Views
6 months ago

A RITROSO SCRIVENDO

penso infine a Robert

penso infine a Robert Gates, direttore della Cia durante la presidenza repubblicana di Bush sr e segretario della Difesa negli ultimi due anni della presidenza di Bush jr, ma confermato nello stesso incarico da Barack Obama. Questi passaggi da un partito all’altro non appartengono esclusivamente allo stile politico degli Stati Uniti. Più recentemente, in Francia, Nicolas Sarkozy è stato pubblicamente sostenuto da parecchi esponenti del partito socialista e ha offerto ad alcuni di essi un posto nella sua squadra. Il caso più interessante e più discusso è stato quello di Jacques Attali, consigliere per molti anni del presidente François Mitterrand, a cui Sarkozy ha conferito la presidenza di una commissione per le riforme di cui hanno fatto parte anche due italiani (Mario Monti e Franco Bassanini). Vi sono in Italia esempi del genere? Sono così numerosi, caro Taliani, che correrei il rischio di trasformare questa risposta in un elenco di nomi. Ma le stesse persone che guardano con ammirazione agli esempi americano e francese, preferiscono definire i nostri transfughi trasformisti, banderuole o «voltagabbana». Ciò che appare a molti italiani, se accade altrove, un’evidente manifestazione di patriottismo e spirito unitario, diventa, quando è fatto da noi, meschino, e riprovevole. Se questo argomento la appassiona le consiglio la lettura di un saggio che Pialuisa Bianco ha pubblicato nel 2001 presso l’editore Marsilio. S’ intitola, per l’appunto, «Elogio del voltagabbana». Tutto dipende, in ultima analisi, dalle motivazioni. Vi sono molti casi in cui il transfuga ha maturato una diversa visione della situazione politica o economica. Ve ne sono altri in cui ritiene che il suo partito abbia tradito i propri ideali e non meriti più la sua adesione. E vi sono i casi molto interessanti di persone che credono fortemente in alcune riforme e si accorgono di poterle realizzare soltanto collaborando con il partito al potere. È questa la ragione per cui il socialista Alberto Beneduce, di cui ho parlato in una risposta recente, dette la sua collaborazione al governo Mussolini quando fu necessario salvare il sistema bancario e industriale dalle conseguenze europee della crisi americana del 1929. Credo che Pialuisa Bianco abbia ragione quando conclude che i cambiamenti di opinione sono il sale della democrazia. I 92

sospetti diventano leciti, tuttavia, quando il fenomeno assume dimensioni quantitativamente rilevanti. Penso tra l’altro a quella piccola folla di intellettuali italiani che passarono dal fascismo al comunismo nel 1942, vale a dire, guarda caso, nell’anno in cui fu evidente che l’Italia avrebbe perduto la guerra. Sergio Romano Corriere della Sera (26 gennaio 2009) 93

Dispensa Casa Bianca.qxd - Cineforum del Circolo
Assetto politico dell'Italia romana
L'attività parlamentare di Sergio Silvestris
scarica - Focus
Storia critica di Roma durante i primi cinque secoli
Io nella storia antica - Sei
Storia della marina militare Italiana antica
News-20-BASSA
AfG14-1387 Alpini settembre_LR(1)
Il fascicolo n.107 in PDF - Istoreco
1969/2009 - QUARANT'ANNI DOPO - Corriere della Sera
Unità 1 - Jovanotti pp. 17-28 - Guerra Edizioni
E-book FrancoAngeli - Franco Angeli Editore
politica - La Rocca
XT v^J - University of Toronto Libraries
Nuova antologia
Dalla fine della Grande Guerra alla Resistenza - In Val Trompia
La Globalizzazione (pdf 1,74 Mb) - Marone a Colori
Scarica gratis - AgenziaX
scarica il pdf della rivista - Essere Comunisti
2yUrOAL4V
Libro_Il-ritorno-del-principe-Lodato-Scarpinato
CC009
Mario Marranzini pdf - Sipps
27GELuJzk
1o2Svb9