Views
8 months ago

A RITROSO SCRIVENDO

Lettere al Corriere

Lettere al Corriere OPPORTUNISMO POLITICO Quei «legionari ascari» In queste ultime settimane sui media italiani si è molto dibattuto di prostituzione per le infelici uscite di alcuni politici. Considerata però l’eventualità che in Parlamento possa fare la sua apparizione un gruppo di «legionari ascari», una domanda nasce spontanea: perché, parlando di prostituzione, il pensiero corre ipocritamente soltanto alla sfera sessuale e non a quella della coscienza? A prescindere, poi, dall’assenza del tanto sbandierato «vincolo di mandato»! A firma Italo Mariani, Parma Corriere della Sera (16 settembre 2010) 42

GIANFRANCO FINI “BADOGLIANO”: STORIA DI UN INSULTO POLITICO Tra le tante definizioni, più o meno colorite, con cui il popolo del Pdl definisce ormai Gianfranco Fini ci mancava quella di «badogliano», mancanza colmata in una discussione che ho ascoltato di recente. Pochi personaggi della storia del nostro Paese hanno effettivamente raggiunto la doppiezza e l’acrimonia di colui che portò l’Italia all’8 settembre, ma etichettarne con il significato del termine Fini mi sembra veramente eccessivo, e soprattutto immeritato! Mario Taliani Caro Taliani, La parola «badogliano» fu coniata dopo l’8 settembre ed ebbe rapida circolazione, come termine spregiativo, nella stampa della Repubblica sociale per definire i monarchici. Ma veniva usata anche dai tedeschi. In una delle sue opere Ennio Flaiano dice di avere sentito le SS, nel 1944, parlare di «”delinquenti badogliani” per riferirsi agli assassinati delle Fosse Ardeatine». Sorprendentemente tuttavia, la parola usata dai fascisti per definire i loro peggiori nemici circolava con un significato egualmente negativo anche nei gruppi della Resistenza di sinistra. Nel Supplemento 2004 del Grande Dizionario della Lingua Italiana di Salvatore Battaglia, ho trovato questo passaggio tratto da «Una questione privata», il racconto lungo di Beppe Fenoglio: «”Chi siete?”. “Partigiani”, rispose Meo. “Dillo in dialetto” pretese il vecchio. E Meo lo ripeté in dialetto. “Di che razza? Azzurri badogliani o Stella Rossa?”. “Badogliani”». E come sappiamo fra badogliani e Stella Rossa non correva sempre buon sangue. La parola comunque significa sin dall’inizio opportunista, voltagabbana, doppiogiochista o addirittura traditore, e come tutti gli insulti rivela la natura della persona che se ne serve non meno di quanto definisca la persona a cui è indirizzata. Se questa è l’origine dell’espressione non mi sembra che si applichi a Gianfranco Fini. Il vecchio segretario del Msi e presidente di Alleanza Nazionale è molto cambiato, ma durante un percorso fatto complessivamente alla luce del sole. La fondazione di An, la svolta di Fiuggi, il viaggio a Gerusalemme, il discorso pronunciato al primo congresso del Pdl 43

Sentieri della Ricerca 4.indb - Centro di Documentazione Del Boca ...
La magistratura di Silla durante la guerra civile - University of ...
Dispensa Casa Bianca.qxd - Cineforum del Circolo
AfG14-1387 Alpini settembre_LR(1)
Unità 1 - Jovanotti pp. 17-28 - Guerra Edizioni
A-Colophon+ indice - Centro di Documentazione Del Boca – Fekini
Scarica gratis - AgenziaX
scarica il pdf della rivista - Essere Comunisti
Il fascicolo n.107 in PDF - Istoreco
"l'impegno" in formato pdf - Istituto per la storia della Resistenza e ...
Settembre - Ex-Alunni dell'Antonianum
Mario Luzi La fine del viaggio terrestre - Poesia
Baisi: habemus Giunta - La Voce del Nord Est Romano
mancini, francesco - fiaccole di vita (2004) (pdf).
Pianta dalla fioritura gregaria - Regione Piemonte
E Ratzinger...? - Liceo Artistico Bruno Munari