Planner_Archeomatica_2019_ITA_OK_a4_ULTIMO

mediageo
  • No tags were found...

3 - 5 FEBBRAIO 2015

Parigi

Sime Sitem

XIX Salon International des Musées et des

Lieux de Culture

Web:

www.museumexperts.com

25 - 27 FEBBRAIO 2015

Avila

3D ARCH 2015 - 3D Virtual Reconstruction

and Visualization of Complex Architectures

Web: www.3d-arch.org

19 - 21 MARZO 2015

Palermo

Biologia e Archeobiologia: dalla

Conoscenza alla Conservazione Preventiva

Web:

www.associazioneaiar.com

30 MARZO - 3 APRILE 2015

Siena

CAA 2015 - Computer Applications and

Quantitative Methods in Archaeology (CAA)

Web: http://caaconference.org

8 - 11 APRILE 2015

Chicago

Museums and the web 2015

Web:

http://mw2015.museumsandtheweb.com

27 - 30 APRILE 2015

Catania

TECHNART 2015: Tecniche non distruttive

e microanalitiche nell'arte e nei beni

culturali

Web:

http://technart2015.lns.infn.it

6 - 9 MAGGIO 2015

Ferrara

XXII Salone dell'Arte del Restauro e dei

Beni Culturali e Ambientali

Web:

www.salonedelrestauro.com

13 - 14 MAGGIO 2015

TECHNOLOGYforALL

Roma

Web: www.technologyforall.it

30 GIUGNO - 3 LUGLIO 2015

Bressanone

XXXI Convegno Scienza e Beni Culturali

Web:

www.scienzaebeniculturali.it

2 - 5 SETTEMBRE 2015

Lecce

2nd International Conference on

Augmented and Virtual Reality - Salento

AVR 2015

Web: www.salentoavr.it

10 - 11 SETTEMBRE 2015

Milano

XI conferenza del Colore

Web: www.gruppodelcolore.it

28 SETTEMBRE - 2 OTTOBRE 2015

Granada

Digital Heritage 2015

Web:

www.digitalheritage2015.org

50 ArcheomaticA N°4 dicembre 2014

BiBLiograFia

[1] http://en.wikipedia.org/wiki/Cupisnique

[2] http://chavin.perucultural.org.pe/kunturwasi.shtml

[3] http://wiki.sumaqperu.com/es/Cultura_Vicus

[4] W. Alva, C.B. Donnan : The Royal Tomb of Sipán , Los Angeles Fowler Museum

of Cultural history; University of California 1993.

[5] W. Alva : SIPAN : descrubrimiento e investigation, Quebecor World Perù

S.A.,1994

[6] R. Franco J. : in “Señores de los reinos de la luna”, Ed. Krzysztof Makowski,

Banco de Crédito del Perù, Lima 280-287, 2008.

[7] R. Franco J.: los secretos de la huaca Cao Viejo, Fundacion Wiese y Petrolera

Transoceanica S.A., Lima, 2009.

[8] R. Franco J. : Pour la Science 390, 8, 2010, Paris, France

[9] R. Franco J. : La Dama de Cao. Investigacion y Ciencia : 68-74, 2011, Bercelona,

Spain.

[10] R. Franco J. : El complejo el brujo: poder, arte y simbolismo y la tumba

de la señora de Cao in “Tesoros preincas de la cultura Mochica, El señor de

Sipan, huaca de la luna y señora de Cao” ,Ed. By Cadiz, Repsol, Ministerio de

Cultura del Perù, Fundacion Wiese y Embajada del Perù en España, 77-97,

2012, Lima Perù.

[11] S. La Niece, Susan : Depletion gilding from 3 rd millennium BC. Ur. Iraq 57

: 41-47, 1995.

[12] H. Lechtman : A pre-columbian technique for electrochemical replacement

gilding of gold and silver on objects of copper. J. Met. 31: 154-160, 1979.

[13] H. Lechtman : Andean value systems and the development of prehistoric

metallurgy. Technol. Cult. 25: 1-36, 1984a.

[14] H. Lechtman : Pre-columbian surface metallurgy. Sci. Am. 250: 38-45,

1984 b.

[15] R. Cesareo : X-Ray Fluorescence Spectrometry ; Ullmann´s Encyclopedia

for Industrial Chemistry, 2010

[16] www.amptek.com

[17] E.R. Caley : Analysis of ancient metals, Pergamon Press, Oxford 1964

[16] R. Cesareo, C. Mancini : non destructive analysis of silver alloys by means

of low energy gamma-rays and neutron transmission measurements; Int. J.

