ASSISTENZA - Fastems

fastems

ASSISTENZA - Fastems

Fastems Oy Ab Rivista cliente 1 • 2006

L’automazione

paga sempre

Più vicina

ai clienti USA

FMS incrementa l’efficienza

della produzione

Fastems FMS automatizza

la fabbricazione di

componenti chiave

1 • 2006 | 1


SYSTEM

INTEGRATOR

Editoriale ...............................................................2

L’automazione aiuta a conservare i

posti di lavoro in Europa e negli USA 3

Più vicina ai clienti USA ................................4

Pronta a servire .................................................5

Indagine sulla soddisfazione dei

clienti Fastems: Si sentono già gli

effetti della realtà attuale? .........................6

L’automazione paga –

per tutti, ovunque ...........................................7

Il Sistema di Fabbricazione Flessibile

Fastems incrementa il grado di

utilizzo delle macchine .................................8

Il sistema CTS della Fastems ...................10

FMS incrementa l’efficienza di

produzione ........................................................12

Fastems FMS automatizza la fabbricazione

di componenti chiave ............14

Dall’assistenza preventiva ad una

partnership per l’intera vita ....................16

Passatempi .........................................................18

Curiosità ..........................................................19

Pubblicato da FASTEMS Oy Ab

No. 1/2006

REDATTORE CAPO:

Helena Reilin, Fastems Oy Ab

helena.reilin@fastems.com

EDIZIONE ITALIANA:

Word Link Srl

LAYOUT:

Imageneering Oy

INDIRIZZO EDITORIALE:

System Integrator

Fastems Oy Ab

Tuotekatu 4, 33840 TAMPERE, FINLANDIA

Tel.: +358 (0)3 268 5111

Fax: +358 (0)3 268 5000

STAMPATO DA:

Kirjapaino Hermes Oy, Tampere,

Finlandia 2006

CON IL CONTRIBUTO DI:

Salme Alho

Robert Humphreys

Jarmo Hyvönen

Kari Ingman

Esko Kuusilahti

Jari Mansikkaoja

Klaus Maurmaier

2 | 1 • 2006

Jukka Pietilä

Aarno Riikonen

Peter Springfeld

Mark Walker

Thomas Weinhold

Chris Wright

E D I T O R I A L E

L A N O S T R A

M I S S I O N E

Le prospettive economiche si stanno facendo più rosee. La crescita sui mercati cinese e nord americano

è solida già da un paio d’anni. Ora anche dall’Europa giungono segnali positivi.

La questione che ci si pone in questa nuova situazione riguarda il tipo di tecnologia in cui investire per

restare su questo positivo binario. In Cina, come risposta sono sufficienti semplici macchine utensili ad

azionamento manuale. Il saggio retributivo di 50 cent all’ora dell’operaio rispetto ai 25 euro dell’Europa e

degli USA non è una differenza di poco conto. Gli investimenti in tecnologia semplice e nell’azionamento

manuale non sono la risposta corretta per l’Europa o per gli USA, e indubbiamente indebolirebbero la

posizione competitiva. La durata di vita dei beni strumentali è lunga, e le ripercussioni delle decisioni

adottate oggi sono destinate a ripercuotersi nel futuro. Bisogna quindi trovare delle nuove risposte:

dobbiamo proseguire con l’automazione.

8760 sono le ore che possono essere destinate alla produzione in un anno. Per raggiungere la percentuale

più elevata possibile di tale dato, necessitiamo di macchine utensili affidabili, operatori competenti,

sistemi automatizzati di movimentazione dei materiali e pallet oltre ad efficienti tool per la gestione

dei dati di produzione. Tutta questa tecnologia è disponibile. Le macchine utensili, per non parlare

d’altro, hanno assistito a enormi sviluppi negli ultimi anni. Le soluzioni di automazione sono divenute

più standardizzate consentendo brevi tempi di installazione, un impiego agevole e affidabile, e tanta

flessibilità per i futuri sviluppi.

Noi della Fastems e voi abbiamo la stessa comune missione. Vogliamo mantenere l’industria manifatturiera

su un percorso positivo verso il futuro. Vogliamo aiutarvi ad ottenere risultati migliori con

l’automazione. E siamo impegnati a fornirvi strumenti moderni ed efficaci per la movimentazione dei

pallet, dei materiali e dei pezzi. Con oltre 500 sistemi FMS e 1.000 sistemi robotizzati consegnati, abbiamo

imparato ad affrontare numerose diverse soluzioni di controllo e meccaniche. Il cuore del nostro sistema

è il sistema a ciclo aperto, che consente di scegliere le macchine utensili che si preferiscono.

Per servirvi ancor meglio, abbiamo costituito di recente società Fastems locali in tutte le nostre principali

aree di mercato. Vi preghiamo di contattarci per sapere come possiamo aiutarvi a mantenere economicamente

efficienti le vostre ore di produzione e le vostre ore di utilizzo mandrini – ora come in futuro.

Jarmo Hyvönen,

Presidente, Amministratore Delegato

Fastems


L’automazione

aiuta a conservare

i posti di lavoro in

Europa e negli

USA

“L’obiettivo di costituire queste società consiste nel volere assicurare

ai nostri clienti l’ottenimento di un maggiore valore aggiunto dai loro

investimenti in automazione” spiega Jarmo Hyvönen, Amministratore

Delegato Fastems.

“Le nuove società off rono supporto tecnologico e assistenza in loco

ai clienti Fastems con rapidi tempi di reazione nelle lingue nazionali.

I nostri esperti tecnologici sono stati addestrati ad aiutare i clienti ad

investire in soluzioni atte a soddisfare i loro fabbisogni eff ettivi. Li aiutano

anche ad ottenere i massimi vantaggi da tale investimento sull’intero

ciclo di vita”, prosegue Hyvönen.

LA SALVEZZA DEL MONDO OCCIDENTALE

Fastems condivide al tempo stesso una missione assai più nobile con

l’industria manifatturiera in generale. Assieme ai clienti, le nuove società

Fastems stanno lottando per mantenere l’industria manifatturiera

sui vecchi continenti – Europa e gli USA – anziché limitarsi a vederla

delocalizzare nei paesi emergenti a basso costo di manodopera.

“A tal riguardo, l’automazione ha cambiato ruolo divenendo l’esatto

opposto di ciò che era in passato,” sorride Hyvönen. “Tempo fa si temeva

che l’automazione avrebbe radicalmente ridotto i posti di lavoro.

Oggi sappiamo che l’automazione sarà l’unico mezzo percorribile per

conservare posti di lavoro in Occidente. Grazie all’automazione, possiamo

fare fronte alla sfi da dei bassi costi di manodopera. L’automazione

consente alle macchine di funzionare senza personale 24 ore su 24

– in vari turni– compresi i fi ne settimana e le vacanze. Le risorse umane

sono necessarie per lo sviluppo, il controllo e la gestione,” sottolinea

Hyvönen.

QUANDO SEI A ROMA, FAI COME I ROMANI

Fastems LLC è la prima società Fastems ad aprire i battenti in Ohio,

USA. Dà lavoro a dodici persone, fra i funzionari di vendita, marketing,

progetto e assistenza.

Jarmo Hyvönen indica due particolari sfi de con cui la nuova società

dovrà fare i conti: “Anzitutto, le enormi dimensioni del mercato

USA comportano lunghe distanze per gli addetti alle vendite e all’assistenza.

In secondo luogo, la cultura dell’assistenza di questo paese è

completamente diversa da quella che regna qui in Europa – e dobbiamo

essere in grado di servire i nostri clienti USA in base alle loro abitudini,”

dichiara Hyvönen.

FASTEMS HA

RIPLASMATO LA PROPRIA

ORGANIZZAZIONE

INTERNAZIONALE. E’

COSÌ CHE SOCIETÀ

DIRETTAMENTE

CONTROLLATE SONO

STATE CREATE IN

SVEZIA, NEL REGNO

UNITO, IN GERMANIA,

IN ITALIA E NEGLI USA.

Fastems e Jarmo Hyvönen hanno un obiettivo comune con

i propri clienti nell’industria manifatturiera, ossia quello di

mantenere la produzione e i posti di lavoro in Europa e negli

USA.

1 • 2006 | 3


Più vicina

ai clienti

USA

PER I CLIENTI NEGLI USA, LA NUOVA

SOCIETÀ CONSENTE UNA PIÙ VICINA

PRESENZA DELLE CONOSCENZE

TECNOLOGICHE DI FASTEMS. MARK

WALKER, PRESIDENTE DELLA FASTEMS

LLC IN OHIO, SI ASPETTA MOLTO DAL

FUTURO.

