*.V *

bore.usp.br

*.V *

- 194 -

l'alcool anidro, la pepsina si precipita, ma può ridisciogliersi nell'acqua,

ciò che non succede per 1' albumina. Sotto 1*influenza dell'ebollizione,

questa soluzione perde le sue proprietà fisiologiche; ma

non s'intorbida, perchè la pepsina resta sciolta ; una soluzione di

albumina s'intorbida, al contrario, perchè questa si precipita. La prima

non dà precipitato quando vi si aggiunge una certa quantità di

acido, mentre la seconda nelle stesse condizioni dà un precipitato

istantaneo.—Disseccate e ridotte in lamine sottili, le due sostanze si

presentano del resto quasi sotto lo stesso aspetto e con le stessi 1

proprietà fisiche: esse sono traslucide, di una tinta grigiastra o giallastra,

e molto igrometriche.

Allo stato liquido o solido la pepsina possiede ancora un'altro parai

fere molto notevole, cioè la proprietà di coagulare il latte senza il concorso

d' un acido.

Questa sostanza si può isolare dalle glandoìe che la producono.

A Wattmann pel primo riuscì farlo: egli l'avea est rat la da un infuso

della mucosa gastrica del porco. ivschamps dipoi ottenne lo slesso risultato

sottoponendo il caglio all'azione dell'ammoniaca. Mail processo

più vantaggioso è quello di Payen, il quale tratta il succo gastrici!'

con 1' alcool che precipita la pepsina ed il muco. Il precipitalo è in

seguito immerso nell'acqua che scioglie la sola pepsina. La si precipita

di nuovo con alcool, poi la si fa seccare e si riduce in polvere.

''osi preparata, la pepsina, sciolta in un'acqua leggermente acidulata.

possiede tutte le proprietà del succo gastrico, e può essere

utilizzata per le digestioni artificiali: essa non rappresenta però che

la millesima parte circa del peso di questo succo.

e. Azione del siti-co gastrico.—L'ufficio del succo gastrico è ano

logo a quello della diastasi animale; la stessa azione che questa spiega

siigli alimenti amilacei, esso spiega sugli alimenti azotati: l'una tra

sfornia l'amido in destrina e glucosio, per metterlo in condizione di

penetrare nelle vie della circolazione; l'altro trasforma ugualmente

gli alimenti sottoposti alla sua azione in una sostanza solubile, do

tata anche della proprietà di poter essere assorbita. Ambedue si coni

portano come un fermento cioè a ino' di un corpo animato da un

certo movimento molecolare trasmisibile alle sostanze che lo circondano.

La digestione gastrica è dunque una fermentazione.

Però si può dire anche, in un modo generale, che l'ufficio del succo

•jastrico è di sciogliere le sostanze albuminoidi, ma non di formare con

queste composti nuovi, simili a quelli che formano gli acidi con le

loro basi. Imperocché nelle digestioni artificiali, dopo la trasforma

zione degli alimenti solidi in prodotti liquidi, si trova la pepsina intiera

in questi liquidi, e d'altronde gli alimenti cosi trasformati e .lo

tati

More magazines by this user
Similar magazines