Views
1 week ago

FuoriAsse_n_22

La Copertina di FUOR

La Copertina di FUOR ASSE La memoria dell’albero Pia Taccone Pia Taccone nasce nel 1978 a Torino. Fa l’illustratrice: disegna immagini e copertine per libri e albi illustrati. Ha pubblicato con Eli edizioni, Pearson Italia ed Éditions Rue des enfants. Espone in gallerie in Italia e all’estero, partecipa a mercatini e tiene laboratori, portando l’illustrazione ovunque ci sia spazio per raccontare una storia. Ama le contaminazioni: collabora volentieri con artisti, artigiani, professionisti e aziende per illustrare i supporti e gli oggetti più svariati (stoffa, packaging, bigliettini, ecc.) Si è formata con Cinzia Ghigliano presso l’Accademia Pictor di Torino, ha conseguito il Master in illustrazione per l’editoria presso l’Ars in Fabula di Macerata e ha frequentato numerosi corsi e workshop di illustrazione, incisione, scrittura creativa, fumetto, ecc. È coordinatrice artistica di «CARIE», la rivista letteraria che va alla polpa. Fa lunghe passeggiate e intrattiene conversazione con qualsiasi animale abbia la pazienza di darle retta. Usa soprattutto i pastelli colorati. Ma anche tempere, acquerelli e collage, in tecnica FUOR ASSE 10 Pia Taccone

La memoria dei luoghi di Pia Taccone Illustrare la memoria dei luoghi. Subito ho pensato a luoghi che nel tempo sono molto cambiati, ma il rischio di cadere nello stereotipo pessimista era dietro l’angolo: la campagna diventata area industriale, la casa diroccata, il paese abbandonato, ecc. Ma siamo sicuri che il passare del tempo peggiori sempre i luoghi? Assolutamente no. Il tempo passa e i luoghi mutano, ma non per forza in peggio. Senza contare che il tempo non trascorre veloce uguale per tutti gli elementi: mentre un albero cresce un poco, una bambina diventa adulta. Nel frattempo le stagioni si sono alternate centinaia di volte, l’albero ha qualche ramo in più e il tronco un poco più robusto. Per lei, invece, è trascorsa quasi una vita. La bambina ormai donna matura è tornata a leggere nella casetta sull’albero dove si arrampicava decenni prima. Si rivede piena di sogni, desideri e dubbi; alcuni li ha inseguiti e afferrati, altri avevano gambe troppo veloci per stargli dietro. Altri ancora, a guardarli bene, sono diventati irrilevanti o sono stati spazzati via da nuove mete. Molti rimangono misteriosi, alcuni oggi la fanno sorridere e altri le hanno dato piacevoli soddisfazioni. Mi piace pensare che l’albero sia contento di rivedere una vecchi amica. Che abbia memoria. ©Pia Taccone La Copertina di FUOR ASSE 11 Pia Taccone