aspects, includes a business tower and a business

hotel. The project creates a set of rules to make it recognizable into a now inconsistent context.

us award 2009 architettura

Uffici, Montebelluna (TV)

Progetto: Design Group, Giuseppe Righetto (2009)

La facciata principale è movimentata da grandi

vele curve rivestite in lamiera di acciaio inox che

creano un effetto “stropicciato”. La facciata sud

è protetta da un frangisole in alluminio.

I pannelli fotovoltaici provvedono alla parziale

produzione di energia elettrica (50Kw) e acqua

calda; il sistema di riscaldamento/raffrescamento

è posto a soffitto.

Offices, Montebelluna (TV)

The main front is enlivened by large, curved

crowns faced in stainless steel sheet, that

create a “creased” effect. The south front is

protected by a sunshade in aluminium.

The photovoltaic panels provide for the partial

production of electricity (50Kw) and hot water;

the cooling/ heating system is installed in

the ceiling. ■

La composizione è ritmata da pieni e vuoti, da

edifici verticali – nuovi landmark – e da corpi

orizzontali, riferiti alla scala di percezione di pedoni

e automobilisti. All’interno dell’area sono previsti un

“Cuore Verde” e sistemi eco-sostenibili innovativi:

facciate a doppia pelle con ventilazione meccanica;

produzione di acqua calda demandata alla rete di

teleriscaldamento; facciate e coperture dotate di

pannelli solari e fotovoltaici evoluti.

Multipurpose Centre, Verona

The composition is stressed by full and empty

spaces, vertical buildings – new landmarks – and

horizontal bodies. Inside the area a “Green

Heart” is planned, as well as some innovative,

eco-sustainable systems: double-skin fronts with

mechanical ventilation; production of hot water

remitted to the district heating, fronts and roofing

supplied with advanced photovoltaic and solar

panels. ■

Superficie complessiva:

12.430 mq

Superficie utile uffici:

4.200 mq

Per istituire una maggiore sinergia tra i reparti e l’attività di spedizioni, questi

vengono concentrati in un’unica struttura che, per dimensione e qualità architettonica

diventa sede di rappresentanza.

In order to create a greater synergy between departments and forwarding area,

everything is concentrated in one structure, that turns into an executive venue

for its size and architectural quality.

Superficie complessiva:

25.000 mq

Edifici per uffici:

11.000 mq.

Fitness Center:

5.000 mq.

Commerciale:

1.000 mq

Hotel:

8.000 mq

Verde pubblico:

11.000 mq

Fornitori:

Costruire

Credits

Progetto strutture:

Erreviemme, ingegneri

architetti associati

Progetto acustico:

Bresolin

Progetto Impianti

termoidraulici:

Studio Clima Progetti


Sede Tour Operator, Roma

Progetto: Andrea Lupacchini (in progress)

Un luogo di vendita, aggregazione, promozione, eventi, legati al mondo

del turismo; non solo un’agenzia di viaggi ma un luogo del viaggio,

dove viaggiare prima con elementi multimediali per una conoscenza

mirata e un viaggio consapevole.

A place to sell, meet and promote events related to the tourism

world; not just a travel agency but a travel place, where one first travels

through multimedia aids for a targeted knowledge and a conscious

journey.

Recupero di un antico opificio, Roma

La struttura è dotata inoltre di tre serre solari,

autonome dal punto di vista energetico: due in

copertura utilizzate come sale riunioni e una al piano

terra con area relax e caffetteria. Gli ambienti interni

sono stati pensati come grandi open space dotati di

piccole sale riunioni completamente vetrate. I servizi

(wc, archivi, copie) sono collocati all’interno di scatole

colorate sospese e compongono una strana

geometria con i collegamenti verticali.

Recovery of an old factory, Rome

In addition, the structure is supplied with three

solar greenhouses, self-sufficient from the energy

point of view: two on the roofing used as meeting

rooms and one on the ground floor with relax

area and cafeteria. The interiors are designed

as large open spaces with small and entirely glazed

meeting rooms. Services (bathrooms, records,

photocopying) are inside some coloured,

suspended boxes. ■

Credits

Collaboratori:

Luca Solazzo, Marco

Ciampa, Violante Tito

Progetto strutture:

Luigi Ruggeri

Direzione lavori:

Maurizio D’Ortenzio

Progetto: Studio Ottaviani, Alessandro Ottaviani (in progress)

Un ex opificio di fine ’800 trasformato in edificio per uffici. Due corpi di fabbrica contrapposti,

collegati da una serra solare, che rispettano le planimetrie preesistenti e utilizzano materiali –

ferro, mattone a vista e Uglass – compatibili con la precedente destinazione d’uso.

A former factory of the late nineteenth century converted into an office building. Two opposed

bodies linked by a solar greenhouse, that keep the pre-existent site plans and make use of materials

– iron, face brick and Uglass - compatible with the previous use.

Una scatola interna “materica”, bucata in

maniera irregolare, è rivestita da una gabbia

leggera e trasparente tecnologica e multimediale

dotata di portali in acciaio con funzioni diverse

(frangisole, sostegni per pannelli fotovoltaici e

pannelli pubblicitari coperture del roof-garden

attrezzato per eventi). Un edificio intelligente,

energeticamente autosufficiente.

wood@work

La pelle esterna è realizzata in legno a lamelle

orientabili.

Tour Operator, Rome

An inside “matter” box, irregularly perforated, is

covered with a light and transparent multimedia

and technological cage supplied with steel

portals performing different functions (sunshade,

supports for photovoltaic panels and advertising

boards, roof-garden fitted for events).