Appl. Radiat. Isotopes 30, 589, 1979.

[19] www.moxtek.com.

aBStract

During excavations in the archaeological complex El Brujo (The Wizard), in the

North-East side of Huaca Cao Viejo, 70 km north of Trujillo, in Peru, in the

year 2005, it was made one of the most important discovery concerning the

Moche culture: a tomb containing the mummy bundle of a high hierarchy woman,

which is referred to as “Lady of Cao” and dates about 300 A.D. The high

hierarchic level of this woman was deduced from the objects she took with

her in the tomb. The coffin of the Lady contained more than hundred objects,

mainly on gold and silver.

In this paper are reported the results of Energy Dispersive X-Ray Fluorescence

(EDXRF)-analysis on 34 nose decorations on gold and silver from the tomb of the

Lady of Cao. The purpose of this investigation, that followed a similar one carried

out previously in the Museum "Tumbas Reales de Sipan", was to investigate

the evolution of Moche metallurgy.

EDXRF-analysis is a non-destructive and non-invasive technique which in the

case of metals analyzes micrometric surface layers. Therefore it can give wrong

results when the sample composition is altered because of surface processes.

A complementary technique was therefore developed, of bulk analysis, using X-

ray transmission of monoenergetic X-rays. It uses the same equipment employed

for EDXRF-analysis; the X-ray beam from the X-ray tube is monochromatized by

means of a tin secondary target, which K-lines bracket the silver-K discontinuity.

This technique is able to determine, (by measuring the attenuation of tin-K

rays), thickness and/or composition of gold and silver alloys having a thickness

of less than about 120 μm for gold and about 0.7 mm for silver. The method

was tested with Au-Ag-Cu alloys of known composition and thickness, and then

applied to gold and silver artifacts from the tomb of the Lady of Cao. X-ray

transmission measurements on gold and silver sheets approximately confirm the

results of EDXRF-analysis.

ParoLe chiaVe

metalluRgia moChe; signoRa di Cao; CoRRedo funeRaRio; indagini non invasive;

edXRf; fluoResCenza Raggi X; RadiogRafia

autore

RoBeRto CesaReo, cesareo@uniss.it

diPaRtiMento di MateMatiCa e FisiCa, univeRsità di sassaRi, italia

anGel BustaMante, Julio FaBián, sandRa del PilaR zaMBRano

univeRsidad naCional MayoR de san MaRCos, liMa, PeRù

RéGulo FRanCo JoRdán, aRaBel FeRnandez,

PaCeB Museo Cao (FundaCión Wiese), tRuJillo, PeRu

Giovanni ettoRe GiGante, giovanni.gigante@uniroma1.it

diPaRtiMento di eneRGetiCa, univeRsità di RoMa “la saPienza”

10 ArcheomaticA N°3 settembre 2014

Tecnologie per i Beni Culturali REPORTS

47

If it is supposed that the we have a small, thin and homogeneous

sample, and that the detector efficiency is independent

of the sample position (it is in a fixed position), then

the thermal equivalent flux (φ0) is defined so as to have the

same reaction rate, as below:

Fig. 6 - Fragment of bronze statue: toe (n. inv. 1570; data sheet 5) (W.

Monacchi).

Such that the peak area may be calculated from the equation:

For a detailed treatment

(4)

of the theoretical bases,

see (Maenhaut-

Malmqvist 2002; Mandò- And hence the sensitivity may be given by:

Przybyłowicz 2009; Puc

et al. 2002). PIXE would

be used for quantitative

(5)

analysis and it would allow

identifying and quantifying

trace elements The analytical sensitivity S is expressed in units of counts×son

non-corroded parts 1×g-1, as seen in eq. (5), and is proportional to the neutron

of the objects, determining

their distribution the nucleus σ0, the isotopic abundance θ , and the gamma

capture cross-section of the following nuclear constants,

Fig. 7 - Small coin of late antiquity (n. inv. and supplying data complementary

to the other efficiency ε(Eγ), which are characteristics of the measuring

yield Iγ, as well as to the neutron flux Φ0 and the detector

1594; data sheet 6) (W. Monacchi).

techniques considered. system. According to eq. (3), lower energy (cold) neutrons

