09.04.2024 Views

2024_01_e-Construction

- HI-TECH: Bomag - CANTIERE 4.0: Leica Geosystems; Topcon - PASSIONE CANTIERE: Piobesi Escavazioni - PERISCOPIO: Tonello Servizi / Tesmec; Blend Plants / Baudino Group; Bobcat - INTERMAT 2024: Emissioni sorvegliate speciali - ELETTRIFICAZIONE: Sicuri che sia l’unica soluzione? - IMPIANTI MOBILI: Forte attenzione ai consumi - ESCAVATORI: Ruolo strategico - PALE GOMMATE: in prima linea per il carico

- HI-TECH: Bomag
- CANTIERE 4.0: Leica Geosystems; Topcon
- PASSIONE CANTIERE: Piobesi Escavazioni
- PERISCOPIO: Tonello Servizi / Tesmec; Blend Plants / Baudino Group; Bobcat
- INTERMAT 2024: Emissioni sorvegliate speciali
- ELETTRIFICAZIONE: Sicuri che sia l’unica soluzione?
- IMPIANTI MOBILI: Forte attenzione ai consumi
- ESCAVATORI: Ruolo strategico
- PALE GOMMATE: in prima linea per il carico

SHOW MORE
SHOW LESS

You also want an ePaper? Increase the reach of your titles

YUMPU automatically turns print PDFs into web optimized ePapers that Google loves.