An intelligent building, self-sufficient from the

energy point of view.

wood@work

The outside skin is carried out in wood with

steerable louvres. ■

Superficie complessiva:

650 mq

Fornitori:

Fantoni

Tecno

Vetritalia

Dorma

iGuzzini

us 4/09 69


Sede Molino Casillo, Corato (BA)

Progetto: Alvisi Kirimoto + Partners (in progress)

70 4/09 us

Il progetto si basa su trasparenze multiple, identità volumetriche e contrasto tra vuoti e pieni. È caratterizzato

da flussi e permeabilità differenti, e dagli alti livelli di finiture che nen rappresentano il brand. Il cuore delle

attività è la control room, dove nascono e vengono monitorate tutte le attività.

The design is based on multiple transparencies, volumetric identities and the contrast between full and

empty space. It’s marked by different flows and permeability, and first-rate finishes, which are the hallmark

of the brand. The business core is the control room, where all activities are monitored.

L’edificio sarà iconizzato con colori e materiali

mediterranei, spazi multipli e dinamici, landscape

e vegetazione tipiche della zona. Il blocco

monolitico dell’edificio con un limitato sviluppo

verticale, le forme e finiture e la gestione degli

spazi rispecchiano i valori aziendali.

Molino Casillo, Corato (BA)

The building will change into an icon with

Mediterranean colours and materials, multiple

and dynamic spaces, landscape and greenery

typical of the area. The monolithic building

with a limited vertical development, shapes

and finishes and space management reflect

the corporate values. ■

us award 2009 architettura

Filiale Banca Monte dei Paschi, Arezzo

Progetto: Paschi Gestioni Immobiliari, Franco Biondi (2009)

La copertura vetrata creata nel salone per il pubblico offre luce naturale e definisce una sorta di

piazza, attorno alla quale ruotano le funzioni della banca, in stretto rapporto con l'area archeologica

restaurata e resa fruibile.

The glass roofing over the banking hall lets daylight in and defines a sort of square, round which

the bank function revolves, in a close relation with the restored archaeological site, now

available.

Il percorso museale, dove sono esposti pezzi

prestati dalla Soprintendenza, si interseca

con gli arredi dell’attività bancaria. Si crea così

un originale connubio fra finanza e cultura in un

ambiente dove la qualità ambientale prevale

anche attraverso l’utilizzo di materiali

ecocompatibili.

Banca Monte dei Paschi, Arezzo

The museum route, where pieces lent by the

Superintendency are displayed, criss-crosses

with the furnishings used for the bank jobs, thus

forming an original alliance between finance and

culture in surroundings where environmental

quality is prevailing also through the use of ecocompatible

materials. ■

Superficie complessiva:

6.700 mq

Fornitori:

Fantoni

Mevaco

Woodco

Casalgrande Padana

Levocell

Superficie complessiva:

800 mq

Fornitori:

Methis

Graniti Fiandre

Junckers

Knauf

Zumtobel

Saint Gobain

Sena Contract


Parco Tecnologico Energy Park, Vimercate (MI)

Progetto: Garretti Associati, Paolo Garretti (2009)

Un campus ecosostenibile – dieci edifici, di cui uno per la mensa – innovativo nel suo approccio olistico;

una risposta per le aziende operanti nei settori High-Tech, e IT che intendano razionalizzare i propri costi

di locazione ed energetici, migliorando le condizioni ambientali di lavoro per i propri collaboratori.

An eco-sustainable campus – ten buildings including one for the canteen – with a novel, holistic approach;

an answer for companies in the high-tech and IT industries, that want to rationalize their location

and energy costs, at the same time improving the environmental working condition for their employees.

Un nuovo concept di edificio “ibrido” che per

le sue caratteristiche tipo-tecno-morfologiche è

in grado di accogliere: uffici, laboratori, IT rooms,

locali training, auditorium, test room. Energy

Park persegue gli obiettivi più ambiziosi di qualità

e sostenibilità ambientale; è già stato attivato

l’iter per l’ottenimento della certificazione

energetica LEED-CS.

Technological Park Energy Park,

Vimercate (MI)

A new concept of “hybrid” building, the typetechno-morphological

features of which allow

to accommodate offices, labs, IT rooms, training

rooms, auditorium, test room. Energy Park

pursues the most ambitious goals of

environmental sustainability and quality and the

procedure for the LEED-CS certification has

already been started. ■

Uffici Roccheggiani, Camerano (AN)

Progetto: Guzzini Engineering, Francesco Guzzini (2008)

L’intento fondamentale è quello di definire un racconto sensoriale a tre dimensioni in grado di stimolare

i sensi del visitatore-ospite. Questa scelta filosofica si è concretizzata attraverso la creazione

di una ambientazione all’interno della quale niente è statico.

The basic goal is to define a three-dimensional sensory tale to stimulates the guest-visitor’s senses.

This philosophical choice was realized through an interior setting, where nothing is static.

Superficie complessiva:

160.000 mq

Fornitori:

Cesi

Teleya

RDB

Farina

Mec master

Milani

Longhi

Vetro bergamo

Rockwool

Superficie:

1.600 mq

Fornitori:

Lafano

Fano

Guzzini Engineering

SCS

I.E. Service

ADI

I.C.O.C.

Pochi segni forti connotano lo spazio in questo

edificio in vetro e acciaio. Grande attenzione è

rivolta al risparmio energetico, all’azzeramento

dei costi di manutenzione (aerazione a travi fredde,

fotovoltaico, illuminazione e schermature solari

automatizzate) e al massimo comfort ambientale

(acustico, termico, illuminazione e qualità aria

ambiente).