Neutron analytical methods have been considered to explore

the compositional or microstructural characteristics of eq. (5) means better sensitivities.

mean higher thermal equivalent flux, which according to

the investigated artefact. The bulk elemental concentrations

of the alloying components can be identified by using the atomic mass M of any given element. The mass ratios,

Other symbols in eq. (5) are Avogadro’s number NA, and

the neutron capture g-ray facilities PGAA and NIPS. PGAA or equivalently the weight-percentage ratios of arbitrary

is based on the detection of characteristic prompt gamma elements “X” and “Y” are independent of both the actual

photons that originate in (n,g) nuclear reactions, and it allows

the analysis of elemental composition by observing can be calculated from peak area ratios and sensitivity ra-

amount of each sample and of the exact neutron flux, and

neutron-capture prompt g-rays. For the analysis, a selected tios as follows:

part of an object is irradiated with a collimated beam of

cold neutrons, and the emitted characteristic gamma photons

are detected simultaneously. The quantitative analysis

(6)

is based on the following considerations. The detected gamma

ray intensity A E is directly proportional to the mass m of

a given element, the analytical sensitivity S and the measurement

time t, such that

standardisation measurements. At the Budapest Neutron

all the chemical elements can be determined by internal-

Centre (BNC), e.g., they are collected in a new gamma-ray

The detected count rate in a given gamma peak is spectrum catalogue for PGAA (Révay et al. 2001). For a detailed

treatment of the theoretical bases, see (Révay 2009;

proportional to the number of nuclei emitting the gamma

photons of a given energy. It can be calculated, as in the Révay et al. 2004; Molnár et al. 1997; Molnár et al. 1998;

following equation:

Révay 2006; Révay- Molnár 2003; Rogante 2006).

The NIPS instrument serves for different nuclear spectroscopic

measurements analysing the prompt gamma radia-

(1)

tion of material activated in neutron beam. The NIPS-NOR-

MA station of the Budapest Neutron Centre, e.g., has been

where NP is the peak area, μ(r) is the density of the element designed for investigation of objects of dimensions up to

of interest in the point r, NAv is the Avogadro number, M is 20×20×20 cm3 and for a wide variety of experiments involving

neutron capture induced prompt and delayed gamma

the atomic mass of the element, is the local neutron

flux and is the detector efficiency.

radiation, including γ-γ-coincidences; γ-rays as low as 14

A few simplifications, in practice, can be introduced. For keV can be also observed. NIPS technique would allow determining

the bulk composition, even if the surface of the

example, σγ is the partial gamma ray production cross section,

and can be defined as:

investigated objects is corroded. Furthermore, it would be

possible to analyse different parts of the considered bronze

(2) objects. The most important chemical elements to be measured

by NIPS in these objects are Cu, Sn and Pb alloying

where σ0 is the thermal neutron absorption cross section, components. The main purpose is to compare the obtained

Iγ is the probability of gamma ray emission and θ is the data related to these elements with those achieved in the

GEOmedia n°1-2015 43

isotopic abundance.

PGAA investigation carried out by the Rogante Engineering

(3)

MERCATO

Tecnologie per i Beni Culturali 31

Tecnologie per i Beni Culturali 31

Realizzato il software di monitoraggio per il sistema di

posizionamento Galileo

I ricercatori dell'Università di Pisa hanno realizzato

il software per controllare il buon funzion-

modificare e riutilizzare il proprio lavoro. per la condivisione e la distribuzione di

Il cuore della teoria dei contenuti aperti dataset di carattere archeologico.

amento dei satelliti del sistema di navigazione

sta proprio nei concetti di disponibilità E il MiBACT a che punto è?

Galileo, la versione e accessibilità europea del attraverso più noto GPS il download, In seguito a quanto stabilito dall’art. 9

statunitense. di possibilità di modificarli, di ri-uso e della Legge 17 dicembre 2012, n. 221 che

Il lavoro, commissionato di re-distruzione, dall'Agenzia di interrelazione Spaziale con modifica gli articoli 52 e 68 del Codice

Europea (ESA), è altri durato dati, per di tutto partecipazione il 2014 ed è universale dell’Amministrazione Digitale (Decreto

stato svolto nel laboratorio nell’idea che di chiunque, elaborazione sia dei esso utente Legislativo 7 marzo 2005 n. 82), tutti i

segnali per telecomunicazioni generico o operatore coordinato specializzato, dal possa

Luise utilizzarli del dipartimento come meglio di crede. In-

L'Open ministrazioni pubblicano con qualsiasi

dati e i documenti che le pubbliche am-

professore Marco

gegneria dell'Informazione.