“La nuova società apporterà maggiori competenze

tecnologiche su questo mercato, in particolare

in tre aree essenziali: software, vendite

e supporto clienti,” sottolinea Mark Walker

mentre descrive i vantaggi che le società di

nuova costituzione avranno per i clienti. “Il

fatto di disporre di esperti fisicamente più

vicini ai nostri clienti è un grande miglioramento

rispetto al passato quando distavamo

vari fusi orari dai nostri consulenti tecnologici,”

ci spiega.

PREPARARE ANZITUTTO LA STRADA...

Per Mark Walker, la priorità immediata alla

Fastems LLC è di fare dell’integratore di sistemi

aperto Fastems FMS la prima scelta per

l’automazione delle fabbriche negli USA.

“Tanto per cominciare, dobbiamo vendere

l’idea dell’automazione delle fabbriche

come seria alternativa alla delocalizzazione

4 | 1 • 2006

della produzione verso i paesi a basso costo

della manodopera,” spiega Mark. “Poi dobbiamo

dimostrare che il sistema Fastems è una

soluzione realmente percorribile, poiché se

qualcosa non esiste negli USA è come se non

esistesse affatto. Eventuali referenze europee

– per quanto interessanti – non impressionano

nessuno qua,” commenta Mark Walker.

...POI COLPIRE IL BERSAGLIO!

Una volta che sarà stato realizzato un maggior

numero di progetti di riferimento negli

USA, Mark Walker ritiene che le prospettive

di mercato per il sistema FMS della Fastems

saranno molto promettenti.

“I vantaggi di un sistema aperto sono

ovvii in quanto forniscono ai clienti USA una

libera scelta delle possibilità di crescita – senza

essere necessariamente legati ad un solo

fornitore di macchine” spiega Mark. “Quando

Mark Walker e

Fastems LLC sono

pronti a raccogliere le

sfide sul mercato USA.

i clienti si rendono conto della libertà che un

sistema aperto fornisce per il loro futuro sviluppo,

aumenteranno le possibilità che siano

pronti a passare al FMS.”

LAVORARE CON I FORNITORI DI MAC-

CHINE UTENSILI

“Sul mercato USA, i sistemi di automazione

per le fabbriche sono forniti dai distributori

di macchine utensili – e non sono neanche

tanti. Per essere visti come attori sullo scenario

complessivo, dobbiamo convincere i

distributori di macchine utensili e interessarli

al nostro sistema.”

“Ultimo, ma non per questo meno importante,

dobbiamo essere in grado di offrire

un servizio competitivo. I clienti qua sono

abituati ad ottenere un servizio – e ciò significa

essere serviti all’americana – non come in

Europa” sintetizza Mark Walker.

Appuntamenti

nel Regno Unito e

negli USA

Il Direttore Commerciale Fastems Robert Humphreys dal

Regno Unito di cui è originario raggiungerà i due ingegneri

finlandesi che si trasferiranno alla Fastems LLC negli USA per

dare manforte alla gestione della nuova affiliata.

Steve Malone, nuovo Direttore Commerciale designato

per il Regno Unito, assumerà a breve le responsabilità di

Robert nel Regno Unito.


Pronta a servire

IL RESPONSABILE DI PROGETTO DEI SISTEMI DI

CONTROLLO AARNO RIIKONEN E IL RESPONSABILE

DI PROGETTO JUKKA PIETILÄ HANNO GIÀ FATTO

LE VALIGIE PER RACCOGLIERE UNA GRANDE

E NUOVA SFIDA. I DUE SPECIALISTI FASTEMS

PRENDERANNO L’AEREO PER SEGUIRE L’ESEMPIO DEI

FAMOSI FRATELLI WRIGHT IN OHIO E PER AIUTARE

A TRASFERIRE LE CONOSCENZE TECNOLOGICHE

FASTEMS NELLA NUOVA SOCIETÀ FASTEMS LLC.

Aarno lavora alla Fastems da cinque anni.

E’ specializzato nel software di controllo, nella

messa in opera e nell’addestramento dei clienti.

Le sue mansioni nella nuova società saranno

più o meno le stesse – ma in un mercato

nuovo e complesso.

“Il mio obiettivo principale è di addestrare

i dipendenti della società in loco, al fine di

potere assicurare un migliore supporto tecnologico

ai nostri clienti, specialmente quando

di tratta di sistemi di controllo e di applicazioni

software,” dice Aarno.

Jukka, con dieci anni di esperienza alla

Fastems, ha il compito di assicurare che siano

rispettate le promesse e i calendari. Ha il

compito di esaminare i progetti dei clienti

negli USA con l’ottica di uno specialista di

prodotto e di tecnologia. E’ anche chiamato a

svolgere un importante ruolo di interprete fra

lo sviluppo prodotti Fastems in Finlandia e

gli utenti finali negli USA.

TRASFERIMENTO DI CONOSCENZE

Sia Aarno che Jukka concordano che il

compito più essenziale è il trasferimento del

know-how tecnologico dalla Finlandia agli

USA.

“La gente che lavora qui non ha avuto

sufficienti opportunità per apprendere le

nostre tecnologie in profondità. Desideriamo

aumentare la loro comprensione e il loro

livello di conoscenze tecnologiche rendendo

in tal modo più facile il loro futuro lavoro.

Vogliamo inoltre assicurare un migliore supporto

tecnologico locale per i clienti di qua,”

viene spiegato.

UN GRANDE PAESE – UNA GRANDE

SFIDA

Parlare del mercato USA fa sorridere entrambi

gli uomini. “Le distanze fra il Nord America,

il Canada e il Messico sono molto elevate,

ad esempio Seattle è a 3.200 km di distanza

Aarno e Petra (sopra) e Jukka con la famiglia

(sotto) si trasferiranno a Cincinnati in Ohio.

Entrambe le famiglie attendono di conoscere i

propri vicini.

dal nostro ufficio in Ohio,” ci racconta Aarno.

“Questo enorme paese vanta varie subculture,

e anche numerosi fusi orari. Le sfide

relative all’assistenza differiscono rispetto all’Europa

dove tutto pare essere compreso entro

distanze ragionevoli,” commenta Jukka.

PROSPETTIVE PROMETTENTI

Nonostante la sfida, sie Aarno che Jukka credono

nel futuro. “Abbiamo già consegnato

circa 40 sistemi Fastems negli USA. Le prospettive

sono promettenti, specialmente nei

settori automobilistico e dell’aviazione,” è la

previsione di Aarno.

“Un importante passo in avanti è rendersi

conto che i sistemi Fastems non sono

solo qualcosa di destinato alle grandi o medie

aziende; anche le officine di più piccole dimensioni

possono ottenere vantaggi significativi

dall’automazione,” sottolinea Jukka.

UN SOFFIO DI VITA NUOVA

Le valigie sono pronte – e i due uomini sono

pronti a partire. Aarno prenderà l’aereo con la

moglie Petra, mentre Jukka si trasferirà con la

moglie e i due bambini, di tre e sei anni.

Entrambe le famiglie sono ansiose di conoscere

il loro nuovo quartiere e di provare il

clima mite di Cincinnati, in Ohio.

1 • 2006 | 5


LE ATTIVITÀ FASTEMS SI BASANO SU VALORI CONDIVISI. IL PIÙ

IMPORTANTE DI QUESTI È LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE.

PER METTERE QUESTO VALORE IN PRATICA, ABBIAMO BISOGNO

DI SAPERE CHE COSA I NOSTRI CLIENTI SI ASPETTANO E COME

VALUTANO LA PRESENTE SITUAZIONE. ABBIAMO PERTANTO

RACCOLTO DEL FEEDBACK GRAZIE AD UNA DETTAGLIATA

INDAGINE SULLA SODDISFAZIONE DEI CLIENTI.

Indagine sulla soddisfazione dei clienti Fastems:

Si sentono già gli effetti della

realtà attuale?

Il primo studio sui clienti è stato condotto in Finlandia 10 anni fa circa

ed è stata una tradizione che viene da allora ripetuta ogni anno. Il primo

studio internazionale limitato ha avuto luogo nel 1999. L’anno scorso,

abbiamo condotto un’indagine su tutte le nostre aree di mercato per la

prima volta.

INDAGINI SU 267 CLIENTI

Una lettera con 24 quesiti è stata inviata ad un totale di 267 clienti e 42

partner con sede negli USA, in Svezia, Danimarca, Germania, Austria,

Svizzera, Italia e nei paesi del Benelux.