Roccheggiani, Camerano (AN)

Just a few strong signs mark the space of this

building in glass and steel. The focus is on energy

saving, maintenance cost resetting (cold beam

aeration, photovoltaic, lighting and automated sun

screening,) and maximum environmental comfort

(sound, heat, lighting and inside air quality). ■

us 4/09 71


us award 2009 architettura fuori concorso/non-competing designs

Sede Seat Pagine Gialle, Torino

Progetto: Massimo Iosa Ghini (2009)

72 4/09 us

La nuova sede Seat nasce da un innovativo processo di progettazione a 360° da parte di un gruppo scientifico,

l’advisory board, dove confluiscono personalità di rilievo del mondo accademico, dell’imprenditoria e

della comunicazione, del mondo del design e dell'architettura.

The new Seat head office springs from an innovative process of a 360-degree design by a scientific group,

the advisory board, where prominent personalities from the academic. Entrepreneural, communication,

design and architecture community are gathered.

Lo spazio architettonico racconta al visitatore

la storia del suo marchio: dal rigore e dalla

solidità del “quadrato” dell’elenco telefonico

evolve verso un futuro meno materiale, più

dinamico e fluido.

La Reception, infatti, è situata nell’edifico storico

ex officine Savigliano, connotato dalla rigorosa

ripetizione di un modulo spaziale, e da lì si

aprono spazi espositivi e percorsi la cui

sinuosità origina spazi per la convivialità,

contribuendo a creare fra i lavoratori un clima di

partecipazione alla vita di questo grande gruppo

di lavoro.

Superficie ala nuova:

26.400 mq

Fornitori:

Armstrong

Liuni

Zumtobel

Firme di Vetro

Miodino

Domodinamica

Bonaldo

Haworth

Sedus

Foto:

Juergen Eheim

Seat Pagine Gialle, Turin head office

The architectural space tells the visitor the story

of the brand: from the severity and solidity

of the “square” of the phone directory, it evolves

towards a less material and more dynamic

and fluid future. Actually, the Reception is

situated inside the renowned Savigliano’s former

workshops, marked by the strict repetition of

a space module, where showrooms and sinuous

paths branch out from to produce convivial

rooms, thus helping to create among the

workers an atmosphere of involvement in the life

of this big work-team. ■


Superficie:

25.300 mq

Centro multifunzionale, Amman (Giordania)

Progetto: Caputo Partnership, Paolo Caputo (in progress)

Il sito di progetto è localizzato in un’area centrale della città, caratterizzata da una edificazione principalmente

residenziale, con spazi uffici e commercio sulle arterie di maggiore traffico.

The planning site is located in a central area of the city, characterized by a mostly residential housing,

with offices and shops on the busiest roads.

Il progetto interpreta la pendenza del terreno,

andando a costituire un podio che si lega con

le altezze dei lotti a monte.

Il podio, di tre piani, ospita commercio al piano

terra che si sviluppa intorno a percorsi

pedonali e patii, e uffici negli altri due piani;

si tratta di un edificio completamente vetrato,

schermato da lamelle / brise soleil, che

proteggono dal sole e richiamano i colori del

deserto.

Multifunctional Centre,

Amman (Giordania)

The design follows the inclination of the ground,

thus forming a podium. The three-storeyed

podium houses shops on the ground floor,

developing round pedestrian paths and patios,

and offices on the other two floors; it’s an

entirely glazed building, screened by

sunshade/louvers protecting from the sun and

recalling the colours of the desert. ■

us 4/09 73


us award 2009 architettura fuori concorso/non-competing designs

Sede Ministero delle Politiche

Interne, Tbilisi (Georgia)

Progetto: aMDL Michele De Lucchi,

Freyrie & Pestalozza (2009)

74 4/09 us

Edificio ad uso operativo e rappresentativo dalla forte identità, sede

del Ministro, Vice Ministro e Responsabile della Polizia georgiani, è

ben riconoscibile a chi transita sulla via che dall'aeroporto conduce al

centro della città.

This operational and representative building with a strong identity,

hosting the Georgian Minister, Vice Minister and the Head of the Police,

is most recognizable for those who pass by on the road, that from

the airport leads to the town centre.

Una tenda che protegge gli uffici operativi,

creando una grande veranda attorno all’edificio,

come nelle tipiche architetture georgiane. La

soluzione formale a nastro è supportata da una

facciata in acciaio e vetro che asseconda la

richiesta di identificazione e distinzione

dell’architettura nel contesto. Sono stati

impiegati vetri performanti per il risparmio

energetico e il comfort interno. L’aspetto hi-tech

della struttura in acciaio contrasta con le finiture

in materiali naturali degli interni progettati per il

comfort visivo (legno e pietre naturali).

L’asse di simmetria è obliquo perché l’edificio

appaia dinamico, pur avendo i vantaggi di

standardizzazione delle strutture simmetriche.

Ministry for Home Policies, Tbilisi

(Georgia)

A tent protecting the task offices, that creates

a large veranda round the building, as in the

typical Georgian architectures. The belt-like form

is supported by a front in glass and steel suiting

the request for the identification and distinction o

f the architecture from the surroundings.

High-performance glass was used for energy

saving and interior comfort. The hi-tech look

of the steel structure clashes with the finishes

of the interiors in natural materials meant to

supply visual comfort (wood and natural stones).

The symmetry axis is oblique to give the building

a dynamic look, although featuring the

advantages of standardized, symmetric

structures. ■

Superficie:

10.000 mq

Fornitori:

Vitra

Arlight

Focal

Locale per ristorazione collettiva,

Mensa (RA)

Progetto:

Total Tool, Giulio Ceppi (2009)

Coniugare il risparmio energetico con il massimo comfort cercando

attraverso nuove soluzioni costruttive una via originale alla sostenibilità

ambientale. L’edificio nasce dall’uso e dall’interpretazione del terreno

come dato di progetto.