VADO E TORNO EDIZIONI<br />

www.vadoetorno.com<br />

ISSN 1720-3503 - Poste Italiane s.p.a. - Sped. in a. p.<br />

D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n° 46)<br />

art. 1, comma 1, LO/MI<br />

SUPPLEMENTO A TRATTORI<br />

N°1 <strong>2024</strong><br />

APRILE<br />

FOCUS<br />

ELETTRIFICAZIONE<br />

Dai mezzi realmente<br />

utilizzabili (e utili) al<br />

marketing fine a sé<br />

stesso<br />

TEST IN CAMPO<br />

Escavatore idraulico<br />

HITACHI ZX400MC-7<br />

Pala gommata<br />

WACKER NEUSON WL95<br />

INTERMAT<br />

<strong>2024</strong><br />

ESCAVATORI IDRAULICI<br />

Un’offerta sempre più<br />

ampia con l’arrivo di nuovi<br />

e qualificati attori


Aprile <strong>2024</strong><br />

SEGUICI SUI<br />

SOCIAL:<br />

e-construction.org<br />

62<br />

44<br />

74<br />

HI-TECH<br />

6. Bomag<br />

TELESCOPICI<br />

36. Non solo per andare in alto<br />

km/h<br />

8<br />

13<br />

CANTIERE 4.0<br />

8. Leica Geosystems<br />

9. Topcon<br />

PASSIONE CANTIERE<br />

10. Piobesi Escavazioni<br />

PERISCOPIO<br />

13. Tonello Servizi / Tesmec<br />

14. Blend Plants / Baudino Group<br />

15. Bobcat<br />

INTERMAT <strong>2024</strong><br />

16. Emissioni sorvegliate speciali<br />

ELETTRIFICAZIONE<br />

20. Sicuri che sia l’unica soluzione?<br />

IMPIANTI MOBILI<br />

24. Forte attenzione ai consumi<br />

ESCAVATORI<br />

28. Ruolo strategico<br />

PALE GOMMATE<br />

32. In prima linea per il carico<br />

40. Kobelco<br />

42. Indeco<br />

44. Merlo<br />

46. Manitou<br />

48. Simex<br />

50. OMS / Sumitomo / Hanta<br />

52. Mantovanibenne<br />

54. Effer<br />

TEST<br />

56. HITACHI ZX400MC-7<br />

62. WACKER NEUSON WL95<br />

CAVA-CANTIERE<br />

68. Renault / Perino Piero<br />

70. Bell Equipment<br />

COMPONENTI<br />

72. Webasto<br />

IN PUNTA BRACCIO<br />

74. Ad ognuno la propria funzione<br />

STORIA<br />

78. Hitachi<br />

SOMMARIO<br />

3


A PASSI LENTI E INCERTI<br />

Macchine ed emissioni<br />

inquinanti. Ad INTERMAT<br />

<strong>2024</strong> faremo il punto su<br />

questo delicato tema. La<br />

kermesse parigina sarà l’occasione<br />

per capire quale sarà il reale stato<br />

dell’arte, la effettiva richiesta del<br />

mercato e le concrete possibilità che<br />

si possa continuare con un processo di<br />

elettrificazione che, oggettivamente,<br />

appare alquanto difficile.<br />

La mia non è visione ideologica ma<br />

una evidente presa d’atto che si basa<br />

su un’analisi delle attuali tecnologie a<br />

disposizione. Non è affatto un caso che<br />

in queste settimane gli stessi costruttori<br />

di automobili stiano ponendo molti dubbi<br />

facendo un vigoroso retro-front rispetto<br />

alle norme europee.<br />

Queste ultime si basano invece su una<br />

visione ideologica che imponendo “emissioni<br />

zero” allo scarico vuole imporre una<br />

tecnologia unica senza però tenere conto<br />

di tutto quello che accade prima del “tubo<br />

di scarico”. Parlo quindi di un bilancio<br />

energetico complessivo del mezzo, sia<br />

esso un veicolo stradale o altro, e di una<br />

produzione di energia elettrica che ha<br />

portato a dei veri e propri paradossi.<br />

Ne è un esempio la Germania, dove la<br />

visione talebana dei Verdi ha portato la<br />

chiusura delle centrali nucleari salvo<br />

produrre energia elettrica riattivando le<br />

centrali a carbone.<br />

Non sono contrario a prescindere all’elettrificazione.<br />

Ma occorre ragionare<br />

su come questo processo possa essere<br />

attuato. Se possibile. E come si possano<br />

invece risolvere i problemi delle emissioni<br />

in atmosfera laddove le tecnologie<br />

più evolute, di cui l’Italia è come sempre<br />

capofila, forniscano soluzioni alternative,<br />

possibili e concrete.<br />

Come il caso dell’HVO, in cui il nostro<br />

Paese è all’avanguardia con i poli produttivi<br />

di Gela e Monfalcone. Ma non<br />

solo. Ragionare su un mix energetico<br />

orientando la visione alle singole attività<br />

è la strada che qualsiasi esperto di settore<br />

indica in modo chiaro.Dalla mobilità<br />

delle persone, fino alle macchine industriali.<br />

E sempre con una visione globale<br />

che permetta di intervenire anche in zone<br />

geografiche dove le necessità energetiche<br />

saranno in fortissima crescita. Paesi che,<br />

giustamente, vogliono aumentare il proprio<br />

benessere e che hanno bisogno di più<br />

energia.<br />

Costantino Radis<br />

“Un partner di cui fidarsi”<br />

- Marco - Concessionario Kobelco<br />

EDITORIALE<br />

In Kobelco crediamo nella perfezione. Sappiamo anche<br />

che può essere raggiunta solo con gli strumenti giusti<br />

per il lavoro. Ecco perché, oltre a macchinari di alta<br />

qualità, costruiamo relazioni solide e durature con i<br />

nostri concessionari. Ascoltiamo le loro esigenze e li<br />

supportiamo con competenze affidabili, reti solide e<br />

servizi professionali. Prestando attenzione ai dettagli,<br />

cresciamo insieme verso il futuro.<br />

KOBELCO CONSTRUCTION MACHINERY EUROPE B.V.<br />

www.kobelco-europe.com<br />

4


Bomag Asphalt Pro, cantiere ottimizzato<br />

PIENO<br />

CONTROLLO<br />

Bomag Asphalt Pro permette di<br />

controllare tutto il processo operativo<br />

nel cantiere di stesa. Dalla produzione<br />

del conglomerato fino alla sua definitiva<br />

compattazione. Passando per il trasporto<br />

e la stesa tenendo sempre sotto controllo<br />

ogni minimo imprevisto e consentendo<br />

di trovare soluzioni immediate per<br />

controllare la qualità di tutto il lavoro<br />

Bomag non è solo macchine.<br />

Anzi. Stiamo parlando<br />

di un costruttore che sta<br />

sviluppando in house una lunga<br />

serie di strumenti informatizzati<br />

che consentano di aumentare al<br />

massimo la produttività all’interno<br />

del cantiere stradale.<br />

Le motivazioni sono ovvie.<br />

Controlli qualitativi stringenti,<br />

tempi di esecuzione sempre più<br />

sotto controllo, marginalità che<br />

dipendono da fattori spesso fuori<br />

controllo. Per questo motivo<br />

Bomag ha sviluppato Asphalt<br />

Pro, una app dal funzionamento<br />

intuitivo che consente di tenere<br />

sotto controllo ogni singolo<br />

aspetto del cantiere stradale.<br />

Partendo dal confezionamento<br />

dei conglomerati bituminosi<br />

nell’impianto di produzione, al<br />

trasporto su<br />

strada, alla<br />

stessa, alla<br />

compattazione<br />

finale.<br />

Ogni singola<br />

operazione,<br />

compreso il<br />

controllo della<br />

temperatura<br />

del conglomerato,<br />

è tenuta<br />

sotto controllo grazie ad una<br />

precisa e continua elaborazione<br />

dei dati che permette di trovare<br />

immediate soluzioni a problemi<br />

anche banali. Come ad esempio<br />

a ingorghi del traffico o ritardi<br />

legati a problemi nell’impianto<br />

di produzione.<br />

Smart Paving<br />

Bomag Aspahlt Pro raccoglie<br />

tutti i dati ed i parametri del<br />

cantiere in tempo reale. Le<br />

macchine e gli impianti interessati<br />

nel processo sono tutti<br />

monitorati ed il software è stato<br />

pensato per mettere in rete non<br />

solo le macchine del costruttore<br />

ma qualsiasi mezzo in qualche<br />

modo coinvolto nel cantiere.<br />

In questo modo è possibile rispettare<br />

i requisiti QSBW 4.0 e<br />

QAA 4.0. Il confronto continuo<br />

tra i valori richiesti dal cantiere<br />

per rispettare i criteri impostati<br />

ed i valori effettivi registrati al<br />

momento permette di mettere di<br />

reagire rapidamente ai problemi<br />

che potrebbero presentarsi durante<br />

lo svolgimento<br />

delle<br />

operazioni. In<br />

questo modo<br />

si evita che<br />

la finitrice rimanga<br />

ferma<br />

per mancanza<br />

di materiale<br />

da stendere.<br />

Tutti i soggetti<br />

coinvolti<br />

nel cantiere, dal responsabile dei<br />

lavori fino agli autisti, sono informati<br />

immediatamente in caso<br />

di cambiamenti di programma.<br />

Documenti sempre disponibili<br />

Tra i vantaggi di Bomag<br />

Asphalt Pro vi sono anche quelli<br />

di avere una documentazione<br />

completa e trasparente. È<br />

infatti possibile leggere tutte le<br />

informazioni di stesa tramite i<br />

sensori della finitrice.<br />

Larghezza di stesa, spessore<br />

dello strato e temperatura del<br />

conglomerato sono documentati<br />

nel tempo e collegati opzionalmente<br />

anche ai dati GPS ad alta<br />

precisione. In questo modo è<br />

possibile sapere con esattezza<br />

dove e come è stato steso il<br />

conglomerato per risalire eventualmente<br />

alla causa di problemi<br />

che potrebbero verificarsi.<br />

Asphalt Pro raccoglie quindi<br />

anche le passate di compattazione<br />

con la temperatura, il valore<br />

EVIB ed i valori di frequenza e<br />

ampiezza.<br />

HA6OC-11<br />

UNICA AL MONDO<br />

2.3 m 4.5 m 6.0 m<br />

Piastra tripla a variazione idraulica continua<br />

HA6OW-11<br />

F1432W5<br />

F14CE-5<br />

Larghezza di stesa 1.4 m- 3.2m<br />

Larghezza di stesa 0.4 m- 1.8m<br />

HI-TECH<br />

6


Leica Geosystems e il digitale integrato<br />

Topcon MC-Mobile e MC-X per le compatte<br />

ALLEANZE<br />

STRATEGICHE<br />

Leica Geosystems collabora oggi con<br />

i principali costruttori di macchine<br />

movimento terra. Questo grazie a<br />

specifici accordi che vedono il marchio<br />

svizzero, proprietà di Hexagon, proporsi<br />

sul mercato con la propria tecnologia<br />

integrata su escavatori, dozer e grader<br />

direttamente dalla fabbrica per agevolare<br />

il cliente finale nel processo di impiego<br />

CANTIERE 4.0<br />

Andare incontro al cliente<br />

semplificandogli la vita. E’<br />

questo l’obiettivo fondamentale<br />

di Leica Geosystems.<br />

La società, proprietà del Gruppo<br />

Hexagon, è sempre più presente<br />

negli accordi ufficiali che prevedono<br />

l’installazione integrata,<br />

direttamente in fabbrica, dei suoi<br />

sistemi digitali.<br />

La lista dei costruttori che hanno<br />

chiuso accordi ufficiali con Leica<br />

Geosystems è infatti sempre più<br />

lunga e corposa. L’ultimo in ordine<br />

di tempo è JCB. Il costruttore<br />

inglese e l’azienda svizzera hanno<br />

infatti previsto, per gli escavatori<br />

della Serie X, lo sviluppo congiunto<br />

della tecnologia integrata<br />

2D e 3D “Intelligrade” che gli<br />

utilizzatori potranno acquistare<br />

direttamente dalla rete JCB e<br />

che arriverà<br />

già montata<br />

in modo<br />

integrato dalla<br />

fabbrica. Il<br />

sistema prevede<br />

infatti non<br />

solo il classico<br />

funzionamento<br />

come sistema<br />

2D e 3D<br />

ma anche la<br />

modalità semiautomatica machine<br />

control. Per i clienti che scegliessero<br />

il sistema 2D in prima<br />

battuta sarà sempre possibile, sia<br />

tramite la rete JCB, sia tramite la<br />

rete Leica Geosystems, implementare<br />

al sistema 3D in after<br />

market in qualsiasi momento.<br />

Collaborazioni globali<br />

Gli accordi di questo tipo messi<br />

in campo da Leica Geosystems<br />

sono numerosi. E vanno da<br />

marchi globali come Liebherr<br />

e John Deere, fino a costruttori<br />

emergenti ma di alta qualità<br />

come Hidromek o Dressta,<br />

marchio di dozer di proprietà di<br />

LiuGong.<br />

Accordi che, come nel caso<br />

di John Deere, prevedono lo<br />

sviluppo congiunto di tecnologie<br />

digitali native per le macchine<br />

movimento terra e che<br />

comprendono tutte le differenti<br />

gamme del costruttore. Quindi<br />

non solo gli escavatori idraulici<br />

con la nuova gamma self-made<br />

in arrivo, ma anche i dozer ed<br />

i grader. Nel<br />

caso delle<br />

macchine<br />

del Cervo la<br />

collaborazione<br />

prevede<br />

uno scambio<br />

di esperienze<br />

e competenze<br />

mirate alla<br />

tecnologia<br />

integrata<br />

“SmartGrade”. Una vera e propria<br />

partnership strategica per<br />

accelerare l’uso delle tecnologie<br />

digitali sulle macchine movimento<br />

terra.<br />

Verso Oriente<br />

Leica Geosystems ha chiuso importanti<br />

collaborazioni anche con<br />

Hitachi. Il costruttore giapponese<br />

prevede infatti l’installazione in<br />

fabbrica, per chi lo volesse, dei<br />

sistemi iCON 3D. Un ulteriore<br />

plus per i clienti di entrambi i<br />

brand che possono così avere la<br />

completa e ottimale integrazione<br />

fra macchina e tecnologia.<br />

Sempre con l’obiettivo verso<br />

Oriente è strategica anche<br />

l’alleanza con Dressta. L’organizzazione<br />

della rete LiuGong<br />

sempre più presente, permette di<br />

essere un outsider dai contenuti<br />

rilevanti per quanto riguarda i<br />

dozer. Il costruttore si candida<br />

infatti come valida alternativa e<br />

la tecnologia integrata di Leica<br />

Geosystems è un plus di sicuro<br />

valore.<br />

PICCOLO È<br />

BELLO<br />

Topcon MC-X combina più tecnologie<br />

di comunicazione permettendo di<br />

personalizzare le soluzioni direttamente<br />

al flusso di lavoro della singola azienda.<br />

Con l’espansione MC-Mobile per<br />

macchine compatte le piccole imprese<br />

possono operare in modo snello e<br />

conveniente<br />

MC-Mobile è il sistema dedicato<br />

in modo specifico alle piccole<br />

e medie imprese che operano<br />

prevalentemente con le macchine<br />

compatte.<br />

Spesso il problema della diffusione<br />

della digitalizzazione nelle<br />

imprese edili è legato a diversi fattori<br />

fra cui il costo di investimento<br />

e la complessità di gestione sono<br />

tra quelli preponderanti. TopCon<br />

consente, con la soluzione compatta<br />

MC-Mobile, di avere quella<br />

snellezza operativa che le piccole<br />

aziende richiedono sempre più<br />

spesso per essere competitive.<br />

Il sistema permette infatti di effettuare<br />

i rilievi dei piccoli cantieri<br />

direttamente in situ ed in modo<br />

veloce. Eseguendo<br />

poi il tracciamento<br />

digitale in tempi<br />

rapidi così che si<br />

possa lavorare<br />

immediatamente.<br />

Si tiene quindi<br />

conto anche degli<br />

eventuali problemi<br />

e cambiamenti<br />

legati a situazioni<br />

che dipendono da<br />

fattori esterni che si<br />

possono verificare<br />

Topcon Positioning Systems<br />

mette a disposizione l’opzione<br />

di sistema satellitare<br />

di navigazione globale (GNSS)<br />

per la sua soluzione compatta<br />

di controllo macchina MC-<br />

Mobile. Si tratta di una funzione<br />

che completa il portafoglio di<br />

soluzioni compatte dell’azienda<br />

e permette agli appaltatori<br />

solo direttamente in loco. Come<br />

ad esempio sottoservizi non previsti<br />

o altri elementi che emergono<br />

in corso d’opera.<br />

Un modo di lavorare snello che<br />

coniuga il controllo diretto con la<br />

digitalizzazione. Con il vantaggio<br />

innegabile che quest’ultima<br />

fornisce in merito alla restituzione<br />

finale del lavoro effettivamente<br />

eseguito e con la possibilità di<br />

avere sempre perfettamente sotto<br />

controllo i quantitativi di materiali<br />

scavati o utilizzati.<br />

Il display e tutti gli altri componenti<br />

sono infatti progettati per<br />

essere facilmente condivisi tra<br />

più macchine all’interno di flotte<br />

di proprietà o a noleggio. Questi<br />

Il digitale snello per le piccole imprese<br />

componenti inoltre, possono essere<br />

spostati dall’asta portaprisma<br />

per le operazioni di tracciamento<br />

e controllo delle quote, alla macchina<br />

e viceversa.<br />

MC-Mobile è inoltre un sistema<br />

modulare e facile da imparare e<br />

utilizzare. Utilizza quindi un’unica<br />

interfaccia per migliorare la<br />

gestione delle risorse e consentire<br />

agli operatori di svolgere lavori<br />

che in precedenza richiedevano<br />

tre diverse figure: topografi,<br />

operatori di macchine da cantiere<br />

e addetti alla verifica del livellamento.<br />

Le soluzioni MC-Mobile di<br />

TopCon sono disponibili soluzioni<br />

per numerose marche e modelli<br />

di miniescavatori, pale cingolate<br />

compatte e minipale. Di fatto<br />

sono una perfetta combinazione<br />

delle tecnologie chiave di rilievo<br />

e machine control per aumentare<br />

l’efficienza, ridurre i tempi di<br />

attesa e il fabbisogno di personale<br />

per i cantieri di piccole e medie<br />

dimensioni.<br />

MC-Mobile fornisce quindi tutto il<br />

necessario per eseguire il tracciamento<br />

e la progettazione sul campo<br />

in modo da svolgere i lavori e<br />

verificarne i risultati in ogni fase<br />

del cantiere in modo snello.<br />

di integrare facilmente le loro<br />

macchine compatte in flotte già<br />

connesse con tecnologia GNSS.<br />

Una soluzione, dunque, pensata<br />

in modo specifico per i proprietari<br />

di minipale, pale compatte<br />

cingolate e mini escavatori che<br />

vogliano operare con sistemi<br />

digitali.<br />

Murray Lodge, vicepresidente<br />

esecutivo e direttore<br />

generale di Topcon, ha<br />

spiegato che «Inizialmente<br />

abbiamo<br />

costruito MC-Mobile<br />

pensando agli appaltatori<br />

di piccole e medie<br />

dimensioni. Lavorando<br />

con un’asta prismatica<br />

e il nostro strumento<br />

robotico 3D LN-150 gli<br />

utilizzatori misurano,<br />

progettano e costruiscono<br />

il modello di scavo<br />

facilmente sul posto<br />

con un’unica soluzione<br />

3-in-1. Ora questa nuova<br />

opzione GNSS consente ai<br />

gestori delle flotte di integrare<br />

facilmente macchine compatte in<br />

flussi di lavoro molto più ampi e<br />

complessi. Sfruttando la stessa<br />

modularità macchina-macchina<br />

e facilità d’uso che ha reso MC-<br />

Mobile uno dei nostri prodotti<br />

più venduti grazie alla piattaforma<br />

MC-X».<br />

8<br />

9


Piobesi Escavazioni al lavoro lungo il Po<br />

SPECIALISTI<br />

EFFICIENTI<br />

La piemontese Piobesi Eescavazioni è una<br />

delle aziende più importanti che opera<br />

nella regione del Nord Ovest.<br />

La tecnologia digitale di Leica Geosystems<br />

applicata agli escavatori Hidromek<br />

permette di svolgere importanti lavori con<br />

la massima precisione. Come il cantiere<br />

nel Parco Naturale del Po per sistemarne il<br />

letto dopo una piena<br />

PASSIONE CANTIERE<br />

Lavorare nei grandi cantieri<br />

fluviali non è semplice e<br />

immediato. Soprattutto alla<br />

luce delle sempre più stringenti<br />

normative che prevedono<br />

progetti estremamente accurati e<br />

precisi. La Piobesi Escavazioni,<br />

una delle più grandi e strutturate<br />

aziende che operano nel Nord<br />

Ovest, si occupa di movimento<br />

terra, demolizioni e riciclo di<br />

rifiuti da costruzione e demolizione<br />

con una propria piattaforma<br />

autorizzata. L’azienda<br />

piemontese ha la propria sede a<br />

Piobesi Torinese. Una cittadina<br />

nella zona a sud del capoluogo<br />

subalpino che si protende verso<br />

la provincia di Cuneo.<br />

La compagine infatti opera<br />

fra Piemonte, Valle d’Aosta e<br />

Liguria con una forte presenza<br />

proprio fra torinese e cuneese.<br />

L’elevata specializzazione e la<br />

dotazione di un parco macchine<br />

imponente che spazia dalle<br />

piccole macchine da cantiere<br />

fino ai grandi escavatori da<br />

demolizione consente di essere<br />

presente in opere di ogni tipo.<br />

Proprio come nei lavori fluviali<br />

dove la Piobesi Escavazioni è<br />

attiva da molto tempo.<br />

Tecnologia & macchine<br />

Questo tipo di attività, estremamente<br />

specialistica, prevede<br />

infatti di operare in modo<br />

estremamente preciso per<br />

rispondere alle prescrizioni di<br />

progetto. L’attenzione da parte<br />

delle autorità di controllo non<br />

permette infatti di compiere<br />

errori. Soprattutto quando i<br />

cantieri sono all’interno di aree<br />

protette che, però, richiedono<br />

una manutenzione ed una cura<br />

continua.<br />

L’azienda ha operato recentemente<br />

in una importante<br />

sistemazione fluviale all’interno<br />

del Parco Naturale del Po fra i<br />

comuni di Carmagnola e Carignano.<br />

Siamo nella zona pianeggiante<br />

alle porte di Torino dove<br />

il grande fiume padano inizia<br />

ad avere un letto di scorrimento<br />

importante e con portate elevate.<br />

A causa di una importante piena<br />

avvenuta lo scorso anno il corso<br />

è stato deviato in modo anomalo<br />

ed era necessario riportarlo nel<br />

suo corso storico. Un cantiere<br />

che la Piobesi Escavazioni<br />

ha affrontato impiegando un<br />

escavatore idraulico Hidromek<br />

HMK390NLC H4 dal peso<br />

operativo di circa 40 tonnellate<br />

e dotato di un impianto 3D<br />

iCON di Leica Geosystems.<br />

Un approccio tecnologico che<br />

la Piobesi Escavazioni ha fatto<br />

proprio da lungo tempo con<br />

diversi impianti installati su<br />

escavatori e dozer.<br />

In questo modo è stato possibile<br />

rispettare in modo preciso<br />

le quote di progetto con un<br />

controllo continuo delle effettive<br />

sezioni scavate per la massima<br />

tranquillità degli enti di controllo<br />

e dei progettisti.<br />

PARIGI NORD<br />

VILLEPINTE - FRANCIA<br />

24-27 APR, <strong>2024</strong><br />

HALL 6, STAND 6 D127<br />

PIACENZA EXPO<br />

ITALY<br />

18-20 APR, <strong>2024</strong><br />

PAD.1 D37<br />

AFFIDABILI, PERFORMANTI, DISPONIBILI IN 14 MODELLI<br />

IL PRIMO E PIÙ EFFICIENTE SISTEMA AUTOLIVELLANTE SUL MERCATO<br />

SCARICA<br />

LA BROCHURE<br />

PL FRESATRICI<br />

STRADALI<br />

AUTOLIVELLANTI<br />

• PROFONDITÀ DI FRESATURA COSTANTE • PIANI PERFETTI CON PASSATE AFFIANCATE<br />

• REGOLAZIONE INDIPENDENTE PROFONDITÀ DESTRA-SINISTRA • SERBATOIO ACQUA INTEGRATO<br />

• DISPOSITIVO PERFORMER PER OTTIMIZZARE LE PRESTAZIONI E LA VELOCITÀ DI AVANZAMENTO<br />

GUARDA<br />

IL VIDEO<br />

+39 051 681<br />

sales@simex.it<br />

simex.it<br />

10


visita il nuovo sito<br />

www.e-construction.org<br />

ISCRIVITI ALLA<br />

NEWSLETTER<br />

SETTIMANALE<br />

GRATUITA<br />

Tesmec e Tonello Servizi<br />

TRENCHER &<br />

NOLEGGIO<br />

Le macchine specializzate come i trencher<br />

permettono di avere produzioni elevate<br />

in applicazioni spesso affrontate in modo<br />

convenzionale. Con un’efficienza che<br />

consente di aumentare la marginalità<br />

ed avere livelli produttivi molto alti. La<br />

scelta della Tonello Servizi di noleggiare<br />

i trencher di Tesmec va esattamente in<br />

questa direzione<br />

PERISCOPIO<br />

Tesmec è oggi uno dei maggiori<br />

costruttori mondiali di<br />

trencher. L’azienda bergamasca<br />

è infatti una specialista<br />

nel settore delle tecnologie delle<br />

comunicazioni, dell’energia,<br />

dell’automazione e del ferroviario.<br />

Tecnologie che richiedono<br />

una forte infrastrutturazione in<br />

cui i trencher svolgono un ruolo<br />

chiave a livello operativo.<br />

La gamma attuale comprende<br />

quindi macchine e attrezzature<br />

che coprono ogni nicchia applicativa<br />

dove le applicazioni di<br />

scavo e quelle di surface-miner<br />

vivono affiancate. La gamma<br />

Tesmec comprende quindi<br />

macchine a disco o a catenarie<br />

con pesi operativi che partono<br />

da 9 tonnellate e arrivano fino<br />

a 150 tonnellate. Stiamo quindi<br />

parlando di<br />

condizioni<br />

operative che<br />

spaziano dalle<br />

mini trincee<br />

fino a scavi di<br />

grande entità.<br />

La formula<br />

del noleggio<br />

è quindi oggi<br />

una grande<br />

opportunità<br />

che permette alle imprese di accedere<br />

a macchine estremamente<br />

specializzate in modo conveniente<br />

e con costi certi.<br />

La visione della Tonello Servizi<br />

Fra le aziende che si occupano<br />

di noleggio e distribuzione la<br />

Tonello Servizi è senza dubbio<br />

una di quelle maggiormente<br />

strutturate. Con sede a Oderzo,<br />

in provincia di Treviso, la Tonello<br />

Servizi fa parte del grande<br />

Gruppo Tonello che spazia<br />

dall’agricoltura, alle costruzioni<br />

edili fino all’impiantistica e al<br />

movimento terra.<br />

La visione lungimirante ha portato<br />

ad ingenti investimenti con<br />

una gamma di trencher a noleggio<br />

che spazia dalle piccole<br />

macchine a disco fino ai grandi<br />

mezzi a catena.<br />

Oggi l’offerta aziendale è<br />

composta da cinque macchine<br />

Tesmec. Si parte quindi dalle<br />

due compatte a disco 300 e<br />

400MCT RT1100 per arrivare<br />

ai tre modelli superiori Tesmec<br />

885, 950R e<br />

985. Le prime<br />

con pesi operativi<br />

di poco<br />

superiori alle<br />

10 tonnellate.<br />

Le ultime arrivano<br />

invece<br />

fino ai 37.000<br />

kg della 985<br />

per una potenza<br />

di 375<br />

cv. Si parla quindi di macchine<br />

importanti in grado di ottimizzare<br />

lo svolgimento dei cantieri<br />

di infrastrutturazione adattandosi<br />

a condizioni operative di ogni<br />

genere.<br />

La convenienza del noleggio<br />

Macchine non solo importanti,<br />

quindi, ma anche estremamente<br />

specializzate che richiedono, in<br />

caso di acquisto, investimenti<br />

mirati ed elevati. La possibilità<br />

di noleggiare macchine di questo<br />

tipo permette quindi di avere<br />

costi fissi e ottimizzare il proprio<br />

cantiere anche in base sia<br />

al tipo di terreno che si incontra,<br />

sia al tipo di situazione logistica<br />

e operativa.<br />

È quindi possibile, nello stesso<br />

cantiere, alternare tecniche<br />

differenti di scavo dove modalità<br />

convenzionali sono di fatto<br />

complementari all’impiego dei<br />

trencher. E dove questi ultimi<br />

possono essere a catena o a<br />

disco a seconda della profondità<br />

e della larghezza di scavo.<br />

13


BLEND PLANTS & BAUDINO GROUP<br />

I telescopici rotativi di Bobcat<br />

RECYCLING<br />

Gli impianti della Blend Plants sono ideali per operare<br />

nel campo del recycling grazie alla loro polivalenza<br />

e versatilità. Dai conglomerati cementizi ad RCK<br />

garantito fino a quelli bituminosi a freddo passando<br />

per quelli confezionati con aggregati riciclati. Ecco i<br />

perché della scelta di Baudino Group<br />

Blend Plants è oggi un<br />

riferimento a livello globale<br />

per gli impianti mobili per<br />

la produzione di conglomerati<br />

di vario tipo. I modelli del<br />

costruttore bresciano sono infatti<br />

presenti a livello globale sia in<br />

cantieri difficilmente accessibili,<br />

sia in situazione di forte urbanizzazione.<br />

La semplice trasportabilità,<br />

la elevata mobilità e la polivalenza<br />

operativa sono i punti di<br />

forza di queste macchine dall’elevato<br />

valore aggiunto. Spaziare<br />

dai conglomerati cementizi a<br />

resistenza garantita fino a quelli<br />

bituminosi a freddo permette<br />

agli impianti della Blend Plants<br />

alle imprese di operare in modo<br />

snello e rapido all’interno dei<br />

cantieri. Con il valore aggiunto<br />

che, all’occorrenza, molti modelli<br />

della gamma possono diventare<br />

anche comodi mezzi di trasporto<br />

di materiali granulari di vario<br />

genere. Materiali che rimangono<br />

divisi e possono essere scaricati<br />

con la massima precisione grazie<br />

ai nastri e alle celle di carico<br />

integrate nell’impianto.<br />

Occhio all’ambiente<br />

La flessibilità operativa degli<br />

impianti della Blend Plants<br />

permette di organizzare cantieri<br />

snelli ed efficienti utilizzando<br />

i materiali riciclati prodotti<br />

direttamente in situ. Un modo<br />

di ragionare che permette di ottimizzare<br />

l’efficienza operativa,<br />

di ridurre al minimo l’impatto<br />

ambientale legato ai trasporti<br />

e alla logistica, di sfruttare al<br />

meglio le risorse disponibili.<br />

Demolire, riciclare i materiali e<br />

riutilizzarli direttamente in loco<br />

è possibile grazie alla velocità di<br />

trasferimento e allestimento degli<br />

impianti della Blend Plants.<br />

Baudino Group<br />

ha investito in<br />

due impianti<br />

mobili Blend<br />

Plants Seventy<br />

che impiega sia<br />

nella propria<br />

sede operativa,<br />

sia nei diversi<br />

cantieri aziendali<br />

spostandoli<br />

all’occorrenza<br />

in modo molto<br />

rapido.<br />

GAMMA<br />

IN EVOLUZIONE<br />

Bobcat ha presentato i nuovi sollevatori<br />

telescopici rotativi che prendono origine<br />

dall’accordo quadro con Magni TH.<br />

Macchine da 5 a 8 tonnellate di capacità<br />

di carico con bracci fino a 39 metri di<br />

altezza massima. Comfort e prestazioni<br />

superiori i must dei nuovi modelli<br />

I<br />

sollevatori telescopici rappresentano<br />

uno dei mercati<br />

più interessanti ed in continuo<br />

sviluppo. Non è quindi<br />

un caso se Bobcat, nella sua<br />

strategia di crescita globale<br />

e sempre maggiore focalizzazione<br />

per le aziende che<br />

operano in campo edile, stia<br />

ampliamento la propria offerta<br />

in modo rapido ed efficiente.<br />

La presentazione dei nuovi<br />

modelli rotativi, frutto dell’accordo<br />

quadro con Magni TH,<br />

rientra in questa fondamentale<br />

dinamica commerciale.<br />

Comfort e prestazioni<br />

I nuovi modelli puntano su<br />

cabine rinnovate e su un incre-<br />

mento sostanziale delle prestazioni<br />

in termini di capacità di<br />

sollevamento. Parliamo quindi<br />

dei nuovi modelli che sono in<br />

grado di sollevare pesi da 5 ad<br />

8 tonnellate con altezze operative<br />

che vanno da 18 a 39<br />

metri di altezza massima. Vere<br />

e proprie efficienti e polivalenti<br />

autogrù compatte.<br />

PERISCOPIO<br />

Economia circolare<br />

Baudino Group è una delle realtà<br />

piemontesi in maggiore crescita.<br />

Le tre aziende del Gruppo sono<br />

la Baudino Trasporti, la Baudino<br />

Emilio e la Cava Belvedere. Ogni<br />

singola azienda ha una propria<br />

mission specifica con la Cava<br />

Belvedere che si occupa in modo<br />

specifico di riciclo dei rifiuti da<br />

costruzione e demolizione.<br />

Un’attività, quest’ultima, in cui<br />

le due Blend Plants Seventy<br />

entrate da poco nel parco macchine<br />

aziendale si integrano in<br />

modo ottimale con il processo di<br />

recupero dei materiali. Processo<br />

che è oggi uno dei core business<br />

aziendali anche alla luce<br />

del forte incremento dei lavori di<br />

demolizione e costruzione a cui<br />

sta assistendo il nostro paese.<br />

Ce ne parla Gabriele Baudino,<br />

terza generazione attiva<br />

nell’azienda di famiglia, e convinto<br />

sostenitore dell’economia<br />

circolare «La nostra azienda è<br />

sempre stata orientata ad una<br />

gestione efficiente dei cantieri.<br />

L’attenzione verso l’economia<br />

circolare è molto concreta e ha<br />

indirizzato tutti i nostri investimenti<br />

più recenti. Non solo gli<br />

impianti della Blend Plants ma<br />

anche il completo rinnovo di tutti<br />

gli impianti mobili per la selezione<br />

e lavorazione dei rifiuti da<br />

costruzione e demolizione. Investimenti<br />

importanti che però ci<br />

permettono di entrare in un circuito<br />

operativo virtuoso che, nel<br />

nord ovest, avrà un fortissimo<br />

impulso. Soprattutto con i grandi<br />

lavori di riqualificazione dell’Autostrada<br />

A6 Torino-Savona a cui<br />

partecipiamo attivamente. Alcuni<br />

lotti sono già in fase di esecuzione<br />

mentre altri sono in fase di<br />

partenza. Tutto il materiale verrà<br />

riutilizzato anche sotto forma di<br />

conglomerato e non impieghi<br />

non strutturali».<br />

Bobcat, i rotativi come macchine cruciali<br />

I nuovi modelli del costruttore<br />

presentano nuove cabine, accesso<br />

migliorato e più sicuro al posto<br />

guida, nuove prestazioni in termini<br />

di capacità di sollevamento.<br />

All’interno del posto guida vi è un<br />

nuovo display da 7” a 12” in grado<br />

di offrire tre diverse visualizzioni:<br />

diagramma di carico in tempo reale,<br />

diagramma di carico dinamico,<br />

vista dall’alto a 360°. Per agevolare<br />

l’accesso è ora presente un<br />

comodo pulsante sul joystick che<br />

allinea la torretta al telaio in modo<br />

automatico. L’ambiente di guida<br />

è completamente pressurizzato<br />

con filtrazione dell’aria al 100%.<br />

La visibilità, uno dei punti di forza<br />

di queste macchine, è rimasta<br />

invariata ed è stata ulteriormente<br />

migliorata con l’ausilio di<br />

nuove telecamere a 360°. Le<br />

motorizzazioni sono Volvo Penta<br />

Stage V.<br />

Bobcat sta quindi concentrando<br />

la propria attenzione non solo sui<br />

prodotti che identificano da sempre<br />

il proprio core business ma anche<br />

sui sollevatori telescopici.<br />

La presenza del marchio con i<br />

propri modelli fissi, a cui si sono<br />

affiancati i rotativi “made by Magni<br />

TH”, è infatti caratterizzata da<br />

contenuti di rilievo che nulla hanno<br />

da invidiare ai consolidati costruttori<br />

storici di queste macchine.<br />

Si tratta infatti di un mercato in<br />

crescita dove alla continua richiesta<br />

dei mercati “maturi” si affacciano<br />

nuovi mercati in cui queste<br />

macchine sono poco presenti.<br />

Per quanto riguarda i rotativi<br />

in modo particolare, i dati di<br />

vendita vedono una costante<br />

ascesa in tutto il mondo. Nel<br />

2023 sono state infatti vendute<br />

più di 4.500 macchine. Il settore<br />

è principalmente concentrato<br />

in Europa (85%), dove Italia,<br />

Germania, Francia e Benelux<br />

rappresentano il 76% del mercato.<br />

Il Nord America rappresenta il 10%<br />

del mercato mondiale, mentre il<br />

restante 5% è distribuito nel resto<br />

del mondo.<br />

14<br />

15


INTERMAT <strong>2024</strong>. Obiettivo emissioni<br />

EMISSIONI<br />

SORVEGLIATE<br />

SPECIALI<br />

Non è un caso se INTERMAT <strong>2024</strong> focalizza<br />

la propria attenzione sulla riduzione delle<br />

emissioni e sull’elettrificazione delle<br />

macchine da cantiere. La capitale francese<br />

è infatti la prima in Europa ad aver vietato<br />

l’accesso ai veicoli diesel dal 1 gennaio<br />

<strong>2024</strong>. Salvo poi rimandare il divieto a data<br />

sconosciuta. Un percorso in evoluzione,<br />

quindi, in cui si cercano soluzioni concrete<br />

INTERMAT <strong>2024</strong><br />

Intermat <strong>2024</strong> punterà il proprio obiettivo sulla decarbonizzazione.<br />