Content è quindi

Dall'inizio

uno strumento

del 2015

prezioso modalità, senza l’espressa adozione di

a facilità con cui il web rende possibile

riutilizzare dati e contenuti altrui, compatibile con l'era digitale dove il come dati aperti (open data by default).

per molti aspetti: propone un copyright una licenza d’uso, si intendono rilasciati

è quindi partita la raccolta e l'interpretazione

dei dati provenienti dallo spazio da parte dei ricercatori dell'Ateneo pisano e del

ha reso sempre più attuale e pressante riuso di dati e contenuti è all'ordine del Sul sito del MiBACT è ora disponibile una

Centro ESTEC dell'ESA.

il problema della salvaguardia del diritto giorno, permette agli autori di raggiungere

– possiamo un pubblico tenere molto costante-

più vasto con le lenco dei dataset disponibili per il down-

sezione dedicata agli Open Data con l'e-

"Grazie al

d'autore.

nostro software

Il copyright

– ha

tradizionale

spiegato Marco

prevede

controllo che tutti i segnali diritti di emessi un'opera dai satelliti (video, Galileo loro opere, monitorandone rende molto in tempo più semplice load e il riutilizzo: ad esempio, è possi-

Luise

mente sotto

reale l'accuratezza immagini, e testi, la stabilità, dati...) parametri siano riservati fondamentali l'accesso per garantire alle informazioni la precisione e alla conoscenza.

mediante appositi dia-

ai luoghi della cultura italiani, corredate

bile scaricare oltre 4.000 schede relative

dei navigatori all'autore, satellitari. cioè che La visualizzazione essa non può essere dei dati avviene

grammi che riutilizzata misurano senza i parametri il consenso di "qualità" esplicito dei Questi satelliti concetti in modo sono da stati segnalare applicati in diversi

ambienti e da diversi soggetti an-

5.000 schede descrittive di collezioni

da descrizioni e immagini; oppure, oltre

precocemente del detentore eventuali dei malfunzionamenti".

diritti, quindi l'autore

L'Ateneo o pisano chi per ha esso. una lunga tradizione di cooperazione

che in

con

ambito

l'ESA

culturale.

nei vari

Soggetti

campi

privati, digitali di musei, archivi, biblioteche,

Negli ultimi dieci anni sono stati proposti

e messi a punto diversi modelli di sviluppato nuove soluzioni e opportunitre

istituzioni culturali italiane; o anche

strutture museali e enti pubblici hanno uffici del catalogo, soprintendenze e al-

della scienza e dell'ingegneria necessarie allo sviluppo e al completamento della

costellazione di satelliti Galileo, dal lancio e al controllo di un satellite, allo sfruttamento

dei dati prodotti dagli strumenti di bordo.

licenze per rendere questa situazione tà per interagire con il proprio pubblico i dati relativi ai siti italiani iscritti nella

più flessibile e in linea con l'evoluzione proprio attraverso l'adesione ai principi

dell'Open giovane Content, dottorando e, di in 27 particolare, Molti dati relativi ai Beni Culturali sono

lista del patrimonio mondiale UNESCO.

"Questa campo di ricerca – ha detto Carmine Vitiello,

del mondo digitale, suggerendo che non

anni del “tutti” dipartimento i diritti siano di Ingegneria riservati, dell'Informazione piuttosto

- mi solo ha permesso “alcuni”, concedendo di accrescere in le questo mie competenze Open Content sia di carattere è concentrato teorico in partico-

della Pubblica Amministrazione, mentre

dell'Open e fra Data. gli sviluppatori Mentre il del movimento disponibili anche sul sito degli Open Data

progetto

che pratico modo e mi all'utente ha aiutato la a possibilità progredire di al meglio usare, nel lare mio sulle percorso opere di creative, studi. L'ESA il movimento a livello regionale sono ormai molte le

si è detta condividere, molto soddisfatta modificare del mio e ridistribuire lavoro e spero Open che Data, vi siano che opportunità da esso deriva, di è impegnato

nell'apertura dei dati grezzi, quin-

rendendo disponibili i dataset relativi a

regioni che hanno aperto i propri dati,

questo tipo liberamente anche in futuro". un'opera altrui. Si parla così

da alcuni anni di “contenuto aperto” o di non ancora rielaborati. Si definiscono musei, monumenti, aree archeologici,

Open Content.