I quesiti riguardavano ad esempio i seguenti argomenti: prodotti,

servizi, relazioni con i clienti, comunicazioni di marketing, gestione delle

richieste di offerta dei clienti, lealtà e futura cooperazione. Veniva anche

richiesto un raffronto con la nostra concorrenza e c’era spazio per commenti

liberi.

FEEDBACK IN MATERIA DI ASSISTENZA ALL’ATTUAZIONE DEI

PROGETTI

Dopo ogni fase di messa in opera, Fastems invia una lettera al cliente per

6 | 1 • 2006

sapere in quale misura il proprio personale ha contribuito alla riuscita

del progetto. Per rispondere, vengono utilizzati tre coupon colorati: il

verde indica molto soddisfatto, il giallo abbastanza soddisfatto e il rosso

non molto soddisfatto. Tutti i coupon hanno una serie di 14 quesiti che

spaziano dalla qualità tecnica delle nostre attrezzature alla disponibilità a

collaborare ulteriormente con noi.

I RISULTATI SI TRADUCONO IN UN MIGLIORAMENTO DEGLI

INTERVENTI

La percentuale di risposta ottenuta in Finlandia è rimasta su un elevato livello

del 65% nel 2005. Nella indagine internazionale, abbiamo raggiunto il 42%.

Le indagini utilizzano una scala che inizia con 1. Il numero 5 rappresenta

il voto più alto. Un esempio dei risultati internazionali nel 2005 è

riportato nella tabella sottostante:

Fastems

totale

Concorrenti

totale

FMS 3.8 3.4

Robotica 3.7 3.4

Fornitura di servizi 3.8 3.4

Gestione delle

relazioni con i clienti

3.6 3.3

In Finlandia, si ravvisa il trend a lungo termine sotto riportato:

Soddisfazione totale per quanto riguarda

le relazioni con i clienti Fastems Concorrenza

2003 3.6 3.4

2004 3.8 3.7

2005 3.8 3.7

2006 3.8 3.7

Per quel che riguarda le Indagini sulla Soddisfazione dei Progetti, la percentuale

di risposta varia dal 40% al 49% in funzione dell’area geografica.

Di tali risultati si tiene conto per sviluppare azioni correttive e per impedire

che lo stesso tipo di errori si ripeta.

FARE ANCORA MEGLIO IN FUTURO

Una particolare enfasi è stata posta sulla gestione delle lamentele dei

clienti. Abbiamo quindi messo a punto una speciale procedura, che è inserita

all’interno del nostro software di Gestione Relazioni con i Clienti.

Utilizzando questa procedura, possiamo accelerare lo scambio di informazioni

all’interno della nostra organizzazione per quanto attiene a questa

tipologia di casi e facilitarne una più rapida soluzione.

Inoltre, quando riceviamo un feedback negativo, noi contattiamo il

nostro cliente per ottenere dettagli e informarlo anche delle azioni correttive

che saranno adottate.


L’automazione paga –

per tutti, ovunque

ST-KONEISTUS È UN MODERNO TERZISTA PRODUTTORE DI PEZZI CON SEDE

IN YLÖJÄRVI, FINLANDIA. AVVIATA L’ATTIVITÀ NEI PRIMI ANNI SETTANTA COME

PICCOLA OFFICINA, QUESTA SOCIETÀ RAPPRESENTA UN ESEMPIO IDEALE DI

COME L’AUTOMAZIONE PAGA NONOSTANTE LE DIMENSIONI DELL’IMPRESA.

Oggi ST-Koneistus, con un organico di 30

persone, fornisce ai clienti delle sottobasi in

alluminio e acciaio di alta qualità, gruppi di

valvole e cilindri speciali, oltre ad altri prodotti

che necessitano di lavorazioni speciali.

Abbiamo chiesto all’Amministratore Delegato

Tommi Peltonen di cosa pensa dell’automazione.

Quando e perché avete investito in sistemi di

fabbricazione flessibile?

Il nostro primo sistema di container per pallet

flessibili Fastems (FPC) è stato installato

un anno e mezzo fa per incrementare la lavorazione

delle lamiere di alluminio. Il motivo

consisteva nel volere fare fronte al nostro

crescente numero di ordini aumentando la

capacità grazie alla produzione senza operatore.

Il nostro sistema FPC da 12 pallet sarà

sostituito da un FMS da 60 pallet, che sarà

messo a regime nel nostro nuovo capannone

la prossima estate.

Che tipo di altri sistemi o metodi di produzione

avete utilizzato?

Lavoravamo con macchine a 6/7 pallet, che

erano in grado di lavorare 12 ore al giorno

al massimo.

Perché Fastems?

Affidabilità. Siamo riusciti ad approvvigionarci

di tutto da un unico fornitore, compreso

il sistema, le apparecchiature e il software

di controllo. Fastems è sufficientemente

grande per assumersi la responsabilità di

ogni fornitura e include poi il supporto a livello

di assistenza.

Quali vantaggi avete ottenuto?

L’FPC a 12 pallet ci ha consentito di fare un

turno di lavoro senza operatori. Apprezziamo

anche la sua espandibilità, nonostante

le più recenti sfide in termini di maggiore

capacità richiedano ora un sistema ancora

più grande.

Quante ore di produzione avete ottenuto?

Il container ci ha consentito di lavorare dieci

ore di più al giorno. Permette una produzione

di circa 6.000 ore all’anno, senza contare i

fine settimana. L’FMS consentirà dieci ore in

più per macchina.

Il Sistema di Container per Pallet Fastems

incrementa la produzione a ST-Koneistus in

Finlandia.

L’automazione è complicata?

No. Direi che è proprio il contrario. E’ una

necessità I nostri dipendenti giovani e innovativi

si sentono più motivati nel lavoro.

Il vostro sistema si è dimostrato affidabile?

Sì.

L’automazione rappresenta un investimento

a rischio?

Ovviamente, ogni investimento di tale entità

è un rischio – se la si vuole pensare in questo

modo. Ma se la si guarda da un altro punto

di vista, più si paga un investimento, meno si

paga per il suo utilizzo effettivo. In altre parole,

le macchine sono costose, ma le persone

costano anche di più. Per essere più produttivi,

occorre sfruttare appieno le macchine

costose senza inutili esborsi. L’automazione è

quindi sempre un investimento proficuo.

L’automazione ha eliminato qualche posto

di lavoro?

No, abbiamo lo stesso numero di dipendenti

che avevamo quando abbiamo iniziato nel

1973. Addirittura, alcune delle persone che

lavoravano allora sono ancora con noi.

Come si prospetta il futuro?

Buono! La concorrenza si sta facendo molto

più agguerrita. Sopravviveranno e vinceranno

quindi coloro che investono nelle giuste

tecnologie.

Se doveste decidere di nuovo, investireste

ancora nei sistemi di produzione flessibile

FMS?

Indubbiamente. Prima lo si fa, meglio è.

1 • 2006 | 7


Il Sistema di

Fabbricazione Flessibile Fastems

incrementa il grado di utilizzo delle macchine

8 | 1 • 2006

QUANDO L’AZIENDA NEUMAG CON SEDE A NEUMÜNSTER, FILIALE DEL GRUPPO TESSILE SVIZZERO SAURER,

SMANTELLÒ L’ULTIMO DEI CINQUE CENTRI DI LAVORAZIONE CHE VOLEVA SOSTITUIRE DUE ANNI FA, REALIZZÒ

UN OBIETTIVO AMBIZIOSO. SENZA ARRESTARE LA PRODUZIONE, NEUMAG INSTALLÒ UN SISTEMA DI

PRODUZIONE FLESSIBILE (FMS) AL CAPANNONE 9 CHE COLLEGA CON GRANDE EFFICIENZA TRE NUOVISSIMI

CENTRI DI LAVORO OKUMA; L’AZIENDA È RIUSCITA NON SOLO A INCREMENTARE IL PROPRIO VOLUME DI ORDINI,

MA ANCHE AD ACCETTARE COMMESSE DA ALTRE AZIENDE.

Costituita nel 1948, Neumag produsse le prime

macchine per la fabbricazione di fibre sintetiche

nel 1963. Gradualmente, quest’azienda

si è andata affermando come fornitrice di tecnologia

leader per impianti per la produzione

di filati per tappeti, fibre discontinue e tessuti

non tessuti. Questo successo è stato in larga

parte dovuto alla strategia della Neumag basata

sulla produzione di pezzi chiave nel proprio

stabilimento di Neumünster. Ciò consente a

Neumag di assicurare i più elevati livelli di

precisione nella produzione di componenti

chiave e permette una rapida messa in opera

delle innovazioni e degli sviluppi di prodotto

nel processo produttivo.