Tematica da far tremare i polsi e<br />

che coinvolge anche il mondo delle macchine da<br />

costruzione. Sarà sicuramente interessante vedere<br />

da vicino le soluzioni che i costruttori hanno pensato<br />

per andare incontro agli obiettivi imposti dal<br />

quadro normativo europeo.<br />

In realtà si sta dando molta enfasi a questi aspetti<br />

che coinvolgono soprattutto i Paesi del nord Europa.<br />

Paesi che prevedono forti incentivazioni fiscali<br />

per coloro che acquistano macchine da costruzione<br />

elettrificate per ottenere zero emissioni allo scarico.<br />

Essere a Parigi ha sicuramente un significato che<br />

aggiunge contenuti oltre a quelli puramente simbolici.<br />

La capitale francese ha infatti imposto fortissime<br />

limitazioni ai veicoli con motorizzazioni<br />

a combustione interna con un divieto assoluto di<br />

accesso a tutti i veicoli con motore diesel a partire<br />

dal 1 gennaio <strong>2024</strong>. Salvo poi rimandare il divieto<br />

a data sconosciuta. In parole povere, non si ha ancora<br />

una soluzione concreta. Anzi, le soluzioni ci<br />

sarebbero. Basterebbe non affrontare il problema<br />

in modo ideologico ma scientifico.<br />

Si rincorre l’elettrificazione<br />

La parola d’ordine è sicuramente elettrificazione.<br />

Tutti i costruttori si sono in qualche modo concentrati<br />

su queste tecnologie proponendo macchine che<br />

derivano dai modelli standard. Si tratta di percorsi<br />

di studio dove motorizzazioni a carburanti alternativi<br />

possono fare la loro parte in modo positivo.<br />

L’elettrificazione è oggi vista più come un argomento<br />

di marketing che non come la soluzione<br />

effettiva ad un problema operativo di riduzione<br />

delle emissioni. Gli obiettivi ambiziosi del settore<br />

costruzioni di ridurre le emissioni di carbonio<br />

del 40% da qui al 2030 sono sicuramente uno<br />

stimolo fondamentale per i costruttori e per le<br />

imprese che utilizzano ogni giorno le macchine<br />

da cantiere. Ma occorre capire in che contesto<br />

si andrà ad operare e in che modo raggiungere<br />

questi obiettivi. La kermesse di Parigi potrà sicuramente<br />

fornire spunti interessanti per capire<br />

quale direzione poter prendere.<br />

Il ruolo dei costruttori<br />

Dal punto di vista tecnologico ogni costruttore sta<br />

cercando di proporre soluzioni che possano portare<br />

ad un risultato concreto. Soprattutto tenendo bene a<br />

mente l’ambito operativo e l’effettivo impatto delle<br />

proprie macchine. Non è infatti un caso se alcuni<br />

grandi brand non hanno ancora proposto soluzioni<br />

elettrificate a fronte di macchine che, già nella realtà<br />

quotidiana, hanno un basso impatto in termini<br />

di emissioni. Ci sono infatti aziende che già oggi<br />

sono fortemente impegnate sul mercato con mezzi<br />

convenzionali che, alla luce dei motori di ultima<br />

generazione (molti anche funzionanti ad HVO) e<br />

del funzionamento particolarmente efficiente, hanno<br />

consumi ed emissioni ridottissime.<br />

Sarà interessante capire chi, alla luce della propria<br />

capacità di trasmettere i reali valori delle proprie<br />

macchine, riuscirà a spiegare al mercato soluzioni<br />

concrete, affidabili, meno impattanti e soprattutto<br />

fattibili. Il percorso che va verso l’effettiva transione<br />

ecologica comincia infatti da oggi. Con soluzioni<br />

concrete e utilizzabili, alla portata delle imprese,<br />

che risolvano problematiche effettive e che facciano<br />

risparmiare. Questa è la via maestra.<br />

I piccoli cantieri stradali urbani<br />

Analizzando il comparto in ottica evolutiva le attrezzature<br />

ed i cantieri stradali urbani di piccola dimensione<br />

sono quelli che hanno avuto il maggiore<br />

progresso in termini tecnologici per quanto riguarda<br />

l’abbattimento delle emissioni.<br />

Di fatto si tratta di tutti quei cantieri legati soprattutto<br />

alle manutenzioni che, effettivamente, arrecano<br />

il maggior disturbo alle persone e che, per loro<br />

natura, provocano i maggiori disagi anche a fronte<br />

delle emissioni. Non fosse altro per la presenza,<br />

spesso, di conglomerati bituminosi che per loro<br />

natura emettono calore e forti odori.<br />

Ad Intermat si farà il punto in modo specifico<br />

su questi aspetti con molti costruttori che si presentano<br />

con macchine compatte che prevedono<br />

Develon, a<br />

sinistra, arriverà<br />

ad Intermat con<br />

il miniescavatore<br />

elettrificato DX20ZE<br />

per lavori in<br />

ambienti chiusi ed<br />

in ambito urbano.<br />

La macchina è<br />

in gamma come<br />

modello di serie<br />

e si presenta<br />

come interessante<br />

soluzione sia per<br />

il noleggio, sia per<br />

le imprese che<br />

operano dove sono<br />

richieste emissioni<br />

locali pari a zero.<br />

Hitachi, sotto,<br />

propone la<br />

propria gamma di<br />

mezzi elettrificati<br />

sviluppati con<br />

KTEG ed in<br />

collaborazione con<br />

e-Deutz per quanto<br />

riguarda i sistemi<br />

di alimentazione<br />

e ricarica delle<br />

batterie.<br />

16<br />

17


Fra le tecnologie realmente a basso impatto ambientale<br />

la ART1000 di Simex, sopra, è oggi quella che, a livello<br />

di manutenzioni stradali, permette di ridurre in modo<br />

drastico non solo l’uso delle macchine ma anche<br />

l’impiego di conglomerati bituminosi grazie al riciclaggio<br />

in situ del materiale esistente con additivi biologici.<br />

Sunward, a fianco, arriva ad Intermat con un’offerta<br />

ampia di escavatori idraulici elettrificati.<br />

l’alimentazione a batteria o con sistemi che intervengono<br />

in modo diretto nel ciclo operativo.<br />

Quest’ultimo aspetto comprende non solo le macchine,<br />

ovviamente, ma anche i materiali ed i processi<br />

innovativi per ridurre al minimo l’impatto<br />

ambientale.<br />

INTERMAT <strong>2024</strong><br />

Attrezzature e tecnologie<br />

Processi e tecnologie sono infatti in prima linea per<br />

l’abbattimento delle emissioni. Da questo punto di<br />

vista è quindi fondamentale l’apporto che la tecnologia<br />

è in grado di offrire all’interno dei cantieri.<br />

Ad esempio, fra le innovazioni più interessanti da<br />

questo punto di vista vi è sicuramente la ART1000<br />

di Simex che, grazie al riciclaggio in situ di piccole<br />

superfici di pavimentazioni stradali, permette di<br />

ridurre in modo consistente l’uso delle macchine<br />

abbattendo le emissioni. Usando poi additivi biologici<br />

si ha anche un ulteriore vantaggio in termini<br />

ambientali.<br />

Il ruolo delle attrezzature e delle tecnologie, anche<br />

digitali, è quindi primario in questo fondamentale<br />

processo di ottimizzazione delle risorse.<br />

Risparmiare tempo, ridurre i cicli operativi, utilizzare<br />

meno macchine in cantiere riduce inevitabilmente<br />

le emissioni.<br />

Il tema fondamentale sarà quindi come riuscire a<br />

spiegare questi aspetti a tutti agli addett ai lavori e<br />

soprattutto come quantificare, in termini economici,<br />

questi evidenti elementi competitivi. Quantificazione<br />

che è fondamentale per capire se la direzione<br />

intrapresa è quella corretta. Sarà quindi interessante<br />

capire se Intermat riuscirà ad essere un reale megafono<br />

da questo punto di vista.<br />

Cosa che ad esempio Samoter ha saputo essere sotto<br />

molti punti di vista. Sia da quello che riguarda le<br />

tecnologie digitali, sia da quello che coinvolge l’economia<br />

di sistema basata sull’efficienza comples-<br />

siva del cantiere che si appoggia alle più evolute<br />

tecnologie di settore.<br />

Una finestra sul nord Europa<br />

Intermat sarà sicuramente una finestra sul Nord<br />

Europa mostrando le tendenze di un mercato che,<br />

grazie a politiche di forti aiuti fiscali, sembra voler<br />

intraprendere l’unica strada dell’elettrificazione<br />

come soluzione alla riduzione delle emissioni.<br />

Strada che non è tecnologicamente neutrale e che<br />

nasconde diverse insidie.<br />

La fiera di Parigi cade oltretutto in un periodo storico<br />

complesso dove, a fronte di queste dinamiche<br />

ideologiche, ci sarà la chiara verifica di inizio estate<br />

con le elezioni europee dove la realtà dovrà fare i<br />

conti con la fantasia. Ci sono già evidenti segni di<br />

scricchiolamento delle attuali norme che, come tutti<br />

ben sanno, non sono fisse e ineludibili. Basti vedere<br />

cosa è successo proprio a Parigi che, dopo aver<br />

annunciato circa una decina di anni fa l’obiettivo<br />

di chiudere completamente la città ai motori diesel,<br />

ha ora rimandato la decisione a data da destinarsi.<br />

L’ora X non è quindi nemmeno stata spostata in<br />

avanti come già successo per altre limitazioni ma<br />

si è preferito non parlarne proprio.<br />

Questo a causa delle evidenti difficoltà tecnologiche<br />

legate ad una visione che non ha tenuto conto delle<br />

effettive tecnologie alternative a disposizione.<br />

Di fatto si preferisce stare alla finestra a guardare.<br />

Una visione attendista che in realtà frena il reale<br />

progresso in termini di abbattimento delle emissioni<br />

pensando ad un’unica soluzione possibile.<br />

Una visione maggiormente organica, che tenga conto<br />

di ogni minimo aspetto, sarebbe invece auspicabile<br />

da tutti i punti di vista. Sia per gli addetti ai<br />

lavori, sia per l’ambiente e per una chiara soluzione<br />

delle problematiche che sono evidenti e sotto gli<br />

occhi di tutti.<br />

18<br />

19


FOCUS. Luci e ombre dell’elettrico<br />

SICURI CHE<br />

SIA L’UNICA<br />

SOLUZIONE?<br />

Se nelle macchine compatte è una delle possibili,<br />

concrete e attuabili alternative, l’elettrificazione<br />

non si prospetta come una strada oggettivamente<br />

percorribile su quelle di grandi dimensioni. A<br />

meno di applicazioni speciali. Anche a fronte di un<br />

ipotetico salto in avanti tecnologico delle batterie.<br />

Una scelta spesso mistificatoria a fronte di strategie<br />

di marketing dove il “green washing” conta più della<br />

sostanza e della neutralità tecnologica<br />

ELETTRIFICAZIONE<br />

Elettrico. Sembra essere la parola d’ordine e chi<br />

non segue questo mantra è considerato out.<br />

A prescindere dal fatto che sarebbe corretto<br />

parlare di elettrificazione e non di elettrico, qual<br />

è l’attuale situazione del mercato? Come possono<br />

eventualmente orientarsi le imprese che intendono<br />

lavorare con macchine ad emissioni locali zero?<br />

Occorre fare una chiara distinzione e capire esattamente<br />

quali sono le applicazioni, cosa si deve fare<br />

e dove si deve lavorare. Anche perché ci sono costruttori,<br />

come ad esempio Wacker Neuson, che da<br />

oltre dieci anni propongono macchine compatte e<br />

attrezzature ad azionamento elettrico con un ottimo<br />

riscontro del mercato. Questo grazie a tecnologie<br />

collaudate e ad una graduale e progressiva introduzione<br />

sul mercato senza mai rinunciare alle attrezzature<br />

e alle macchine convenzionali ma guidando<br />

il cliente attraverso scelte che sono poi diventate<br />

naturali. E anche con costi di investimento sostenibili<br />

da parte degli utilizzatori finali.<br />

Oltre l’ideologia<br />

Che l’obiettivo di ridurre le emissioni sia prioritario<br />

è evidente e sotto gli occhi di tutti. Ma che questo<br />

debba essere fatto con una visione non ideologica<br />

è altrettanto vero. L’approccio in modo tecnologicamente<br />

non neutro comporta infatti evidenti difficoltà<br />

che, nei fatti, trascinano in avanti l’obiettivo<br />

finale portando ad un rallentamento del processo<br />

quando, invece, si potrebbero ottenere buoni risultati<br />

fin da subito andando a migliorare una situzione<br />

oggettivamente critica. Alcuni costruttori, stanno<br />

percorrendo questa strada in modo analitico anche<br />

utilizzando tecnologie che potrebbero sembrare<br />

meno evolute ma che, nella realtà, sono alla portata<br />

delle aziende e ampiamente collaudate.<br />

Oltre a Wacker Neuson, per esempio, Merlo si è<br />

affacciata al mercato dei telescopici compatti con<br />

una macchina completamente nuova che sfrutta la<br />

tecnologia, conosciuta e impiegata da decenni, delle<br />

batterie al piombo. Un tipo di approccio che ha consentito<br />

di impiegare batterie che provengono ormai<br />

al 90% dal mercato del riciclo e che hanno un im-<br />

patto ambientale molto basso. Grazie al dispositivo<br />

di aggancio e sgancio rapido è possibile sostituirle<br />

in meno di cinque minuti garantendo cicli operativi<br />

molto lunghi.<br />

Si tratta di un approccio costruttivo che non solo ha<br />

aperto le porte di un nuovo mercato ma ha anche<br />

fatto capire ai propri clienti il potenziale operativo<br />

di un prodotto nuovo.<br />

La parola al mercato<br />

È poi comprensibile che le strategie di alcuni costruttori<br />

vogliano dare un segnale al mercato. Ma<br />

laddove la visione nega l’evidenza fisica sarà il<br />

mercato stesso ad emettere le proprie sentenze. Dichiarare<br />

tempi di durata della carica delle batterie<br />

che non siano compatibili con i dati stessi della<br />

macchina, infatti, non è sicuramente una strategia<br />

lungimirante. Volvo sta puntando molto sulle<br />

proprie macchine elettrificate con una visione che,<br />

però, appare spesso più entusiastica che realistica.<br />

Dimenticando, nel comunicare i propri dati di durata<br />

della ricarica delle batterie, che la fisica non è<br />

un’opinione e che i numeri non mentono.<br />

Se nelle macchine compatte la gestione della ricarica<br />

è però gestibile, nel bene e nel male, negli<br />

ordinari cantieri, sulle grandi macchine questo passaggio<br />

non è affatto automatico.<br />

L’EC230 Electric, a fronte di una capacità della<br />

batteria di 264 kWh per una potenza installata di<br />

picco di 160 kW e in continuo di 105 kW, difficile<br />

che riesca a mantenere un’autonomia di 4 o 5 ore (a<br />

seconda dell’impiego) come dichiarato dal costruttore.<br />

Così come risulta difficile, a patto di non avere<br />

in cantiere un carica batterie da oltre 132 kWh, che<br />

in un paio d’ore si possa effettuare la ricarica. Vero<br />

è che Volvo fornisce in opzione un caricabatterie<br />

rapido da 150 kW con interfaccia CCS2 in grado<br />

di caricare la batteria in circa 90 minuti, ma occorre,<br />

cosa non da poco, avere un’allacciamento al<br />

cantiere che sia in grado di alimentare un flusso di<br />

questo tipo. Un cantiere medio ordinario oggi ha<br />

tendenzialmente un fabbisogno di circa 30/40 kW.<br />

Stiamo parlando quindi di grandezze superiori di<br />

A sinistra, VOLVO<br />

CE sta puntando<br />

sulle macchine<br />

elettrificate con la<br />

volontà di essere<br />

presente nel<br />

compatto solo con<br />

veicoli elettrici. Fra<br />

le grandi macchine<br />

è presente<br />

l’escavatore EC230<br />

Electric dove<br />

il costruttore<br />

dichiara numeri<br />

di durata e tempi<br />

di ricarica che<br />

sono difficilmente<br />

compatibili sia con<br />

le leggi fisiche,<br />

sia con la realtà<br />

operativa dei<br />

cantieri ordinari.<br />

In basso, Wacker<br />

Neuson ha iniziato<br />

il proprio percorso<br />

di elettrificazione<br />

di attrezzature e<br />

macchine compatte<br />

nel lontano 2<strong>01</strong>3<br />

con una gestione<br />

modulare e<br />

comoda. Ad oggi<br />

è il costruttore<br />

che propone le<br />

tecnologie più<br />

collaudate del<br />

mercato con la<br />

terza generazione<br />

del miniescavatore<br />

EZ17e e della pala<br />

compatta WL20e<br />

con gestione del<br />

tutto comparabile a<br />

quella dei modelli<br />

ordinari.<br />

20<br />

21


Liugong, in alto, è uno dei costruttori che si presenta al mercato<br />

con una gamma di macchine elettrificate che comprende tipologie<br />

di ogni genere. Fra queste anche la pala gommata 856HE con<br />

alcuni esemplari operativi a Londra nell’alimentazione di un<br />

impianto di calcestruzzo cittadino. Un’applicazione che richiede<br />

un uso leggero e sporadico della macchina ed è compatibile con<br />

la durata della carica delle batterie. Merlo, a destra, è presente<br />

con il suo e-Worker con una tecnologia collaudata e pienamente<br />

compatibile con l’impiego di una macchina di questo tipo e di<br />

queste dimensioni in magazzini edili o piccoli cantieri.<br />

ELETTRIFICAZIONE<br />

circa sei volte e che sarebbero necessarie solo per<br />

poter garantire l’uso di un escavatore per i pochi<br />

giorni necessari per le opere di demolizione o movimento<br />

terra.<br />

Oltre l’esercizio di stile<br />

Occorre quindi andare oltre l’esercizio di stile e<br />

le strategie di marketing dove il “green washing”<br />

è più uno slogan che non una visione sostanziale<br />

indirizzata al cliente e alla soluzione di specifiche<br />

problematiche operative.<br />

Di fatto il mercato è divisibile in due grandi categorie<br />

dove il compatto viaggia su un binario a parte e<br />

dove l’elettrificazione può avere un senso se si basa<br />

su tecnologie “amiche” dove affidabilità, semplicità<br />

di impiego e costi di investimento accettabili sono<br />

i tre elementi di base.<br />

Le grandi macchine sono invece oggi difficilmente<br />

adattabili, se non in casi estremamente specifici,<br />

alle esigenze delle imprese comuni.<br />

LiuGong, ad esempio, è presente con una gamma<br />

elettrificata che prevede anche pale gommate di<br />

media dimensione come la 856HE da 21 tonnellate<br />

di peso operativo per una capacità benna di<br />

3,5 metri cubi. Alcuni esemplari sono operativi in<br />

un impianto di calcestruzzo di Londra in una tipica<br />

applicazione che, come risaputo, richiede un uso<br />

sporadico nel corso della giornata e quindi in linea<br />

con l’autonomia della batteria in base alla dimensione<br />

della macchina.<br />

Si tratta però di applicazioni molto specifiche dove<br />

anche le grandi macchine possono, con determinate<br />

condizioni al contorno, soddisfare i requisiti operativi<br />

richiesti. La stessa Holcim ha appena acquistato<br />

600 macchine elettrificate dalla stessa LiuGong per<br />

l’impiego nei propri stabilimenti produttivi.<br />

Una tecnologia che può avere un futuro?<br />

L’elettrificazione ha sicuramente un futuro nel<br />

mercato delle macchine movimento terra. Tutti i<br />

costruttori, soprattutto nelle macchine compatte, si<br />

stanno infatti impegnando con soluzioni già oggi<br />

operative o con dei concept molto interessanti dove<br />

si intravedono possibili scenari operativi. Come nel<br />

caso di Hitachi che, con la joint-venture EAC insieme<br />

a KTEG, propone sul mercato un mini escavatore<br />

elettrificato da 5,5 tonnellate a sua volta integrato<br />

da modelli che arrivano fino alla classe delle 15<br />

tonnellate.<br />

Bobcat ha presentato il suo Concept completamente<br />

elettrico T7X. Parliamo di elettrico e non di elettrificato<br />

perché non è una macchina idraulica azionata<br />

da un motore elettrico ma un track-loader dove<br />

tutti i movimenti sono azionati da degli attuatori<br />

elettrici. Una vera e propria nuova frontiera che<br />

potrà avere, grazie alla superiore efficienza, sviluppi<br />

interessanti. A patto che gli attuatori, grazie ad<br />

una produzione di serie con grandi numeri, possano<br />

arrivare ad un costo di costruzione accettabile. Per<br />

il modello T7X si parla oggi di circa 25.000 dollari<br />

per attuatore della Moog raggiungendo quindi il<br />

costo di circa 100.000 dollari (a Bobcat) per la sola<br />

movimentazione del braccio.<br />

Siamo ancora lontani da un impiego diffuso delle<br />

macchine movimento terra elettrificate e fintanto<br />

che non vi sarà una visione di mix tecnologico questo<br />

obiettivo si allontanerà di volta in volta.<br />

A fronte di questo potrebbe invece essere molto<br />

proficuo l’impiego di macchine con tecnologie miste,<br />

come vediamo da tempo su molto grandi macchine<br />

da miniera o su molti impianti mobili di frantumazione<br />

e vagliatura, dove motori a basso impatto<br />

ambientale ad HVO (faccio un esempio) alimentino<br />

motori elettrici che azionano impianti idraulici e<br />

powertrain. Il tutto con dei consumi molto bassi,<br />

emissioni molto basse ed un’efficienza decisamente<br />

più alta. Vedremo.<br />

E l’idrogeno?<br />

I motori ad idrogeno rappresentano oggi un’altra<br />

strategia di marketing che non un’applicazione concreta.<br />

Da un lato i motori a ciclo Diesel ben si prestano<br />

ad operare con questo carburante. Dall’altra<br />

il fabbisogno energetico per ottenere la molecola ha<br />

un bilancio negativo. Oltretutto la corretta gestione<br />

per il rifornimento è particolarmente complessa e<br />

non rappresenta una valida alternativa nemmeno<br />

per l’alimentazione delle celle a combustibile la<br />

cui efficienza, invece, supera il 95%. Stiamo alla<br />

finestra ad aspettare. Intanto una mossa concreta<br />

potrebbe essere semplicemente quella di sostituire<br />

tutti i mezzi più obsoleti.<br />

22<br />

23


IMPIANTI MOBILI. Riciciclare con efficienza<br />

FORTE<br />

ATTENZIONE<br />

AI CONSUMI<br />

Da macchine “grossolane” che non guardavano troppo<br />

per il sottile a impianti con un’altissima tecnologia che<br />

mira ad aumentare l’efficienza. Gli impianti mobili di<br />

frantumazione e vagliatura sono oggi completamente<br />

differenti rispetto a pochi anni fa. Con i costruttori che<br />

pongono grande attenzione ai consumi, alla produttività<br />

e alle soluzioni di gestione integrata<br />

IMPIANTI MOBILI<br />

Chi lavora in modo professionale nel campo del<br />

riciclaggio sa molto bene come l’impianto di<br />

frantumazione e vagliatura sia fondamentale<br />

per riuscire ad ottenere risultati che siano in linea<br />

non solo con le aspettative aziendali ma anche con<br />

i capitolati e le normative. Aspetti produttivi fondamentali<br />

che, nella estrema complessità operativa del<br />

vecchio continente, fanno la differenza.<br />

Ottimizzare i flussi, ridurre i consumi e aumentare<br />

la produttività sono sempre stati gli obiettivi<br />

principali scaturiti dalle esplicite richieste del mercato.<br />

Un percorso che tutti i principali costruttori<br />

stanno seguendo e che sta portando ottimi risultati<br />

dal punto di vista dell’efficienza aziendale. Con<br />

l’alimentazione elettrica che, finalmente, sta prendendo<br />

sempre più piede. Esattamente come succede<br />

negli impianti fissi di lavorazione degli inerti.<br />

MCCLOSKEY<br />

Il costruttore canadese, nato nel 1985, ha profonde<br />

radici anche in Europa grazie alla sede di Tyrone,<br />

in Irlanda del Nord. La gamma è composta da impianti<br />

mobili per la selezione, la frantumazione, il<br />

lavaggio e lo stoccaggio dei materiali inerti. Macchine<br />

che spaziano dai vagli sgrossatori e arrivano<br />

fino ai grandi frantoio ad urto con vagli integrati.<br />

Si tratta di macchine pensate sia per operare<br />

nelle grandi cave, sia per essere facilmente trasportate<br />

e utilizzate nei complessi cantieri urbani.<br />

Come nel caso del vaglio sgrossatore R70 che,<br />

forte di un peso operativo di 15,4 tonnellate e di<br />

dimensioni di trasporto molto compatte, consente<br />

di ottenere tre diverse categorie di materiali con<br />

produzioni importanti. Questo grazie all’High<br />

Energy Screenbox e all’alimentatore da 1.200 mm<br />

di larghezza. La sgrossatura con i finger metallici<br />

permette di lavorare anche con materiali difficili<br />

e umidi. Si tratta di una macchina estremamente<br />

agile che si rivolge al mercato crescente dei cantieri<br />

urbani di medie dimensioni grazie anche al<br />

breve tempo necessario per essere operativi. In<br />

meno di dieci minuti la macchina è infatti pronta<br />

per essere operativa grazie alle regolazioni completamente<br />

idrauliche di ogni elemento. La gamma<br />

McCloskey comprende ovviamente anche i<br />

classici frantoi a mascelle che, oggi, sono anche<br />

disponibili con tecnologia di alimentazione diesel/<br />

elettrica. Le opzioni disponibili, fra cui anche il<br />

lavaggio del materiale, permettono di ottenere aggregati<br />

riciclati di alta qualità abbinando fra loro<br />

impianti complementari per cicli completi di fran-<br />

tumazione e vagliatura.<br />

KLEEMAN<br />

Il marchio del Gruppo Wirtgen, di proprietà John<br />

Deere, punta da sempre al massimo contenimento<br />

dei consumi. La gamma di impianti mobili del<br />

marchio permette infatti di selezionare e frantumare<br />

materiali di vario tipo con diverse macchine<br />

funzionanti da tempo con tecnologia ibrida diesel/<br />

elettrico. Kleeman fa leva sui diversi tipi di azionamento<br />

offrendo una specifica consulenza sul tipo<br />

di applicazione, sul contesto applicativo e sulle effettive<br />

esigenze operative dell’utilizzatore finale.<br />

L’offerta si articola su frantoi a mascelle, frantoi a<br />

cono, frantoi ad urto e impianti di selezione con vagli<br />

sgrossatori e classici frantoi mobili per materiali<br />

già frantumati o materiali inerti naturali ghiaiosi.<br />

La tecnologia a funzionamento diesel/elettrico<br />

è disponibile in opzione e permette di operare solo<br />

con il motore endotermico che aziona la macchina<br />

idraulicamente oppure con alimentazione elettrica<br />

esterna e con il funzionamento delle funzioni con<br />

motori elettrici che azionano il movimento dei singoli<br />

componenti. Ad esempio nel vagli sgrossatore<br />

MSS 802 EVO il funzionamento dell’alimentatore,<br />

del vaglio e dei nastri può essere con motori elettrici<br />

o con motori idraulici a seconda del cantiere e<br />

del tipo di alimentazione e vincoli esterni.<br />

FABO<br />

Il costruttore turco ha la propria sede a Smirne con<br />

diversi stabilimenti cresciuti e ampliati nel tempo<br />

fino ad avere, attualmente, una superficie produttiva<br />

di 85.000 mq. FABO è uno dei costruttori più<br />

interessanti del mercato perché propone non solo<br />

impianti mobili ma anche impianti fissi e impianti<br />

per la produzione del calcestruzzo. Un’esperienza<br />

maturata in 21 anni di attività e che vede oggi proporre<br />

una gamma di oltre 245 diversi prodotti.<br />

Entrando nello specifico degli impianti mobili<br />

di frantumazione e vagliatura, tutte le macchine<br />

presenti in gamma dispongono solo di tecnologia<br />

Hybrid diesel/elettrico con alimentazione tramite<br />

gruppo elettrogeno di bordo o rete esterna a seconda<br />

MCCLOSKEY, in alto,<br />

è un costruttore<br />

canadese con<br />

una gamma<br />

estremamente<br />

ampia che spazia<br />

dalla sgrossatura<br />

alla frantumazione<br />

di altissima qualità<br />

con i frantoi rotativi<br />

e a cono. Passando<br />

ovviamente per la<br />

classica selezione<br />

multiclasse e la<br />

frantumazione con<br />

le mascelle. Fra<br />

le opzioni anche<br />

l’alimentazione<br />

ibrida e le<br />

macchine per la<br />

selezione dei rifiuti.<br />

KLEEMAN, in<br />

basso, è presente<br />

con vagli e<br />

frantoi mobili con<br />

tecnologie di vario<br />

tipo. La Linea<br />

PRO funziona ad<br />

alimentazione ibrida<br />

diesel/elettrico<br />

o solo elettrico.<br />

Non tutti i modelli<br />

sono disponibili<br />

con questo tipo di<br />

alimentazione.<br />

24<br />

25


FABO, in alto e a<br />

destra, è un costruttore<br />

turco che si è<br />

affacciato al mercato<br />

europeo grazie all’elevato<br />

livello qualitativo.<br />

Tutte le macchine<br />

utilizzano la tecnologia<br />

Hybrid diesel/elettrico<br />

permettendo un’elevata<br />

economia di funzionamento.<br />

KEESTRACK, in<br />

alto a destra, è uno dei<br />

riferimenti del mercato<br />

con macchine dalla<br />

tecnologia consolidata<br />

e con alimentazione<br />

diesel e ibrida in arrivo.<br />

POWERSCREEN, sotto, è<br />

un marchio di riferimento<br />

con una gamma<br />

ampia e articolata.<br />

delle specifiche necessità operative. FABO unisce<br />

quindi un’impostazione delle carpenterie pensate<br />

per operare nel difficile contesto casalingo ad un’economia<br />

di esercizio che ha una visione costante<br />

verso la riduzione massima dei consumi. La gamma<br />

comprende vagli sgrossatori, vagli convenzionali,<br />

frantoi a mascelle e ad urto. Il costruttore si sta affacciando<br />

con grande interesse al mercato europeo<br />

forte proprio di una tecnologia e di una visione qualitativa<br />

che gli permettono di essere competitivo nei<br />

confronti delle esigenze di un mercato fortemente<br />

restrittivo in termini di emissioni e di consumi. Per<br />

andare incontro ai mercati specifici, le power-unit<br />

che equipaggiano i singoli modelli possono essere<br />

motorizzate con propulsori FPT, Scania, Volvo Penta,<br />

Deutz o Caterpillar consentendo al cliente finale<br />

di rivolgersi al costruttore preferito anche in base<br />

alla rete assistenziale. La gamma si sta ampliando<br />

ora verso il basso con nuovi modelli che guardano<br />

con interesse al mercato urbano europeo.<br />

IMPIANTI MOBILI<br />

KEESTRACK<br />

Il Gruppo belga ha una forte storicità nel campo<br />

della vagliatura e, dopo l’acquisizione della OM<br />

di Ponzano Veneto, ha rafforzato in modo determinante<br />

la propria presenza nella frantumazione senza<br />

abbandonare i suoi punti di forza nella selezione dei<br />

materiali difficili tipici delle bonifiche. La gamma<br />

è una delle più complete del mercato ed il completo<br />

aggiornamento delle linee di prodotto ha portato<br />

l’arrivo della tecnologia ibrida tramite power-unit<br />

di bordo che possono, all’occorrenza, operare anche<br />

lontano dall’impianto al riparo da polvere e<br />

sollecitazioni contribuendo anche a fornire energia<br />

elettrica per più impianti.<br />

POWERSCREEN<br />

Il marchio di Tyrone, nell’Irlanda del Nord, è nato<br />

nel 1966 ed è uno dei più consolidati a livello globale.<br />

Si tratta infatti di un costruttore, facente parte<br />

del Gruppo Terex, presente a livello mondiale e che<br />

offre oggi una delle gamme più ampie e complete a<br />

livello dimensionale, applicativo e di tecnologie<br />

di alimentazione. I suoi impianti<br />

trovano applicazione nel comparto estrattivo<br />

e del riciclo. Settore, quest’ultimo,<br />

che è particolarmente sentito anche con la<br />

presenza di una gamma di vagli sgrossatori<br />

ad alto valore aggiunto come la gamma<br />

Warrior e Powertrack che uniscono elevate<br />

prestazioni produttive con modelli dalle<br />

dimensioni e dal peso operativo estremamente<br />

contenuti. Alla base dell’offerta vi<br />

è infatti il Warrior 800 che, a fronte di un<br />

peso operativo di 16.700 kg, garantisce<br />

una produzione oraria di 280 tonnellate/<br />

ora operando anche con materiali bagnati<br />

e complessi derivanti dalle bonifiche.<br />

1 a EDIZIONE<br />

Innovation <strong>Construction</strong> Tour <strong>2024</strong><br />

26


ESCAVATORI. Sempre più indispensabili<br />

RUOLO<br />

STRATEGICO<br />

Gli escavatori idraulici confermano il loro ruolo<br />

strategico nei cantieri di ogni tipo e dimensione. Con<br />

una presenza che va al di là del semplice scavo che<br />

rimane, comunque, l'attività primaria. Stiamo infatti<br />

parlando di porta attrezzi dove gli impianti ausiliari, le<br />

funzioni tecnologiche e le prestazioni idrauliche sono<br />

fondamentali e si affiancano alle doti strutturali.<br />

ESCAVATORI<br />

Sono gli indiscussi protagonisti dei cantieri. Non<br />

c'è lavoro dove non vi sia un escavatore idraulico<br />

in azione allestito dalla semplice benna<br />

fino alle attrezzature idrauliche più particolari e di<br />

nicchia. La visione di queste macchine sta fortemente<br />

cambiando anche da noi. Si stanno infatti<br />

moltiplicando le applicazioni con impianti digitali<br />

e tiltrotator di ogni genere. Lo stesso vale per<br />

gli attacchi rapidi che sono stati visti come inutili<br />

e che, finalmente, si stanno diffondendo in modo<br />

sempre più capillare. Ma l'Italia rimane ancora un<br />

fanalino di coda fra i mercati più evoluti. L'aspetto<br />

positivo è che c'è ancora un grandissimo spazio per<br />

crescere ed evolversi. Nella concretezza progettuale<br />

i costruttori di escavatori si stanno orientando verso<br />

contenuti tecnici e tecnologici che vanno in questa<br />

specifica direzione fornendo macchine che, per assurdo,<br />

non sempre sono completamente sfruttate da<br />

tutti gli utilizzatori.<br />

Alcuni costruttori si stanno affacciando anche ai<br />

modelli elettrificati di grande dimensione. Per ora<br />

ancora dedicati a specifiche esigenze operative e<br />

con dei contenuti che, oggettivamente, sembrano<br />

più indirizzati al marketing che non alle reali applicazioni<br />

diffuse.<br />

HITACHI<br />

Il costruttore giapponese è presente con una gamma<br />

cingolata e gommata fra le più complete del<br />

mercato in grado di coprire il 100% delle esigenze<br />

del mercato. Si spazia infatti dal miniescavatore da<br />

1.100 kg di peso operativo fino alle macchine da<br />

miniera con il grande EX8000-7 da 840 tonnellate.<br />

Nei gommati si parte dai midi da 10 tonnellate per<br />

arrivare a macchine da 25 tonnellate di peso operativo.<br />

Un'orizzonte di gamma che trova pochi riscontri<br />

nei competitor e che si basa su una tecnologia<br />

propria che vede oggi il costruttore presente su<br />