Combining energy saving and maximum comfort through new construction

solutions for an original way to environmental sustainability.

The building springs from the use and interpretation of the land as

design datum.

La terra e la geotermia hanno generato il

linguaggio e l’estetica dell’architettura,

coniugato con altri materiali ad elevata coibenza

e a impatto minimo. La cellula strutturale del

fabbricato è stata realizzata con casseratura a

perdere di polistirene espanso (che ha funzione

termoisolante) riempita di calcestruzzo

rinforzato. La copertura dell’edificio è

piantumata a prato e dotata d’irrigazione che

utilizza acqua piovana.

wood@work

Doghe in Ipè lapacho ritmano la facciata in

maniera regolare e mascherano parzialmente

l'innovativa struttura di EPS con lo spritzbeton.

Dining facility, Canteen (RA)

Land and measurement of the internal heat of

the earth produced the language and aesthetics

of architecture, combined with other highinsulating

and low-impact materials.

The structural cell of the building was carried

out with formworks of expanded polystyrene

(heat insulating) filled with reinforced concrete.

The roofing of the building is planted with trees.

wood@work

Staves in Ipè lapacho stress the front regularly

and partially disguise the novel structure of EPS

with spritzbeton. ■

Superficie complessiva:

380 mq

Fornitori:

Tecnodelta

Isa

Insigna

Asfalti Riminese


Ospedale antisismico,

Frosinone

Progetto:

Studio Speri Società di Ingegneria (2009)

Un ospedale, progetto pilota antisismico, che serva tutta la

provincia. Azienda Ospedaliera con un bacino di utenze di circa

100.000 persone, 200 posti letto.

Aseismic pilot project of a hospital serving the whole province.

Hospital trust with an area of about 100.000 people, 200

beds available.

Tra gli aspetti più innovativi vanno evidenziati

l’ottimizzazione energetica, l’ eco-sostenibilità,

l’integrazione tecnologica, il controllo centrale

informatizzato degli impianti e dei servizi

all'interno dell'ospedale; il tutto unito alla

massima attenzione per il comfort ambientale.

Aseismic hospital, Frosinone

The most innovative features include energy

optimization, eco-sustainability, technological

integration, computerized central control of

systems and facilities inside the hospital, and

also emphasis on environmental comfort. ■

Superficie complessiva:

40.000 mq coperti

Fornitori:

Knauf

ATI C.C.C.

Gruppo Zeppieri

Costruzioni

ITER soc. coop

Lugo

Gruppo Zeppieri

Costruzioni

Veroli

SISTEMI DI CONTROSOFFITTI PROFESSIONALI

Più Innovazione - Più Prodotti - Più Soluzioni

FORNIBILE ANCHE

SENZA PROFILI VISIBILI

FORMATO 600 x 600 AW

THERMATEX Symetra.

NUOVO DESIGN DA FORATURE SIMMETRICHE

Pannello in fi bra minerale con differenti design di foratura

Fori di alta precisione

Ottime qualità di protezione antincendio ed acustica

Molte confi gurazioni in formati e bordi

Potete ricevere ulteriori informazioni

sul THERMATEX Symetra visitando

il sito www.amf-italia.it o

telefonando al N° 0172-425169

Knauf AMF Italia Controsoffi tti srl

Borgo San Martino 18/d ∙ I-12042 Bra (CN)

Tel.: +39 0172 - 42 51 69 ∙ Fax: +39 0172 - 43 00 57

e-mail: info@amf-italia.it ∙ http://www.amf-italia.it

MADE IN GERMANY

NOVITA‘

DI

AMF


workplace

ergonomia

acuradi

Ergocert

1. Liberty di HumanScale

2. Luciano Guglielmini,

business consultant

Humanscale, riceve la targa

premio

us è media-partner

di Comfortseating

76 4/09 us

2

1

Premio Comfortseating 2009

I migliori risultati di comfort, di usabilità e sostenibilità

Il riconoscimento alla migliore seduta in termini di comfort, di usabilità e sostenibilità è stato assegnato il

21 novembre, presso la magnifica cornice di Palazzo Kechler a Udine. Promotori dell’iniziativa sono stati

l’Associazione L’Alfiere ed ErgoCert, Ente di Certificazione per l’Ergonomia, oggi spin-off dell’Università di

Udine, con il sostegno della Regione Friuli Venezia Giulia, della Società Italiana di Ergonomia (sezione

FVG), dell’ADI (sezione FVG).

Il riconoscimento è giunto a conclusione

di una ricerca svolta presso ErgoLab,

il Laboratorio di ErgoCert con sede a Udine

(accreditato SINCERT), che attraverso misure

strumentali (effettuate mediante appositi

tappetini barometrici sviluppati assieme a

BoscoSystemDiagnostics), ha permesso di

definire un indice numerico (“Indice di comfort”)

per misurare scientificamente il comfort delle

sedute. Le misurazioni sono state effettuate su

un campione di 23 sedute, inviate da aziende

leader mondiali presenti sul mercato nella

produzione di sedie per ufficio.

La metodologia sviluppata dall’equipe di

ErgoCert e dall’Università di Udine, diretta dal

Prof. Guglielmo Antonutto (Medico e fisiologo

del Dipartimento di Scienze e Tecnologie

Biomediche, con oltre 100 pubblicazioni

internazionali all’attivo), segna una svolta

nella valutazione ergonomica della qualità dei

prodotti, essendo l’“Indice di comfort” un

indicatore numerico e significativo del

comfort delle sedute (statisticamente validato)

applicabile alla valutazione di sedute e prodotti

utilizzabili nei più svariati settori (arredo-ufficio,

arredo-casa, sanità-handicap, comunità,

trasporti).