PRODUZIONE IN PICCOLI LOTTI AUTO-

MATIZZATA IN MODO INTELLIGENTE

Infiniti esempi hanno dimostrato che un

flusso ottimizzato dei materiali può mettere

a frutto ingenti risorse nel processo di razionalizzazione.

Ciò è particolarmente vero

per i processi produttivi. “Specialmente per i

costruttori di stabilimenti come noi, la cui attività

è caratterizzata da dimensioni di piccoli

lotti e dalla fabbricazione di pezzi singoli, da

una buona organizzazione e dalla trasparenza

dei tempi del processo produttivo e da

risparmi sui costi,” dichiara il Responsabile di

Produzione Hans-Ulrich Hölk. “Trasparenza

e ordine sono effetti collaterali ben accetti, per

Tutti i pezzi sono fissati ai portapezzi in corrispondenza

delle stazioni di carico. Postazioni

di lavoro ergonomiche aiutano gli operatori a

lavorare con corrette posture del corpo.


così dire, della fabbricazione di pezzi nel sistema

di produzione fl essibile”, aggiunge.

Il sistema Fastems MLS-XMD (Multi-

Level System – Extra Medium-Duty, Sistema

multilivello per impieghi extra medi) nella

classe di carico fi no a 1,8 t (Foto 1), collega

tre centri di lavoro: uno Okuma MA-800HB

e due Okuma MA-600HB. Le macchine sono

state fornite dalla società Hommel, che si è

anche fatta carico della funzione di general

contractor per l’intero investimento. Tutte e

tre le macchine sono azionate esclusivamente

dalla navetta comandata da computer, che

corre fra le fi le di scaff ali del magazzino FMS

ed esegue i movimenti di tutti i materiali caricati

nel sistema. Le posizioni di arresto della

navetta vengono insegnate al sistema grazie ad

un metodo di apprendimento. Ciò non solo

semplifi ca l’installazione e l’avviamento della

produzione, ma consente anche di implementare

cambiamenti e perfezionamenti successivamente.

L’obiettivo dell’investimento Neumag in

FMS era di espandere lo spazio riservato a

magazzino utilizzando il magazzino FMS per

alloggiare sia i pallet di lavorazione che gli Europallet

in legno 1200 x 800. Gli Europallet in

legno alloggiano pezzi fi niti e non fi niti oltre

a utensili e portapezzi di grandi dimensioni

in alcuni casi. “In questo modo,” racconta

Hans-Ulrich Hölk, “abbiamo immagazzinato

tutto quello che serve per produrre in questo

FMS in modo da poterlo recuperare in qualsiasi

momento.”

Per gestire questa ampia gamma di impieghi,

Neumag voleva inserirvi il numero massimo

di posizioni di stoccaggio che poteva essere

contenuto nello spazio a disposizione. “A

tal scopo,” spiega Hans-Ulrich Hölk, “abbiamo

fatto nostra l’idea suggerita dal Responsabile

Commerciale Fastems Klaus Maurmaier

Il sistema di produzione fl essibile

MLS-XMD collega tre centri di lavorazione

e tre stazioni di carico.

decidendo di smantellare il nostro carroponte

esistente. Abbiamo così potuto aggiungere

una scaff ale aggiuntivo a ciascuna delle due

fi la di scaff ali di 44,40 m.”

Nel quadro di un processo di ottimizzazione,

lo spazio disponibile in magazzino

era così distribuito: Il magazzino contiene

quaranta pallet da 630 x 630 mm per i centri

di lavoro Okuma MA-600HB. Quindici pallet

da 800 x 800 mm sono stoccati per il centro

di lavoro Okuma MA-800HB. Restano così

301 posti pallet per Europallet in legno da

800 x 1200 mm. Per consentirle di gestire i

tre diversi tipi di pallet, la navetta è dotata di

forche telescopiche a passo regolabile che consentono

quindi di regolare la distanza fra le

forche in funzione del tipo di pallet. Per consentire

alla navetta di operare per entrambe le

fi la di scaff ali, le forche telescopiche si estendono

in entrambe le direzioni.

PROCESSI DI FABBRICAZIONE

TRASPARENTI GRAZIE AD UNA

AUTOMAZIONE INTELLIGENTE

Il cervello dell’FMS è il sistema di controllo

MMS (Manufacturing Management System)

Fastems che è utilizzato nel computer principale

e gestisce l’intero processo produttivo.

Ogni volta che pezzi non fi niti e fi niti sono caricati

o scaricati dal sistema, tale informazione

passa attraverso l’MMS. In questo modo,

l’MMS conosce sempre l’esatta ubicazione di

ciascun pallet. Conosce altresì quali portapezzi

siano portati dai pallet macchina e le ubicazioni

dei materiali fi niti e non fi niti all’interno

del sistema. L’MMS può in qualsiasi momento

fornire informazioni sulle ubicazioni di utensili

e portapezzi di grandi dimensioni stoccati

nel sistema.

Sul lato sinistro del sistema FMS, nel

punto in cui il fl usso principale del materiale

incontra il sistema, è presente un secondo

computer, che dispone anch’esso dell’interfaccia

utente MMS. Per motivi pratici, quest’area

è anche la sede delle stazioni di ingresso e di

uscita, dove i pezzi non fi niti vengono caricati

nel sistema FMS e i pezzi fi niti sono scaricati

dallo stesso tramite la rulliera. Per facilitare il

bloccaggio e lo sbloccaggio dei pezzi, l’FMS

è dotato di tre stazioni di carico. La stazione

di carico centrale presenta una tavola rotante

inclinabile mobile, mentre le altre due

dispongono ciascuna di una tavola rotante

mobile. La navetta porta i pezzi di lavorazione

da bloccare dal magazzino alla rulliera, che

trasporta il materiale alla rispettiva stazione

di carico.

Il Responsabile di Produzione Neumag

Hans-Ulrich Hölk (sinistra) e il Responsabile

Vendite Fastems Klaus Maurmaier.

1 • 2006 | 9


SISTEMA CTS DI FASTEMS

L’ULTIMO PRODOTTO PER L’AUTOMAZIONE DI FABBRICHE FASTEMS, IL SISTEMA

CTS (CENTRAL TOOL STORAGE O “MAGAZZINO UTENSILI CENTRALE”), È STATO

PROGETTATO PER STOCCARE E MANTENERE UN ELEVATO NUMERO DI UTENSILI,

SEMPRE CONSENTENDO RAPIDI CAMBI DEGLI UTENSILI ALLE MACCHINE

UTENSILI. IL SISTEMA CTS È BASATO SU DUE ROBOT MONTATI SU BINARI; UN

ROBOT GESTISCE IL MAGAZZINO CENTRALE UTENSILI E L’ALTRO, UN ROBOT DI

TIPO A PORTALE, TRASFERISCE GLI UTENSILI FRA IL MAGAZZINO UTENSILI E LE

MACCHINE UTENSILI. L’AVANZATO SOFTWARE AUTO TOOLER È UTILIZZATO PER

CONTROLLARE I CAMBI UTENSILI ED È INTEGRATO ALL’INTERNO DEL SOFTWARE

FASTEMS MMS.

10 | 1 • 2006

Il sistema CTS è stato sviluppato per clienti il

cui processo produttivo richiede elevate quantità

di utensili. Di norma sono necessari ampi

magazzini utensili quando vi sono numerosi

pezzi diversi e complessi o quando l’usura degli

utensili è rapida per via di materiali ardui

quali il titanio. Tradizionalmente, gli utensili

sono immagazzinati in specifici magazzini di

macchine utensili, che sono limitati in termini

di dimensioni e facilità di manutenzione degli

utensili.

VANTAGGI INNUMEREVOLI

Il sistema CTS assicura vantaggi unici per

la gestione e la manipolazione degli utensili.

Una chiara riduzione nel numero di co-


stosi utensili speciali può essere ottenuta in

quanto può essere messo a disposizione un

utensile per tutte le macchine. Pertanto, non

è necessario dotare il magazzino di ciascuna

macchina con utensili speciali, poiché il CTS

può automaticamente spostare l’utensile da

una macchina all’altra senza perdere i valori

predefiniti durante lo spostamento. Inoltre, se

un magazzino utensili è pieno, il software Auto

Tooler integrato nell’MMS può liberare spazio

trasferendo gli utensili non necessari al CTS.

Le macchine utensili necessitano pertanto solo

di piccoli magazzini.

La manutenzione degli utensili può essere

centralizzata in modo da non perturbare la

produzione. Il robot di immagazzinamento del

CTS colloca tutti gli utensili che necessitano di

manutenzione su un carrello portautensili che

l’operatore può rimuovere per portare gli utensili

alla manutenzione. Gli utensili di ricambio

vengono ritornati con un ciclo contrario me-

diante i carrelli.