molteplici fronti. Dalle macchine termiche a quelle<br />

elettrificate. Dove queste ultime comprendono alcuni<br />

modelli di miniescavatori e si spingono fino<br />

all'EX135US-7 Electric. Macchine, queste ultime,<br />

sviluppate in modo specifico per il mercato europeo<br />

che, fino ad ora, è l'unico ad aver manifestato un<br />

certo interesse per questa tecnologia.<br />

Nella gamma ordinaria invece spicca l'impianto<br />

idraulico Trias III che equipaggia i modelli dallo<br />

ZX210LC-7 fino allo ZX350LC-7. Un impianto<br />

idraulico che vede tre pompe idrauliche lavorare<br />

insieme e che è arrivato oggi alla sua terza release<br />

dopo la comparsa sulla Serie 5 e la prima evoluzione<br />

della Serie 6.<br />

Si tratta di un plus che posiziona gli escavatori<br />

della Serie 7 in una classe di mercato a sé grazie<br />

all'esuberanza idraulica. Una prerogativa che,<br />

nell'impiego con le attrezzature idrauliche ad alte<br />

prestazioni, permette di avere una maggiore efficienza<br />

operativa con elevati livelli di produttività.<br />

KOBELCO<br />

L'azienda di Hiroshima è uno degli specialisti globali<br />

nel settore degli escavatori idraulici con una<br />

fortissima vocazione per le macchine da demolizione<br />

dove è presente con mezzi self-made che<br />

arrivano anche a 350 tonnellate ci peso operativo.<br />

La gamma convenzionale prevede oggi modelli<br />

cingolati che spaziano da 800 kg fino a quasi 90<br />

tonnellate. Con una fortissima presenza di modelli<br />

con architettura short-radius.<br />

Fra le più importanti novità di Kobelco vi è l'aggiornamento<br />

della gamma con l'abbandono delle<br />

motorizzazioni Hino a favore di Yanmar e Isuzu. I<br />

due nuovi partner a livello motoristico si dividono<br />

le classi di peso. Con Yanmar che fornisce la po-<br />

DEVELON. Visione di mercato<br />

Develon punta da sempre ad un<br />

elevato rapporto qualità/prezzo. Una<br />

strategia che lo ha portato nel tempo<br />

a diventare non più un comprimario<br />

ma una delle prime scelte delle<br />

imprese. L'ampliamento della gamma<br />

e lo sviluppo di nuove tecnologie<br />

proprie come l'impianto idraulico VBO<br />

lo posizionano oggi fra i marchi più<br />

interessanti del mercato in merito a<br />

presenza, completezza di gamma e<br />

presenza sul territorio con una rete<br />

capillare e qualificata.<br />

L'inglobamento nella grande famiglia<br />

Hyundai, che ha portato al cambio di<br />

brand, non ha di fatto sortito nessun<br />

effetto collaterale in termini di sviluppo<br />

del prodotto e contenuti tecnologici.<br />

Questo grazie alla tecnologia<br />

proprietaria di ogni singola gamma di<br />

prodotti. Anzi. Dando anche in prestito<br />

alcune proprie macchine come i dumper<br />

all'altro brand del Gruppo. Lo sviluppo<br />

dei prodotti e la visione di mercato che<br />

distinguono da sempre Develon hanno<br />

portato l'arrivo di nuovi prodotti come il<br />

midi escavatore gommato DX100W-7<br />

che entra in diretta competizione con<br />

storici brand di livello.<br />

La gamma del costruttore è composta<br />

oggi da 23 modelli cingolati da 14 a<br />

100 tonnellate di peso operativo con<br />

architetture convenzionali e shortradius.<br />

Macchina a cui si aggiungono<br />

7 modelli di escavatori gommati dalle<br />

10 alle 22 tonnellate di peso operativo.<br />

Un'offerta che consente ai concessionari<br />

del costruttore di posizionarsi sul<br />

mercato in modo competitivo e completo<br />

potendo contare su un portfolio che,<br />

fra macchine standard, allestimenti<br />

speciali e bracci di diverso tipo, arriva a<br />

coprire una percentuale di mercato che<br />

HITACHI è il<br />

costruttore di<br />

riferimento nel<br />

mercato degli<br />

escavatori idraulici.<br />

Con la attuale<br />

Serie 7 sono<br />

stati aumentati<br />

gli standard<br />

di ergonomia<br />

ed efficienza<br />

complessiva<br />

puntando ad<br />

una riduzione<br />

dei consumi<br />

rispetto alle serie<br />

precedenti senza<br />

penalizzare le<br />

prestazioni e con<br />

una struttura che<br />

non rinuncia alla<br />

filosofia di base del<br />

costruttore.<br />

supera il 90% della richiesta attuale.<br />

Gli investimenti effettuati anche nei<br />

nuovi centri di formazione in Francia<br />

e Germania consolida ulteriormente<br />

una presenza fortemente radicata sul<br />

territorio e che prosegue con le stesse<br />

linee guida che fino ad ora hanno<br />

guidato la crescita del marchio. L'entrata<br />

nel Gruppo Hyundai ha ulteriormente<br />

incrementato questa visione legata<br />

a mercato e prodotto che si basa su<br />

un'evoluta tecnologia di proprietà.<br />

28


A destra,<br />

l'Hidromek<br />

HMK520LCHD<br />

H4 è il modello<br />

di punta attuale<br />

della gamma del<br />

costruttore turco.<br />

Si tratta di un<br />

escavatore idraulico<br />

dal peso operativo<br />

che supera le 52<br />

tonnellate e che<br />

si candida come<br />

macchina da<br />

produzione per<br />

cave e cantieri<br />

dove sono<br />

necessari importanti<br />

movimentazioni di<br />

materiale.<br />

In alto il LiuGong<br />

915F CR è la<br />

macchina del<br />

costruttore cinese<br />

che presidia la<br />

fascia delle 15<br />

tonnellate e si<br />

presenta con dei<br />

contenuti di riliveo<br />

come i comandi<br />

elettroidraulici.<br />

In basso il Kobelco<br />

SK140SRLC-7 è uno<br />

degli short-radius<br />

più diffusi ed è<br />

uno dei riferimenti<br />

del mercato.<br />

Il costruttore<br />

giapponese è uno<br />

specialista degli<br />

escavatori con una<br />

forte connotazione<br />

mirata ai bassi<br />

consumi e<br />

all'idraulica fluida e<br />

precisa. ll'efficienza<br />

operativa e a<br />

ESCAVATORI<br />

tenza per le macchine fra le 18 e le 30 tonnellate<br />

di peso operativo e Isuzu che scende in basso con<br />

i modelli short-radius della classe 15 tonnellate e<br />

poi fa un salto verso l'alto sulle macchine dalle 35<br />

tonnellate fino al top di gamma.<br />

Cambiano i motori ma non la filosofia di base<br />

con un'idraulica pensata per ridurre i consumi e al<br />

contempo avere una controllabilità fluida e riposante.<br />

I modelli short-radius, di cui parliamo in modo<br />

approfondito in un altro articolo, si caratterizzano<br />

per l'architettura iNDr che riduce le emissioni sonore<br />

e favorisce il bilanciamento della macchina.<br />

HIDROMEK<br />

L'azienda turca sta crescendo in modo continuo<br />

e lineare sul mercato europeo grazie a macchine<br />

che si stanno distinguendo per qualità costruttiva,<br />

robustezza e accurato studio dell'ergonomia e dei<br />

contenuti tecnologici. La gamma di escavatori comprende<br />

oggi sette modelli cingolati e tre gommati.<br />

Una suddivisione dell'offerta che distingue in modo<br />

molto netto le classi di peso e presenta, nella fascia<br />

delle 15/18 tonnellate, anche il modello short-radius<br />

HMK145 LCSR che è pensato in modo specifico<br />

per il mercato europeo.<br />

All'ultimo Bauma abbiamo visto alcune gradite<br />

news come lo short-radius HMK245 SRLC di<br />

prossimo arrivo. Stesso discorso vale per i model-<br />

li midi che insistono fra le 7 e le 10 tonnellate di<br />

peso operativo. Lo sviluppo della tecnologia degli<br />

escavatori ha inoltre portato anche dei preserie, visti<br />

sempre a Bauma, dove l'architettura con braccio<br />

gru telescopico riprende in modo chiaro macchine<br />

molto diffuse in Giappone e, più in generale, nei<br />

mercati orientali.<br />

Fra le caratteristiche qualificanti di Hidromek vi<br />

sono sicuramente il design molto curato e l'ergonomia<br />

delle cabine. Provenendo da una storia di mercato<br />

dove le prime macchine sono nate nel difficile<br />

periodo dell'embargo causato dalla guerra con Cipro,<br />

Hidromek ha inoltre sviluppato una tecnologia<br />

propria dove l'accoppiamento fra motore e pompe<br />

sfrutta al massimo la coppia a disposizione per limitare<br />

al massimo i consumi ed elevare la durata dei<br />

componenti al massimo possibile. Stesso discorso<br />

vale per la struttura e le carpenterie dove la roccia<br />

della Turchia ha obbligato il costruttore a scelte di<br />

sovradimensionamento.<br />

LIUGONG<br />

L'azienda cinese è l'ultima arrivata sul territorio<br />

nazionale e si distingue, fra i costruttori del dragone,<br />

per il livello qualitativo e la tecnologia di<br />

cui sono dotate le sue macchine. Parliamo quindi<br />

di comandi elettroidraulici con un impianto sviluppato<br />

insieme a Kawasaki che è il partner ufficiale<br />

di LiuGong. Da un punto di vista del design è evidente<br />

la "mano" di Gary Major, designer che ha<br />

sviluppato tutta la nuova linea della gamma JCB<br />

e che ormai da diversi anni è a capo della progettazione<br />

LiuGong. Il centro di sviluppo prodotto<br />

è infatti collocato non solo in Cina, nella città di<br />

Liuzhou, ma anche a Londra e negli stabilimenti<br />

Macchina matura o suscettibile di un'ulteriore<br />

evoluzione?<br />

Definire l'escavatore idraulico non è così<br />

semplice come si potrebbe pensare.<br />

La continua ricerca di nuove tecnologie<br />

indirizzate soprattutto all'impiego sempre<br />

più performante e semplice delle<br />

attrezzature sta di fatto facendo vivere<br />

una seconda e dinamica primavera a<br />

queste fondamentali macchine.<br />

L'evoluzione del mercato delle demolizioni,<br />

che in Europa troverà un ulteriore<br />

e ampio sviluppo legato alla riqualificazione<br />

immobiliare e ambientale,<br />

sta inoltre portando i costruttori verso<br />

trasformazioni che raccolgano le esigenze<br />

delle imprese. Alcune aziende, come<br />

della Dressta in Polonia. Oggi il costruttore è sicuramente<br />

fra i più radicati nel vecchio continente<br />

con una mentalità che lo avvicina maggiormente<br />

ai costruttori globali coreani che non alle classiche<br />

aziende cinesi. La gamma spazia dai mini escavatori<br />

da 1,5 tonnellate per arrivare fino al 995E,<br />

macchina da cava da quasi 100 tonnellate.<br />

Esigenze in continua e rapida evoluzione<br />

Kobelco, sono presenti con macchine<br />

self-made che hanno alle spalle una<br />

storicità tecnologica che le posiziona<br />

in modo privilegiato sul mercato. Altre<br />

aziende come Hitachi sono presenti con<br />

tecnologie specifiche sviluppate insieme<br />

a partner europei come KTEG ma<br />

sempre sotto l'egida ufficiale del marchio.<br />

Elemento non da poco in termini<br />

di assistenza, garanzia, certificazione<br />

e rivendibilità. Entrambi con tecnologie<br />

di livello dove efficienza operativa,<br />

trasportabilità e risparmio di tempo sono<br />

fondamentali<br />

Altri costruttori si presentano con<br />

soluzioni ufficiali ma molto più convenzionali<br />

dove i tempi di allestimento delle<br />

macchine sono molto più lunghi e meno<br />

vantaggiosi essendo legati a tecnologie<br />

di aggancio e sgancio dei bracci<br />

sicuramente più economiche all'acquisto<br />

ma al contempo superate da un punto di<br />

vista tecnologico.<br />

Stanno inoltre arrivando anche macchine<br />

alimentate a batteria che, a dire il<br />

vero, sono spesso più degli esercizi di<br />

marketing che non effettivi modelli utilizzabili<br />

nei cantieri ordinari. E non parlo di<br />

quelli italiani ma anche di quelli del nord<br />

Europa. Stiamo comunque assistendo<br />

ad una forte rincorsa tecnologica che<br />

sarà poi come sempre selezionata dal<br />

mercato. L'unico vero e inoppugnabile<br />

giudice di qualsiasi innovazione.<br />

30<br />

31


PALE GOMMATE. Movimentazione in primis<br />

IN PRIMA<br />

LINEA PER<br />

IL CARICO<br />

Sono le regine della movimentazione.<br />

Parliamo ovviamente delle pale gommate.<br />

Macchine che stanno compiendo<br />

un’interessante evoluzione in termini di<br />

efficienza, equilibrio dinamico e varietà di<br />

powertrain. L’obiettivo è di caricare quanto<br />

più materiale possibile con il minor costo<br />

unitario con le elettrificate che puntano a<br />

specifiche nicchie di mercato<br />

PALE GOMMATE<br />

Sono le regine degli impianti di lavorazione<br />

inerti. Ma non solo. Sempre più frequenti anche<br />

nell’industria e in agricoltura, le pale gommate<br />

puntano ad abbassare il più possibile il costo<br />

unitario di movimentazione del materiale. In Italia<br />

si parla prevalentemente di grandi macchine mentre<br />

oltre frontiera si spazia verso il basso anche con i<br />

piccoli modelli dal peso operativo di poco superiore<br />

alla tonnellata. Con l’arrivo di trasmissioni CVT è<br />

aumentata in modo importante l’efficienza ma chi<br />

impiega schemi più convenzionali non è sicuramente<br />

rimasto a guardare. I consumi si sono abbassati in<br />

modo drastico e le cabine sono diventate sempre più<br />

comode con veri centri di comando digitale. L’elettrificazione<br />

ha fatto la sua comparsa anche sui<br />

grandi modelli. Soprattutto in casa dei costruttori<br />

del dragone. La Cina detiene infatti oggi il primato<br />

tecnologico in questo specifico settore e punta alle<br />

possibili nicchie di mercato.<br />

HIDROMEK<br />

Il costruttore di Ankara è conosciuto soprattutto<br />

per gli escavatori e si è affacciato su questo mercato<br />

negli ultimi anni. Attualmente la gamma turca<br />

è composta da due modelli, la HMK640 WL e la<br />

HMK635 WL, che presidiano le due classi più importanti<br />

da un punto di vista del mercato con benne<br />

di 4 e 3,5 metri cubi. A Bauma abbamo visto<br />

anche la HMK630 WL che è in fase di prossimo<br />

arrivo. Hidromek sarà presente ad Intermat con la<br />

HMK635 WL arrivata sul mercato qualche tempo<br />

dopo la sorella maggiore. Una macchina che però<br />

ha uno schema completamente differente rispetto<br />

alla sorella maggiore e che la accomuna con<br />

il modello più piccolo. Abbiamo infatti un layout<br />

macchina che posiziona oggi Hidromek tra i pochi<br />

costruttori che hanno collocato il motore in posizione<br />

arretrata e il modulo di raffreddamento dietro<br />

la cabina. A vantaggio ovviamente di un maggior<br />

carico di ribaltamento a parità di peso operativo, di<br />

minori consumi, di un miglior equilibrio dinamico<br />

e di un accesso semplificato per la manutenzione<br />

grazie ai cofani completamente apribili.<br />

DEVELON<br />

Le pale gommate del brand coreano hanno un riscontro<br />

positivo sul mercato grazie ad un’evoluzione<br />

storica molto positiva dell’apprezzata gamma<br />

Daewoo. La serie DL copre oggi il mercato fino a<br />

capacità standard delle benne di oltre 6 metri cubi<br />

con la DL580-7 che si colloca al top dell’offerta.<br />

Fra i punti di forza vi sono un comportamento dinamico<br />

ed efficiente che vede anche la presenza, sulla<br />

DL4207 CVT, di una trasmissione a variazione continua<br />

sviluppata insieme a ZF. Il costruttore ha inoltre<br />

sviluppato una tecnologia digitale per la sicurezza di<br />

altissimo livello. Come ad esempio la Transparente<br />

Bucket che permette di vedere cosa succede di fronte<br />

alla benna nel momento in cui la posizione oscura<br />

completamente la visuale anteriore. Questo avviene<br />

grazie all’impiego di un sistema di telecamere con<br />

immagini interpolate tramite software con algoritmi<br />

che sfruttano l’AI. Develon sta continuando anche lo<br />

sviluppo di questi sistemi anche per quanto riguarda<br />

la riduzione al minimo del rischio di investimento.<br />

L’altro punto di forza del costruttore è l’estrema<br />

frammentazione della gamma che presenta modelli<br />

molto ravvicinati in grado di soddisfare esigenze<br />

operative estremamente specifiche e dettagliate.<br />

LIUGONG<br />

Il costruttore cinese si è affacciato sul mercato nazionale<br />

da circa un anno. La presenza europea è<br />

però fortemente consolidata dalle forti radici nel<br />

vecchio continente date dallo stabilimento in Polonia<br />

e dal quartier generale di Londra dove si opera<br />

a livello progettuale. Ad oggi LiuGong è il primo<br />

costruttore mondiale di pale gommate. Tradizione<br />

costruttiva nata nel lontano 1966 e che ha acquisito<br />

una robusta esperienza con la ultradecennale jointventure<br />

con Caterpillar in questa specifica categoria<br />

merceologica.<br />

Hidromek è<br />

presente sul<br />

mercato con due<br />

modelli di pale<br />

gommate da 3,5<br />

e 4 metri cubi in<br />

attesa dell’arrivo<br />

alla rete vendita<br />

del terzo modello<br />

da 3 metri cubi.<br />

La HMK635 WL è<br />

l’ultima arrivata e<br />

si caratterizza per<br />

l’architettura con<br />

motore arretrato<br />

e modulo di<br />

raffreddamento<br />

collocato dietro<br />

la cabina di guida<br />

a vantaggio di<br />

equilibrio dinamico<br />

e carico di<br />

ribaltamento.<br />

Develon punta sulla<br />

tecnologia digitale<br />

di ausilio per la<br />

sicurezza dinamica<br />

mirata a diminuire il<br />

rischio specifico di<br />

investimento.<br />

32<br />

33


Sopra, LiuGong è presente con una gamma elettrificata ad alte<br />

prestazioni che sta raccogliendo consensi su diversi mercati.<br />

A destra la ZW310-7, attuale modello di punta del costruttore<br />

giapponese che punta su efficienza ed affidabilità. In basso la<br />

nuova pala gommata telescopica T80 che allarga verso l’alto<br />

la gamma di pale gommate Dieci indirizzate ad un mercato<br />

che richiede polivalenza e flessibilità. Bobcat ha recentemente<br />

aggiornate le sue pale gommate compatte con nuove funzionalità.<br />

PALE GOMMATE<br />

34<br />

Da un punto di vista tecnologico stiamo parlando<br />

di macchine dagli schemi convenzionali collaudati<br />

ma estremamente funzionali da un punto di vista<br />

dell’efficienza operativa. A lato della gamma convenzionale<br />

vi è una gamma elettrificata, in espansione,<br />

che comprende diversi modelli di pale gommate. Ad<br />

oggi è presente la 856HE con un peso operativo di<br />

21.000 kg ed una capacità della benna standard di 3,5<br />

metri cubi. Una macchina già operativa da tempo sul<br />

mercato europeo con presenze importanti soprattutto<br />

in grandi città come Londra. Anche Holcim, recentemente,<br />

ha deciso per l’acquisto di 600 unità fra<br />

pale gommate, escavatori e dumper elettrificati da<br />

LiuGong dopo la prima esperienza positiva con le<br />

prime 856HE acquistate nel 2021.<br />

HITACHI<br />

La gamma del costruttore giapponese è arrivata<br />

oggi alla Serie 7 ed è composta da quattro modelli<br />

con benne da 2 a 4,1 metri cubi di capacità. Si tratta<br />

però di un’offerta in evoluzione dove l’aggiornamento<br />

motoristico dei modelli porterà ad avere altri<br />

modelli nel portfolio aziendale. Le pale gommate<br />

del costruttore arrivano dalla duplice tradizione industriale<br />

e tecnologica di Furukawa e Kawasaki.<br />

Due costruttori assorbiti da Hitachi nel corso del<br />

tempo e che hanno fornito elementi fondamentali in<br />

termini di equilibrio dinamico, affidabilità e prestazioni.<br />

Lo schema convenzionale di queste macchine<br />

prevede il classico motore con radiatore posteriore<br />

e trasmissione Power Shift sui tre modelli maggiori<br />

e idrostatica sulla ZW160-7 che si colloca alla base<br />

della gamma. L’evoluzione del prodotto nel tempo<br />

ha portato oggi a curare in modo dettagliato l’efficienza<br />

del Power Train puntando alla riduzione dei<br />

consumi grazie ad una gestione elettronica ottimizzata<br />

di motore, trasmissione e impianto idraulico.<br />

DIECI<br />

L’azienda di Reggio Emilia, conosciuta più per i<br />

suoi sollevatori telescopici, è presente anche con<br />

tre pale gommate sempre a braccio telescopico.<br />

Macchine molto interessanti e che si rivolgono<br />

soprattutto a mercati come quello tedesco e francese.<br />

In Italia queste macchine fanno più fatica ad<br />

entrare nella mentalità nonostante la loro grande<br />

polivalenza e utilità. L’arrivo del nuovo modello<br />

T80 che dispone di una portata di 3.500 kg, allarga<br />

verso l’alto la gamma composta in precedenza<br />

dalla T60 e T70. Dieci ha dotato la sua macchina<br />

di un impianto idraulico Load Sensing Flow<br />

Sharing e di funzionalità elettroniche di memorizzazione<br />

dei comandi e di ausilio alla guida che<br />

indicano chiaramente l’interesse di un mercato in<br />

forte sviluppo. La presenza dell’assale posteriore<br />

oscillante invece dell’oscillazione sull’articolazione<br />

di sterzo preferita da molti costruttori indica<br />

anche una chiara visione di sicurezza di alto livello<br />

che, in una pala gommata con braccio telescopico,<br />

è fondamentale per applicazioni in ogni ambito<br />

operativo.<br />

BOBCAT<br />

Le pale gommate della Lince si limitano ovviamente<br />

alle macchine compatte, ossia al core business<br />

aziendale. L’evoluzione del prodotto ha<br />

portato ad un aggiornamento dei modelli L75 ed<br />

L85 presentate nel 2021 e che raccolgono le novità<br />

viste sulla L95, macchina al top di gamma.<br />

L’obiettivo del costruttore è di rendere ancora più<br />

semplice e sicuro l’impiego di queste macchine<br />

che si propongono con carichi di ribaltamento da<br />

poco più di 2,5 tonnellate fino ad oltre 3,3 tonnellate.<br />

Ma non solo. La visione multifunzione di<br />

Bobcat prevede infatti la gestione ottimizzata degli<br />

accessori con la possibilità, grazie alla funzione<br />

Flex-Drive, di cambiare il règime motore in modo<br />

indipendente dall’acceleratore semplificando l’uso<br />

di frese idrauliche, spazzole o altre attrezzature da<br />

usare in movimento.<br />

35


TELESCOPICI. I tuttofare del cantiere<br />

NON SOLO<br />

PER ANDARE<br />

IN ALTO<br />

Sempre più diffusi nei cantieri edili, i<br />

sollevatori telescopici vanno ormai ben<br />

oltre le semplici macchine da sollevamento.<br />

Dei veri tuttofare che, se capiti in modo<br />

corretto, permettono di affrontare numerose<br />

applicazioni complesse e specifiche con<br />

un’efficienza molto alta. Grazie anche ad<br />

impianti idraulici pensati per attrezzature che<br />

richiedono flussi importanti<br />

TELESCOPICI<br />

Molto più che semplici macchine per sollevare.<br />

I sollevatori telescopici conquistano<br />

sempre più spazio nei cantieri di imprese<br />

di ogni genere. Tanto che moltissimi costruttori si<br />

stanno affacciando a questo mercato che, però, richiede<br />

estrema professionalità e non concede spazio<br />

all’improvvisazione. Ecco quindi che i nomi storici<br />

rilanciano in grande stile con nuovi modelli, nuove<br />

tecnologie e un’elettrificazione che, lo possiamo<br />

dire, è realmente utile.<br />

Queste macchine, infatti, operano in spazi di<br />

ogni genere, spesso al chiuso, e la richiesta di modelli<br />

che possano funzionare ad alimentazione elettrica<br />

non è affatto sporadica. Un altro aspetto fondamentale<br />

è la sempre maggiore ricerca di sicurezza e<br />

polivalenza. I sollevatori telescopici sono infatti tra<br />

i protagonisti principali nel mercato del noleggio.<br />

Avere quindi macchine sicure e semplici da usare<br />

è una delle richieste fondamentali.<br />

MERLO<br />

L’azienda di Cuneo è spesso un vero e proprio sinonimo<br />

di sollevatore telescopico. Di fatto possiamo<br />

tranquillamente affermare come sia il costruttore<br />

che ha concretamente sdoganato queste macchine<br />

nel mercato delle costruzioni con una presenza che<br />

nel tempo ha definito le classi di portata di queste<br />

macchine indirizzando il mercato.<br />

Merlo ha introdotto il concetto di modularità nelle<br />

sue gamme con un’unificazione delle cabine che,<br />

tranne per il super compatto elettrificato e-Worker,<br />

caratterizzano tutti i suoi modelli. Da quelli più piccoli<br />

fino ai grandi alta portata e ai Roto. Una scelta<br />

che ha innalzato il livello di comfort e di qualità<br />

percepita contribuendo a consolidare ancora di più<br />

un brand di valore.<br />

Fra gli ultimi modelli arrivati sul mercato il piccolo<br />

e-Worker è sicuramente uno dei modelli di maggiore<br />

successo vista la sua progettazione che ha<br />

tenuto realmente conto delle esigenze di chi lavora<br />

ogni giorno con una macchina elettrificata. Scelte<br />

tecniche condivisibili che vanno dalla particolare<br />

architettura del sistema di trazione fino all’uso delle<br />

batterie al piombo. L’impiego come PLE semovente<br />

è un valore aggiunto notevole che consente di aumentare<br />

in modo drastico la sicurezza nelle aziende.<br />

Soprattutto in campo industriale dove spesso<br />

si compiono manovre errate sollevando le persone<br />

senza seguire il dettato normativo.<br />

DIECI<br />

L’azienda di Reggio Emilia è un altro riferimento<br />

del mercato ed è uno dei nomi storici del mercato.<br />

Un costruttore che ha sempre badato alla concretezza<br />

delle sue macchine con soluzioni semplici e<br />

affidabili. Ma anche in casa Dieci abbiamo assistito<br />

ad una forte crescita tecnologica che ha investito<br />

in modo trasversale tutta la gamma. Dai rotativi<br />

Pegasus, che oggi arrivano a maxi altezze e maxi<br />

portate con il 60.35 e con il 75.25, fino ai più compatti<br />

Smart, Apollo, Dedalus, Icarus e Samson. Per<br />

arrivare agli alta portata Hercules.<br />

L’azienda si è presentata sul mercato anche con il<br />

suo primo modello elettrificato Mini Agri e-26.6<br />

che, in realtà, è declinabile anche nei cantieri edili<br />

e per il mercato industriale. Si tratta del primo<br />

esemplare che darà vita al progetto DIECI-e che<br />

nasce per conseguire tre obiettivi: economicità, innovazione<br />

e sostenibilità.<br />

MANITOU<br />

Il costruttore francese ha presentato moltissime novità<br />

negli ultimi due anni. Dai modelli super-compatti<br />

fino alle versioni elettrificate che fanno parte<br />

della gamma Oxygen. Un programma imponente<br />

che ha di fatto scardinato la stessa visione aziendale<br />

del mondo dei sollevatori telescopici.<br />

Fra i modelli più apprezzati vi sono sicuramente i<br />

rotativi MRT Vision + che, finalmente a règime sul<br />

mercato, hanno riposizionato i criteri di mercato per<br />

la valutazione di queste macchine.<br />

Le nuove funzionalità comprendono, oltre ai modelli<br />

elettrificati che dispongono anche di kit di<br />

alimentazione che li rendono di fatto dei pratici<br />

Merlo, a sinistra,<br />

è presente sul<br />

mercato con una<br />

gamma che copre<br />

ogni specifica<br />

nicchia di mercato.<br />

L’e-Worker è il<br />

primo modello<br />

completamente<br />

elettrificato e<br />

può anche essere<br />

utilizzato come<br />

PLE mobile per<br />

operazioni di<br />

manutenzione.<br />

Dieci, in basso,<br />

si presenta<br />

anch’essa con il<br />

primo modello<br />

elettrificato che<br />

nascono sulla base<br />

del collaudato ed<br />

apprezzato 26.6.<br />

36<br />

37


In alto, Wacker Neuson punta al mercato dei compatti con macchine<br />

dalle caratteristiche uniche che uniscono dimensioni ridotte con<br />

prestazioni elevate e con prestazioni idrauliche di rilievo.<br />

Manitou, a destra, sta rccogliendo grandi consensi con i suoi rotativi<br />

MRT Vision + che si presentano con caratteristiche uniche come la guida<br />

totale con radiocomando, la possibilità di essere utilizzati come PLE<br />

mobili dal cestello e con una cabina dal comfort elevatissimo.<br />

ibridi, anche la guida con radiocomando per ogni<br />

funzionalità. Compresa quella di PLE semovente<br />

con uomo a bordo. Si tratta di macchine che, nei<br />

cantieri, hanno permesso di ridurre in modo importante<br />

i tempi di esecuzione delle manovre guadagnando<br />

in efficienza e sicurezza.<br />

TELESCOPICI<br />

WACKER NEUSON<br />

Il costruttore tedesco è oggi presente sul mercato sia<br />

con il proprio brand, sia con quello di Weidemann e<br />

Kramer. Con gli ultimi modelli compatti che nascono<br />

da un crossover fra le tecnologie e le rispettive<br />

specializzazioni delle due aziende che fanno parte<br />

del gruppo. La presenza del modello compatto<br />

elettrificato TH412e, che fa parte della gamma di<br />

attrezzature e macchine di questo tipo, è un chiaro<br />

segno di vicinanza ad un mercato in sviluppo e che<br />

guarda soprattutto al compatto.<br />

Le caratteristiche dei telescopici Wacker Neuson<br />

sono tutte incentrate sull’impiego delle attrezzature<br />

per implementare l’efficienza di cantiere. Non solo<br />

andare in alto, quindi, ma utilizzare queste macchine<br />

al posto di altri mezzi meno efficienti. Sgombero<br />

neve, impiego di attrezzature idrauliche, carico dei<br />

mezzi e logistica di cantiere sono solo alcuni degli<br />

impieghi che il costruttore riserva a queste macchine.<br />

Anche in forza di prestazioni idrauliche di<br />

rilievo e di un catalogo di accessori che copre molte<br />

applicazioni specifiche. La presenza degli impianti<br />

High-Flow va proprio in questa specifica direzione.<br />

FARESIN<br />

Il costruttore veneto è presente con macchine frontali<br />

fisse anche stabilizzate per altezze superiori ai<br />

10 metri. Modelli che oggi si propongono al mercato<br />

anche in versione elettrificata dove, di fatto,<br />

rappresentano un unicum decisamente interessante.<br />

Faresin è quindi in grado di fornire dei mezzi ad<br />

emissioni locali pari a zero per operare ad altezze<br />

fino a 17 metri andando a coprire quelle nicchie di<br />

mercato dove questo tipo di macchine è sempre più<br />

richiesto. Parliamo quindi di impieghi in cantieri nei<br />

centri storici, nelle aree urbane dove le normative<br />

sono sempre più stringenti o in ambito industriale<br />

dove negli spazi chiusi o in lavorazioni particolari<br />

si richiedono macchine elettrificate.<br />

BOBCAT<br />

La Lince arriva ad Intermat con una gamma di<br />

macchine sempre più completa. Nel campo dei telescopici,<br />

alla produzione self-made di frontali fissi<br />

che nasce a Pontchateau, affianca oggi i rotativi che<br />

derivano dall’accordo quadro con Magni TH.<br />

La gamma di questo tipo di macchine, che si rivolgono<br />

sia al mercato dei noleggiatori, sia a quello<br />

delle imprese di costruzione e montaggio più strutturate,<br />

è stata recentemente rinnovata in toto.<br />

Sono stati infatti migliorati molteplici aspetti<br />

inerenti il comfort, la sicurezza di accesso e utilizzo<br />

e l’ergonomia generale. Da un punto di vista<br />

prestazionale abbiamo avuto in ulteriore incremento<br />

delle prestazioni in alcune fasce di altezze. Si arriva<br />

infatti fino a 8 tonnellate di portata con altezze<br />

massime operative che sfiorano i 40 metri. Stiamo<br />

di fatto parlando di vere e proprie piccole autogru<br />

off-road che uniscono, però, il fatto di poter essere<br />

impiegate anche come PLE. Utilizzo, quest’ultimo,<br />

che accompagnato con il JIB idraulico, consente<br />

di operare in negativo nell’ispezione dei viadotti<br />

autostradali come una sottoponte o, in altezza, a<br />

superare altezze di 50 metri.<br />

Le motorizzazioni sono Volvo Penta per avere<br />

una presenza assistenziale globale e seguono ovviamente<br />

la scelta di partnership fra il fornitore di motori<br />

e Magni TH. Con i nuovi modelli rotativi Bobcat<br />

intende rivolgersi ad un mercato specializzato<br />

ma in forte e continua crescita a livello mondiale<br />

che attualmente si concentra per l’85% in Europa<br />

ma anche in nord America è in pieno sviluppo.<br />

38<br />

39


KOBELCO. Short-radius in prima linea<br />

COMPATTI<br />

MA STRONG<br />

Kobelco è uno dei riferimenti del mercato per la<br />

cura che riserva ai propri escavatori. Con i modelli<br />

short-radius che conquistano uno spazio sempre più<br />

importante e qualificato grazie a prestazioni del tutto<br />

in linea con i modelli convenzionali. Il costruttore<br />

di Hiroshima, aggiornando la gamma, ha puntato su<br />

queste macchine polivalenti e compatte.<br />

La gamma shortradius<br />

di Kobelco<br />

è oggi una delle<br />

più complete<br />

del mercato<br />

con macchine<br />

che vanno da<br />

14 a circa 40<br />

tonnellate di peso<br />

operativo. Mezzi<br />

che coniugano<br />

compattezza con<br />

prestazioni in grado<br />

di competere<br />

con macchine<br />

convenzionali.<br />

KOBELCO<br />

Definire il livello tecnologico di un costruttore<br />

di escavatori non è oggi così immediato. Il<br />

forte crossover tecnologico fra grandi fornitori<br />

di componenti mescola infatti le carte in modo<br />

clamoroso.<br />

Sicuramente uno dei fattori che possono essere<br />

un chiaro segnale è la presenza in gamma di modelli<br />

con architettura short-radius. Si tratta infatti<br />

di escavatori che richiedono un’esperienza che non<br />

si improvvisa e che coinvolge competenze tecniche<br />

di alto livello.<br />

Si parla quindi non solo di progettare e costruire<br />

un escavatore a raggio posteriore ridotto ma di capire<br />

come organizzare il layout in modo che tutto<br />

funzioni a dovere. Le problematiche sono infatti<br />

complesse. Dal raffreddamento dei flussi idraulici<br />

e del motore, al bilanciamento dinamico della macchina,<br />

al necessario spazio per fare in modo che distributori<br />

e funzionalità di servizio trovino adeguato<br />

spazio senza penalizzare la manutenzione ordinaria<br />

e straordinaria.<br />

La tecnologia Kobelco iNDr<br />

Il costruttore di Hiroshima è oggi presente sul mercato<br />