L’adozione di tale metodo potrà produrre

significativi benefici tanto alle aziende

produttrici, consentendo loro di qualificare

il proprio prodotto rispetto ai competitor

e di ambire così alla conquista di nicchie

di mercato ad alta redditività, quanto agli

acquisitori (in particolare gli Enti pubblici)

che potranno usufruire di un riferimento

standardizzato e affidabile sulla qualità del

prodotto in relazione al comfort.

Sulla base dei risultati ottenuti nella ricerca e

della valutazione di altri parametri quali

l’usabilità dei comandi, i contenuti innovativi

d’uso e la sostenibilità ambientale,

l’Associazione L’Alfiere ed ErgoCert, hanno

premiato la seduta “Liberty” di HumanScale

quale prodotto che meglio esprime il mix di tutti

questi fattori, assegnandole così il Premio

ComfortSeating 2009.

Alla cerimonia di premiazione, oltre a

Francesco Marcolin (Presidente di ErgoCert),

Guglielmo Antonutto (responsabile scientifico

di Ergocert) e ai rappresentanti delle aziende

premiate, erano presenti Maurizio Franz,

Presidente della Commissione Attività

Produttive del FVG, Manuela Croatto

(Responsabile Area di ricerca dell’Università di

Udine), Mauro Bertagnin (Presidente sezione

FVG della SIE), Renata Sias (Direttrice di

US-ufficiostile), responsabili di aziende, dealer

e professionisti del settore. ■


3. Zody_System 89

di Haworth

4. Embody

di HermanMiller

5. Dat-0 di Dauphin

6. Pixel di Luxy

7. Bea di Luxy

8. Freedom di Humanscale

I vincitori The winners

Alle sedute che hanno ottenuto il punteggio più alto

in ciascun parametro valutato, preso singolarmente,

sono stati inoltre assegnati i seguenti premi

speciali:

• Miglior prodotto per usabilità dei comandi,

contenuti innovativi d’uso e sostenibilità

ambientale:

Liberty di HumanScale

• Miglior Prodotto per Confort strumentale

di seduta:

Zody_System 89 di Haworth

• Miglior Prodotto per Usabilità dei comandi:

Embody di HermanMiller

• Miglior Prodotto per Contenuti innovativi d’uso:

Bea di Luxy

• Miglior Prodotto per Qualità ergonomica/prezzo

(Fascia 0-500 €):

Pixel di Luxy

• Miglior Prodotto per Qualità ergonomica/prezzo

(Fascia 500-1000 €):

Dat-0 di Dauphin

• Miglior: Prodotto per Qualità ergonomica/prezzo

(Fascia oltre 1000 €):

System 89 Zody di Haworth

• Miglior Prodotto per ergonomia/sostenibilità:

Embody di HermanMiller,

Zody_System 89 di Haworth

Freedom di HumanScale

3

5 6

7

5

3

9

4

2009 Comfortseating Award

The best results of comfort, usability

and sustainability

The award to the best seating as to comfort, usability

and sustainability was given on November 21 in the

wonderful setting of Palazzo Kechler in Udine.

The initiative was promoted by the Association L’Alfiere

and ErgoCert, Certification Authority for Ergonomics,

now a spin-off of Università di Udine, backed by Regione

Friuli Venezia Giulia, Società Italiana di Ergonomia

(FVG section), and ADI (FVG section).

The accolade was the outcome of a study carried

out at ErgoLab, the laboratory of ErgoCert based in

Udine, that allowed to define, through instrument

measures, a “Comfort index” for the scientific

measurement of the seating comfort.

The measurements were made on a sample of 23

chairs, sent by some world leading companies

operating in the market for office seating.

On the basis of the results obtained from the

study and evaluation of the other benchmarks like

usability of controls, novel use features and

environmental sustainability, the Association

L’Alfiere and ErgoCert selected the chair “Liberty”

by HumanScale as the product better expressing the

mix of all these factors, and gave it 2009 Comfort

Seating Award. ■

4

us 4/09 77


workplace

ergonomia

company promo

www.haworth.it

www.haworth-europe.com

Per ulteriori informazioni

http://www.haworth.it/it/pro

ducts_all/seating/desk/zody

_system_89_office_chair.php

http://www.haworth.it/it/pro

ducts_all/seating/desk/syste

m_59.php

For further information

http://www.hawortheurope.com/en/products_all/

seating/desk/zody_system_8

9_office_chair.php

http://www.hawortheurope.com/en/products_all/

seating/desk/system_59.php

78 4/09 us

Pensare al comfort degli utilizzatori

Zody_System 89 e System 59 di Haworth-Comforto

I numerosi riconoscimenti, ricevuti da Haworth in tutto il mondo, sanciscono la validità di un approccio

progettuale attento al comfort degli utilizzatori e premiano, non solo la singola seduta, ma la costante ricerca

nell’innovazione ergonomica, l’attenzione alle problematiche della sostenibilità e, non ultimo, la propensione

verso un design che non si ferma all’estetica.

Le due recenti gamme di sedute, Zody_System 89 e System 59, di marchio Comforto (uno dei 4 marchi del

gruppo Haworth in Europa) segnano nuovi criteri in materia di standard ergonomici, rappresentando la

sintesi perfetta di questo approccio. Un nuovo concetto di seduta che nasce da una domanda cruciale:

«Come definiscono il comfort gli utilizzatori?» alla quale Haworth ha risposto con il qualificato contributo

della WMU (Università del Michigan, Human Performance Institute).