Il sistema MMS, che è il software di controllo

dei sistemi FMS, fa in modo che, mentre

viene lavorato il pallet precedente, gli utensili

necessari siano pronti in ogni macchina. Ciò

riduce il tempo di sostituzione pallet e approntamento

in ogni macchina. Poiché tutti gli

utensili sono dotati di un chip, gli utensili vengono

identificati in modo sicuro e gli utensili

corretti vengono messi a disposizione in tutte

le fasi.

DATI TECNICI

I moduli principali di un sistema CTS sono il

magazzino utensili centrale e il robot che lo

serve, un robot a portale per trasferire gli utensili

fra il magazzino e le macchine, e un sistema

di controllo MMS Fastems equipaggiato di software

Auto Tooler.

Il robot magazzino utensili è montato a pavimento

su di una guida lineare in modo che il

robot possa muoversi all’interno del magazzino

raggiungendo tutti i recipienti degli utensili. Il

robot utilizzato è un Fanuc R-2000iB/165, la

cui capacità di movimentazione del carico è di

165 kg. La lunghezza della guida lineare è scalabile

fino a 20 metri, e la guida è controllata

come settimo asse esterno del robot.

Il robot utilizzato per il trasferimento utensili

fra il magazzino e le macchine è montato

in una navetta in grado di spostarsi su di una

guida lineare sopra le macchine utensili all’incirca

tre metri sopra il pavimento. Il robot è un

Fanuc M-710/45, con una capacità di movimentazione

del carico pari a 45 kg. La navetta

in cui il robot è montato è controllata come

il settimo asse del robot. La navetta ha spazio

per 5 + 5 utensili, che consentono di caricare

cinque nuovi utensili nel magazzino della

macchina utensile mentre porta altri cinque

utensili sul retro.

Il magazzino utensili è basato su elementi

Il robot di tipo a portale trasferisce gli utensili

dal magazzino alle macchine utensili.

Al centro del Central Tool Storage vi è un robot

su binari lineari controllato dal software

Auto Tooler di Fastems.

modulari di scaffalatura per utensili. Le dimensioni

del magazzino utensili sono facili da

regolare in funzione delle esigenze dei clienti.

Il magazzino dispone di un carrello portautensili

estraibile. Il robot colloca utensili che

richiedono manutenzione su questo carrello,

che l’operatore può quindi estrarre per eseguire

la manutenzione. Utensili preselezionati e nuovi

vengono rimessi nel sistema utilizzando gli

stessi carrelli. Di norma, la capacità del magazzino

utensili varia fra 1.000 e 2.000 utensili.

Il software Fastems MMS con il modulo

Auto Tooler gestisce tutte le operazioni automatiche

di cambio utensili fra tutte le macchine,

il magazzino e il carrello portautensili. Auto

Tooler consente anche operazioni manuali,

analoghe alla modalità MDI nelle macchine

utensili, cosicché gli utensili possano essere

rimossi dal magazzino e dalle macchine e qui

reimmessi.

CICLO DI LAVORO EFFICACE

Una volta che il sistema MMS, sistema di

pianificazione della produzione Fastems, ha

selezionato un pallet da lavorare, l’MMS esegue

automaticamente un controllo utensili nella

macchina utensile target. Se alcuni utensili

mancano o se il loro residuo tempo di lavorabilità

non è adeguato per la necessaria lavorazione,

la MMS darà istruzioni al sistema CTS di

trasferire gli utensili necessari nel magazzino

della macchina utensili.

Il robot di magazzinaggio utensili trasferisce

gli utensili necessari ad una posizione di

scambio, e quando ha terminato, il robot di

trasferimento utensili li raccoglie nella navetta.

La navetta si sposta quindi alla macchina utensili,

e il robot colloca i nuovi utensili nel cambiautensili

del magazzino, raccogliendo utensili

usurati o non necessari da questa o da un’altra

macchina. Gli utensili ritornati vengono riportati

al magazzino centrale.

1 • 2006 | 11


A BURGESS HILL, WEST SUSSEX, IL SUBFORNITORE HPC ENGINEERING PLC HA INVESTITO 1,5 MILIONI DI STERLINE IN UN NUOVO

CENTRO DI LAVORAZIONE ORIZZONTALE MAKINO A100 2APC AL FINE DI AGGIORNARE UNA MACCHINA ANALOGA ESISTENTE IN

SITU. UN SISTEMA DI PRODUZIONE FLESSIBILE FASTEMS (FMS) È ENTRATO IN SERVIZIO ALL’INIZIO DEL 2005 PER AUMENTARE LA

PRODUZIONE DI UN CRESCENTE NUMERO DI PEZZI PER CONTO DI UN PRIMARIO COSTRUTTORE DI AUTOMOBILI SPORTIVE. HPC

FABBRICA ANCHE COMPONENTI PER GENERATORI DIESEL PER CUMMINS E LETTINI PER ONCOLOGIA PER VARIAN MEDICAL SYSTEMS.

Prima del sistema FMS, la macchina a

doppio pallet A100 era dotata di una serie di

pallet di riserva che consentivano ad alcuni

portapezzi di rimanere bloccati, pronti a

essere trasferiti in lavorazione quando era

necessario. Nonostante si trattasse di un

significativo miglioramento, il magazzinaggio

e la manipolazione di pallet da 1.000 mm

era un esercizio troppo gravoso e laborioso.

Quando sono cresciute le esigenze in

termini di capacità di lavorazione con queste

dimensioni, in particolare per lavorare

tubi di torsione in alluminio per le vetture

sportive, HPC si è trovata a dovere scegliere

fra acquisire più di una nuova macchina o

implementare una soluzione più produttiva.

Nel contempo, stava crescendo anche la

varietà di pezzi da lavorare.

Di conseguenza, HPC ha deciso di

collegare due macchine con un sistema FMS

e di fare uso della migliorata efficienza creata

dalle capacità di manipolazione e gestione

così ottenuta.

12 | 1 • 2006

Il sistema FMS incrementa

l’efficienza di produzione

dei subfornitori

RISPOSTA POTENZIATA

“Era chiaro che non solo era necessario un

secondo mandrino per fare fronte al carico di

lavoro, ma serviva anche una modifica della

pratica produttiva per ridurre le dimensioni

del nostro lotto economico fra 10 e 40 circa

a un intervallo compreso fra uno e cinque

circa,” dice Ken Holt, Ingegnere Capo alla

HPC.

“Grazie all’FMS, abbiamo migliorato

sensibilmente il servizio che forniamo. I

clienti tendono a cambiare i loro programmi

di frequente – talvolta ogni giorno – quindi

una produzione in piccoli lotti e la possibilità

di creare una scala di priorità per il lavoro ci

consentono di rispondere molto meglio ai

loro fabbisogni.”

Il sistema FMS evita anche problemi

di ergonomia grazie ai propri pallet

macchina di grandi dimensioni di

1.700 x 1.350 x 1.400 mm incorporando stazioni

di carico del tipo ad abbassamento che

fanno emergere i pallet ad altezza del ginocchio

dal magazzino.

GESTIONE UTENSILI AVANZATA

Il software di controllo MMS di Fastems

include un modulo che visualizza lo stato

dei magazzini utensili, compresi i dati sulla

durata di vita e la condizione di tutti gli

utensili.

E’ possibile verificare se i pallet nella coda

di produzione possono essere lavorati con gli

utensili esistenti e stabilire quali ulteriori frese

siano necessarie e quando siano necessarie

per produrre le commesse caricate. In altre

parole, gli operatori possono vedere quanto a

lungo le macchine possano funzionare prima

di eseguire la manutenzione degli utensili.

La gestione degli utensili è inoltre estesa ai

cosiddetti utensili passivi


che sono preselezionati e mantenuti al di

fuori delle macchine.

PER ORA E PER IL FUTURO

Oltre alle due macchine A100, la cella

Fastems installata alla HPC comprende

due stazioni di carico in cui i componenti

sono fissati a portapezzi da cui vengono

inoltrati alla lavorazione alle macchine, e due

trasportatori di materiale in cui Europallet

standard caricati di materie prime o pezzi

lavorati sono gestiti in entrata e in uscita dal

sistema. Il sistema FMS mette a disposizione

strutture di magazzinaggio e movimentazione

sia per pallet macchina che per pallet

materiali, e il software MMS Fastems assicura

un controllo continuo del materiale una volta

che i pallet sono entrati nel sistema.

