Views
5 years ago

siciliana

gono la prima parte

gono la prima parte (fronte) e dall’insistenza sulla ripetizione (vv. 1-2 ama, amar, amare), tratto importante di cui parleremo più ampiamente nei prossimi paragrafi, come su espedienti retorici consimili quali le figure etimologiche dei vv. 6-8 (parola […] parlare) e 3-9 (soferitore […] sofrire) o quella antinomica dei vv. 4-11 (isforzare ”reprimere” […] si sforza ”cerca”) o ancora parallelismi come quello che lega i vv. 11 e 13 (che la gente si sforza di maldire […] che l’omo si diletta più di dire). In altri sonetti questo elemento artificioso risulta accentuato. Si pensi a quello sul paragone tra l’amore e la luce «Sì come il sol che manda la sua spera», costruito interamente su rime identiche o equivoche; oppure a «A l’aire claro ò vista ploggia dare», tutto intessuto di antitesi; o ancora alla coppia sul viso, «Lo viso mi fa andare alegramente» e «Eo viso-e non diviso-da lo viso», basantesi, al pari di «Angelica figura e comprobata», su un ampio reticolo di rime interne. Giacomo da Lentini esegue infatti un vero e proprio tour de force, un audace ”rodaggio” del neonato sonetto con i due «Lo viso mi fa andare alegramente» e «Eo viso-e son diviso-da lo viso» entrambi composti sulla ripetizione della parola viso. Il primo componimento ha un ritmo cantabile, il secondo può appartenere a diritto alla obscura brevitas. La ripetizione di parole o derivati da esse in rima è frequente nei Siciliani - e lo vedremo più avanti - ma nel nostro caso raggiunge il massimo livello e l’ adnominatio e derivatio (Folena 1965:311) 56 del testo, così concepite, danno forma all’immoderata cogitatio da cui amore, ”ex visione”, si origina. Il viso di madonna è moltiplicato con l’Eo viso, lo sguardo del poeta, creando cosi un’ambiguità dei ”viso” e ”veduto”, l’Io (che vede) dell’amante e il viso inteso come immagine veduta. «Eo viso» è dunque un sonetto di enorme complessità retorica costruito sull’artificio dell’adoublement grazie al quale lo svolgimento del sonetto «è caratterizzato da (…) variazioni equivoche a un precedente e positivo asserto» (Damiani 1983:83). Nella seconda parte dell’ottava si propone un’unione amorosa con il viso paradisiaco che, pur richiamandosi all’universale accezione del paradiso quale vista di Dio, resta nel circolo chiuso della soggettività rimirante (ivi:86). Madonna infatti è solo un’immagine interiore dell’Io che il suo ragionamento cerca di fissare (vv. 5-8): 56 Il Curtius così definisce l’adnominatio: «[essa] per la retorica antica intende l’accumulazione di differenti flessioni della stessa parola e dei suoi derivati, o ancora di omonimi o di parole a consonanza ravvicinata (Curtius 1992:220) 118

E per aviso-viso-in tale viso De lo qual me non posso divisare: Viso a vedere quell’e peraviso, Che no e altro se non Deo divisare L’oscurità di linguaggio e di significato in pratica annulla anche la costruzione di una storia, della narrazione, preferendo avvalersi dell’applicazione di artifici retorici. Abbiamo qui un esempio di calcolo minuzioso, di più che meditate formalizzazioni del linguaggio e della dottrina d’amore tali da far credere, come pensa Antonelli, che il Notaro si prenda gioco del lettore, ammaliato non meno del poeta da questo misterioso e ambiguo viso d’amore analogo all’”immagine” amorosa di «Meravigliosamente», figura pinta nel cuore che non pare difore. Oscurità di linguaggio e calcolo minuzioso sono, in questo caso estremo, praticamente introvabili nei Siciliani che lasciano programmaticamente fuori l’impostazione eminentemente formalistica della lirica occitanica con una consapevolezza prettamente della lirica italiana delle origini. Ricapitolando diciamo che alla varietà dei registri si accompagna la varietà degli stili, da quello aspro e difficile, giocato su rime interne e bisticci di parole, a quello agile e lineare. Giacomo affronta la selva di topoi cortesi con grande eleganza: si pensi a «Madonna mia, a voi mando» dove la dama è presentata come alta e grande (quindi, come la dama dei trovatori, socialmente superiore all’amatore), più bella ca Isolda la bronda, e dove infine il poeta si dichiara di lei vassallo: Ben so che son vostro omo,/ s’a voi non dispiacesse. Accanto al registro cortese elevato, e talvolta ”incastrate” in esso, non mancano spunti di originale ironia, leggeri e perfino maliziosi, come nel sonetto che comincia, Io m’agio posto in core a Dio servire, com’io potesse gire in paradiso, al santo loco, c’agio audito dire si mantiene sollazzo, gioco e riso; 119

La poesia siciliana sotto gli Svevi; studi e ricerche
Trovatori e poeti, studi di lirica antica. Dolce stil nuovo - L'ultimo ...
La Scuola siciliana Antologia poetica.pdf - Aiutamici.com
Aggiunta ai componimenti lirici de' più illustri poeti d'Italia
Poesie Italiane inedite di dugento autori dall'origine della lingua ...
La poesia d'arte del XIII secolo
E-book FrancoAngeli - Franco Angeli Editore
a ngelo p agano - la scuola poetica siciliana
Traduzioni poetiche nella scuola siciliana - Provincia di Padova
ConsulentiLavoroSes2011.pdf - Regione Siciliana
Guido delle Colonne Ancor che l'aigua per lo foco lassi - Aula Digitale
I poeti lirici nella cultura romana - Palumbo Editore
1 I. Introduzione La letteratura volgare si afferma in Italia nel ...
guerra del Vespro siciliano - Liber Liber
Rappresentativa Siciliana Sardegna 2012 - Coni Sicilia
LILIA SLOMP FERRARI poetessa di Trento + ill.pdf - Angelo Siciliano
REGINA POETARUM. POETI PER MARIA NEL ... - Adda Editore
30° CONCORSO INTERNAZIONALE DI POESIA ... - Concorsi Letterari
I poeti decadenti e l'astronomia - Astrocultura UAI
La (in)cultura dei siciliani - Università degli Studi di Catania
Poesie Italiane inedite di dugento autori dall'origine della lingua ...
La scuola abbandonata - cronaca di un diritto ... - I Siciliani giovani
renobromuro3@tin.it il baricentro 1 A T T U A L I T A' LA ... - Poiein
Giacomo da Lentini «Meravigliosamente» CD11 - DIGILA
AUTUNNO SICILIANO - Liceo Scientifico PS Mancini