Zody_System 89:

la forma segue la scienza

Lo studio tedesco ITO Design e il team di

ricerca e sviluppo di Haworth hanno utilizzato i

risultati scientifici della ricerca affidata

all’Università del Michigan, Human

Performance Institute (WMU) per dar vita alla

seduta Zody_System 89. I risultati della ricerca

svolta da WMU hanno infatti portato alla

conclusione che, per ogni essere umano, esiste

un’asimmetria nella regione lombare dovuta

alle abitudini di lavoro e alle evoluzioni del corpo

umano. Di conseguenza è stato sviluppato il

Sistema PAL Back (supporto lombare e del

bacino). Grazie a una semplice rotazione

anteriore, la regione lombare riceve un sostegno

della parte inferiore della schiena che può essere

regolato in modo asimmetrico. A ottimizzare la

postura dell’utilizzatore contribuisce anche il

sostegno passivo del bacino, leggermente

sollevato.

Sostenibilità

Zody è sostenibile, dalla progettazione alla

produzione, fino al riutilizzo. È un prodotto che

si impegna per la salvaguardia dell’ambiente

naturale e contribuisce all’acquisizione

di punti LEED. È progettata sulla base

del protocollo MBDC (McDonough Braungart

Design Chemistry), è realizzata al 51% con

materiali riciclati ed è riciclabile al 98%.

La produzione avviene esclusivamente in

stabilimenti certificati ISO 14001, senza utilizzo

di materiali quali PVC, cromo e CFC. ■

Premi & riconoscimenti

• Silver Best of NeoCon Award, Seating:

Ergonomics Desk/Task, Chicago, IL, USA, June

2005.

• Gold IIDEX/NeoCon Canada Product Award,

Seating: Desk/Workstation Chairs, Canada,

September 2005.

• 2005 GOOD DESIGN Award, presented by

the Chicago Athenaeum Museum of Architecture

and Design, December 2005.

• Cradle to Cradle Gold Certified Product by

MBDC (McDonough Braungart Design Chemistry),

October 2005.

• American Physical Therapy Association

Endorsement (APTA), December 2005.

• Comfort Seating “Premio indice di comforto”

L’Alfiere e Ergocert Udine, Novembre 2009.

In questa pagina:

Zody_System 89 (ITO

Design e R&D Haworth)

è dotata dell’innovativo

Sistema PAL Back,

il supporto lombare

asimmetrico che segna

un nuovo criterio in

materia di standard

ergonomici

In this page:

The multiawarded chair

Zody_System 89 (ITO

Design and RD Haworth)

is supplied with the

innovative PAL Back

system, the asymmetric,

lumbar system marking a

new criterion as regards

ergonomic standards


Thinking of the users’ comfort

Zody_System 89 and System 59 by Haworth-Comforto

The many accolades Haworth has received all over the world confirm the effectiveness of a planning approach

conscious of the users’ comfort and reward not just one chair, but the steady research towards ergonomic

innovation, awareness of sustainability issues and, last but not least the tendency to a design not

based on look only.

The two, latest seating systems, Zody_System 89 and System 59, that mark new criteria as far as ergonomic

standards are concerned, are the perfect synthesis of this approach.

A new seating concept resulting from a critical question: « How can we define the users’ comfort? » and

Haworth answered with the qualified contribution of WMU (University of Michigan, Human Performance Institute).

System 59: regolazione automatica

intelligente per un’ergonomia di ultima

generazione

Disegnata da Simon Desanta, in collaborazione

con Haworth Design Studio, la nuova sedia

System 59, lanciata ad ottobre 2009, si basa

sulle ricerche condotte per Zody e racchiude le

funzioni ergonomiche in un design straordinario: i

meccanismi della seduta sono stati pressoché

integrati nella sedia stessa, dandole un aspetto

pulito e leggero. Il nuovo meccanismo di

regolazione automatica della tensione di

basculamento AWCM (Automatic-Weight-

Control-Mechanism - regolazione automatica in

base al peso dell’utente) elimina la necessità di

regolazione manuale: il peso dell’utente viene

trasmesso attraverso la superficie del sedile al

meccanismo AWCM, che risponde con un

bilanciamento della pressione dello schienale,

favorendo una seduta dinamica. La linea System

59 che utilizza il supporto lombare asimmetrico di

Zody e il sedile Air-Go-Pur, comprende i modelli

executive, operativo, conferenza e visitatore, e

offre ampie possibilità di personalizzazione

(nuove finiture di reti, rivestimento di design e

nuove finiture per il basamento della sedia).

Sostenibilità

System 59 è stata sviluppata con particolare

attenzione alla sostenibilità ambientale: è realizzata

al 70% con materiali riciclati, e può essere

smontata in ogni singolo componente e materiale,

garantendo una possibilità di riciclo fino al 95%. ■

In questa pagina:

System 59 (design Simon

Desanta con Haworth

Design Studio) al Sistema

PAL Back già presente

in Zody, aggiunge il nuovo

meccanismo di regolazione

automatica della tensione

di basculamento in base

al peso dell’utente,

che elimina la necessità

di regolazione manuale

In this page:

System 59 (design Simon

Desanta with Haworth

Design Studio) adds to the

PAL Back system already

used for Zody the new

automatic adjustment gear

of the up-and-over tension

according to the user’s

weight, that makes manual

adjustment unnecessary

5

us 4/09 79


workplace

ergonomia

company promo

www.humanscale.com

via San Senatore 6/1

20122 Milano

+39 335 6473419

80 4/09 us

Creare ambienti di lavoro più confortevoli

Humanscale: approccio ergonomico e sostenibile

Il Gruppo americano Humanscale, fondato nel 1983 dall’attuale CEO Bob King, in pochi anni ha costruito

una solida reputazione e un’importante rete commerciale che ha sviluppato nel 2008 una cifra d’affari di

circa 200 milioni di dollari. Le unità produttive sono dislocate negli Stati Uniti (New Jersey e California), in

Europa (Dublino), in Asia (Hong Kong) e in Oceania (Melbourne).