Il sistema FMS è stato configurato

affinché possa alloggiare altri due Makino

A100 qualora i futuri fabbisogni di

produzione lo richiedessero. Per il momento,

viene utilizzato assieme ai due centri di

lavoro verticali (VMC) esistenti che eseguono

operazioni prima di quelle eseguite sugli

A100. I VMC non sono collegati fisicamente

al sistema, ma il software di controllo FMS

assicura la gestione dei materiali e tiene

traccia delle operazioni sui pezzi.

CAPACITÀ DI MAGAZZINAGGIO

MASSIMIZZATA

Data la varia gamma di lavori gestiti, HPC

non è in grado di immagazzinare tutti i

materiali all’interno dello spazio disponibile.

Per questo motivo, l’HPC consegna anche i

pezzi direttamente alle stazioni di carico per

quei prodotti per cui non sono necessarie

Pezzi che vengono fissati

per essere inseriti nei sistemi

Makino/Fastems FMS alla HPC

Engineering, Burgess Hill. Il

componente in primo piano è un

tubo di torsione in alluminio fuso

per una vettura sportiva.

Due centri di lavoro orizzontali

Makino A100 2APC sono collegati

da un sistema Fastems FMS

presso il terzista di Burgess Hill

HPC Engineering.

Display grafico in tempo reale del sistema.

operazioni preparatorie.

Vi sono 24 posizioni per i pallet dei centri

di lavoro caricati ad una altezza di 1,2 metri

ed altri quattro che accettano lavori di più

grandi dimensioni fino a 1,9 metri. 48 sono

i posti dei pallet materiale, anche se questi

ultimi possono essere riconfigurati per

adeguarsi ai pallet macchina se dovessero

essere aggiunti un terzo ed un quarto A100.

Le stazioni materiale accettano ciascuna un

carico max. di una tonnellata in un’area di

800 x 1.200 mm (nonostante i pezzi possano

avere una lunghezza di 1550 mm). Le

dimensioni complessive del magazzino sono

di 39,3 metri di lunghezza per sei di altezza,

mentre la profondità, compresa la lunghezza

degli A100 integrati, è di 14,3 metri.

1 • 2006 | 13


Produzione

automatizzata

di componenti

chiave

LA FRANZ HAAS WAFFEL- UND KEKSANLAGEN-INDUSTRIE GMBH HA REALIZZATO

CINQUE NUOVI CENTRI DI LAVORO SPERANDO CHE NON SOLO SI SAREBBERO AMMOR-

TIZZATI RAPIDAMENTE, MA CHE AVREBBERO GENERATO ANCHE IL NECESSARIO INCRE-

MENTO DELLA CAPACITÀ PRODUTTIVA DI COMPONENTI CHIAVE. L’OBIETTIVO È CHE I

COMPONENTI CHIAVE POSSANO ESSERE FABBRICATI INTERNAMENTE ANCHE IN CASO

DI UN ULTERIORE AUMENTO DELLE VENDITE. PER MIGLIORARE L’EFFICIENZA DI PRODU-

ZIONE, FASTEMS GMBH, CONTROLLATA DEL GRUPPO FINNICO FASTEMS, HA INSTALLA-

TO UN SISTEMA DI PRODUZIONE FLESSIBILE AGGIUNTIVO PRESSO LO STABILIMENTO

PRINCIPALE DELLA HAAS IN LEOBENDORF (VICINO A VIENNA) NEL 2005. QUESTO SISTE-

MA COLLEGA IN MODO EFFICIENTE I CINQUE CENTRI DI LAVORO CONSENTENDO UN

TERZO TURNO SENZA OPERATORE.

La società Franz Haas, costituita oltre cent’anni

fa, costruisce macchine per la produzione

di cialde dal 1949, un business che è

cresciuto molto. Oltre il 95% delle macchine

vengono esportate, e la quantità di commesse

in arrivo è stabile. Tuttavia la fabbricazio-

14 | 1 • 2006

ne di componenti chiave quali piastre per

pasticceria e panetteria e le rispettive cerniere

continua ad essere realizzata internamente,

dopo tutto è proprio questa strategia

che ha ingenerato il successo della società.

È pertanto indispensabile assicurare una ca-

pacità produttiva costantemente in crescita

dei componenti chiave. Lo scorso anno, gli

ingegneri di produzione della Haas hanno

sostituito quattro macchine utensili di una

certa età con cinque nuovi centri di lavoro

Hüller Hille senza interrompere la produzione.

Gli obiettivi della riorganizzazione

erano da un lato assicurare l’accuratezza di

lavorazione richiesta e dall’altro determinare

un incremento significativo del grado di

utilizzo delle macchine. Il sistema di produzione

flessibile FMS della Fastems GmbH ha

apportato un decisivo contributo a questo

incremento di capacità.


Insieme alla stazione di carico tilting, a partire dalla sinistra: Andreas Dworak Caporeparto

della Haas, Thomas Weinhold Sales Manager Fastems e gli Operatori Macchina Manfred Peska

e Stefan Grabner della Haas.

SISTEMI FASTEMS: FLESSIBILITÀ

ESTREMA

Sulla base di diverse esperienze, è stato progettato

un sistema di produzione flessibile

personalizzato che, oltre ai pallet macchina,

fosse in grado di alloggiare anche attrezzature

di fissaggio e pallet materiale. I pallet

macchina sono equipaggiati con attrezzature

di carico a cui vengono fissati i pezzi in lavorazione.

Le stazioni di carico sono utilizzate

sia per bloccare i pezzi in lavorazione ai pallet

macchina sia per sbloccare i pezzi finiti.

Le scaffalature di magazzinaggio nel sistema

FMS qui illustrato hanno spazio per

trentanove pallet macchina da 1.200 x 1.200

mm. L’altezza massima totale consentita per

i pallet, comprese le attrezzature di carico

fissate, è di 1.700 mm. Il sistema comprende

anche altri sette pallet macchina da 1.600

x 1.200 mm, la cui altezza massima totale,

comprese le attrezzature di carico fissate, è

di 1.850 mm. Il magazzino del sistema FMS

è anche in grado di alloggiare novantasei

pallet materiale da 800 x 1.200 mm e di assicurare

un’altezza di impilaggio max. di 500

mm. La navetta comandata da PC esegue

tutti i movimenti di tutti i materiali introdotti

e rimossi dal sistema tramite le stazioni

di carico e le due rulliere. Esegue anche i

trasferimenti di pallet macchina nei cinque

centri di lavoro.

IL SISTEMA DI PRODUZIONE

FLESSIBILE FASTEMS PROMUOVE LA

TRASPARENZA

Ciascuna piastra per pasticceria e panetteria

è ricavata da un getto grezzo di ghisa. La

produzione deve essere eseguita con tolleranze

da basse a medie comprese nell’intervallo

di 1/100 mm. I prodotti devono avere

un colore uniforme. Durante la cottura, una

pressione compresa fra 1,5 e 2 bar viene

esercitata fra le due piastre. In altre

parole, le due piastre devono resistere a 5-6 t.

Un sistema di produzione flessibile

Fastems nella classe di peso di 4,5 t è stato

installato alla Haas. Tenendo conto della

capacità produttiva e del tempo di lavorazione

del pezzo, l’FMS è stato equipaggiato di

due stazioni di carico e di due rulliere, che

vengono utilizzate per introdurre e scaricare

pezzi e attrezzature. Poiché i pallet macchina,

comprese le attrezzature di carico, possono

avere un’altezza massima di 1.850 mm,

le aree di fissaggio sono dotate di stazioni di

carico che possono essere ruotate di 360° e

inclinate di 90°. Ciò significa che l’operatore

può sempre comodamente bloccare i pezzi

da lavorare e sbloccare i pezzi finiti.

Un master PC Fastems è il cervello del

sistema. Ogni movimento di materiale – ossia

tutti i movimenti delle attrezzature di

fissaggio, degli utensili, dei pezzi non finiti

e finiti che entrano ed escono dal sistema

– vengono comunicati al master PC. Sa sempre

dove un determinato materiale si trova

in seno al sistema FMS. Informa anche l’operatore

se, ad esempio, è insufficiente il livello

di materia prima in magazzino. Il ruolo di

controllo del master PC si estende all’intero

processo di produzione in questo FMS.

Il master PC di Fastems amministra anche

tutti i dati degli utensili. Di particolare aiuto

è la funzione di amministrazione delle vite

di servizio dei singoli utensili: il sistema notifica

quando utensili nuovi o gemelli devono

essere portati nei magazzini utensili dei

centri di lavoro.