Open Data, in base alla definizione fornita

dall’Open Data Manual redatto dall’O-

o paesaggistico. Inoltre, da settembre

aree sottoposte a vincolo archeologico

(Fonte: Università di Pisa)

I principi che regolano l'Open Content

sono gli stessi da cui è nato il movimento pen Knowledge Foundation, i dati grezzi 2014 il Grande Progetto Pompei ha un

per il software libero e la Free Software che possono essere liberamente utilizzati,

riutilizzati e ridistribuiti, con la sola “il portale della trasparenza”: contiene

sito dedicato per gli Open Data, detto

Foundation. La General Public License,

scritta nel 1989, è stata la prima licenza limitazione della richiesta di attribuzione informazioni finanziare e amministrative

Open Government: presentata un'innovativa proposta da SAS

a consentire agli utenti di usare, studiare,

condividere e modificare liberamente stesso modo, ossia senza che vengano ef-

per un totale di 20 mln di euro.

dell’autore e della redistribuzione allo sugli appalti, che a oggi sono quaranta

e Sistemi Territoriali

La soluzione proposta

un software; grazie a questo, oggi esiste fettuate

è

modifiche.

una suite di prodotti

Oltre ai principi di trasparenza, accessibilità

e condivisione delle informazioni

SAS e prodotti open

e prospera un intero mercato basato sullo

sviluppo, la manutenzione, una soluzione la perso-

al per momento il settore unica culturale sul mercato è promossa dal-

e della conoscenza, l'importanza degli

In Europa source, l’importanza pensata per degli fornire Open Data

nalizzazione e la commercializzazione che copra tutte di le la esigenze piattaforma di un Europeana, ente in campo la biblioteca Open Data si esprime soprattutto attraverso

il loro riutilizzo, la loro ridistri-

applicazioni libere e open source. open data, I sostenitori

dell'Open Content hanno “StatPortal adottato OpenData” i digitalizzati con dalle il valore istituzioni aggiunto culturali dei buzione, la possibilità di combinarli con

integrando digitale il europea prodotto che open riunisce source contributi

principi base del software dei libero prodotti e li han-softwarno applicati ad altre forme tion, di produzione Data Federation, so a disposizione Data Quality, dati Text aperti Anal-

relativi a 2,4 che si traduce in nuove applicazioni sof-

27 Paesi SAS UE quali e che Data ha recentemente Integra-

mes-

altre fonti aperte per creare quel valore

creativa, come i testi, la musica, i film, mln di oggetti digitali del patrimonio culturale

europeo.

In ambito culturale, rendere liberamentware,

servizi e prodotti.

ysis.

le immagini o i dati grezzi in generale. L'annuncio in anteprima del lancio del nuovo

Il principale protagonista del movimento In Italia l'esempio principale è dato dalla te accessibili i dati, significa promuovere

prodotto, pensato

Open Content è stato Lawrence Lessig, Fondazione

per offrire

Musei

una

Torino,

soluzione

che ha aperto l'apertura a nuove pratiche partecipative

della cittadinanza, a nuove forme

completa agli enti

della Harvard Law School di Cambridge, i propri pubblici dati in sotto chiave licenza di open Creative Commons

fatto e gli il 19 utenti Febbraio possono 2015 accedere e di storytelling e comunicazione del pa-

che nel 2001 insieme a Hal government, Abelson e Eric è stato

a Roma nel Eldred corso fondò della Creative conferenza Commons, OpenGeoData un'organizzazione

ed Alessandro no-profit Greco per (Sistemi promuovere Territoriali esempio srl). è possibile scaricare gli elenchi nuove forme di produzione che possono

2015, scaricare da Stefano diverse Corrado tipologie (SAS di dataset: ad trimonio e contribuisce allo sviluppo di

Institute S.r.l.)