Creating a more comfortable place to work

Humanscale: ergonomic and sustainable approach

In just a few years, the American Group Humanscale, founded in 1983 by the current CEO Bob King, has

attained a solid reputation and an important sales network that in 2008 has developed a turnover of about

200 million dollars. The production units are located in the United States, (New Jersey and California), in

Europe (Dublin), in Asia (Hong Kong) and in Oceania (Melbourne).

Oltre ad essere un sostenitore molto attivo

del WWF, Humanscale è un laboratorio

di ergonomia impegnato nella progettazione

e promozione di un’ampia serie di “strumenti

da lavoro” eco coerenti, fortemente

caratterizzati dal rigoroso rispetto della

metodologia ergonomica combinata a un design

essenziale che assicura esemplare funzionalità,

usabilità e durata nel tempo.

Collabora con l’azienda il designer Nils Diffrient

che in passato ha lavorato con Eero Saarinen,

Marco Zanuso e Henry Dreyfuss. Diffrient ha

ottenuto ambìti riconoscimenti come il National

Design Award 2002 dal Museum Smithsonian’s

Cooper Hewitt e il Chrysler Design Award nel 1999.

Tutti i prodotti Humanscale utilizzano un numero

1 2

minimo di parti componenti, quindi meno

materiali, minori scarti e processi di lavorazione.

Oltre a migliorare per quanto possibile la qualità

della vita operativa in ufficio, questi prodotti

contribuiscono, per la loro sostenibilità e per

effetto di importanti crediti LEED,

all’ottenimento del Certificato Green Building.

Humanscale ha recentemente presentato

al mercato mondiale due nuovi progetti che

hanno già raccolto unanimi consensi: il braccio

porta video M2, completamente in alluminio,

e la lampada da tavolo Element che utilizza

LED di ultima generazione: un ulteriore

contributo alla funzionalità e al risparmio

energetico. Tra qualche mese è attesa la nuova

seduta Diffrient World Chair. ■

1. Basata sull’innovativa

tecnologia MCX LED, la

pluripremiata lampada da

lavoro Element offre nuovi

livelli di performance,

efficienza e sostenibilità

Featuring innovative MCX

LED Technology, the multi

awarded Element LED

task light offers new levels

of performance, efficiency

and sustainability

2. La nuova Diffrient

World Chair sarà

disponibile in Italia nei

prossimi mesi

The new Diffrient World

Chair will be available in

Italy in the next months


awards archicontest

Dmitry Cherepkov,

presidente Nayada,

e Denis Kurochka,

advertising director con

Renata Sias durante

la premiazione

Dmitry Cherepkov,

president of Nayada,

and Denis Kurochka,

advertising director

with Renata Sias

at the prize-giving

US, in qualità di media

partner esclusivo

per l’Italia, è membro

della giuria e ha preso

parte alla cerimonia.

US, as sole media

partner for Italy,

is member of the jury

and attended the

ceremony.

82 4/09 us

Archicontest 09

Premiati a Mosca i vincitori del concorso Nayada

Media partner per il secondo anno consecutivo, us-ufficiostile ha preso parte alla vivace premiazione di Archicontest

09, il concorso organizzato da Nayada (www.nayada.ru, azienda leader russa produttrice di partizioni

mobili) e Unione degli Architetti di Russia. Il 30 ottobre, presso il Centro Media del quotidiano Izvestia

a Mosca, sono stati assegnati i riconoscimenti ai progetti che meglio hanno saputo interpretare il tema proposto

come oggetto “Spazio ufficio: creatività, tecnologia e innovazione”.

Le presentazioni dei qualificati membri della giuria hanno offerto un chiaro scenario delle tendenze in atto e

costruttivi commenti sui progetti partecipanti. Soddisfatto Dmitry Cherepkov, presidente del Gruppo Nayada,

che ha sottolineato, non solo l’alto numero dei partecipanti, ma soprattutto il livello sempre più qualificato

dei progetti partecipanti alla quarta edizione.

Archicontest 09

The winners of the competition Nayada awarded a prize in Moscow

Media partner for the second year in a row, us-ufficiostile attended the lively prize-giving of Archicontest

09, the competition organized by Nayada (www.nayada.ru, a leading Russian manufacturer of movable

partitions) and the Russian Architects’ Union. On October 30th, at the Media Centre of the daily Izvestia in

Moscow, the prizes were awarded to the projects that could better render the theme “Office space: creativity,

technology and innovation”.

The presentations of the qualified members of the jury made a clear scenario of the ongoing trends and

some constructive remarks on the projects. Quite pleased, Dmitry Cherepkov, president of the Nayada

Group, not only stressed the large number of participants, but most of all the increasingly qualified level of

the projects that took part in the fourth Archicontest.

L’alto livello dei progetti è stato unanimemente

riscontrato da tutti i membri della multiforme

giuria, composta da noti architetti, rappresentanti

di società di sviluppo immobiliare e di università

di architettura, che ha garantito una valutazione

imparziale. Nella scelta dei 12 progetti vincitori

(tre per ciascuna delle quattro categorie) i giurati

hanno tenuto conto di vari fattori, quali la vivacità

delle idee e la funzionalità, la semplicità e

l’originalità compositiva, l’adeguatezza ai dettami

dell’architettura e alle esigenze pratiche.

