*.V *

bore.usp.br

*.V *

- 175 -

n'ìk tanto distinta dalle altre tonache dello stomaco per la *ua struttura,

per le sue funzioni, per le sue malattie, se ne distingue ancora

per l'estrema rapidità con la quale si altera dopo la morte, rapidità

tale che, nei cadaveri portati nei nostri teatri anatomici, è rarissimo

che questa tonaca ci si presenti in uno stato perfettamente normale.

Di tutte le parti che concorrono a formare 1" economia animale,

e quella in cui il rammollimento cadaverico si verifica prima

: donde segue che, per avere una nozione esatta della sua struttura,

bisogna osservarla subito dopo la morte. Se la si pone nell'acqua

fredda per ritardarne la putrefazione, si vede che dopo ventiquattro

ore esala già un odore molto fetido. Se la s'immerge nell'acqua

alcoolizzata o acidulata, non acquista quel fetore, ma subisce

altre modificazioni che le tolgono prontamente i suoi attributi

caratteristici. Se si lascia lo stomaco in sito, o lo si espone al contatto

dell'aria, offre dapprima sul cammino dei principali vasi un

color bruno che le dà un aspetto marezzato : nell' intervallo di queste

macchie, prende una tinta di un grigio oscuro, od anche una

tinta rossastra, giallastra, violacea, etc. e si veggono nello stesso

tempo questi differenti colori, che si mostrano sotto la forma di arsole,

di nastri e ti'isolette, mischiarsi confusamente.

Noli'imprendere lo studio di questa tonaca, dobbiamo dunque porre

le seguenti quistioni : Quali sono le proprietà che la caratterizzano

durante la vita? Quali le alterazioni che subisce dopo la morto ? I>opo

(pianto tempo queste alterazioni si producono . Per rispondere

a queste quistioni. esamineremo successivamente nello stato sano e

nello stalo di alterazione cadaverica il suo colore, la sua spesse/za.

la sua consistenza, e studieremo in seguito la sua superficie libera e

la sua struttura.

1.' Coi.oRK.— Nel tempo della chimificazione, la mucosa dello

stomaco diviene turgescente e prende un color roseo, che può giungere

(ino al rosso ed anche al rosso intenso, come ha constatato

«'I. Bernard (I).

Questo colore e questo turgore sono dovuti allora all'attività della

sua circolazione, cioè alla iniezione dui capillari estremamente numerosi

che vi si diramano.

Nello slato di vacuità è afflosciata, esangue e di un color grigio

hiancustro. Così definito, questo secondo modo di colorazione potrebbe

lasciare molta incertezza nell'animo di un medico che procede ad un

autopsia 21 ti M\ ore dopo la morto, imperocché i colori misti portano

sempre una \ariazione di tinta, e si dovrebbe domandare se

quello che si ossena è veramente il colore naturale dell'organo, o

"fi e il risultato di una incipiente putrefazione. Ma un paragone toglie-

1. lhk sue ijastrinuc, Tlit-ac polii h • loctoiul, Itilo p 13

More magazines by this user
Similar magazines