Views
7 months ago

Gulli Novembre Completo_Low

GULLIVER di Alessandro

GULLIVER di Alessandro Barbieri Dal 9 di novembre è operativo il nuovo punto vendita di Mede Lomellina. Oltre 600 m 2 di superficie espositiva e tante novità che riguardano soprattutto i freschi. COSÌ NASCE UN NEGOZIO GULLIVER Da quando Gulli è nato, alla redazione non era mai capitato di assistere ad una apertura ex novo di un negozio. Mai fino a questo numero. Il nostro tour all’interno dell’universo Gulliver ci porta questa volta a Mede, un paese di circa 6mila abitanti situato nella Lomellina Sud occidentale, in quello spicchio di territorio che s’incunea tra i tre fiumi Agogna, Sesia e il grande Po. Dobbiamo incontrare Alberto Orbetello, responsabile degli allestimenti e delle ristrutturazioni dei punti vendita Gulliver che, insieme a Massimo Maidà, direttore del punto vendita, sta lavorando per l’inaugurazione del nuovo negozio, fissata per il 9 novembre. Il supermercato si trova in Viale Primo maggio 22, all’interno di una struttura di recente costruzione che ospita anche un negozio Brico e uno sportello di Unicredit. Lasciamo l’auto in un ampio parcheggio prospiciente la struttura. Alberto Orbetello è lì ad attenderci tra merce da sistemare e tra corsie che ancora raccontano poco di quello che sarà il nuovo punto vendita. Cortese, ma assai pratico, Orbetello ha molta esperienza e conosce i punti vendita come le sua tasche. Quanti negozi ha allestito per Gulliver? «Quelli totalmente nuovi sono almeno una ventina, ma non c’è punto vendita della catena nel quale non abbia fatto almeno un intervento. Li ho visitati e sistemati tutti», Qual è il miglior negozio che ha seguito? «L’ultimo. Può sembrare banale ma è così. Ogni volta Passato e futuro: a sinistra il vecchio negozio in centro a Mede a destra il nuovo punto vendita 64

GULLIVER Le scorte del vecchio negozio coprono una minima parte degli scaffali Alberto Orbetello, responsabile degli allestimenti e delle ristrutturazioni di Gulliver che rifacciamo ex novo un supermercato cerchiamo di migliorare sempre rispetto all’apertura precedente. Non ci accontentiamo mai e siamo sempre alla ricerca di soluzioni innovative volte a migliorare l’esperienza dei nostri consumatori.» Ci racconti il nuovo negozio di Mede. «Come vede qui è tutto nuovo! A parte il pavimento e i muri perimetrali abbiamo praticamente rifatto tutto. Dal box informazioni, rivisitato in modo da essere più accessibile alla clientela, alle casse, dalla linea del libero servizio, ai banchi della carne, del pane e degli affettati”. In quanto tempo allestite un punto vendita? «Dipende dalla superficie. Si va da un minimo di 10 giorni alle tre settimane, come per questo di Mede» Il vecchio negozio che fine farà? «Con l’apertura del nuovo punto vendita che sarà inaugurato il prossimo 9 novembre, chiudiamo la serranda in centro città. Il market era ormai troppo piccolo per soddisfare le esigenze crescenti di una clientela che anche in provincia sta mutando rapidamente i propri stili di vita. Stessa clientela? «Non solo la stessa. Con un parcheggio così ampio contiamo di poter servire non solo i vecchi clienti ma anche una nuova fascia di consumatori abituati alla spesa della settimana, quella che si fa con il carrello per intenderci». Quali sono le caratteristiche di questo negozio? «La struttura ha uno sviluppo quadrato, per un totale di circa 600 m 2 , il che ci ha agevolato nella disposizione delle isole e delle corsie». Sulla destra c’è una lunga fila di frigoriferi... «Sono tutti destinati ai prodotti freschi confezionati: dal latte agli yogurt, dai formaggi alla pasta, dai sughi pronti ai salumi confezionati. Ho allestito decine di negozi nuovi ma, credetemi, questa è la struttura che può vantare il più spazioso frigorifero dei freschi e quando sarà pronto stupirà tutti». E il mega banco sul fondo negozio? «È un esperimento: se vedete, dal banco dei salumi e dei formaggi, fino a quello della carne non ci sono interruzioni. Il cliente può così concentrarsi sugli acquisti senza perdere tempo e, tra una coda e l’altra, può sbirciare sul banco successivo, facendosi un’idea di quello che ordinerà di lì a poco per preparare il pranzo o la cena». Tra le corsie ancora vuote scorgiamo una figura che freneticamente sistema i prodotti sugli scaffali. È Massimo Maidà, neo direttore del punto vendita. Quarantadue anni, più della metà trascorsi in Gulliver, Maidà è uomo d’esperienza visto che proviene dal negozio di Robbio, una struttura che con circa 1.000 m 2 , è la più importante della zona. «Mede è vivo, c’è molto movimento e contiamo di intercettare una buona fetta della popolazione che prima era costretta ad allontanarsi dal centro abitato per trovare un assortimento così vasto di prodotti come quello che stiamo preparando ora». Maidà ci fa notare come, nonostante abbia già collocato a scaffale l’assortimento del vecchio negozio, ci siano delle vere voragini di vuoto tra una corsia e l’altra. «I clienti storici rimarranno a bocca aperta quando entreranno nel nuovo negozio sia per la quantità sia per la qualità. Qui finalmente potremo schierare tutti i nostri prodotti al gran completo, con eccellenze che nel vecchio negozio del centro di Mede non potevamo gestire». G 65

Gulli completo_Low
Numero 4 – Novembre 2009 - Il Giullare
novembre 2008 - MEDIASTUDIO Giornalismo & Comunicazione
gennaio 2012 - I Siciliani giovani
Numero 148 – Novembre 2010 - Rivista Lions
novembre 2008 - CDO Brescia - Compagnia delle Opere
Leggi il numero di novembre (formato Pdf, 7 - Questotrentino
N° 20 Settembre Novembre 2009 - Oratorio Castrezzato