A questi dodici premi si sono aggiunte menzioni

speciali assegnate da Nayada e dai direttori delle

principali testate russe di design e architettura.

High level of preparation of projects was

noted by all judges unanimously.

Multifaceted jury structure which included

known architects, representatives of the

developer companies and architectural

universities, allowed to give projects a versatile

and impartial valuation.

By choosing works-winners jury considered

composite of such qualities as brightness

of idea and functionality, simplicity and

originality of the decision, conformity to modern

architectural tendencies and a practicality. ■

1

1. ArchiEmbodiment

1°prize: Yandex Offices

2. ArchiDecision

1°prize: In-Out

3. ArchiSpace

1° prize: A-table A-chair

4. ArchiPartition

1° prize: Foldable Partition


2

3

4

Le categorie e i progetti premiati

The categories and the winners projects

ArchiEmbodiment

1° Yandex Offices

(Borisenko Arseniy, Peter Zaitsev, za bor, Russia,

Moscow)

Bright glass volumes are built in an industrial interior

and break the monotony of the corridor

2° Cube finance company office

(Alexey Shkirya, Ukraine, Kiev)

A modern and functional office that have a touch

of the corporate style

3° Headquarters Gals

(Gluhovtcev Sergey, Loseva Larisa, Architectural

Studio Deos, Russia,Saint-Petersburg)

An industrial style approach for a company producer

of harbor equipment and sea and river transport

ArchiDecision

1° In –Out

(Komarova Anastasiya, Russia, Marchi 6)

The basic concept is interaction between internal

and external spaces

2° Boutique Moser

(Malygin Alexander, Moscow, architectural

workshop Atrium)

A chaotic composition of shelves which are also

partitions dividing functional zones

3° Line-project of office’s space

(Frishman Anastasia, Russia, Moscow)

A functional and aesthetic composition from tempered

safe glass

ArchiSpace

1° A-table A-chair

(Alyona A. Khoreva, Russia, Moscow)

Two objects: each person would like to personalize

their own work place

2° L.7

(Sergey Nasedkin, Moscow, the architectural

company arch.625)

A system of zoning, storage, illumination: technologies

and multifunctionality

3° Office in the Box

(Savenkova E.V. and Cherdakov A.V. Russia,

Saratov)

The concept of the project is to create an ecology

clean, cheap, mobile workplace

ArchiPartition

1° Foldable partition

(Gubernatorov Kirill, Listopad Daria Kudimov

Alexander, Ukropov Artem. Russia, Moscow)

A modular partition, made by chipboard, to create

a quickly erected workstation

2° House

(Kerimov Shamsudin, Moscow Architectural

Institute)

A partition freely equipping with workplace or sofa

and TV where to have a rest

3° Poltronik

(Israilov Kamil, Russia , Moscow)

A chair from two halves on loops and three kinds

element

us 4/09 83


awards archicontest

5. ArchiEmbodiment

2°prize: Cube finance

company office

6. ArchiDecision

2°prize: Boutique Moser

7. ArchiSpace

2° prize: L.7

8. ArchiPartition

2° prize: House

9. ArchiEmbodiment

3°prize: Headquarters

Gals

10. ArchiDecision

3°prize: Line-project

11. ArchiSpace

3° prize: Office in the Box

12. ArchiPartition

3° prize: Poltronik

84 4/09 us

9

11

5

7 8

10

12

6


Unfold the

Scandinavian

design scene!

The world’s largest venue for Scandinavian design has grown even larger this year! Experience the annual

Stockholm Furniture Fair and Northern Light Fair which takes place during the Stockholm Design Week.

From the opening on Tuesday until closing day on Saturday, domestic and international architects, designers, producers and

retailers attend inspiring seminars and the unfolding of even more news, products, exhibitions, meetings, events and business

opportunities than ever before.

Welcome to Stockholm International Fairs, Tuesday - Saturday, February 9-13, 2010!

www.stockholmfurniturefair.com

www.northernlightfair.com

Head office. Sweden +46 8 749 41 00. furniturefair@stofair.se

Denmark. Bente Nielsen +45 24 62 94 93 bente.ifa@mail.tele.dk

Finland. Gunilla Söderholm +358 400 492 133 stofair@lystra.fi

France / Belgium / The Netherlands. Charles Champenois +32 0 9 221 81 75 champenoisalon@hotmail.com

Germany. Annelie Bäck-Heuser +49 202 283 81 26 baeck-partner@t-online.de

Italy. Marilena Puppi +39 02 34 50 605 marilena.puppi@ogs.it

Spain. Eduardo Teixeira-Alves +34 651 41 52 84 eduardo.teixeira@prored.es

United Kingdom / Ireland. Jennifer Hall +44 20 7886 31 21 jennifer.hall@otsa.net

Stockholm International Fairs

February 9-13 2010.

The world’s largest venue for Scandinavian design

Streamcreek.com Photo: Fabian Models: Anton Thorsson/Soderberg


il Sole 24Ore business Media srl - via G. Patecchio 2, 20141 Milano

POSTE ITALIANE spa - SPED. IN A.P. D.L. 353/2003 (Conv. in L. 27/02/2004 n.46) art. 1, comma 1, DCB Forlì

usN°

4/09

WORKPLACE - CONTRACT

DESIGN - MANAGEMENT

DAL 1968RIVISTA PROFESSIONALE LEADER /SINCE 1968 LEADER PROFESSIONAL MAGAZINE

us award 2009 Numero speciale Special issue

Workplace: innovazione e qualità Workplace: innovation and quality

Vincitori e partecipanti Winners and competitors

Interior design, architecture, wood@work, color@work

Comfort seating Best seating award 09

Nayada Archicontest award 09

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!