La suite è i stata contenuti realizzata aperti. da SAS L'obiettivo Institute dell'organizzazione

è di con incoraggiare il proprio partner gli autori Sistemi a corredate Territoriali di fotografia s.r.l. presenti nei cata-

vista dell'immagine, e, in particolare, dal

S.r.l., consociata e le schede italiana anagrafiche di SAS Institute di tutte le opere aiutare il rilancio del settore dal punto di

Inc., in collaborazione

Per maggiori condividere informazioni il più possibile sulle principali il proprio funzionalità lavoro

presentazione e per fare ciò del hanno prodotto ideato disponibile e pub-

a

loghi della informatizzati soluzione dei vi rimandiamo

alla

musei, oppure i punto di vista occupazionale.

dataset

questo indirizzo:

relativi agli interventi di restauro

blicato differenti tipi di licenze sotto cui o alla affluenza dei visitatori. Altro esempio

particolarmente importante è il pro-

A cura di Giulio Bigliardi

è possibile rilasciare un'opera qualsiasi,

http://www.slideshare.net/grecoal/

le Creative Commons Licenses: in base getto MAPPA, coordinato dall'Università (Progetto Open Téchne)

a queste, l'autore può stabilire a priori di Pisa, che da alcuni anni cura lo sviluppo

una del email MOD, a: un a.greco@sister.it

archivio digitale aperto

Per maggiori

la possibilità

informazioni

per l'utente

è possibile

di ridistribuire,

inoltre inviare

(Fonte: Sistemi Territoriali)

36 GEOmedia n°1-2015

rivista trimestrale, Anno IX - Numero 4 dicembre 2018

ArcheomaticA

Tecnologie per i Beni Culturali

Media Planner 2019

Archeomatica è una rivista multidisciplinare, stampata in Italia, dedicata alla presentazione e alla diffusione di metodologie

avanzate, tecnologie emergenti e tecniche per la conoscenza, la documentazione, salvaguardia, conservazione e valorizzazione

del patrimonio culturale.

La rivista è divisa in tre sezioni soggette a peer review, Documentazione (Indagine e documentazione), Rivelazioni (analisi,

diagnostica e monitoraggio) e Restauro (Materiali e tecniche di intervento), completata da sezioni e rubriche dedicate a temi

particolari come ad esempio i Musei e la fruizione, i Laboratori di Ricerca e l’Università, l’informazione internazionale EU & Word

Heritage e il connubio tra Arte e Scienza. Sono graditi articoli in lingua inglese.

Archeomatica è Open Access, infatti fornisce accesso aperto ai suoi contenuti, ritendendo che rendere le ricerche disponibili

liberamente al pubblico migliori lo scambio della conoscenza a livello globale. Gli articoli sono disponibili al link:

http://mediageo.it/ojs/index.php/archeomatica

www.archeomatica.it

MAGAZINE CARTACEO E DIGITALE

Circolazione cartacea e digitale che ragggiunge 300.000

lettori annui.

É possibile pubblicare pagine pubblicitarie anche interattive

e ipermediali per la lettura su qualsiasi dispositivo.

USCITA Articoli Pubblicità Pubblicazione Evento Lingua

1/2019 31/03/2019 05/05/2019 15/05/2019 YOCOCU 80% it

20% en

2/2019 26/08/2019 30/09/2019 10/10/2019 TFA2018 80% it

20% en

3/2019 29/10/2019 03/12/2019 15/12/2019 ASITA 80% it

20% en

4/2019 14/01/2020 17/02/2020 28/02/2020 FERRARA

RESTAURO

90% it

10% en

(a)

full page

210x297mm

CREAZIONI E SCENOGRAFIE DI

SPECIAL EFFECTS CREATURES STUDIOS SRL

EVENTI

NUOVI MODI NUOVE TECNOLOGIE NUOVI LINGUAGGI

ARTEESTORIA

SIMOSTRANO

CON (b) NUOVE

EMOZIONI

1/2 page

210x148,5mm

NEL 2014

MARE NOSTRUM. AUGUSTO E LA POTENZA DI ROMA //

OSIRIDE E L’ALTRO EGITTO // EGITTO, IL MISTERO DEI FARAONI //

DI LÀ DAL FIUME. HEMINGWAY L’AMERICANO DEL BASSO PIAVE //

LE MEMORIE RITROVATE // TASTE THE PAST // PARSJAD AND MUCH MORE //

CEMA - CENTRO ESPOSITIVO MULTIMEDIALE DELL’ARCHEOLOGIA //

www.cultouractive.com // f cultouractive

(c)

1/3 page

210x99mm

senso è molto positiva: in tutti i paesi della

Comunità è diffusa la pratica scolastica del

tecnico superiore che ha nel proprio curriculum

didattico anche un elevato numero di ore

di stage aziendale professionalizzante, proprio

allo scopo di formare tecnici che abbiano già

al loro attivo un’esperienza lavorativa e nello

stesso tempo siano cresciuti nel percorso educativo

dell’alternanza scuola-lavoro, con gli

efficaci effetti formativi dovuti alla necessaria

applicazione pratica del percorso logico appreso

in aula.