Il centro di controllo riceve tutte le informazioni

inerenti gli ordini di lavorazione

in attesa di essere evasi nel sistema FMS. La

dettagliata pianificazione della lavorazione

ha luogo al centro di controllo. I pezzi

richiesti devono

essere fabbricati in

modo da essere disponibili

nella qualità

richiesta prima

dell’avvio dell’assemblaggio,

nello

stabilimento di

produzione cialde

o biscotti cui sono

destinati.

1 • 2006 | 15


UNITAMENTE AI MUTAMENTI

ORGANIZZATIVI, FASTEMS STA ANCHE

AGGIORNANDO LA PROPRIA CONCEZIONE

DI ASSISTENZA. ORA INTENDE PRESTARE

MAGGIORE ATTENZIONE AD UN TEAM

DEDICATO PER OGNI CLIENTE IN

MODO DA CREARE UNA PARTNERSHIP

DESTINATA A DURARE UNA VITA.

“Inizia ancora prima del primo contatto con

il cliente. Per ottenere i massimi vantaggi in

termini di affi dabilità, dobbiamo iniziare con

lo sviluppo prodotto – è qui che viene determinata

l’utilizzabilità dei nostri prodotti – ed è

con questo che possiamo assicurare la soddisfazione

del cliente per i prossimi 20 anni,” sottolinea

Salme Alho, Responsabile dei Serivizi

di Consegna.

“Continuità ed estendibilità sono altri

importanti fattori chiave che i nostri sviluppatori

di prodotto possono assicurare. I nostri

prodotti e sistemi devono cambiare così come

cambieranno i nostri clienti. Ciò signifi ca che i

prodotti dovrebbero essere facili da estendere

e aggiornare per consentire l’ammodernamento

e la futura crescita,” dichiara Salme Aho.

“Punti di assistenza facilmente raggiungibili,

strumenti diagnostici, parametri, chip

intelligenti e metodi on-line oltre a numerose

altre caratteristiche di progettazione possono

facilitare un utilizzo affi dabile ed agevole dei

nostri prodotti durante il loro intero ciclo di

vita.”

PARTNERSHIP PER L’INTERA VITA

“Essere chiamati successivamente alla consegna

nel caso in cui qualcosa non funzioni non

è quello che intendiamo oggi per assistenza

clienti,” dichiara Jari Mansikkaoja, a capo del

servizio internazionale di assistenza clienti

Fastems.

“Tradizionalmente, sia il cliente che i

referenti Fastems cambiano una volta che la

consegna è stata ultimata e “le nuove facce”

incaricate del sistema iniziano praticamente a

collaborare ripartendo da zero, il che spesso

causa inutili problemi,” spiega Alho.

Fastems sta cambiando questa tradizione

facendo in modo che sia lo stesso team di assistenza

clienti ad occuparsi dello stesso sistema

prima, durante e dopo la consegna al fi ne di

garantire una sua messa in opera senza intoppi.

Il primo team sta partendo nella nostra

nuova società USA, e l’Europa seguirà a ruota,”

continua Mansikkaoja.

“Questo tipo di assistenza ai clienti richiede

un team di specialisti provenienti da diverse

organizzazioni, fra cui progettisti, addetti

alle vendite, installazioni, all’addestramento e

16 | 1 • 2006

Dall’ASSISTE

preventiva ad u

PARTNERSH

per l’intera vita


NZA

na

IP

al post-vendita che collaborino assieme per il

cliente. Questo lavoro di gruppo ha inizio sin

dal primo contatto con il cliente. I prodotti

che vendiamo sono concepiti per aggiungere

valore ai processi dei nostri clienti e il nostro

servizio di assistenza deve essere orientato al

raggiungimento di questo obiettivo”, aggiunge

Mansikkaoja.

“Con questo approccio, possiamo evitare

le cosiddette aree grigie fra le varie fasi di lavoro

e migliorare sui fronti della fl essibilità, della

comunicazione, dello scambio di informazioni

e ovviamente della disponibilità in loco dei

nostri collaboratori. L’obiettivo consiste nell’assicurare

il 100% di affi dabilità per i prodotti

che vendiamo durante l’intera durata di vita

del prodotto,” conclude Alho.

ASSISTENZA ATTIVA: BASATA SULLE REALI

NECESSITÀ – NON SUI CALENDARI

La fi losofi a dell’assistenza si è evoluta spostandosi

dall’ottica di spegnere incendi a quella di

una loro prevenzione. Nel mondo odierno del

business – in particolare dell’assistenza – ciò

non basta più. L’ultima evoluzione consiste nel

rispondere in modo saggio, ossia conoscendo

bene il cliente e il modo in cui il cliente utilizza

il prodotto, che consente di orientare l’assistenza

programmata sulla base delle reali esigenze,

non semplicemente su date basate su calendari

o su check list.

“Non dobbiamo vendere tecnologie di

fantasia, bensì quello di cui abbisognano i

processi dei nostri clienti,” sottolinea Mansikkaoja.

“Questo non signifi ca che non utilizzeremo

la tecnologia. Fastems utilizza con successo

connessioni remote ai sistemi dei nostri

clienti sin dagli anni ‘80. E non vengono utilizzate

solo per l’assistenza e la diagnostica, ma

con sempre maggior frequenza per l’addestramento,

per l’assistenza ausiliaria e per aggiornare

e modifi care il soft ware di controllo del

sistema,” spiega Alho.

Salme Alho (a sinistra) e Jari Mansikkaoja

raccoglieranno la sfi da dei servizi di assistenza

internazionali.

“Un altro esempio sono gli smart phones.

Il nostro personale addetto all’assistenza si

porta dietro gli smart phone per potere ricevere

le richieste di assistenza direttamente dal

nostro sistema ERP e può riferire in merito

all’intervento direttamente all’ERP utilizzando

il telefono,” spiega Mansikkaoja.

“Per il cliente, ciò si traduce in tempi di

risposta molto più rapidi, in un reporting più

rapido e in un migliore utilizzo delle macchine.

In questo modo possiamo evitare interventi

di assistenza non necessari e ridurre i costi,”

ci racconta Jari Mansikkaoja.

SERVIZI INDUSTRIALI DI FASTEMS

Con i nostri esperti di assistenza a

livello locale vicini agli stabilimenti dei

clienti, non sarete mai soli se avrete

bisogno di aiuto. Il nostro obiettivo è

aiutarvi a ottimizzare il numero di ore di

produzione annue.

I NOSTRI SERVIZI INCLUDONO:

Servizi in appalto

• Pezzi di ricambio

• Manutenzione preventiva

Servizio di assistenza telefonica

• Riparazione dei macchinari

• Assistenza guasti

Supporto tecnico

• Assistenza telematica

• Addestramento

• Servizi di installazione

Servizi tecnici

• Retrofi t sistemi di controllo

• Riparazione mandrini

• Retrofi t meccanici

Teleservice:

Call Center 24 ore su 24 per richieste di

manutenzione e ordinazione di ricambi.

BASTA CHIAMARE:

+358 (0) 8000 8760

1 • 2006 | 17


P A S S A T E M P I

Spinti dalla creatività

THOMAS WEINHOLD VIVE IN GERMANIA CON LA

MOGLIE, IL CANE, DUE ACQUARI E UN SACCO

DI MODELLINI DI NATANTI E ALTRI VEICOLI

TELECOMANDATI. LA SUA IMPEGNATIVA ATTIVITÀ

DI RESPONSABILE COMMERCIALE FASTEMS NON

GLI LASCIA MOLTO TEMPO LIBERO. FA TUTTAVIA IL

POSSIBILE PER TRASCORRERE AL MEGLIO QUESTI

INESTIMABILI MOMENTI.

Th omas è entrato alla Fastems nel 2001 per

lavorare come responsabile commerciale per

l’Austria, il suo paese di origine. Oltre all’Austria,

oggi è anche responsabile dell’Europa

dell’Est, fra cui la Repubblica Ceca, la Slovacchia,

l’Ungheria e la Slovenia. Dai primi

di quest’anno, si occupa anche dei prodotti

OEM, ad esempio delle vendite di FPC.

“In tutta franchezza, non avevo idea della

Finlandia né dei Finlandesi quando sono entrato

a far parte di questa azienda. Mi aspettavo

un paese sempre freddo e buio con tante

saune. Sono rimasto sorpreso dall’incredibile

quantità di innovazione, fl essibilità e competenze

tecnologiche,” ricorda Th omas.

OCCORRE ESSERE DI LARGHE VEDUTE

Sul lavoro, Th omas punta ad assistere i clienti

in modo professionale aiutandoli a prendere

le giuste decisioni di investimento.