con numerosi modelli short-radius. Dai piccoli<br />

miniescavatori fino ai grandi modelli con peso operativo<br />

che arriva a sfiorare le 40 tonnellate. E lo fa<br />

in modo non banale. Con una cura tecnologica che<br />

prevede numerosi accorgimenti tecnici di pregio.<br />

Dal diffusore dei gas di scarico al posto del classico<br />

tubo di scappamento sui miniescavatori fino alla<br />

cura per l’accesso per la manutenzione.<br />

Ma sicuramente uno degli elementi più qualificanti<br />

è la tecnologia iNDr che, comparsa ormai da<br />

circa una quindicina d’anni sui midi del costruttore,<br />

si sta evolvendo e diffondendo anche sui mini e<br />

sulle macchine più grandi.<br />

Si parla quindi di un sistema complessivo dove<br />

tutta la macchina short-radius è pensata e costruita,<br />

anche a livello strutturale, per ottimizzare ogni<br />

singolo aspetto. Dai flussi di raffreddamento, alla<br />

riduzione del rumore fino all’equilibro dinamico<br />

complessivo di tutta la macchina. Se infatti in molti<br />

si cimentano con layout short-radius con risultati<br />

molto buoni, in pochi sono riusciti ad avere un<br />

coinvolgimento complessivo di tutti i componenti<br />

della macchina in modo così completo ed efficiente.<br />

Un progetto che ha previsto ingenti investimenti<br />

che riguardano in primis la realizzazione di una<br />

struttura posteriore in fusione per avere una maggiore<br />

rigidezza strutturale. Rigidezza funzionale<br />

alla riduzione delle vibrazioni che sono una delle<br />

principali cause di emissioni sonore. Una struttura<br />

che convoglia i flussi d’aria verso l’alto in modo da<br />

ridurre la pressione sonora per coloro che lavorano<br />

intorno alla macchina. Allo stesso tempo avere questo<br />

grande elemento integrato in fusione permette<br />

di distribuire il peso in modo uniforme evitando<br />

sbilanciamenti o contrappesi eccessivi.<br />

Kobelco SK230SRLC-7, un vero tuttofare<br />

L’evoluzione della gamma del costruttore ha previsto<br />

la sostituzione dei motori Hino con quelli Yanmar.<br />

Una scelta di ragione dove i vantaggi da un<br />

punto di vista di densità di coppia e potenza sono<br />

evidenti. Fra i modelli interessati vi è stato anche il<br />

Kobelco SK230SRLC-7 ed il suo gemello diverso<br />

SK270SRLC-7.<br />

Stiamo parlando dello Yanmar 4TN107FTT tarato<br />

a 127 kW (172 cv) che azionano un impianto<br />

idraulico da 2 x 220 l/min + 1 x 40,6 l/min.<br />

Una macchina che, con il suo carro da tre metri<br />

di larghezza e la sua torretta fortemente compatta<br />

permette di svolgere lavori di precisione o, in alternativa,<br />

produzioni importanti in spazi proibitibi<br />

come, ad esempio, il carico in galleria o in sezioni<br />

obbligate. Il peso operativo di circa 24 tonnellate<br />

lo pone infatti in piena competizione con modelli<br />

convenzionali di pari peso operativo. La possibilità,<br />

inoltre, di avere anche il braccio con triplice<br />

articolazione lo posiziona in modo competitivo per<br />

il mercato italiano. Si tratta di un vero e proprio<br />

tuttofare che è in grado di affrontare sia i cantieri<br />

urbani, sia quelli ordinari. Tutto questo in modo<br />

efficiente e liberando l’operatore dai pensieri degli<br />

ingombri della torretta. Questa classe di macchine<br />

con architettura ad ingombro posteriore ridotto non<br />

è ancora pienamente entrata nel DNA delle aziende<br />

italiane nonostante gli evidenti vantaggi operativi.<br />

Gli scogli da superare sono ovviamente più mentali<br />

che concreti. Tranne forse un costo di investimento<br />

superiore rispetto alla media di una pari macchina<br />

convenzionale. Ovvio. Si tratta inoltre di mezzi che<br />

hanno un’architettura unica ma che richiedono, nel<br />

caso delle macchine sopra le 20 tonnellate di peso<br />

operativo, un mezzo di trasporto con i permessi per<br />

sforare la sagoma limite dei 2,5 metri di larghezza.<br />

Non è infatti un caso se questi escavatori trovino<br />

sempre più diffusione proprio fra le imprese più<br />

strutturate o comunque in quelle che impiegano già<br />

quotidianamente escavatori con carro da tre metri<br />

di larghezza.<br />

Kobelco SK140SRLC-7, un medio polivalente<br />

Fra i modelli di maggior successo e diffusione di<br />

Kobelco c’è sicuramente l’SK140SRLC-7 declinato<br />

in diverse versioni grazie ai bracci monoblocco,<br />

triplice articolazione e deportée. Con un peso operativo<br />

che spazia fra 15 e 18 tonnellate, a seconda<br />

dell’allestimento, è una macchina che si adatta<br />

molto bene sia a cantieri edili urbani, sia a cantieri<br />

stradali, sia ad impieghi forestali medi. Applicazione,<br />

quest’ultima, che vede l’architettura short-radius<br />

porsi in modo vantaggioso per quanto riguarda l’agilità<br />

all’interno dell’ambiente boschivo.<br />

Sulla base dell’SK140SRLC-7 prende vita anche<br />

lo specialista ED160-7 Blade Runner. Un escavatore<br />

di fatto unico sul mercato che permette di massimizzare<br />

l’efficienza in cantiere grazie alla possibilità<br />

di portare a termine piccoli spianamenti o<br />

affrontare sbancamenti e costruzioni stradali alpine.<br />

Anche in questo caso con un impiego in campo forestale<br />

che si rivela produttivo e polivalente grazie<br />

ad una forza di spinta che lo avvicina ad un dozer<br />

di pari peso.<br />

Kobelco è presente<br />

nella fascia fra<br />

le 14 e le 18<br />

tonnellate di peso<br />

operativo con<br />

un modello di<br />

grande successo.<br />

Stiamo parlando<br />

dell’SK140SRLC-7<br />

in versione<br />

monoblocco<br />

o triplice<br />

articolazione. La<br />

stessa macchina,<br />

con carro<br />

dell’SK210 e lama<br />

dozer a sei vie è<br />

disponibile nella<br />

versione ED160-<br />

7 Blade Runner.<br />

La declinazione<br />

dell’architettura<br />

short-radius è<br />

per Kobelco una<br />

vera e propria<br />

visione filosofica<br />

con i modelli<br />

SK230SLRC-7,<br />

SK270SRLC-7 ed<br />

SK380SRLC-7.<br />

Macchine che<br />

presidiano le fasce<br />

di mercato da 24,<br />

28 e 38 tonnellate<br />

di peso operativo.<br />

Un’offerta che<br />

si integra con i<br />

modelli più piccoli,<br />

con i midi e con<br />

i mini. Segno di<br />

una competenza<br />

tecnolgia di alto<br />

livello.<br />

40<br />

41


INDECO. La demolizione nel DNA<br />

DEMOLIRE<br />

A 360 GRADI<br />

Dai martelli demolitori idraulici alle cesoie. Passando<br />

per pinze primarie, frantumatori e multifunzione. Una<br />

vocazione per la demolizione che l’azienda barese<br />

ha costruito nel tempo ampliando la propria offerta<br />

con prodotti di volta in volta complementari fra loro.<br />

Questo con l’obiettivo di essere un fornitore full-liner<br />

per clienti e concessionari<br />

INDECO si presenta<br />

al mercato delle<br />

demolizioni con<br />

una gamma ampia<br />

e diversificata in<br />

grado di affrontare<br />

sia le fasi primarie<br />

che secondarie<br />

dei lavori più<br />

complessi. Oltre ai<br />

martelli, che sono<br />

il core business<br />

aziendale dal 1989,<br />

vi sono pinze,<br />

frantumatori e<br />

cesoie.<br />

INDECO<br />

La storia di Indeco è quella che caratterizza<br />

tantissime aziende famigliari italiane. Nata<br />

e cresciuta attorno ad un prodotto “core” si<br />

è poi sviluppata ampliando il proprio campo d’azione<br />

allargando la propria offerta nel principale<br />

settore di attività.<br />

Partendo quindi dai martelli demolitori idraulici<br />

è in seguito passata ad avere una gamma completa<br />

di attrezzature per la demolizione.<br />

Oggi Indeco si presenta sul mercato con cinque<br />

gamme di prodotti che coprono i diversi settori<br />

operativi del complesso mondo che ruota intorno<br />

a questa attività.<br />

Oltre ai martelli, quindi, abbiamo pinze selezionatrici,<br />

pinze multifunzione per la demolizione<br />

primaria e secondaria, frantumatori fissi e girevoli<br />

e cesoie declinate anche in versione spaccabinari.<br />

IMP, la macchina giusta al momento giusto<br />

Tra i prodotti offerti sviluppati dal costruttore italiano<br />

la serie multifunzione IMP è sicuramente<br />

uno dei più interessanti. Stiamo infatti parlando<br />

di attrezzature in grado di variare il proprio assetto<br />

operativo permettendo di passare dalla demolizione<br />

di strutture in calcestruzzo a quelle in<br />

acciaio. Senza ovviamente rinunciare alla frantumazione<br />

e alla funzione inedita Combi Cutter.<br />

Quest’ultima vuole essere un’alternativa più efficiente<br />

nella demolizione primaria di strutture in<br />

calcestruzzo armato. Rispetto alla configurazione<br />

Demolitore con ganasce strette, presenta infatti<br />

due piastre dentate intercambiabili nella parte anteriore.<br />

Posteriormente è invece dotata di lame<br />

allungate, reversibili e intercambiabili che hanno<br />

la funzione di tagliare in modo più efficiente il<br />

tondino di armatura.<br />

La configurazione Demolitore presenta invece<br />

ganasce di rottura del calcestruzzo più strette e<br />

allungate I coltelli sono più corti dando quindi la<br />

precedenza alla rottura del calcestruzzo. Si tratta<br />

di fatto di un’attrezzature primaria dedicata in<br />

modo particolare alle strutture che presentano calcestruzzo<br />

particolarmente resistente.<br />

Con la configurazione Cesoia è invece possibile<br />

passare alla demolizione primaria di strutture in<br />

acciaio. La geometria riprende alcune delle caratteristiche<br />

peculiari delle cesoie Indeco ISS. In<br />

primis le geometrie di taglio. In secondo luogo i<br />

coltelli sono realizzati con acciai speciali e sono<br />

perfettamente reversibili e intercambiabili in modo<br />

da essere sfruttati in tutti gli angoli di taglio. La<br />

punta presenta l’esclusivo duplice sistema di incisione<br />

sia superiore che inferiore che permette una<br />

più efficace progressione del taglio.<br />

Fra le caratteristiche funzionali di rilievo vi è<br />

la rotazione idraulica continua a 360°, il fulcro di<br />

rotazione unico che velocizza la sostituzione del<br />

kit di utensili, la protezione dei cilindri di azionamento<br />

e l’ingrassaggio automatico. Sia il corpo<br />

macchina che le ganasce sono realizzati in Hardox<br />

per limitare le usure legate all’impiego gravoso.<br />

Multi Grab, le pinze per la movimentazione<br />

Fra le attrezzature che hanno maggiormente faticato<br />

a prendere piede nel nostro paese vi sono sicuramente<br />

le pinze selezionatrici. Quando in realtà<br />

oltre frontiera erano spesso utilizzate addirittura<br />

più di altri attachements. La possibilità di demolire<br />

in modo selettivo e controllato è infatti entrata nella<br />

mentalità italiana abbastanza tardi e oggi questo<br />

tipo di attrezzature sta vivendo quasi una seconda<br />

giovinezza. Indeco si presenta con una gamma<br />

molto interessante che suddivide in cinque grandi<br />

famiglie con specifici campi applicativi. Le IMG S<br />

sono infatti destinate alla vagliatura del materiale,<br />

le IMG D sono indicate per la demolizione selettiva,<br />

le IMG H servono per la movimentazione, le<br />

IMG L sono indicate per il carico e infine le IMG<br />

T sono per uso forestale.<br />

La base strutturale e idraulica è comune a tutte<br />

le famiglie ed ognuna di loro è invece dotata di<br />

chele dedicate a quella specifica applicazione. Anche<br />

in questo caso l’impiego di un design innovativo,<br />

appositamente studiato per ciascuna variante di<br />

prodotto, si accompagna con l’uso di acciai speciali<br />

Hardox antiusura. Alla base di tutta la gamma vi<br />

sono robustezza, un peso ridotto, elevata capacità<br />

di carico ed una forza di presa superiore alla media.<br />

L’obiettivo è di avere attrezzature maneggevoli,<br />

compatibili con gli altri prodotti Indeco e con<br />

un sistema idraulico efficiente e tale da assicurare<br />

la massima precisione operativa con dei costi di<br />

gestione ridotti.<br />

La Serie HP, un punto di riferimento<br />

Ovviamente quando si parla di martelli demolitori<br />

non è possibile non citare la Serie HP. Il costruttore<br />

barese ha costruito la propria solida reputazione<br />

su questo prodotto che ha sempre avuto una forte<br />

connotazione innovativa.<br />

Si tratta infatti del primo martello con sistema<br />

idraulico intelligente in grado di variare automaticamente<br />

energia e frequenza del colpo in base alla<br />

durezza, e quindi alla resistenza, del materiale da<br />

demolire. La tecnologia sviluppata dal costruttore<br />

prevede infatti la presenza del distributore interno<br />

sincronizzato ed in linea con il pistone, i cuscini<br />

di olio per lo smorzamento delle vibrazioni ed<br />

il sistema idraulico con tenute dinamiche. Soluzioni<br />

che consentono la completa eliminazione<br />

delle guarnizioni nella zona della distribuzione<br />

allungando la vita utile del martello e riducendo<br />

in modo drastico i guasti. Tutti gli acciai speciali<br />

basso-legati utilizzati per la costruzione sono realizzati<br />

appositamente su una formula di Indeco che<br />

consente di aumentarne la durata e abbassare la<br />

corrosione. La carcassa è realizzata in Hardox per<br />

abbassare l’usura derivante dall’impiego pesante.<br />

Il sistema ammortizzante è duplice e consente di<br />

ridurre sensibilmente le vibrazioni trasmesse al<br />

braccio dell’escavatore.<br />

Le prestazioni permettono inoltre di avere, a<br />

parità di energia e colpi al minuto, martelli meno<br />

pesanti rispetto ai diretti competitori sollecitando<br />

meno la macchina su cui sono installati.<br />

In alto, la gamma<br />

dei multifunzione<br />

IMP di Indeco<br />

prevede quattro<br />

differenti tipi<br />

di utensili per<br />

demolizione<br />

primaria e<br />

secondaria. Le<br />

versioni specifiche<br />

per il calcestruzzo<br />

prevedono due<br />

differenti versioni<br />

Demolitore e<br />

Combi Cutter con<br />

impieghi indirizzati<br />

a calcestruzzi più<br />

e meno coriacei.<br />

La Combi Cutter,<br />

infatti, prevede<br />

una zona di<br />

frantumazione più<br />

larga e concentrata<br />

dando ampio<br />

spazio ai coltelli<br />

per il taglio dei<br />

ferri di armatura.<br />

In basso la<br />

gamma di pinze<br />

selezionatrici<br />

prevede cinque<br />

famiglie di prodotti,<br />

sulla stessa base<br />

strutturale e<br />

idraulica, con<br />

specifiche chele<br />

progettate per<br />

la vagliatura<br />

del materiale,<br />

la demolizione<br />

selettiva, il<br />

forestale e la<br />

movimentazione ed<br />

il carico.<br />

42<br />

43


MERLO. P30.7, compatto di sfondamento<br />

PICCOLO<br />

A CHI?<br />

MERLO è da sempre specialista nei sollevatori<br />

telescopici compatti. Con il nuovo P30.7 si presenta<br />

sul mercato con un modello che a fronte di ingombri<br />

estremamente contenuti non rinuncia alle prestazioni.<br />

Un polivalente che va oltre le classiche applicazioni<br />

a cui siamo abituati per un telescopico frontale fisso.<br />

Da sollevatore a gommata compatta<br />

I sollevatori<br />

telescopici<br />

compatti della<br />

Merlo si sono<br />

ritagliati una<br />

posizione<br />

di mercato<br />

estremamente<br />

importante<br />

grazie alle loro<br />

caratteristiche<br />

prestazionali<br />

a fronte di<br />

dimensioni molto<br />

ridotte.<br />

MERLO<br />

Quando si pensa ad un sollevatore telescopico<br />

si ha spesso in mente una macchina deputata<br />

al semplice sollevamento. In realtà chi ha<br />

“fatto il salto” e si è portata in casa un sollevatore<br />

telescopico non è più disposto a rinunciarvi. Non<br />

solo sollevamento ma movimentazione, carico dei<br />

mezzi, spostamento di materiale, impiego con forche,<br />

benne e attrezzature idrauliche di ogni tipo.<br />

I sollevatori telescopici sono l’emblema della<br />

polivalenza. Merlo lo sa molto bene ed è ben consapevole<br />

che puntare su prestazioni, comfort e compattezza<br />

sono i punti vincenti che portano ad avere<br />

macchine apprezzate dai clienti. Il nuovo P30.7,<br />

presente sul mercato dai primi mesi del <strong>2024</strong>, è il<br />

frutto di un modo di ragionare che da sempre distingue<br />

il costruttore di Cuneo. Presentato in anteprima<br />

nel 2023, vincitore del Samoter Innovation Award e<br />

premiato, in versione TF che identifica le versioni<br />

per agricoltura, con la “Novità Tecnica” ad Agrilevante,<br />

il P30.7 è il riassunto di un modo di intendere i<br />

sollevatori telescopici compatti che distingue Merlo.<br />

Piccolo a chi?<br />

Con un peso operativo di 6.450 kg a fronte di un’altezza<br />

di 2,12 metri per una larghezza di 2,00 metri<br />

è sicuramente un mezzo compatto. Ma chiamarlo<br />

“piccolo” non sarebbe corretto.<br />

La portata massima è infatti pari a 3.000 kg che<br />

si possono sollevare fino all’altezza di 5,40 metri.<br />

Quindi ampiamente sufficiente per caricare mezzi<br />

di trasporto ordinari con carichi di rilievo. Se vogliamo<br />

pensare in ottica di impresa edile possiamo<br />

dire che il P30.7 è in grado di scaricare due bancali<br />

di autobloccanti (o mattoni...o blocchi) alla volta<br />

visto il peso tabellare di 1.500 kg per ogni bancale.<br />

La massima altezza operativa è di 6,70 metri con<br />

una portata di 2.000 kg. Quindi, sempre ragionando<br />

in ottica di impresa edile, il bancale di riferimento è<br />

movimentato praticamente ovunque. Si tratta di prestazioni<br />

di rilievo che permettono quindi di avere<br />

in azienda un mezzo polivalente e performante con<br />

ingombri veramente molto ridotti. Non è infatti un<br />

segreto che Merlo curi in modo molto accurato i<br />

diagrammi di lavoro delle proprie macchine grazie<br />

ad un concetto, mai cambiato nel tempo, che porta<br />

ad avere un baricentro molto basso ed un peso distribuito<br />

in modo uniforme.<br />

Una meccanica pensata per le costruzioni<br />

Sotto i cofani non è lasciato nulla al caso. La motorizzazione<br />

è infatti un Kohler KDI2504 da 2,5 litri<br />

per 4 cilindri ed una potenza di 55,4 kW (75 cv).<br />

La conformità con lo Stage V è ottenuta con un<br />

modulo integrato a bassa manutenzione composto<br />

da DPF+DOC. Un propulsore sempre più diffuso<br />

nel mondo delle macchine da costruzione con tutti i<br />

vantaggi correlati in termini di post-vendita. Per chi<br />

invece optasse per il TF30.7, “gemello agricoltore”<br />

del P30.7, avrà un motore Deutz la cui diffusione<br />

nel mondo agri è elevatissima.<br />

L’impianto idraulico prevede le uscite ausiliarie<br />

in punta braccio a cui si possono aggiungere quelle<br />

posteriori in opzione.<br />

Decisamente interessanti le prestazioni che prevedono<br />

100 l/min alla pressione di lavoro di 250<br />

bar. Portata che consente di operare con moltissime<br />

attrezzature idrauliche come spazzole, benne miscelatrici<br />

o qualsiasi altra attrezzatura che sia utile nei<br />

cantieri edili e stradali. Ed ovviamente anche con<br />

le semplici benne per il carico di mezzi di trasporto<br />

con materiale granulare o anche semplicemente per<br />

realizzare piccoli movimenti terra.<br />

Piace inoltre la soluzione di adottare una pompa<br />

ad ingranaggi associata ad un distributore Load<br />

Sensing Flow Sharing. Uno schema equilibrato da<br />

un punto di vista dei costi e della fluidità operativa<br />

impiegato moltissimo anche dai principali costruttori<br />

di miniescavatori.<br />

ASCS, safety first<br />

L’impiego in piena sicurezza è assicurato dalle doti<br />

di equilibrio dinamico insite nel progetto del P30.7<br />

e dalla presenza del nuovo sistema elettronico di<br />

sicurezza ASCS, acronimo di Adaptive Stability<br />

Control System. Questo sistema, mutuato dalle<br />

macchine rotative, permette di monitorare in modo<br />

costante il carico evitando il ribaltamento della<br />

macchina in ogni condizione operativa.<br />

La gestione delle attrezzature avviene infatti in<br />

modo completamente integrato basandosi su tre<br />

elementi fondamentali: carico movimentato, la sua<br />

posizione e l’attrezzatura in uso. Quest’ultima è riconosciuta<br />

in modo automatico andando a settare il<br />

sistema in base ai parametri preimpostati per ogni<br />

singolo accessorio.<br />

Un esempio classico è l’uso del P30.7 con benna<br />

o con forche. Dove nel primo caso la macchina,<br />

riconoscendo che si sta lavorando con questa<br />

specifica attrezzatura, imposta i parametri in modo<br />

che il telescopico abbia un comportamento dinamico<br />

del tutto simile a quello di una pala gommata<br />

fino ad un’altezza di lavoro che sia consona con la<br />

massima sicurezza per la macchina. Diversamente,<br />

con le forche, la macchina ha un’impostazione<br />

del sistema che lo “vede” come un apparecchio di<br />

sollevamento. Questo permette di avere un mezzo<br />

sicuro, performante e produttivo in ogni condizione<br />

di lavoro aumentandone la polivalenza.<br />

Una cabina da “maxi”<br />

Merlo ha iniziato tempo fa un percorso virtuoso di<br />

unificazione delle proprie cabine. Sia in ottica di<br />

piattaforma modulare, sia con la volontà di offrire<br />

un elevato livello di comfort su qualsiasi prodotto.<br />

Il posto guida del P30.7 è infatti del tutto<br />

identico a quello dei modelli rotativi. Ovviamente<br />

con comandi specifici ma con lo stesso livello di<br />

finitura e di spazio interno. Tra i punti di forza vi<br />

sono un’ergonomia ed una climatizzazione di alto<br />

livello che permettono, nonostante il P30.7 sia una<br />

macchina compatta che si colloca sui primi gradini<br />

della gamma Merlo, di offrire un comfort del tutto<br />

simile a quello che i suoi clienti possono trovare<br />

sulle macchine di alta gamma. Una visione che ci<br />

piace e che aumenta il valore residuo di questo versatile<br />

compatto.<br />

Il Merlo P30.7<br />

è un compatto<br />

che eredita tutta<br />

l’esperienza del<br />

costruttore di<br />

Cuneo dove, a<br />

fronte di diagrammi<br />

di sollevamento<br />

molto performanti,<br />

si hanno dimensioni<br />

che permettono<br />

di operare in spazi<br />

molto ristretti.<br />

La polivalenza di<br />

questa macchina,<br />

insieme alle sue<br />

dotazioni in tema<br />

di gestione delle<br />

attrezzature e di<br />

sicurezza attiva<br />

e passiva, ne<br />

permettono un<br />

impiego sia come<br />

mezzo dedicato<br />

alla logistica,<br />

sia come pala<br />

gommata compatta.<br />

Senza dimenticarsi<br />

delle attrezzature<br />

idrauliche che<br />

spaziano dalle<br />

benne miscelatrici<br />

per arrivare a ganci,<br />

spazzatrici e benne<br />

speciali.<br />

44<br />

45


MANITOU. Skid & track-loader<br />

OLTRE I<br />

TELESCOPICI<br />

Manitou fa sul serio. Il riordino dell’offerta delle<br />

minipale gommate e cingolate ha portato il costruttore<br />

francese ad offrire con i suoi colori la rinnovata<br />

gamma Gehl a fianco della gamma da sollevamento.<br />

Macchine dalle caratteristiche uniche che puntano<br />

ad un target dove contenuti, concretezza e presenza<br />

della rete sono fondamentali<br />

Manitou punta<br />

alle imprese edili<br />

e stradali con la<br />

sua gamma di<br />

minipale gommate<br />

e cingolate che<br />

arrivano dalla<br />

gamma Gehl.<br />

Macchine offerte<br />

con i colori<br />

del marchio<br />

francese alla rete<br />

vendita ufficiale.<br />

Una decisa<br />

riorganizzazione<br />

della presenza<br />

dei diversi<br />

marchi aziendali<br />

per rafforzare<br />

ulteriormente un<br />

brand di valore.<br />

MANITOU<br />

Manitou raccoglie in toto la straordinaria<br />

eredità tecnologica del marchio Gehl e<br />

si posiziona sul mercato con le minipale<br />

gommate e cingolate con i suoi prestigiosi colori.<br />

Una scelta legata al riordino della divisione movimento<br />

terra con la definitiva scomparsa del marchio<br />

Mustang e la presenza dei due brand Gehl e<br />

Manitou distribuiti su due canali differenti e non<br />

in competizione fra loro.<br />

Una scelta logica e razionale che permette ai dealer<br />

delle macchine rosse e nere di essere presenti,<br />

con prodotti di alto livello, a fianco dei propri clienti<br />

delle imprese edili, stradali e di movimento terra.<br />

E anche di proporsi sul mercato del noleggio con<br />

un’immagine integrata e di sostanza.<br />

Una gamma che copre tutto il mercato<br />

La gamma completamente rinnovata ha puntato su<br />

contenuti tecnologici superiori senza però rinunciare<br />

alla concretezza a cui siamo abituati pensando<br />

alle macchine Gehl. Gli investimenti del costruttore<br />

portano verso una marcata diminuzione dei costi<br />

di esercizio. Tutti i nuovi modelli hanno una forza<br />

di strappo mediamente superiore del 12% rispetto<br />

alla gamma precedente. La capacità del serbatoio<br />

è aumentata del 14% dando quindi origine ad una<br />

superiore autonomia.<br />

Sono inoltre dotati di avviamento senza chiave che<br />

richiede l’attivazione tramite codice. Interessante, e<br />

siamo curiosi di toccarlo con mano, il nuovo sistema<br />

di comando con joystick pilotato e brevettato di<br />

serie. L’illuminazione a LED si associa a numerose<br />

innovazioni che facilitano la manutenzione grazie<br />

alla cabina sollevabile e ai punti di manutenzione<br />

centralizzati.<br />

Si tratta infatti di macchine con un profondo DNA<br />

“made in USA” dove i contenuti concreti sono<br />

sempre stati il vero punto di forza. Ragion per cui,<br />

storicamente, il posto guida ed il comfort sono<br />

stati messi in secondo piano. A fronte di elementi<br />

tecnici come l’elevata resistenza alle sollecitazioni<br />

idrauliche e la robustezza che permette di operare in<br />

modo produttivo con frese e attrezzature idrauliche<br />

performanti.<br />

Oggi le cose sono profondamente cambiate e a fianco<br />

di questi fondamentali contenuti tecnici ne sono<br />

stati aggiunti altri.<br />

Infatti i progettisti Manitou puntano oggi ad un<br />

comfort superiore grazie alla presenza di serie del<br />

sistema brevettato “IdealTrax”. Si tratta di un tensionamento<br />

automatico dei cingoli che da un lato ne<br />

prolunga la durata. Dall’altro, invece, permettono di<br />

aumentare il comfort grazie ad un costante e corretto<br />

tensionamento dei cingoli.<br />

La dotazione opzionale prevede LED aggiuntivi sui<br />

lati, impianto idraulico high-flow, telecamera posteriore<br />

e altri allestimenti per soddisfare le esigenze<br />

degli utilizzatori. Da chi opera su strada fino a chi,<br />

invece, lavora in agricoltura.<br />

L’attenzione per la riduzione del TCO<br />

Il costruttore francese ha inoltre puntato in modo<br />

chiaro verso un TCO più competitivo. Il costo totale<br />

di proprietà dei nuovi modelli, infatti, si è ridotto.<br />

Il modello 2750VT, ad esempio, ha un TCO di 16<br />

€ l’ora con una riduzione media del 7,2% rispetto<br />

alla gamma precedente.<br />

Con i nuovi modelli il gruppo Manitou propone<br />

inoltre al mercato un design nuovo e meno massiccio.<br />

Segno della volontà aziendale di aumentare la<br />

propria presenza nel settore con macchine nuove,<br />

più prestazionali e che vadano incontro alle esigenze<br />

degli operatori attuali.<br />

L’offerta si articola oggi su 22 modelli con capa-<br />

cità operative nominali che spaziano da 386 kg a<br />

1.497 kg. L’architettura dei bracci è sia radiale, sia<br />

verticale per andare incontro ad esigenze operative<br />

differenti. Le motorizzazioni sono Yanmar per garantire<br />

le prestazioni e l’affidabilità a cui i clienti<br />

Manitou sono abituati. Ai due estremi delle gamme<br />

abbiamo due macchine gommate.<br />

Parliamo della piccola 850R, con una larghezza di<br />

90 cm ed un peso operativo di 1.352 kg per arrivare<br />

alla 3300V NXT2 da 4.123 kg per una larghezza di<br />

lavori di 1.880 mm.<br />

In mezzo abbiamo modelli, gommati e cingolati,<br />

con impostazioni indirizzate a specifici target e<br />

soluzioni che, per chi impiega queste macchine in<br />

modo specifico con attrezzature ad alte prestazioni<br />

per lavori stradali.<br />

Di fatto il costruttore dispone oggi di una gamma<br />

che non vuole rinnegare le sue tradizioni di alte<br />

prestazioni e affidabilità costruttiva. Al contempo<br />

si propone con dei nuovi contenuti che strizzano<br />

l’occhio a chi invece rincorre le novità ad ogni costo.<br />

Il concetto chiave che non è mai abbandonato<br />

è di avere delle macchine in grado di lavorare con<br />

risultati positivi e senza dare noie a chi, in cantiere,<br />

ha delle evidenti esigenze produttive.<br />

Un settore che sta diventando strategico<br />

Nathan Ryan, responsabile della linea di minipale<br />

compatte di Manitou, ha sottolineato che «abbiamo<br />

concentrato i nostri sforzi sul miglioramento<br />

di cinque aree principali. Ossia sicurezza, comfort,<br />

produttività, semplificazione e facilità di manutenzione.<br />

Tutti i modelli sono a sollevamento verticale<br />

e offrono un design rinnovato del braccio di sollevamento.<br />

Anche la postazione di guida è stata ridisegnata,<br />

con una versione migliorata del nostro<br />

sportello pieghevole brevettato. La nuova cabina<br />

offre inoltre una delle migliori visibilità sul mercato,<br />

grazie al nuovo design dei finestrini e del<br />

tettuccio».<br />

Gli investimenti effettuati dal costruttore francese<br />

in questo specifico settore iniziano quindi a dare i<br />

risultati previsti con una visione strategica che, nel<br />

passato, è forse stata leggermente offuscata dalla<br />

ovvia attenzione verso il principale core-business<br />

aziendale rappresentato dai sollevatori telescopici.<br />

Oggi Manitou è sicuramente uno dei costruttori di<br />

macchine per le costruzioni più attivo e in fase di<br />

sviluppo di tutto il mercato. Il movimento terra è<br />

oggi uno degli asset su cui l’azienda si sta concentrando<br />

con attenzione e la nuova gamma di minipale<br />

gommate e cingolate è il segno evidente che il marchio<br />

voglia ampliare i propri orizzonti.<br />

La gamma di<br />

minipale gommate<br />

e cingolate di<br />

Manitou riprende<br />

tutte le novità dei<br />

nuovi modelli Gehl<br />

che il costruttore<br />

aveva presentato in<br />

anteprima a Bauma<br />

2022. Macchine<br />

ad elevato valore<br />

aggiunto con<br />

soluzioni di alta<br />

gamma che stanno<br />

arrivando sul<br />

mercato europeo in<br />

modo organizzato<br />

e rappresentano<br />

una seria alternativa<br />

in un mercato<br />

che ha bisogno<br />

di concretezza,<br />

affidabilità ed una<br />

presenza stabile<br />

sul mercato. I<br />

concessionari<br />

Manitou che<br />

hanno deciso di<br />

commercializzare<br />

queste macchine<br />

sono stati<br />

appositamente<br />

selezionati e<br />

avranno un<br />

canale distributivo<br />

preferenziale.<br />

46<br />

47


SIMEX. Le soluzioni per gallerie<br />

NECESSITÀ<br />

E SOLUZIONE<br />

Simex propone al mercato la nuova fresatrice<br />

per gallerie MP 1000HD. Una risposta tecnica<br />

e precisa alle sempre crescenti necessità che<br />

i lavori di adeguamento delle gallerie esistenti<br />

richiedono. Pensata per escavatori da 35 a 60<br />

tonnellate modificati per il tunnelling, dispone<br />

di un motore idraulico a pistoni in grado di<br />

sviluppare una potenza di 200 kW<br />

SIMEX ha sviluppato<br />

un’attrezzatura<br />

idraulica specifica<br />

per la scarifica e<br />

la sanificazione<br />

delle calotte<br />

delle gallerie.<br />

Un’applicazione<br />

sempre più diffusa<br />

per fare fronte<br />

alle manutenzioni<br />

necessarie di questi<br />

manufatti.<br />

SIMEX<br />

Simex è un costruttore che ha scritto pagine<br />

importanti nel mondo delle attrezzature<br />

idrauliche ad alte prestazioni. E’ quindi stato<br />

immediato, declinando il concetto di scarificatrice<br />

stradale, fornire una risposta concreta alla sempre<br />

maggiore esigenza di operare sulle calotte delle<br />

gallerie. Lavori che richiedono precisione operativa<br />

e velocità esecutiva sia per i ritmi di cantiere,<br />

sia per non danneggiare le strutture ammalorate.<br />

Strutture che vanno risanate una volta rimosso lo<br />

strato superficiale danneggiato. L’azienda di San<br />

Giovanni in Persiceto ha maturato un’esperienza<br />

di grande respiro nelle scarificatrici tale da consentirgli<br />

di affrontare applicazioni gravose in modo<br />

efficiente.<br />

MP 1000HD, 200 kW contro il calcestruzzo<br />

Il progetto della MP 1000HD nasce da un’esigenza<br />

specifica di Amplia Infrastructures per l’asportazione<br />

di superfici ammalorate sulle volte delle gallerie.<br />

Si tratta di una scarifica ad alte prestazioni in grado<br />

di affrontare lavori particolarmente gravosi. La sigla<br />

HD è infatti il classico acronimo di Heavy-Duty<br />

ed indica in modo chiaro le caratteristiche costruttive<br />

ed operative.<br />

L’attrezzatura è stata pensata per escavatori<br />

idraulici con peso operativo fra 35 e 60 tonnellate.<br />

Ovviamente macchine trasformate in modo specifico<br />

per operare in galleria.<br />

Le caratteristiche tecniche di base sono molto<br />

interessanti:<br />

- motori a pistoni in presa diretta con il tamburo<br />

in grado di fornire una potenza idraulica di 200 kW<br />

ed una forza al dente di 65 kN (6.620 kgf)<br />

- regolazione idraulica della profondità di scarifica<br />