In Italia vi sono 61 ITS articolati su diverse

tematiche, a Genova quello denominato

“Geometra del mare” focalizza l’attenzione sul

territorio costiero, sulla gestione dell’edilizia

e su tutto quanto concerne l’ambito portuale,

costiero fluviale e lacustre.

La nostra nazione ha circa 8.000 km di costa e

finora le competenze per gestire una tematica

così complessa erano articolate su diverse figure

professionali, spesso non in rete e prive di

un coordinamento comune. Il Geometra del

mare (nel seguito GDM) a conoscenza degli

autori è l’unico corso in Italia con tali caratteristiche,

reso possibile dall’esigenza di tale figura

professionale emersa da un’indagine svolta

nel territorio ligure con le Amministrazioni,

le imprese private, le Agenzie pubbliche come

Autorità Portuale, Comuni costieri, Catasto

- Agenzia delle Entrate, settori tecnici che si

occupano di problematiche inerenti vincolo e

dissesto idrogeologico, che hanno espresso parere

positivo all’assunzione dei futuri diplomati.

Il notevole sforzo iniziale è stato portato avanti

dalle strutture promotrici, mentre la progettazione

didattica e formativa è stata coordinata

dall’autrice della presente comunicazione,

coadiuvata da un team di docenti della scuola

secondaria e della Scuola Politenica dell’Università

degli Studi di Genova dei quali una per

tutti la prof.ssa Laura Rebaudengo Landò, con

il prezioso confronto con i professionisti e tecnici

attivi nel settore, che con la presente si ha

il piacere di ringraziare.

La preziosa rete di collaborazioni realizzata in

tale occasione, si rivolge ora alla predisposizione

di esercitazioni congiunte che vedano

impegnati gli studenti in campagne di misura

sempre maggiormente complete e interdisciplinari,

come ad esempio campagne di misura

con strumentazione topografica tradizionale e

satellitare GNSS/GPS applicate a una simulazione

di frazionamento catastale, oppure rilievi

fotogrammetrici e laser scanner congiunti al

(d)

1/2 page

105x297mm

L

OPEN SOURCE

(e)

1/3 page

70x297mm

SPECIFICHE ADV

Preferibilmente file PDF in alta risoluzione con immagini a 300 ppi (dpi). Tutti i fonts utilizzati devono essere incorporati. Eventuali link a mail, web e social devono essere sensibili.

Le trasparenze devono essere unificate. I colori devono sempre essere convertiti in CMYK. Il formato è 210x297 mm al vivo quindi con ulteriori 3 mm di margine per il taglio.


NEWSLETTER MENSILE

VIDEO SPONSORIZZATO

Inviata mensilmente ad una lista di circa 30.000 iscritti. Possono essere inseriti

contenuti a maggior impatto con banner pubblicitari. Informa su notizie più

importanti, eventi e bandi di gara del settore.

Possibilità di inserire video con anteprima e link al file precaricato su uno

dei maggiori server video (Youtube, Vimeo, etc.), titolo e piccola introduzione

(video 320 x 240 pixel, titolo, introduzione max 40 parole).

BANNER

Circa 370.000 visite annue. Aggiornamento giornaliero per una media di 1000

notizie/anno- Banner in posizioni proprietarie o condivise per pubblicità aziendale.

Pagine aziende e prodotti disponibili secondo pacchetti predefiniti.

Video sponsorizzati.

Square Sinistra / centro / destra 180 x 150 GIF 35 Kb

728 x 90 Banner bottom

180 x 150

Square

180 x 150

Square

Banner bottom Basso 728 x 90 GIF 50 Kb

SOCIAL NETWORK

Interazione con i più diffusi social network

Più informazioni?

Per maggiori informazioni per promozione pubblicitaria si prega contattatre:

Twitter - Twitter.com/archeomatica

Facebook - Facebook.com/archeomatica

+39 06 64871209

mediageo.it/pubblicita

marketing@mediageo.it

Science & Technology Communication

More magazines by this user