Il suo lavoro quotidiano consiste nella

ricerca di nuovi potenziali clienti, nel trovare

soluzioni ai problemi dei clienti e nel mantenere

la collaborazione con i distributori e

partner locali, oltre a curare i contatti postvendita

con i clienti esistenti.

18 | 1 • 2006

“Nel mio lavoro, mi capita di incontrare

persone di ogni livello interno all’azienda.

Una abilità importante è l’essere in grado di

comunicare con varie persone e fare arrivare

loro il giusto messaggio. Poiché ogni persona

è diversa, non ho una ricetta per lavorare con

una persona nuova – ogni volta che partecipo

ad una riunione, devo avere la menta aperta e

essere pronto a trovare la migliore soluzione

per ciascun cliente” sottolinea Th omas.

“L’automazione è un mix di tecnologia,

controllo e organizzazione. Anzitutto, occorre

comprendere l’organizzazione della produzione

del proprio cliente, e poi è possibile implementare

una soluzione che contempi la giusta

tecnologia e le giuste funzioni di controllo per

quella organizzazione,” prosegue Th omas.

IL PARTNER D’ORO

Th omas in un primo momento si dovette trasferire

dall’Austria in Germania a lavorare per

una società di Stoccarda. “Dovevo restare al

massimo per cinque anni, ma il mio matrimonio

con una cittadina tedesca ha prolungato

il mio soggiorno per 17 anni fi nora, “ sorride

Th omas.

Fa parte della sua famiglia anche Yoyo, un

cane da riporto di nove anni, che non è solo

il “bambino” della famiglia, ma molto di più.

“Mi ricarica davvero le batterie dopo il lavoro,

mi spinge a fare delle passeggiate fuori, ed è

semplicemente impossibile resistere al suo tenero

sguardo con i suoi occhi castani”.

Oltre al cane da riporto, la famiglia possiede

due acquari, una unità ad acqua dolce

ed una unità da 600 litri ad acqua salata, che

portano i colori del Pacifi co nel soggiorno.

“E’ sorprendente quanto sia rilassante fermarsi

semplicemente a guardare i colori luccicanti

dei pesci” confessa Th omas.

NATI CON LA CREATIVITÀ

L’attività del tempo libero più stimolante e che

gli occupa la maggior parte del suo tempo

libero – è quella di realizzare modelli in mi-


niatura di veicoli telecomandati. “Quando ero

piccolo, mi piaceva costruire delle cose con il

legno” spiega Th omas.

“Il primo modello telecomandato era un

aeroplano, che fra l’altro mi ha portato all’ospedale

con una mano fratturata. Poi sono

passato alle navi, alle barche e ad altri veicoli,

un po’ meno soggetti alle collisioni” continua

Th omas. “I miei modelli devono però off rire

sempre qualcosa di unico o speciale, qualcosa

che non si possa facilmente trovare altrove, ad

esempio, come il mio aliscafo o hovercraft .”

IL TEMPO È LA MAGGIORE SFIDA

Gli uomini non crescono mai, ammette

Th omas. La sua collezione oggi conta tre

velivoli, un elicottero, sei battelli, un acquascooter

e, putroppo per la moglie, come egli

stesso ammette, un sacco di altre idee in testa.

Una delle sue ultime è la realizzazione di un

veicolo sottomarino per l’acquario di acqua

salata.

“Finire un modello alla volta non è possibile

per me. Ho sempre vari modelli in costruzione

contemporaneamente. Essendo questi

costruiti una fase dopo l’altra, posso metterci

da uno a due anni per ultimare un modello,”

racconta Th omas.

“La più grande sfi da di questo hobby è il

tempo. Si possono facilmente trascorrere delle

ore con questo hobby, e all’improvviso ci si

accorge che sono le due di notte. Ovviamente

sono essenziali le conoscenze tecniche, ma ancora

più importanti il tempo e la pazienza.”

LADDOVE TEORIA E PRATICA SI

INCONTRANO

Per Th omas, il suo lavoro e il suo hobby si

basano su una combinazione di tecnologia e

controllo. “Sul lavoro, ogni giorno è diverso,

e questo è una buona cosa. Non sono una

persona che potrebbe stare seduto un giorno

dopo l’altro a svolgere lo stesso lavoro monotono

in uffi cio. Ho bisogno di uscire, fare della

strada – avere delle responsabilità, ma anche

fl essibilità.” spiega Th omas.

“Mi piace anche il lavoro che mi coinvolge

direttamente e mi piace creare qualcosa di

nuovo. La nostra missione consiste nel creare

soluzioni per i clienti. Noi progettiamo un

esempio sulla carta che risolve un problema

di spazio per un sistema, che viene successivamente

realizzato. Nel mio hobby, io creo

un’idea, inizio a progettarla e la realizzo. E

infi ne, vedo entrambi i risultati funzionare

nella realtà: i miei modelli che sfrecciano sul

lago – e il sistema in funzione nel capannone

del cliente,” Th omas traccia dei paragoni sulle

analogie fra il suo lavoro e il suo hobby.

“Forse sul lavoro mi occupo più di teoria,

mentre nel mio hobby dedico maggiore attenzione

alla pratica – che va dalla progettazione

alla realizzazione – e sono io stesso ad utilizzare

i prodotti fi nali,” conclude.

I due personaggi più importanti nella

vita di Th omas Weinhold: la moglie

Astrid e il cane Yoyo.

C U R I O S I T À

Siamo lieti di annunciare un potenziamento

dell’organizzazione per servire ancor

meglio i nostri clienti europei.

DIRETTORI AREA VENDITE

Jürgen Rieger, Germania

Alessandro Senzapaura, Italia

Steve Malone, Regno Unito

Edmundas Bulanavicius, Lituania

INGEGNERE ADDETTO AL SERVI-

ZIO ASSISTENZA

Michael Schott, Germania

PROGETTISTA SOFTWARE

Volker Schwegler, Germania

RESPONSABILE DI PROGETTO

Michael Pieper, Finlandia

ASSISTENTE D’UFFICIO

Ulrika Lantz, Svezia

I nuovi Sales Area Manager (da sinistra):

Alessandro Senzapaura, Edmundas

Bulanavicius e Steve Malone.

8760 ORE

AL VOSTRO SERVIZIO

1 • 2006 | 19


Attenzione!

8760 ore di

produzione in situ

La tecnologia FMS Fastems è

utilizzabile in qualsiasi settore del

taglio dei metalli e per qualsiasi

filosofia produttiva. Le nostre

soluzioni sono state sviluppate

per rispondere ai vostri volumi di

produzione a prescindere dai prodotti

che fabbricate. Queste soluzioni

sono state collaudate da un totale di

400 applicazioni che sono utilizzate

efficacementenei settori aerospaziale,

automobilistico, meccanico e delle

subforniture in tutto il mondo.

Venite a vedere in che modo

Fastems può assicurarvi 8760

ore di produzione all’anno!

Sarete i benvenuti ai nostri

stand nelle seguenti fiere:

• IMTS, Chicago, USA

6.-13.9.2006; stand A-9700

• Alihankinta, Tampere, Finlandia

13.-15.9.2006; stand D-200

• BIMU, Milano, Italia

5.-10.10.2006

• Prodex 06, Basilea, Svizzera

14.-18.11.2006

20 | 1 • 2006

Fastems Oy Ab

Tuotekatu 4

FI-33840 Tampere, Finlandia

Tel.: +358 (0)3 268 5111

Fax: +358 (0)3 268 5000

Hakkilankaari 2

FI-01380 Vantaa, Finlandia

Tel.: +358 (0)9 3450 48

Fax: +358 (0)9 3450 5623

Heilbronner Straße 17/1

D-73037 Göppingen, Germania

Tel.: +49 (0)7161-963 800

Fax: +49 (0)7161 -963 8049

Bultgatan 40 B

S-44240 Kungälv, Svezia

Tel.: +46 (0)303 246 900

Fax: +46 (0)303 246 910

Hawley Mill-Hawley Road

Dartford, Kent DA2 7SY

Regno Unito

Tel.: +44 (0)7818 427133

Fax: +44 (0)1322 282250

99, rue de Gerland

F-69007 Lione, Francia

Tel.: +33 (0)4 3765 2000

Fax: +33 (0)4 3765 2001

Via Bruno Buozzi, 61

I-20097 San Donato

Milanese (MI), Italia

Tel.: +39 02 365727.23

Fax: +39 02 365727.24

Fastems LLC

9850 Windisch Road

West Chester

Ohio 45069, USA

Tel.: +1 513 779 4614

www.fastems.com

More magazines by this user
Similar magazines