fino a 150 mm tramite ruote laterali<br />

- regolazione idraulica indipendente fra ruota<br />

destra e ruota sinistra per realizzare agevolmente<br />

passate parallele continue<br />

- dispositivo idraulico di allineamento con la<br />

parete<br />

- rotazione idraulica a 360°<br />

- kit potenziato di nebulizzazione acqua per abbattimento<br />

polveri<br />

Una 4.000 kg con una base speciale<br />

Il peso operativo della MP 4000HD è di 4.000 kg.<br />

Per l’accoppiamento è ovviamente necessario un<br />

escavatore in grado di fornire le prestazioni idrauliche<br />

necessarie. Macchine che siano in grado di<br />

essere performanti nel lavoro sotto alla calotta della<br />

galleria. Nel caso specifico Amplia Infrastructures<br />

ha deciso per la costruzione di una macchina specifica<br />

affidata alla Laurini Costruzioni Meccaniche<br />

di Busseto (PR).<br />

Più che di un escavatore, di cui condivide il sottocarro<br />

e la torretta su ralla, si tratta di una macchina<br />

espressamente dedicata a questo impiego.<br />

La particolare geometria di lavoro, ottenuta grazie<br />

ad un braccio telescopico che ruota su ralla, consente<br />

di collocare la macchina nella mezzeria della galleria<br />

per procedere poi lungo l’asse. Il braccio è in grado<br />

di compiere un arco di rotazione di 240° che consente<br />

di scarificare la calotta in modo preciso e continuo.<br />

Operando per passate successive affiancate, la<br />

macchina procede in modo continuo lasciando una<br />

superficie perfettamente levigata.<br />

Stiamo quindi parlando di un vero e proprio<br />

porta attrezzi realizzato in modo specifico per questa<br />

applicazione e che, insieme alla MP 4000HD<br />

consente di aumentare in modo esponenziale l’efficienza<br />

operativa del cantiere realizzando un lavoro<br />

ottimamente rifinito con ritmi produttivi elevati.<br />

Nelle gallerie della A1<br />

L’applicazione della Simex MP 1000HD avviene in<br />

numerose gallerie che insistono sul tracciato autostradale<br />

della A1. Manufatti che risentono del peso<br />

dell’età e che richiedono numerosi interventi di risanamento<br />

per allungarne la vita operativa.<br />

La profondità di scarifica, insieme all’uniformità<br />

del lavoro eseguito, sono garantite dalle ruote laterali<br />

a gestione idraulica indipendente.<br />

Fondamentale è anche l’attacco inclinabile ad<br />

ammortizzazione idraulica. I controlli avvengono<br />

tutti da remoto da parte di un operatore che può<br />

quindi controllare in modo diretto l’avanzare del<br />

lavoro in posizione protetta e sicura.<br />

La geometria di lavoro consente di eseguire una<br />

scarifica ottimale partendo da terra, proseguendo sui<br />

piedritti e andando fino al culmine della calotta per<br />

poi proseguire sulla seconda metà dell’arco.<br />

La rimozione delle parti ammalorate<br />

Operando con la MP 1000HD si è constatato come<br />

le calotte di copertura presentassero diverse fessurazioni,<br />

nidi di ghiaia e profonde infiltrazioni. La possibilità<br />

di regolare con precisione ed idraulicamente<br />

la profondità di lavoro ha consentito di intervenire<br />

in modo molto puntuale a seconda del danno rilevato.<br />

La scarifica è stata quindi di 5 cm laddove<br />

il problema era solo superficiale. Si è potuto poi<br />

procedere localmente fino a 10 cm nel momento in<br />

cui il danno era invece più profondo.<br />

La possibilità di portare a termine delle operazioni<br />

di rimozione del calcestruzzo in modo così “chirurgico”<br />

ha poi consentito di rendere più efficaci gli<br />

interventi di risanamento.<br />

Infatti il ripristino successivo tiene conto del tipo di<br />

danneggiamento pregresso. Dopo la scarifica delle<br />

superfici asciutte si sono impiegate malte pensate<br />

per ridare la giusta consistenza.<br />

Laddove invece si sono presentate infiltrazioni d’acqua<br />

si è lavorato con membane drenanti. In questo<br />

modo l’umidità e l’eccesso di acqua sono state convogliate<br />

in apposite canalette per poi essere smaltite<br />

all’esterno della galleria.<br />

La MP 1000HD, partendo dal concetto base delle<br />

scarificatrici a cui siamo abituati ha portato in cantiere<br />

un modo differente e più efficiente di affrontare<br />

questi delicati e sempre più diffusi lavori in galleria.<br />

SIMEX ha spostato<br />

ancora una volta<br />

più in alto l’asticella<br />

dell’efficienza<br />

operativa in lavori<br />

complessi e<br />

delicati.<br />

La nuova MP<br />

4000HD è infatti in<br />

grado di scarificare<br />

le calotte delle<br />

gallerie in modo<br />

efficiente e<br />

performante.<br />

Pensata infatti per<br />

impieghi gravosi è<br />

in grado allo stesso<br />

tempo di operare<br />

con precisione<br />

molto elevata.<br />

Questo grazie<br />

alla regolazione<br />

idraulica della<br />

profondità di 150<br />

mm. Il dispositivo<br />

di allineamento<br />

idraulico con<br />

la parete e la<br />

possibilità di<br />

ruotare a 360°<br />

permettono<br />

di adattarsi<br />

perfettamente a<br />

qualsiasi profilo<br />

delle calotte.<br />

48<br />

49


OMS. Al di là delle “semplici” finitrici<br />

SPECIALISTI<br />

DEL PAVING<br />

L’esperienza sul campo della OMS si è concretizzata<br />

nel tempo con una struttura di riconosciuti specialisti<br />

del paving consacrata con l’importazione europea<br />

delle finitrici Sumitomo. Ma non solo. Anche le<br />

minifinitrici Hanta ed i rulli Ammann affiancati da<br />

tecnologie di gestione del processo e additivi<br />

ecologici vegetali per il riciclaggio a freddo<br />

La OMS è ormai<br />

conosciuta per il<br />

forte legame con<br />

Sumitomo con cui<br />

collabora ormai<br />

da oltre dieci<br />

anni. Un rapporto<br />

consolidato<br />

che ha portato<br />

alla gestione<br />

dell’importazione<br />

europea delle<br />

finitrici giapponesi.<br />

OMS<br />

Ci sono aziende che, sebbene piccole, sono riconosciute<br />

per la loro professionalità e competenza.<br />

Nel mondo delle costruzoni stradali<br />

la OMS della famiglia Bressan è sicuramente una di<br />

queste. Nata nel 1989, la OMS è stata a lungo legata<br />

al marchio tedesco ABG fino a quando il costruttore<br />

non è entrato nell’orbita di Volvo CE.<br />

Da allora la OMS ha iniziato un percorso virtuoso<br />

con Sumitomo che è arrivato oggi con l’ufficialità<br />

dell’importazione europea.<br />

Un cammino dove la competenza tecnica ed<br />

il posto vendita sono stati determinanti per dare<br />

supporto ai clienti ed ai concessionari europei che<br />

hanno deciso di operare con il costruttore giapponese.<br />

Ma non solo.<br />

Per chi ha necessità di lavorare in spazi ristretti<br />

sono arrivate anche le minifinitrici Hanta e la gamma<br />

di compattazione Ammann. Una filiera, quella<br />

della pavimentazione, gestita in toto anche con<br />

sistemi di controllo dei flussi operativi e additivi<br />

biologici per il riciclaggio a freddo.<br />

La visione comune con Sumitomo<br />

Il binomio OMS-Sumitomo è ormai conosciuto tra<br />

gli addetti ai lavori. Una vera e propria visione comune<br />

dove i contenuti tecnici di alto livello delle<br />

macchine giapponesi sono un valore aggiunto per le<br />

imprese. I modelli gommati e cingolati del marchio<br />

si distinguono per il banco J-Paver con caratteristiche<br />

uniche sul mercato. La prima e più evidente<br />

è la possibilità di lavorare in continuo fra 2,30 e<br />

6,00 metri senza utilizzare allargatori meccanici.<br />

Questo permette anche il trasporto della macchina<br />

nella sagoma limite di 2,50 metri di larghezza senza<br />

smontare le sponde laterali La regolazione idraulica<br />

trasversale consente di mantenere in modo corretto<br />

la planarità senza quei salti di livello che, anche se<br />

corretti in seguito con il rullo compattatore, generano<br />

comunque una differenza di densità nel conglomerato.<br />

Operazione che si effettua in pochi istanti<br />

direttamente dalla pulsantiera del banco.<br />

Fondamentale anche la precompattazione data<br />

dall’azione congiunta fra lo Strike-Off e il Mold-<br />

Board. Questo permette di limitare l’azione dei rulli<br />

compattatori che lavorano al seguito della macchina.<br />

Accorgimenti tecnici che aumentano l’efficienza<br />

complessiva, la durata del tamper e richiedono<br />

meno passaggi di compattazione. Un’ottimizzazione<br />

complessiva che prevede minori consumi della<br />

finitrice associati ad una maggiore economia di<br />

cantiere.<br />

Hanta, piccole e tecnologiche<br />

Per chi invece ha esigenze operative legate a piccoli<br />

cantieri, stesa su marciapiedi o chiusura di trincee<br />

per la posa di servizi vi sono le minifinitrici Hanta.<br />

Si tratta di macchine compatte e versatili progettate<br />

per operare su strade secondarie, marciapiedi o<br />

piazzali dove l’accesso può essere difficile per macchine<br />

più grandi. Le caratteristiche fondamentali<br />

sono le dimensioni compatte, la facilità di trasporto<br />

e la manovrabilità. Al tempo stesso offrono prestazioni<br />

affidabili e di alta qualità. I modelli disponibili<br />

sono caratterizzati da larghezza di stesa regolabile<br />

tra 0,8 e 1,4 metri oppure tra 1,4 e 3,2 metri.<br />

Una delle caratteristiche di punta delle minifinitrici<br />

Hanta è la piastra Zscreed. La sua forza<br />

operativa è quella di potersi estendere da 1,4 a 3,2<br />

m in continuo. Risulta fondamentale la comodità<br />

di poter modificare istantaneamente la larghezza di<br />

stesa durante la pavimentazione. Questo non preclu-<br />

de però l’elevata rigidità per un eccellente livello di<br />

finitura. La pedana estendibile per l’intera larghezza<br />

di 3,2 m consente inoltre all’operatore di spostarsi<br />

fino alla fine della larghezza di stesa.<br />

La qualità costruttiva rientra nei canoni classici<br />

delle macchine giapponesi con una grande cura dei<br />

dettagli e dell’affidabilità complessiva.<br />

Ammann, compattazione efficiente<br />

Nella compattazione la OMS ha invece stretto<br />

una partnership con la elvetica Ammann. Stiamo<br />

parlando in particolare dei rulli e della gamma di<br />

compattazione leggera in grado di essere un valido<br />

complemento per le imprese che operano con l’azienda<br />

lombarda e che si appoggiano al loro servizio<br />

post-vendita.<br />

Tecnologia e additivi. La strada dell’efficienza<br />

A fianco delle macchine è però fondamentale l’apporto<br />

tecnologico. La OMS ha infatti sviluppato<br />

diversi dispositivi per la telemetria. Come il PPCS<br />

che, tramite una serie di sensori di bordo, monitora<br />

costantemente i parametri di lavoro delle finitrici.<br />

Li trasmette ad un server per l’utilizzo in tempo<br />

reale ed in fase di rendicontazione. I sensori a sfilo<br />

montati sulle estensioni idrauliche del banco misurano<br />

e registrano in modo continuo le larghezze<br />

di stesa. Il display con tastierino integrato mostra<br />

i dati registrati dallo strumento e i valori in tempo<br />

reale di lunghezza, larghezza di stesa, area pavimentata<br />

e velocità di avanzamento. Inserendo i dati<br />

di alimentazione della finitrice si ha il totale del<br />

materiale steso e la quantità per metro quadrato. Il<br />

server raccoglie tutte le informazioni inviate dallo<br />

strumento in tempo reale. Si controlla quindi la<br />

logistica ed il computo dei lavori eseguiti. Tutti i<br />

lavori, memorizzati e salvati, sono consultabili in<br />

qualsiasi momento. PPCS traccia e memorizza tutte<br />

le aree pavimentate tramite l’antenna GPS visualizzando<br />

tutti i tracciati su mappe integrate. Un altro<br />

dispositivo è il MatManager<br />

– Paving quality System per<br />

controllare la rendicontazione di<br />

tutti i parametri chiave dei lavori<br />

di pavimentazione stradale come<br />

richiesto nei capitolati degli Enti<br />

appaltanti.<br />

A questo sistema organico<br />

di macchine e tecnologie si affiancano<br />

anche i nuovi additivi<br />

ecologici per i conglomerati bituminosi<br />

riciclati a freddo. L’impiego<br />

è estremamente semplice<br />

ed efficace e le caratteristiche<br />

tecniche di base permettono una<br />

veloce asciugatura con tempi di<br />

riapertura al traffico estremamente<br />

veloci a favore di sicurezza<br />

ed efficienza con un impatto<br />

ambientale ridotto a 360°.<br />

Le finitrici<br />

Sumitomo e Hanta<br />

si completano in<br />

modo organico<br />

mirando a<br />

target differenti<br />

ma offrendo<br />

comunque un<br />

livello tecnologico<br />

molto elevato in<br />

due ambiti operativi<br />

differenti. Oltre<br />

ai due costruttori<br />

del Sol Levante la<br />

OMS si affida anche<br />

ad Ammann per<br />

la compattazione<br />

con la gamma di<br />

macchine leggere<br />

del costruttore<br />

svizzero. Si tratta<br />

quindi di un’offerta<br />

completa che<br />

permette alle<br />

imprese che<br />

lavorano con la<br />

OMS di avere<br />

un riferimento<br />

affidabile e<br />

professionale per il<br />

post vendita.<br />

50<br />

51


Mantovanibenne. Booster demolition<br />

DOPPIO<br />

BOOSTER<br />

Continua l’ampliamento della gamma di attrezzature<br />

dotate di moltiplicatore di pressione. Dopo il<br />

frantumatore rotante RP20-IT BB presentato nel corso<br />

dell’ultimo Samoter è in arrivo la pinza primaria<br />

CR26 BB. L’abbiamo vista a confronto con il modello<br />

convenzionale CR26 nel cantiere di Cambiago della<br />

Monaci Demolizioni<br />

MANTOVANIBENNE<br />

sta allargando la<br />

propria gamma di<br />

attrezzature dotate<br />

di moltiplicatore di<br />

pressione. Dopo<br />

il frantumatore<br />

RP10-IT BB visto a<br />

Samoter è in arrivo<br />

la primaria CR26 BB.<br />

MANTOVANIBENNE<br />

Mantovanibenne non si ferma mai e continua<br />

lo sviluppo della sua gamma di attrezzature<br />

per la demolizione. L’azienda di Mirandola,<br />

che ha appena compiuto 60 anni e vede oggi ben<br />

tre generazioni attive in azienda, basa da sempre<br />

il suo successo su ricerca e sviluppo. Un mantra<br />

che ha visto l’arrivo del moltiplicatore di pressione<br />

sulle sue attrezzature medie. Con la presentazione,<br />

all’ultimo Samoter, del frantumatore RP20-IT BB.<br />

Dopo la frantumazione secondaria, dove la velocità<br />

di esecuzione è spesso determinante in termini<br />

di efficienza e produttività, ecco arrivare il “booster”<br />

anche sulle attrezzature dedicate alla demolizione<br />

primaria. Una scelta di affiancamento alla<br />

linea convenzionale che va verso target differenti<br />

fra loro.<br />

La doppia tecnologia<br />

Abbiamo visto la nuova CR16 BB in un cantiere<br />

della Monaci Demolizioni. Azienda specializzata<br />

e cliente di riferimento del costruttore. Abbiamo<br />

parlato con Jacopo Mantovani, responsabile commerciale<br />

e marketing dell’azienda di Mirandola,<br />

di questa doppia tecnologia nella propria gamma.<br />

«Siamo consapevoli che le nostre macchine con<br />

tecnologia convenzionale” ci ha spiegato Jacopo<br />

“siano molto apprezzate e produttive. Ciò non toglie<br />

che la tecnologia dei moltiplicatori di pressione<br />

sia costruttivamente molto interessante. Così come<br />

succede con le nostre cesoie, che sono oggi presenti<br />

con due gamme affiancate, anche le attrezzature<br />

con il booster ci permetteranno di avere target diversificati.<br />

O quanto meno di consentire ai nostri<br />

clienti di scegliere in che modo operare».<br />

E continua. «In Mantovanibenne investiamo<br />

sempre in nuove soluzioni e nuove tecnologie. La<br />

nostra filosofia è di avere una crescita costante nel<br />

tempo. E la sosteniamo passo dopo passo in modo<br />

sostenibile e concreto. Non amiamo i voli pindarici<br />

e ci piace essere sul mercato con macchine che<br />

siano un vero aiuto per chi lavora in cantiere. Lo<br />

sviluppo delle attrezzature con il moltiplicatore di<br />

pressione segue ovviamente questo rigido percorso.<br />

Un iter che ci vede in campo al fianco dei nostri<br />

clienti storici per lavorare insieme a loro cogliendo<br />

suggerimenti e indicazioni operative».<br />

Le due tecnologie si confrontano<br />

La collaborazione fra Monaci Demolizioni e Mantovanibenne<br />

va oltre il semplice rapporto cliente/<br />

fornitore. Le due realtà collaborano attivamente<br />

anche nel testare sul campo le nuove attrezzature e<br />

le nuove tecnologie.<br />

Nel cantiere di Cambiago la Monaci Demolizioni<br />

è impegnata nel completo abbattimento di un fabbricato<br />

industriale per fare spazio a nuovi edifici<br />

produttivi. «Si tratta di un complesso edilizio tutto<br />

sommato recente - ci spiega Michael Monaci<br />

dell’impresa omonima - Questo significa che il calcestruzzo<br />

è di una qualità molto buona mettendo<br />

alla prova le attrezzature. E’ quindi il palcoscenico<br />

ideale per confrontare la nostra CR26R con la nuova<br />

CR26R BB».<br />

E prosegue. «Questo tipo di demolizioni saranno<br />

sempre più frequenti in futuro. La scelta di introdurre<br />

nuove tecnologie da parte di Mantovanibenne<br />

va proprio in questa direzione. Anche se dobbiamo<br />

dire con tutta onestà che fino ad ora le attrezzature<br />

con tecnologia convenzionale sono veramente<br />

efficienti e ben riuscite. La CR26R in particolare<br />

è una pinza estremamente produttiva che usiamo<br />

sia sulle macchine medie con braccio scavo, sia<br />

sulle macchine grandi con bracci per grandi altezze.<br />

Mettere la nuova CR26R BB a confronto con la<br />

CR26R convenzionale è un buon banco di prova. Si<br />

tratta infatti di una prova indicativa sia per Mantovanibenne<br />

che per noi».<br />

CR26 e CR16 BB. Gemelle diverse in azione<br />

Con un peso operativo di 2.100 kg comprensivo di<br />

attacco standard del costruttore, la CR26R si caratterizza<br />

per un’apertura massima delle chele di 1.100<br />

mm. L’altezza è di 2.100 mm e l’operatività avviene<br />

con una pressione dell’olio fra 280 e 320 bar. A fronte<br />

di portate fra 220 e 250 l/min.<br />

Si tratta di fatto di una macchina che presidia la<br />

fascia più importante del mercato e con cui Mantovanibenne<br />

ha costruito una fetta importante della<br />

propria reputazione. La rotazione è idraulica a 360°.<br />

La CR26R BB segue la stessa geometria con<br />

il telaio di base di identica impostazione. La differenza<br />

sostanziale consiste nella dimensione dei<br />

cilindri. Nel caso della CR26R abbiamo infatti<br />

un diametro, e di conseguenza un volume d’olio,<br />

superiore. La CR26R BB dispone invece di cilindri<br />

con un diametro inferiore. La ovvia differenza<br />

di prestazioni in termini di forza è colmata dalla<br />

presenza del doppio booster. Mantovanibenne ha<br />

infatti scelto di dotare ogni cilindro di un moltiplicatore<br />

integrato nella struttura stessa del cilindro.<br />

Infatti la maggiore forza di rottura, legata in<br />

modo proporzionale alla superficie di lavoro<br />

dell’olio idraulico, è data dalla presenza del moltiplicatore<br />

di pressione. Il minore volume di cilindri,<br />

e di conseguenza il minore flusso di olio idraulico,<br />

permette quindi di avere una velocità superiore e<br />

quindi una maggiore efficienza.<br />

L’apprezzata efficienza della CR26R con tecnologia<br />

convenzionale deriva da un’impostazione<br />

di base dove la geometria di lavoro, il profilo dei<br />

denti e la Speed-Valve sono elementi fondamentali.<br />

Una macchina che ha contribuito in modo determinante<br />

al successo di Mantovanibenne.<br />

La geometria a doppio perno centrale permette<br />

infatti l’apertura di 1.100 mm e al contempo<br />

aumenta la forza trasferita alle punte. La Speed-<br />

Valve, coperta da brevetto, permette di avere cicli<br />

più rapidi e proteggere l’impianto idraulico dai<br />

picchi di pressione. Il profilo dei denti è ottimizzato<br />

per mantenere a lungo la forma affilata. A<br />

richiesta sono anche disponibili chele con denti<br />

intercambiabili. Un tipo di allestimento che trova<br />

ampio consenso soprattutto sul mercato tedesco<br />

ma che penalizza leggermente le prestazioni con<br />

materiali compatti.<br />

La pinza primaria<br />

Mantovanibenne<br />

CR26 BB si<br />

affianca al modello<br />

convenzionale e<br />

allarga l’offerta<br />

del costruttore<br />

emiliano delle<br />

attrezzature dotate<br />

di moltiplicatore di<br />

pressione iniziata<br />

con il frantumatore<br />

RP20-IT BB<br />

presentato allo<br />

scorso Samoter.<br />

L’arrivo di questa<br />

tecnologia sulle<br />

attrezzature<br />

dell’azienda di<br />

Mirandola si<br />

concentra per<br />

ora sui modelli<br />

medi più diffusi<br />

da impiegare su<br />

macchine con pesi<br />

operativi dalle 25<br />

alle 35 tonnellate<br />

di peso operativo.<br />

Una scelta legata<br />

agli effettivi<br />

vantaggi che<br />

potrebbero<br />

esserci su questa<br />

taglia di macchine<br />

e attrezzature<br />

impegnate a 360°<br />

in demolizioni<br />

di ogni tipo e<br />

dimensione.<br />

52<br />

53


EFFER. La gamma iQ<br />

MISSIONE<br />

CANTIERE<br />

La gamma iQ di EFFER è pensata per massimizzare<br />

le prestazioni in ambiti complessi e difficilmente<br />

programmabili come i cantieri edili. Le soluzioni<br />

tecniche messe a punto dal costruttore sono<br />

infatti pensate per risolvere i problemi concreti di<br />

piazzamento, spazio di manovra e sollevamenti ad<br />

altezze importanti con ostacoli di ogni tipo.<br />

Le gru EFFER<br />

hanno un’ottima<br />

reputazione nel<br />

mercato delle<br />

macchine ad<br />

alte prestazioni<br />

e la gamma iQ<br />

ha ulteriormente<br />

alzato il livello<br />

delle prestazioni<br />

operative.<br />

EFFER<br />

EFFER è uno dei nomi del sollevamento che<br />

evoca prestazioni, robustezza e sollevamenti<br />

impegnativi. Il marchio è infatti uno dei costruttori<br />

che si è costruito una solida reputazione<br />

nel settore delle gru articolate per autocarro ad alte<br />

prestazioni. L’azienda emiliana fa oggi parte della<br />

Cargotec Corporation insieme a HIAB e non ha mai<br />

snaturato la propria filosofia di base. Al contrario, le<br />

sinergie tecnologiche fondamentali fra le due realtà<br />

hanno permesso di rafforzare ulteriormente le prestazioni<br />

e le potenzialità operative delle macchine<br />

del Gruppo.<br />

La gamma iQ è esattamente il frutto di queste<br />

fondamentali sinergie dove da un lato abbiamo una<br />

forte esperienza nelle alte prestazioni e dall’altro<br />

una visione globale, organizzativa e tecnologica.<br />

Elementi complementari che, fondendosi tra loro<br />

in modo organico, permettono di affacciarsi sul<br />

mercato con prodotti dall’elevato valore aggiunto.<br />

Macchine che si presentano oggi con caratteristiche<br />

sostanzialmente uniche.<br />

Safety first<br />

La sicurezza, in particolar modo nel campo del<br />

sollevamento, è molto più che fondamentale. Poter<br />

operare con elevate prestazioni in spazi spesso<br />

preclusi alle convenzionali gru da autocarro a cui<br />

siamo mentalmente abituati è uno degli obiettivi<br />

primari della gamma iQ.<br />

Il sistema alla base di questo nuovo modo di<br />

immaginare e vedere il cantiere è il sistema di controllo<br />

SPACEevo.<br />

Si tratta di una piattaforma software, aperta e<br />

moderna, che permette anche di aggiungere funzionalità<br />

nel tempo. Questo assicura alle macchine<br />

della gamma iQ una lunga vita d’uso ed un valore<br />

maggiore rispetto a macchine convenzionali.<br />

Il fatto di poter continuamente aggiornare la<br />

macchina con funzionalità di livello superiore permette<br />

di rispondere, ad esempio, ad esigenze operative<br />

molto specifiche e calate sull’utilizzatore.<br />

Un software a poco serve se non vi è un equipaggiamento<br />

hardware di livello. A bordo è quindi<br />

presente un processore dual-core con attuatori<br />

e cablaggi che permettono di lavorare in qualsiasi<br />

condizione ambientale. Anche le più estreme.<br />

È quindi possibile dare potenza alla gru quando<br />

è necessario ma, al contempo, aumentando sempre<br />

l’affidabilità e la durabilità durante ogni tipo di applicazione.<br />

Questo perché la macchina viene sfruttata<br />

in modo intelligente ed in base alla sua effettiva<br />

posizione di lavoro, alla sua stabilizzazione ed al<br />

carico che sta sollevando in quel preciso istante.<br />

CombiDrive4, il pieno controllo dei movimenti<br />

Il controllo di tutti i movimenti avviene tramite il<br />

radiocomando CombiDrive4. Si tratta di un dispositivo<br />

ad alte prestazioni che permette di avere un<br />

eccellente controllo su tutta la macchina. Infatti<br />

l’operatore riceve continue informazioni ed eventuali<br />

allarmi in caso di necessità. Ogni informazione<br />

trasmessa risulta chiara e immediata grazie ai<br />

tre grandi display a colori ottimizzati per avere la<br />

massima visibilità anche in condizioni di forte luminosità<br />

esterna.<br />

Da un punto di vista operativo, in piena sintonia<br />

con le linee progettuali della gamma iQ, è possibile<br />

eseguire dei settaggi personalizzati. Ogni operatore<br />

può quindi selezionare le configurazioni operative a<br />

lui più adatte. Questo consente di ottimizzare l’impiego<br />

della gru in ogni condizione operativa aumentando<br />

quindi il livello di sicurezza e le potenzialità<br />

applicative.<br />

Da un punto di vista operativo le batterie utilizzate<br />

per il radiocomando CombiDrive4 permettono<br />

di memorizzare queste impostazioni. Esattamente<br />

come succede nel caso di alcuni modelli di drone.<br />

L’operatore può così utilizzarle ogni volta che usa<br />

la macchina trovandosi le impostazioni personalizzate<br />

in modo immediato. Fra queste impostazioni<br />

vi sono molteplici elementi operativi fondamentali.<br />

Fra queste anche la velocità dei movimenti della<br />

macchina. Inoltre le batterie hanno un’autonomia<br />

superiore ed il sistema di feedback ad impulsi invia<br />

segnali specifici che consentono all’operatore di<br />

capire le reazioni della gru ed utilizzarla quindi in<br />

modo più sicuro, efficiente e semplice.<br />

La gamma iQ è infatti composta da gru ad alte prestazioni<br />

spesso impiegate in cantieri complessi. Il<br />

radiocomando a volte non consente di avere il pieno<br />

controllo delle reazioni della macchina. Avere quindi<br />

dei segnali che indicano le reazioni della macchine<br />

è quindi fondamentali. Da questo punto di vista<br />

sia gli operatori molto esperti che quelli con meno<br />

esperienza potranno avere dei vantaggi immediati in<br />

termini di sicurezza. La gestione dei carichi avviene<br />

infatti in piena sicurezza riducendo, fra le altre cose,<br />

la complessità delle manovre più complesse.<br />

Confirm View<br />

La nuova generazione del CombiDrive4 comprende,<br />

tra le funzionalità legate alla sicurezza operativa,<br />

l’individuazione automatica da parte della gru<br />

della posizione dell’operatore. In questo modo sono<br />

abilitati gli stabilizzatori dove si trova la persona<br />

che aziona la gru con la certezza che siano nel suo<br />

cono visivo.<br />

Dynamic Load Charts<br />

La gamma iQ comprende questo sistema che simula<br />

una stabilizzazione preventiva riducendo i tempi<br />

di piazzamento della macchina ed aumentando sia<br />

il comfort dell’operatore che usa il radiocomando,<br />

sia l’effettiva sicurezza. Una funzione che permette<br />

di controllare una fase fondamentale per la sicurezza<br />

e l’efficienza del cantiere. Evitando quindi quindi<br />

qualsiasi successiva manovra di aggiustamento.<br />

Variable Stability Logic Plus<br />

Operazione che avviene in base all’apertura effetiva<br />

degli stabilizzatori e del carico presente sul camion<br />

usando in modo dinamico il peso del carico stesso<br />

per aumentare la prestazione totale in sollevamento<br />

affidandosi sulla stabilità effettiva del veicolo in<br />

base al suo peso in quel preciso istante.<br />

La gamma iQ di<br />

EFFER si distingue<br />

per una lunga<br />

serie di soluzioni<br />

tecniche che<br />

ottimizzano le<br />

prestazioni e<br />

permettono di<br />

operare in contesti<br />

complessi come<br />

i cantieri edili.<br />

Situazioni operative<br />

dove i piazzamenti<br />

non sono sempre<br />

ottimali e dove<br />

occorre, quindi,<br />

poter comunque<br />

sfruttare al massimo<br />

le potenzialità della<br />

gru.<br />

La sezione<br />

decagonale<br />

dei bracci V10<br />

Force è uno dei<br />

cardini con cui<br />

l’ottimizzazione di<br />

peso e prestazioni<br />

secondo tutti gli<br />

assi permette<br />

di muoversi in<br />

modo agile e<br />

sicuro in spazi<br />

ristretti e difficili.<br />

Insieme all’High<br />

Speed System che<br />

controlla la velocità<br />

di sfilo permette<br />

di avere un’eleva<br />

sicurezza dinamica.<br />

54<br />

55


HITACHI ZX400MC-7, oltre la demolizione<br />

UNICO NEL<br />

SUO GENERE<br />

© E-costruction <strong>2024</strong><br />

TEST<br />

HITACHI<br />

DEMOLITION<br />

ZX400MC-7<br />

Abbiamo provato il primo<br />

escavatore da demolizione<br />

Hitachi ZX400MC-7 venduto<br />

in Italia. Una macchina unica<br />

nel suo genere grazie alla<br />

tecnologia sviluppata con<br />

KTEG nella joint-venture EAC<br />

L’escavatore da<br />

demolizione Hitachi<br />

ZX400MC-7 è il<br />

primo modello<br />

sul mercato che<br />

nasce dall’accordo<br />

ufficiale tra KTEG e<br />

Hitachi all’interno<br />

della joint-venture<br />

EAC ed è stata<br />

presentata al<br />

mercato nel corso<br />

di Bauma 2022.<br />

Il primo modello<br />

venduto in Italia<br />

è stato acquistato<br />

dalla Edil Scavi di<br />

Cuneo tramite il<br />

dealer Massucco T.<br />

l+ l-<br />

l Braccio intercambiabile in poche decine<br />

di secondi<br />

l Impianto idraulico Trias III di nuova generazione<br />

con altissima disponibilità di olio<br />

l Carro allargabile idraulicamente<br />

l Gestione intuitiva dell’attrezzatura<br />

l Ampia disponibilità di bracci per<br />

affrontare lavori di diverso tipo<br />

SCHEDA TECNICA<br />

Escavatore provato<br />

L’escavatore da demolizione<br />

Hitachi ZX400MC-7 deriva<br />

dallo ZX350LCN-7. Una<br />

macchina che si propone al<br />

mercato in modo del tutto<br />

unico grazie alla tecnologia<br />

OilQuick applicata non solo<br />

al classico attacco rapido in<br />

punta braccio ma anche per<br />

la sostituzione dei bracci da<br />

scavo e demolizione. Si tratta<br />

di una trasformazione che<br />

nasce dalle ormai conosciute<br />

e apprezzate macchine che<br />

KTEG, costola di Kiesel, importatore<br />

tedesco del marchio<br />

giapponese, ha messo a punto<br />

da molti anni ovviamente su<br />

base Hitachi. I punti di forza<br />

di queste macchine e dello<br />

ZX400MC-7 in particolare,<br />

sono la semplice trasportabilità<br />

e la elevatissima flessibilità<br />

in cantiere. Grazie all’attacco<br />

rapido dei bracci su base Oil-<br />

Quick è infatti possibile variare<br />

completamente allestimento in<br />

qualche decina di secondi.<br />

Dati tecnici<br />

Motore ISUZU 6KH1X Stage<br />

V con DOC+CSF+SCR a 6<br />

cilindri da 7,8 litri, 210 kW (285<br />

cv), 1.080 Nm @ 1.500 giri/<br />

min. Impianto idraulico Trias<br />

III da 288 x 2 l/min + 260 l/min<br />

per un totale di 836 l/min.<br />

CONSUMO* l/h 24,50<br />

AUTONOMIA 25,7 ore<br />

PREZZO EURO<br />

Non dichiarato<br />

* Consumo medio orario rilevato<br />

nell’applicazione specifica.<br />

l Il software di gestione delle connessioni<br />

sviluppato da OilQuick obbliga ad<br />

impiegare solo gli attacchi compatibili<br />

limitando a volte le portate in uscita<br />

Hitachi, quanto meno per il mercato<br />

europeo, ha rotto gli indugi.<br />

Il costruttore disponde<br />

infatti di un’idraulica da sempre apprezzata<br />

per la sua precisione ed in<br />

grado di reggere, con il Trias III, le<br />

trasformazioni e le applicazioni più<br />

impegnative. Operare quindi a grandi<br />

altezze non rappresenta un problema<br />

e posizionarsi sul mercato con macchine<br />

dall’elevato valore aggiunto può<br />

rappresentare un vantaggio competitivo.<br />

Soprattutto in un mercato, come<br />

quello italiano, dove la polivalenza e<br />

la trasportabilità della macchina sono<br />

fattori vincenti.<br />

La joint-venture EAC (European<br />

Application Center) tra il costruttore<br />

giapponese e KTEG si è quindi concretizzata<br />

con diverse nuove macchine<br />

speciali. Fra cui i modelli elettrificati<br />

e gli escavatori da demolizione<br />

ZX400MC-7 e ZX600MC-7.<br />

Fra le caratteristiche fondamentali<br />

la possibilità di cambiare i bracci in<br />

poche decine di secondi grazie alla<br />

tecnologia OilQuick declinata in grande<br />

stile. Potendo quindi avere a disposizione<br />

non solo bracci per grandi<br />

altezze ma anche diversi tipi di bracci<br />

da scavo.<br />

56<br />

57


cv!<br />

305!<br />

280!<br />

255!<br />

230!<br />

205!<br />

180!<br />

155!<br />

130!<br />

105!<br />

ISUZU 6HK1X<br />

135!<br />

123!<br />

110!<br />

98!<br />

85!<br />

73!<br />

60!<br />

48!<br />

80!<br />

35!<br />

700! 1.300! 1.900! 2.500!<br />

giri / minuto !<br />

POTENZA CV! COPPIA KGM!<br />

kgm!<br />

Il grafico, realizzato da e-<strong>Construction</strong>, è<br />

disegnato in modo che le curve di potenza<br />

e di coppia si incontrino al regime di rotazione<br />

in cui si rileva il minor consumo<br />

specifico: 150 grammi per cavallo ora a<br />

1.300 giri.<br />

MOTORE<br />

Marca e sigla<br />

ISUZU 6HK1X<br />

Alesaggio/corsa mm 115/125<br />

Cilindri/cc/valvole 4/7.790/16<br />

Potenza nominale cv/giri 285/1.900<br />

Potenza specifica cv/litro 36,58<br />

Coppia Nm(kgm)/giri 1.080(110)/1.500<br />

Riserva di coppia % 32<br />

Rapporto di compressione 16:1<br />

Aspirazione<br />

Intercooler + EGR<br />

Iniezione<br />

Common rail<br />

Massa kg 640<br />

Massa specifica kg/litri 82,15<br />

Rendimento 0,42<br />

Cons. spec. min g/cvh/giri 150/1.300<br />

Cons. spec. pot. max litri/h 71,1<br />

Cons. spec. coppia max litri/h 64,6<br />

Autonomia in pot. max ore 9,2<br />

Indice sollecitazione 10,5<br />

Emissioni<br />

Stage V<br />

INDICE DIESEL e-<strong>Construction</strong> 7<br />

Qui a fianco, il primo<br />

Hitachi ZX400MC-7<br />

venduto in Italia alla<br />

Edil Scavi di Cuneo<br />

in azione nel suo<br />

primo cantiere.<br />

Una macchina<br />

acquistata per la<br />

sua elevatissima<br />

polivalenza e la sua<br />

grande semplicità<br />

di montaggio e<br />

allestimento.<br />

L’accessibilità<br />

per i controlli e<br />

la manutenzione<br />

è semplice e<br />

rapida. Notevole<br />

la cura costruttiva<br />

dell’impianto idraulico<br />

Trias III valorizzato in<br />

questa applicazione.<br />

Demolition? No!<br />

Smart-demolition<br />

Il mercato delle demolizioni, e quindi delle<br />

macchine dedicate a questa specifica<br />

applicazione, è piena crescita. Stiamo<br />

quindi assistendo ad un’evoluzione che<br />

sta portando tutti i costruttori a lanciarsi,<br />

spesso in modo funambolico, in queste<br />

applicazioni. L’escavatore ZX400MC-7 è<br />

una macchina che si posiziona in modo<br />

estremamente intelligente in un mercato<br />

dove la polivalenza applicativa e la<br />

flessibilità di utilizzo sono i due elementi<br />

che le imprese cercano. La tecnologia<br />

OilQuick, che ha l’unico limite di obbligare<br />

ad impiegare in punta braccio degli<br />

attacchi rapidi compatibili, permette infatti<br />

di scambiare i bracci in poche decine di<br />

secondi. Con un’efficienza operativa, specie<br />

nelle demolizioni urbane, che nessuna<br />

macchina è oggi in grado di offrire in questa<br />

misura. Passare da un braccio scavo ad<br />

uno da demolizione in meno di un minuto,<br />

poter variare l’assetto della macchina in<br />

modo completamente idraulico e prepararla<br />

per il trasporto in una decina di minuti è un<br />

vantaggio competitivo enorme.<br />

La Edil Scavi di Cuneo ha scelto questa<br />

macchina per questo motivo per i numerosi<br />

cantieri di demolizione e ricostruzione in<br />

ambito urbano. Un vero e proprio<br />

Smart-demolition ad alte prestazioni.<br />

TEST<br />

LA MECCANICA<br />

Made in Japan<br />

ISUZU e Hitachi.<br />

Tanta coppia per il Trias III<br />

L<br />

'escavatore<br />

da demolizione Hitachi<br />

ZX400MC-7 è una macchina oggettivamente<br />

unica nel panorama attuale di mercato.<br />

Tutto quello che conosciamo a proposito<br />

dello ZX350LCN-7 lo troviamo anche qui, ma<br />

con un bel po’ di plus in più, che si basano in<br />

particolar modo sulle elevatissime performance<br />

dell’impianto idraulico Trias III. Impianto che si<br />

appoggia su un propulsore apprezzato e diffuso<br />

come il sei cilindri Isuzu da 7,8 litri e 285 cv<br />

di potenza.<br />

L’ultima edizione del Trias III fornisce una<br />

quantità di olio idraulico che posiziona lo<br />

ZX400MC-7 in una classe a sé. Abbiamo infatti<br />

tre pompe a portata variabile che lavorano insieme<br />

in modo intelligente e che forniscono 2 x<br />

288 l/min + 1 x 260 l/min. L’operatore ha quindi<br />

a dispozione, in totale, ben 836 l/min.<br />

Si tratta quindi di un impianto che, nelle specifiche<br />

applicazioni per la demolizione, non ha<br />

particolari problemi.<br />

Sappiamo infatti come queste macchine debbano<br />

spesso essere riviste nei loro contenuti oleodinamici<br />

per sopperire a perdite di pressione,<br />

maggiore capacità dell’impianto con i bracchi a<br />

grandi altezze e consentire prestazioni ottimali<br />

alle attrezzature. Ostacoli che il Trias III affronta<br />

senza problemi e senza dover intervenire in<br />

modo specifico.<br />

Un “viso noto” declinato Stage V<br />

Gli escavatori Hitachi sono stati sdoganati nel<br />

nostro paese dalla fortunata joint-venture con<br />

Fiat. Con gli EX abbiamo imparato anche a conoscere<br />

i motori Isuzu che, in particolar modo<br />

sull’EX355, vero e proprio “padre putativo”<br />

degli attuali ZX350NLC-7, ha lasciato ricordi<br />

positivi. Hitachi ha ovviamente proseguito su<br />

quella strada e oggi il 6HK1X equipaggia anche<br />

lo ZX400MC-7 nella sua variante da 210<br />

kW (285 cv) erogati a 1.900 giri/min. La coppia<br />

massima è pari a ben 1.080 Nm a 1.500 giri/min.<br />

L’aspirazione è aiutata da un turbocompressore a<br />

geometria variabile che aiuta ai bassi règimi ed<br />

è accoppiato ad un intercooler con EGR raffreddato.<br />

Un tipo di architettura che, per rispettare i<br />

parametri Stage V, richiede il lavoro congiunto<br />

di DOC, CSF ed SCR.<br />

Con quest’ultimo che lavora in modo leggero<br />

e con il filtro antiparticolato, grazie alla presenza<br />

dell’ossidatore (DOC) non presenta particolari<br />

problematiche gestionali.<br />

Il rapporto geometrico fra alessaggio (115<br />

millimetri) e corsa (125 millimetri) lo avvicina<br />

molto ad un superquadro. Ha quindi il vantaggio<br />

di un rendimento volumetrico molto alto senza<br />

58<br />

59


STRUTTURA DEL CARRO<br />

Il carro dello ZX400MC-7 è a carreggiata<br />

variabile idraulicamente. In pochi istanti si<br />

passa quindi dalla larghezza di trasporto di<br />

2.999 mm a quella di lavoro di 4.300 mm.<br />

Un salto notevole che permette quindi di<br />

aumentare la base d’appoggio di 1,3 metri<br />

in più conferendo quella necessaria stabilità<br />

operativa che è fondamentale quando si<br />

lavora a grandi altezze.<br />

BRACCI<br />

L’Hitachi ZX400MC-7 permette di avere un<br />

allestimento che prevede due bracci scavo<br />

e due bracci da demolizione. I bracci scavo<br />

possono essere di tipo fisso o con triplice<br />

articolazione idraulica. I bracci da demolizione<br />

possono arrivare a 21,5 o 24 metri di<br />

altezza massima al perno. La Edil Scavi ha<br />

optato per l’acquisto del braccio scavo fisso<br />

e per entrambi i bracci da demolizione. Volendo<br />

è possibile acquistare i diversi bracci<br />

anche in after market. E’ anche possibile<br />

impiegare in azienda più escavatori di<br />

questo tipo utilizzando i diversi bracci su<br />

diverse macchine.<br />

IMPIANTO IDRAULICO<br />

L’impianto idraulico Hitachi Trias III è oggi<br />

uno dei più performanti sul mercato. Questo<br />

consente di gestire in modo ottimale le<br />

applicazioni di demolizione dove attrezzature<br />

ad alte prestazioni ed altezze elevate<br />

sono un mix temibile per impianti idraulici<br />

non performanti. La portata complessiva<br />

di 836 l/min con tre pompe che lavorano in<br />

sinergia permette è infatti elevatissima. La<br />

presenza del terzo cilindro di sollevamento<br />

e la tecnologia OilQuick richiedono infatti<br />

un’idraulica di alto livello. Presente già nella<br />

dotazione standard dello ZX350LCN-7 da<br />

cui deriva lo ZX400MC-7.<br />

TECNOLOGIA OILQUICK<br />

La tecnologia OilQuick su cui si basa il cambio<br />

rapido sia dei bracci che delle attrezzature<br />

consente di risparmiare moltissimo tempo<br />

ottimizzando l’investimento e consentendo<br />

ad una sola macchina di affrontare cantieri<br />

dove spesso si opera con più escavatori.<br />

A lato, la cabina<br />

dello ZX400MC-7<br />

deriva da quella<br />

dello ZX350LCN-7<br />

tranne per la<br />

presenza dei<br />

monitor aggiuntivi<br />

per il controllo di<br />

attrezzature e bracci<br />

con il software<br />

OilQuick. L’ergonomia<br />

interna è stata<br />

portata ad alti livelli<br />

con la Serie 7. Tutto<br />

il modulo è tiltabile<br />

di 30° per agevolare<br />

la visibilità a grandi<br />

altezze. Subito<br />

dietro la cabina è<br />

presente l’attacco<br />

per l’impianto di<br />

abbattimento polveri.<br />

Metro e bilancia<br />

Lunghezza trasp. mm 7.600<br />

Larghezza carro mm 2.999/4.300<br />

Altezza trasp. mm 3.370<br />

Lunghezza carro mm 4.950<br />

Altezza massima dem. 1 m 21,50<br />

Altezza massima dem 2 m 24,00<br />

Peso trasp. kg 43.200<br />

Peso op. scavo kg 51.200<br />

Peso op. dem. 1 kg 53.400<br />

Peso op. dem. 2 kg 56.100<br />

Serbatoio gasolio l 630<br />

Serbatoio AdBlue l 70<br />

Serbatoio olio idraulico l 198<br />

Impianto idraulico l 340<br />

Velocità traslaz. km/h (1°-2°)<br />

5,00 - 3,20<br />

TEST<br />

però avere gli svantaggi di un minor rendimento<br />

termico e di una minore tenuta delle fasce.<br />

TRIAS III. Tre pompe viste da Hitachi<br />

Come anticipato l’impianto idraulico è il Trias<br />

III che prevede tre pompe che lavorano insieme<br />

con un’attenta gestione elettronica. L’efficienza<br />

complessiva della macchina è molto elevata<br />

anche con la presenza del terzo cilindro di sollevamento.<br />

Una scelta di alto livello che consente un’elevatissima<br />

stabilità e precisione operativa alle<br />

grandi altezze ma che non tutti gli impianti<br />

idraulici sopportano in modo equilibrato senza<br />

apportare sostanziali modifiche. Tutta la componentistica<br />

è prodotta direttamente da Hitachi con<br />

un livello di integrazione e di qualità costruttiva<br />

complessiva che si colloca ad alti livelli. Una<br />

scelta specifica che permette di avere il pieno<br />

controllo della catena del valore sui componenti<br />

tecnologici.<br />

LA CABINA<br />

Una lunga evoluzione<br />

Un posto guida in continua<br />

evoluzione<br />

Il posto guida dello ZX400MC-7 è ovviamente<br />

identico a quello della Serie 7 di Hitachi.<br />

Con i cambiamenti del caso relativi ai monitor<br />

supplementari per la gestione delle attrezzature<br />

e dei bracci con il software della OilQuick. Una<br />

cabina che non nasconde le sue origini e che<br />

deriva da un lungo percorso evolutivo iniziato<br />

con gli EX di fine anni ‘80 e che nel tempo non<br />

si è mai fermato.<br />

I passi avanti compiuti, soprattutto fra la Serie<br />

5 e la Serie 7 attuali, sono notevoli. I gruppi funzionali<br />

dei comandi non hanno quindi subito cambiamenti<br />

se non nella loro migliore accessibilità e<br />

individuazione. Tutto è molto più razionale rispetto<br />

al passato e i singoli controlli si memorizzano ora<br />

in modo più intuitivo.<br />

La cabina è ovviamente tiltabile per consentire<br />

di avere una visione ottimale quando si lavora<br />

a grandi altezze.<br />

L’angolo massimo di inclinazione è di 30°.<br />

I controlli delle attrezzature tramite i joystick<br />

avvengono con cursori proporzionali e pulsanti<br />

che permettono di avere tutto sotto pieno controllo<br />

in modo preciso e pienamente operativo.<br />

La parte superiore della cabina è completata da<br />

un tetto in cristallo antisfondamento dotato di<br />

protezioni per il sole e tergicristallo con getto<br />

d’acqua per avere sempre la massima visibilità<br />

sull’area di lavoro.<br />

Per diminuire il disagio legato alla presenza<br />

di polvere la dotazione di serie prevedeun<br />

impianto di abbattimento integrato con attacco<br />

laterale per l’alimentazione subito dietro la cabina<br />

che lo rende facilmente gestibile in fase di<br />

movimento.<br />

60<br />

61


WACKER NEUSON WL95, media decisamente strong<br />

NELLA BOTTE<br />

PICCOLA...<br />

La pala gommata<br />

WACKER<br />

NEUSON WL95<br />

ecospeedPRO<br />

delle nostra<br />

prova è della<br />

Berrone Maurizio<br />

di Garessio,<br />

località sulle Alpi<br />

Marittime ai confini<br />

tra Piemonte e<br />

Liguria. L’azienda<br />

è specializzata in<br />

sgombero neve,<br />

lavori forestali<br />

e manutenzioni<br />

stradali in territorio<br />

montani. La scelta<br />

della trasmissione<br />

ecospeed<br />

PRO permette<br />

di operare in<br />

montagna con<br />

un’efficienza<br />

operativa molto<br />

elevata.<br />

SCHEDA TECNICA<br />

Veicolo provato<br />

La pala gommata WACKER<br />

NEUSON WL95 ecospeedPRO<br />

è costruita negli<br />

stabilimenti Weidemann di<br />

Korbach, nel Land dell’Assia.<br />

Si colloca, insieme alla WL110<br />

di cui condivide la stessa<br />

base, al vertice della gamma<br />

del costruttore. Si tratta del<br />

primo progetto che ha unito le<br />

competenze ingegneristiche di<br />

Weidemann e Kramer Allrad.<br />

Tanto da trovare declinazione<br />

anche con il marchio di Pfullendorf<br />

in versione con telaio<br />

rigido e quattro ruote sterzanti.<br />

Notevoli le prestazioni della<br />

trasmissione idrostatica<br />

brevettata ecospeed PRO che<br />

nasce da una collaborazione<br />

storica di Kramer con Bosch-<br />

Rexroth<br />

Dati tecnici<br />

Motore Deutz TCD 4.1<br />

S5 Stage V, 4 cilindri da<br />

4,04 litri, 115 kW (156 cv),<br />

610 Nm. Trasmissione<br />

idrostatica ecospeedPRO<br />

a trasferimento continuo<br />

di coppia e velocità da 0 a<br />

40 km/h. Carico massimo<br />

di ribaltamento 6.529 kg<br />

(dritto) /5.748 kg (massima<br />

articolazione di sterzo). Forza<br />

di strappo 6.237 kgf.<br />

Peso operativo 10.390 kg.<br />

CONSUMO* l/h 8,5<br />

AUTONOMIA 16,4 ore<br />

PREZZO EURO<br />

Non dichiarato<br />

* Consumo medio orario rilevato<br />

nell’applicazione specifica.<br />

Quando si pensa ad una pala<br />

gommata siamo tutti abituati<br />

ad alcuni “nomi noti” che<br />

rientrano spesso in cliché già visti.<br />

Ma ci sono anche aziende che vanno<br />

a fondo sui contenuti e sulle proprie<br />

effettive necessità rivolgendosi a<br />

prodotti dall’elevato valore aggiunto.<br />

Come nel caso di Maurizio Berrone,<br />

proprietario della omonima azienda<br />

di Garessio, comune dell’alta valle<br />

Tanaro, che opera nel settore dello<br />

sgombero neve, delle manutenzioni<br />

stradali e del forestale. Impresa in<br />

cui le pale gommate hanno un ruolo<br />

importante e dove la Wacker Neuson<br />

WL95 ecospeedPRO si è ritagliata<br />

una fondamentale posizione operativa<br />

grazie alla sua compattezza a fronte di<br />

prestazioni che la posizionano in una<br />

fascia superiore. Anche grazie alla sua<br />

trasmissione idrostatica brevettata ad<br />

alte prestazioni e sviluppata insieme<br />

a Bosch-Rexroth. Una pala gommata<br />

da 10 tonnellate che strizza l’occhio<br />

ai modelli superiori e che consente di<br />

muoversi in modo agile e sicuro sui<br />

territori montani grazie ad una visibilità<br />

elevatissima e a “numeri” dove<br />

forza di strappo e carico di ribaltamento<br />

sono un riferimento.<br />

© E-costruction <strong>2024</strong><br />

TEST<br />

WACKER NEUSON<br />

WL95<br />

ecospeedPRO<br />

WACKER NEUSON eredita la grande<br />

esperienza nelle pale gommate<br />

compatte di Weidemann e Kramer<br />

Allrad. Con la WL95 ecospeedPRO<br />

le due ingegnerie si sposano alla<br />

perfezione per una macchina<br />

compatta ma con “l’anima da grande”<br />

l+ l-<br />

l Trasmissione ecospeedPRO fa la differenza<br />

l Cabina con visibilità e comfort di<br />

alto livello<br />

l Impianto idraulico ad alte prestazioni<br />

l Forza di strappo pari al 50% del<br />

peso operativo<br />

l Carico di ribaltamento macchina sterzata<br />

pari al 55% del peso operativo<br />

l Accesso per la manutenzione non<br />

semplice visti i radiatori posteriori e<br />

superiori avvolgenti<br />

62<br />

63


cv!<br />

175!<br />

160!<br />

145!<br />

130!<br />

115!<br />

100!<br />

85!<br />

70!<br />

55!<br />

TCD 4.1 S5<br />

kgm!<br />

69!<br />

66!<br />

63!<br />

60!<br />

57!<br />

54!<br />

51!<br />

48!<br />

45!<br />

40!<br />

42!<br />

700! 1.300! 1.900! 2.500!<br />

giri / minuto !<br />

POTENZA CV! COPPIA KGM!<br />

Il grafico, realizzato da e-<strong>Construction</strong>, è<br />

disegnato in modo che le curve di potenza<br />

e di coppia si incontrino al regime di rotazione<br />

in cui si rileva il minor consumo<br />

specifico: 152 grammi per cavallo ora a<br />

1.600 giri.<br />

MOTORE<br />

Marca e sigla<br />

Deutz TCD 4.1 S5<br />

Alesaggio/corsa mm 1<strong>01</strong>/126<br />

Cilindri/cc/valvole 4/7.790/16<br />

Potenza nominale cv/giri 156/2.300<br />

Potenza specifica cv/litro 38,63<br />

Coppia Nm(kgm)/giri 610/(62,1)1.600<br />

Riserva di coppia % 32<br />

Rapporto di compressione 16:1<br />

Aspirazione<br />

Intercooler<br />

Iniezione<br />

Common rail<br />

Massa kg 400<br />

Massa specifica kg/litri 99,05<br />

Rendimento 0,41<br />

Cons. spec. min g/cvh/giri 152/1.600<br />

Cons. spec. pot. max litri/h 31,1<br />

Cons. spec. coppia max litri/h 28,2<br />

Autonomia in pot. max ore 4,5<br />

Indice sollecitazione 9,8<br />

Emissioni<br />

Stage V<br />

INDICE DIESEL e-<strong>Construction</strong> 7<br />

Qui a fianco, la WL95<br />

in azione a Garessio<br />

nella sistemazione e<br />

carico di materiale per la<br />

manutenzione stradale.<br />

In basso, l’accesso per la<br />

manutenzione al motore<br />

è possibile grazie al<br />

cofano posteriore ad<br />

apertura completa. I<br />

radiatori avvolgono<br />

completamente il<br />

motore.<br />

La forza di strappo di<br />

6.237 kgf è ottenuta<br />

grazie al cinematismo<br />

con geometria TP-Link<br />

che favorisce anche<br />

la visibilità e l’agilità<br />

di manovra quando<br />

si caricano i mezzi di<br />

trasporto.<br />

Due scuole si<br />

incontrano<br />

Parlare di pale gommate compatte significa<br />

parlare di Germania. Wacker Neuson è oggi<br />

il maggiore costruttore tedesco non solo<br />

nel settore delle attrezzature e macchine<br />

da cantiere ma anche nelle pale gommate<br />

compatte. E’ infatti presente sul mercato<br />

anche con i brand Weidemann e Kramer<br />

Allrad utilizzati soprattutto in agricoltura. Le<br />

due aziende sono infatti quelle specializzate<br />

storicamente in questa tipologia di<br />

macchine con incursioni molto ben riuscite<br />

anche nei sollevatori telescopici.<br />

La WL95 si colloca al vertice della gamma<br />

insieme alla gemella WL110. Due macchine<br />

che nascono da un telaio modulare comune<br />

dove la trasmissione ecospeedPRO, nata in<br />

casa Kramer, ha trovato il proprio ottimale<br />

impiego su una macchina certamente<br />

compatta ma dalle prestazioni che insidiano<br />

una classe di peso superiore.<br />

La cabina e le prestazioni dell’impianto<br />

idraulico in grado di fornire 180 l/min<br />

per il funzionamento di attrezzature<br />

ausiliarie sono due fra gli elementi<br />

qualificanti di una macchina che si<br />

basa su contenuti di valore. L’efficienza<br />

operativa, già ampiamente sperimentata<br />

dall’impresa Berrone, si basa anche su un<br />

raffreddamento ottimale grazie ai radiatori<br />

generosi con ventole reversibili.<br />

TEST<br />

LA MECCANICA<br />

Deutz e ecospeedPRO<br />

Un motore affidabile ed un cambio<br />

che mette sotto scacco i CVT<br />

W<br />

acker<br />

Neuson ha tirato fuori dal cassetto<br />

tutta la sua esperienza e la sua sapienza<br />

tecnologica nel costruire pale gommate<br />

compatte. In realtà con la WL95 si sale di categoria<br />

e si va a combattere con i soliti noti in<br />

una fascia fino a poco fa ancora inedita per il<br />

marchio. E tutto questo avviene grazie ad un<br />

progetto dove l’esperienza di Weidemann nelle<br />

pale articolate si unisce a quella di Kramer nello<br />

sviluppo di specifici componenti. Il risultato<br />

è una piattaforma decisamente valida declinata<br />

in più marchi e versioni dove la Wacker Neuson<br />

WL95 si presenta con un collaudato motore<br />

Deutz TCD 4.1, una trasmissione idrostatica<br />

unica come la ecospeedPRO ed un cinematismo<br />

TP-Link che ne ottimizza l’efficienza in ogni<br />

situazione operativa.<br />

Elementi distintivi che l’hanno portata nel<br />

parco mezzi della Berrone Maurizio che opera<br />

sulle Alpi Marittime ed ha necessità di prestazioni<br />

di livello per potersi muovere in modo sicuro<br />

in territorio montano.<br />

Oltre le 10 tonnellate di peso operativo<br />

Le dimensioni compatte ed il design moderno e<br />

funzionale non fanno trasparire le reali potenzialità<br />

della WL95. Si tratta infatti di una pala<br />

gommata dal peso operativo di 10.390 kg che<br />

è possibile allestire con due diverse motorizzazioni.<br />

Non solo con il TCD 4.1 che equipaggia<br />

l’esemplare della prova ma anche con il TCD<br />

3.6 con meno cavalleria sotto al cofano. I 156<br />

cv della macchina provata permettono di avere<br />

una risposta molto pronta nei classici lavori<br />

aziendali. Fra cui ad esempio lo sgombero neve<br />

dove sono richiesti potenza, fluidità ed un elevato<br />

equilibrio dinamico.<br />

Dotazione di alto livello<br />

Il motore Deutz TCD 4.1 fornisce una potenza<br />

massima di 156 cv a 2.300 giri/min. Règime<br />

motore che difficilmente si raggiunge grazie alla<br />

coppia massima di 610 Nm a 1.600 giri/min. Il<br />

trattamento dei gas di scarico avviene in modo<br />

semplice tramite il modulo brevettato DIVERT.<br />

Di fatto l’uso della WL95 avviene in scioltezza<br />

e fluidità perché basta un filo di gas per avere<br />

piena risposta da parte della trasmissione. La<br />

idrostatica ecospeedPRO, frutto di un brevetto<br />

sviluppato ormai oltre dieci anni fa da Kramer,<br />

permette una trasmissione continua e progressiva<br />

della coppia in modo ininterrotto da o a<br />

40 km/h.<br />

L’impianto idraulico è un Load Sensing Flow<br />

Sharing che permette di copiere movimenti fluidi<br />

e proporzionali all’azionamento del joystick<br />

64<br />

65


TRASMISSIONE<br />

Tramissione idrostatica ecospeedPRO con<br />

variazione continua della coppia e velocità<br />

da 0 a 40 km/h. Brevettata e sviluppata<br />

insieme a Bosch-Rexroth, ha un comportamento<br />

del tutto identico ad una a variazione<br />

continua con il vantaggio di una minore<br />

complessità e minore manutenzione. Ottimizza<br />

prestazioni e consumi senza rinunciare<br />

a spinta e velocità anche in situazioni<br />

complesse come il lavoro in salita.<br />

TRAZIONE<br />

Sistema di trazione integrale con assale anteriore<br />

fisso e posteriore semiflottante con<br />

perno di articolazione e angolo di oscillazione<br />

di 24° (+12°, -12°). Riduttore a due stadi<br />

con differenziale a ripartizione di coppia.<br />

IMPIANTO IDRAULICO<br />

Impianto Load Sensing con pompa a portata<br />

variabile High Flow da 180 l/min disponibili<br />

per gli ausiliari.<br />

STERZO<br />

Telaio articolato con articolazione complessiva<br />

di 80° - 40° destra e 40° sinistra. Azionamento<br />

con cilindri a doppio effetto.<br />

FRENI<br />

Freni a disco in bagno d’olio sulle 4 ruote<br />

ad azionamento completamente idraulico<br />

montati entro bordo. Circuiti dei freni anteriore<br />

e posteriore indipendenti. Freni di<br />

stazionamento ad inserimento automatico.<br />

A lato, la cabina della<br />

WL95 è fra le più<br />

curate del mercato<br />

e strizza l’occhio alle<br />

grandi macchine.<br />

Spazio a bordo,<br />

ergonomia curata<br />

in ogni dettaglio e<br />

visibilità elevatissima<br />

in ogni direzione<br />

sono gli elementi<br />

di valore di questo<br />

poso guida. La<br />

consolle con joystck<br />

e comandi è integrata<br />

con il sedile sospeso<br />

pneumaticamente.<br />

La climatizzazione di<br />

serie dispone di flussi<br />

ottimizzati per la<br />

migliore circolazione<br />

interna..<br />

Metro e bilancia<br />

Lunghezza mm 6.470<br />

Larghezza mm 2.390<br />

Altezza mm 3.060<br />

Passo mm 2.660<br />

Altezza max. perno mm 3.820<br />

Luce da terra mm 500<br />

Angolo di sterzo gradi 40/40<br />

Carico rib. posiz. dritta kg 6.237<br />

Carico rib. max. angolaz. kg 5.748<br />

Peso operativo kg 10.390<br />

Serbatoio gasolio l 140<br />

Serbatoio AdBlue l 12<br />

Serbatoio olio idraulico l 240<br />

Olio motore l 11<br />

Liquido refrigerante motore l 28<br />

TEST<br />

multifunzione.<br />

L’impianto di servizio fornisce di serie un<br />

flusso di 150 l/min che, in opzione (scelta<br />

dall’impresa) diventano 180 l/min e permettono<br />

di azionare frese stradali e attrezzature ad alte<br />

prestazioni senza nessun problema.<br />

Il cinematismo è un TP-LINK che si rivela fra<br />

i più equilibrati e comodi per una pala gommata.<br />

Soprattutto di queste dimensioni. Ottimizza<br />

infatti le prestazioni idrauliche senza rinunciare<br />

alla comodità di non avere ingombri quando si<br />

caricano i mezzi di trasporto. Al contempo mantiene<br />

il parallelismo quando si usa la WL95 con<br />

le forche. Completa il quadro l’attacco rapido<br />

EU di serie che permette di cambiare attrezzatura<br />

in pochi istanti. Le connessioni idrauliche ausiliarie<br />

arrivano tutte in prossimità della benna e<br />

sono in posizione protetta. La cura dei dettagli<br />

prevede anche specifiche asole per le tubazioni<br />

sul cinematismo benna in modo che i tubi abbiano<br />

un percorso corretto.<br />

LA CABINA<br />

Nulla è lasciato al caso<br />

Ergonomia, visibilità e cura dei<br />

dettagli non lasciano nulla al caso<br />

W<br />

acker<br />

Neuson è conosciuto per essere<br />

uno dei costruttori che cura maggiormente<br />

il proprio design. Una “scuola”<br />

che nasce in modo particolare in casa Neuson e<br />

che è ormai nel DNA del Gruppo a partire dalla<br />

fusione delle due realtà nel 2007. La cabina della<br />

WL95 è oggi una delle più curate, funzionali e<br />

luminose del mercato.<br />

Il modulo guida composto dal sedile sospeso<br />

pneumaticamente e solidale con la consolle ed il<br />

joystick di destra consente lunghi periodi di guida<br />

con un comfort molto elevato. La superficie<br />

vetrata è fra le maggiori della categoria. La cura<br />

dei dettagli è molto alta e prevede anche il tergi-<br />

cristallo sul tettuccio trasparente. La visibilità è<br />

curata in ogni direzione anche grazie alla forma<br />

rastremata del cofano posteriore. I parametri di<br />

funzionamento della macchina sono controllabili<br />

in modo rapido tramite il display digitale da<br />

7” collocato in alto a destra. Collocazione che<br />

agevola l’uso della telecamera posteriore che si<br />

visualizza tramite lo stesso display quando si<br />

attiva la retro. La posizione in corrispondenza<br />

dell’altezza degli specchi retrovisori esterni permette<br />

con un colpo d’occhio di tenere tutto sotto<br />

controllo. Tutti gli interruttori sono individuati<br />

tramite colori che indicano la funzione specifica.<br />

La posizione razionale permette di memorizzarli<br />

in modo rapido.<br />

Non mancano ovviamente gli spazi portaoggetti<br />

collocati dietro e di fianco al sedile di<br />

guida. La porta di destra è apribile aumentando<br />

il livello di sicurezza. Luci di lavoro a LED e<br />

ventilazione con flussi ottimizzati completano il<br />

comfort generale.<br />

66<br />

67


RENAULT TRUCKS. Testimonial<br />

SCELTA DI<br />

RAGIONE<br />

La Perino Piero lavora dal 2021 con una piccola flotta<br />

composta da quattro Renault Trucks K. Un 8x4 ed un<br />

6x4 allestiti con cassone ribaltabile, un 6x4 trattore ed<br />

un 4x4 con trazione anteriore idraulica e semirimorchio<br />

Schwarzmüller con assale idraulico SAF Holland. Dopo<br />

tre anni di uso intenso in cantiere i bilanci complessivi<br />

sono decisamente positivi<br />

Renault Trucks<br />

è sempre più<br />

presente nei parchi<br />

macchine delle più<br />

importanti aziende<br />

di movimento terra<br />

come la Perino<br />

Piero grazie a<br />

contenuti di valore.<br />

CAVA-CANTIERE<br />

Un’azienda a cui piace sperimentare. All’interno<br />

della Perino Piero la proprietà non ha paraocchi<br />

ideologici nei confronti di marchi specifici.<br />

Un modo di pensare aperto alla sperimentazione<br />

che il Sig. Piero, ottantenne fondatore dell’azienda<br />

nel 1963, ha trasmesso ai figli Fabrizio e Giuliano.<br />

Ecco perché i marchi presenti in azienda, sia nelle<br />

macchine movimento terra, sia nei veicoli industriali,<br />

non sono univoci. Un’impresa dove il “monobrand”,<br />

giustamente, non fa parte del proprio modo di pensare<br />

e di essere. Sia per un equilibrio che solo la<br />

concorrenza riesce a costruire in modo corretto, sia<br />

perché il confronto tra diversi marchi è fondamentale<br />

per la salute stessa dell’impresa.<br />

Una visione aziendale che bada ai contenuti<br />

Sia Fabrizio che Giuliano Perino hanno una visione<br />

molto focalizzata sui contenuti. All’interno<br />

dell’organizzazione aziendale i trasporti non rappresentano<br />

un elemento cruciale. Infatti sono quasi<br />

totalmente appaltati all’esterno per specifica scelta<br />

imprenditoriale. «Ci appoggiamo ad una serie di<br />

aziende di trasporto specializzate - ci spiega Giuliano<br />

Perino - a seconda dei flussi di lavoro e anche<br />

del tipo di materiale da trasportare. Operiamo<br />

in modo particolare nel settore delle demolizioni<br />

e delle bonifiche e quindi spesso ci rivolgiamo ad<br />

aziende che hanno una forte verticalizzazione con<br />

autorizzazioni di trasporto che sono specifiche per<br />

determinati materiali».<br />

Questo tipo di organizzazione richiede quindi<br />

una forte flessibilità operativa nei trasporti che esce<br />

dallo specifico core business aziendale. «I nostri<br />

investimenti sono focalizzati su macchine speciali<br />

e impianti. Ma dobbiamo comunque avere in house<br />

una minima dotazione di mezzi di trasporto per<br />

curare la logistica di base. Parliamo quindi dei<br />

classici mezzi d’opera sia per il trasporto di materiali<br />

inerti convenzionali, sia per lo spostamento<br />

delle macchine movimento terra che rientrano nei<br />

pesi legali o in quelli dei mezzi d’opera. Parliamo<br />

quindi di escavatori con pesi operativi sotto le<br />

35/36 tonnellate e macchine ordinarie. Per i mezzi<br />

più grandi ci appoggiamo a chi effettua trasporti<br />

eccezionali tutti i giorni».<br />

Provare per capire<br />

La Perino Piero lavora infatti con quasi un centinaio<br />

di dipendenti ed un parco macchine che vede<br />

decine di escavatori, pale gommate, minipale, mini<br />

escavatori, sollevatori telescopici, dumper articolati<br />

e impianti mobili di frantumazione e vagliatura.<br />

«In rapporto alla effettiva dimensione aziendale<br />

il numero di veicoli industriali è molto basso. Ma<br />

proprio per questo cerchiamo una gestione snella<br />

e che non ci dia problemi. Per lungo tempo ci siamo<br />

quasi sempre affidati ad un marchio ma dopo<br />

alcune problematiche abbiamo deciso di provare<br />

a guardarci intorno trovando ottime risposte dal<br />

concessionario RE.VI Veicoli Industriali Spa. Ci ha<br />

infatti seguito in modo specifico spiegandoci i contenuti<br />

dei veicoli cava-cantiere di Renault e siamo<br />

rimasti colpiti».<br />

L’approccio con un nuovo prodotto non è mai<br />

semplice, soprattutto per un marchio a cui non ci si<br />

è mai rivolti prima. Occorre quindi che il concessionario<br />

sia propositivo da tutti i punti di vista.<br />

Continua infatti Giuliano Perino «Ci hanno seguiti<br />

con un veicolo in prova che abbiamo potuto<br />

far guidare ai nostri autisti storici. Sono rimasti<br />

tutti molto entusiasti delle capacità operative e<br />

dall’approccio molto professionale della struttura.<br />

Da lì all’acquisto dei veicoli il passo è stato breve».<br />

Allestimenti ad hoc<br />

Le esigenze aziendali spaziano in modo differenziato<br />

e occorreva anche allestire i veicoli puntando<br />

alla massima versatilità.<br />

«Sicuramente l’esperienza nel settore non ci<br />

manca ma siamo stati seguiti molto bene in ogni<br />

nostra richiesta - si spiega Giuliano Perino - La<br />

scelta è quindi caduta su un ribaltabile trilaterale<br />

6x4 con agganciamento per il rimorchio per trasportare<br />

le macchine operatrici, un veicolo 8x4 con<br />

ribaltabile posteriore per i trasporti più generici di<br />

materiali di scavo.<br />

Entrambi i cassoni sono dei Cantoni, azienda<br />

con cui lavoriamo da sempre. Il trattore 6x4 era<br />

invece destinato sia al trasporto di macchine operatrici<br />

con carrellone ribassato, sia al movimento<br />

terra con semirimochio ribaltabile posteriore. Decisamente<br />

interessante il mezzo 4x4 con trazione<br />

anteriore idraulica inseribile a comando».<br />

Una macchina strategica<br />

Questo veicolo si è rivelato strategico per la logistica<br />

quotidiana aziendale. Continua infatti Giuliano<br />

Perino «Non avevamo considerato un mezzo di questo<br />

tipo ma quando ci hanno proposto l’accoppiamento<br />

con un semirimorchio Schwarzmüller dotato<br />

di assale trazionato idraulicamente SAF Holland<br />

abbiamo iniziato a pensare in modo differente. In<br />

effetti si sta rivelando una macchina strategica in<br />

grado di muoversi, nel cantiere, come un mezzo<br />

d’opera.<br />

In certe situazioni anche meglio. Con il vantaggio<br />

del peso legale su strada e di una velocità media<br />

di percorrenza decisamente superiore. Lo abbiamo<br />

anche accoppiato con un nuovo carrellone ribassato<br />

per il trasporto delle macchine operatrici.<br />

Si muove agilmente sia in strada che in off-road<br />

disimpegnandosi nei cantieri con grande facilità».<br />

La scelta della ragione<br />

Tutti i mezzi sono stati scelti con la motorizzazione<br />

D13 TC da 480 e 520 cv ed il cambio automatizzato<br />

Optidrive con specifico programma per l’off-road.<br />

Il K in versione trattore stradale è dotato di cabina<br />

lunga per aumentarne la polivalenza ed il valore<br />

residuo. Scelte tecniche ragionate sui contenuti dei<br />

mezzi e sul loro effettivo impiego quotidiano.<br />

«Ad oggi, dopo tre anni di lavoro, il bilancio<br />

complessivo è decisamente positivo - spiega Giuliano<br />

Perino - con un livello di affidabilità altissimo e,<br />

cosa ancora più importante per noi, con una piena<br />

soddisfazione degli autisti che li usano volentieri e<br />

si sono trovati bene sia come prestazioni, sia come<br />

comfort, sia come consumi».<br />

La Perino Piero<br />

opera dal 2021<br />

con i Renault<br />

Trucks K. Dopo<br />

tre anni il bilancio<br />

complessivo è<br />

decisamente<br />

positivo grazie<br />

ad un livello di<br />

affidabilità e<br />

di prestazioni<br />

perfettamente<br />

in linea con<br />

le aspettative<br />

aziendali. L’altro<br />

aspetto positivo<br />

sono i consumi.<br />

Da un punto di<br />

vista operativo la<br />

versione trattore<br />

stradale 4x4 con<br />

trazione anteriore<br />

idraulica inseribile<br />

e semirimorchio<br />

Schwarzmüller<br />

con assale SAF<br />

Holland trazionato<br />

idraulicamente si è<br />

rivelata strategica<br />

nella gestione della<br />

logistica quotidiana<br />

sia dei materiali<br />

inerti, sia delle<br />

macchine operatrici<br />

con pesi operativi<br />

al di sotto delle 25<br />

tonnellate.<br />

68<br />

69


BELL EQUIPMENT. Dumper articolati<br />

70 ANNI E<br />

NON SENTIRLI<br />

Il costruttore sudafricano, specialista dei dumper<br />

articolati, compie 7 decenni di vita. Una storia iniziata,<br />

come tanti costruttori, dal settore dell’agricoltura. Un<br />

campo d’azione mai abbandonato a cui nel 1984 si<br />

sono affiancati i dumper articolati. Oggi declinati in<br />

versioni che spaziano dai classici 6x6 fino ai trattori e<br />

agli allestimenti per applicazioni speciali<br />

BELL EQUIPMENT<br />

punta da sempre<br />

a contenuti molto<br />

concreti dove<br />

solidità, robustezza<br />

ed economia di<br />

esercizio sono<br />

valori fondamentali<br />

per ricurre al<br />

massimo i costi di<br />

trasporto in<br />

off-road.<br />

CAVA-CANTIERE<br />

Non è da tutti compiere compleanni così importanti.<br />

Essere presenti sul mercato da 70<br />

anni è sicuramente un traguardo importante.<br />

Esserlo da azienda con una presenza globale e con<br />

prodotti così particolari lo è ancora di più.<br />

La sudafricana Bell Equipment è infatti una di quelle<br />

aziende che possono essere prese come esempio<br />

positivo quando si parla di innovazione, contenuti<br />

e visione di mercato.<br />

Conosciuta alle nostre latitudini per i suoi dumper<br />

articolati, la produzione aziendale spazia in settori<br />

molto particolari come quello delle macchine<br />

forestali. Il tutto partendo dalla costruzione di macchine<br />

agricole. Una storia quindi comune con molte<br />

altre realtà del settore dove il punto in comune fra le<br />

diverse branche aziendali è proprio la terra.<br />

I dumper, un’intuizione globale<br />

Se teniamo conto che la BELL è arrivata nel settore<br />

dei dumper nel 1984 possiamo parlare senza problemi<br />

di un’azienda tutto sommato giovane rispetto a<br />

molti altri costruttori già attivi in questa specifica<br />

nicchia di mercato dalla fine degli anni ‘60.<br />

Eppure in poco tempo l’azienda fondata nel 1954 da<br />

Irvine Bell ha saputo ritagliarsi una fetta importante<br />

di mercato.<br />

Le importanti collaborazioni sviluppate nel tempo<br />

hanno portato BELL ad essere fornitore di John<br />

Deere e di Hitachi per un lungo periodo. Collaborazioni<br />

commerciali che hanno consentito ai dumper<br />

costruiti nello stabilimento di Richards Bay di<br />

essere conosciuti in tutto il mondo.<br />

Ma soprattutto l’affidabilità riconosciuta di questi<br />

prodotti ha portato l’azienda a stabilire solidi<br />

contatti con una rete distributiva che, nel tempo,<br />

è diventata fedele ad un prodotto che si è sempre<br />

basato su tecnologie collaudate e fornitori di rilievo.<br />

Le motorizzazioni Mercedes, le catene cinematiche<br />

Allison, gli assali e i differenziali Kessler hanno<br />

fatto la differenza sia in termini di durata, sia in<br />

termini di efficienza complessiva di tutta la macchina.<br />

Il responso dei clienti che utilizzano i dumper<br />

BELL è sempre univoco: trazione ottimale su tutti<br />

i terreni, consumi molto contenuti rispetto ai diretti<br />

competitor, affidabilità elevata.<br />

Un marchio che bada al sodo<br />

Come anticipato, i dumper BELL sono stati associati<br />

a importanti collaborazioni globali. Tanto che<br />

oggi, quanto meno nel Vecchio Continente, queste<br />

macchine sono il più delle volte distribuite dalla<br />

rete Hitachi. Un rapporto che è nato nel tempo con<br />

i prodotti venduti con il classico colore arancio del<br />

brand giapponese per poi continuare con la divisa<br />

ufficiale della casa madre.<br />

Questo grazie ad una gamma che copre le esigenze<br />

di imprese e cave di ogni dimensione e dove<br />

gli allestimenti speciali sono all’ordine del giorno.<br />

Proprio grazie all’attività della BELL in settori<br />

attigui e complementari come, ad esempio, quello<br />

forestale. Campo di attività che vede i dumper<br />

sudafricani essere allestiti come dei logger per il<br />

trasporto off-road in ambito forestale.<br />

Da 18 a 60 tonnellate di portata<br />

La gamma di dumper articolati BELL è oggi composta<br />

da due modelli 6x4 da 18 e 25 tonnellate di<br />

portata, da sei modelli 6x6 che vanno dalle 15 alle<br />

50 tonnellate di portata e da due modelli 4x4 da 30<br />

e 60 tonnellate. Stiamo quindi parlando di un’offerta<br />

che va incontro ad aziende di ogni tipo con applicazioni<br />

più leggere in contesti applicativi medi,<br />

come ad esempio i classici impianti di lavorazione<br />

inerti, fino ai grandi cantieri dove il contesto operativo<br />

è caratterizzato da terreni cedevoli, impegnativi<br />

e con forti sollecitazioni sulla catena cinematica. La<br />

filosofia del costruttore è infatti di essere uno specialista<br />

del settore grazie ad un’impostazione che<br />

mette al primo posto la massima efficienza in termini<br />

di TCO per ridurre al minimo il costo di trasporto<br />

dei materiali all’interno della cava o del cantiere.<br />

Affidarsi ad uno specialista dei cambi automatici<br />

come Allison, riconosciuto leader di mercato in termini<br />

di efficienza operativa, è sicuramente una delle<br />

scelte fondamentali di BELL in termini di soluzioni<br />

tecnologiche adottate per ottimizzare il comportamento<br />

delle proprie macchine.<br />

Un powertrain che punta all’efficienza<br />

I dumper articolati sono infatti macchine sostanzialmente<br />

e concettualmente semplici dove l’efficienza<br />

operativa si ottiene con un equilibrio ideale<br />

fra motorizzazione, cambio e trasmissione a terra<br />

del movimento.<br />

Le scelte di BELL sono indirizzate verso questo<br />

chiaro obiettivo con i motori Mercedes Benz<br />

conosciuti per la loro architettura che ottimizza<br />

la combustione a favore di bassi consumi, ridotta<br />

produzione di particolato ed elevata disponibilità<br />

di coppia.<br />

I cambi automatici Allison, come anticipato,<br />

sono riconosciuti oggi per essere fra i più lineari<br />

in termini di funzionamento, passaggio di rapporti<br />

e fluidità di azionamento. Elementi nodali per ottimizzare<br />

lo sfruttamento della coppia del motore in<br />

modo da abbassare i consumi ed avere una guida<br />

che privilegi i ritmi di carico intensi senza stressare<br />

l’operatore. La coppia a terra è scaricata dagli assali<br />

Kessler coadiuvati dal differenziale interassiale che<br />

permette di distribuire la coppia in modo proporzionale.<br />

La cabina di guida<br />

Il posto guida ha una concezione convenzionale con<br />

accesso posteriore e collocazione del sedile in posizione<br />

centrale/destra. Il quadro comandi è composto<br />

da un display digitale dietro al piantone di sterzo,<br />

da una pulsantiera laterale con cui si comanda tutta<br />

la macchina. Dai comandi di base fra cui marcia<br />

avanti/indietro, al livello di rallentamento fino alle<br />

manovre di scarico. Tutto si esegue semplicemente<br />

con la mano destra e con un solo dito. Il comfort è<br />

assicurato dalle sospensioni idropneumatiche anteriori.<br />

Quelle posteriori sono le classiche cantilever<br />

che assicurano un’aderenza costante al terreno e<br />

assorbono le asperità grazie agli ancoraggi elastici.<br />

In alto l’evoluzione<br />

della gamma di<br />

dumper articolati<br />

BELL EQUIPMENT<br />

nel corso del<br />

tempo. L’azienda<br />

sudafricana compie<br />

70 anni di vita nel<br />

<strong>2024</strong> ed è presente<br />

nel mercato dei<br />

dumper articolati<br />

dal 1984.<br />

40 anni di attività<br />

in questo specifico<br />

settore che gli<br />

hanno permesso<br />

di arrivare nelle<br />

posizioni di<br />

leadership globale<br />

in un mercato dove<br />

i player importanti<br />

sicuramente non<br />

mancano.<br />

Alla base ci sono<br />

contenuti che da<br />

sempre mirano ad<br />

avere un powertrain<br />

di alto livello<br />

dove l’efficienza<br />

complessiva<br />

ha portato ad<br />

avere consumi<br />

molto contenuti<br />

in rapporto al<br />

carico trasportato<br />

ed un’affidabilità<br />

ampiamente<br />

riconosciuta.<br />

70<br />

71


WEBASTO. Elettrificare gli escavatori<br />

SCOSSA<br />

ELETTRICA<br />

WEBASTO fornisce la propria tecnologia a E.C.E,<br />

azienda del Gruppo Staad, per l’elettrificazione degli<br />

escavatori Develon. L’azienda olandese impiega infatti<br />

i Powerbox modulari e facilmente sostituibili al cui<br />

sviluppo e costruzione partecipa anche il Gruppo<br />

Tedesco con il suo stabilimento italiano di Molinella<br />

specializzato nei sistemi di raffreddamento<br />

L’elettrificazione<br />

delle macchine<br />

da costruzione<br />

si è sviluppata in<br />

modo particolare<br />

nei paesi del nord<br />

Europa dove molti<br />

governi, come<br />

quello olandese,<br />

ha previsto forti<br />

incentivi fiscali.<br />

WEBASTO<br />

Webasto è uno degli attori che sta lavorando<br />

attivamente all’elettrificazione delle macchine<br />

movimento terra. Il Gruppo ha infatti<br />

sviluppato una delle tecnologie più complesse e collaudate<br />

nel settore dell’azionamento elettrificato dei<br />

veicoli di qualsiasi genere. Pensiamo ad esempio<br />

alle automobili KIA che impiegano la tecnologia<br />

Webasto nei modelli ibridi o completamente elettrificati.<br />

Per quanto riguarda il movimento terra l’azione<br />

si concentra invece su alcune macchine specifiche<br />

grazie a collaborazioni con piccole aziende<br />

o start-up che si occupano di trasformazione di<br />

mezzi specifici.<br />

Collaborazioni che per ora si sono sviluppate soprattutto<br />

in certe aree geografiche. Infatti i mercati<br />

nord europei sono oggi fra i più recettivi e fra i più<br />

proattivi per quanto riguarda l’elettrificazione delle<br />

macchine da costruzione. A loro vantaggio una forte<br />

incentivazione fiscale che prevede, ad esempio nei<br />

Paesi Bassi, un contributo a fondo perduto pari al<br />

40% della differenza di costo fra la macchina convenzionale<br />

e la identica versione elettrificata.<br />

Molti costruttori, soprattutto tramite specialisti<br />

locali, hanno quindi deciso di trasformare macchine<br />

con propulsione diesel in mezzi elettrificati. Fra le<br />

soluzioni impiegate vi sono proprio quelle sviluppate<br />

nello stabilimento italiano di Webasto.<br />

Tecnologia made in Italy<br />

La tecnologia del costruttore è stata individuata, fra<br />

le tante disponibili sul mercato, per l’elevato valore<br />

aggiunto. Fra gli elementi strategici vi sono ad<br />

esempio la modularità del sistema e la garanzia di<br />

una sicurezza operativa che deriva da un’esperienza<br />

sul campo di alto livello. Senza contare il fondamentale<br />

supporto tecnico che un costruttore come<br />

Webasto è in grado di offrire. Supporto che si rivela<br />

prezioso per ottimizzare al massimo l’impiego delle<br />

batterie modulari tramite il V.I.B. Vehicle Interface<br />

Box. Che, di fatto, è il vero cuore del sistema. Un<br />

“cuore” che è in grado di dialogare con il veicolo<br />

tramite il BMS, ossia il sistema di gestione della<br />

batteria. Si tratta quindi di componenti costruttivi<br />

ad alto valore aggiunto.<br />

La modularità dei Powerbox<br />

Il progetto nasce in Olanda per motivazioni molto<br />

stringenti. L’inquinamento da ossidi di azoto è<br />

attualmente molto alto e il Governo olandese sta<br />

mettendo in atto delle politiche ambientali incentivando<br />

anche l’impiego di macchine movimento<br />

terra a funzionamento elettrico. Favorendo ovviamente<br />

i contesti urbani. Ma non solo.<br />

L’impiego dei nuovi escavatori elettrici sta infatti<br />

trovando largo interesse anche in applicazioni che<br />

non siano limitate al solo mondo delle costruzioni.<br />

Parliamo quindi del mondo del riciclo, degli impianti<br />

e più in generale dell’industria.<br />

Si tratta di opportunità che Staad Group, concessionario<br />

Develon, e E.C.E. Electric <strong>Construction</strong><br />

Equipment stanno cogliendo in modo proattivo ed<br />

efficace. Questo grazie ad una profonda conoscenza<br />

del settore movimento terra che li porta a comprendere<br />

le reali esigenze degli utilizzatori.<br />

E.C.E. è di fatto una “costola” della struttura distributiva<br />

che opera in modo specializzato sul mercato.<br />

L’analisi di mercato ha portato le due aziende<br />

ad operare sulla elettrificazione di alcuni modelli<br />

della gamma di escavatori Develon. In modo particolare<br />

i modelli gommati che sono quelli che non<br />

solo operano maggiormente nei centri urbani ma<br />

sono anche fra i più diffusi nei mercati del nord Europa.<br />

La collaborazione con Develon è ovviamente<br />

supportata dal fatto che il marchio sia distribuito<br />

ufficialmente da Staad Group nella parte centrale e<br />

meridionale del territorio olandese.<br />

Come anticipato, la base della trasformazione è<br />

il Powerbox che integra anche un sistema autonomo<br />

di raffreddamento per ottimizzare il funzionamento<br />

del modulo batteria.<br />

Si tratta di una tecnologia modulare che, tutto<br />

sommato, è concettualmente molto semplice. Stiamo<br />

infatti parlando di veri e propri pacchi batterie<br />

dotati dell’Active Climate Control System. Ossia<br />

un dispositivo fondamentale per il controllo della<br />

temperatura sviluppato e costruito nello stabilimento<br />

italiano Webasto di Molinella.<br />

La trasformazione ha coinvolto l’escavatore<br />

gommato DX165W-7 e il cingolato DX300LC-7<br />

trasformati nella omologa versione elettrificata<br />

identificata con la sigla “Electric”. I due escavatori<br />

utilizzano un doppio e un triplo sistema di batterie<br />

standard. La differenza consiste nello schema funzionale.<br />

Che è simile ma con ovvie<br />

differenze legate alla dimensione e<br />

alla potenza richiesta.<br />

Il concept con le batterie intercambiabili<br />

sfrutta infatti un intelligente<br />

mix di tecnologie Webasto.<br />

Il pacco intercambiabile di batterie<br />

Powerbox è stato fornito sulla base<br />

delle specifiche dettagliate di E.C.E.<br />

Ad esempio il DX165W Electric<br />

utilizza un doppio pacco di batterie<br />

da 140 kWh ciascuno per complessivi<br />

280 kWh. Mentre il DX300LC<br />

Electric ne utilizza tre da 130 kWh<br />

per un totale di 390 kWh. Una differenza<br />

necessaria per far fronte ai<br />

diversi livelli di potenza delle due<br />

macchine.<br />

L’intervento della tecnologia Webasto<br />

non si limita però ai soli moduli<br />

Powerbox. Infatti l’escavatore<br />

gommato DX165W Electric è mosso<br />

da un motore elettrico Danfoss da<br />

102 kW. Mentre invece il DX300LC<br />

Electric ne impiega uno da 145 kW.<br />

Il Gruppo fornisce quindi tutti i componenti<br />

fondamentali.<br />

Webasto è oggi<br />

uno dei principali<br />

fornitori di sistemi<br />

di alimentazione<br />

a batteria e di<br />

componenti<br />

core per quanto<br />

riguarda i veicoli<br />

elettrificati. Anche<br />

nel movimento<br />

terra. L’azienda<br />

interviene sia<br />

nell’alimentazione<br />

del mezzo con i<br />

sistemi modulari<br />

Powerbox, sia nella<br />

movimentazione<br />

con i motori<br />

elettrici che<br />

azionano le pompe<br />

idrauliche. La<br />

gestione completa<br />

dei sistemi avviene<br />

anche con la<br />

fornitura dei display<br />

di monitoraggio<br />

collocati in cabina<br />

per tenere sotto<br />

controllo potenza e<br />

carica.<br />

72<br />

73


IN PUNTA BRACCIO. Polivalenza in primis<br />

AD OGNUNO<br />

LA PROPRIA<br />

FUNZIONE<br />

Uscendo dal classico cliché delle attrezzature<br />

da demolizione, oggi il mercato delle<br />

attrezzature è in fortissima evoluzione. Le<br />

applicazioni a cui il mercato chiede soluzioni<br />

efficienti e sicure sono sempre più numerose<br />

valorizzando la funzione di porta attrezzi delle<br />

attuali macchine movimento terra. Con attacchi<br />

rapidi totalmente idraulici e tilt-rotator in forte<br />

crescita per alzare l’efficienza<br />

A sinistra, la gamma<br />

Lehnhoff spazia<br />

dagli attacchi rapidi<br />

idraulici fino alle<br />

benne. Fra i suoi<br />

prodotti anche il<br />

Powertilt Rotator<br />

che permette di<br />

avere un unico<br />

interlocutore<br />

con attrezzature<br />

perfettamente<br />

integrate per<br />

aumentare la<br />

produttività e<br />

l’efficienza dei<br />

propri cantieri.<br />

Steelwrist, in basso,<br />

è uno dei nomi<br />

di riferimento<br />

nel settore dei<br />

tilt-rotator che<br />

permettono di<br />

sfruttare al massimo<br />

la polivalenza e<br />

le potenzialità<br />

idrauliche degli<br />

escavatori.<br />

AT TREZZ ATURE<br />

Oltre i classici impieghi. Le attrezzature sono<br />

ormai non solo più delegate alla demolizione<br />

ma rivestono un compito sempre più importante<br />

a livello di efficienza aziendale, sicurezza<br />

operativa e compiti specialististici. L’Italia, come<br />

sempre, ci ha messo un po’ a capire che il valore<br />

delle macchine movimento terra, escavatori idraulici<br />

in primis, è ulteriormente esaltato proprio da<br />

allestimenti che ne mettano in rilievo le capacità<br />

idraulica e la possibilità di muoversi in ambienti<br />

complessi. Lezione che in nord Europa, in particolare<br />

la Penisola Scandinava, hanno appreso nei<br />

primi anni ‘70 con costruttori di escavatori come la<br />

Akerman che avevano dotato le proprie macchine<br />

di più pompe per soddisfare le esigenze idrauliche.<br />

Ma le cose per fortuna cambiano e si va avanti.<br />

Oggi infatti la richiesta di tilt-rotator, attacchi rapidi<br />

idraulici e attrezzature sempre più specifiche<br />

sta crescendo anche da noi. Con tante aziende che<br />

propongono soluzioni che vanno incontro a tutte<br />

le imprese.<br />

LEHNHOFF<br />

Il costruttore di Baden Baden ha mantenuto la piena<br />

autonomia di sviluppo e marchio pur essendo di<br />

proprietà di Komatsu. Compresa la rete distributiva<br />

che cammina, giustamente, su un binario parallelo<br />

a quello della rete del costruttore giapponese.<br />

L’offerta spazia dalle classiche benne, il cui livello<br />

qualitativo sia in termini di disegno, sia in termini<br />

di materiali, è riconosciuto dal mercato, fino ai<br />

Powertilt / Rotator che permettono di aumentare<br />

in modo esponenziale l’efficienza degli escavatori<br />

idraulici. Soprattutto nei cantieri stradali, di urbanizzazioni<br />

e di lavori speciali. La gamma spazia da<br />

modelli per escavatori dal peso operativo da 1 a 40<br />

tonnellate. Coprendo di fatto tutta la richiesta di<br />

mercato per quanto riguarda questi dispositivi. La<br />

visione a 360° di Lehnhoff permette di avere una<br />

completa dotazione che spazia dagli attacchi rapidi<br />

con innesti idraulici integrati fino ai denti ripper o<br />

alle pinze selezionatrici. Con gli attacchi Lehmatic<br />

che sono oggi fra i più performanti da un punto di<br />

vista dei flussi idraulici.<br />

STEELWRIST<br />

Steelwrist è il costruttore che ha dato inizio alla<br />

costruzione degli attacchi rapidi idraulici negli anni<br />

‘70 e proprio in collaborazione con Akerman. La<br />

storia aziendale ha portato ad uno sviluppo sempre<br />

più spinto della tecnologia idraulica per attacchi rapidi<br />

e attrezzature per escavatori idraulici. Portando<br />

nel tempo allo sviluppo dei primi tilt-rotator. Oggi<br />

il marchio svedese è uno dei riferimenti principali<br />

del mercato anche grazie ad alcune iniziative specifiche<br />

come il consorzio Open-S e l’acquisizione<br />

della SVAB per quanto riguarda i sistemi di controllo<br />

Open-Connect da installare sugli escavatori<br />

idraulici. Non solo “acciaio e tubi verdi”, quindi,<br />

ma anche tecnologia digitale per ottimizzare l’uso<br />

di queste attrezzature in ogni contesto e con ogni<br />

escavatore.<br />

Tra le caratteristiche tecniche di Steelwrist all’interno<br />

dei costruttori di attacchi rapidi con innesti<br />

idraulici integrati che rispondono allo standard simmetrico<br />

vi è la costruzione degli elementi di aggancio<br />

in fusione. Un accorgimento che conferisce<br />

una minore leva all’attacco, ottimizzando le forze<br />

di strappo, ed una maggiore rigidezza in caso di<br />

applicazioni pesanti con attrezzature da demolizione.<br />

Rigidezza che consente anche di preservare più<br />

a lungo la durata dei frutti. Questi ultimi, inoltre,<br />

possono essere sostituiti in modo più semplice e<br />

comodo grazie ad una costruzione che tiene conto<br />

dei tempi di manutenzione.<br />

KEMROC<br />

Il costruttore tedesco è uno specialista nelle attrezzature<br />

ad alte prestazioni per il taglio, la scarifica e<br />

lo scavo di trincee con catenarie da applicare agli<br />

escavatori idraulici. La gamma di Kemroc arriva<br />

anche a coprire settori come le scarificatrici per<br />

asfalto ma la mission aziendale si concentra soprattutto<br />

sulle attrezzature idrauliche che trovano<br />

ampia applicazione nella demolizione controllata.<br />

Alla base c’è una grande esperienza nelle tecnolo-<br />

74<br />

75


Kemroc, in<br />

alto, dispone<br />

di una gamma<br />

di attrezzature<br />

altamente<br />

performanti per<br />

la demolizione<br />

controllata, lo<br />

scavo di trincee, il<br />

taglio e la scarifica<br />

di manufatti in<br />

calcestruzzo<br />

armato.<br />

In basso, la<br />

coreana Everdigm è<br />

presente con una<br />

gamma di martelli<br />

e attrezzature da<br />

demolizione.<br />

AT TREZZ ATURE<br />

gie idrauliche ad alte prestazioni e nella costruzione<br />

accurata degli elementi strutturali fondamentali. Fra<br />

le attrezzature spiccano quelle dedicate al taglio di<br />

roccia e calcestruzzo. Stiamo parlando delle grandi<br />

ruote dentate la cui tecnologia si basa sull’impiego<br />

di due motori idraulici ad alta coppia con modelli<br />

che si accoppiano con escavatori idraulici che vanno<br />

dalle 14 alle 60 tonnellate di peso operativo. Le<br />

profondità di taglio arrivano fino ad un metro con<br />

larghezze massime fino a 40 centimetri consentendo<br />

un impiego a 360° che spazia dal classico taglio<br />

di strutture, a quello dell’impiego in cava fino allo<br />

scavo di mini trincee in terreni molto duri. La resistenza<br />

massima dei materiali deve essere minore o<br />

uguale a 120 MPa.<br />

TAETS<br />

L’azienda olandese, nata nel 1973, è oggi la specialista<br />

di riferimento per quanto riguarda gli<br />

scapitozzatori di pali trivellati. Una mission che<br />

non è nata per caso ma si è sviluppata nel tempo<br />

proprio in un mercato, quello dei Paesi Bassi, che<br />

fa uso da lungo tempo di queste tecnologie. Sia<br />

per i pali con sezioni circolari, sia per quelli con<br />

sezioni rettangolari.<br />

L’uso degli scapitozzatori permette di salvaguardare<br />

l’integrità strutturale delle armature e<br />

del calcestruzzo nelle zone di innesto di travi o<br />

solette a cima palo. L’operazione di rottura della<br />

testa del palo veniva spesso eseguita in passato<br />

con martelli idraulici che non solo trasmettevano<br />

forti vibrazioni ma non effettuavano in modo corretto<br />

la lavorazione. I capitolati sempre più stringenti<br />

hanno imposto l’uso di queste attrezzature,<br />

molto più efficienti e funzionali, anche nel nostro<br />

paese con la Timeco che, oggi, si propone anche<br />

come noleggiatore oltre che concessionario delle<br />

attrezzature della Taets.<br />

EVERDIGM<br />

Il costruttore coreano, parte del Gruppo Hyundai,<br />

si propone al mercato con una gamma di attrezzature<br />

per la demolizione primaria che spaziano<br />

dai classici martelli idraulici fino alla frantumazione.<br />

Passando per la demolizione primaria con<br />

multi processori e pinze selezionatrici. Si tratta<br />

di attrezzature con un rapporto qualità prezzo decisamente<br />

positivo grazie a tecnologie idrauliche<br />

affidabili e consolidate che permettono di avere<br />

un’elevata efficienza in cantiere con un TCO<br />

conveniente.<br />

KINSHOFER<br />

Il grande Gruppo tedesco, forte dell’acquisizione di<br />

moltissimi marchi importanti soprattutto italiani, si<br />

propone al mercato con una delle più vaste gamme<br />

di attrezzature che coprono applicazioni realmente<br />

di ogni tipo. Nel portfolio aziendale vi sono anche<br />

i Tiltrotator NOX che si distinguono per la compattezza<br />

e l’assenza di cilindri di tiltaggio. Il funzionamento<br />

è infatti affidato a motori ad alta coppia che<br />

sono in grado di orientare benna o altri accessori<br />

in modo snello e veloce. Con una gamma che può<br />

equipaggiare escavatori idraulici fino a 25 tonnellate<br />

di peso operativo, i Tiltrator NOX sono anche<br />

dotati del sistema di controllo GPS NOXPROP+<br />

che si interfaccia con tutti i più moderni sistemi 3D<br />

anche in retrofit. Una funzionalità che permette di<br />

impiegare queste attrezzature in modo ancora più<br />

efficiente e funzionale per l’esecuzione di lavori<br />

complessi. Kinshofer è ovviamente in grado di fornire<br />

tutta la filiera delle attrezzature che si integrano<br />

con il sistema.<br />

In alto gli<br />

scapitozzatori della<br />

Taets raccolgono<br />

sul campo i risultati<br />

di decenni di alta<br />

specializzazione<br />

in questa delicata<br />

applicazione.<br />

In basso i<br />

Tiltrotator NOX<br />

della Kinshofer<br />

sono fra le<br />

attrezzature<br />

più versatili<br />

e polivalenti<br />

della gamma<br />

del costruttore<br />

tedesco.<br />

Caratterizzati<br />

da ingombri<br />

ridottissimi,<br />

permettono di<br />

lavorare in trincee<br />

molto strette senza<br />

la problematica dei<br />

cilindri di tiltaggio.<br />

76<br />

77


HITACHI CONSTRUCTION MACHINERY<br />

UH081, IL PAPÀ<br />

DEGLI ATTUALI ZX<br />

Gli escavatori HITACHI affondano le<br />

proprie radici nel lontano 1965. Ma è negli<br />

anni ‘80 che arrivano in Europa e che, con<br />

la serie UH, iniziano a prendere la strada<br />

che ha poi caratterizzati i successivi EX.<br />

Con il modello UH081 che, nella sostanza,<br />

è il vero padre degli attuali escavatori del<br />

costruttore. Una macchina che ancora<br />

lavora in alcuni cantieri<br />

In pochi avrebbero scommesso<br />

che HITACHI sarebbe diventato<br />

un nome di riferimento<br />

del mercato mondiale degli<br />

escavatori idraulici. Il costruttore<br />

ha infatti debuttato in questo<br />

mercato nel 1965 con il primo<br />

modello UH03. Una macchina<br />

che, già allora, aveva una chiara<br />

visione ben diversa da quanto si<br />

vedeva alle nostre latitudini.<br />

Ma la diffusione di queste macchine<br />

fu più lenta del previsto<br />

e limitata quasi solo ad alcuni<br />

paesi del nord Europa. Gli anni<br />

‘80 furono il periodo in cui<br />

Hitachi arrivò sul nostro mercato<br />

con alcuni modelli iconici<br />

come l’UH081. Modello che<br />

occupava la fondamentale fascia<br />

di mercato delle 20 tonnellate<br />

di peso operativo con soluzioni<br />

rivoluzionarie e mai viste per<br />

l’epoca.<br />

Hitachi UH081, il papà degli EX<br />

Era infatti dotato del motore Hino<br />

EL 100, un sei cilindri aspirato<br />

da 7,86 litri che erogava 81 kW<br />

(110 cv) a soli 1.750 giri/min.<br />

Grande cilindrata e coppia per un<br />

basso numero di giri. L’impianto<br />

idraulico, sviluppato insieme a<br />

Kayaba, non trovava rivali nella<br />

fascia di peso. Era infatti equipaggiato<br />

con due pompe a portata<br />

variabile da 220 l/min ciascuna. In<br />

totale, quindi, 440 l/min per una<br />

visione prestazionale assolutamente<br />

innovativa e che distingueva, in<br />

generale, la scuola giapponese.<br />

Oltre all’impianto era fondamentale<br />

anche l’impostazione strutturale.<br />

Infatti carro, bracci e layout<br />

complessivo guidarono chiaramente<br />

i progettisti giapponesi verso<br />

soluzioni che, ancora oggi, sono<br />

alla base non solo delle macchine<br />

Hitachi ma, in generale, di tutti gli<br />

escavatori di nuova generazione.<br />

Stiamo parlando di un modo<br />

di pensare gli escavatori dove<br />

snellezza, dinamismo e velocità<br />

si affiancavano a forze di strappo<br />

e di scavo di alto livello. Il posto<br />

guida iniziava a definire elementi<br />

fondamentali a livello di comfort<br />

come la disposizione razionale dei<br />

comandi, la presenza della radio<br />

di bordo, dei parasole anteriori<br />

e laterali e la botola sul tetto per<br />

favorire visibilità e ventilazione<br />

della cabina.<br />

Cultura, storia, tecnica, impieghi<br />

e mercato delle macchine movimento terra<br />

Supplemanto alla rivista TRATTORI<br />

Direttore responsabile<br />

Stefano Agnellini<br />

Coordinatore redazionale<br />

Costantino Radis<br />

In redazione<br />

Fabio Butturi, Ornella Cavalli,<br />

Fabrizio Dalle Nogare, Stefano Eliseo,<br />

Fabio Franchini, Riccardo Schiavo,<br />

Cristina Scuteri, Luca Vitali<br />

Collaboratori<br />

Marzia Rubinetti<br />

Impaginazione e grafica<br />

Marco Zanusso<br />

Gestione editoriale<br />

Fabio Zammaretti<br />

Stampa<br />

Industrie grafiche RGM srl, Rozzano (Mi)<br />

Fotolito<br />

Industrie grafiche RGM srl, Rozzano (Mi)<br />

Autorizzazione del tribunale<br />

di Milano n. 466 del 1° agosto 1997<br />

Poste Italiane s.p.a. - Sped. in a. p. - D.L.<br />

353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n° 46)<br />

art. 1, comma 1, LO/MI<br />

Registro nazionale della stampa<br />

n. 4.596 del 20/04/1994<br />

n. iscrizione R.O.C. 2880 del 30-11-20<strong>01</strong><br />

VADO E TORNO<br />

EDIZIONI<br />

via Brembo 27 - 2<strong>01</strong>39 Milano<br />

tel. 02/55230950<br />

Sito Internet<br />

www.e-construction.org<br />

PUBBLICITÀ<br />

Direzione<br />

via Brembo 27<br />

2<strong>01</strong>39 Milano<br />

tel. 02 55230950<br />

e-mail: pubblicita@vadoetornoedizioni.it<br />

MSGR<br />

NUOVI GRAPPLE<br />

PER DEMOLIZIONE<br />

E MOVIMENTAZIONE<br />

Direttore commercale<br />

Luca Brusegani<br />

STORIA<br />

78<br />

Agenti<br />

Maurizio Candia<br />

Angelo De Luca<br />

Emanuele Tramaglino,<br />

Roberto Menchinelli (Roma)<br />

Casella postale Internet (E-Mail)<br />

segreteria@vadoetornoedizioni.it<br />

© Copyright <strong>2024</strong> Vado e Torno Edizioni<br />

Comunicazione agli abbonati<br />

In relazione a quanto disposto dall’art. 13 del GDPR<br />

679/2<strong>01</strong>6 i dati personali conferiti in occasione della<br />

sottoscrizione dell’abbonamento saranno trattati da<br />

VADO E TORNO EDIZIONI SRL per la gestione dei<br />

rapporti tra editore ed abbonato, secondo le finalità<br />

e modalità indicate nell’informativa disponibile e<br />

consultabile sul sito www.vadoetorno.com.<br />

Abbonamento annuale<br />

Italia 34 euro, estero 54 euro<br />

Abbonamento annuale via aerea<br />

64 euro<br />

Copie arretrate<br />

7 euro<br />

Versamenti<br />

c/c postale n. 50292200 intestato a<br />

Vado e Torno Edizioni srl<br />

via Brembo 27, 2<strong>01</strong>39 Milano<br />

e-mail: abbonamenti@vadoetorno.com<br />

mantovanibenne.com<br />

eagleshears.com<br />

+39 0535 615811<br />

sales@mantovanibenne.com<br />

MSGR


Gestione della flotta<br />

ConSite monitora attentamente lo stato operativo e gli allarmi delle vostre<br />

macchine, inviando report operativi mensili e notificando gli allarmi di<br />

emergenza, per assicurarvi un funzionamento ottimale delle macchine<br />

che soddisfano le vostre esigenze.<br />

Scopri di più su www.hitachicm.com/it/it/

Hooray! Your file is uploaded and ready to be published.

Saved successfully!

Ooh no, something went wrong!